Produrre grafene? Basta una scatola di biscotti

Una ricerca USA gioca con la possibilità di estrarre il "prezioso" ancorché futuribile materiale monomolecolare dagli oggetti di tutti i giorni. Sempre che i processi produttivi divengano sufficientemente economici

Roma – Quanto grafene si potrebbe estrarre da una scatola di biscotti di quelle vendute porta a porta dalle girl scout americane ? Stando ai calcoli dei ricercatori della Rice University , da un oggetto così banalmente quotidiano sarebbe teoricamente possibile ricavare una quantità del materiale hi-tech più chiacchierato dal valore di ben 15 miliardi di dollari.

Il laboratorio di nanotech dell’università statunitense pare sia specializzato nell’estrazione di grafene da ogni genere di materiale e composto comune – vetro, cioccolata, zampe di scarafaggio e persino escrementi di cane. La “sfida” della scatola di biscotti è nata dalla presenza di biscotti delle girl scout in un meeting a tema in cui il chimico James Tour ha sostenuto di poter recuperare grafene da qualsiasi fonte contenente l’elemento carbonio.

Il processo di estrazione del materiale che è valso il premio Nobel ai suoi scopritori non è a ogni modo alla portata di tutti: presso la Rice hanno “fuso” i biscotti posizionandoli su una lamina di rame, in un forno alimentato da gas di argon e idrogeno riscaldati a 1.900 gradi centigradi .

In questo ambiente estremo, il materiale posizionato sul foglio di rame si decompone formando un sottile strato di grafene al di sotto del suddetto foglio – mentre le impurità e il materiale di scarto si sedimentano sulla superficie.

La cifra dei 15 miliardi di dollari in grafene indicata dai ricercatori è naturalmente frutto di calcoli matematici speculativi, e tiene conto della difficoltà attuale nell’ideare un processo produttivo adatto a esigenze industriali. Qualora i costi di produzione scendessero, questo il messaggio di fondo della Rice, si potrebbe ricavare grafene di alta qualità praticamente da ogni cosa esistente al mondo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
    "Apprezziamo l'aiuto di Tavis Ormandy e di tutti quelli che collaborano per rendere i nostri prodotti più forti e più sicuri".ma in realta voleva dire:"Quel fott*** bast**** ci ha sgamati, potesse morire di morte lenta e dolorosa. Ci siamo segnati il suo nome e prima o poi ce la paghera'".
    • Ittiointerp rete scrive:
      Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
      Tavis Ormandy ancora questo tizio malato di protagonismo?Questo è uno che quando scopre una vulnerabilità ti da un limite di tempo stabilito da lui stesso per sistemarla, altimenti la sbandiera ai quattro venti e se non ci sono malware che la sfruttano si preoccupa di crearli in proprio e ovviamente di renderli pubblici.Ha l'etica professionale di un untore.Mi vien quasi da mettere in dubbio anche la sua capacità professionale, visto che non riesce a rendere privato un documento confidenziale nel suo patetico sito di presentazione.http://taviso.decsystem.org/making_software_dumber.pdf
      • bubba scrive:
        Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
        - Scritto da: Ittiointerp rete
        Tavis Ormandy ancora questo tizio malato di
        protagonismo?

        Questo è uno che quando scopre una vulnerabilità
        ti da un limite di tempo stabilito da lui stesso
        per sistemarla, altimenti la sbandiera ai quattro
        venti e se non ci sono malware che la sfruttano
        si preoccupa di crearli in proprio e ovviamente
        di renderli
        pubblici.

        Ha l'etica professionale di un untore.

        Mi vien quasi da mettere in dubbio anche la sua
        capacità professionale, visto che non riesce a
        rendere privato un documento confidenziale nel
        suo patetico sito di
        presentazione.

        http://taviso.decsystem.org/making_software_dumbercos'e'? invidia del pene? .. xche sarebbe confidenziale quel pdf poi? e' una sua ricerca, pubblicata anche all' Usenix Woot... ah dici che e' confidenziale per la piccola dicitura che dice "google confidential" ?? Beh avra' scordato di rimuovere la scritta... del resto al woot l'avra' presentata nel 2008... se non prima..
        • Ittiointerp rete scrive:
          Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
          Ah ah che commento! Io sono la gomma tu la colla. Non è la prima, non è la seconda e nemmeno la terza volta che Ormandy fa annunci di questo tipo cercando di spargere terrore, solo perchè SEMPRE a suo dire non vengono rimediati i bug da lui scoperti nei tempi da LUI previsti. Sarà anche bravo ma questo tizio ha dei problemi. Se ti occupi di sicurezza lo fai per chi? Per vedere il software bello e candido? SBAGLIATO! Gli utenti sono i tuoi clienti e devi dar a loro la sicurezza a cui tanto tieni, non sbandierando al mondo intero le sue scoperte e come farle funzionare.Ormandy non ha l'etica per fare il suo lavoro, come lui ce ne sono migliaia di altri ma non si comportano allo stesso modo. Ah ma lavora per Google, don't be evil....
          • SDU scrive:
            Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
            "Tu c'hai grossa crisi".Ok, hai comprato Sophos e ti ruga, ma non è la fine del mondo.Geesù..
          • Ittiointerp rete scrive:
            Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
            Ecco è arrivato quello furbo e metti in discussioni le opinioni una volta tanto.
          • CarcioGhiot to scrive:
            Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
            Perchè nessuno sbandiera il fatto che con Linux non ci sarebbero 'sti problemi????Che fine hanno fatto tutti i Linari? :-)
          • diffamante scrive:
            Re: Il portavoce dell'azienda ha dichiarato:
            - Scritto da: SDU
            "Tu c'hai grossa crisi".

            Ok, hai comprato Sophos e ti rugaBella trollata. Quanti anni hai, 11?
Chiudi i commenti