Più vicino il brevetto del download

L'azienda che vuole una royalty dai sistemi di download ha ottenuto un primo via libera dal tribunale. In una causa si decide un pezzo del futuro dell'ebusiness


Web – Nel turbinio di brevetti internet che stanno agitando in queste ore il settore arriva il clamoroso caso di SightSound Technologies, azienda che intende far valere il proprio brevetto sulla vendita di contenuti digitali via internet, brevetto che ha già superato in tribunale un primo importante passo.

SightSound ha denunciato CDnow , il popolare shop online di Bertelsmann, e ora ottenuto dal tribunale una decisione preliminare che gli consente la possibilità di far valere al processo un brevetto del 1992 che copre le tecniche “per la vendita e la distribuzione di segnali video e audio digitali” quando effettuate “su una linea di telecomunicazione”.

I rappresentanti dell’azienda hanno spiegato che la causa contro CDnow è di primario interesse, facendo così intendere che qualora il tribunale riconosca come valida l’accusa di SightSound secondo cui CDnow viola il proprio brevetto, allora potrebbe partire una lunga serie di altre denunce.

Sul piano “tecnico”, qualora il processo che si aprirà prossimamente sul caso si concluda con la sconfitta di CDnow, è evidente che questa tenterà la via dell’appello. Questo significa che, in ogni caso, passeranno anni prima che il brevetto di SightSound, qualora vittorioso, si traduca in maggiori costi per gli utenti internet.

Va detto che da anni un’altra azienda, E-Data, va in giro sostenendo di possedere il brevetto del download, brevetto che può spingere grazie alla sentenza di un tribunale americano e al pregresso: alcune importanti aziende come IBM hanno infatti raggiunto accordi con E-Data per l’uso di certe tecnologie di download…

Il momento per i brevetti hi-tech legati ad internet è caldissimo. British Telecom sta rincorrendo i provider americani sostenendo di possedere il brevetto dell’ipertesto, Amazon.com possiede quello che consente di “cliccare e comprare” in un colpo solo e Intouch Group sostiene di possedere il brevetto del sistema che consente di offrire agli utenti qualche secondo di musica prima di offrire l’acquisto di un brano o di un CD…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e cosa mi consigliate per i newsgroup?
    come da subject
    • Anonimo scrive:
      Re: e cosa mi consigliate per i newsgroup?
      gravity (2.5 freeware)o supergravity (una versione sperimentale modificata meglio ancora)...;-0)oppure hamster o xnews (mi pare che anche xneas supporta server multipli) se vuoi prendere da server multipli...e un server mail/news freeware...e puoi prendere parti di uno stesso post da piu server...e una figata...;-0)- Scritto da: Vertigo
      come da subject
  • Anonimo scrive:
    Non rispondete a VERITAS
    Perderete tempo, e' chiaramente un TROLLNon puo' veramente credere in quello che scrive,lasciate perdere.
  • Anonimo scrive:
    Alternativa ad OE
    http://www.kaufmansoft.com/E' un programma molto semplice e compatto (750KB di download e non serve neanche installarlo!)Ha un solo difetto... non può importare la posta da nessuno...
    • Anonimo scrive:
      Re: Alternativa ad OE
      - Scritto da: A.C.
      http://www.kaufmansoft.com/
      E' strabacato.Mi ha perso la mail piu' volte.Con questo non voglio dire di usare Outlookma ci sono alternative migliori.
      • Anonimo scrive:
        Re: Alternativa ad OE

        Con questo non voglio dire di usare Outlook
        ma ci sono alternative migliori.Eudora....oppure PC-Pine per i fanatici (come me)! =D
        • Anonimo scrive:
          Re: Alternativa ad OE
          - Scritto da: DYD666

          Con questo non voglio dire di usare

          Outlook ma ci sono alternative migliori.

          Eudora.Non mi piace, ha un'interfaccia a dir poco astrusa e per niente intuitiva, IMHO.Just in case: mai usato OE.
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            - Scritto da: A.C.

            Non mi piace, ha un'interfaccia a dir poco
            astrusa e per niente intuitiva, IMHO.

