Provider come gli OLO: sì della Camera

Per i fornitori significa l'accesso alle reti infrastrutturali alle stesse condizioni degli operatori telefonici. La palla passa al Senato. Presto i provider potranno anche offrire flat senza dipendere dagli OLO. Più scelte per l'utente


Roma – Non si può ancora parlare di risultato acquisito ma di certo ieri i provider italiani hanno tirato un primo sospiro di sollievo quando la Camera ha approvato la legge che li equipara agli operatori telefonici in materia di accesso alle reti infrastrutturali. Perché il provvedimento diventi definitivo, però, dovrà passare anche al Senato.

La normativa, approvata in sede legislativa dalla Commissione Trasporti e TLC, è stata lungamente auspicata da tutte le parti politiche nella scorsa legislatura, ma la sua approvazione non è arrivata in tempo prima dello scioglimento delle Camere. Un ritardo che è costato non poco al settore, che in questi anni ha visto chiudere numerose imprese. Si tratta dunque di una legge che ora potrebbe ridare una tardiva fiducia agli ISP, duramente colpiti dalle trasformazioni del mercato telefonico e dall’esclusione nell’accesso paritario alle reti.

Stando alla legge, gli operatori “autorizzati ai servizi di trasmissione dati e accesso ad internet” hanno “diritto a fruire delle condizioni economiche applicate agli organismi di tlc titolari di licenza individuale sulla base dell’offerta di interconnessione di riferimento pubblicata da un organismo di tlc notificato quale avente significativo potere di mercato, secondo i criteri definiti dall’Autorità per le comunicazioni entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge”.

In altri termini: entro due mesi da quando la legge, una volta passata al Senato, diverrà efficace, i provider potranno per la prima volta mettere a punto una serie di nuove offerte e rami di business in via indipendente dagli OLO. Una situazione che dovrebbe risolversi in maggiori possibilità di scelta per l’utente finale.

Secondo la normativa, inoltre, la parità di accesso vale “per ogni tipo di tariffa applicata dagli operatori autorizzati ai servizi di trasmissione dati e accesso ad internet”. Questo significa, dunque, che anche per l’offerta di accesso a canone forfetario, flat-FRIACO, i provider potranno muoversi in modo nuovo.

E mentre un ordine del giorno impegna il Governo ad un’attività di vigilanza sulla concreta attuazione del provvedimento e apre la porta ad ulteriori modifiche della normativa mano a mano che cambia lo scenario della connettività, la nuova normativa stabilisce anche un limite di tre anni alla validità alle disposizioni.

Afferma Renzo Lusetti (Margherita), componente della Commissione: “E’ un passaggio molto importante per la categoria degli internet service provider perchè viene dato loro uno spazio economico e una forza per radicarsi ulteriormente su tutto il territorio nazionale. Inoltre, gli Isp con questo provvedimento sono in grado di assistere capillarmente gli utenti di internet e in più possono consentire una formazione, la cosiddetta alfabetizzazione informatica. Il tutto all’insegna della liberalizzazione del mercato”.

Applaude anche Maurizio Gasparri, ministro delle Comunicazioni, secondo cui si apre “una nuova fase per lo sviluppo di internet”. “Il provvedimento – ha sostenuto – estende il ritorno economico per la terminazione delle chiamate dirette alla rete internet ai service provider. E’ così possibile creare le condizioni per il consolidamento, la crescita e lo sviluppo delle società che operano nel settore. E’ un atto dovuto a principi di libera concorrenza nel mercato della connettività, ma anche un sistema per consentire a chi opera in aree disagiate di identificare un business”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    monopolio...e leggi sulla pirateria..
    nn vedo dove sia il problema...il monopolio del mercato glielo consente..."io sono l`unico produttore,io faccio le leggi ed i prezzi"x cosa credete che il monopolio e` bello....xche` ci si siede sul trono ed a seconda d come si e` scesi dal letto si decide quanto costa,quanto paghi d multa se sgarri alle mie leggi...xche` invece di parlar tanto nn c escludono dal mercato????visto che nn gli fruttiamo nulla cn il nostro 46%di illegalita` ...che nn c riforniscano + dei loro prodotti...penso nn lo faranno mai xche` sanno benissimo che sarebbe regalare terreno ad altri software...cn 1reazione a catena sugli altri stati europei facilmente prevedibile.....quindi nn hanno sto` gran che` d`alzar la voce...xche` sino a prova contraria chi sta` facendo il gioco sporco nn e` certo mio fratellino di 10anni che s copia i softw xche` costan palate...d`altronde nn mi pare abbia gran che` scelta dato che siamo in monopolio....
  • Anonimo scrive:
    Pirateria, l'Italia rischia sanzioni USA
    Ciao da LordMaxVerrebbe veramente da sputare in faccia a tutti questi fantastici schiavisti del WOTC.Ma come si permettono di fare affermazioni del genere?Ma si reputano veramente i padroni del mondo?Perchè i paesi inseriti nella lista non si alleano e mandano a quel paese una volta per tutte il WOTC?Perchè dobbiamo sempre subire?Siamo proprio solo dei coglioni?
    • Anonimo scrive:
      Re: Pirateria, l'Italia rischia sanzioni USA
      A quanto pare LordMax ancora una volta la logica del profitto prevale sui più deboli!
  • Anonimo scrive:
    BILLY PONTI & AL CAPONE
    Ma dove sono i nostri politici EUROPEI ?Possibile che nessuno si accorga che siamoin mano a dei Gangster che si permettono dimanovrare le nostre istituzioni ai lori interessi?!Quanti di Voi sono già fuorilegge a colazione?Pur riconoscendo qualità e meriti dei prodottidi cui non possiamo fare a meno sarebbe ora dicreare un vero OSSERVATORIO DEI PREZZI e non solo;sarebbe necessario verificarne il senso fin dallaloro origine.Perchè un prodotto come OF..CE con la diffusioneche ha deve costare ogni due anni una milionata quando ne hai pagate 2 all'inizio?BILLY PONTI decide ad esempio che OF..CE che tuhai acquistato come OEM con il PC non lo puoi aggiornare perchè la nuova versione XZP non viene più venduta come aggiornamento SBE e te lo devi ricomprare ? T'incazzi o no?E se per caso vorresti reinstallare la stessa versione del S.O. in inglese e tu ce l'hai in italiano i picciotti italiani di BILLY ti diconoche te la devi ricomprare. Mezza milionata!Queste non sono balle! Noi ci lamentavamo dei BORBONI ! ma lo sapete checi vuole un corso solo per poter scegliere un prodotto di Billy. E occhio a non sbagliare!Sono riusciti a farsi le leggi come voleva BILLY.Fanno campagne TERRORISTICHE che chiamani ANTIPIRATERIA per farci sapere che siamo LADRI , cheper ogni programma copiato c'è un posto di lavoro in meno. Sveglia ragazzi che qui ci prendono per il c..lo!e poi si lamentano dei NOGLOBAL e dei TALEBANI. PS: Eviti il solito st..zo di darmi del comunista perchè proprio non lo sono.RENUDO
    • Anonimo scrive:
      Re: BILLY PONTI & AL CAPONE
      Ti dò pienamente ragione.Ma a questo punto, mi sembra essere giunto il momento di rispondere oltre a Te anche ai programmatori e industriali siano essi Italiani, Europei o Giapponesi: ma perchè non cominciamo a costruirci dei PC in casa nostra, ossia con (software,hardware, e microprocessori) fabbricati in Europa o in Giappone, in modo da far collassare definitivamente l'Impero Americano del monopolio in tutte le sue forme?Vedrete che a tal punto anche il caro Billy sarà costretto a fare marcia indietro col suo monopolio di software carissimo.Vi dico questo perchè non trovo giusto che l'America sia l'unica produttrice di tecnologia avanzata, in quanto, la tecnologia appatriene a tutti e non solo a pochi.Senza volermi ripetere, se lAmerica non esportasse più la sua tecnologia qualcosa si risolverebbe in quanto sennò sarà costretta a forti perdite economiche, percui non ci saranno più questi prezzi astronomici di cui ora siamo costretti a subirci nei loro software.Voi che né pensate?
  • Anonimo scrive:
    l'italia dovrebbe applicare sanzioni agli USA
    certo la pirateria va combattuta e i maggiori pirati sono le multinazionali che impongono le loro operazioni di marketing in italia.musica, tecnologia, film, software, auto ecc.ecc.quanto c'è di Italiano in America?
    • Anonimo scrive:
      Re: l'italia dovrebbe applicare sanzioni agli USA
      Bravo,meglio hacker o warez che venire estorto dalle multinazionali del software!ps:Che mafiosi,in confronto Cosa Nostra è una azienda perbene!
  • Anonimo scrive:
    Rottamazione
    il governo dovrebbe proporre una legge x finanziare le aziende che abbandonano qualsiasi sw x passare ad uno open source...purtroppo con la legge tremonti se passi adopensource senza spendere molto non riesci a detrarre. quindi ci vorrebbro delle altre agevolazioni.pero'pensate al vantaggio...meno soldi spesi, aziende meno copione,gli usa che non possono piu' rompere, e in piu' ci rimettono pure i soldi delle licenze....e lo stato dovrebbe dare il buon esempio....passando a sistemi open source e a basso costo nella PA e sopratutto nelle scuole, e quindi mettendoglielo in quel posto...e dovrebbe anche farsi valere nei loro confronti...provate a fare un giro in america e vedrete quanti prodotti italiani sono copiati...altro che il 46%...
    • Anonimo scrive:
      Re: Rottamazione
      - Scritto da: gpl

      e lo stato dovrebbe dare il buon esempio....
      passando a sistemi open source e a basso
      Tra le altre cose, se fossi la PA non permetterei che dati magari riservati, di natura politica, circolassero attraverso macchine equipaggiate con un sistema operativo che non si sa come e' fatto e quel che fa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Be Inc sues Microsoft


    "Microsoft sent two U.S. managers to Japan

    who expressed their 'anger' with Hitachi

    over its arrangement with Be, and
    'reminded'

    Hitachi of the terms of its Windows

    license," according to the claim. "

    le danze si erano già aperte con la denuncia
    di Netscape-AOL.

    Da quel che ricordo è sul piede di guerra
    anche Sun.volevo sottolineare il fatto che m$ ha expressed la loro anger with hitachi...be voleva dare il beoem gratis, ma visti gli accordi esclusivi con uindows (che a quanto pare) non permette l'installazione di altro sistema su sistemi dove c'e uindows i grandi produttori hanno detto "e sorry"...che bastardi...che male c'e se metti piu di un sistema in multi-boot mode ??? nun se po...
    • Anonimo scrive:
      Re: Be Inc sues Microsoft
      Per queste pratiche è stata condannata M$; ma ritengo che cmq la punizione sarà cmq poco, non corrisposta al reato fatto da M$.Per questi reati di cui M$ si è macchiata l'unica punizione equa è il dissolvimento di M$.
      • Anonimo scrive:
        Re: Be Inc sues Microsoft

