Più vicine le celle solari avvolgibili

Una start-up americana ha annunciato di essere ormai vicina al lancio delle prime applicazioni commerciali di una tecnologia che permette la costruzione di celle fotovoltaiche arrotolabili. Il Sole in un taschino

Lowell (USA) – Dopo anni di sviluppo, le celle fotovoltaiche flessibili sembrano finalmente pronte per divenire una realtà commerciale e infilarsi nel taschino dei consumatori.

La statunitense Konarka Technologies , una delle società che hanno investito maggiormente nella ricerca di nuovi materiali fotovoltaici flessibili, si è detta ormai vicina alla commercializzazione, entro l’anno, delle sue prime celle solari basate su sottili fogli di materiale plastico. La loro caratteristica peculiare è quella di poter essere arrotolate e riposte in un astuccio non più grande di una penna.

A differenza delle celle tradizionali, basate su cristalli di silicio, quelle sviluppate da Konarka utilizzano materiali 1.000 volte più piccoli del diametro di un capello. Alla base delle celle solari vi sono nanotecnologie per certi versi simili a quelle che, nel settore dei display, stanno portando alla realizzazione dell’e-paper.

Oltre alla flessibilità, la società americana sostiene che l’altro grande vantaggio legato alle celle flessibili è dato dai bassi costi di produzione: a differenza dei prodotti di prima e seconda generazione, che richiedono componenti e metodologie di fabbricazione particolarmente costosi, le celle plastiche fanno uso di componenti più economici e possono essere prodotte in grandi volumi sotto forma di lunghi nastri.

Questa nuova generazione di celle ben si presta, secondo l’azienda, ad alimentare una vasta gamma di dispositivi a basso consumo, tra cui telefoni cellulari, PDA, player MP3, notebook e reti di sensori. Tale tecnologia non è destinata a rimpiazzare le batterie ricaricabili o, in futuro, le fuel cell, ma a fornire una fonte d’energia complementare attraverso cui mantenere in carica i propri dispositivi anche quando si è lontani da una presa di corrente. In futuro questa operazione potrebbe essere semplificata da un’evoluzione delle celle flessibili che, sotto forma di una pellicola molto sottile, saranno utilizzabili per rivestire il guscio plastico di un dispositivo.

Lo scorso mese le filiali svizzere e austriache di Konarka sono entrate a far parte di un consorzio di aziende e università voluto dall’Unione Europea per lo sviluppo, il test e la produzione di nuovi tipi di celle fotovoltaiche organiche. Il progetto, chiamato MOLYCELL, ha l’obiettivo di favorire l’adozione di una nuova fonte di energia che costi meno di 1 euro per watt (si veda a tal proposito il comunicato di Konarka ).

Una delle altre fonti di energia che nei prossimi anni sembra destinata a riscuotere un certo successo, ponendosi eventualmente come sostituto delle batterie ricaricabili, è rappresentata dalle fuel cell al metanolo. Da qualche tempo si rincorrono gli annunci di vari produttori circa lo sviluppo di celle a combustibile sempre più piccole e leggere, adatte ad essere integrate anche nei dispositivi più piccoli, come notebook o persino telefoni cellulari.

L’ultimo annuncio, di questi giorni, proviene da Toshiba , uno dei maggiori player di questo settore della ricerca. Il colosso giapponese ha detto di aver costruito un prototipo di fuel cell che misura appena 22 x 45 millimetri e che pesa meno di 9 grammi. Toshiba sostiene che la cella è abbastanza piccola da poter essere integrata in un telefono mobile e abbastanza efficiente da poter alimentare, con una sola carica, un player MP3 per 20 ore consecutive. I primi prodotti commerciali sono attesi sul mercato nel corso del 2005.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: magari disponibile anche su CF / SD....
    le memorie ferromagnetiche di questo tipo hanno densità dell'ordine di 10^12 o 10^15 bit/cm^2. Sono non volatili e veloci. Mi azzarderei a dire che, assemblate in un certo modo, potrebbero pure sostituire gli Hard DiskSolaris
  • avvelenato scrive:
    Re: Ritorno al futuro
    - Scritto da: ElfQrin
    - Scritto da: Anonimo


