Per gli ex Blu il futuro si tinge di TIM

Firmato l'accordo sindacale che prevede l'integrazione del Call Center Blu di Calenzano in quelli TIM e altro ancora. Come previsto dall'intesa sullo spezzatino


Roma – Nei giorni scorsi TIM, i sindacati di categoria e i rappresentanti dei dipendenti Blu hanno firmato un accordo con il quale si intende assicurare ai lavoratori dell’ex operatore TLC un futuro nell’ambito della struttura di Telecom Italia Mobile.

Stando ad una nota, l’intesa “consentirà a TIM di procedere in tempi brevissimi sia al reimpiego delle risorse di Blu e alla valorizzazione dell’insieme delle competenze e delle conoscenze che esse rappresentano, sia alla creazione di nuova occupazione in Blu con modalità coerenti con l’assetto inquadramentale e professionale in essere nell’ambito del Gruppo Telecom Italia.”

Va detto che l’accordo garantisce per il personale attualmente operante in Blu con contratto di formazione e lavoro o con contratto di lavoro temporaneo, l’assunzione con contratto a tempo indeterminato.

TIM ha anche assicurato che, per il potenziamento della struttura di call center di Calenzano a Firenze, verranno valutate prioritariamente le domande di assunzione che perverranno entro il 31 dicembre 2002 dalle persone precedentemente operanti nella medesima struttura con contratto di formazione e lavoro e non più in servizio alla data della firma dell’accordo.

L’operazione era prevista dal quadro nel quale è stato deciso , come si ricorderà, lo spezzatino dell’azienda, con “porzioni” di Blu destinate a passare ai suoi ex concorrenti, Wind in primo luogo.

Secondo Marco De Benedetti, amministratore delegato di TIM l’accordo è “un segnale rivolto a stakeholder e dipendenti che testimonia la centralità attribuita da TIM alle risorse umane, fattore critico di successo e patrimonio fondamentale per la realizzazione degli obiettivi aziendali”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    meno male che qualcuno si muove
    seguite un po' l'esempio!volantini, magliette, adesivi ... giornalini scolastici, catene di san gervasio!
  • Anonimo scrive:
    copyright e scuola
    faccio l'insegnante...mi sa che tra un po' qualcuno si accorgera` che quello che ho in testa, e che racconto, non e` originale e purtroppo non lo e` in misura maggiore del 15%.Pensate che dovro` appiccicarmi un bollino SIAE in fronte ?
    • Anonimo scrive:
      Re: copyright e scuola
      - Scritto da: maxman
      faccio l'insegnante...mi sa che tra un po'
      qualcuno si accorgera` che quello che ho in
      testa, e che racconto, non e` originale e
      purtroppo non lo e` in misura maggiore del
      15%.
      Pensate che dovro` appiccicarmi un bollino
      SIAE in fronte ?ahahhahahahah! sei un grande troppissimo!senti io penso che il copyright sia una grande coglionata, e l'ho capito alle medie a cosa serve:mentre i miei amici pasticciavano tutti i loro libri tranquillamente(acquistati pure usati), io i miei libri nuovi li conservavo gelosamente con onesta convinzione che sarebbero stati utili a mia sorella (di tre anni + piccola).e i libri di scuola sono cambiati tutti (senza significativi miglioramenti di contenuto). con grande piacere delle case editrici venditrici di carta._________sei un insegnante? io ho avuto questa piccola idea, che proporrò al preside della mia scuola.che si digitalizzino gli appunti degli studenti (dietro ricompensa di chi lo farà bene).che li si organizzino in un ordine coerente, in modo da farne un libro. un e-book.che la scuola aquisti tanti ebook da prestare (sotto cauzione) a tutti gli iscritti.e gli studenti non spenderanno più una cifra in libri.avvelenato***ovviamente questo post come tutti i miei altri sono sotto licenza gnu/gpl, purchè non rimuoviate queste righe.***
      • Anonimo scrive:
        Re: copyright e scuola
        Interessante ma...tutto questo ha un costo... anche se, usando gli strumenti pubblici della stessa scuola e un po' di buona volonta', piu' ridotti; poi gli e-book vorrai leggerli anche a PC spento no? bene vanno stampati con costi di toner e carta.OK pero' mi pare in linea di massima comunque una cosa fattibile...- Scritto da: avvelenato


        - Scritto da: maxman

        faccio l'insegnante...mi sa che tra un po'

        qualcuno si accorgera` che quello che ho
        in

        testa, e che racconto, non e` originale e

        purtroppo non lo e` in misura maggiore del

        15%.

        Pensate che dovro` appiccicarmi un bollino

        SIAE in fronte ?

        ahahhahahahah! sei un grande troppissimo!

        senti io penso che il copyright sia una
        grande coglionata, e l'ho capito alle medie
        a cosa serve:

        mentre i miei amici pasticciavano tutti i
        loro libri tranquillamente(acquistati pure
        usati), io i miei libri nuovi li conservavo
        gelosamente con onesta convinzione che
        sarebbero stati utili a mia sorella (di tre
        anni + piccola).

        e i libri di scuola sono cambiati tutti
        (senza significativi miglioramenti di
        contenuto). con grande piacere delle case
        editrici venditrici di carta.

        _________


        sei un insegnante? io ho avuto questa
        piccola idea, che proporrò al preside della
        mia scuola.

        che si digitalizzino gli appunti degli
        studenti (dietro ricompensa di chi lo farà
        bene).
        che li si organizzino in un ordine coerente,
        in modo da farne un libro. un e-book.

        che la scuola aquisti tanti ebook da
        prestare (sotto cauzione) a tutti gli
        iscritti.

        e gli studenti non spenderanno più una cifra
        in libri.


        avvelenato
        ***ovviamente questo post come tutti i miei
        altri sono sotto licenza gnu/gpl, purchè non
        rimuoviate queste righe.***
Chiudi i commenti