        Per queste pratiche è stata condannata M$;
        ma ritengo che cmq la punizione sarà cmq
        poco, non corrisposta al reato fatto da M$.
        Per questi reati di cui M$ si è macchiata
        l'unica punizione equa è il dissolvimento di
        M$.non arriverei al dissolvimento, ma a proveddimenti molto seri si...
  • Anonimo scrive:
    http://www.microsoft.com/piracy/howtotell
    Lo squalo microsoft (e i suoi pesci "pulitori"), presentano il conto alle aziende pubbliche e private.
  • Anonimo scrive:
    Bravi
    Avete "tollerato" la pirateria...fino ad oggi x difondere il pc, e adesso che abbiamo bisogno del vostro soft_M$ pretendete che sia solo originale nonostante sia carissimo.Ma se ben ricordonon è la strategia usata dagli spacciatori??!!?!??Abbassate i prezzi e migliorate realmente i prodotti prima!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Proprietà intellettuale: solo quando fa comodo.
    Gli USA evidentemente riconoscono la proprietà intelettuale solo quando è la loro in discussione.Infatti sono convinti di poter fare del vino bianco in California (magari anche ottimo) e chiamarlo Cartizze o Prosecco solo perché è fatto con le stesse uve importate dall'Italia (come altri nel mondo del resto). E no! La proprietà intelettuale c'è anche per queste cose come molti in Italia dicono (incredibilmente sia di destra che di sinistra, la cucina Italiana mette d'accordo anche i nostri politici!) quindi bisogna negoziare per dare a Cesare quel che è di Cesare! A ognuno la sua!
    • Anonimo scrive:
      Re: Proprietà intellettuale: solo quando fa comodo.
      E' vero,fosse per me l'abolirei:è un ostacolo alla creatività altrui,solamente che alla persone famose gli viene riconosciuta con la "proprietà intellettuale" ed ai disgraziati niente!
  • Anonimo scrive:
    Come calcolano la pirateria
    Come fanno a calcolare la percentuale di pirateria....E come sapere quanti pesci ci sono nell'oceano!!!
  • Anonimo scrive:
    [OT] forse ma non troppo
    Per discuter di computer e sequestri nell'era dell'informazione e' il nato seguente NG: http://it.groups.yahoo.com/group/computer_sequestri/Grazie per l'attenzione
  • Anonimo scrive:
    Ulteriori restrizioni?
    Abbiamo una legge sul diritto d'autore che permette di punire PENALMENTE anche un ragazzino che compra o scambia per poche lire un gioco, che altro voglio la pena morte?Gli americani non permettono l'importazione di tutti i nostri prodotti, perché allora l'italia non sanziona gli USA?Meditate e pensate...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ulteriori restrizioni?
      La legge della jungla funziona così: il più forte vince.Le dittature funzionano così: il più forte vince.Le democrazie e il diritto funzionano così: il più forte vince.Tra l'Italia e gli USA, chi è il più forte?- Scritto da: Giano_r
      Abbiamo una legge sul diritto d'autore che
      permette di punire PENALMENTE anche un
      ragazzino che compra o scambia per poche
      lire un gioco, che altro voglio la pena
      morte?

      Gli americani non permettono l'importazione
      di tutti i nostri prodotti, perché allora
      l'italia non sanziona gli USA?

      Meditate e pensate...


      • Anonimo scrive:
        Re: Ulteriori restrizioni?
        - Scritto da: Ingenuo 2001
        La legge della jungla funziona così: il più
        forte vince.
        Le dittature funzionano così: il più forte
        vince.
        Le democrazie e il diritto funzionano così:
        il più forte vince.

        Tra l'Italia e gli USA, chi è il più forte?Beh, l'Italia potrebbe essere abbastanza forte, in qualità di partner dell'Unione Europea.Non fosse altro che a Bruxelles hanno cose più importanti a cui pensare come la lunghezza dei cetrioli e la consistenza del piselli....
  • Anonimo scrive:
    SE...
    in uno stato estero clonassero il parmigiano reggiano o i nostri vini, rivendendoli come prodotti originali ma in realta fasulli, danneggiando le aziende italiane, io penso che l'italia farebbe bene a incazzarsi...Stessa cosa riguardo il software...quindi non vedo motivo di indignarsi cosi per un comportamento che mi pare legittimo.saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: SE...

      in uno stato estero clonassero il parmigiano
      reggiano o i nostri vini, rivendendoli comeguarda che il parmigiano lo stanno "clonando" in america, ma nessuno si permette di sanzionarli
  • Anonimo scrive:
    Comunque sono d'accordo anche io...
    Il post poco sotto non vuole esprimere un parere contrario a chi vuole combattere la pirateria.Io infatti sono favorevole a combatterla, ma ragionando, chi ci perde, sono le multinazionali. A meno che non cambino politica.Discorso diverso per gli Americani, che cosa pretendono di fare.... sanzionare l'italia? ... l'unico modo imho è aumentare i prezzi dei loro prodotti...così i rincari peseranno sulla ns pelle... e così compreremo ancora meno cose originali....bhè...cazzi loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Comunque sono d'accordo anche io...
      - Scritto da: mi]zac[
      dei loro prodotti...così i rincari peseranno
      sulla ns pelle... e così compreremo ancora
      meno cose originali....

