Petizione contro lo spam via SMS

Da inviare alle autorità italiane di garanzia


Roma – Una petizione contro gli SMS pubblicitari non autorizzati che in queste settimane si sono moltiplicati sui telefonini di mezza Italia. Una petizione per chiedere alle autorità italiane e agli operatori di agire per fermare questo genere di spam prima che si traduca in una fastidiosa consuetudine.

A lanciare la petizione è Portel.it secondo cui con l’arrivo degli MMS il problema potrebbe addirittura acuirsi, vista la possibilità di inserire immagini e altri oggetti multimediali nei messaggi.

La petizione sarà inviata al Ministero delle Comunicazioni, all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed infine al Garante per la protezione dei dati personali.

Per firmare e per maggiori info clicca qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Prima del wireless forse dovrebbero MANGIARE...
    ...visto che il problema principale della Corea del Nord sembra essere la carestia.Invece il problema della Corea del Sud sembra essere la mancanza di arbitri affidabli; e qui il wireless non può farci proprio niente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Prima del wireless forse dovrebbero MANGIARE...
      Concordo pienamente riguardo ai problemi alimentari della popolazione della Corea del Nord.Hanno santuari e monumenti stratosferici per idolatrare i loro leaders (padre deceduto nel '94) e figlio ora in carica, ma il riso da mettere sotto i denti è scarsino. La tecnologia serve a poco se tiri a mano un aratro...Per quel che riguarda l'assenza di arbitri affidabili nella Korea del Sud, sono in netto disaccordo. Infatti credo che gli arbitri e gli assistenti abbiano assolutamente dimostrato di apprezzare e gradire la tecnologia sudcoreana, svolgendo il proprio compito sui campi con palese interesse e assoluta dedizione alla causa coreana, soddisfacendo tutte le richieste pervenute loro.
Chiudi i commenti