Piove sul vaglia online delle Poste

Il vaglia sbarca sulla Rete ma costa davvero troppo. Accese le critiche dei consumatori contro lo strumento telematico che chiede 20mila lire ogni volta che si utilizza


Roma – Non si trova notizia sul sito delle Poste Italiane, Poste.it , del nuovo servizio via Internet, ma un comunicato stampa dell’ente poste ripreso dalle agenzie toglie ogni dubbio: le Poste Italiane hanno lanciato un sistema di “vaglia online”. Sistema sul quale sono già piovute pesanti critiche.

Il “vaglia” è uno strumento che consente ad un cittadino di trasferire fondi ad un altro cittadino attraverso le Poste Italiane. Il vaglia telematico si propone di offrire, su tutto il territorio nazionale, lo stesso servizio ma ad un prezzo maggiore rispetto a quello previsto per la versione “cartacea”. E con modalità che fanno discutere sulla reale portata dell’innovazione.

Stando alla nota delle Poste, infatti, l’utente registrato del sistema telematico dell’ente potrà inviare fino a 5 milioni di lire. Il destinatario del vaglia dovrà però recarsi, per riscuotere la somma, in un ufficio postale, presentando il documento di identità e una “password” che avrà concordato con il mittente del vaglia stesso. Ogni operazione costerà 20mila lire, esattamente il doppio del massimale previsto per il vaglia tradizionale.

Sulla questione vaglia sono arrivate le critiche dell’Associazione degli utenti consumatori. Secondo l’ADUC, infatti, “questo servizio, per un vaglia fino a 5 milioni, viene a costare 20 mila lire, e se si vuole avere il servizio accessorio di avviso al mittente di avvenuto pagamento, si devono sborsare altre 2.500 lire. Evidentemente la telematica e la tecnologia, alle Poste spa, non sono metodi per un servizio migliore a costi più contenuti. In tutte le aziende sì, ma da loro no, anzi servono a far spendere di più il cliente e far guadagnare maggiormente l’azienda”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Giornalobbysti agli ultimi rantoli
    Abruzzo, da vecchio volpone del retrogiornalismo italiano, ha tolto dall'art.1 della 62/01 una piccola ma significativa frase, ",AI FINI DELLA PRESENTE LEGGE,".I buoni metodi oscurantisti di un giornalismo lobbista e padronale moriranno solo con gli ordini....Il dott.Abruzzo vaneggi pure.Vedremo il regolamento e le chiarificazioni.Pssst... Abruzzo, lo sai che non si è registrato nessuno? Perché non presenti 500000 esposti alla procura?
  • Anonimo scrive:
    Per aggirare il problema...
    penso che basterebbe fare un sito privato di informazione, una specie di club privè dove il lettore la prima volta che visita il sito si registra come socio del club ed accede con una semplice password che gli verrà automaticamente rilasciata dal sistema...In questo modo il sito non sarà più pubblico e quindi non dovrà avere nessun direttore iscritto chissà dove...eh eh
  • Anonimo scrive:
    50 mila per 100 mila
    Se siamo in circa 40 - 50 mila, penso che con 100 mila a testa possiamo ragranellare 5 Miliardisi può:a) Pagare un buon avvocato per abrogare la leggeb) Comperare pagine dei giornali ( registrati ;)c) Fare un forum di discussione serio e utileVogliamo dire che ci autotassiamo di 1 Milione? ne abbiamo 50 di miliardi: fondiamo uno studio legale ( una SPA ) con avvocati e studiosi nostri amici che ci possano difendere.Io sono disponibile
    • Anonimo scrive:
      Re: 50 mila per 100 mila
      Invece di parlare per frasi fatte, studia: gli studi legali non possono essere costituiti in forma di S.p.A.E non possono abrogare le leggi.Vai per strada, metti un tavolino e raccogli firme.Non digitali, ma reali.- Scritto da: coccige
      Se siamo in circa 40 - 50 mila, penso che
      con 100 mila a testa possiamo ragranellare 5
      Miliardi

      si può:

      a) Pagare un buon avvocato per abrogare la
      legge
      b) Comperare pagine dei giornali (
      registrati ;)
      c) Fare un forum di discussione serio e utile

      Vogliamo dire che ci autotassiamo di 1
      Milione? ne abbiamo 50 di miliardi: fondiamo
      uno studio legale ( una SPA ) con avvocati e
      studiosi nostri amici che ci possano
      difendere.