            Just in case: mai usato OE.Suggerisco Phoenix
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            Io ho sempre usato The Bat! Mai sentito?Paolo
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            - Scritto da: zarados
            Io ho sempre usato The Bat! Mai sentito?
            PaoloTheBat! non è bello. E' mitico. E' semplicemente il più bel mail client che abbia mai visto. Ho cercato disperatamente qualcosa di analogo su Linux, ma (e lo dice un Linux-fanatico, ve lo assicuro! ;-) non c'è un programma uno che gli tenga testa.Due difetti: non è open source e non è neppure freeware.Tra i programmi free, ho trovato molto interessante iScribe: è gratuito, minuscolo e per le dimensioni che ha perfino pienotto di feature interessanti.Io lo tengo su un floppy (non si installa e occupa meno di 400Kb) e me lo porto in giro per accedere alle mie caselle POP3 all'occorrenza.Su Linux sono un fanatico come te: Pine ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            - Scritto da: Maik
            Su Linux sono un fanatico come te: Pine ;-)pine e' una autentica schifezza. un codice con piu' di 4000 strcpy senza boundary checking promette ben di peggio di OE.
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE

            Tra i programmi free, ho trovato molto
            interessante iScribe: è gratuito, minuscolo
            e per le dimensioni che ha perfino pienotto
            di feature interessanti.Ha il problema di tenere sempre aperto il filedella mail. Se crascha win hai buone probabilita'di perdere la posta.Per reduce da 2 episodi, lo continuo ad usare :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            - Scritto da: Maik
            Due difetti: non è open source e non è
            neppure freeware.

            Tra i programmi free, ho trovato molto
            interessante iScribe: è gratuito, minuscolo
            e per le dimensioni che ha perfino pienotto
            di feature interessanti.Sì, ma gli manca la più importante... I FILTRI!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            troppa grafica ed effetti speciali...- Scritto da: zarados
            Io ho sempre usato The Bat! Mai sentito?
            Paolo
    • Anonimo scrive:
      Re: Alternativa ad OE E' un programma molto semplice e compatto
      (750KB di download e non serve neanche
      installarlo!)

      Ha un solo difetto... non può importare la
      posta da nessuno...
      • Anonimo scrive:
        Re: Alternativa ad OE l'ho usato finché ho avuto a casa una versione di windows.
        • Anonimo scrive:
          Re: Alternativa ad OE
          ottimo direi...



          l'ho usato finché ho avuto a casa una
          versione di windows.emulazione no ??? che ci stanno a fare wine & company ???e poi si parlava di client uindows...;-0)
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE uscita da un po la versione 4...


            ottimo direi...






            l'ho usato finché ho avuto a casa una

            versione di windows.
            emulazione no ??? che ci stanno a fare wine
            & company ???non sono necessari per questi scopi (in Linux). Ci sono molti altri programmi buoni di posta elettronica
            e poi si parlava di client uindows...e io riportavo la mia esperienza di uso di un client windows fino al momento in cui non ho avuto + bisogno dello stesso sistema poco-operativo windows
            ;-0)
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE di posta elettronica lo so ma io ho usato pegasus fin dalla versione 1, come netscape... ;-0)
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            Linux). Ci sono molti altri programmi
            buoni

            di posta elettronica
            lo so ma io ho usato pegasus fin dalla
            versione 1, come netscape...
            ;-0)e continui a usarlo sotto LINUX?con wine?che risultati hai?
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            versione 1, come netscape...

            ;-0)

            e continui a usarlo sotto LINUX?si perche no ???
            con wine?wmware...ma c'e qualcuno che ha detto che va anche con wine...anche se ha detto che va benissimo con alcune versioni di wine e male con altre...boh...;-0)
            che risultati hai?perfetto, wmware costa (troppo), ma direi che vale...ho la vecchia versione, quella nuova di wmware costa il doppio ma funziona anche con xp...almeno dicono...
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE lo so ma io ho usato pegasus fin dalla


            versione 1, come netscape...


