Per un iPhone marchiato DARPA

Si chiama Siri e promette di rispondere (bene) a qualsiasi richiesta fatta dall'utente. L'intelligenza artificiale è più vicina? Per il momento meglio accontentarsi di un'app tuttofare
Si chiama Siri e promette di rispondere (bene) a qualsiasi richiesta fatta dall'utente. L'intelligenza artificiale è più vicina? Per il momento meglio accontentarsi di un'app tuttofare

una schermata di esempio di Siri Roma – Ci sono voluti un anno e 24 milioni di dollari per portare a termine lo sviluppo di Siri, applicazione per iPhone sponsorizzata DARPA che trasforma il melafonino in una sorta di risponditore vocale pronto a soddisfare le richieste dell’utente . Quest’ultimo deve semplicemente rivolgere un quesito al proprio iPhone: per processare la richiesta Siri sfrutterà innanzi tutto una funzione speech-to-text brevettata da Nuance, per poi rimbalzare il tutto ai suoi server.

Servendosi di circa 30 diverse API relative ai servizi online più disparati, Siri è in grado di effettuare una precisa analisti semantica di svariate domande comuni del tipo è possibile prenotare una tavolo al Dorsia per le 20:30? . Siri si connetterebbe in questo caso a OpenTable e verificherebbe la disponibilità del tavolo. Stesso discorso per convertire unità di misura, valute o per conoscere le condizioni atmosferiche attuali dell’arcipelago di Tuvalu.

TechCrunch ha definito Siri come “la madre di tutti i mashup”, sottolineando la grande quantità di servizi riuniti in un’unica applicazione : si va dal già citato OpenTable a Rotten Tomatoes, passando per Wolfram Alpha e Yahoo!.

Al momento Siri è disponibile gratuitamente sull’App Store statunitense, e per una migliore fruizione è raccomandato il download solo per il modello 3GS: presto dovrebbe comparire la versione per iPhone più datati oltre ai corrispettivi per Android e BlackBerry. Alcuni l’hanno definita come un ulteriore passo verso la realizzazione di una vera intelligenza artificiale : essendo però relegata per il momento al solo mercato USA bisognerà attendere le reazioni dall’altra parte dell’Altantico per verificare questa teoria.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 02 2010
Link copiato negli appunti