      bhè...cazzi loro.Sarebbe meglio ragionore e informarsi prima di sparere conclusioni.Gli accordi di commercio globale che l'italia ha sottoscritto prevedono penali pesantissime in caso di infrazione, penali che vengono pagate direttamente dal paese o come dazio alle esportazioni del paese punito.Una specie di dazio doganale punitivo sulle NOSTRE merci, ad esempio come quelle che l'unione europea paga da anni perche' non vuole importare la carne americana che e' piena di ormoni (come dire che noi europei paghiamo e gli usa non devono fare nemmeno lo sforzo di vendere la loro carne).O come quella che forse pagheremo in futuro per il blocco dell'importazione dalla cina di giocattoli con un certo tipo di plastica.Sono multe che non posso essere sopportate a lungo, certamente non da isolati, l'effetto e' quello di un embargo selettivo.
  • Anonimo scrive:
    Ma se gates è IL più ricco con un 46% di pirateria
    Forse tanto male non gli fa. Forse la pirateria fa anche comodo... "dietro le quinte"...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se gates è IL più ricco con un 46% di pirateria
      Bill Gates / Microsoft ha fatto la sua fortuna con la pirateria... senza la pirateria, infatti, non ci sarebbe stata una diffusione così marcata e totale per un OS (Windows dal 3.1 all'xp) per cui, tutto sommato, non vale spendere nemmeno le 150 mila richieste. Lo dimostra il business degli OS server (NT/2000): i server solitamente "servono" (scusate il gioco) alle aziende, che (solitamente) sono pronte a pagare il software (meno pronte a comprendere il concetto di multilicenza, ossia non pagare il prodotto fisico (il cd x esempio) ma l'uso che ne viene fatto, come l'installazione su più computers. Nel mercato degli OS server Microsoft non ha una posizione così dominante ma soffre la concorrenza di prodotti spesso più validi (a dir la verità, sentendo in giro, quasi tutti sono più validi di NT/2000)
  • Anonimo scrive:
    Approvo ! E' giusto !
    Giustissimo! La pirateria deve essere combattuta. Ognuno deve mettere le carte in tavola. Siete convinti che a perderci siamo noi in Italia?Sbagliato. C'è tanto di guadagnato. C'è una presa di coscenza della situazione. La gente per usare un programma come Flash di 20Mb deve pagare 300?. Qualcuno inizierà a prendere in considerazione seriamente il fenomeno Open Source.Preferisco che le cose cambino!Le leggi sono leggi e tutti le rispettano. Ma c'è chi trova un sistema per distuggere i sistemi ingiusti!Confido in questo governo. Il ministro per l'innovazione è stato ai vertici della Ibm in Europa e l'OpenSource lo conosce come le proprie tasche.
    • Anonimo scrive:
      Re: Approvo ! E' giusto !
      - Scritto da: Zooba
      Giustissimo! La pirateria deve essere
      combattuta. Ognuno deve mettere le carte in
      tavola.
      Siete convinti che a perderci siamo noi in
      Italia?
      Sbagliato. C'è tanto di guadagnato. C'è una
      presa di coscenza della situazione. La gente
      per usare un programma come Flash di 20Mb
      deve pagare 300?. Sì, ma le sanzioni daranno solo (come sempre) svantaggi alle persone oneste, e non ai disonesti che se ne fregano delle sanzioni.
      Qualcuno inizierà a prendere in
      considerazione seriamente il fenomeno Open
      Source.
      Preferisco che le cose cambino!Hai ragione, ma è il Governo Italiano, o tuttalpiù quello europeo che deve decidere, non quello americano.
      Le leggi sono leggi e tutti le rispettano.
      Ma c'è chi trova un sistema per distuggere i
      sistemi ingiusti!
      Confido in questo governo. Il ministro per
      l'innovazione è stato ai vertici della Ibm
      in Europa e l'OpenSource lo conosce come le
      proprie tasche. Sì, peccato che abbia recentemente cambiato casacca e debba conoscere ancora le nuove tasche....
    • Anonimo scrive:
      Re: Approvo ! E' giusto !

      Le leggi sono leggi e tutti le rispettano.
      Ma c'è chi trova un sistema per distuggere i
      sistemi ingiusti!
      Confido in questo governo. Il ministro per
      l'innovazione è stato ai vertici della Ibm
      in Europa e l'OpenSource lo conosce come le
      proprie tasche. Mi viene da ridere!!!Perchè, pensi davvero che Berluska promuova l'Open Source??? Il software comunista????AHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAAH
  • Anonimo scrive:
    Le vostre perle di saggezza politche mettetevele..
    qui si parla di informatica...non di governi, destra, sinistra, guerre etc. etc.saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
      - Scritto da: carpiwork
      qui si parla di informatica...
      non di governi, destra, sinistra, guerre
      etc. etc.

      salutiScusa, quando una nazione dice che se noi non elimineremo la pirateria potrebbero sanzionarci, non stiamo più parlando di informatica. Se la tua visuale è così ristretta...
      • Anonimo scrive:
        Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
        mi pare giusto che proteggano il software prodotto dalle aziende in casa loro.allora produciamoci noi il software e vedrai che nn ci sanziona nessuno...sei tu che hai la visuale ristretta.. uno dei soliti che appena sente "america" pensa al lupo cattivo, perche è cosi che gli hanno fatto credere da quando è nato, senza pensare...tzalut- Scritto da: Hakkar


        - Scritto da: carpiwork

        qui si parla di informatica...

        non di governi, destra, sinistra, guerre

        etc. etc.



        saluti

        Scusa, quando una nazione dice che se noi
        non elimineremo la pirateria potrebbero
        sanzionarci, non stiamo più parlando di
        informatica. Se la tua visuale è così
        ristretta...
        • Anonimo scrive:
          Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
          - Scritto da: carpiwork
          mi pare giusto che proteggano il software
          prodotto dalle aziende in casa loro.
          allora produciamoci noi il software e vedrai
          che nn ci sanziona nessuno...
          sei tu che hai la visuale ristretta.. uno
          dei soliti che appena sente "america" pensa
          al lupo cattivo, perche è cosi che gli hanno
          fatto credere da quando è nato, senza
          pensare...

