Planetsec, rivolta degli utenti?

Si stanno organizzando attorno ad una mailing list aperta su eGroups gli utenti del provider che si lamentano, per usare un eufemismo, per un servizio che giudicano del tutto insoddisfacente. Chiederanno l'intervento dell'Authority


Roma – Che Planetsec fosse nel mirino di molti suoi clienti lo si sapeva da tempo e proprio su queste pagine qualche tempo fa era stata pubblicata una nota del provider che rispondeva alle lamentele di tanti, annunciando in tempi brevi un upgrade dei propri network.

Ora pare proprio che molti utenti che hanno sottoscritto l’abbonamento di accesso semiflat di Planetsec non intendano più aspettare, stando a quanto si legge sulla mailing list dedicata ai disservizi di questo provider, una mailing list nella quale emerge la volontà di molti di intraprendere un’azione collettiva contro la società, denunciando la situazione all’Autorità per le Telecomunicazioni. Una mailing list che sembra sul punto di “esplodere” visto il tono dei messaggi che vi circolano.

Che la situazione dei rapporti tra il provider e molti dei suoi utenti si stia esasperando sembra peraltro indicato anche dal fatto che il gruppo online, ospitato da eGroups, ha visto passare nel mese di ottobre 103 messaggi e nel mese di novembre, mentre scriviamo, ben 234, più del doppio. E la quasi totalità dei messaggi è a senso unico, con accuse spesso pesanti rivolte al provider. Come “termometro” della situazione può valere anche il sensibile aumento di segnalazioni che in queste settimane sono piovute sulla redazione di Punto Informatico relativamente ai problemi di Planetsec.

L’accusa più frequente, che ricorda da vicino una delle rimostranze alle quali Planetsec aveva risposto su queste pagine a suo tempo, è l’impossibilità di collegarsi alla Rete se non dopo decine o centinaia di tentativi. Altre proteste, per usare un eufemismo, sono legate alla lentezza delle connessioni.

Dal prossimo lunedì, dunque, pare proprio che gli utenti Planetsec metteranno in piedi il primo ricorso collettivo all’Autorità TLC contro un fornitore italiano di accesso flat o semiflat alla Rete.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti