PirateBox, condivisione a prova di tracking

Un professore della New York University ha progettato un "box di file sharing" pensato per massimizzare l'anonimato e la sicurezza degli scambi. Basato su Linux, costa appena 100 dollari

Roma – Si chiama PirateBox ed è la risposta di David Darts alla recrudescenza del contrasto al file sharing. Il box, sostanzialmente un patchwork di router wireless, hard disk, batteria e Linux contenuti in un cestino da colazione con il Jolly Roger stampato sopra, promette una condivisione a prova di tracking di file e contenuti in formato digitale.

Per come viene descritto sulla wiki del professore dell’Università di New York, PirateBox è “un dispositivo autosufficiente per la collaborazione e il file sharing mobile”. “Basta accenderlo – continua la descrizione – per trasformare qualsiasi spazio in un network di file sharing aperto e gratuito”.

Il network WiFi “acceso” da PirateBox è opportunamente disconnesso da Internet, mentre il software di gestione integrato si limita a fornire una interfaccia web per avviare le operazioni di download e upload dei contenuti. Nessuna restrizione al tipo di file da condividere, nessun log di connessione , PirateBox rispetta la privacy degli utenti ed è “ispirato dai movimenti del free culture e delle radio pirata”.

Trattandosi di un progetto eminentemente “pirata” sin dal titolo – ispirato al nome del tracker BitTorrent più famoso, The Pirate Bay – PirateBox promuove il bricolage informatico e raccoglie tutte le istruzioni necessarie nell’ apposita wiki . Bastano 100 dollari di spesa e l’acquisto di componenti facilmente rintracciabili sul mercato per mettere assieme il proprio spazio pirata al riparo da autorità occhiute, investigatori dell’industria dei contenuti e profittatori del P2P.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • netmaniac scrive:
    evviva
    Viva la geolocalizzazione !Finalmente come al supermercato. Non saremmo più noi a scegliere ma loro a proporci cosa scegliere. Una valanga di offerte personalizzate che ci aiuterà a non guardare a quello che accade oltre. Vietato desiderare la roba d'altri.Grazie
Chiudi i commenti