      Io sono disponibile
  • Anonimo scrive:
    Questa non è politica ma sopravvivenza!!!
    Non serve dare la colpa a una fazione politica o ad un'altra cosi facendo offriamo il fianco a interpretazioni o schieramenti interni che creano solo litigiosità inutile.Il succo di tutto ciò è uno solo questa legge ci incastra tutti e ci mette nella condizione di essere chiusi, sanzionati e arrestati per un qualche cosa che abbiamo sempre fatto in piena libertà e con la coscienza di chi lavora duramente, spesso di notte, rovinandosi la vista davanti ad un monitor per le troppe ore di impegno e programmazione.E' evidente che è ingiusta e limitativa della nostra libera espressione di pensiero e di parola che ci sono stati dati e garantiti dalla nostra Costituzione.Il resto sono solo chiacchiere e stracci, interpretazioni di uno o di un altro non servono anche perchè se ora non ci imponiamo duramente chiedendo l'abrogazione di una legge palesemente incostituzionale che non doveva neanche esistere nel modo in cui è nata ma semmai avrebbe dovuto chiedere un censimento dei siti d'informazione e dei responsabili (vedi proprietario dominio) e creare un apposito albo parallelo a quello dei giornalisti dove si veniva iscritti di diritto e di fatto, prendendo atto di una situazione già consolidata e preesistente da anni. In un secondo tempo si sarebbe arrivati ad una soluzione molto più dinamica dove l'albo dei giornalisti sarebbe solo un elenco di liberi professionisti non stipendiati ma pagati a prestazione (articolo).Per ora è un dato di fatto ci stanno togliendo la libertà e il pane, che vogliamo fare rimanere a guardare come al solito litigando tra di noi sul colore dei calzini da indossare o muoverci concretamente per far valere i nostri diritti di libera espressione e di lavoro?Punto Informatico ci ha dato la possibilità di parlare ma potremmo fare di più e meglio.Tra noi c'è un avvocato che ci possa concretamente aiutare e patrocinare? Organizziamo una reale gruppo che legalmente e correttamente possa muoversi per l'abrogazione di detta legge, sarebbe un duro esempio di concreta mobilitazione contro l'ingiustizia e ci metterebbe al riparo da ulteriori brutti scherzi futuri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa non è politica ma sopravvivenza!!!
      Un avvocato può solo prendervi in giro, ma già lo state facendo fomentandovi l'un l'altro.Comunque, anche tu (come gli EDITORI) vuoi difendere una posizione già acquisita, congelare uno status quo.Creati un sito con sede all'estero, così dovrai sottostare alle leggi di un altro paese.La Costituzione non dispone nulla riguardo a quello che tu scrivi.Infatti nessuno ha mai posto dubbi sulla costituzionalità della 47/1948.- Scritto da: Max
      Non serve dare la colpa a una fazione
      politica o ad un'altra cosi facendo offriamo
      il fianco a interpretazioni o schieramenti
      interni che creano solo litigiosità inutile.

      Il succo di tutto ciò è uno solo questa
      legge ci incastra tutti e ci mette nella
      condizione di essere chiusi, sanzionati e
      arrestati per un qualche cosa che abbiamo
      sempre fatto in piena libertà e con la
      coscienza di chi lavora duramente, spesso di
      notte, rovinandosi la vista davanti ad un
      monitor per le troppe ore di impegno e
      programmazione.

      E' evidente che è ingiusta e limitativa
      della nostra libera espressione di pensiero
      e di parola che ci sono stati dati e
      garantiti dalla nostra Costituzione.
      Il resto sono solo chiacchiere e stracci,
      interpretazioni di uno o di un altro non
      servono anche perchè se ora non ci imponiamo
      duramente chiedendo l'abrogazione di una
      legge palesemente incostituzionale che non
      doveva neanche esistere nel modo in cui è
      nata ma semmai avrebbe dovuto chiedere un
      censimento dei siti d'informazione e dei
      responsabili (vedi proprietario dominio) e
      creare un apposito albo parallelo a quello
      dei giornalisti dove si veniva iscritti di
      diritto e di fatto, prendendo atto di una
      situazione già consolidata e preesistente da
      anni. In un secondo tempo si sarebbe
      arrivati ad una soluzione molto più dinamica
      dove l'albo dei giornalisti sarebbe solo un
      elenco di liberi professionisti non
      stipendiati ma pagati a prestazione
      (articolo).

      Per ora è un dato di fatto ci stanno
      togliendo la libertà e il pane, che vogliamo
      fare rimanere a guardare come al solito
      litigando tra di noi sul colore dei calzini
      da indossare o muoverci concretamente per
      far valere i nostri diritti di libera
      espressione e di lavoro?

      Punto Informatico ci ha dato la possibilità
      di parlare ma potremmo fare di più e meglio.

      Tra noi c'è un avvocato che ci possa
      concretamente aiutare e patrocinare?
      Organizziamo una reale gruppo che legalmente
      e correttamente possa muoversi per
      l'abrogazione di detta legge, sarebbe un
      duro esempio di concreta mobilitazione
      contro l'ingiustizia e ci metterebbe al
      riparo da ulteriori brutti scherzi futuri.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa non è politica ma sopravvivenza!!!
        Sono completamente d'accordo con Max, ognuno ha le proprie idee politiche ma dobbiamo essere uniti contro questa legge.Se permetti, votaBalasso, io non voglio scappare all'estero: quel poco di buono che posso fare lo voglio fare per il bene del mio paese, perche' possa regnare qui la completa liberta' di espressione senza che nessuno chieda alcuna registrazione.- Scritto da: votaBALASSO
        Un avvocato può solo prendervi in giro, ma
        già lo state facendo fomentandovi l'un
        l'altro.
        Comunque, anche tu (come gli EDITORI) vuoi
        difendere una posizione già acquisita,
        congelare uno status quo.
        Creati un sito con sede all'estero, così
        dovrai sottostare alle leggi di un altro
        paese.
        La Costituzione non dispone nulla riguardo a
        quello che tu scrivi.
        Infatti nessuno ha mai posto dubbi sulla
        costituzionalità della 47/1948.
  • Anonimo scrive:
    CREIAMO INSIEME TANTI SITI....
    Una soluzione per far capire ai "Burattinai" di corte Italia, che non potranno mai farcela in barba a tutti gli ordini e albi(leciti o meno non me ne può frega de meno), costruite siti...Anche una sola pagina, magari con le notizie divulgate da Agenzia di stampa, tipo ansa, adkronos etc...etc...Costruite siti che si aggiornano ad ogni attimo, con il segnale orario...Che scandiscono ad ogni secondo il tempo e "AGGIORNANO", la pagina, con una scritta...Che ne so... Di idee ce ne sono migliaia...Agite numerosi...
    • Anonimo scrive:
      Re: CREIAMO INSIEME TANTI SITI....
      Guarda non hai capito. Qui non ti verranno a chiudere il sitino stronzo. Qui ti verranno a chiudere se romperai le scatoole a qualcuno, se sarai denunciato per diffamazione diranno pure che manco sei registrato, ti faranno le scarpre solo se ti metterai in mostra. A totale discrezione del giudice.- Scritto da: MOUSEPAZZO
      Una soluzione per far capire ai "Burattinai"
      di corte Italia, che non potranno mai
      farcela in barba a tutti gli ordini e
      albi(leciti o meno non me ne può frega de
      meno), costruite siti...
      Anche una sola pagina, magari con le notizie
      divulgate da Agenzia di stampa, tipo ansa,
      adkronos etc...etc...
      Costruite siti che si aggiornano ad ogni
      attimo, con il segnale orario...
      Che scandiscono ad ogni secondo il tempo e
      "AGGIORNANO", la pagina, con una scritta...
      Che ne so... Di idee ce ne sono migliaia...
      Agite numerosi...
      • Anonimo scrive:
        Re: CREIAMO INSIEME TANTI SITI....
        Strano che non andiate d'accordo.Scrivete le stesse cose...Ma dove hai letto la parola censura sulla legge?Prima di parlare, leggi!- Scritto da: Manlio Minotti
        Guarda non hai capito. Qui non ti verranno a
        chiudere il sitino stronzo. Qui ti verranno
        a chiudere se romperai le scatoole a
        qualcuno, se sarai denunciato per
        diffamazione diranno pure che manco sei
        registrato, ti faranno le scarpre solo se ti
        metterai in mostra. A totale discrezione del
        giudice.




        - Scritto da: MOUSEPAZZO

        Una soluzione per far capire ai
        "Burattinai"

        di corte Italia, che non potranno mai

        farcela in barba a tutti gli ordini e

        albi(leciti o meno non me ne può frega de

        meno), costruite siti...