    Ecco le memorie magnetiche:



    Il principio è del tutto diverso.

    eh, qui mi sa che istituirò il
    "Premio Jenkins"
    (punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=65376

    meglio il senso dell'umorismo di Jenkins, che quello di Groucho... almeno imho :D
  • ElfQrin scrive:
    Re: Ritorno al futuro
    - Scritto da: Anonimo

    Ecco le memorie magnetiche:

    Il principio è del tutto diverso.eh, qui mi sa che istituirò il "Premio Jenkins" (http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=653767 )==================================Modificato dall'autore il 05/07/2004 13.48.55
  • Anonimo scrive:
    Cariche magnetiche!?!
    "A differenza delle memorie RAM tradizionali, che utilizzano cariche elettriche per memorizzare i dati, le MRAM utilizzano cariche magnetiche."Le cariche magnetiche non esistono!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: finalmente

    Intendi dire che la scrittura dei dati
    avviene continuamente, in tempo reale, e che
    quindi in ipotesi si blackout avremmo cmq
    memorizzato persino l'ultimo carattere
    digitato?Sì. La MRAM andrò a sostituire non il disco rigido, bensì la RAM. Le RAM di oggi (chiamate "RAM dinamiche") memorizzano l'informazione sotto forma di carica elettrica in un condensatore. Tuttavia, a causa delle inevitabili perdite, i condensatori si scaricano in una frazione di secondo, e quindi devono essere periodicamente letti e riscritti (operazione chiamata "refreshing") per ripristinare i dati. Questo consuma tempo (durante il refresh le operazioni di lettura e scrittura devono venire temporaneamente sospese) e corrente; inoltre se si toglie l'alimentazione il refresh non viene eseguito e i dati vengono persi. Le MRAM invece, oltre ad essere più veloci, non si "scaricano", e di conseguenza quando accenderemo il PC troveremo subito tutti i programmi e i documenti aperti come li avevamo lasciati.Oltre alle MRAM si stanno studiando anche le FeRAM, basate su un principio chiamato "ferroelettricità". Alcuni materiali, in particolare certi tipi di ossidi, presentano una polarizzazione elettrica permanente, e questo può venire usato per realizzare memorie. Tuttavia le FeRAM presentano ancora dei problemi, per cui dovremo aspettare ancora molto tempo prima che appaiano sul mercato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ritorno al futuro

    Ecco le memorie magnetiche:Il principio è del tutto diverso. Quelle che hai mostrato sono memorie a nuclei di ferrite, ed esistevano in passato anche le cosiddette "memorie a bolle magnetiche". Le MRAM invece usano un dispositivo denominato "Magnetic Tunnel Junction", che sfrutta l'effetto tunnel quantistico e a differenza dei precedenti può essere integrato in un chip.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo




    Una quindicina di anni fa, quando si

    vedevano ancora i floppy da 5"1/4, un
    mio

    amico appassionato di autocostruzione di

    diffusori acustici, e alquanto
    disordinato,

    la prova l'ha fatta sul serio mettendo
    un

    floppy in cima ad una pila di riviste, e

    fogli vari. Infine ha messo sopra a mo'
    di

    fermacarte un bel altoparlante non
    ricordo

    se da 250 o da 320 mm, ovviamente
    appoggiato

    per il magnete (per non rovinare il

    cono....), del peso di alcuni kg, che

    risultava quindi perfettamente a
    contatto

    del floppy....

    Ci sarebbe un dettagliuccio... gli HD,
    soprattutto SCSI, sono "vestiti" un po'
    meglio di un misero floppettino.
    Per "l'esperimento" basta poi mettere un
    floppy SOPRA un banale monitor CRT, non
    c'è bisogno di andare lontano. Il
    magnetismo del giogo di deflessione basta e
    avanza.C'è un'altro piccolo dettaglio trascurabile... il tuo "vestito" di certo non ferma un campo magnetico....Semmai c'è da dire che il contenitore tiene più lontani i piatti da eventuali magneti esterni, inoltre la magnetizzazione dei piatti è ben superiore a quella di un floppy.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo

    Una quindicina di anni fa, quando si
    vedevano ancora i floppy da 5"1/4, un mio
    amico appassionato di autocostruzione di
    diffusori acustici, e alquanto disordinato,
    la prova l'ha fatta sul serio mettendo un
    floppy in cima ad una pila di riviste, e
    fogli vari. Infine ha messo sopra a mo' di
    fermacarte un bel altoparlante non ricordo
    se da 250 o da 320 mm, ovviamente appoggiato
    per il magnete (per non rovinare il
    cono....), del peso di alcuni kg, che
    risultava quindi perfettamente a contatto
    del floppy....Ci sarebbe un dettagliuccio... gli HD, soprattutto SCSI, sono "vestiti" un po' meglio di un misero floppettino. Per "l'esperimento" basta poi mettere un floppy SOPRA un banale monitor CRT, non c'è bisogno di andare lontano. Il magnetismo del giogo di deflessione basta e avanza.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo
    un altro cagaca77o purista linguista.

    "Lo stupido guarda il dito, non quello che
    indica il dito".

    Tu guardi il dito.Ehm, "Quando il dito indica la luna, lo stolto guarda il dito". Antico plovelbio cinese.Della frase incriminata non si capisce nemmeno il senso. Per cui a me sembra giusto che qualcuno chieda chiarimenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: avvelenato
    - Scritto da: Anonimo

    Sai com'è..non è che giri
    con

    dei magneti di 4Kg in tasca tutti i
    giorni

    :D



    L'unica cosa che "suona" quando vado in
    giro

    è la porta della banca quando
    cerco

    di entrare..



    Si prega di depositare tutti gli oggetti

    metallici nella cassettiera :p



    ma è il cellulare :$



    ~YrA

    provaci allora, prima di fare certi post.
    (basta benissimo un magnete estratto da una
    cassa)Una quindicina di anni fa, quando si vedevano ancora i floppy da 5"1/4, un mio amico appassionato di autocostruzione di diffusori acustici, e alquanto disordinato, la prova l'ha fatta sul serio mettendo un floppy in cima ad una pila di riviste, e fogli vari. Infine ha messo sopra a mo' di fermacarte un bel altoparlante non ricordo se da 250 o da 320 mm, ovviamente appoggiato per il magnete (per non rovinare il cono....), del peso di alcuni kg, che risultava quindi perfettamente a contatto del floppy....Il programma ovviamente me lo ha fatto vedere un'altra volta....
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare

    Io infatti mi preoccupo anche del non
    passare l'aspirapolvere vicino al
    computer... non si sa mai...Hai paura di rovinare l'aspirapolvere?
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare


    Se non sbaglio gli HD sono supporti

    magnetici.

    E non ricordo di avere perso un solo
    bit per

    colpa di una calamita.



    Ciao

    gliene hai mai avvicinata una potente? Hai mai aperto un HD? Al suo interno ha uncampo magnetico a dir poco bestiale. Le calamite delle casse sono nulla in confronto.Piuttosto le memorie magnetiche sono da considerare alla stregua delle tessere magnetiche. Quindi alla larga dai telefonini ...
  • avvelenato scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo
    Sai com'è..non è che giri con
    dei magneti di 4Kg in tasca tutti i giorni
    :D

    L'unica cosa che "suona" quando vado in giro
    è la porta della banca quando cerco
    di entrare..

    Si prega di depositare tutti gli oggetti
    metallici nella cassettiera :p

    ma è il cellulare :$

    ~YrAprovaci allora, prima di fare certi post.(basta benissimo un magnete estratto da una cassa)
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo
    Tu guardi il dito.Tu invece preferisci guardare la cappella, vero manfruita ?Si deve almeno CAPIRE quello che uno scrive, pezzo d'asino.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    Sai com'è..non è che giri con dei magneti di 4Kg in tasca tutti i giorni :DL'unica cosa che "suona" quando vado in giro è la porta della banca quando cerco di entrare..Si prega di depositare tutti gli oggetti metallici nella cassettiera :pma è il cellulare :$~YrA
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    un altro cagaca77o purista linguista."Lo stupido guarda il dito, non quello che indica il dito".Tu guardi il dito.
  • avvelenato scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    le memorie magnetiche soffrono la
    vicinanza

    delle calamite



    in un dispossitivo portatile le cancelli

    come se nulla fosse cosa che non si puo
    fare

    con le mormali memorie

    flash

    Se non sbaglio gli HD sono supporti
    magnetici.
    E non ricordo di avere perso un solo bit per
    colpa di una calamita.

