Più SMS pontifici in Australia

Se in Italia gli SMS del Papa sono servizi quotidiani per i fedeli, in Australia a luglio contribuiranno a festeggiare la Giornata Mondiale della Gioventù

Roma – Raggiungere i giovani, assidui utilizzatori di SMS, parlando il loro linguaggio: le parole del Papa Benedetto XVI raggiungeranno moltissimi ragazzi australiani il prossimo luglio, in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù.

il pontefice I servizi di messaging testuale con frasi e ispirazioni pontificie non sono una novità, ma la speranza della Chiesa che va organizzando l’incontro tra il Pontefice e 225mila persone nella terra dei Canguri è che gli SMS possano rappresentare un ponte verso i giovani.

Non saranno da soli gli SMS: l’operatore dominante Telstra si occuperà non solo di interconnettere tutte le aree della manifestazione ma anche, è stato detto, di erigere “località di preghiera digitalizzate”.

La connettività mobile consentirà di “unire” sotto un unico cappello wireless non solo i giovani pellegrini ma anche tutta la macchina organizzativa, composta da più di 8mila volontari e 2mila ecclesiastici. Il tutto condito da almeno 3mila inviati dei media.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • itabb scrive:
    NAP IXP sono troppo pochi?
    Secondo me abbiamo pochi NAP-IXP grandi e invece sarebbe meglio avere un numero maggiore di NAP-IXP piu piccoli.Secondo me la migliore soluzione sarebbe di averne 1 ogni capoluogo di regione e almeno 2 in una delle 5 città piu grandi di italia che sono 1Roma2.546.8042Milano1.256.2113Napoli1.004.5004Torino865.2635Palermo686.7226Genova 610.307Un altra soluzione intelligente sarebbe di far passare le fibre ottiche ricalcando direttamente il percosrso delle autostrade italiane oppure delle ferrovie perchè normalmente c'è una relazione sufficientemente diretta tra le comunicazioni e i trasporti.I ponti radio potrebbero ricalcare le rotte del trasporto marittimo.Chiaramente ora non è così perchè si preferisce il massimo risparmio a discapito della funionalità ma in futuro pagheremo sicuramente questo sbaglio.
  • MIX scrive:
    non mi riguarda
    non mi riguarda
  • pessimismo e fastidio scrive:
    ECCO COME E' ANDATA VERAMENTE
    http://www.soft-land.org/storie/08/story11Magari non in Italia.
  • spectator scrive:
    tutti tecnici di prim'ordine sicuri?
    l'esempio del MIX e' il classico esempio della IT italiana, basta uno sputo dentro ad un ced e crolla giu' tutto il ciborio.Ma quali esperti di prim'ordine esperti di prim'ordine il ciufolo!Se erano esperti di prim'ordine il problema si sarebbe risolto in dieci minuti dopo la riattivazione della corrente elettrica.E parlo di cio' che ho visto per ANNI E ANNI.I tecnici di prim'ordine li ho visti per davvero nessun cliente si e' mai accorto di quello che era avvenuto.Questa e tutta gente che manderei allegramente a vender frutta e verdura sulla Pontina (sperando che il primo autocarro li metta sotto)Esperti di PRIMORDINE IL MIO STRACIUFOLO.Pensa che esperti di prim'ordine sono se non hanno nemmeno un disaster recovery siteve l'ho dettoooo la pontinaaaaaaaaaaaaaa
    • nospam scrive:
      Re: tutti tecnici di prim'ordine sicuri?
      solo chi lavora sbagliagli altri parlano e il vento li porta via
      • spectator scrive:
        Re: tutti tecnici di prim'ordine sicuri?
        - Scritto da: nospam
        solo chi lavora sbagliaaltra frase tipo: non ci sono piu' le mezze stagioniin questo campo chi sa lavorare non sbaglia quasi maiperche' si e' premunito da queldi'...se poi sei uno che dovresti andar a vedere frutta e verdura al mercato rionalee ti mettono a gestire un datacenter e' un altro conto
        gli altri parlano e il vento li porta viasi bravo e quando c'era LUI
  • Paul Stanley scrive:
    Bisogna tornare inditero
    Premetto che mi ritengo una persona della "vecchia guardia", uno di quelli che ha fatto fatica ad abituarsi al telefono cellulare, quando è uscito, pur ritenendolo indubbiamente una comodità.Volevo solo sottolineare il mio punto di vista, cioè che non possiamo pensare di basare la nostra vita e le nostre azioni su delle macchine che come si può ben vedere sbagliano.Indubbiamente tutto questo è di grande, grandissima utilità, ma io non voglio arrendermi all'idea di essere bloccato nel mio agire da questi sistemi. Se funzionano, bene, se non funzionano, trovo un'altra maniera di fare le cose. Quante volte mi sono perso per strada, mi sono incazzato e poi l'ho ritrovata. Con il navigatore satellitare non succede più, ma se è rotto, cosa fa uno, si spara?Il problema è che ci stanno facendo credere che queste cose sono indispensabili, e invece bisogna che re-impariamo a pensare e agire come se queste cose non ci fossero, e a riprenderci il tempo per pensare e riflettere.Qualcuno è morto perchè i macchinari medici non hanno funzionato a causa della mancanza di corrente, questo è ben più grave di quanto è successo ai sistemi del mix.
    • lufo88 scrive:
      Re: Bisogna tornare inditero

      non possiamo pensare di basare la nostra vita e le nostre azioni su
      delle macchine che come si può ben vedere sbagliano.Le macchine non sbagliano mai. Fanno solo quello che l'UOMO impartisce loro di fare. Se si sbaglia a progettarle/costruirle/ecc. la colpa e' di un uomo. :)ciao :)
      • Sir Pilade scrive:
        Re: Bisogna tornare inditero
        "Le macchine non sbagliano mai."Errore. Se la macchina si GUASTA, sbaglia.
        • pluto scrive:
          Re: Bisogna tornare inditero
          se la macchina si guasta è l'equivalente del se un uomo si ammala
        • Super_Treje scrive:
          Re: Bisogna tornare inditero
          - Scritto da: Sir Pilade
          "Le macchine non sbagliano mai."

          Errore. Se la macchina si GUASTA, sbaglia.Se la macchina si guasta e' perche' chi l'ha progettata non l'ha progettata bene in modo tale che non si guastasse mai :) Rapporto prezzo/qualita' ;)
      • Salva Tempo scrive:
        Re: Bisogna tornare inditero

        Le macchine non sbagliano mai...e i neutroni invece ?
    • alpha scrive:
      Re: Bisogna tornare inditero
      Sono daccordo con te, ma devi considerare il fatto che c'è gente che ci lavora con questa roba.
      • lufo88 scrive:
        Re: Bisogna tornare inditero
        Si, esatto intendevo dire anche quello col mio intervento. :)@SalvatempoSe intedevi i neuroni, sono un componente organico e può sbagliare.ciao :)
    • Spacexion scrive:
      Re: Bisogna tornare inditero

      Volevo solo sottolineare il mio punto di vista,
      cioè che non possiamo pensare di basare la nostra
      vita e le nostre azioni su delle macchine che
      come si può ben vedere
      sbagliano.
      Hai ragione! Torniamo al fuoco nella grotta e agli attrezzi di selce! Ah quella si che era vita. Niente smog e niente paranoie telematiche.... (anonimo)
  • CyberAlby scrive:
    Spostiamo le rotte a Roma
    Oltre a quelle di Alitalia ora vogliono spostare le rotte internet da Milano a Roma????
    • Maz scrive:
      Re: Spostiamo le rotte a Roma
      che sciocchezza!! La rete dovrebbe essere replicata a Roma, Milano, Napoli e Reggio calabria.Parallelismo e' la parola chiave, non federalismo :P
      • CyberAlby scrive:
        Re: Spostiamo le rotte a Roma
        Ma già Roma è intasata di suo, se una eMail dovesse passare da Roma, magari dal centro, non arriverebbe più a destinazione...:D
        • Maz scrive:
          Re: Spostiamo le rotte a Roma
          ok haha point taken !!scherzi a parte il problema e' la solita volgia cronica di voler risparmiare rallentando lo sviluppo...c'e' Milano che funziona.. attachiamoci un'altro filo! Alla fine diventa quasi un sistema centralizzato che' e' infatti quello che internet NON dovrebbe essere.Non ripeto tutta la storia della DARPA net perche' la sappiamo tutti :)
      • alieno scrive:
        Re: Spostiamo le rotte a Roma
        Vorrei far notare che giu' in calabria anche fastweb ci ha saltati per andare direttamente in sicilia.Abbiamo una rete che fa praticamente schifo, per un contratto adsl 8 mega nella calabria del nord si parla di 2/3 mesi per l'allaccio.E voi parlate di replicare il MIX di Milano a Reggio Calabria? Così ci mettono 60 anni come la sa-rc....Povera Italia, poveri noi....
        • Maz scrive:
          Re: Spostiamo le rotte a Roma
          non capisco...un po' di svuluppo, posti di lavoro etc etc a Reggio farebbe schifo ? che opinione hai di Tiscali a Cagliari per esempio? non parlo del servizio ma delle opportunita' di lavoro...
          • AnonymousCoward scrive:
            Re: Spostiamo le rotte a Roma
            - Scritto da: Maz
            non capisco...
            un po' di svuluppo, posti di lavoro etc etc a
            Reggio farebbe schifo ?niente affatto. bisogna vedere prima di tutto *chi* dovrà mangiarci sopra e chi dovrà fregarsi milioni in contributi però...
            che opinione hai di Tiscali a Cagliari per
            esempio?ma tiscali fa quello che fa come azienda privata, non come consorzio.volendo fare una cosa del genere a Reggio, minimo minimo devi assumere 1000 socialmente utili sennò il giorno dopo ti fanno chiudere... se sei lo stato. se sei un privato, comincia a mettere 200 guardie armate fino ai denti o la fibra salta il giorno dopo.
            non parlo del servizio ma delle opportunita' di
            lavoro...io parlo della realtà. e sono calabrese, eh.
          • Mr.God scrive:
            Re: Spostiamo le rotte a Roma
            - Scritto da: Maz
            che opinione hai di Tiscali a Cagliari per
            esempio?Mafiscali?!
  • pippo scrive:
    e adesso chi paga?
    qualcuno sa quanti soldi ha perso Skype e EBay a causa del mancato funzionamento del MIX?
    • marco scrive:
      Re: e adesso chi paga?
      e chi se ne frega !!! Non possono dire proprio nulla , loro sfruttano le reti , non pagano niente a nessuno.
  • Uhura scrive:
    Ma quanto costa?
    Per capire, se si dovesse "replicare" il MIX per attivare un nodo di sicurezza quanto costerebbe?
    • fozzy scrive:
      Re: Ma quanto costa?
      sicuramente siamo nell'ordine delle centinaia di migliaia forse un milione di euro... guarda sul loro sito che apparati hanno... Inoltre ogni provider connesso dovrebbe modificare la propria struttura di rete e fare i link verso il nodo di backup con i relativi costi per linee ad alta capacità, magari da due sedi perchè hanno gia una loro ridondanza, etc etc
      • fedechicco scrive:
        Re: Ma quanto costa?
        forse anche 1 milione? state scherzando vero?Solo il locale forse costerebbe 1 milione, e proprio se lo prendono a buon mercato!Qui si parla di investimenti molto più grandi, delle dozzine di milioni.
        • fozzy scrive:
          Re: Ma quanto costa?
          ho tirato una cifra piuttosto a caso penando a un paio di router di fascia medio alta. del resto non ci vuole molto di più.. sono le linee il grande costo. e il costo dei locali è una questione a parte, è un investimento non un costo :) :) soprattutto se si tratta di un locale di backup...
          • Mr.God scrive:
            Re: Ma quanto costa?
            - Scritto da: fozzy
            ho tirato una cifra piuttosto a caso penando a un
            paio di router di fascia medio alta. del resto
            non ci vuole molto di più.. sono le linee il
            grande costo. e il costo dei locali è una
            questione a parte, è un investimento non un costo
            :) :)


            soprattutto se si tratta di un locale di backup...Hai tirato a caso tutto, TUTTO, perchè non sai niente e parli tanto per parlare. Che ci fai con un paio di router di fascia medio/alta (?!), un MIX??? Ma vattene vah.
          • fozzy scrive:
            Re: Ma quanto costa?
            uhhhh. e che ci vuole da parte del mix? venti cisco 12000? no scusa son macchien vecchie, sai ho cambiato lavoro e non so più cosa sia il top di gamma. no dimmi son curioso... visto che i clienti i loro router li portano per i fatti loro, le linee pure... spiega per cortesia cosa serve? ah degli switch si.. costano i milioni pure loro... ma forse no.. del resto con una porta per shceda ceh me ne faccio di uno switch? Grazie.EDIT: dimenticavo... ricordiamoci anche ceh i servizi del mix sono a pagamento e che quindi eventuali attacchi successivi dei clietni sono a pagamento... quindi non è che il MIX deve comprare tutto subito. bah.. tanto ora mi spiegherete... spero :P-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 maggio 2008 22.39-----------------------------------------------------------
        • Spectator scrive:
          Re: Ma quanto costa?
          - Scritto da: fedechicco
          forse anche 1 milione? state scherzando vero?
          Solo il locale forse costerebbe 1 milione, e
          proprio se lo prendono a buon
          mercato!

