Plextor frigge i CD a 40X

Lanciato in Europa quello che viene reclamizzato come il CD-RW più veloce al mondo: il nuovo PlexWriter 40/12/40A. Per chi non ha davvero tempo da perdere

Roma – Plextor Europe ha presentato un nuovo masterizzatore, il PlexWriter 40/12/40A, in grado di scrivere un CD-R alla inebriante velocità di 40X, pari a 6.000 KB/s. Il nuovo CD-RW è poi capace di scrivere un CD-RW a 12X e leggere i CD-ROM a 40X.

Plextor ha spiegato che il nuovo PlexWriter, che integra la tecnologia BURN-Proof per evitare la “bruciatura” dei CD, introduce una serie di nuove funzionalità quali il VariRec (Variable Recording), una tecnologia di registrazione variabile grazie alla quale l’utente può modificare la potenza di scrittura ed ottenere così delle tonalità personalizzate; un più vasto supporto ai supporti vergini CD-R e CD-RW; un circuito PCB che migliora la qualità nell’estrazione audio digitale; un vassoio CD-ROM nero per ridurre il “jitter” ed ottenere così un CD di qualità superiore.

Nella versione al dettaglio del prodotto, disponibile a partire da metà febbraio ad un prezzo ancora da definire, si troveranno inclusi, fra gli altri accessori, 5 supporti CD-R, 1 supporto CD-RW, il tool Plextools di Plextor, il software Nero per registrare i CD + InCD ed un manuale in 16 lingue.

E’ possibile trovare tutte le caratteristiche tecniche del PlexWriter 40/12/40A in questa pagina .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Pare che...
    ...alle FS si stanno vergognando fino al punto di aver chiuso l'accesso al sito.Traceroute si ferma a r-rm87-fa10.interbusiness.it, dopodichè è *failure*...Peccato. Avrei voluto farmi qualche risata...
  • Anonimo scrive:
    Usabile
    www.usabile.it mi sembra meglio fatto del sito qui proposto. Lo segnalo al forum di PI.Ciao a tutti.
  • Anonimo scrive:
    Rivendicazione
    Tutto bello ma io rivendico il diritto di costruire il mio sito come cavolo mi pare e seguendo le direttive mie e solo mie. Se poi ci potranno entrare solo alcuni, se potranno vederlo solo quelli che c'hanno un certo browser piuttosto che un altro e cosi' via saranno pure cavoli miei.Un altro discorso, ovviamente, e' per l'amministrazione pubblica, che deve rendere tutto perfettamente accessibile (tra l'altro mi pare che quella roba, WAI, sia piuttosto impegnativa, direi di non scordarcelo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivendicazione
      - Scritto da: un webmaster
      Tutto bello ma io rivendico il diritto di
      costruire il mio sito come cavolo mi pare eCiao!Certo, non è un obbligo fare siti accessibili e dipende molto da quale tipo di sito gestisci. Se è un tuo sito personale puoi tranquillamente seguire la strada migliore per te, certo è che anche tu puoi trarne beneficio dagli standard. Però poi ognuno è libero di agire come meglio crede. :)
      Un altro discorso, ovviamente, e' per
      l'amministrazione pubblica, che deve rendere
      tutto perfettamente accessibile (tra l'altro
      mi pare che quella roba, WAI, sia piuttosto
      impegnativa, direi di non scordarcelo)Si, infatti il tutto era più incentrato su quello, sul fatto che la pubblica amministrazione o comunque chi gestisce contenuti importanti ed utili per il pubblico, di fatto è praticamente obbligata a seguire certe regole ferree ed è anche giusto.Come ho detto, seguire il WAI non è affatto cosa semplice, richiede impegno, risorse e anche soldi, ma è qualcosa che *va*, secondo il mio modesto parere, fatto per il futuro, pensando ad un web accessibile a tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Rivendicazione
        - Scritto da: Bazz

