Prima beta di DivX4, con un occhio al mercato

DivX arriva in una nuova versione che ne estende la compatibilità verso il passato e getta le basi per il debutto commerciale


San Diego (USA) – Il popolare formato di compressione video DivX, incubo dell’industria cinematografica, sta accelerando i tempi di sviluppo per l’ingresso sul mercato del multimedia, soprattutto quello legato allo streaming di contenuti on-line.

L’azienda che detiene la proprietà intellettuale del formato, DivXNetworks , ha appena rilasciato la prima beta del DivX 4.0, una nuova versione del codec DivX pensato per la commercializzazione.

Questa prima beta del DivX 4 è finalmente compatibile con tutte le versioni del formato, inclusa la diffusissima 3.11 alpha, e promette maggiori prestazioni sia in fase di codifica (dove viene dichiarata almeno 4 volte più veloce delle versioni precedenti) che di decodifica. La nuova versione permette anche la codifica di tipo “multipass” a due differenti bit rate, migliora la qualità visiva, consente una maggiore scalabilità nelle risoluzioni video e supporta tutte le più note applicazioni di codifica ed editing video.

Il DivX 4.0 beta può essere scaricato dal sito DivX.com in due differenti package: uno contenente solo il codec (427 KB) ed uno contenente anche un player (The Playa, in grado fra l’altro di riprodurre i video sullo sfondo di Windows), la documentazione e alcune utilità (708 KB).

DivXNetworks pare intenzionata a commercializzare il DivX Deux, nome in codice del nuovo formato basato sul cuore open source OpenDivX , entro l’anno. L’azienda ha già stipulato accordi con diversi fornitori di contenuti per il video-on-demand e si dice pronta a sfidare i formati proprietari di colossi come Microsoft, RealNetworks ed Apple.


Come si è detto in precedenza, il DivX 4 si poggia sul cuore open source sviluppato per OpenDivX in seno al Project Majo , un contenitore di progetti open source voluto e guidato dagli stessi fondatori di DivXNetworks.

Con il progetto OpenDivX gli autori originali del codec DivX hanno voluto rendere il proprio formato indipendente dalla tecnologia Microsoft (le versioni del DivX precedenti alla 4 erano infatti degli hacking del codec ASF integrato nel Windows Media di Microsoft). Grazie all’approccio open source di Majo, DivXNetworks può ora contare su un cospicuo numero di volontari che, oltre a portare avanti lo sviluppo del codec aperto del DivX, lavorano ad altri progetti paralleli per il porting del formato verso altre piattaforme o per consentirne lo streaming on-line.

A circa sei mesi dall’annuncio dell’inizio lavori, OpenDivX è già stato portato su tutti i maggiori sistemi operativi, fra cui Windows, Linux, Mac, Amiga e PocketPC, e sulle maggiori piattaforme hardware embedded, come MIPS, StrongARM, TriMedia e Phillips.

“DivX è divenuto popolare a causa della sua massiccia adozione partita dall’underground di Internet, non per gigantesche campagne di marketing”, ha dichiarato Jordan Greenhall, CEO e co-fondatore di DivXNetworks. “Abbiamo dato vita ad un progetto open source per dare alla comunità globale degli appassionati di tecnologie video che costituiscono il cuore del movimento DivX l’opportunità di divenire proprietari della tecnologia e contribuire al suo successo”.

Il formato DivX, basato sullo standard MPEG4, ha come ambizione quella di divenire uno standard grazie agli sforzi del DivX Advanced Research Centre (DARC), un gruppo internazionale di esperti nella tecnologia MPEG4.