          tzalutSe sapessi leggere (o se ti fossi sforzato di leggere) sapresti che ho scritto ben altro: io non penso all'America come il lupo cattivo, anzi ho parecchi amici americani e l'america come paese mi piace, ci andrei a vivere subito. Il problema non è il paese, ma chi lo governa. Ma che ti parlo a fare, tanto tu ora mi risponderai che non ho capito nulla...
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            Ma che significa "chi lo governa"; chiunque in USA democratici e/o repubblicani o chialtro protegerebbe la proprietà intellettuale dall'informatica ad altro.I mezzi per farlo sono diversi, questo qui discusso ne è uno. Mezzo che daltronde non viene da Bush Jr.Per rinfrescarti la memoria pensa al contenzioso nato con il SudAfrica per le medicine per curare (non guarire, ancora non è possibile) l'AIDS impiantato da USA e Gb. Queste difendevano la loro proprietà intellettuale, e mi sembra giusto; spettava poi ai gov. di USA e Gb e al resto delle nazioni aiutare il SudAfrica ed altri nell'acquisto delle medicine, non alle ditte che vedono violate la loro proprietà intellettuale (e conseguentemente anche i loro stati).
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            - Scritto da: .........................
            Ma che significa "chi lo governa"; chiunque
            in USA democratici e/o repubblicani o
            chialtro protegerebbe la proprietà
            intellettuale dall'informatica ad altro.Uff, perchè quando uno parla di un governo dovete sempre interpretarlo come un attacco politico ad una fazione o ad un'altra ??? Ho detto per caso, i repubblicani o i democratici ? No! Ho detto chi lo governa in questo momento. Bush. Chi ha deciso di bombardare l'Afghanistan ? Bush. Non Clinton. Non importa se anche Clinton avrebbe fatto lo stesso, importa chi ha compiuto un'azione, non chi avrebbe potuto compierla. Il fatto che la pirateria sia un reato non significa che un governo straniero abbia la possibilità di venire qui e dire "Oh guardate che se non eliminate la pirateria vi faccio il c.lo". Anche perchè, pensate un po', in America non ci sono pirati informatici ? Non si copiano CD ? No certo loro sono IL BENE ! Ma dai...smettetela di dire le cose perchè le dicono tutti: se io dico "Bush è interessato soltanto ai propri "amici" che lo hanno finanziato" è un dato di fatto. E non mi venite a dire "Anche i democratici sono stati finanziati". Bisognerebbe smetterla di perdonare le azioni di una persona perchè "tanto lo fanno tutti". E' proprio questo che permette alla pirateria di diffondersi. Lo fanno tutti.
            I mezzi per farlo sono diversi, questo qui
            discusso ne è uno. Mezzo che daltronde non
            viene da Bush Jr.
            Per rinfrescarti la memoria pensa al
            contenzioso nato con il SudAfrica per le
            medicine per curare (non guarire, ancora non
            è possibile) l'AIDS impiantato da USA e Gb.
            Queste difendevano la loro proprietà
            intellettuale, e mi sembra giusto; spettava
            poi ai gov. di USA e Gb e al resto delle
            nazioni aiutare il SudAfrica ed altri
            nell'acquisto delle medicine, non alle ditte
            che vedono violate la loro proprietà
            intellettuale (e conseguentemente anche i
            loro stati).Spero che tu non ti troverai mai nella situazione di aver bisogno di un medicinale che ti costa tutto il tuo stipendio. Forse ricorderai queste parole che hai detto. Infatti, pensa un po', tutti hanno dato ragione al SudAfrica e non alle multinazionali.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            Va bene che è fuori tema, ma se una multinazionale spende in ricerca, ha il diritto di guadagnarci e di rifarsi delle spese. Qui invece si sostiene che debba per forza (volente o nolente) donare la propria ricerca, o detto in termini diversi donare dei soldi. Fino a prova contraria donare è un'atto spontaneo di una persona, un gruppo, o un'ente; non un'obbligo. Non spetta alla ditta aiutare il Sud Africa e/o Altri, ma semmai all'insieme delle nazioni sviluppate.Poi, perchè le multinazionali devono essere costrette a "donare" ed io piccolo, libero, singolo cittadino no?Tutti hanno dato addosso alle multinazionali perchè partono dal concetto che disponendo queste di miliardi, di dollari, devono (non potrebbero) donare al Sud Africa; ma bisogna ricordarsi che non sarebbe un'obbligo e che i loro diritti vanno rispettati, non immolati sull'altare di un giustizialismo social-mondiale.Che gli USA protestino se l'Italia non fà rispettare il copyright è corretto, se poi decidono di arrivare per questo a rompere le relazioni commerciali ed a chiedere sanzioni in sede Onu, è giusto; certo non mi sembra un reato tale da giustificare una ritorsione militare, ma pretendere con vari mezzi giustizia, si.Le aziende USA hanno investito chi più chi meno (certo M$ copia in generale, ma non c'è solo M$) per dare il prodotto, è giusto tutelarle.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            - Scritto da: .........................
            Va bene che è fuori tema, ma se una
            multinazionale spende in ricerca, ha il
            diritto di guadagnarci e di rifarsi delle
            spese. Qui invece si sostiene che debba perMa tu sei fuori....Un conto è la tecnologia, i macchinari, un'altro è la sanità. Lo sai cosa sono i brevetti?? Lo sai che la maggior parte dei medicinali hanno dei brevetti dietro??Vorresti brevettare la cura per l'AIDS ad esempio??? E quanto potrebbero far pagare un medicinale che ti salva la vita?Dammi retta, prega di stare sempre bene che per il futuro ci sarà da ridere!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            - Scritto da: Flavio

            - Scritto da: .........................

            Va bene che è fuori tema, ma se una

            multinazionale spende in ricerca, ha il

            diritto di guadagnarci e di rifarsi delle

            spese. Qui invece si sostiene che debba
            per

            Ma tu sei fuori....

            Un conto è la tecnologia, i macchinari,
            un'altro è la sanità. Lo sai cosa sono i
            brevetti?? Lo sai che la maggior parte dei
            medicinali hanno dei brevetti dietro??

            Vorresti brevettare la cura per l'AIDS ad
            esempio??? E quanto potrebbero far pagare un
            medicinale che ti salva la vita?