        Come ho detto, seguire il WAI non è affatto
        cosa semplice, richiede impegno, risorse e
        anche soldi, ma è qualcosa che *va*, secondo
        il mio modesto parere, fatto per il futuro,
        pensando ad un web accessibile a tutti.Ma, soldi non direi. Di fatto quasi tutti i "webmaster" ,così auto proclamatisi -che il web non lo mastereggiano affatto-, preferiscono spendere milioni e milioni in corsi tipo cepu o libri strani, pensando che studiare una specifica gratuita sia più costoso e perditempo; l'unica cosa necessaria è un impegno mentale po' maggiore (ma non ne sono proprio sicuro, vedendo gli esami cepu), perchè non tutto viene spiegato nel pratico e i capitoli sono divisi per argomenti e non per difficoltà, ma se ci si dedica con lo stesso impegno con cui si affrontano i corsi si finisce tutto (una specifica) in 3 giorni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Rivendicazione


          argomenti e non per difficoltà, ma se ci si
          dedica con lo stesso impegno con cui si
          affrontano i corsi si finisce tutto (una
          specifica) in 3 giorni.Infatti non parlo di giorni di studio o altro (anche se, in caso di molto lavoro ti sfido a trovare il tempo con cui riuscire a stare aggiornati!), ma semplicemente dell'equilibrio preventivo/ore lavoro che una azienda deve sopportare oggi per promozionare la cosa o per portarla avanti.Accessibilità ed usabilità cominciano ad essere sentite oggi, ma siamo ancora un po' distanti dall'avere aziende che approvino il tuo preventivo dov'è incluso un testing o un supporto all'accessibilità ed usabilità.:)
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivendicazione
      - Scritto da: un webmaster
      Tutto bello ma io rivendico il diritto di
      costruire il mio sito come cavolo mi pare e
      seguendo le direttive mie e solo mie. Se poi
      ci potranno entrare solo alcuni, se potranno
      vederlo solo quelli che c'hanno un certo
      browser piuttosto che un altro e cosi' via
      saranno pure cavoli miei.
      Un altro discorso, ovviamente, e' per
      l'amministrazione pubblica, che deve rendere
      tutto perfettamente accessibile (tra l'altro
      mi pare che quella roba, WAI, sia piuttosto
      impegnativa, direi di non scordarcelo)Certo che sei libero di fare quello che vuoi; se non sei daccordo con il discorso del WAI, non seguirlo. Certo che il web è stato creato con una precisa idea di libertà, anche per le persone normalmente svantaggiate come i portatori di handicap, tu puoi fare quello che vuoi e io posso considerarti un bastardo.
  • Anonimo scrive:
    PA indietro
    Sembra uno slogan ma e' cosi'.... Il sito dell'istruzione e' quello che e' e in generale mi sembra che molti dei servizi web o non funzionino o siano organizzati male, come quelli della GU sul sito del mininterno
  • Anonimo scrive:
    fantastico
    accedo al sito, leggo il racconto, clikko sul link a fondo pagina per vedere l'originale e: 404 document not found. (se non ci crede provate qui: http://www.iaf.nl/~abigail/abigail.html )ahahhahahhah esperto di accessibilita' ahahahhaahhaah ac- cessi- bilita' hahahahahahahhahaaaaaaaaaa
    • Anonimo scrive:
      Re: fantastico
      - Scritto da: ar
      l'originale e: 404 document not found. (se
      non ci crede provate qui:
      http://www.iaf.nl/~abigail/abigail.html )Buongiorno!In effetti è rimasta sul server la vecchia pagina con indirizzo errato e non più supportato. Grazie per la segnalazione, ti allego l'indirizzo attuale:http://public.logica.com/~stepneys/int/abigail.htmBuona lettura! ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: fantastico
        bazz hai ragione...poi se qualcuno non si vuole adeguare faccia come crede.chi vuole comunicare qualcosa al maggior numero di persone possibile penso che debba tenga conto delle specifiche WAI...pensiamo a chi è più sfortunato di noi per esempio (sordomuti) e anche per gironzolare su qualche sito web ha grosse difficoltà. Io ho un collega professionalmente ed umanamente molto in gamba però su certi siti tipo (http://www.once-upon-a-forest.com/) non può provare le stesse sensazioni che posso provare io.ciao
Chiudi i commenti