Il Pentagono e 175 milioni di indirizzi IP

Il Pentagono e 175 milioni di indirizzi IP

Il Dipartimento della Difesa USA ha trasferito il controllo di 175 milioni di indirizzi IPv4 ad una sconosciuta startup della Florida.
Il Dipartimento della Difesa USA ha trasferito il controllo di 175 milioni di indirizzi IPv4 ad una sconosciuta startup della Florida.

Washington Post e Kentik hanno scoperto che il Pentagono ha dato il controllo di indirizzi IPv4 (circa 175 milioni) a Global Resource Systems, una startup della Florida fondata a settembre 2020. Il Dipartimento della Difesa ha comunicato che si tratta di un test per identificare eventuali vulnerabilità e prevenire un uso non autorizzato.

Il mistero degli indirizzi IP

Il passaggio degli indirizzi IP (non usati) dal Pentagono a Global Resource Systems (GRS) è avvenuto il 20 gennaio 2021. Inizialmente il numero era 54 milioni, ma a metà aprile è aumentato fino a 175 milioni. La startup fondata a settembre è diventata quindi il maggiore controllore di indirizzi IPv4 del mondo, superando China Telecom e AT&T. L'intervallo di indirizzi è pari al 5,7% dell'intera tabella di routing IPv4.

Come è noto, Internet è derivata da un progetto del Dipartimento della Difesa (Arpanet), al quale era stato assegnato un enorme intervallo di indirizzi IPv4. Nel corso degli anni successivi è stata utilizzata solo una parte degli indirizzi riservati. Il Congresso aveva chiesto di venderli, ma la proposta non è diventata legge.

Il Dipartimento della Difesa ha spiegato che il Defense Digital Service ha approvato un test per prevenire usi non autorizzati degli indirizzi IP e identificare eventuali vulnerabilità. L'obiettivo del governo è quindi rilevare possibili minacce e migliorare i sistemi di difesa per evitare attacchi simili a SolarWinds. Rimane però un dubbio: perché è stato lasciato il controllo ad una sconosciuta startup?

Fonte: Kentik
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 04 2021
Link copiato negli appunti