Primo trionfo legale per GNU GPL

Un tribunale di Monaco di Baviera impone ad una società del networking il rispetto della licenza GPL legata ai software che utilizza e implementa. Accade per la prima volta. Applaude la comunità del software libero


Berlino – Con quella che molti considerano una prima assoluta, un giudice tedesco ha ordinato un’ingiunzione preliminare contro una società, Sitecom , per la violazione della licenza GNU GPL. Stando al parere di molti esponenti della comunità open source, fino ad oggi la licenza partorita dalla Free Software Foundation non aveva mai affrontato la prova del tribunale.

L’ingiunzione era stata chiesta ad un tribunale di Monaco dal progetto open source netfilter/iptables , noto per lo sviluppo di un software di firewalling, packet filtering e network address translation (NAT) per Linux coperto dalla licenza GPL.

In un comunicato, netfilter/iptables sostiene che Sitecom stia commercializzando dei router per reti wireless che, benché basati sul proprio software, non includono il relativo codice sorgente. Come noto, uno dei capisaldi della GPL è che ogni software basato su codice protetto da tale licenza debba a sua volta essere pubblicato sotto GPL e accompagnato dal codice sorgente.

Dopo aver più volte diffidato Sitecom dal violare la licenza che protegge il proprio software, il progetto netfilter/iptables ha chiesto al tribunale di obbligare il produttore tedesco a rispettare i termini della GPL. Alcuni giorni fa il giudice ha accolto la richiesta emettendo un’ingiunzione preliminare.

“Per quanto ne so, questa è la prima volta che una sentenza giudiziaria ha deliberato sull’applicabilità e la validità della GNU GPL”, ha commentato Till Jaeger, consulente legale del progetto netfilter/iptables.

“Non stiamo opponendoci in nessun modo all’uso commerciale del software free e open source”, ha poi aggiunto Harald Welte, chairman del Netfilter Core Team. “In modo particolare, tengo a dire che non c’è nessun rischio nell’utilizzare la licenza GPL all’interno di prodotti commerciali. Tuttavia, i produttori devono rispettare i termini della GPL come farebbero con qualsiasi altra licenza, incluse quelle proprietarie”.

La sentenza tedesca, che di fatto riconosce il valore legale della GPL, potrebbe rappresentare un importante precedente nella storia di tale licenza. In passato Microsoft ha più volte messo in dubbio la validità giuridica della GPL e, più di recente, SCO ha affermato che durante il processo con IBM ne dimostrerà la debolezza . SCO ha definito questa licenza “una creazione della Free Software Foundation per soppiantare le attuali leggi statunitensi sul copyright”.

E’ curioso notare come dalla fine del 2002 Sitecom abbia corteggiato gli utenti di Linux garantendo la compatibilità di molti suoi prodotti con il sistema operativo free e pubblicando diversi “howto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Chi fa la spia non è figlio di maria....
    Per conto mio hanno fatto bene a sollevare la questione, sarebbe l?ora che qualche parlamentare cominciasse a vedere con i propri occhi dove vogliono arrivare queste nazioni arroganti che detengono tutta questa tecnologia spiona spiata a destra e a manca, prima di trovarci tutti quanti un cip piazzato nel di dietro e un Matrix che tenta di togliercelo!
  • Anonimo scrive:
    jammer / scanner
    a questo punto conviene che ogni persona a cui sta a cuore la sicurezza PERSONALE decida di procurarsi apparecchiature di scanning per sé e faccia una scansione di ciò che ha addosso e di ciò che lo circonda. Dopodiché si dovrebbe poter dotare di jammer che disturbino la trasmissione di questi piccoli stronzettini
  • Anonimo scrive:
    Idea
    Beh, non male come idea. Io proporrei che a tutti i politici burocrati italiani venga inserito questo chippetto, così vediamo chi è che lavora veramente e si merita di essere rieletto.A tal proposito sono aperte le votazioni per scegliere il posto dove questo chippetto debba essere inserito, a voi la parola.
    • Anonimo scrive:
      Re: Idea
      A parte l'incongruenza lessicale tra "politici" e "burocrati"... (i primi sono eletti e di mestiere propongono e votano le leggi, i secondi sono assunti e lavorano in uffici ... al massimo creati dalle leggi prima citate).Il sistema per sapere se vale la pena di rieleggere o meno un parlamentare c'è già, ed è costituito dal sito internet del Parlamento lì trovi tutte le info che ti servono per giudicare da solo... (presenze, interventi, leggi votate , etc. ) basta cercare.
  • Anonimo scrive:
    Ma bastaaaa ...
    Ma bastaaa paranoie, i radicali dicono tante cose condivisibili, specialmente quando battagliano per il liberismo ma sinceramente non e' il caso di perdere credibilita' con questa stupidaggine degli RFID!Gli RFID sono un grosso passo avanti per la distribuzione, ed anche perche' no, anche per il monitoraggio! Ma come, tutti premono per l'identificazione biometrica, per le videosorveglianza, riconoscimento volti, e poi ci si scandalizza per gli RFID che servono soprattutto per la merce?Si perderanno posti di lavoro? E allora? E' sempre stato cosi' con il progresso, spariscono delle tipologie i lavoro e ne nascono delle altre.E quanto alla sicurezza, in una societa' complessa e delicata e' sempre piu' importante prevenire le teste matte, ma c'e' qualcuno che ancora crede che in un futuro da decine di miliardi di umani in enormi conglomerati e una infinita' di obiettivi sensibili a rischio, si possa evitare di mettere in campo un sistema automatico di telemonitoraggio individuale? Violazione della privacy? No, se e' del software ad analizzare i dati e a decidere se sia il caso di ulteriori indagini. Questo e' l'unico modo per garantire la sopravvivenza ad una societa' cosi' evoluta da essere molto fragile.Illusi invece quelli che credono che una societa' evoluta porti automaticamente ad umani evoluti, la nostra fisiologia rimane quella di 50'000 anni fa, guardate ora, siamo arrivati a 10e-43 dal big bang, al DNA, ad assemblare chip a livello atomico eppure regolarmente si vedono buzzurri spaccare vetrine, abbattere antenne, pagare maghi e oroscopi ... e parlo di una delle 5 societa' piu' evolute al mondo ... figurarsi le altre!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma bastaaaa ...
      Beh, ma ti rendi conto di quello che stai dicendo ?A parte il fatto che in una società democratica chiunque ha il diritto di fare domande e di ottenere risposte (possibilmente non del tipo: "segui il dito")...A parte il fatto che i delegati ad una conferenza non sono merci e che quindi si sbugiarda quello che tu affermi nel tuo post quando dici che la tecnologia RFID è "solo per le merci"...Il comportamento tenuto dalla ITU è in violazione di una serie incredibile di norme del diritto comunitario e nazionale Svizzero e quindi è pienamente censurabile.Chiunque (radicale o meno) ha il diritto che queste norme vengano rispettate !Se tu non sei sensibile al tema della protezione delle libertà individuali, allora fatti impiantare un chip RFID tra le scapole e poi metti in piedi un bel sito internet dove chiunque possa sapere in tempo reale dove sei, con chi sei e cosa stai facendo... Chissà, qualcuno potrebbe trovare divertente telefonarti o suonarti alla porta tutte le volte che ti accingi a ... "fare del bene"... !
    • rem scrive:
      Re: Ma bastaaaa ...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma bastaaa paranoie, i radicali dicono tante
      cose condivisibili, specialmente quando
      battagliano per il liberismo ma sinceramente
      non e' il caso di perdere credibilita' con
      questa stupidaggine degli RFID!

      Gli RFID sono un grosso passo avanti per la
      distribuzione, ed anche perche' no, anche
      per il monitoraggio! Ma come, tutti premono
      per l'identificazione biometrica, per le
      videosorveglianza, riconoscimento volti, e
      poi ci si scandalizza per gli RFID che
      servono soprattutto per la merce?

      Si perderanno posti di lavoro? E allora? E'
      sempre stato cosi' con il progresso,
      spariscono delle tipologie i lavoro e ne
      nascono delle altre.

      E quanto alla sicurezza, in una societa'
      complessa e delicata e' sempre piu'
      importante prevenire le teste matte, ma c'e'
      qualcuno che ancora crede che in un futuro
      da decine di miliardi di umani in enormi
      conglomerati e una infinita' di obiettivi
      sensibili a rischio, si possa evitare di
      mettere in campo un sistema automatico di
      telemonitoraggio individuale? Violazione
      della privacy? No, se e' del software ad
      analizzare i dati e a decidere se sia il
      caso di ulteriori indagini. Questo e'
      l'unico modo per garantire la sopravvivenza
      ad una societa' cosi' evoluta da essere
      molto fragile.

      Illusi invece quelli che credono che una
      societa' evoluta porti automaticamente ad
      umani evoluti, la nostra fisiologia rimane
      quella di 50'000 anni fa, guardate ora,
      siamo arrivati a 10e-43 dal big bang, al
      DNA, ad assemblare chip a livello atomico
      eppure regolarmente si vedono buzzurri
      spaccare vetrine, abbattere antenne, pagare
      maghi e oroscopi ... e parlo di una delle 5
      societa' piu' evolute al mondo ... figurarsi
      le altre!

      Pur dandoti sommariamente ragione ritengo non siano da sottovalutare in alcun modo gli usi indebiti dell'RFIDe' una tecnologia che e' molto riduttivo considerare aperta a monitoraggi di merci o persone,icuramente diverra' utilissima nel risolvere molti degli attuali problemi nella intercomunabilita' per motivi di sicurezza e soccorso.ma e' sicuramente una tecnologia molto ma molto pericolsa se usata indebitamente per scopi di spionaggio militare industriale o affini,e apre le porte al divenire realta' di un grande incubo,il tanto temuto grande fratello,piu' volte agitatore delle fantasie di molti scrittori e produttori cinematografici,fidati di chi ci sta' studiando sopra per motivi di lavoro e ricerca
    • Anonimo scrive:
      Re: datti una calmata "piccolo pirla"!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma bastaaaa ...
      siamo sempre lì: grande e potenzialmente utile innovazione tecnologica ma usata solo per scopi barbini - a me sta bene che PER SICUREZZA si sappi dove girino i partecipanti di un summit, che si sappia, PER OTTIMIZZARE LE VENDITE quante lattine di birra e di che marca e di che peso si comprino in un supermarket ecc... ma non mi va che si sappia che quello sia IO, è chiaro il concetto?
  • Anonimo scrive:
    Marco Cappato
    Mi stai sempre più simpatico, alle prossime elezioni ti voto
    • Anonimo scrive:
      Re: Marco Cappato
      mi sa che alle europee i radicali li voto anche io, i pagliacci che ci hanno governato negli ultimi 20 anni mi hanno stufato...(anche se i pagliacci che stanno al governo adesso oltre ad autogratificarsi come hanno fatto gli altri anche in passato qualcosina -ina -ina l'hanno fatto)
      • Anonimo scrive:
        Re: Marco Cappato
        Ma su questa campagna elettorale subdola è proprio meschina... si capisce benissimo che siete due radicali che fate finta di essere due nuovi convertiti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Marco Cappato
          - Scritto da: Anonimo
          Ma su questa campagna elettorale subdola
          è proprio meschina... si capisce
          benissimo che siete due radicali che fate
          finta di essere due nuovi convertiti.spiacente ma hai toppato :)ti diro' che certi punti del programma dei radicali mi vedono di opinione assolutamente contraria...ma almeno loro per quello in cui credono si danno da fare...
          • Anonimo scrive:
            Re: Marco Cappato
            Il problema più che altro è che si stanno alleando con Berlusconi...
          • Anonimo scrive:
            Re: Marco Cappato
            E con chi vuoi che si alleino, con Prodi?O con Fassino (si scrive Fassino ma si legge De Benedetti)....O col duo CossuttaBertinotti? (si scrive comunisti si legge imbecilli)....
  • Anonimo scrive:
    Spia la spia ?
    dimostrare ai politici che le tecnologie non le gestiscono loro ? e sperare in un indignazione ?se i politici si lasciano spiare da rfid (come dei polli) non meritano i stare li
Chiudi i commenti