            ;-0)



            e continui a usarlo sotto LINUX?
            si perche no ???


            con wine?
            wmware...ma c'e qualcuno che ha detto che va
            anche con wine...anche se ha detto che va
            benissimo con alcune versioni di wine e male
            con altre...boh...
            ;-0)


            che risultati hai?
            perfetto, wmware costa (troppo), ma direi
            che vale...
            ho la vecchia versione, quella nuova di
            wmware costa il doppio ma funziona anche con
            xp...almeno dicono...grazieche macchina hai?che risorse ci vogliono?
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE che risultati hai?

            perfetto, wmware costa (troppo), ma direi

            che vale...

            ho la vecchia versione, quella nuova di

            wmware costa il doppio ma funziona anche
            con

            xp...almeno dicono...

            grazie

            che macchina hai?

            che risorse ci vogliono?guarda la vecchia macchina un k6 500 con 256 di ram andava benissimo...poi non so dipende che uso ne fai...questo per uso normale...;-0)adesso sono passato ad un computer piu evoluto, ma la differenza non si vede tanto...cioe va come prima, non e piu veloce o piu lenta...poi non so, magari la nuova versione di wmware sara piu pesante (visto che fa funzionare anche winxp)...
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            che risultati hai?


            perfetto, wmware costa (troppo), ma
            direi


            che vale...


            ho la vecchia versione, quella nuova di


            wmware costa il doppio ma funziona
            anche

            con


            xp...almeno dicono...



            grazie



            che macchina hai?



            che risorse ci vogliono?
            guarda la vecchia macchina un k6 500 con 256
            di ram andava benissimo...poi non so dipende
            che uso ne fai...questo per uso normale...
            ;-0)
            adesso sono passato ad un computer piu
            evoluto, ma la differenza non si vede
            tanto...cioe va come prima, non e piu veloce
            o piu lenta...
            poi non so, magari la nuova versione di
            wmware sara piu pesante (visto che fa
            funzionare anche winxp)...grazie 10^3
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            resta ultima situazione: usare uindows ???
            ;-0)non è il mio caso, ma sto cercando soluzioni per qualcuno che ne ha bisogno, ma vuole usare comunque LINUX
          • Anonimo scrive:
            Re: Alternativa ad OE
            ;-0)