        Anche una sola pagina, magari con le
        notizie

        divulgate da Agenzia di stampa, tipo ansa,

        adkronos etc...etc...

        Costruite siti che si aggiornano ad ogni

        attimo, con il segnale orario...

        Che scandiscono ad ogni secondo il tempo e

        "AGGIORNANO", la pagina, con una
        scritta...

        Che ne so... Di idee ce ne sono
        migliaia...

        Agite numerosi...
        • Anonimo scrive:
          Re: CREIAMO INSIEME TANTI SITI....
          Si, appunto, leggiti bene il testo della legge e le altre leggi a cui fa riferimento: pene pecuniarie e pene detentive incluse!!!E Chiti dice: "non c'e' obbligo di registrazione, e' tutto facoltativo: chi si iscrive prende soldi pubblici". Ma allora a cosa c...o serve stabilire delle pene per chi non osserva la legge????- Scritto da: votaBALASSO
          Strano che non andiate d'accordo.
          Scrivete le stesse cose...
          Ma dove hai letto la parola censura sulla
          legge?
          Prima di parlare, leggi!
  • Anonimo scrive:
    La legge gli da ragione....
    Le leggi sulla stampa sono quello chesono. In realtà quasi tutti i siti diinformazione in Italia sono passibili delreato di stampa clandestina e molti Italianirischiano la galera (perchè c'è la galera...)Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: La legge gli da ragione....
      In Italia non c'è la galera nemmeno per Felice Maniero, Buscetta, Cutolo e la Baradini.Non farmi ridere.- Scritto da: Uno che non ci voleva credere
      Le leggi sulla stampa sono quello che
      sono. In realtà quasi tutti i siti di
      informazione in Italia sono passibili del
      reato di stampa clandestina e molti Italiani
      rischiano la galera (perchè c'è la galera...)

      Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: La legge gli da ragione....
        Scusa, parli del paese dove un tizio si e' fatto 20 anni di galera per degli assegni falsi mentre stupratori e pedofili usufruiscono della semiliberta' dopo 4-5 anni?Non per fare qualunquismo, ma se c'e' una cosa veramente pericolosa in Italia e' la giustizia contro chi si macchia di reati piccoli o di opinione.- Scritto da: votaBALASSO
        In Italia non c'è la galera nemmeno per
        Felice Maniero, Buscetta, Cutolo e la
        Baradini.
        Non farmi ridere.

        - Scritto da: Uno che non ci voleva credere

        Le leggi sulla stampa sono quello che

        sono. In realtà quasi tutti i siti di

        informazione in Italia sono passibili del

        reato di stampa clandestina e molti
        Italiani

        rischiano la galera (perchè c'è la
        galera...)



        Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Punto Informatico
    Saltuario di informatica, telematica e comunicazione dal 1996mettete cosi', infatti innegabilmente la domenica non uscite, che razza di quotidiano e'?P.S. serio: perche' non mettete (o se c'e', piu' in evidenza visto che non l'ho trovato) un link "Numero Precedente"? sono stato via tre giorni e non potendo leggere i numeri arretrati ho la sensazione di essermi perso qualcosa di fondamentale! (siete la mia Pagina Iniziale, sto diventando puntoinformaticodipendente, evidentemente!)
    • Anonimo scrive:
      Re: Punto Informatico
      - Scritto da: Giorgio
      Saltuario di informatica, telematica e
      comunicazione dal 1996!!!
      mettete cosi', infatti innegabilmente la
      domenica non uscite, che razza di quotidiano
      e'?I quotidiani, per legge, possono uscire al massimo sei giorni a settimana (come faceva repubblica). Se escono sette, il settimo deve essere un settimanale (del lunedì, ad esempio...).Poi mi pare che PI esca 5 volte a settimana (mi pare)

