PETA: Mario, giù le mani dal procione

In Super Mario 3D Land uno degli strumenti che il protagonista può conquistare offende l'associazione a difesa degli animali. Che lancia subito una campagna di protesta con annesso videogioco
In Super Mario 3D Land uno degli strumenti che il protagonista può conquistare offende l'associazione a difesa degli animali. Che lancia subito una campagna di protesta con annesso videogioco

Nel nuovo Super Mario 3D Land l’idraulico dalla tuta rossa più famoso del mondo può conquistare un oggetto particolare, la tuta Tanuki , che riprende le sembianze di un simpatico animaletto giapponese: il Tanuki, appunto. Questo, oltre a essere un vero animale, è soprattutto uno dei protagonisti della tradizione popolare locale che riveste il ruolo di portafortuna e per la tradizione popolare ha dei poteri di metamorfosi e trasformazione del proprio aspetto. Esattamente quel che accade a Mario quando conquista questo elemento.

Questa spiegazione, però, non sembra essere piaciuta all’associazione a difesa degli animali PETA, la quale ha ritenuto offensiva questa rappresentazione e ha subito lanciato la propria campagna sull’argomento: spiegando che “il Tanuki può anche essere solo una “tuta” nei videogiochi di Super Mario, ma nella vita reale i tanuki sono procioni spellati vivi per la loro pelliccia. Indossando il Tanuki, Mario manda un messaggio favorevole a indossare le pellicce”.

PETA dà anche la possibilità, a chi volesse cimentarsi, di aiutare il povero Tanuki a recuperare la propria pelliccia dal cattivissimo Mario. (E.P.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 11 2011
Link copiato negli appunti