Pentium 4 dual-core in primavera

Partita in affanno, Intel spera ora di battere in volata AMD lanciando i suoi primi processori dual-core desktop entro l'estate. Entro la fine dell'anno arriverà poi il primo Itanium a doppia propulsione
Partita in affanno, Intel spera ora di battere in volata AMD lanciando i suoi primi processori dual-core desktop entro l'estate. Entro la fine dell'anno arriverà poi il primo Itanium a doppia propulsione


Santa Clara (USA) – Raccogliendo il guanto di sfida lanciatole da AMD , Intel ha annunciato che durante il prossimo trimestre vedranno ufficialmente la luce i suoi primi processori dual-core.

Il chipmaker di Santa Clara sostiene di aver completato tutti i preliminari necessari all’avvio della produzione in volumi dei primi Pentium 4 a doppio core, incluso un modello Extreme Edition (EE).

I modelli standard, battezzati con il nome in codice Smithfield , saranno accompagnati dai nuovi chipset 945G Express e 945P Express (detti Lakeport ), mentre il modello EE sarà abbinato al nuovo chipset 955X Express ( Glenwood ): quest’ultimo supporta la specifica High Definition Audio, la tecnologia PCI Express e le memorie DDR2 a doppio canale.

Tutti i modelli di P4 dual-core includeranno anche la tecnologia Hyper-Threading (HT) che, come noto, fa sì che il sistema operativo veda il chip come due processori logici: combinando core logici e fisici Intel afferma che i P4 saranno in grado di elaborare fino a quattro thread contemporaneamente.

“Intel ha avviato oltre dieci progetti di soluzioni multi-core e prevede di incrementare le linee di prodotti, i tool, gli investimenti e i programmi di supporto alle soluzioni e al software per dare nuovo impulso alla progettazione e alla validazione di software”, si legge in un comunicato diffuso dal chipmaker.

Intel, come del resto AMD, ha intenzione di spingere la tecnologia multi-core in tutti i segmenti del mercato, da quello dei notebook a quello dei server. Per quanto riguarda quest’ultimo settore, il primo Itanium dual-core di Intel sarà Montecito, un “mostro” da oltre 1,7 miliardi di transistor in buona parte dedicati alla generosissima cache L3 da 24 MB. Il chip funzionerà a 1,6 GHz e consumerà il 23% in meno rispetto all’attuale generazione di Itanium, ossia 100 watt contro i 130 della versione a singolo core.

Montecito, come tutti i futuri processori server di Intel, integrerà una nuova tecnologia di risparmio energetico chiamata Foxton. Evoluzione dell’attuale SpeedStep, Foxton sarà in grado di variare dinamicamente voltaggio e clock di tutti i core del processore ottimizzandone il funzionamento sulla base della domanda e del carico di lavoro. Intel ha spiegato che rispetto all’attuale tecnologia di gestione dei consumi, Foxton sarà più efficiente e potrà intervenire sulle regolazioni del processore in modo maggiormente preciso.

Montecito e Foxton dovrebbero essere lanciati sul mercato tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo.

AMD ha rivelato i suoi piani circa il lancio di una versione dual-core dell’Opteron lo scorso ottobre. La tappa verso il lancio dei primi processori dual-core per PC ha ormai tutte le sembianze di una vera e propria gara di velocità fra i due acerrimi rivali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 02 2005
Link copiato negli appunti