      P.S. serio: perche' non mettete (o se c'e',
      piu' in evidenza visto che non l'ho trovato)
      un link "Numero Precedente"? sono stato via
      tre giorni e non potendo leggere i numeri
      arretrati ho la sensazione di essermi perso
      qualcosa di fondamentale! (siete la mia
      Pagina Iniziale, sto diventando
      puntoinformaticodipendente, evidentemente!)Trova il TimeWarp e, come viene spiegato nelle info, viaggi nel tempo!!!...Certo che ne hanno di fantasia i redattori di PI... oppure hanno visto troppa fantascienza ;)))Comunque è anche la mia pagina iniziale...
  • Anonimo scrive:
    Votare no serve a un CAZZO!
    Il mio voto lo metto su per il culo di tutti i politici italiano che stanno a questo governo del cazzo!! Siete dei miserabili schiacciati dalle nazioni potenti di questo emisfero. Stronzi!!
  • Anonimo scrive:
    IL BELLO ADDAVENI'
    E dopo il 13 maggio cosa succedera'?Pagheremo le email?Pagheremo gli interventi nei forum?Dovremo registrarci all'ordine deigiornalisti per usufruire dei newsgroup?Non solo rimpiangeremo Amato, Rutelli, Prodi ecc.,ma anche Craxi, Andreotti, Forlani, De Michelis...Bei tempi quelli... Loro "prendevano" 1000 e lasciavano "prendere" a noi 1. Questi arriveranno e se pijeranno 1001 e quanno'nce sara' piu' gniente in saccoccia mo' sarannouccelli de rovo pe' tutti (Loro no)13 maggio: Addio Europa, e' stato bello.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL BELLO ADDAVENI'
      Ma non dire stupidaggini. Questa politica è tipica della gente di sinistra, e se ce ne liberiamo è solo un bene.E se non vuoi buttare il tuo voto, vota Radicali.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL BELLO ADDAVENI'
        Vai su www.votaberlusconi.it e prova a lasciareun messaggio del tipo "io preferisco rutelliperche'..." senza offendere nessuno e guarda selo pubblicano sul cosiddetto "muro" pieno diinsulti alla sinistra... La sinistra sara' lobbysta, inciuciata con enti scandalosi comela SIAE (gia' commissariata) e l'Ordine deigiornalisti, ma esistono ancora delle personeli' dentro che non credono in questi sistemi(vedi Bordon, Pecoraro Scanio) e pensano primadi tutti a tutelare la salute e la liberta' deicittadini. La destra e' solo CENSURA! Guarda iregimi fascisti nel mondo... E non venirmi a direche i comunisti... Ma quale comunisti? I cinesi,Milosevic, Ceausescu, Bresznev? Con i dirigentidi partito con ville, barche, Ferrari ed il popolo affamato e straccione? Ma dov'e' il comu-nismo li'? E io dovrei votare i radicali? I priminella classifica dei lacche' politici; quellitutti divorzio, aborto, droga, difesa delleminoranze ecc. che poi chiedono consensi ealleanze alla destra cattolica e proibizioista,per non dire razzista (vedi alleanze "strategiche con Rauti). Ma mi consenta...- Scritto da: maik
        Ma non dire stupidaggini. Questa politica è
        tipica della gente di sinistra, e se ce ne
        liberiamo è solo un bene.

        E se non vuoi buttare il tuo voto, vota
        Radicali.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL BELLO ADDAVENI'
          E' pieno di paesi in cui puoi andare a vivere.Se vincerà il centro-destra, sarà un bene per tutti, ma se preferisci il comunismo, vattelo a cercare altrove.E la censura a volte può essere utile ad evitare di sentire certe stronzate come quelle di luttazzie e le tue.- Scritto da: Stoka-z-z
          Vai su www.votaberlusconi.it e prova a
          lasciare
          un messaggio del tipo "io preferisco rutelli
          perche'..." senza offendere nessuno e guarda
          se
          lo pubblicano sul cosiddetto "muro" pieno di
          insulti alla sinistra... La sinistra sara'
          lobbysta, inciuciata con enti scandalosi come
          la SIAE (gia' commissariata) e l'Ordine dei
          giornalisti, ma esistono ancora delle persone
          li' dentro che non credono in questi sistemi
          (vedi Bordon, Pecoraro Scanio) e pensano
          prima
          di tutti a tutelare la salute e la liberta'
          dei
          cittadini. La destra e' solo CENSURA! Guarda
          i
          regimi fascisti nel mondo... E non venirmi a
          dire
          che i comunisti... Ma quale comunisti? I
          cinesi,
          Milosevic, Ceausescu, Bresznev? Con i
          dirigenti
          di partito con ville, barche, Ferrari ed il
          popolo affamato e straccione? Ma dov'e' il
          comu-
          nismo li'? E io dovrei votare i radicali? I
          primi
          nella classifica dei lacche' politici; quelli
          tutti divorzio, aborto, droga, difesa delle
          minoranze ecc. che poi chiedono consensi e
          alleanze alla destra cattolica e
          proibizioista,
          per non dire razzista (vedi alleanze
          "strategiche
          con Rauti). Ma mi consenta...

          - Scritto da: maik

          Ma non dire stupidaggini. Questa politica
          è

          tipica della gente di sinistra, e se ce ne

          liberiamo è solo un bene.



          E se non vuoi buttare il tuo voto, vota

          Radicali.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL BELLO ADDAVENI'

          ma esistono ancora delle persone
          li' dentro che non credono in questi sistemi
          (vedi Bordon, ecco, su Bordon mi permetterei qualche dubbio...
          La destra e' solo CENSURA!Vero, e la sinistra? 85 anni di comunismo russo hanno isegnato qualcosa... e non dirmi che sicome hanno rubato anche loro non sono più la sinistra... troppo comodo, no?ciao
  • Anonimo scrive:
    non ce la farete mai...
    Abruzzo, Chiti e compagnia bella non ce la farete mai a censurare internet.Non basteranno le leggi, non basteranno le interpretazioni dei tribunali.Ci state facendo compattare, uniti vi sconfiggeremo.
    • Anonimo scrive:
      Re: non ce la farete mai...
      Non fatelo sapere a Berlusconi che ci stiamo compattando, o ci definirà spazzatura. Specialmente quando diciamo la verità- Scritto da: basta
      Abruzzo, Chiti e compagnia bella non ce la
      farete mai a censurare internet.
      Non basteranno le leggi, non basteranno le
      interpretazioni dei tribunali.
      Ci state facendo compattare, uniti vi
      sconfiggeremo.
      • Anonimo scrive:
        Re: non ce la farete mai...
        Me la spiegate una cosa che non capisco come fanno a censurare un sito posto su di un hardisk dall'altra parte dell emisfero cioé quando trovano le news ormai sono vecchie di mesi e allora che news sono tutto questo per il diritto di voce di parola di dialogo che ogni paese dovrebbe avere.akenaton@freemail.it- Scritto da: www.charry.it

        Non fatelo sapere a Berlusconi che ci stiamo
        compattando, o ci definirà spazzatura.
        Specialmente quando diciamo la verità

        - Scritto da: basta

        Abruzzo, Chiti e compagnia bella non ce la

        farete mai a censurare internet.

        Non basteranno le leggi, non basteranno le

        interpretazioni dei tribunali.

        Ci state facendo compattare, uniti vi

        sconfiggeremo.

        • Anonimo scrive:
          Re: non ce la farete mai...
          - Scritto da: akenaton
          Me la spiegate una cosa che non capisco come
          fanno a censurare un sito posto su di un
          hardisk dall'altra parte dell emisfero Ti censurano personalmente confinandoti in cella insieme a Totuccio o'Animale in pienatempesta ormonale....Saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: non ce la farete mai...
            - Scritto da: A


            - Scritto da: akenaton

            Me la spiegate una cosa che non capisco
            come

            fanno a censurare un sito posto su di un

            hardisk dall'altra parte dell emisfero
            Ti censurano personalmente confinandoti in
            cella insieme a Totuccio o'Animale in piena
            tempesta ormonale....

            Saluti.E nel frattempo chi scioglie nell'acido i bambini viene pagato miliardi....
      • Anonimo scrive:
        Re: non ce la farete mai...
        Al contadino non far sapere che lo prendi nel sedere.- Scritto da: www.charry.it

        Non fatelo sapere a Berlusconi che ci stiamo
        compattando, o ci definirà spazzatura.
        Specialmente quando diciamo la verità

        - Scritto da: basta

        Abruzzo, Chiti e compagnia bella non ce la

        farete mai a censurare internet.

        Non basteranno le leggi, non basteranno le

        interpretazioni dei tribunali.

        Ci state facendo compattare, uniti vi

        sconfiggeremo.

    • Anonimo scrive:
      Re: non ce la farete mai...
      - Scritto da: basta
      Abruzzo, Chiti e compagnia bella non ce la
      farete mai a censurare internet.
      Non basteranno le leggi, non basteranno le
      interpretazioni dei tribunali.
      Ci state facendo compattare, uniti vi
      sconfiggeremo. BOOOMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: non ce la farete mai...
      Concordo. C'e' da scandalizzarsi porcamiseria.
Chiudi i commenti