            Dammi retta, prega di stare sempre bene che
            per il futuro ci sarà da ridere!!Infatti. Io capisco che le multinazionali ci debbano guadagnare, ma le malattie le hanno tutti, ricchi e poveri, e non è giusto che un povero non possa curarsi, a prescindere se con i soldi di un medicinale si pagano i ricercatori (che non è sempre vero). E' giusto far pagare a chi ha i soldi, ma se uno non li ha, deve poter curarsi. Pensa se trovassero la cura per mucca pazza, ma costasse 10 milioni al mese. Metti che un povero se la becca, deve morire ??? Ma dai....i brevetti sono una cosa, ma nessuno ha il diritto di guadagnare soldi sulla pelle della gente.
          • Anonimo scrive:
            [OT] Diritto di proprietà
            Viene prima il diritto di proprietà (intellettuale e non) o la vita umana?Questo può non applicarsi ai software ma si applica senz'altro alle medicine. Nessuna multinazionale dovrebbe avere il diritto di reclamare quando uno stato (Sudafrica o Brasile) decide di non rispettare un brevetto per garantire la vita dei propri cittadini. Se non sei d'accordo, ti auguro di trovarti nei panni di un ammalato di AIDS che non ha i soldi per garantirsi le cure necessarie.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Diritto di proprietà
            Al di là del fatto di essere fuori tema; voi scaricate sulle ditte un compito (diciamo che è un dovere) che spetta agli stati delle nazioni più sviluppate, cioè più ricchi.Una ditta non ha nessuno di questi obblighi; e daltronde se non si difende la proprietà intellettuale dei medicinali, come del sw, etc.; non si avranno medicinali e altro.E' chiaro che se una persona ha una malattia spera che esista il medicinale e spera di potervi accedere; ma (seppur su un'altro piano) anche chi compie un reato (o i suoi parenti) spera che non venga condannato. E' normale ognuno guarda i propri interessi, belli, brutti o mechini che siano.Ma se io ricercatore trovo un medicinale o qualcosa d'altro, mi deve essere garantito che posso difendere la mia proprietà intellettuale, e se voglio guadagnarci.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Diritto di proprietà

            Ma se io ricercatore trovo un medicinale o
            qualcosa d'altro, mi deve essere garantito
            che posso difendere la mia proprietà
            intellettuale, e se voglio guadagnarci.ritorno a dirlo...il punto non e guadagnarci o no, e guadagnarci il giusto...e in questo caso specifico trovare una cura non continuare a vendere farmaci inutili a prezzi extra...
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            - Scritto da: .........................
            Va bene che è fuori tema, ma se una
            multinazionale spende in ricerca, ha il
            diritto di guadagnarci e di rifarsi delle
            spese.Giusto!
            Qui invece si sostiene che debba per
            forza (volente o nolente) donare la propria
            ricerca, o detto in termini diversi donare
            dei soldi.Non giusto! Il problema è assai più complesso, tocca l'etica di impresa che, in ogni modo è vincolata (in Italia come in America) a tenere conto della società in cui vive. L'impresa non è un corpo estraneo in uno stato, nazione o continente.Ci sono leggi, norme a riguardo.
            Non spetta alla
            ditta aiutare il Sud Africa e/o Altri, ma
            semmai all'insieme delle nazioni sviluppate.
            Poi, perchè le multinazionali devono essere
            costrette a "donare" ed io piccolo, libero,
            singolo cittadino no?Giusto. Ci dovrebbe pensare l'ONU, ma l'ONU non può come tu sai esercitare un potere che direttamente o indirettamente leda i diritti di speculazione delle multinazionali. Il governo americano (come molti altri) voterebbe contro (tutelando gli interessi delle aziende più grosse che rappresentano anche tanti posti di lavoro) ponendo un veto alle votazioni.
            Che gli USA protestino se l'Italia non fà
            rispettare il copyright è corretto, se poi
            decidono di arrivare per questo a rompere le
            relazioni commerciali ed a chiedere sanzioni
            in sede Onu, è giusto; certo non mi sembra
            un reato tale da giustificare una ritorsione
            militare, ma pretendere con vari mezzi
            giustizia, si.Daccordissimo. Allora noi facciamo altrettanto con i prodotti DOC italiani (vino, pasta, olio...) e i loro marchi, che in america (come in altri paesi) vengono saccheggiati e contraffatti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve

            Se sapessi leggere (o se ti fossi sforzato
            di leggere) sapresti che ho scritto ben
            altro: io non penso all'America come il lupo
            cattivo, anzi ho parecchi amici americani e
            l'america come paese mi piace, ci andrei a
            vivere subito. Il problema non è il paese,
            ma chi lo governa. Ma che ti parlo a fare,
            tanto tu ora mi risponderai che non ho
            capito nulla...chi lo governa...qualsiasi governo, di qualsiasi colore, difenderebbe i prodotti del proprio paese.il mio discorso di prima, che era non direttamente rivolto a te, ma era generale, voleva dire che certa gente, quando sente "america", poichè la c'è un governo di un certo tipo, gli da addosso, senza nemmeno riflettere sul discorso in questione..un po come accade in italia del resto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
            - Scritto da: carpiwork

            Se sapessi leggere (o se ti fossi sforzato

            di leggere) sapresti che ho scritto ben

            altro: io non penso all'America come il
            lupo

            cattivo, anzi ho parecchi amici americani
            e

            l'america come paese mi piace, ci andrei a

            vivere subito. Il problema non è il paese,

            ma chi lo governa. Ma che ti parlo a fare,

            tanto tu ora mi risponderai che non ho

            capito nulla...

            chi lo governa...
            qualsiasi governo, di qualsiasi colore,
            difenderebbe i prodotti del proprio paese.
            il mio discorso di prima, che era non
            direttamente rivolto a te, ma era generale,
            voleva dire che certa gente, quando sente
            "america", poichè la c'è un governo di un
            certo tipo, gli da addosso, senza nemmeno
            riflettere sul discorso in questione..
            un po come accade in italia del resto...Leggiti la risposta che ho dato a quell'altro. Se uno fa una cazzata io dico che fa una cazzata, indipendentemente dal colore politico. E parlando dell'Italia, smettetela di nascondervi dicendo "anche quelli del governo prima facevano così". Ma Berlusconi non era "l'uomo nuovo" ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve
          - Scritto da: carpiwork[CUT]
          sei tu che hai la visuale ristretta.. uno
          dei soliti che appena sente "america" pensa
          al lupo cattivo, perche è cosi che gli hanno
          fatto credere da quando è nato, senza
          pensare...Veramente da quando sono nato (ma vale per molti) mi hanno fatto sempre credere che "l'america sta + avanti di noi..." :-oGrazie Rete 4, Italia 1 e Canale 5 per 20(?) anni di lavaggio del cervello.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le vostre perle di saggezza politche metteteve

