Pronti gli occhiali a cristalli liquidi

Lenti dinamiche per informatici dinamici: le ha inventate PixelOptics, un'azienda che produce occhiali intelligenti a cristalli liquidi, in grado di auto-aggiustare la messa a fuoco


Roanoke (USA) – PixelOptics , una giovane azienda statunitense, è pronta a dar battaglia alle lenti bifocali grazie ad una nuova generazione di occhiali intelligenti capaci di autoregolare la propria messa a fuoco. Il prototipo, si legge su New Scientist , è già pronto: ancora un paio d’anni e le lenti a cristalli liquidi saranno finalmente sul mercato.

Al posto del vetro tradizionale, gli occhiali di PixelOptics utilizzano due microstrati resistenti che contengono un ulteriore strato di cristallo liquido dallo spessore di 5 micron. Il liquido, sfruttando uno speciale dispositivo di “autofocus” simile a quello utilizzato dalle moderne telecamere compatte, riesce ad adottare la stessa configurazione di una lente di tipo Fresnel, così da garantire una visione sempre perfetta .

L’invenzione, secondo il CEO di PixelOptics Ronald Blum, “è talmente eccezionale che può avere un impatto devastante sul mercato dell’ottica”. Il prototipo realizzato nei laboratori di PixelOptics, che hanno base in Virginia, non ha ancora un aspetto esteticamente gradevole, ma tra poco tempo, garantisce Blum, “i nostri occhiali intelligenti avranno un look indistinguibile da quelli tradizionali”.

I test finora condotti dall’azienda fanno sperare in una resa visiva eccezionale , assai utile per tutti quei pazienti affetti dai disturbi visivi tipici della terza età, che spesso costringono all’uso delle lenti bifocali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: germania
    - Scritto da: Anonimo
    In Germania, la Sassonia (la regione in cui ci
    sono le due fabbriche AMD (chiamate Fab30 e
    Fab36), ha pagato la maggior parte
    dell'investimento iniziale e continua a pagare
    parte degli stipendi.
    Intorno alla AMD si é creato un indotto che ha
    portato negli ultimi anni 1300 imprese hitech
    solo nell'area di Dresda (tra cui Infineon).
    In Italia nessuno fa politiche del genere.
    L'unico caso, partito credo nel 1998, é in
    Sicilia ed é la STMicroelectronics a Catania ma
    l'ultimo Governo ha tolto anche il credito di
    imposta e proprio per questo in quell'area non é
    partita la seconda fabbrica (M6) che é ancora in
    fase di startup.
    quelli lì hanno una cultura elettronica (i tedeschi e gli inglesi in particolare)....pensate che lì sono nate la Commodore e la Inmos per citarne solo due
  • Anonimo scrive:
    Re: I 90 ed i 130 nm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: nattu_panno_dam



    - Scritto da: The Raptus


    .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18
    mesi


    fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non
    ricordo


    il codename, sorry).


    Si vociferava del 90 nm, che però non era
    ancora


    negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).


    Pazienza.


    Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di
    poco:


    so che le leggi di mercato sono queste ma ..
    che


    diamine!!!



    Mi domando come facciano ad ammortizzare le
    spese

    di una catena di produzione a 65nm e a 90nm in

    cosi' poco tempo.

    con i fessi che comprano i proci appena usciti a
    1000euro

    ma perchè comprate sempre l'ultimo? un computer serve per uno o più scopi, se va bene per quegli scopi è buono sennò se ne prende uno nuovo
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Mac Gyver
    - Scritto da: TomSawyer
    li fa a 50 nanometri sputando su un wafer
    (loacker)

    http://mcgyverisback.blogspot.com/si ma McGiver è McGiver :D
  • Anonimo scrive:
    Re: germania
    - Scritto da: Anonimo
    Chiedo da perfetto ignorante:
    ci sono fabbriche di Intel o AMD in Italia?
    e se no, come mai in Germania ce ne sono almeno 2
    della sola AMD?
    per quale motivo non attiriamo gli investitori
    stranieri?Giusta domanda, alla quale ti hanno già risposto correttamente.Possono solo aggiungere che gli investimenti di questo genere si basano essenzialmente su:- costo del lavoro e disponibilità di manodopera adatta;- disponibilità e qualità dei servizi;- incentivi (concreti) all'investimento.Detto questo facile capire come mai in Italia gli investimenti di questo tipo siano scarsi.SalutiProspero
  • TomSawyer scrive:
    [OT] Mac Gyver
    li fa a 50 nanometri sputando su un wafer (loacker)http://mcgyverisback.blogspot.com/
  • Anonimo scrive:
    Re: I 90 ed i 130 nm
    - Scritto da: nattu_panno_dam

    - Scritto da: The Raptus

    .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18 mesi

    fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non ricordo

    il codename, sorry).

    Si vociferava del 90 nm, che però non era ancora

    negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).

    Pazienza.

    Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di poco:

    so che le leggi di mercato sono queste ma .. che

    diamine!!!

    Mi domando come facciano ad ammortizzare le spese
    di una catena di produzione a 65nm e a 90nm in
    cosi' poco tempo.con i fessi che comprano i proci appena usciti a 1000euro
  • nattu_panno_dam scrive:
    Re: I 90 ed i 130 nm
    - Scritto da: The Raptus
    .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18 mesi
    fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non ricordo
    il codename, sorry).
    Si vociferava del 90 nm, che però non era ancora
    negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).
    Pazienza.
    Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di poco:
    so che le leggi di mercato sono queste ma .. che
    diamine!!!Mi domando come facciano ad ammortizzare le spese di una catena di produzione a 65nm e a 90nm in cosi' poco tempo.
  • The Raptus scrive:
    I 90 ed i 130 nm
    .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18 mesi fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non ricordo il codename, sorry).Si vociferava del 90 nm, che però non era ancora negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).Pazienza.Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di poco: so che le leggi di mercato sono queste ma .. che diamine!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: germania
    In Germania, la Sassonia (la regione in cui ci sono le due fabbriche AMD (chiamate Fab30 e Fab36), ha pagato la maggior parte dell'investimento iniziale e continua a pagare parte degli stipendi.Intorno alla AMD si é creato un indotto che ha portato negli ultimi anni 1300 imprese hitech solo nell'area di Dresda (tra cui Infineon).In Italia nessuno fa politiche del genere. L'unico caso, partito credo nel 1998, é in Sicilia ed é la STMicroelectronics a Catania ma l'ultimo Governo ha tolto anche il credito di imposta e proprio per questo in quell'area non é partita la seconda fabbrica (M6) che é ancora in fase di startup.
  • Anonimo scrive:
    germania
    Chiedo da perfetto ignorante:ci sono fabbriche di Intel o AMD in Italia?e se no, come mai in Germania ce ne sono almeno 2 della sola AMD?per quale motivo non attiriamo gli investitori stranieri?
  • Anonimo scrive:
    5 --
  • Anonimo scrive:
    Re: ma con tutti questi wafer...
    - Scritto da: Anonimo
    ..non gli viene fame!? :s...................................................................................................................................................................................................................................................................................................
  • Anonimo scrive:
    5 --
    ..non gli viene fame!? :s
Chiudi i commenti