          Qui si parla di investimenti molto più grandi,
          delle dozzine di
          milioni.no quale milione i bilioni o forse i biliardi :)quattro server e un routerorca loca e se dovete fare il disaster recovery site di un datacenter vero che fate chiedete l'intervento economico della banca centrale europea?e questi sarebbero gli esperti?ora mi spiego parecchie cose!
  • James Bellisinas ce.it scrive:
    CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
    Allora, comincio con il premettere che chi ha scritto l'articolo, non ha capito un'emerita cippa di quanto e' successo. Probabilmente da buon italico giornalista ha fatto un sunto dei primi 3 risultati trovati a muzzo su google.Gli eventi sono stati DUE e BEN DISTINTI.Il blackout della sala dati in via Caldera e' stato SABATO MATTINA 3 MAGGIO, TRA LE ORE 8 E LE ORE 10. Tuttavia, per alcuni server, ed in conseguenza dell'improvviso ed inatteso spegnimento dell'alimentazione, i disagi si sono prolungati fino alle ore 20, come per il sito gestito dal sottoscritto. Ed i due blackout del MIIXI malfunzionamenti, per quanto gravissimi, sono stati causati da una serie di negligenze dovute a piu' concause ed eventi concomitanti:- Mancanza di corrente improvvisa o prevista (non e' ancora stato appurato/comunicato), immagino dovuta al fornitore ENEL- Il relais che avrebbe dovuto switchare tra le diverse fonti di alimentazione, sembrerebbe essersi bruciato o era impostato in modo errato. Va sottolineato che, nonostante la millantata ridondanza di un simile centro dati, sorprende che l'intera gestione elettrica, in caso di emergenza, sia esclusivamente delegata ad UN SOLO RELAIS.- Ignorando chi sia il reale responsabile (controllore in sala, installatore del relais, programmatore dello stesso, produttore del relais, o gestore della sala dati, KPNQWEST, per quello che mi risulta), appare del tutto RIDICOLO E CENSURABILE il modo in cui una simile emergenza sia stata prevista/studiata/gestita.- in aggiunta a ciò, nessuna email di preavviso è stata inviata ai gestori, proprietari di server in colocation, e gestori di servizi di hosting, nè riguardo ad una possibile mancanza di corrente (evento peraltro possibile -e prevedibile- per una lunga serie di cause, per molte delle quali non può essere previsto alcun preavviso), nè prima, nè al momento dell'entrata in funzione degli UPS.- Molti dei provider stessi, tra cui quello cui mi affido, e KPNQWEST stessa, si sono guardati bene dal segnalare sui propri siti corporate -una volta rimessi online- un sommario avviso in merito all'accaduto, o una reperibilità telefonica d'emergenza. Il sottoscritto, dopo una infinita serie di email, e con i server ancora spenti (2 su 4 danneggiati a livello harware) è stato contattato solo 7 ore dopo il blackout, da un sicuramente volenteroso e disponibile responsabile di 9net.it (da cui ricevo il servizio di colocation). A causa dei danni subiti, i miei server sono tornati online solo 13 ore dopo il blackout.- a margine di quanto finora segnalato, va anche detto che, molti dei provider stessi utilizzano per i propri servizi server presenti nella stessa sala dati, i quali, come tutti gli altri, sono rimasti spenti durante il blackout. Conseguenza: Server corporate offline, trouble ticket ed email monitoring inutilizzabili, linee telefoniche ed helpdesk -che viaggiano su VOIP- assolutamente irraggiungibili.Dunque, questo e' stato il GUASTO DI SABATO 3 MAGGIO, ORE 8 DEL MATTINO CIRCA. Riguardo al guasto intervenuto al MIIX, situato altrove, sicuramente ci deve essere stata un'altra ragione. Curioso, a questo punto, di sapere quale, anche se la seconda volta, per fortuna, il massimo che ho avuto modo di subire è stato un leggero rallentamento. Ovviamente, gli attori nominati, sono benvenuti nel caso volessero aggiungere ulteriori informazioni.Saluti a tutti, e visitate BELLISINASCE.IT se vi capita, è uno dei siti più belli del mondo! ;)Jameswebmaster di www.bellisinasce.it
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      Confermo. Pure io ho i server li' ed ho sofferto lo stesso problema, SABATO E NON LUNEDI'. Ringraziamo i genietti che hanno installato e collaudato l'impianto. ;)Comunque sia, concordo con te sul fatto che certi guasti possano verificarsi, e talvolta l'imprevedibile, per una lunga serie di fattori casuali si avveri.L'importante e' che in caso di danni (perdita dati, costo di riparazione, interventi d'emergenza), questi ti siano rimborsati adeguatamente e tempestivamente.Ciao--------------------------Gent.mo Cliente,buongiorno.Nella mattinata di sabato 03/05/2008 nel data center di Milano che cè stato un buco di elettricità.Tutti i server, i sistemi di controllo, i pannelli, i ticket sono stati completamente irraggiungibili per tutta la mattinata di sabato.Anche i servizi di ****** erano down pertanto non ci è stato possibile segnalarvi in alcun modo il problema.Purtroppo al momento non abbiamo altri dettagli in merito quindi sarà mia premura, qualora ne ricevessi, segnalarVi meglio laccaduto.Restando a disposizione per qualsiasi necessità saluto cordialmente,FP
    • alberto scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      ma dai...tutto un articolo di risposta, anche un po' infamante, per poi fare pubblicità al tuo sito, che è peraltro bruttino nei contenuti, e schifoso nella forma!!!
      • splendido e fico scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        - Scritto da: James Bellisinas ce.it
        Probabilmente sei brutto come un rospo. ;)
        PS: Il sito, purtroppo non è un granchè, ne sono
        pienamente consapevole. Tuttavia è gratuito e ben
        gestitocome fa a essere gratuito se paghi a peso d'oro ecc ecc?
      • non sono antimilani sta ma..... scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        a volte si pensa a milano come al non plus ultra dei luoghi per mantenere le proprie macchine ma non è così perché in alcune città minori si è serviti meglio.meditate gente meditate!
    • Markus scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      - Scritto da: James Bellisinas ce.it
      Allora, comincio con il premettere che chi ha
      scritto l'articolo, non ha capito un'emerita
      cippa di quanto e' successo. Probabilmente da
      buon italico giornalista ha fatto un sunto dei
      primi 3 risultati trovati a muzzo su
      google.O probabilmente tu non parli del mix (ma di infracom..)
    • Ludovic I scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.

      Ed i due blackout del
      MIIXTanto per cominciare il black-out del MIX è stato 1. Il secondo è un intervento di manutenzione effettuato nell'ora di minor traffico.In secondo luogo UN CONTO è il MIX un altro conto sono certi problemi riscontrati da uno dei consorziati.
      I malfunzionamenti, per quanto gravissimi, sono
      stati causati da una serie di negligenze dovute a
      piu' concause ed eventi
      concomitanti:"negligenze dovute alle concause" proprio non si può sentire. C'è stato - e parlo dell'unico evento rilevante, quello del MIX - un errore di configurazione nei sistemi di back-up. Chi li conosce sa che può accadere. E sa anche quante volte funzionano senza nessun genere di problema, tanto che l'evento di lunedì è praticamente isolato.
      • James Bellisinas ce.it scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.

        Tanto per cominciare il black-out del MIX è stato
        1. Il secondo è un intervento di manutenzione
        effettuato nell'ora di minor
        traffico.Restano DUE interruzioni. Cominciamo a chiamare le cose con il loro nome.
        In secondo luogo UN CONTO è il MIX un altro conto
        sono certi problemi riscontrati da uno dei
        consorziati.Beh, allora non mi sembra il caso di riiciclare un comunicato-fotocopia pressochè identico a quello del consorziato, che guarda caso sta proprio lì in via Caldera.
        "negligenze dovute alle concause" proprio non si
        può sentire. C'è stato - e parlo dell'unico
        evento rilevante, quello del MIX - un errore di
        configurazione nei sistemi di back-up. Chi li
        conosce sa che può accadere.Certo, nulla di più inaffidabile delle ultimissime tecnologie. Tuttavia, gli impianti per come sono studiati dovrebbero avere una determinata strutturaa cascata, e soprattutto questa deve essere ridondata in modo adeguato.Più linee elettriche, connesse a PIU' UPS. Questi monitorano le linee e, nel caso di calo di tensione, devono essere in grado di fornire elettricità. Ovviamente, di UPS, se ne usano più di uno in parallelo.Una volta entrati in funzione gli UPS, vista la loro scarsissima autonomia, devono essere avviati i generatori, anche essi, adeguatamente ridondati. Questi, devono essere connessi A MONTE degli UPS e -ovviamente- connessi alla linea con più di un relais, attivato in modo automatico e singolarmente indipendente uno dall'altro, dagli stessi generatori, non appena questi entrino in moto. Il passaggio dei vari UPS deve essere progressivo, per evitare sovraccarichi ingestibili sui generatori e sui singoli UPS.Un sistema così realiizzato, non può e non deve dare problemi. L'unica evenienza prevista per lo stacco della corrente nella sala, e il caso in cui scoppi un incendio di vaste proporzioni e non estinguibile con gas appositi e CO2. E' l'unica evenienza per cui un danno minore (il blackout, con potenziali isolate perdite di dati) è giudicabile preferibile ad uno maggiore (incenerimento di tutta la sala)SalutiJames
        E sa anche quante
        volte funzionano senza nessun genere di problema,
        tanto che l'evento di lunedì è praticamente
        isolato.
        • Culiku scrive:
          Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.

