Pentium 4, ora tutti a 64 bit

Intel ha migrato verso la propria tecnologia EM64T anche i Pentium 4 della serie 5x1, prima disponibili solo in versione a 32 bit. Lo ha fatto rilasciando sei nuovi modelli con clock compreso fra i 2,8 e i 3,8 GHz
Intel ha migrato verso la propria tecnologia EM64T anche i Pentium 4 della serie 5x1, prima disponibili solo in versione a 32 bit. Lo ha fatto rilasciando sei nuovi modelli con clock compreso fra i 2,8 e i 3,8 GHz


Santa Clara (USA) – Intel ha aggiornato anche la più anziana famiglia di Pentium 4, la 5×1, aggiungendovi sei nuovi modelli tutti dotati della tecnologia a 64 bit. Con questa nuova tornata di CPU il chipmaker completa il processo di transizione dei Pentium verso l’architettura EM64T e si prepara a lanciare, probabilmente già nelle prossime settimane, i primi Celeron a 64 bit.

I nuovi processori della serie 5×1 – 521, 531, 541, 551, 561 e 571 – sono identici ai loro predecessori a 32 bit: come questi sono infatti dotati di una cache di secondo livello da 1 MB, di un front-side bus a 800 MHz, del socket LGA-775 e di circuiteria a 90 nanometri. Rimangono gli stessi anche i prezzi all’ingrosso, compresi fra i 163 dollari del modello 521 a 2,8 GHz e i 637 dollari del modello 571 a 3,8 GHz.

Intel ha anche introdotto sul mercato il preannunciato P4 670, che ha una frequenza di clock di 3,8 GHz e un prezzo di 851 dollari.

I giovani P4 600 si differenziano dai colleghi 5×1 per l’adozione di una quantità doppia di cache L2 e il supporto alla tecnologia di power management Enhanced SpeedStep.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 06 2005
Link copiato negli appunti