PETA: Mario, giù le mani dal procione

In Super Mario 3D Land uno degli strumenti che il protagonista può conquistare offende l'associazione a difesa degli animali. Che lancia subito una campagna di protesta con annesso videogioco

Roma – Nel nuovo Super Mario 3D Land l’idraulico dalla tuta rossa più famoso del mondo può conquistare un oggetto particolare, la tuta Tanuki , che riprende le sembianze di un simpatico animaletto giapponese: il Tanuki, appunto. Questo, oltre a essere un vero animale, è soprattutto uno dei protagonisti della tradizione popolare locale che riveste il ruolo di portafortuna e per la tradizione popolare ha dei poteri di metamorfosi e trasformazione del proprio aspetto. Esattamente quel che accade a Mario quando conquista questo elemento.

Questa spiegazione, però, non sembra essere piaciuta all’associazione a difesa degli animali PETA, la quale ha ritenuto offensiva questa rappresentazione e ha subito lanciato la propria campagna sull’argomento: spiegando che “il Tanuki può anche essere solo una “tuta” nei videogiochi di Super Mario, ma nella vita reale i tanuki sono procioni spellati vivi per la loro pelliccia. Indossando il Tanuki, Mario manda un messaggio favorevole a indossare le pellicce”.

PETA dà anche la possibilità, a chi volesse cimentarsi, di aiutare il povero Tanuki a recuperare la propria pelliccia dal cattivissimo Mario. (E.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Michele Montanari scrive:
    Non ho capito...
    Google ci da' il permesso di non essere mappati purchè facciamo quel che pare a loro???Opt-in e Opt-out queste sconosciute...
    • fagotto scrive:
      Re: Non ho capito...
      Considerando che loro non fanno altro che prendere informazioni che tu stesso "urli" sulla pubblica via, non mi pare un comportamento moralmente errato o invasivo della privacy.
Chiudi i commenti