          Beh, allora non mi sembra il caso di riiciclare
          un comunicato-fotocopia pressochè identico a
          quello del consorziato, che guarda caso sta
          proprio lì in via
          Caldera.Sono in edifici diversi, distanti centinaia di metri, che operano con strutture e società diverse. Difficile capirlo?
    • fozzy scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      MIIX ? magari MIX intanto. il MIX ospita server di clienti? non mi risulta... In via caldera ci sono una decina (ok magari esagero, ma ne ricordo 4 al volo) di provider e il MIX, che a quanto ne so è in locali di proprietà di... indovina un po' del MIX e non di qualcun'altro (magari sono in affitto ma non credo, un trasloco di QUEGLI apparati è un incubo, non si tratta di due server e un routerino... )Se il MIX ha dei problemi la cosa rigfuarda tutti, se il tuo provider sbaglia la configurazione di corrente è un problema tuo e degli utenti di quel provider.Il fatto che stia allo stesso indirizzo non vuol dire nulla. (hai idea di quanto è grande il comprensorio di Via Caldera? mi sa di no).Se non si sa di cosa si sta parlando... è bene informarsi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 maggio 2008 09.13-----------------------------------------------------------
      • Vic scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        Modificato dall' autore il 08 maggio 2008 09.13
        --------------------------------------------------Bravo Fozzy, chi ha scritto il commento evidentemente non conosce bene come funzioni quanto e' presente in Caldera. Conosco tutto il personale del MIX da tanti anni, da quando ancora non si chiamava nemmeno MIX ed era ospitato nella Server Farm di I.net (che ai tempi era ancora in via Caldera). Posso dire senza timore di smentita che TUTTE (ed intendo veramente tutte) le persone che lavorano presso il MIX siano professionisti di prim'ordine a partire dalla Dott. Rossi che ne e' il direttore a Joe Marino che e' stato tra i primi a portare Internet in Italia (parliamo del 1994 quando ancora il resto dell'Italia pensava che Internet fosse un'impresa di pulizie...).Quanto e' successo e' una serie di concause difficilmente replicabili e preventivabili e sono abbastanza sicuro che non si tratti in maniera un po' troppo semplicistica di "un relè". Come rilevato poi, il MIX e' rimasto acceso ed operativo quanto tutt'Italia era spenta a causa del blackout che ha fermato tutto nel 2003, in situazioni ben piu' gravi ed impegnative rispetto a quanto accaduto nel complesso di Caldera l'altro giorno.Per chiudere il datacenter di KpnQwest (che conosco bene essendoci stato dentro personalmente per molti mesi come cliente), oltre che essere comunque dimensionato e gestito da personale altrettanto professionista, si trova in fondo a sinistra nel campus di Caldera mentre il MIX e' nel secondo edificio a destra, qualche centinaio di metri prima e in locali che sono proprio ed esclusivamente del MIX.Ahh... dimenticavo, esiste un protocollo che si chiama BGP (Border Gateway Protocol) che e' quello che tiene in piedi tutta Internet e che e' pensato proprio per trovare persorsi alternativi in caso di indisponibilita' di uno dei path di rete. Il problema non e' nel fatto che il MIX si renda per qualche motivo indisponibile (il traffico verra' deviato su altri percorsi) ma nel fatto che ormai tutti i grossi operatori del settore basino il loro dimensionamento principalmente proprio sul MIX che e' economicamente piu' conveniente piuttosto che in link diretti verso altre reti al di fuori di via Caldera.... certo che fino a ieri pochissimi avrebbero mai pensato ad un indisponibilità del MIX che per l'appunto, non si e' mai fermato nemmeno quando ha traslocato come locali.P.s.: ha ragione Joe quando fa notare che un sito di backup del MIX e' osteggiato proprio dagli stessi aderenti ed il vero motivo e' esclusivamente politico/economico e non tecnico visto il calibro delle persone che ci sono nel comitato tecnico dello stesso.Spero di essere stato sufficientemente esaustivo.Vic
        • James Bellisinas ce.it scrive:
          Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
          Premetto che ne so abbastanza, e proprio per questo sono il primo farti i complimenti per la spiegazione esaustiva.
          Bravo Fozzy, chi ha scritto il commento
          evidentemente non conosce bene come funzioni
          quanto e' presente in Caldera. Conosco perfettamente la struttura di via Caldera e come è organizzata, qui hai toppato un po', o forse hai letto male il mio post... ;)
          Posso dire senza timore di smentita
          che TUTTE (ed intendo veramente tutte) le persone
          che lavorano presso il MIX siano professionisti
          di prim'ordine ...Nessun dubbio.
          Quanto e' successo e' una serie di concause
          difficilmente replicabili e preventivabili e sono
          abbastanza sicuro che non si tratti in maniera un
          po' troppo semplicistica di "un relè". Beh è quello che DICONO (o così è riportato nella notizia)sia capitato. Il mio post inizialmente era proprio riguardo a ciò. PUO' un solo relais (o relè come dir si voglia) mandare in palla l'intera rete italiana?E' credible che ciò sia davvero accaduto (e non altro) e, nel caso sia VERO, è da cosiderarsi ACCETTABILE?
          Per chiudere il datacenter di KpnQwest (che
          conosco bene essendoci stato dentro personalmente
          per molti mesi come cliente), oltre che essere
          comunque dimensionato e gestito da personale
          altrettanto professionista, ...IDEM COME SOPRA. NESSUN DUBBIO.
          Ahh... dimenticavo, esiste un protocollo che si[CUT]
          MIX che per l'appunto, non si e' mai fermato
          nemmeno quando ha traslocato come
          locali.Un evento pevisto, programmato e studiato. Altra casistica, evidentemente. Pure io, quando trasferisco i miei server, utilizzo dei backup....
          P.s.: ha ragione Joe quando fa notare che un sito
          di backup del MIX e' osteggiato proprio dagli
          stessi aderenti ed il vero motivo e'
          esclusivamente politico/economico e non tecnico
          visto il calibro delle persone che ci sono nel
          comitato tecnico dello
          stesso.

          Spero di essere stato sufficientemente esaustivo.
          VicLo sei stato. Evidentemente, però non è stato bene inteso ciò che ho segnalato inizialmente nel miio post.Io segnalavo il modo in cui la notizia è stata pubblicata ed il fatto che prendendo due eventi tra loro incorrelati, ne fosse stata fatta una zuppa. Soprattutto, intendevo EVIDENZIARE come spesso, tanta millantata ridondanza, nel caso di un evento neppure tanto imprevedibile, possa essere insufficiente.Sul fatto che, una rete come internet, nata per essere insensibile alla caduta di un singolo nodo, in realtà -in Italia- sia paurosamente fragile, non ci sono dubbi, visto che -com'è noto a tutti- gran parte del traffico transiti e sia immediatamente generato nelle immediate vicinanze del MIX. Un solo evento catastrofico (e mi riferisco pure alla nuova location di i.net, dove stavo prima, che si trova a circa 2 km da via Caldera) possa mandare a pupazze l'intero sistema di telecomunicazioni italiano, visto che ora dalla rete ci passa proprio tutto.Ovviamente delle ragioni politiche, economiche e stategiche inerenti allo sviluppo di internet in Italia, se ne può discutere a oltranza, ma qui, in questo post si andrebbe fuori topic. ;)Colgo l'occasione per un saluto a tuttiJames
        • spectator scrive:
          Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.

