Piccola scossa per l'ultimo miglio

Gli operatori risparmieranno il 25 per cento circa nel pagare Telecom Italia per accedere ai collegamenti dell'ultimo miglio, gli unici che possono consentire agli utenti di abbandonare Telecom. Basterà?


Roma – Lo spettro dell’ultimo miglio, la rivoluzione che doveva esserci e che si è fermata a metà, sembra sul punto di re-incarnarsi in un vivace pupetto che potrebbe avere i cromosomi necessari ad evolversi in un mercato adulto. Questo almeno è quanto si può sperare dopo il via libera dell’Autorità TLC al listino di interconnessione 2003 presentato da Telecom Italia.

Con listino si intende un documento tutt’altro che secondario: si tratta di quanto gli operatori di telefonia devono versare all’ex monopolista per usufruire delle infrastrutture telefoniche e, nel caso dell’ultimo miglio, per accedere alle terminazioni telefoniche degli utenti. Solo disponendo di questo accesso, infatti, gli operatori possono proporsi agli abbonati Telecom come alternativa all’ex monopolista.

Nella nota con cui l’Autorità ha annunciato l’approvazione del listino si legge che, in pratica, per sostituirsi a Telecom Italia nell’allaccio dell’utente alla rete telefonica, gli operatori dovranno versare al loro concorrente 8,3 euro al mese.

Si tratta di una cifra inferiore di circa il 25 per cento rispetto a quella precedente. In altre parole si tratta di un tentativo di far decollare l’ultimo miglio, termine con cui si indica in gergo la possibilità per l’utente telefonico di affidare il proprio doppino ad un operatore alternativo a Telecom.

A fronte delle innumerevoli storture causate dal fatto che gli operatori alternativi debbano acquistare la propria posizione sul mercato dal loro più quotato concorrente, Telecom appunto, questo calo del 25 per cento può essere salutato come una speranza. Però del doman , e lo sapevano già nel 1300, non v’è certezza .

Tra le novità dell'”Offerta di Riferimento 2003″, questo il nome ufficiale del documento, anche la possibilità per gli operatori alternativi a Telecom Italia di fissare proprie tariffe per l’ultimo miglio indipendenti dall’offerta Telecom. Più formalmente: gli operatori che fino ad oggi hanno investito poco nell’ultimo miglio ritenendo troppo costosa l’operazione, ora potrebbero essere attratti dai costi minori ma anche dal fatto che potranno definire prezzi di terminazione sulla propria rete indipendenti da quelli fissati da Telecom. Sembra ovvio che debba essere così, naturalmente, ma ci si è arrivati solo adesso.

Entro il prossimo 31 ottobre, Telecom dovrà presentare la propria Offerta 2004.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    [OT] Medra...
    ... spero che non sia un associazione sarda!
  • Anonimo scrive:
    ma è tipo bitzi?
    scusate, si tratta di qualcosa tipo i magnet link, i bitzi ticket o i link e2K che si trovano nel p2p?ovvero link basati sull'hash?o non c'entra?ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: ma è tipo bitzi?
      - Scritto da: Anonimo
      scusate, si tratta di qualcosa tipo i magnet
      link, i bitzi ticket o i link e2K che si
      trovano nel p2p?

      ovvero link basati sull'hash?Si esatto, link basato sull'hash.In pratica fai un hash su un qualsiasi tuo documento e poi lo registri.

      o non c'entra?


      ciao!
  • Anonimo scrive:
    Ma l'AIPA non era morta?
    Esiste ancora questo carrozzone?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'AIPA non era morta?
      non ricordo quando, ma qualche giorno fa è stato confermato che l'AIPA diventerà un organismo ministeriale e non più unaAutorità
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'AIPA non era morta?
      - Scritto da: Anonimo
      Esiste ancora questo carrozzone?ehm veramente l'aipa qualcosa come corsi,paper,norme,progetti li produce(va)poi dall'anno scorso le sue funzioni sono state spostate su un' agenzia ministeriale di cui non ricordo il nome, per cui non so a che titolo continua la sua attivita', comunque se tutti i carrozzoni fossero cosi' ci si potrebbe stare IMHO
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'AIPA non era morta?
      - Scritto da: Anonimo
      Esiste ancora questo carrozzone?I carrozzoni pubblici non muoiono mai.
    • ocram scrive:
      Re: Ma l'AIPA non era morta?
      Non necessariamente quello che è pubblico è "un carrozzone".Nello specifico, da quando è nata l'AIPA (che aveva anche la funzione di sorvegliare gli appalti pubblici) lo Stato ha risparmiato alcune migliaia di miliardi.Ora cambia fisionomia, e viene accorpata in un Ministero. Spero continui il suo ruolo di sorveglianza e continui a farci risparmiare miliardi.Ciao.
Chiudi i commenti