Nella commercializzazione del formato, DivXNetworks lancerà anche il proprio DivX Distribution System (DDS), una rete di server e di strumenti Web che faciliteranno la distribuzione di video digitali a larga banda dai fornitori di contenuti verso i consumatori. DDS includerà sistemi di pagamento, meccanismi di digital rights management, localizzazione geografica e tecniche per la promozione dei contenuti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    country manager?
    ha ha ha ha ha hacountry manager,ha ha ha ha ha ha ha ha haha ha ha ha ha ha ha ha haUn uovo non è un uovoè un embryon containerMi son fatto una frittatina con 3 embryon container, aahhh che buona.ha ha ha ha ha che pirli.(plurale di pirla)
  • Anonimo scrive:
    da utente a consumatore :-(
    noto che nell'articolo all'inizio si tratta di clienti e utenti e poi ..."Il fatto che la comparsa del proprio account su una directory pubblica sia oggetto di "attacchi" da parte di chi fa spamming è spiacevole, ma non direttamente riconducibile all'opzione presentata al consumatore."... si diventa "CONSUMATORI".HA.IL CONSUMATORE. sembra un mostro umido e bavoso che mangia tutto quello che trova fino a ridurlo all'osso!
  • Anonimo scrive:
    dovrò studiarmela ma...
    da quanto dite nell'articolo ho dato un'occhiata solo superficiale... ma prima il filto "posta generica" era abbastanza completo (anche se non ha funzionato per un certo periodo devo dire... avevo impostato tutto molto finemente... eppure mi è arrivata roba da un dominio assurdo, che non doveva assolutamente essere libero... MAH)e adesso "posta indesiderata" è una cosa talmente generica che l'unica protezione che funziona perfettamente è quella della rubrica... del tipo "o ti conosco e sei nella mia rubrica, oppure addio".Le altre opzioni sono una cosa tipo -protezione "tanto" "poco" "abbstanza grazie" "deppiù".:-(comunque forse non ho dato bene un'occhiata alle opzioni... FORSE dico - è da configurare meglio con i filtri...vedremo!Tornerò.
    • Anonimo scrive:
      Re: dovrò studiarmela ma...
      Devi andare in "filtri personalizzati": nelle opzioni.Filtri personalizzatiFai in modo che determinati messaggi vengano recapitati automaticamente in cartelle specifiche.Giampaolo Bellavite
  • Anonimo scrive:
    HOTMAIL FA CAGARE !
    Ricevo mediamente dai 100 ai 130 messaggi al giorno sulla mia mailbox hotmail, e circa una decina di messaggi "buoni", il sistemone (?!) hotmail riesce a filtrare un buon 20% di questi messaggi spam, ma il restante 80% devo cancellarlo a mano.I filtri sugli indirizzi di posta sono limitatissimi, e inoltre, se qualcuno fa notare a abuse@hotmail.com, che un certo indirizzo di email ha mandato 160 messaggi tutti uguali al tuo indirizzo di posta, questi ricambiano con un messaggino prestampato dove elegantemente ti dicono di non rompergli le scatole e che loro stanno provvedendo a risolvere il problema, e curiosamente arriva subito dopo un altro messaggio dove ti ricordano che "la tua casella di posta e' troppo piena", ma andate a cagare, e' troppo piena di merda, non di roba mia.Avete mai provato a cancellare i messaggi ??? come si fa ??? si spostano nel cestino ??? Anche spostandoli nel cestino, non vengono cancellati, ma vi restano per 14 giorni, come per la casella BULK MAIL.Hotmail fa schifo e microsoft si vende gli indirizzi di posta ( provate a guardare nei messaggi fatti dai lamers gli indirizzi dei destinatari)Al solito, Microsoft si distingue, in tutti e con tutti i suoi servizi (vedi MSN che ci mette una vita per caricare la homepage, a cui sei rediretto automaticamente quando esci da hotmail)
    • Anonimo scrive:
      Re: HOTMAIL FA CAGARE !
      ok ma come alternativa cosa proponi?cioe'.. c'e' un altra webmail gratis che non fa tutto quello che hai detto!??!?!?!?ciaoZ
      • Anonimo scrive:
        Re: HOTMAIL FA CAGARE !
        Ma perché cercare un a webmail?Non so, però io mi trovo bene con tiscali...c'è un po' poco spazio (3 Megabytes) mafunziona. Come client uso Outlook Che Stressoppure Opera Mail. Oppure Telnet, quando c'èqualcosa che non mi convince...Altri client buoni sono Phoenix Mail e Popcorn.Popcorn però non supporta attachments, ma favedere gli header dei messaggi prima di scaricarlicome si può fare con il comando "top" via telnet.
    • Anonimo scrive:
      Re: HOTMAIL FA CAGARE !