            Veramente da quando sono nato (ma vale per
            molti) mi hanno fatto sempre credere che
            "l'america sta + avanti di noi..." :-o
            Grazie Rete 4, Italia 1 e Canale 5 per 20(?)
            anni di lavaggio del cervello.Ma il muro di Berlino non ti ha schiacciato abbastanza le palle?Quando eri piccolo ti addormentavi con le note di RADIO TIRANA ? Te lo sei fatto il Gommone?Ma per pannolini tua madre usava l'eskimo di tuo padre ?Fatti forza , ci sono ancora 19 anni e fischia.
  • Anonimo scrive:
    Benvenuti nel WTO
    Ecco cosa provoca la globalizzazione.Pur non avendo nessun potere in materia di diritto sull'Italia, il WTO, con questi accordi internazionali permette ad uno stato, in pratica, di dettare leggi in un'altro.E' quanto succede in questo caso.In caso di inadempienza, grazie agli accordi concordati nel WTO, l'Italia rischia di vedersi applicare pesanti sanzioni in forma di tassazione sui nostri export verso tutti gli altri paesi aderenti al WTO, in quanto appunto, anche gli altri paesi e non solo l'America, in quanto aderenti al WTO, devono adeguarsi agli accorid posti.L'Italia potrebbe tirarsi fuori dal WTO, e questo sarebbe un male per la nostra economia.Il contrario non sarebbe accaduto. Gli USA, se l'Italia avesse promosso sanzioni, se ne sarebbero potuti fregare, dato il loro peso maggiore.Ecco come, quindi, gli accordi globali economici rendono sudditi tutti i piccoli stati allo strapotere economico degli USA, che gli permettono addirittura di influenzare le decisioni di tipo legislativo degli altri paesi, che in realtà dovrebbero essere autonome.Fianlmente, forse, visto che la cosa riguarda l'Italia, e non i soliti paesi del terzo mondo, ci si renderà conto della pericolosità dell'attuale metodo di globalizzazione che stanno imponendo gli Stati uniti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Benvenuti nel WTO
      - Scritto da: l
      E' quanto succede in questo caso.
      In caso di inadempienza, grazie agli accordi
      concordati nel WTO, l'Italia rischia di
      vedersi applicare pesanti sanzioni in forma
      di tassazione sui nostri export verso tutti
      gli altri paesi aderenti al WTO, in quanto
      appunto, anche gli altri paesi e non solo
      l'America, in quanto aderenti al WTO, devono
      adeguarsi agli accorid posti.Se l'UE si disciulasse a fare un po' spesso fronte comune (cosa che ha fatto troppo di rado) ci sarebbe un duopolio.
      L'Italia potrebbe tirarsi fuori dal WTO, e
      questo sarebbe un male per la nostra
      economia.
      Il contrario non sarebbe accaduto. Gli USA,
      se l'Italia avesse promosso sanzioni, se ne
      sarebbero potuti fregare, dato il loro peso
      maggiore.
      Ecco come, quindi, gli accordi globali
      economici rendono sudditi tutti i piccoli
      stati allo strapotere economico degli USA,
      che gli permettono addirittura di
      influenzare le decisioni di tipo legislativo
      degli altri paesi, che in realtà dovrebbero
      essere autonome.
      Fianlmente, forse, visto che la cosa
      riguarda l'Italia, e non i soliti paesi del
      terzo mondo, ci si renderà conto della
      pericolosità dell'attuale metodo di
      globalizzazione che stanno imponendo gli
      Stati uniti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Benvenuti nel WTO
      - Scritto da: l
      Ecco cosa provoca la globalizzazione.
      [...]Parole sante, amico, parole sante.
  • Anonimo scrive:
    Mi vergogno di voi
    Mi fate pena e schifo come connazionali e come esseri umani. Gli americani dovevano lasciarci nelle mani dei nazisti nostri alleati e farci far decimare. Una nazione debole fatta di gente debole, disonesta e mafiosa. Qualcuno invocava la legge di Darwin, grazie a quella saremmo infatti gia' estinti dato che siamo un popolo senza onore, onesta' e lealta'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi vergogno di voi

      Una nazione
      debole fatta di gente debole, disonesta e
      mafiosa.Errata corrige: Una nazione GOVERNATA da gente disonesta e mafiosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi vergogno di voi
        - Scritto da: l

        Una nazione

        debole fatta di gente debole, disonesta e

        mafiosa.

        Errata corrige: Una nazione GOVERNATA da
        gente disonesta e mafiosa.RIGHT ! :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi vergogno di voi
          - Scritto da: Hakkar


          - Scritto da: l


          Una nazione


          debole fatta di gente debole,
          disonesta e


          mafiosa.



          Errata corrige: Una nazione GOVERNATA da

          gente disonesta e mafiosa.

