Più cellulari che umani?

Questo il futuro se la tendenza è quella disegnata da Intex Management Services, osservatorio secondo il quale entro il 2006 circa un terrestre su sette sarà utente wireless
Questo il futuro se la tendenza è quella disegnata da Intex Management Services, osservatorio secondo il quale entro il 2006 circa un terrestre su sette sarà utente wireless


Roma – In un futuro non lontano l’umanità sarà collegata via wireless. Nel frattempo, e più precisamente nel 2006, saranno registrati fino a 1,34 miliardi di abbonamenti a servizi di telefonia mobile a fronte di 1,79 miliardi di persone che utilizzeranno sistemi di comunicazione wireless.

Cifre enormi, disegnate dall’osservatorio Intex Management Services , secondo cui se nel 1999 venivano venduti nel mondo 288 milioni di cellulari, nel 2004 si arriverà ad un miliardo di telefoni mobili acquistati sul mercato.

I dati sul lungo periodo, che vedono una forte crescita del wireless soprattutto in Asia e in molti paesi in via dello sviluppo, sembrano contrastare con quanto sta accadendo nel presente, dove alcuni dei maggiori produttori stanno ridimensionando in modo sensibile le attese nelle vendite di apparecchi.

Le previsioni di Intex sembrano comunque in linea con le aspettative di numerosi altri osservatori secondo cui, con la complicità di tecnologie più avanzate capaci di garantire anche banda larga e dunque una forte ascesa della qualità dei servizi dati, sul lungo periodo il wireless e la telefonia mobile continueranno a crescere anche nei paesi che da tempo hanno abbracciato “felicemente” questo genere di servizi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 01 2001
Link copiato negli appunti