          Bravo Fozzy, chi ha scritto il commento
          evidentemente non conosce bene come funzioni
          quanto e' presente in Caldera. Conosco tutto il
          personale del MIX da tanti anni, da quando ancora
          non si chiamava nemmeno MIX ed era ospitato nella
          Server Farm di I.net (che ai tempi era ancora in
          via Caldera). Posso dire senza timore di smentita
          che TUTTE (ed intendo veramente tutte) le persone
          che lavorano presso il MIX siano professionisti
          di prim'ordine a partire dalla Dott. Rossi che ne
          e' il direttore a Joe Marino che e' stato tra i
          primi a portare Internet in Italia (parliamo del
          1994 quando ancora il resto dell'Italia pensava
          che Internet fosse un'impresa di
          pulizie...).si e joe pummidoro quindi e' uno dei tempi della bolla speculativa del nasdaq e chi in italia sapeva digitare due cose su altavista era un genioora mi spiego perche' il sistema e' stato giu' per tutta una settimana.
          Quanto e' successo e' una serie di concause
          difficilmente replicabili e preventivabili e sono
          abbastanza sicuro che non si tratti in maniera un
          po' troppo semplicistica di "un relè". Come
          rilevato poi, il MIX e' rimasto acceso ed
          operativo quanto tutt'Italia era spenta a causa
          del blackout che ha fermato tutto nel 2003, in
          situazioni ben piu' gravi ed impegnative rispetto
          a quanto accaduto nel complesso di Caldera
          l'altro
          giorno.eh gia' tanto chi puo' confermare o smentire?io nel 2003 avevo invece ancora l'albero di natale acceso.Quando si e' VERI ESPERTI. le cause sono sia preventivabili che replicabili, senno' dovete cambiare lavoro.
          Per chiudere il datacenter di KpnQwest (che
          conosco bene essendoci stato dentro personalmente
          per molti mesi come cliente), oltre che essere
          comunque dimensionato e gestito da personale
          altrettanto professionista, si trova in fondo a
          sinistra nel campus di Caldera mentre il MIX e'
          nel secondo edificio a destra, qualche centinaio
          di metri prima e in locali che sono proprio ed
          esclusivamente del
          MIX.so tutti esperti tutti grandi professionisti, pero' il sistema e' stato giu' per una mattinata intera.Minchia compa' che espertoni.Andatevi a vedere come gestiscono le cose al GARR quelli sono esperti seri vuoi altri esperti seri che davvero sanno quello che fanno?eccolihttp://www.caspur.it/tze! la milano da bere,
          Ahh... dimenticavo, esiste un protocollo che si
          chiama BGP (Border Gateway Protocol) che e'
          quello che tiene in piedi tutta Internet e che e'
          pensato proprio per trovare persorsi alternativi
          in caso di indisponibilita' di uno dei path di
          rete. Il problema non e' nel fatto che il MIX si
          renda per qualche motivo indisponibile (il
          traffico verra' deviato su altri percorsi) ma nel
          fatto che ormai tutti i grossi operatori del
          settore basino il loro dimensionamento
          principalmente proprio sul MIX che e'
          economicamente piu' conveniente piuttosto che in
          link diretti verso altre reti al di fuori di via
          Caldera.... certo che fino a ieri pochissimi
          avrebbero mai pensato ad un indisponibilità del
          MIX che per l'appunto, non si e' mai fermato
          nemmeno quando ha traslocato come
          locali.ah dimenticavo c'e' un protocollo che si chiama tcp/ipsi ma con il fatto cosa C*ZZO C'ENTRA?
          P.s.: ha ragione Joe quando fa notare che un sito
          di backup del MIX e' osteggiato proprio dagli
          stessi aderenti ed il vero motivo e'
          esclusivamente politico/economico e non tecnico
          visto il calibro delle persone che ci sono nel
          comitato tecnico delloEh gia' osteggiati, cause e circostanze non ripetibili, la giustificazione e' come il buco del C*lo ogni persona ne ha sempre una
          • LuBo scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
            io eviterei di controbattere a cosa di cui non si conosce.BGP c'entra con le ridondanze, TCP/IP è solo un protocollo.Quindi il primo è pertinente il secondo no.
          • spectator scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
            - Scritto da: LuBo
            io eviterei di controbattere a cosa di cui non si
            conosce.
            BGP c'entra con le ridondanze, TCP/IP è solo un
            protocollo.
            Quindi il primo è pertinente il secondo no.ripeto fatti una while 1 nel cervello e ripetiteloa riguardo il BGP con il problema che loro sono incapaci a gestire un datacenter non C'ENTRA UNA EMERITA FAVA
          • Geek scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.

            so tutti esperti tutti grandi professionisti,
            pero' il sistema e' stato giu' per una mattinata
            intera.
            Minchia compa' che espertoni.
            Andatevi a vedere come gestiscono le cose al GARR
            quelli sono esperti seri
            Eh gia' osteggiati, cause e circostanze non
            ripetibili, la giustificazione e' come il buco
            del C*lo ogni persona ne ha sempre
            unaCome non quotare...ho passato la mattina di sabato a prendermi le telefonate dei clienti incazzati...e quasi tutti mi hanno detto "mancanza di corrente ? ma in che razza di data center siete?"...come dargli torto ? uno spende fiori di soldi per ridondare il ridondabile (server, dischi, alimentazioni, switch, ecc)...e poi ti và giù tutto per mancanza di corrente...chi non ritiene grave questa cosa, EVIDENTEMENTE non sà nemmeno di cosa stiamo parlando. Per non parlare dei tempi d'intervento abnormi...proprio professionisti ed esperti...in cosa dobbiamo ancora scoprirlo.
          • spectator scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
            - Scritto da: Geek

            so tutti esperti tutti grandi professionisti,

            pero' il sistema e' stato giu' per una mattinata

            intera.

            Minchia compa' che espertoni.

            Andatevi a vedere come gestiscono le cose al
            GARR

            quelli sono esperti seri

            Eh gia' osteggiati, cause e circostanze non

            ripetibili, la giustificazione e' come il buco

            del C*lo ogni persona ne ha sempre

            una

            Come non quotare...ho passato la mattina di
            sabato a prendermi le telefonate dei clienti
            incazzati...e quasi tutti mi hanno detto
            "mancanza di corrente ? ma in che razza di data
            center siete?"...come dargli torto ? uno spende
            fiori di soldi per ridondare il ridondabile
            (server, dischi, alimentazioni, switch, ecc)...e
            poi ti và giù tutto per mancanza di
            corrente...chi non ritiene grave questa cosa,
            EVIDENTEMENTE non sà nemmeno di cosa stiamo
            parlando.ma forse non hanno mai sentito parlare di qualcosa chiamato gruppo elettrogeno.
            Per non parlare dei tempi d'intervento
            abnormi...proprio professionisti ed esperti...in
            cosa dobbiamo ancora
            scoprirlo.eh ma so esperti ce sta pure joe pummidoro
          • fozzy scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
            A me sembra qualcuno non sappia disntguere tra i tempi di intervento per il riristino delle funzionalità del MIX cui l'articolo si riferiva ed i tempi di intervento per il ripristino di una sala dati dove tiene i server.... e se qualcuno vi dice che i vostri server sono nella sala dati del MIX.. beh vi ha preso per i fondelli :) e magari è pure il caso di cambiare provider del servizio di hosting colocation o quant'altrouhm poi cosa abbiamo.. clienti che chiamano tutto sabato mattina per una interruzione di servizio lunedi 5? non quadra o sbaglio? Inoltre più su.. in caldera ci sono almeno 4 provider e il mix non vuol dire che al mix ci sono 4 afferenti. imparare l'italiano può aiutare per fare gli sbruffoni in maniera più credibile. :) In caldera ho lavorato per alcuni anni in una sala dati al piano terra di fianco alla sala del MIX. credo di avere un minimo di cognizione di causa sulla dislocazione delle cose nel complesso... comunque bravi mi stavo quasi divertendo a leggere i commenti sul CANTIMIX...
          • Spectator scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
            - Scritto da: fozzy
            A me sembra qualcuno non sappia disntguere tra i
            tempi di intervento per il riristino delle
            funzionalità del MIX cui l'articolo si riferiva
            ed i tempi di intervento per il ripristino di una
            sala dati dove tiene i server.... e se qualcuno
            vi dice che i vostri server sono nella sala dati
            del MIX.. beh vi ha preso per i fondelli :) e
            magari è pure il caso di cambiare provider del
            servizio di hosting colocation o
            quant'altrocolocation but no sadisfaction a quanto pare
            uhm poi cosa abbiamo.. clienti che chiamano tutto
            sabato mattina per una interruzione di servizio
            lunedi 5? non quadra o sbaglio?quadra quadra e cerchia pure secondo me o pensavate che il cliente che paga fior di quattrini guardando il suo sito non apparire dice "ma che bello gli devo dare un premio a questi qua..."
            Inoltre più su.. in caldera ci sono almeno 4
            provider e il mix non vuol dire che al mix ci
            sono 4 afferenti. imparare l'italiano può aiutare
            per fare gli sbruffoni in maniera più credibile.
            :)
            gia' l'italiano "4 afferenti" cos'e' un nuovo gergo informatico?
            In caldera ho lavorato per alcuni anni in una
            sala dati al piano terra di fianco alla sala del
            MIX. credo di avere un minimo di cognizione di
            causa sulla dislocazione delle cose nel
            complesso... comunque bravi mi stavo quasi
            divertendo a leggere i commenti sul
            CANTIMIX...ah e come va al CANTINX? tutto bene? 4 server e un routerino?Complimentoni eh :D
          • non sono antimilani sta ma..... scrive:
            Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
            si può fare il CANTINIX bisogna vedere chi è disposto a interconnettersi con quello e chi è disposto a dividerne le spese.per esempio in francia a parigi ce ne sono piu di uno di NAPma come farlo che in italia passano la fibra solo i soliti noti?cosa usare? i ponti radio?
    • Radu scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      Avessi scritto piu' bello del tuo paesino di montagna quasi quasi avevi ragione..ma veramente sparare una caXXata cosi' grossa mi fa pensare che tutto il post siano cavolate..il sito fa veramente schifo.. -.-
      • James Bellisinas ce.it scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        Potrei aprire un sito di articoli per rospi, magari divventerei milionario... ;)
    • argaar scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      ma che schifo di sito....
      • James Bellisinas ce.it scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        O visti i rospi che circolano, potrei allevare serpi :PColgo l'occasione per salutarvi tutti.Se Bellisinasce è cosi brutto, forse è tempo che torni a lavorarci su. Meglio pensare ai miei 150.000 che a quattro bruttazzi invidiosi... Ciao ciaooo
      • Nome e Cognome scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        - Scritto da: argaar
        ma che schifo di sito....Boh io c'ero iscritto, ed e' pieno di gnocca...Mi ci sono pure fidanzato ^_^
    • xWolverinex scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      Uhhh bellisinasce .. quanto tempo :) Ero pure iscritto prima del primo spostamento dei server.. :) amarcord..... :$
    • Mc Laden scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      - Scritto da: James Bellisinas ce.it
      Allora, comincio con il premettere che chi ha
      scritto l'articolo, non ha capito un'emerita
      cippa di quanto e' successo. Probabilmente da
      buon italico giornalista ha fatto un sunto dei
      primi 3 risultati trovati a muzzo su
      google.

