PowerPC, licenze gratis alle università

IBM offre agli istituti accademici la possibilità di accedere, senza pagare alcuna royalty, alle specifiche del processore PowerPC 405. Big Blue ha anche annunciato un nuovo programma di licensing per il proprio portafoglio brevetti


Palo Alto (USA) – Seguendo una strada già tracciata con la fondazione di Power.org , ieri IBM ha annunciato di voler mettere a disposizione di ricercatori e università, con licenza libera da royalty, il progetto e le specifiche del processore PowerPC 405.

Con questa mossa Big Blue sostiene di aver accolto le richieste avanzate da alcune note università americane, tra cui il MIT e l’University of Berkeley.

“Il contributo del core PowerPC 405 permetterà ai ricercatori di esplorare meglio le nuove architetture informatiche per sistemi ed acceleratori massively parallel e consentirà agli sviluppatori di software di sperimentare nuovi modelli di programmazione su questi sistemi,” ha affermato Nigel Beck, presidente di Power.org. “Questa famiglia di processori è il cuore di apparecchiature di networking e comunicazione che vanno dalle console per videogiochi al supercomputer BlueGene/L”.

Tra i primi ad avvalersi dell’iniziativa vi è il Research Accelerator for Multiple Processors ( RAMP ), che utilizzerà il PowerPC 405 nei propri sistemi basati su FPGA (Field Programmable Gate Arrays) per sperimentare nuove architetture per il calcolo parallelo.

Le specifiche del PowerPC 405 saranno rese disponibili attraverso Power.org , il consorzio costituito un anno fa per aprire l’architettura Power e promuoverne lo sviluppo collaborativo.

Big Blue ha anche annunciato un nuovo programma di licensing denominato Ventures in Collaboration e avviato in collaborazione con la comunità dei venture capitalist. Questa iniziativa mira a semplificare e rendere più abbordabile, specie da parte delle giovani aziende, l’accesso ad oltre 40.000 brevetti di IBM relativi a software, hardware e servizi.

“Questa iniziativa offre alle nuove aziende in fase di start-up l’opportunità di avviare partnership con la comunità di ricercatori IBM e di ottenere un accesso diretto alle più innovative tecnologie”, ha affermato il colosso di Armonk in un comunicato. “L’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo e l’innovazione utilizzando, come catalizzatore, l’enorme patrimonio intellettuale di IBM”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma come?!?
    Cito dall'articolo:"A dispetto di quanto promesso inizialmente, pare che Microsoft non farà in tempo ad integrare in Exchange 12 un motore di database basato sul proprio SQL Server: tale funzionalità potrebbe dunque essere rimandata alla release successiva."Ma così mi vanno a togliere una caratteristica chiave!L'integrazione con SQL Server avrebbe fatto la gioia di decine di amminstratori.Buona l'idea dell'antispam integrato, ma a quanto ho capito usano il sistema delle RBL: buono, ma non ottimo. Anche se forse implementeranno i filtri di Bayes (li uso e devo dire che dopo un mese di training il filtro non sbaglia un colpo).Ottimo che abbiano migliorato Outlook Web Access, la versione che c'era con Exchange 2000 non era un granché.Invece trovo che l'integrazione con dispositivi mobili tipo PDA sia più che altro un'esca per attirare all'amo il Manglement e spingerlo a comprare tanti bei PDA con Windows Pocket (che IMHO fanno figo, ma alla fine sono poco più che giocattoli costosi).Ah, ultima cosa: per gestire la mia posta io uso Postfix sotto FreeBSD con PostgreSQL e Cyrus IMAPd... Exchange fa TROPPE cose che a me non servono. :D
  • Anonimo scrive:
    ALT-N MDaemon e Outlook Connector
    Non è Exchange ma ti fa risparmiare una valanga di soldi, inoltre è leggero come una piuma.
  • Anonimo scrive:
    Microsoft vera innovatrice!!
    Possibilità di scegliere cosa installare e gestione da linea di comando!QUESTA si che è vera innovazione, altro che i Linari coi loro tool via web punta e clicca!
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft vera innovatrice!!
      - Scritto da: Anonimo
      Possibilità di scegliere cosa installare e
      gestione da linea di comando!
      QUESTA si che è vera innovazione, altro che i
      Linari coi loro tool via web punta e clicca!Il server Lotus Domino sono più di 10 anni che ha una struttura a task che possono essere installati o meno e sopratutto attivati o meno a seconda dell'esigenza...............tutto da una bella consolle a linea di comando.Naturalmente chi vuole ha a disposizione l'interfaccia grafica.Se questi aspetti li chiami innovativi forse ti sei guardato poco in giro negli ultimi 10 anni.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft vera innovatrice!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Possibilità di scegliere cosa installare e

        gestione da linea di comando!

        QUESTA si che è vera innovazione, altro che i

        Linari coi loro tool via web punta e clicca!


