Pirateria, 5 arresti a Napoli

Masterizzavano


Napoli – Sono cinque gli arresti per associazione a delinquere nell’operazione con cui la Guardia di Finanza di Casalnuovo ha messo in luce un’attività semi-industriale clandestina rivolta alla fabbricazione e allo smercio di una enorme quantità di supporti contraffatti contenenti musica, software e film.

L’operazione della GdF, la più rilevante dall’inizio dell’anno in questo ambito, ha portato all’individuazione di un appartamento a Somma Vesuviana trasformato in centrale di riproduzione illegale, che si basava sull’uso estensivo di 240 masterizzatori. L’indagine, partita nel corso del recente Festival di Sanremo, ha anche consentito il sequestro di più di 50mila CD, 53mila custodie, 2850 DVD, 16mila locandine fasulle e due automobili.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La bomba che rotola
    La bomba che rotolaBuongiorno pi,questo è l'url al servizio del tg5 sul tragico attentato a Madridsotto c'è un banner: tra i vari in rotazione c'è anche quello di dagospia con una bella bomba che rotola:|tg5.itSaluti,D. S.La bomba che rotola è il logo di dagospia
  • Anonimo scrive:
    riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
    Vorrei precisare che di per sè, il peer-to-peer non è affatto illegale (ci mancherebbe, neanche fossimo in cina!). Quello che è illegale è condividere (e prossimamente anche scaricare) file protetti da copyright.In realtà il peer-to-peer è una cosa molto positiva, per esempio per condividere creazioni proprie o materiale non protetto da copyright.:)
    • Anonimo scrive:
      Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
      - Scritto da: Anonimo
      Vorrei precisare che di per sè, il
      peer-to-peer non è affatto illegale
      (ci mancherebbe, neanche fossimo in cina!).
      Quello che è illegale è
      condividere (e prossimamente anche
      scaricare) file protetti da copyright.

      In realtà il peer-to-peer è
      una cosa molto positiva, per esempio per
      condividere creazioni proprie o materiale
      non protetto da copyright.
      :)Certo.. van davvero forte i filmini delle cresime e dei matrimoni...
      • Anonimo scrive:
        Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Vorrei precisare che di per sè,
        il

        peer-to-peer non è affatto
        illegale

        (ci mancherebbe, neanche fossimo in
        cina!).

        Quello che è illegale è

        condividere (e prossimamente anche

        scaricare) file protetti da copyright.



        In realtà il peer-to-peer
        è

        una cosa molto positiva, per esempio per

        condividere creazioni proprie o
        materiale

        non protetto da copyright.

        :)

        Certo.. van davvero forte i filmini delle
        cresime e dei matrimoni...beh bittorrent lo usano x diffondere distribuzioni linux, certo la percentuale lecito-illecito sara' 1%-99% :)
    • Anonimo scrive:
      Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
      guarda che col 640 k la Telecozz/Alice/Trochezz/Maletton VOGLIONO VENDERTELI I FILM, non farteli scaricare gratis !capitomihai ?:@:@
    • Anonimo scrive:
      Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
      ma sì che hai ragione!!! Infatti il copyright c'è solo su qualche file quà e là..... ma che caspita dici?? Lo sai che praticamente tutto ciò che scarichi è protetto da copyright?? O forse scarichi solo i filmati con le donnine????
      • Anonimo scrive:
        Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
        ma nessuno ha il diritto di fermare lo sviluppo di una tecnologia solo perchè c'è gente che ne fa un uso illegale. allora perchè vendere coltelli? anche questi possono essere usati in modo illegale
      • Anonimo scrive:
        Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"

        ma sì che hai ragione!!! Infatti il
        copyright c'è solo su qualche file
        quà e là..... ma che caspita
        dici?? Lo sai che praticamente tutto
        ciò che scarichi è protetto da
        copyright??
        O forse scarichi solo i filmati con le
        donnine????Ma sì, allora amamzziamoci fra di noi accusandoci di tutti quello che fa gioco alle major, invece di cercare di coprirci un po' le spalle dicendo la verità, che il P2P di per sè non è e non sarà mai illegale...Che si dica che la maggior parte di noi lo usi per scaricare materiale protetto, questo è un altro discorso, ma lascialo dire a chi vuole dargli contro!!!!Un po' di furbizia, su!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: riguardo a "Alice e il peer-to-peer"
          Con il nuovo "Decreto Urbani" sarà illegale anche scaricare materiale freeware, se questo non sarà accompagnato dal "bollino virtuale" della SIAE. Come già succede per le distribuzioni di Linux in edicola.Bello eh?
Chiudi i commenti