      Gli eventi sono stati DUE e BEN DISTINTI.
      Il blackout della sala dati in via Caldera e'
      stato SABATO MATTINA 3 MAGGIO, TRA LE ORE 8 E LE
      ORE 10. Tuttavia, per alcuni server, ed in
      conseguenza dell'improvviso ed inatteso
      spegnimento dell'alimentazione, i disagi si sono
      prolungati fino alle ore 20, come per il sito
      gestito dal sottoscritto. Ed i due blackout del
      MIIX

      I malfunzionamenti, per quanto gravissimi, sono
      stati causati da una serie di negligenze dovute a
      piu' concause ed eventi
      concomitanti:

      - Mancanza di corrente improvvisa o prevista (non
      e' ancora stato appurato/comunicato), immagino
      dovuta al fornitore
      ENEL

      - Il relais che avrebbe dovuto switchare tra le
      diverse fonti di alimentazione, sembrerebbe
      essersi bruciato o era impostato in modo errato.
      Va sottolineato che, nonostante la millantata
      ridondanza di un simile centro dati, sorprende
      che l'intera gestione elettrica, in caso di
      emergenza, sia esclusivamente delegata ad UN SOLO
      RELAIS.

      - Ignorando chi sia il reale responsabile
      (controllore in sala, installatore del relais,
      programmatore dello stesso, produttore del
      relais, o gestore della sala dati, KPNQWEST, per
      quello che mi risulta), appare del tutto RIDICOLO
      E CENSURABILE il modo in cui una simile emergenza
      sia stata
      prevista/studiata/gestita.

      - in aggiunta a ciò, nessuna email di preavviso è
      stata inviata ai gestori, proprietari di server
      in colocation, e gestori di servizi di hosting,
      nè riguardo ad una possibile mancanza di corrente
      (evento peraltro possibile -e prevedibile- per
      una lunga serie di cause, per molte delle quali
      non può essere previsto alcun preavviso), nè
      prima, nè al momento dell'entrata in funzione
      degli
      UPS.

      - Molti dei provider stessi, tra cui quello cui
      mi affido, e KPNQWEST stessa, si sono guardati
      bene dal segnalare sui propri siti corporate -una
      volta rimessi online- un sommario avviso in
      merito all'accaduto, o una reperibilità
      telefonica d'emergenza.

      Il sottoscritto, dopo una infinita serie di
      email, e con i server ancora spenti (2 su 4
      danneggiati a livello harware) è stato contattato
      solo 7 ore dopo il blackout, da un sicuramente
      volenteroso e disponibile responsabile di 9net.it
      (da cui ricevo il servizio di colocation). A
      causa dei danni subiti, i miei server sono
      tornati online solo 13 ore dopo il
      blackout.

      - a margine di quanto finora segnalato, va anche
      detto che, molti dei provider stessi utilizzano
      per i propri servizi server presenti nella stessa
      sala dati, i quali, come tutti gli altri, sono
      rimasti spenti durante il blackout. Conseguenza:
      Server corporate offline, trouble ticket ed email
      monitoring inutilizzabili, linee telefoniche ed
      helpdesk -che viaggiano su VOIP- assolutamente
      irraggiungibili.

      Dunque, questo e' stato il GUASTO DI SABATO 3
      MAGGIO, ORE 8 DEL MATTINO CIRCA. Riguardo al
      guasto intervenuto al MIIX, situato altrove,
      sicuramente ci deve essere stata un'altra
      ragione. Curioso, a questo punto, di sapere
      quale, anche se la seconda volta, per fortuna, il
      massimo che ho avuto modo di subire è stato un
      leggero rallentamento. Ovviamente, gli attori
      nominati, sono benvenuti nel caso volessero
      aggiungere ulteriori
      informazioni.

      Saluti a tutti, e visitate BELLISINASCE.IT se vi
      capita, è uno dei siti più belli del mondo!
      ;)

      James
      webmaster di www.bellisinasce.itmi sono arrivati due FAX da kpnqwest, il primo domenica sera sul tardi, per spiegarmi l'accaduto e devo dire che almeno hanno avuto boun senso per essersi scusati del disservizio.comunque sia, questa io la chiamo SERIETA', altro che certi carrozzoni.... (no name).
      • Spectator scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        - Scritto da: Mc Laden
        - Scritto da: James Bellisinas ce.it

        Allora, comincio con il premettere che chi ha

        scritto l'articolo, non ha capito un'emerita

        cippa di quanto e' successo. Probabilmente da

        buon italico giornalista ha fatto un sunto dei

        primi 3 risultati trovati a muzzo su

        google.



        Gli eventi sono stati DUE e BEN DISTINTI.

        Il blackout della sala dati in via Caldera e'

        stato SABATO MATTINA 3 MAGGIO, TRA LE ORE 8 E LE

        ORE 10. Tuttavia, per alcuni server, ed in

        conseguenza dell'improvviso ed inatteso

        spegnimento dell'alimentazione, i disagi si sono

        prolungati fino alle ore 20, come per il sito

        gestito dal sottoscritto. Ed i due blackout del

        MIIX



        I malfunzionamenti, per quanto gravissimi, sono

        stati causati da una serie di negligenze dovute
        a

        piu' concause ed eventi

        concomitanti:



        - Mancanza di corrente improvvisa o prevista
        (non

        e' ancora stato appurato/comunicato), immagino

        dovuta al fornitore

        ENEL



        - Il relais che avrebbe dovuto switchare tra le

        diverse fonti di alimentazione, sembrerebbe

        essersi bruciato o era impostato in modo errato.

        Va sottolineato che, nonostante la millantata

        ridondanza di un simile centro dati, sorprende

        che l'intera gestione elettrica, in caso di

        emergenza, sia esclusivamente delegata ad UN
        SOLO

        RELAIS.



        - Ignorando chi sia il reale responsabile

        (controllore in sala, installatore del relais,

        programmatore dello stesso, produttore del

        relais, o gestore della sala dati, KPNQWEST, per

        quello che mi risulta), appare del tutto
        RIDICOLO

        E CENSURABILE il modo in cui una simile
        emergenza

        sia stata

        prevista/studiata/gestita.



        - in aggiunta a ciò, nessuna email di preavviso
        è

        stata inviata ai gestori, proprietari di server

        in colocation, e gestori di servizi di hosting,

        nè riguardo ad una possibile mancanza di
        corrente

        (evento peraltro possibile -e prevedibile- per

        una lunga serie di cause, per molte delle quali

        non può essere previsto alcun preavviso), nè

        prima, nè al momento dell'entrata in funzione

        degli

        UPS.



        - Molti dei provider stessi, tra cui quello cui

        mi affido, e KPNQWEST stessa, si sono guardati

        bene dal segnalare sui propri siti corporate
        -una

        volta rimessi online- un sommario avviso in

        merito all'accaduto, o una reperibilità

        telefonica d'emergenza.



        Il sottoscritto, dopo una infinita serie di

        email, e con i server ancora spenti (2 su 4

        danneggiati a livello harware) è stato
        contattato

        solo 7 ore dopo il blackout, da un sicuramente

        volenteroso e disponibile responsabile di
        9net.it

        (da cui ricevo il servizio di colocation). A

        causa dei danni subiti, i miei server sono

        tornati online solo 13 ore dopo il

        blackout.



        - a margine di quanto finora segnalato, va anche

        detto che, molti dei provider stessi utilizzano

        per i propri servizi server presenti nella
        stessa

        sala dati, i quali, come tutti gli altri, sono

        rimasti spenti durante il blackout. Conseguenza:

        Server corporate offline, trouble ticket ed
        email

        monitoring inutilizzabili, linee telefoniche ed

        helpdesk -che viaggiano su VOIP- assolutamente

        irraggiungibili.



        Dunque, questo e' stato il GUASTO DI SABATO 3

        MAGGIO, ORE 8 DEL MATTINO CIRCA. Riguardo al

        guasto intervenuto al MIIX, situato altrove,

        sicuramente ci deve essere stata un'altra

        ragione. Curioso, a questo punto, di sapere

        quale, anche se la seconda volta, per fortuna,
        il

        massimo che ho avuto modo di subire è stato un

        leggero rallentamento. Ovviamente, gli attori

        nominati, sono benvenuti nel caso volessero

        aggiungere ulteriori

        informazioni.



        Saluti a tutti, e visitate BELLISINASCE.IT se vi

        capita, è uno dei siti più belli del mondo!

        ;)



        James

        webmaster di www.bellisinasce.it

        mi sono arrivati due FAX da kpnqwest, il primo
        domenica sera sul tardi, per spiegarmi l'accaduto
        e devo dire che almeno hanno avuto boun senso per
        essersi scusati del
        disservizio.minchia due gustosissimi fax dopo due giorni quasi scusandosi per un accaduto che non doveva avvenireah beh che meraviglia! :D
        comunque sia, questa io la chiamo SERIETA', altro
        che certi carrozzoni.... (no
        name).Azzo se due fax dopo un giorno lo chiami serieta' sei un cliente che vorrebbero tutti...
    • ilgioa scrive:
      Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
      comunque penso si possa imparare una lezione da questa vicenda: in italiano si scrive "rele'" e non "relais".;-)
      • Spectator scrive:
        Re: CA**ATE CLAMOROSE. ECCO COME E' ANDATA.
        - Scritto da: ilgioa
        comunque penso si possa imparare una lezione da
        questa vicenda: in italiano si scrive "rele'" e
        non
        "relais".
        ;-)no in questo caso si puo chiamare relais come "relais le giarden" perche' questi i camerieri li manderei a fare :D
  • carobeppe scrive:
    Beh c'è di peggio
    Tutto sommato 98 minuti su 60.000 ore credo che possano essere trascurabili come danno...
    • uffaaaa scrive:
      Re: Beh c'è di peggio
      ti faccio un paragone idiota... se su sessantamila ore tu non respiri anche solo per 10 minuti... beh vabé :)ok il paragone è azzardato, però pensa a banche, centri di ricerca, ospedali... per loro la rete è importantissimamagari avran linee dedicate dirette e indipendenti dall'internet, magari no...
      • Paolino scrive:
        Re: Beh c'è di peggio
        - Scritto da: uffaaaa
        ti faccio un paragone idiota... se su
        sessantamila ore tu non respiri anche solo per 10
        minuti... beh vabé
        :)
        ok il paragone è azzardato, però pensa a banche,
        centri di ricerca, ospedali... per loro la rete è
        importantissimaMa mica erano senza connessione...
        magari avran linee dedicate dirette e
        indipendenti dall'internet, magari
        no...E per cosa?
        • ezio scrive:
          Re: Beh c'è di peggio
          non so come stanno le cose in Piemonte..ma una rete medica di emergenza su internet, senza una linea dedicata, non sarebbe tanto seria.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Alla faccia dell'Atomica !!!
    E pensare che chi sostiene ancora che Internet sia una rete senza strutture nevralgiche in grado di sopportare attacchi atomici !!!Ahahaahahhaahha ! E io sono Pippo Baudo !
    • Paolino scrive:
      Re: Alla faccia dell'Atomica !!!
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      E pensare che chi sostiene ancora che Internet
      sia una rete senza strutture nevralgiche in grado
      di sopportare attacchi atomici
      !!!Infatti e' cosi', a parte problemi ovvi problemi strutturali.E' ovvio che il traffico eccessivo in assenza dei nodi centrali crea problemi, ma la rete non e' certo collassata.
      Ahahaahahhaahha ! E io sono Pippo Baudo !Beh, contento tu.
    • ... scrive:
      Re: Alla faccia dell'Atomica !!!
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      E pensare che chi sostiene ancora che Internet
      sia una rete senza strutture nevralgiche in grado
      di sopportare attacchi atomici
      !!!

      Ahahaahahhaahha ! E io sono Pippo Baudo !Ti sbagli: nessuno ha mai detto una cosa simile. E se qualcuno l'ha detto e' ignorante.Il protocollo IPv4 (o meglio i protocolli di instradamento) sono stati progettati per evitare i nodi malfunzionanti. Ovviamente ci deve essere una certa ridondanza perche' cio' funzioni...Al MIX credi che negli ultimi 7 anni sia andato tutto liscio? Avranno avuto almeno un centinaio di guasti, ma la connettivita' e' sempre stata preservata, proprio grazie a cio' che stai denigrando (e utilizzando).Ciao Pippo!
    • Pippo Baudo scrive:
      Re: Alla faccia dell'Atomica !!!
      Arpanet magari era una rete resistente agli attacchi atomici. Era una rete magliata di un solo "operatore". Ora ci sono migliaia di operatori (mi pare stiamo oltre i 40000 Autonomous Systems) ed è impensabile che gli operatori interconnettano tanto le loro reti a formare un unica rete magliata. Ed ecco che entrano in gioco i vari Internet Exchange, gli accordi di peering ecc.ecc che alla fine sono caratterizzati da single point of failures.Inoltre le reti magliate ci sono solo in USA, in europa gli operatori mantengono una rete gerarchica (telefonia docet) e non hanno alcuna intenzione di modificare tale politica. Quindi no, internet non è resistente ad un attacco atomico.... ma non è colpa degli algoritmi di routing ma è colpa di come si è evoluta la rete
    • nome e cognome scrive:
      Re: Alla faccia dell'Atomica !!!
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      E pensare che chi sostiene ancora che Internet
      sia una rete senza strutture nevralgiche in grado
      di sopportare attacchi atomici
      !!!

      Ahahaahahhaahha ! E io sono Pippo Baudo !Infatti la rete non si è fermata, ne è diminuita drasticamente la capacità. Ma in caso di guerra atomica sicuramente diminuirebbe la richiesta di banda, e anche se restassi vivo scaricare in streaming da pornodive.com non sarebbe la tua maggior preoccupazione.
      • Geek scrive:
        Re: Alla faccia dell'Atomica !!!
        e anche se restassi vivo scaricare in
        streaming da pornodive.com non sarebbe la tua
        maggior
        preoccupazione.Eh già...e se rimango da solo nel bunker anti-atomico che faccio per tutto il tempo ? :-P
        • mik.fp scrive:
          Re: Alla faccia dell'Atomica !!!
          - Scritto da: Geek
          e anche se restassi vivo scaricare in

          streaming da pornodive.com non sarebbe la tua

          maggior

          preoccupazione.