        Il server Lotus Domino sono più di 10 anni che ha
        una struttura a task che possono essere
        installati o meno e sopratutto attivati o meno a
        seconda dell'esigenza...............tutto da una
        bella consolle a linea di comando.
        Naturalmente chi vuole ha a disposizione
        l'interfaccia grafica.10 anni ? forse qualcosina in più! erano esattamente 10 anni fa quando ho iniziato a lavorare come amministratore Lotus Notes (versione 3.xx), diventato poi Lotus Domino... e queste funzionalità esistevano già prima!

        Se questi aspetti li chiami innovativi forse ti
        sei guardato poco in giro negli ultimi 10 anni.

        CiaoBé, di questo non mi meraviglio che alcuni individui non sappiano cosa c'era in giro 10 anni fa: una buona fetta degli "esperti informatici" che troviamo oggi giorno, fino ad un paio di anni fa erano panettieri, venditori, meccanici con il pallino del pc...saluti
  • Anonimo scrive:
    Quanto di più peso... -.-
    Exchange è il programma più pesante che abbia mai visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e invece eccolo qua!Incredibile...LinuxUser (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto di più peso... -.-
      - Scritto da: Anonimo
      Exchange è il programma più pesante che abbia mai
      visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e
      invece eccolo qua!

      Incredibile...Pensa che un suo simile per linux non c'è nemmeno...
      • devil64 scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Exchange è il programma più pesante che abbia
        mai

        visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e

        invece eccolo qua!



        Incredibile...

        Pensa che un suo simile per linux non c'è
        nemmeno...Infatti c'è di meglio, la libertà e la fantasia. Vuoi un programma, lo prendi e lo usi. Non ti va bene, lo modifichi o te ne fai una per i fatti tuoi. Con il codice aperto lo puoi fare a patto che TU ne sia capace, altrimenti ... clikka.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Quanto di più peso... -.-


          Pensa che un suo simile per linux non c'è

          nemmeno...
          Infatti c'è di meglio, la libertà e la fantasia.
          Vuoi un programma, lo prendi e lo usi. Non ti va
          bene, lo modifichi o te ne fai una per i fatti
          tuoi. Con il codice aperto lo puoi fare a patto
          che TU ne sia capace, altrimenti ... clikka.In effetti deve proprio essere cosi': a nessun utente linux e' mai sorta la necessita' di un sistema di collaborazione, e tutti i cloni mal riusciti che sono stati fatti non sono mai stai open-presi, open-modificati, open-migliorati.Sicuramente nessuno voleva fare un torto a MSFT.Si si, deve essere proprio cosi'. Come sono buoni i linari...
        • Anonimo scrive:
          Re: Quanto di più peso... -.-
          - Scritto da: devil64
          Infatti c'è di meglio, la libertà e la fantasia.
          Vuoi un programma, lo prendi e lo usi. Non ti va
          bene, lo modifichi o te ne fai una per i fatti
          tuoi. Con il codice aperto lo puoi fare a patto
          che TU ne sia capace, altrimenti ... clikka.
          SalutiLa favoletta del secolo....
      • Anonimo scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-


        Pensa che un suo simile per linux non c'è
        nemmeno...ma nn direi c'è Stalker della CommuniGate, io lo uso da un anno funziona egregiamente (60 utenti su outlook con posta x400, owa, calendar, e tutte le altre carabattole)
        • Nello Carapezzi scrive:
          Re: Quanto di più peso... -.-
          - Scritto da:





          Pensa che un suo simile per linux non c'è

          nemmeno...

          ma nn direi c'è Stalker della CommuniGate, io lo
          uso da un anno funziona egregiamente (125 utenti
          su Outlook con posta x400, owa, calendar, VoIP e tutte
          le altre
          carabattole)
      • Anonimo scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-
        Scusa cos'e' che si riesce a fare con exchange e che non si riesce a fare con linux? tanto per sapere.
      • Anlan scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Exchange è il programma più pesante che abbia
        mai

        visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e

        invece eccolo qua!



        Incredibile...

        Pensa che un suo simile per linux non c'è
        nemmeno...E invece esiste ... si chiama scalix www.scalix.com.Oltre ad una web ui eccellente permette anche di collegare il caro vecchio client outlook esattamente come se dietro ci fosse un server exchange.Pro: migrazione trasparente agli end userPro: costo di acquisizione più bassoContro : gira solo su linuxContro : l'amministratore del sistema si deve aggiornare.
      • Anonymous scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Exchange è il programma più pesante che abbia
        mai

        visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e

        invece eccolo qua!



        Incredibile...

        Pensa che un suo simile per linux non c'è
        nemmeno...Domino?Il primo che mi viene in mente.E ce ne sono molti altri, magari non cosi' blasonati, ma ci sono.Anonymous
    • The_Stinger scrive:
      Re: Quanto di più peso... -.-
      Strano, pensa che qui in ufficio abbiamo testato sullo stesso cluster un po' vecchiotto Lotus Notes ed Exchange 2003.Il primo andava a carbonella, il secondo ha prestazioni decenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto di più peso... -.-
      Peso ???Dipende da quello che vuoi fare e dalle componenti che abiliti.Certo, se vuoi solo un server SMTP probabilmente non hai urgente necessità di Exchange: qui si parla di una soluzione completa di messaggistica dove puoi usare qualsiasi "canale" per connetterti alla tua mailbox, mettici poi antispamming, integrazione AD, 3 dozzine di altre feature per la mobilità.Sarà anche peso (non mi risulta) ma vedete un pò il progetto SunRise in Telecom dove ben 25 milioni di mailbox (linari, prendete la calcolatrice) stanno su un singolo cluster a 8 nodi Windows 2003 con 3 (solo 3 !!!) domain controller Win2003 a 64bit.Peso ??? Mah, probabilmente perchè qualche genio ha come al solito installato Exchange premendo Next -
      Next -
      Next -
      Next .... senza capire cosa stava facendo.
      • Anonymous scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-
        - Scritto da: Anonimo

        Sarà anche peso (non mi risulta) ma vedete un pò
        il progetto SunRise in Telecom dove ben 25
        milioni di mailbox (linari, prendete la
        calcolatrice) stanno su un singolo cluster a 8
        nodi Windows 2003 con 3 (solo 3 !!!) domain
        controller Win2003 a 64bit.
        Link?Ma e' un progetto o un'infrastruttura in produzione?Non mi risulta che telecom usi windows.E spero ti renda conto della cavolata di usare active directory per gestire una cosa del genere!!!Anonymous
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto di più peso... -.-

      Exchange è il programma più pesante che abbia mai visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e invece eccolo qua!chiamare exchange programma è al quanto riduttivo, exchange è un'incredibile raccolta di servizi integrati che nessun'altro fino ad ora è riuscito ad equipararepesante? certo exchange non è un smtp per 4 gatti, è un sistema pensato per dare servizio migliaia e migliaia di utenti, da questo profilo i servizi di exchange sono leggeri. Al mondo per essere più leggeri c'è solo la possibilità di accontentarsi di un smtp e nel caso migliore dell'emulazione del calendario ed altri fronzoli del più vetusto degli outlook.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quanto di più peso... -.-


        chiamare exchange programma è al quanto
        riduttivo, exchange è un'incredibile raccolta di
        servizi integrati che nessun'altro fino ad ora è
        riuscito ad equiparareForse pochi conoscono Lotus Domino. Sicuramente concordo sul livello di servizi forniti rispetto ad altre soluzioni open, ma è bene notare che tutta la mole di funzionalità di cui si parla non è solo Exchange a fornirla. Non dico che uno sia meglio necessariamente dell'altro, ma sono sicuramente uno alternativo all'altro sotto tutti i punti di vista.Ognuno ha pregi e difetti e la scelta dipende solo dalle esigenze dell'azienda.I numeri di diffusione parlano chiaro, praticamente il mercato mondiale se lo dividono in gran parte Lotus Domino e Exchange. L'Italia forse è il paese con il più basso tasso di distribuzione di Lotus Domino (basta attraversare le alpi per trovare una situzione decisamente invertita), ma non credo che questo sia indicativo.....non siamo mai stati un paese tecnlogicamente leader nel mondo dell'informatica.Credo che un buon approccio sarebbe comunque quello di valutare tutte le piattaforme che il mercato offre (free e non) ed evitare di schierarsi a priori.Valutate gente....valutate.ByePinter
        • Anonimo scrive:
          Re: Quanto di più peso... -.-
          - Scritto da: Anonimo
          Forse pochi conoscono Lotus Domino. Sicuramente
          concordo sul livello di servizi forniti rispetto
          ad altre soluzioni open, ma è bene notare che
          tutta la mole di funzionalità di cui si parla non
          è solo Exchange a fornirla. Non credo che chi usi Exchange non abbia mai sentito parlare di Lotus Domino. Personalmente credo che Lotus non sia stato al passo, per cui resto dell'idea che Exchange non ha rivali.A presto
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto di più peso... -.-
            Personalmente
            credo che Lotus non sia stato al passo, per cui
            resto dell'idea che Exchange non ha rivali.

            A prestoEterni rivali.....c'è chi concorda con te e chi no.....naturalmente ognuno ha i suoi buonissimi motivi per farlo e non si arriverà mai ad una soluzione definitiva.Personalmente credo che Exchange offra un esperienza lato utente piu "accattivante", ma lato server la situazione si ribalta, specie se si prendono in considerazione elementi di sicurezza oppure di flessibilità e scalabilità.Un salutoPinter
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto di più peso... -.-
            [CUT]
            Solo lato client c'e' una superiorita' del
            prodotto microsoft, cosa che comunque non sempre
            e' apprezzata dagli utenti[CUT]Appunto sono uno di quelli che non apprezza :), anche se un po' OT vorrei chiedere, e' possibile usare Thunderbird in una rete aziendale con un server exchange 2000 ? non tollero fare i reply e scrivere la risposta prima del messaggio originale.Non ditemi di usare Outlook Quotefix perche' non riesco a configurarlo e poi cmq non e' quello che cerco.ciao grazie
Chiudi i commenti