            non è il mio caso, ma sto cercando soluzioni
            per qualcuno che ne ha bisogno, ma vuole
            usare comunque LINUX;-0)anch'io uso poco software uindows (un paio, anche perche su linux c'e di tutto), ma ad alcuni come pegasus sono affezzionato...sono cresciuto insieme a loro...per quello...;-0)
  • Anonimo scrive:
    è una sciocchezza
    Come si fa a dire che i programmi Microsoft non aderiscono allo standard?! Forse dimenticano che i prodotti MS hanno una diffusione del 90% o più, e quindi sono essi stessi uno standard?! Basta che MS decida qualcosa e quel qualcosa diventa standard!Il problema, secondo me, non è questo: è che sono i prodotti più diffusi e quindi i disonesti si dedicano a danneggiare solo quei programmi!Se i prodotti più diffusi appartenessero ad un'altra casa, il nome del protagonista cambierebbe, ma non la sostanza del problema!
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      90% ? Mi sa che la sciocchezza la stai dicendo tu.Esci dalla homepage preimpostata di Virgilioogni tanto. Sai che si può navigare anche oltre alla pagina preimpostata vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: è una sciocchezza
        hai ragione, forse è anke più del 90%!!ti basta una statistica su 500.000.000 di visitatori fatta su gennaio 2002?http://www.thecounter.com/stats/2002/January/os.phpma ke razza di gente che c'è in giro! inkredibile!!
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      - Scritto da: Veritas
      Come si fa a dire che i programmi Microsoft
      non aderiscono allo standard?! Forse
      dimenticano che i prodotti MS hanno una
      diffusione del 90% o più, e quindi sono essi
      stessi uno standard?!Standard de facto non significa standard.Mai sentito parlare di organismi di standardizzazione? L'adesione agli standard definiti a livello globale non solo è essenziale per l'interoperabilità tra i vari soggetti che operano sul mercato (giustappunto, ciò che Microsoft vuole osteggiare), ma significa, spesso, rispettare delle regole per prevenire problemi ampiamente studiati. Microsoft ignora deliberatamente i risultati ottenuti da task force ben più competenti di loro, impone standard (de facto) non aderenti a standard ben più seri e a ciucciarci i danni siamo noi utenti.Il problema dell'ampia diffusione dei prodotti Microsoft aggrava la situazione, ma non è da sola la causa. Quando lo standard de facto era Unix (che aveva una più stretta osservanza degli standard) non solo si presentavano molti meno problemi, ma li si potevano affrontare alla radice in maniera più organica, non aggiungendo patch su patch come adesso fino a creare una tecnologia incoerente e confusa.
      • Anonimo scrive:
        Re: è una sciocchezza
        si ma gli rispondete anche???l'ha detto apposta, ha scritto una tale cagata di proposito, per prenderci per il c**o o simili... non ci credo che esiste gente che la pensa cosi'...bau
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      - Scritto da: Veritas
      Come si fa a dire che i programmi Microsoft
      non aderiscono allo standard?! Forse
      dimenticano che i prodotti MS hanno una
      diffusione del 90% o più, e quindi sono essi
      stessi uno standard?! Basta che MS decida
      qualcosa e quel qualcosa diventa standard!alla gente come te dovrebbero essere mozzate le dita, per evitareche vengano scritte certe scemenze....
      • Anonimo scrive:
        Re: è una sciocchezza
        - Scritto da: fDiskolo
        alla gente come te dovrebbero essere mozzate
        le dita, per evitare
        che vengano scritte certe scemenze....Esistono i sistemi di dettatura vocale..... ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      - Scritto da: Veritas
      Come si fa a dire che i programmi Microsoft
      non aderiscono allo standard?!Perché gli standard sono definiti da quelle cose chiamate RFC, che esistono da ben prima che M$ decidesse di far collegare ad Internet i proprio SO.
      • Anonimo scrive:
        Re: è una sciocchezza

        Perché gli standard sono definiti da quelle
        cose chiamate RFC, che esistono da ben prima
        che M$ decidesse di far collegare ad
        Internet i proprio SO.A dire il vero le RFC ci sono anche da primache M$ esistesse...
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      "Occorre fissare degli standard per affrontare il problema della perfezione."-- Le Corbusier, "Verso una Architettura"
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      Da uno che ha il coraggio di chiamarsi veritas, come se fosse la voce di Dio, mi aspetavo questo ed altro...
      • Anonimo scrive:
        Re: è una sciocchezza
        - Scritto da: Vertigo
        Da uno che ha il coraggio di chiamarsi
        veritas, come se fosse la voce di Dio,nooo: "in vino veritas" ^__-
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      - Scritto da: VeritassnipEvvai, un altro troll (o magari sempre lo stesso). Vediamo quanti gli rispondono.
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      Falso. Come una banconota da 27 euro e 3 centesimi.
    • Anonimo scrive:
      Re: è una sciocchezza
      - Scritto da: Veritas
      Come si fa a dire che i programmi Microsoft
      non aderiscono allo standard?! Forse
      dimenticano che i prodotti MS hanno una
      diffusione del 90% o più, e quindi sono essi
      stessi uno standard?! Basta che MS decida
      qualcosa e quel qualcosa diventa standard!è una caratteristica dei monopoli
      Il problema, secondo me, non è questo: è che
      sono i prodotti più diffusi e quindi i
      disonesti si dedicano a danneggiare solo
      quei programmi!non hai alcun dato numerico a sostegno di questa dicerìa.
      Se i prodotti più diffusi appartenessero ad
      un'altra casa, il nome del protagonista
      cambierebbe, ma non la sostanza del
      problema!stai usando il solito condizionale di chi non ha argomenti sottoponibili a un qualche testle tue teorie sono non-falsificabili, e quindi non scientifiche
Chiudi i commenti