          Eh già...e se rimango da solo nel bunker
          anti-atomico che faccio per tutto il tempo ?
          :-PUsi l'immaginazione... :P
  • emmeesse scrive:
    Funzionate bene
    "Quest'ultima interruzione - spiegano gli uomini del MIX - è stata causata da un errore umano nell'installazione, ma gli impianti tecnologici sono comunque sovradimensionati rispetto alle necessità correnti e garantiscono la continuità del servizio anche in caso di black out elettrici prolungati come già accaduto nel 2003 in occasione del black out nazionale e come in altre occasioni passate, giustamente, inosservate".Beh, se c'era un black out NAZIONALE, chi caspita aveva un computer funzionante per navigare?ci credo che tali occasioni passano inosservate...
    • marietto2008 scrive:
      Re: Funzionate bene
      la notizia e' stata scritta con cosi' tanta precisione che sembra che sia piu' importante della morte di 23.000 persone in birmania.
      • Paolino scrive:
        Re: Funzionate bene
        - Scritto da: marietto2008
        la notizia e' stata scritta con cosi' tanta
        precisione che sembra che sia piu' importante
        della morte di 23.000 persone in
        birmania.Forse non ti sei accorto che si parlava d'altro...
    • Paolino scrive:
      Re: Funzionate bene
      - Scritto da: emmeesse
      "Quest'ultima interruzione - spiegano gli uomini
      del MIX - è stata causata da un errore umano
      nell'installazione, ma gli impianti tecnologici
      sono comunque sovradimensionati rispetto alle
      necessità correnti e garantiscono la continuità
      del servizio anche in caso di black out elettrici
      prolungati come già accaduto nel 2003 in
      occasione del black out nazionale e come in altre
      occasioni passate, giustamente,
      inosservate".

      Beh, se c'era un black out NAZIONALE, chi caspita
      aveva un computer funzionante per
      navigare?Hai mai sentito parlare di batterie? :)Forse chi ha un portatile avevo il fatidico computer funzionante malgrado il black-out, cioe' circa la meta' dei pc venduti...

      ci credo che tali occasioni passano inosservate...Ci credo che non hai capito...
      • Edo scrive:
        Re: Funzionate bene

        Hai mai sentito parlare di batterie?SorrideCome fai a navigare in internet se tutte le centraline sono down? (Compreso il tuo router)
        • ospedale scrive:
          Re: Funzionate bene
          Vero, l'utente consumer non naviga, ma pensa ad esempio ad infrastrutture critiche tipo ospedali, forze dell'ordine, ecc..Per loro il 99.99999999999999% e' vitale.Quindi meglio cosi'.purtroppo gli errori umani capitano, anche se in strutture in cui il canone e' cosi' caro mi aspetterei maggiore cura, ma puo' capitare.
        • uffaaaa scrive:
          Re: Funzionate bene
          le centraline hanno, spero, degli UPS... e non tutti han router, esistono ancora i modem usb :)
          • ssS scrive:
            Re: Funzionate bene
            - Scritto da: uffaaaa
            le centraline hanno, spero, degli UPS... e non
            tutti han router, esistono ancora i modem usb
            :)arrampicarsi sugli specchi
          • pluto scrive:
            Re: Funzionate bene
            la mia di centralina ha un Router e pure con l'UPS su tutto l'apparato di connettivita!e all'UPS c'è collegato anche l'adattatore VOIP attaccato a un centralino telefonico anch'esso con un suo UPSguarda un pò:P
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Funzionate bene
          - Scritto da: Edo

          Hai mai sentito parlare di batterie?Sorride
          Come fai a navigare in internet se tutte le
          centraline sono down? (Compreso il tuo
          router)Con gli UPS.
        • ... scrive:
          Re: Funzionate bene

          Come fai a navigare in internet se tutte le
          centraline sono down? (Compreso il tuo
          router)Il mio router, come pure il pc e' sotto gruppo di continuita' All'occorrenza avevo pure il portatile (con 4.5 ore di autonomia) connesso col cellulare.Paradossalmente ho avuto molti piu' problemi quando vennero colpite le torri (i collegamenti transoceanici che passavano proprio li' sotto).
          • a n o n i m o scrive:
            Re: Funzionate bene
            - Scritto da: ...

            Come fai a navigare in internet se tutte le

            centraline sono down? (Compreso il tuo

            router)

            Il mio router, come pure il pc e' sotto gruppo di
            continuita' All'occorrenza avevo pure il
            portatile (con 4.5 ore di autonomia) connesso col
            cellulare.

            Paradossalmente ho avuto molti piu' problemi
            quando vennero colpite le torri (i collegamenti
            transoceanici che passavano proprio li'
            sotto).e il dDos per digg effect conseguente ha fatto il resto :s
        • Paolino scrive:
          Re: Funzionate bene
          - Scritto da: Edo

          Hai mai sentito parlare di batterie?Sorride
          Come fai a navigare in internet se tutte le
          centraline sono down? (Compreso il tuo
          router)La domanda era:" chi aveva un computer funzionante?"Dopo la spiegazione sul post precedente, alla tua domanda hanno gia' risposto...
    • uffaaaa scrive:
      Re: Funzionate bene
      beh bastava un portatile =D
    • Vic scrive:
      Re: Funzionate bene
      - Scritto da: emmeesse
      "Quest'ultima interruzione - spiegano gli uomini
      del MIX - è stata causata da un errore umano
      nell'installazione, ma gli impianti tecnologici
      sono comunque sovradimensionati rispetto alle
      necessità correnti e garantiscono la continuità
      del servizio anche in caso di black out elettrici
      prolungati come già accaduto nel 2003 in
      occasione del black out nazionale e come in altre
      occasioni passate, giustamente,
      inosservate".

      Beh, se c'era un black out NAZIONALE, chi caspita
      aveva un computer funzionante per
      navigare?

      ci credo che tali occasioni passano inosservate...Forse passano inosservate per chi naviga da casa per leggere punto-informatico... per chi ha un sito di e-commerce che vende servizi magari a clienti che stanno principalmente negli stati uniti, ti posso garantire che avere server e connettivita' che stanno in piedi anche quando in italia c'e' il blackout e' un bel risultato.Anche se si fa fatica, la rete la si deve pensare su scala mondiale e con disponibilita' 24 ore su 24....Vic
      • frk scrive:
        Re: Funzionate bene
        Senza pensare ai clienti in USA bastava anche che stessero su per fare accedere gli utenti sardi. Vi ricordo che in Sardegna il Black Out non c'è stato.:-)
  • emmeesse scrive:
    "preoccupa" ???
    A me mi terrorizza.Pensate alla possibilita' "fisica" di controllo su una rete cosi' strutturata...
    • asdolo scrive:
      Re: "preoccupa" ???
      - Scritto da: emmeesse
      A me mi terrorizza.

      Pensate alla possibilita' "fisica" di controllo
      su una rete cosi'
      strutturata... a me mi? .... ti serve uno zingarelli per un rapido ripasso di grammatica?
  • s0Nk scrive:
    MA LEI LO SA....
    cosa vuol direstare senza rete per un'ora????? :@
    • Mauro Marrone scrive:
      Re: MA LEI LO SA....
      Ma tu lo sai che un ufficio con 10 persone che lavorano on-line per un'ora di blocco costa 700 euro (ad andare bene) lo stesso anche se stanno a fissare lo schermo vuoto??E non parliamo del capoufficio che da solo ne costa almeno 150 all'ora....(le cifre sono comprensive di contributi chiaramente)Oramai le aziende come quella in cui lavoro utilizzano software decentrati su piattaforme on-line in cui vi sono i classici database e gli applicativi...Se il blocco dura più di un'ora tocca andare tutti a casa in ferie per quel giorno....
Chiudi i commenti