    Ciaogliene hai mai avvicinata una potente?
  • Anonimo scrive:
    Re: magari disponibile anche su CF / SD....
    - Scritto da: avvelenato
    c'è qualche speranza di vedere questo
    tipo di memoria implementato in un package
    di tipo cf o sd o insomma uno dei tanti
    babilonici standard apparsi?

    o hanno dei requisiti d'alimentazione
    talmente differenti da non poter essere in
    alcun modo compatibili con le
    apparecchiature odierne?


    io non credo, quindi se non appariranno
    moduli cf o sd che utilizzino questa memoria
    sarà probabilmente più per
    ragioni di marketing e di nessun guadagno
    prestazionale utile (forse una
    velocità superiore alle attuali
    disponibili può servire in ambiti
    come la fotografia ad alta risoluzione o la
    sostituzione di hdd in sistemi embedded);
    forse verrà prima utilizzata in vece
    della costosa strataflash che accompagna i
    pda odierni (che mi pare sia anch'essa non
    poco veloce, tuttavia)Da come descritto nell'articolo, sembra che non ci siano limiti. Leggendolo mi sono venute subito in mente le memory card. Veloci, statiche e consumano poco ... forse la miniaturizzazione potrebbe essere l'unico problema.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo
    le memorie magnetiche soffrono la vicinanza
    delle calamite

    in un dispossitivo portatile le cancelli
    come se nulla fosse cosa che non si puo fare
    con le mormali memorie
    flashSe non sbaglio gli HD sono supporti magnetici.E non ricordo di avere perso un solo bit per colpa di una calamita.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: finalmente
    esatto
  • Anonimo scrive:
    Re: finalmente
    - Scritto da: Anonimo
    finalmente avremo una sospensione del pc
    decente con un accensione pressochè
    instantanea,per non parlare dei documenti
    salvati da un black-out.era ora.(linux)Intendi dire che la scrittura dei dati avviene continuamente, in tempo reale, e che quindi in ipotesi si blackout avremmo cmq memorizzato persino l'ultimo carattere digitato?
  • Anonimo scrive:
    Una volta c'era quella a toroidi
    magnetici. Tranquilli che tra 20 anni ci sarà un'ulteriore innovazione: le memorie basate su condensatori
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: The Raptus
    Di A-Magnetico non ricordo nullaAllora hai una buona occasione per imparare qualcosa: http://www.procontrol-ndt.com/Indotte.htm
    ma ti assicuro (vedi
    induzione!) che anche per le flash
    c'è cose le può. friggere.Potresti riscrivere quest'ultima frase in italiano ?
  • ElfQrin scrive:
    Ritorno al futuro
    Ecco le memorie magnetiche::Dhttp://www.vintagecalculators.com/html/casio_al-1000.htmlFoto:http://www.vintagecalculators.com/assets/images/CasioAL1000_5.JPGhttp://www.vintagecalculators.com/assets/images/CasioAL1000_6.JPG
  • Anonimo scrive:
    finalmente
    finalmente avremo una sospensione del pc decente con un accensione pressochè instantanea,per non parlare dei documenti salvati da un black-out.era ora.(linux)
  • Anonimo scrive:
    E in italia?
    invece di fare le memorie magnetiche facciamo il digitale terrestre e il decreto urbani. E io a Minchiago Gentile (como) non ho ancora l'ADSL. E continuano a spendere soldi per la banda larga ma mio cugino a Berlino ha le prese gigabit attaccate alle tubature del gas..aaaaaaaaaaaaaa
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    E una grandissima azienda con migliaia di cervelli investe milioni di $ per una tecnologia che non vale un c...Mi sembra che il problema lo avranno affrontato, o no?Avranno fatto qualche anno di testing, o no?.. ....
  • The Raptus scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    ... A parte il fatto che io fisica l'ho insegnata, anche se molto tempo fa, i materiai si dividevano in 3, ferroM, paraM, diaM.Di A-Magnetico non ricordo nulla, a meno che non sia qualcsa di simile, un sinonimo o un "modo di dire". Senz'altro significa "scarsamente magnetizzabile" http://www.demauroparavia.it/4669ma ... non c'entra assolutamente. Un campo magnetico forte (e non costante!) può essere un problema, ma ti assicuro (vedi induzione!) che anche per le flash c'è cose le può. friggere.Un saluto a tutti.
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    le memorie magnetiche soffrono la
    vicinanza

    delle calamite

    Diciamo che un bel 2 in fisica te lo sei
    ampiamente meritato. Torna pure a posto.

    Nell'aerospaziale si schermano i singoli
    chip perfino contro le radiazioni cosmiche,E ti credo !!!!!!
    ci vuol nulla a proteggere un volume di
    pochi mm cubici dai campi magnetici. SenzaGià....Basta una gabbia di materiale superconduttore.........il tutto ovviamente immerso nell'azoto liquido...
  • avvelenato scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    le memorie magnetiche soffrono la
    vicinanza

    delle calamite

    Diciamo che un bel 2 in fisica te lo sei
    ampiamente meritato. Torna pure a posto.

    Nell'aerospaziale si schermano i singoli
    chip perfino contro le radiazioni cosmiche,
    ci vuol nulla a proteggere un volume di
    pochi mm cubici dai campi magnetici. Senza
    contare che, ai primordi della storia dei
    calcolatori, si utilizzavano (ma guarda un
    po'...) memorie a nuclei magnetici.

    Compito per casa: fare una ricerchina sulle
    proprietà della materia, con ampio
    riguardo ai termini "diamagnetico" e
    "amagnetico".molto interessante il post, molto saccente l'autore.
  • avvelenato scrive:
    magari disponibile anche su CF / SD....
    c'è qualche speranza di vedere questo tipo di memoria implementato in un package di tipo cf o sd o insomma uno dei tanti babilonici standard apparsi?o hanno dei requisiti d'alimentazione talmente differenti da non poter essere in alcun modo compatibili con le apparecchiature odierne?io non credo, quindi se non appariranno moduli cf o sd che utilizzino questa memoria sarà probabilmente più per ragioni di marketing e di nessun guadagno prestazionale utile (forse una velocità superiore alle attuali disponibili può servire in ambiti come la fotografia ad alta risoluzione o la sostituzione di hdd in sistemi embedded); forse verrà prima utilizzata in vece della costosa strataflash che accompagna i pda odierni (che mi pare sia anch'essa non poco veloce, tuttavia) avvelenato fiducioso in un futuro dove la durata della batteria non debba esser più una costante paranoia
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare
    - Scritto da: Anonimo
    le memorie magnetiche soffrono la vicinanza
    delle calamiteDiciamo che un bel 2 in fisica te lo sei ampiamente meritato. Torna pure a posto.Nell'aerospaziale si schermano i singoli chip perfino contro le radiazioni cosmiche, ci vuol nulla a proteggere un volume di pochi mm cubici dai campi magnetici. Senza contare che, ai primordi della storia dei calcolatori, si utilizzavano (ma guarda un po'...) memorie a nuclei magnetici.Compito per casa: fare una ricerchina sulle proprietà della materia, con ampio riguardo ai termini "diamagnetico" e "amagnetico".
  • Anonimo scrive:
    Re: perche sono facili da cancellare ?
    basta proteggerle con una struttura anti magnetica.
  • Anonimo scrive:
    perche sono facili da cancellare
    le memorie magnetiche soffrono la vicinanza delle calamitein un dispossitivo portatile le cancelli come se nulla fosse cosa che non si puo fare con le mormali memorieflash
Chiudi i commenti