      Ricevo mediamente dai 100 ai 130 messaggi al
      giorno sulla mia mailbox hotmail, e circa una
      decina di messaggi "buoni", il sistemone (?!)
      hotmail riesce a filtrare un buon 20% di questi
      messaggi spam, ma il restante 80% devo
      cancellarlo a mano.Come hai configurato i tuoi filtri? C'è da credere che non li hai configurati bene.Mi sembra che i filtri di Hotmail contengano le regole più ovvie per smistare la posta indesiderata: se l'80% dei messaggi non viene smistato, evidentemente:- o sono messaggi destinati a te- o non hai impostato correttamente i filtri.
      I filtri sugli indirizzi di posta sono
      limitatissimiAd esempio, di cosa mancano?Io sinceramente utilizzo i miei filtri di posta Hotmail con successo.
      Avete mai provato a cancellare i messaggi ???
      come si fa ??? si spostano nel cestino ??? Esatto, come accade con i più diffusi client e-mail per il tuo computer.E *deve* essere così: se per errore elimini un messaggio e non lo puoi recuperare, che fai?
      Anche spostandoli nel cestino, non vengono
      cancellati, ma vi restano per 14 giorni, come
      per la casella BULK MAIL.No, nel cestino vi restano una settimana.Nella posta indesiderata vi restano due settimane, poiché è più facile che il filtro smisti dei messaggi che invece ti interessano, per cui un tempo maggiore di permanenza ti dà la possibilità di leggere i messaggi che sono stati spostati lì per sbaglio.Inoltre se hai problemi di spazio nella casella puoi usare Outlook Express (gratuito) per salvare i tuoi messaggi sul disco.
      Hotmail fa schifo e microsoft si vende gli
      indirizzi di posta ( provate a guardare nei
      messaggi fatti dai lamers gli indirizzi dei
      destinatari)Sinceramente, circa sei mesi fa ho aperto una casella che uso solo per conservare i messaggi che mi interessano, e non mi è mai arrivato nessun messaggio, poiché non l'ho pubblicizzato.In quanto ai lamers: è comune la tecnica di adottare la ricerca di tutti gli account @hotmail.com trovati su Internet e utilizzarli per inviare lo spam, magari in ordine alfabetico (ci sono degli odiosi programmi apposta che lo fanno).Se pubblicizzi il tuo indirizzo di posta elettronica su Internet, che esso sia Hotmail o tin.it, sei ovviamente possibile mira degli spammatori.
      Al solito, Microsoft si distingue, in tutti e
      con tutti i suoi servizi Vero. Io utilizzo Hotmail anche prima che fosse di Microsoft e da quando è entrata in MSN non ho visto altro che comodi vantaggi.Giampaolo Bellavite
      • Anonimo scrive:
        Re: HOTMAIL FA CAGARE !
        L'unica cosa che gli si può dire contro è l'antivirus di McAfee che non è aggiornato da mesi, cosa grave perchè non riconosce i virus recenti, anche perchè un utente poco esperto ci metterebbe poco ad infettare la sua macchina.
        • Anonimo scrive:
          Re: HOTMAIL FA CAGARE !
          Ad esempio quale non riconosce?Da quello che mi risulta il problema di non avere l'ultimo aggiornamento disponibile da subito e' un problema comune a molte Microsoft europee.Questo era stato gia' sollevato dal responsabile di Microsoft Olanda ma non so poi come ando' a finire.Poi tanto per precisare e' McAfee.com e non McAfee....differenza sottile nel nome ma grande nella sostanza.Ciao.- Scritto da: Hotair

          L'unica cosa che gli si può dire contro è
          l'antivirus di McAfee che non è aggiornato
          da mesi, cosa grave perchè non riconosce i
          virus recenti, anche perchè un utente poco
          esperto ci metterebbe poco ad infettare la
          sua macchina.
          • Anonimo scrive:
            Re: HOTMAIL FA CAGARE !
            Beh McAfee.com è il sito non il programma era per dare l'idea, cmq non risconosce il W32.Sircam HLLW.Qaz Win32.Navidad Win32.MTX VBS.Stages e un worm che ho da poco isolato che non viene attualmente riconosciuto nè da Norton nè Pc-cillin con gli ultimi pattern, cmq dal rebuild ha un server smtp e penso che sia una variante di redcode.
          • Anonimo scrive:
            Re: HOTMAIL FA CAGARE !
            Di questo, ripeto, e' responsabile Microsoft in quanto sono loro che devono prelevare i DAT files.Ad ogni modo l'anti-virus a Microsoft e' fornito da McAfee.com (che non e' il sito ma il produttore). C'e' tanto di logo pure che lo specifica (Nasdaq: MCAF).Questa confusione purtroppo e' ancora comune ma la colpa non e' certo degli utenti, quanto di una difficolta' intrinseca nel distinguere tra McAfee e McAfee.com (due societa' diverse che pero' hanno in comune lo stesso dominio).Prova a scrivere a Microsoft Italia ma dubito che possano fare nulla dal momento che le versioni localizzate dell'antivirus della McAfee.com sono ancora in fase di testing. Ripeto. La cosa migliore sarebbe usare Hotmail versione US.
          • Anonimo scrive:
            Mea Culpa
            - Scritto da: XP
            Prova a scrivere a Microsoft Italia ma
            dubito che possano fare nulla dal momento
            che le versioni localizzate dell'antivirus
            della McAfee.com sono ancora in fase di
            testing. Ripeto. La cosa migliore sarebbe
            usare Hotmail versione US.Chiedo venia ma da quanto appreso personalmente l'utlimo aggiornamento (7/18/01 v.4148) non e' ancora presente sui server di Hotmail. Colpa di Microsoft tutta (sia US che Europea) che esegue gli aggiornamenti quanno je pare. Io credevo avessimo risolto questo problema e invece sti pezzenti.....Consiglio spassionato: usate Yahoo! Email.Cio' nonostante l'antivirus della McAfee.com rileva tutto, ed e' stato il primo ad essere aggiornato. Quindi se lo avete installato su vostro PC siete apposto, se aspettate che lo faccia Microsoft...state freschi...Scusate per il precedente errore.
      • Anonimo scrive:
        Re: HOTMAIL FA CAGARE !
        - Scritto da: Giampaolo Bellavite
        ......

        Vero. Io utilizzo Hotmail anche prima che
        fosse di Microsoft e da quando è entrata in
        MSN non ho visto altro che comodi vantaggi.Io uso (ancora) hotmail e i filtri funzionano, come li ho impostati, circa all'80%. Non perdo alcun messaggio importante e lo spam nella inbox e' francamente troppo ma riesco ancora a lavorare. Comunque lo spam, fino a prova contraria, non e' colpa di hotmail.Detto questo, l'ultima frase te la potevi risparmiare....E' vero che Bill Gates e' il tuo idolo e la Microsoft la tua religione, ma ....
        • Anonimo scrive:
          Re: HOTMAIL FA CAGARE !

          Detto questo, l'ultima frase te la potevi
          risparmiare....Perché? Diamo a Cesare quel che è di Cesare.
          E' vero che Bill Gates e' il tuo idolo e la
          Microsoft la tua religione, ma .... E' vero che, invece, in questi forum o si insulta oppure bisogna stare cauti a parlar bene, e siccome non mi va dover insultare a destra e a manca per ottenere i consensi di tutti...Ora scusa ma devo andare con gli altri adepti a pregare al Tempio XP. :-)Amen
    • Anonimo scrive:
      Re: HOTMAIL FA CAGARE !
      SONO D'ACCORDO ! fa proprio cagare; ho provato tante caselle diverse e l'unica che riceve spam a valanga è quella hotmail (tra l'altro essendo stata fatta per prova, in teoria dovrebbe essere sconosciuta invece ricevo di tutto!): secondo me è ottimo mailcity.com o yahoo.com o meglio ancora hushmail così siete anche anonimi sul serio!una domanda: come mai il sig 'country manager' non pubblica la sua e-mail nell'intervista? forse non si fida dei filtri? ahahaha e te credo !se microsoft fosse seria userebbe i filtri veri, ossia rbl/dul/rss/osorss/orbl, ma siccome pensa di essere al di sopra delle regole, fa quei filtri inutili !vabbeh tanto io uso un server di posta coi filtri veri e nestcape su Mac :))
    • Anonimo scrive:
      Re: HOTMAIL FA CAGARE !
      Al solito la colpa è di Microsoft, vero?Te l'hanno mai spiegato il significato del proverbio "a caval donato non si guarda in bocca"?- Scritto da: salamander
      Al solito, Microsoft si distingue, in tutti
      e con tutti i suoi servizi (vedi MSN che ci
      mette una vita per caricare la homepage, a
      cui sei rediretto automaticamente quando
      esci da hotmail)
      • Anonimo scrive:
        Re: HOTMAIL FA CAGARE !

        Te l'hanno mai spiegato il significato del
        proverbio "a caval donato non si guarda in
        bocca"?Bella frase.Ricordatene quando si (ri)(s)parlera' di GNU/Linux:-PPPPP
Chiudi i commenti