Per HP l'alternativa si chiama Mandrake

Il colosso è pronto a porre Mandrake Linux in un ruolo più importante per la propria linea di PC desktop aziendali, facendone la principale alternativa a Windows XP. MandrakeSoft respira
Il colosso è pronto a porre Mandrake Linux in un ruolo più importante per la propria linea di PC desktop aziendali, facendone la principale alternativa a Windows XP. MandrakeSoft respira


Palo Alto (USA) – Dopo il lancio in sordina, lo scorso anno, del suo primo PC desktop equipaggiato con la nota distribuzione Linux di MandrakeSoft , HP sembra decisa a proseguire l’esperimento e dare a questo sistema operativo uno spazio più ampio all’interno della sua famiglia di personal computer aziendali.

Il colosso ha lanciato, per il momento solo in Nord America, due nuove linee di PC desktop dedicate alle piccole e medie aziende, la Compaq Business Desktop dx2000 e dc5000 , entrambe costituite da modelli di PC ordinabili con Windows o con Linux preinstallato.

I PC della linea dx2000 hanno un prezzo base di 389 dollari e possono essere acquistati sia con un Pentium 4 che con un Celeron. I dc5000, anch’essi equipaggiati di Celeron o P4, partono invece da un prezzo di 600 dollari ed integrano una suite di strumenti di HP per la gestione avanzata del sistema. Nei modelli di entrambe le linee, HP preinstalla, come eventuale alternativa a Windows XP, Mandrake Linux 9.2 .

La partnership con HP appare particolarmente importante per una società come MandrakeSoft che, nell’ultimo anno e mezzo, ha concentrato ogni suo sforzo nel lasciarsi alle spalle il baratro della bancarotta . Proprio la scorsa settimana la società parigina ha consegnato al tribunale un piano con cui conta di uscire progressivamente dall’amministrazione controllata e pagare i propri debiti, dell’ammontare di 4,1 milioni di euro, nell’arco dei prossimi nove anni, senza interessi. Sebbene il piano debba ancora essere approvato dal tribunale, le azioni di MandrakeSoft sono già tornate in contrattazione sulla piazza affari francese.

Per questa estate HP prevede di introdurre una nuova famiglia di PC Windows/Linux, questa volta indirizzata al mercato aziendale di fascia alta, che integrerà una serie di strumenti per incrementare la sicurezza dei client e facilitarne la gestione all’interno di una LAN. La versione di Linux preinstallata su questi PC potrebbe essere la nuova Mandrake Linux 10 con kernel 2.6.

Update (ore 12:19): proprio in queste ore HP ha annunciato la commercializzazione in diversi paesi dell’Asia – tra cui Hong Kong, India, Indonesia, Giappone, Corea, Malaysia, Filippine, Singapore, Taiwan, Thailandia e Vietnam – degli stessi modelli di PC desktop Linux appena introdotti in Nord America. Al posto di Mandrake Linux, però, in Asia HP preinstalla sui propri sistemi Turbolinux, una delle distribuzioni più popolari in Oriente.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 03 2004
Link copiato negli appunti