Primi passi per replicare uno Stradivari?

Mai risposta concreta è stata data al perché delle differenze tra l'originale e le riproduzioni. Ora, con una trovata originale, se ne sa una in più
Mai risposta concreta è stata data al perché delle differenze tra l'originale e le riproduzioni. Ora, con una trovata originale, se ne sa una in più

Con l’obiettivo di riprodurne altri uguali o migliori, per secoli appassionati, musicisti, direttori d’orchestra di chiara fama, industrie produttrici di strumenti musicali e molti altri personaggi che ruotano intorno al mondo della musica hanno cercato di capire per quale motivo un violino Stradivari o un Guarneri hanno un suono così completo, pieno, corposo, netto, in una parola coinvolgente. Ma una spiegazione scientificamente attendibile non è stata mai trovata .

Ora ad alcuni ricercatori è venuta un’idea : utilizzare tecnologie per uso medico, cercando con esse di carpire i segreti di un feeling che conquista, indisturbato e mai eguagliato, i cuori e le orecchie di tutto il mondo. È così che un medico olandese e un costruttore di violini statunitense pensano di aver finalmente capito almeno alcune delle differenze tra uno di quei gioielli e uno strumento prodotto in epoca contemporanea.

Adattando un programma sviluppato per calcolare la densità polmonare in persone affette da enfisema, i due hanno analizzato le proprietà fisiche degli storici violini tramite uno scanner per tomografia , normalmente utilizzato in medicina. Il grande vantaggio di questa scelta è la matematica certezza di non arrecare alcun danno agli strumenti in esame: qualsiasi minima alterazione varrebbe svariati milioni di euro .

Mappa delle aree di interesse Mentre non è emersa alcuna particolare differenza nelle aree mediane della cassa armonica, incluso il piano armonico, ciò che si è rivelato con evidenza è la densità del legno . Tutte le aree di interesse degli strumenti sono infatti state facilmente mappate grazie al software modificato. Questo dato, secondo i due ricercatori, spiegherebbe bene la differenza di suono in quanto la densità è determinante per le vibrazioni della cassa, che a loro volta formano – insieme alle vibrazioni delle corde – il suono percepito.

Allora per quale motivo – si chiedono – pur utilizzando ugualmente legno di acero e legno di abete rosso i suoni sono così diversi? In parte, la risposta potrebbe essere nelle diverse condizioni di crescita degli alberi tra l’epoca di costruzione degli Stradivari e dei Guarneri, e quelle odierne. “Le differenze climatiche potrebbero spiegare parte della diversità, ma anche il trattamento del legno è rilevante”, spiegano i ricercatori. Come lo è l’invecchiamento di 300 anni , che secondo il dottor Berend Stoel, del Leiden University Medical Center , è un fattore di influenza decisamente rilevante.

Dunque, grazie a questa trovata ora si sa che la densità risulta nettamente diversa tra l’antico e il nuovo: Stradivari e Guarneri hanno il legno più denso. Ma è sufficiente sapere questo per tentare di eguagliarli? “Non c’è modo di sapere altro dai dati che abbiamo rilevato. Abbiamo solo individuato una differenza nelle densità”, spiegano, lasciando ancora una volta a bocca sostanzialmente asciutta chi sperava di aver capito carpito l’arcano di quei violini.

Se la scoperta non riuscirà a consentire alle industrie di “replicare” uno di quei gioielli, per gli intenditori sopraffini ancora una volta non resterà che andare ad ascoltare quelli veri.

Marco Valerio Principato

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti