Pentium, saldi di fine stagione

Intel ha dato sforbiciate ai prezzi di molti modelli di Celeron e Pentium 4, sia desktop che mobili, e ad alcune versioni di Itanium 2. I ribassi più importanti hanno interessato i più recenti modelli di P4
Intel ha dato sforbiciate ai prezzi di molti modelli di Celeron e Pentium 4, sia desktop che mobili, e ad alcune versioni di Itanium 2. I ribassi più importanti hanno interessato i più recenti modelli di P4


Santa Clara (USA) – Nel quadro del consueto adeguamento estivo dei prezzi, Intel ha annunciato sconti un po’ in tutta la sua famiglia di chip desktop e mobili, inclusi diversi modelli di Itanium 2.

I Pentium 4 sono i processori che hanno beneficiato dei maggiori ribassi, soprattutto per quanto riguarda le versioni top di gamma. Il deprezzamento più consistente, pari al 34,5%, ha interessato le due versioni di P4 con clock di 3,6 GHz: il P4 560, caratterizzato dal nuovo socket LGA-775, e il P4 3,6F GHz, con tecnologia a 64 bit EM64T. Entrambi i chip hanno in comune 1 MB di cache L2, un front-side bus a 800 MHz e un processo produttivo a 90 nanometri.

L’unico altro modello di P4 con EM64T ad aver subìto un taglio di prezzo è il 3,4F GHz, calato del 33,3%. Fra i modelli di P4 con socket a 775 pin, distinguibili dai P4 tradizionali per essere identificati da un numero di modello (serie 500), l’unica che non ha subito variazioni di costo è la CPU entry-level 520: tutti gli altri, il 530, il 540 e il 550, sono invece stati ribassati rispettivamente del 18,4%, del 21,6%, e del 33,3%.

Simili tagli sono stati applicati anche ai P4 tradizionali con socket 478: in particolare, i due modelli da 3,4 GHz (uno con cache da 1 MB ed uno da 512 KB) costano il 33,3% in meno.

Fra i Mobile P4 gli sconti, compresi fra il 20,4% e il 13,7%, hanno riguardato i modelli 538, 3,2 GHz, 532 e 3,06 GHz.

Assai più modesti i tagli ai Celeron, compresi fra il 6% e il 12% e applicati ad un piccolo numero di modelli: il Celeron D 335 (-12%), il Celeron D 330 (-6,7%), il Celeron 2,8 GHz (-12%), il Celeron 2,7 GHz (-9,7%) e il Celeron 2,6 GHz (-6,7%).

Intel ha dato alcune sforbiciate anche ai prezzi delle proprie CPU di fascia alta, gli Itanium 2, con riduzioni che vanno dal 32% del modello a 1,3 GHz con 3 MB di cache L3 all’11,9% del modello a 1,4 GHz con 4 MB di cache. I due chip più costosi della famiglia, l’1,4 GHz con 6 MB di cache e l’1,6 GHz con 3 MB di cache, hanno invece conservato lo stesso prezzo.

AMD ha ritoccato il proprio listino prezzi verso la fine di luglio, in coincidenza con il lancio della nuova famiglia di processori Sempron .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 08 2004
Link copiato negli appunti