Photoshop CS2 gira su Linux

L'ultima versione del celebre software Wine, che permette di usare sotto Linux molti programmi Windows, è in grado di far girare la penultima versione di Photoshop. Il supporto va però ancora limato

Roma – Anche quei grafici e fotografi che non possono fare a meno di Photoshop, e che di conseguenza sono vincolati a Windows o Mac OS X, possono ora prendere in considerazione l’uso di Linux sui propri desktop. Il merito è ancora una volta di Wine , il celebre software che permette di far girare sotto Linux una grande varietà di programmi per Windows.

L’ultima release di Wine, la 0.9.54 , ha infatti introdotto il supporto – seppure ancora preliminare – a due recenti versioni di Photoshop, la CS e la CS2 . Quest’ultima edizione lo scorso anno è stata rimpiazzata dalla CS3, ma è ancora di gran lunga la più utilizzata. In precedenza, la più recente versione di Photoshop supportata da Wine era la 7.0.

È noto come l’applicazione open source che più si avvicina a Photoshop, in termini di funzionalità, è GIMP : quest’ultimo, tuttavia, manca ancora di caratteristiche spesso fondamentali nel campo della grafica professionale e del fotoritocco avanzato.

Gli sviluppatori di Wine ritengono che la possibilità di far girare sotto Linux software come Photoshop possa favorire enormemente l’ascesa di questa piattaforma nel segmento desktop.

Come si è detto, il supporto a Photoshop CS/CS2 è ancora preliminare e scarsamente testato: gli sviluppatori invitano gli utenti a segnalare ogni problema e incongruenza, così da poter migliorare in tempi rapidi l’esperienza d’uso.

Chi desidera provare il celebre software di Adobe sotto Linux non ha che da seguire queste istruzioni (in inglese) ed installare, nel caso non fossero disponibili nel sistema, i font Times32

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti