Procede ma inciampa l'appello antiGoverno

L'appassionata lettera-appello firmata da Giovanni Bachelet, Enzo Marzo, Paolo Sylos Labini ed Elio Veltri per mobilitare l'opposizione si diffonde online. Ma lo fa malamente


Roma – Sta ricevendo ampi consensi la lettera-appello firmata da Giovanni Bachelet, Enzo Marzo, Paolo Sylos Labini ed Elio Veltri e spedita in rete con grande risalto da Repubblica.it e da altri quattro siti. Una lettera che attacca l’attuale Governo e maggioranza e propone una mobilitazione democratica.

Alla lettera viene offerto molto spazio anche in virtù della imponente e veloce raccolta firme: mentre scriviamo ha già raggiunto la ragguardevole quota di 15.503 adesioni.
Per una iniziativa online, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, raggiungere questi numeri è segno di un enorme seguito e dunque è probabile che i contenuti della lettera-appello siano effettivamente condivisi da tante migliaia di utenti internet.

Eppure il dubbio inevitabilmente assale chiunque si trovi a firmare quelle pagine.

Recandosi nella sezione dedicata all’appello da Repubblica.it , infatti, ci si rende subito conto che chiunque può firmarlo con la massima facilità tutte le volte che vuole e ogni volta fornendo dati diversi. In pochi minuti è possibile aggiungere firma a firma senza ricorrere ad alcun artificio tecnico.

La gestione dell’appello, infatti, sul piano tecnico non prevede né l’invio di cookie che consentirebbero di rendere più difficile il ri-utilizzo del form di sottoscrizione né una conferma via email della firma.

E’ probabilmente vero che raccogliere “firme valide” in rete è pressoché impossibile, allo stato, ma è senz’altro vero che esistono una serie di strumenti che possono essere messi in campo per ridurre al massimo gli abusi. Il mancato utilizzo di uno qualsiasi di questi strumenti sembra inevitabilmente pregiudicare il senso e la validità di questa raccolta firme, questione che va naturalmente al di là della condivisibilità o meno dei contenuti dell’appello.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Gente Veneta non si deminizza la chat
    Mi chiedo .... come mai ogni volta che ci sono coppie in crisi si deve necessariamente cercare un caprio espiatorio invece che farsi degli esami di coscenza all'interno della coppia?La rete è come la vita di tutti i giorni, se una coppia scoppia non è certo per le chat o altro ma perchè all'interno della stessa qualcosa non funziona più ed è lì dove ricercare la vera causa.Tutte le altre motivazioni sono solo alibi per nascondere a loro stessi la vera verità.Perciò finitela una buona volta con queste stronzate!!!Il mio matrimonio sta fallendo perchè mio marito/moglie và in discoteca ... oppure ... perchè sta in chat etc...!!!Crescete un pò, e siate + sinceri con voi stessi e tutte queste cose vedrete che non c'entrano nulla.Buongiorno a tutti questo è il mio parere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gente Veneta non si demonizza la chat
      scusate ... errore di battitura nel titolo
    • Anonimo scrive:
      Re: Gente Veneta non si deminizza la chat
      - Scritto da: Dana
      Mi chiedo .... come mai ogni volta che ci
      sono coppie in crisi si deve necessariamente
      cercare un caprio espiatorio invece che
      farsi degli esami di coscenza all'interno
      della coppia?
      La rete è come la vita di tutti i giorni, se
      una coppia scoppia non è certo per le chat o
      altro ma perchè all'interno della stessa
      qualcosa non funziona più ed è lì dove
      ricercare la vera causa.
      Tutte le altre motivazioni sono solo alibi
      per nascondere a loro stessi la vera verità.
      Perciò finitela una buona volta con queste
      stronzate!!!
      Il mio matrimonio sta fallendo perchè mio
      marito/moglie và in discoteca ... oppure ...
      perchè sta in chat etc...!!!
      Crescete un pò, e siate + sinceri con voi
      stessi e tutte queste cose vedrete che non
      c'entrano nulla.
      Buongiorno a tutti questo è il mio parere.Concordo in pieno su tutta la linea!
  • Anonimo scrive:
    lettera al limite del ridicolo...
    me lo immagino lo staff di PI che legge Gente Veneta
  • Anonimo scrive:
    i non credenti non credono
    "Poi c'è il fatto che il credente crede nel matrimonio"e questo è giusto e vero.Ma i non credenti (non più) non credono al matrimonio e per tanto non si fermano alla fede, ma ai fatti.
  • Anonimo scrive:
    dati parziali, oggettivi solo al loro interno
    "nasce da un bilancio di un consultorio cui si rivolgono le coppie con difficoltà, quindi nasce da dati oggettivi,"se nasce dalle coppie in difficoltà non è oggettivo: è soggettivo: parla solo di quelle.Le coppie oggi sono in difficoltà e basta. Il mondo non permette più di schiavizzare la moglie e tutto ciò che ne consegue. La parità mostra come la sottomissione non sia più possibile; soluzione: coppie di single.Problema? i figli.
  • Anonimo scrive:
    Cloro al clero
    La rete e` un covo di pirati, pedofili,ora abbiamo anche la conferma cheviene usata dai brigatisti, un terrenoimmondo dove qualunque eretico puo` alzarsila mattina e dire la sua opinione dovegli pare senza che nessuno per il bene dei lettori possa impedirglielosenza essere tacciato di istinto censorio ---------se posso dare un consiglio alle donneche si sentono trascurate dai loro uominiper le chat ed i videopoker, magari sarebbe il caso di dargliela piu`spesso invece di usare il sesso comemezzo per conseguire i propri obiettivie poi nessun medico obbliga al matrimonio,se la gente ci arriva senza la maturita`necessaria sono cassetti loro,non possiamo prendercela con le chat;a sto punto prendiamocela anchecon i pirati di schede satellitariche consentono facilmente di guardarei porno via satellite...ne?Pino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: Cloro al clero

      se posso dare un consiglio alle donne
      che si sentono trascurate dai loro uomini
      per le chat ed i videopoker,
      magari sarebbe il caso di dargliela piu`
      spesso invece di usare il sesso come
      mezzo per conseguire i propri obiettivifondiamo un partito per la diffusione dei...hmmm...sentimenti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Cloro al clero
        - Scritto da: blah

        se posso dare un consiglio alle donne

        che si sentono trascurate dai loro uomini

        per le chat ed i videopoker,

        magari sarebbe il caso di dargliela piu`

        spesso invece di usare il sesso come

        mezzo per conseguire i propri obiettivi
        fondiamo un partito per la diffusione
        dei...hmmm...sentimenti...LOL, mi iscrivo ;-)))Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Cloro al clero
        ...e poi ci facciamo un sito... e un forum... e una chat!!! :)
Chiudi i commenti