Perché ha chiuso www.farwest.it?

Poiché dei miei hobbies devo rendere conto a mia moglie e alle nostre due bambine, cancello tutto il materiale dal server e chiudo il sito

Web – Salve, www.farwest.it è oggi l’unica comunità italiana di appassionati di old west, perlomeno l’unica di una certa dimensione. Il progetto Farwest.it prende
origine da una mia intuizione: i film western non si producono più, i fumetti western hanno in Tex e Magico Vento gli unici portabandiera, i libri sul west non si stampano più, né qualcuno osa ristamparne di vecchi. Insomma, niente parla di west.

Eppure gli appassionati italiani sono migliaia. Ecco che nasce nel 1999 Farwest.it (allora si chiamava farwest.tripod.com) con l’intento di promuovere lo scambio di documentazione sul west, dandone ospitalità in un impaginato decente.

Dal febbraio 2000 registro un dominio (www.farwest.it) e nel tempo libero, forte dell’aiuto di un bel gruppo di appassionati, riempio il sito, lo aggiorno, gli voglio bene come a un bambino.

Nel frattempo la mole del materiale che arriva dai visitatori cresce. Come vi ho detto, io controllo che il materiale sia veritiero, utile. Niente più! Qualche giorno fa mi scrive il sig. Gianola, responsabile di un sito di storia che lamenta la pubblicazione indebita di un articolo sul west scritto da un suo collaboratore e, credo con ragione, minaccia azioni legali. Dopo sentite e doverose scuse, propongo di sdebitarmi con un bel banner (farwest.it ha circa 200 visite al giorno e ha totalizzato 64.000 contatti in un anno anche grazie a segnalazioni “di peso” come sul Corriere della Sera).

Niente da fare! In alternativa, mi si dice, devo pagare una certa cifra (che non ho!). Poiché dei miei hobbies devo rendere conto a mia moglie e alle nostre due bambine, cancello tutto il materiale dal server e chiudo il sito. Potrei citare la marea di email di sostegno, ma mi limito a dire che in mezzo a tante vi è anche quella del sig. Gianola che mi dice che non voleva arrivare a tanto e che rinuncia a far valere i loro diritti.

Resta il fatto che il sito è chiuso e che mi chiedo: quanti altri documenti pubblicati appartengono ad altri? O sono stati estratti da libri? C’è una seria possibilità di stare sereni precisando che, non essendoci fini di lucro, dietro segnalazioni di chiunque vanti un diritto cancellerei i files?

Salutoni!
Sergio Mura

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti