Pirateria, quali alternative legali?

Un gruppo di ricercatori statunitensi mette a disposizione una piattaforma che confronta la distribuzione pirata di un film con le principali alternative offerte dal mercato. MPAA contesta i risultati
Un gruppo di ricercatori statunitensi mette a disposizione una piattaforma che confronta la distribuzione pirata di un film con le principali alternative offerte dal mercato. MPAA contesta i risultati

Ogni giorno, milioni di downloader vanno alla ricerca delle ultime uscite cinematografiche o televisive per il consumo in violazione del diritto d’autore, in mancanza di offerte messe a disposizione dal mercato ufficiale sulle principali piattaforme della distribuzione legale. Al Mercatus Center della statunitense George Mason University , un gruppo di ricercatori ha lanciato il servizio PiracyData.org , strumento analitico che parte dai dieci film più scaricati della settimana – la classifica è della testata specializzata TorrentFreak – per andare a scoprire l’esistenza di soluzioni alternative fornite online con il benestare dei legittimi titolari dei diritti.

All’inizio di ogni settimana, PiracyData.org mescola i numeri riportati da TorrentFreak con i risultati restituiti dal motore di ricerca CanIStreamIt? , che evidenzia la disponibilità di un determinato film su piattaforme di streaming (Netflix o Amazon Prime) o per l’acquisto dagli store digitali (iTunes, Google Play). I risultati ottenuti dai ricercatori statunitensi sono sorprendenti: solo la metà dei film più scaricati risulta effettivamente disponibile per il download legale , mentre solo un terzo può essere noleggiato e nessuno è visibile grazie ai più importanti servizi di streaming.

Da un portavoce della Motion Picture Association of America (MPAA) è arrivata una secca replica , dal momento che un contenuto molto popolare tra gli scariconi – la serie televisiva The Walking Dead – resta a disposizione per lo streaming gratuito sul sito ufficiale del broadcaster AMC , distribuito in oltre 120 paesi del mondo il giorno dopo la messa in onda negli Stati Uniti. Eppure, sottolineano i produttori cinematografici, The Walking Dead ha fatto registrare 500mila download pirata in appena 16 ore .

In generale, le major di Hollywood hanno contestato apertamente i dati snocciolati dal Mercatus Center : un film come Pacific Rim , in testa alla classifica di TorrentFreak , sarebbe infatti disponibile per il noleggio in digitale, al contrario di quanto evidenziato sul sito PiracyData.org . Tra gli autori dello studio, Jerry Brito ha spiegato che, evidentemente, la versione a noleggio di Pacific Rim è stata inserita in un secondo momento, rispedendo al mittente le accuse di scarsa profondità d’analisi.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 10 2013
Link copiato negli appunti