          RIGHT ! :)precisiamoUna nazione che è sempre stata GOVERNATA dagente disonesta e per governata intendo sia il governo che l'opposizione che hanno fatto solo i loro interessi
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi vergogno di voi
      - Scritto da: Ventu.
      Mi fate pena e schifo come connazionali e
      come esseri umani. Gli americani dovevano
      lasciarci nelle mani dei nazisti nostri
      alleati e farci far decimare. Una nazione
      debole fatta di gente debole, disonesta e
      mafiosa. Qualcuno invocava la legge di
      Darwin, grazie a quella saremmo infatti gia'
      estinti dato che siamo un popolo senza
      onore, onesta' e lealta'.Guarda che anche se gli Americani ci hanno salvato dai nazisti (con i quali da idioti che siamo ci siamo alleati):1) Non significa che dobbiamo rendergli grazia eterna: se fanno delle ca..ate è giusto dirlo2) L'hanno fatto per interesse, non per magnanimità, altrimenti saremmo rimasti ancora nelle mani dei nazisti.Studia la storia, e studia l'attualità, invece di dire cose senza senso. Ti faccio schifo ? Grazie di avermelo detto, fare schifo a persone come te mi fa onore.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi vergogno di voi
      - Scritto da: Ventu.
      debole fatta di gente debole, disonesta e
      mafiosa. Qualcuno invocava la legge di
      Darwin, grazie a quella saremmo infatti gia'
      estinti dato che siamo un popolo senza
      onore, onesta' e lealta'.OK, comincia tu a sparire, cosi' ci sara' un senza onore in meno :-p(TROLL)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi vergogno di voi
        - Scritto da: SiN


        - Scritto da: Ventu.


        debole fatta di gente debole, disonesta e

        mafiosa. Qualcuno invocava la legge di

        Darwin, grazie a quella saremmo infatti
        gia'

        estinti dato che siamo un popolo senza

        onore, onesta' e lealta'.

        OK, comincia tu a sparire, cosi' ci sara' un
        senza onore in meno :-p











        (TROLL)Concordo: inizia a sparire tu Ventu!
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi vergogno di voi
      ....un popolo senza onore, onesta' e lealta'.che cavolo di parole usi, manca solo credere obbedire, combattere...francamente questa tua presa di posizione sugli americani mi sembra molto faziosa.Non si parla di fatti successi 50 anni fa: altrimenti potrei citarti il fatto che la nostra repubblica è stata fondata sulla resistenza (mai sentito parlare di partigiani?)!Io credo che sia una questione di attaccare Gli americani ma il fatto che tentino di esportare il loro sistema come valido in tutto il mondo (semplifico!!).se noi fossimo omologati a loro dove andrebbero a finire l'onore, l'onesta' e la lealta' a te tanto cari ?
      • Anonimo scrive:
        Re: VENTU MA SEI SCEMO???
        Ma sei deficiente???? MA sarai tu senza onore! Ma con che diritto dai a tutti noi dei MAFIOSI e di gente DISONESTA??? ma chi ti credi di essere??? Il DALAI LAMA FORSE? ma mettitelo in quel punto e trasferisciti nella tua tanto "amata" america.P.S se dopo un qualche banda di satrada che spaccia droga ti ammazza, non venir più qui a dire che NOI siamo disonesti, ciccio!
    • Anonimo scrive:
      Lo schiavo americano
      - Scritto da: Ventu.
      Mi fate pena e schifo come connazionali e
      come esseri umani. Gli americani dovevano
      lasciarci nelle mani dei nazisti nostri
      alleati e farci far decimare. Una nazione
      debole fatta di gente debole, disonesta e
      mafiosa. Qualcuno invocava la legge di
      Darwin, grazie a quella saremmo infatti gia'
      estinti dato che siamo un popolo senza
      onore, onesta' e lealta'.Sei cresciuto a pane e film di John Wayne?Ah, bisogna ammettere che le mafie (italiana, cinese, etc.) attecchiscono bene in quel meraviglioso paese, popolato da una razza "superiore" e "democratica"... C'è chi esporta software, chi invece mafia. Provate a piratarci quella!Qui di estinto c'è solo la tua materia grigia, una prece.
  • Anonimo scrive:
    VIVA L'ITALIA!!!
    Basta questi azz di americani dappertutto, peggio della lola-lola, ma che vadano a far in quel buco buio e puzzolente che ognuno di noi ha nel posteriore, ma non vedete quanto rompono le balle... VIVA L'ITALIABASTA DIRE CHE GLI AMERICANI SONO SBORONI, NON E' VERO, FANNO PIU' SKIFO DI NOI...e poi dicono che se simpatizzi per bin laden sei un "reject of society".Caro Bush, arrivera' il tuo momento e io se saro' ancora vivo ridero' moltissimo.........
    • Anonimo scrive:
      Re: VIVA L'ITALIA!!!
      Lo spero anchio di esserci, è che i più dannosi sembra che non muoiano mai.....
      Caro Bush, arrivera' il tuo momento e io se
      saro' ancora vivo ridero'
      moltissimo.........
  • Anonimo scrive:
    Re: Brrr che paura...
    - Scritto da: Hakkar
    E cosa succederà a chi risiede nella Black
    List americana ? Sarà il prossimo ad essere
    bombardato, dopo le popolazioni afghane e
    dell'Iraq ? Gli americani credono di avere
    il diritto di dire all'Europa cosa deve o
    cosa non deve fare ? Non so gli americani in genere, ma Bush lo crede fermamente.Ma prima o poi spero che si accorga che non può trattarel'Europacometratta l'Afganistan.P.S. Se echelon e' in ascolto: vi brucia ancora, che il governo afgano si sia costituito in Europa, vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: Brrr che paura...
      - Scritto da: SiN


      - Scritto da: Hakkar

      E cosa succederà a chi risiede nella Black

      List americana ? Sarà il prossimo ad
      essere

      bombardato, dopo le popolazioni afghane e

      dell'Iraq ? Gli americani credono di avere

      il diritto di dire all'Europa cosa deve o

      cosa non deve fare ?

      Non so gli americani in genere, ma Bush lo
      crede fermamente.


      Ma prima o poi spero che si accorga che non
      può trattarel'Europacometratta l'Afganistan.E non aveva neanche il diritto di trattare l'Afghanistan come lo ha trattato. Un conto è cercare di far cadere un governo come quello dei Talebani, un conto è bombardare la popolazione innocente. Ma, tutti, Berluskaiser per primo, pronti ad allearsi per avere qualcosa in cambio dal Dio Bush, vero?
      P.S. Se echelon e' in ascolto: vi brucia
      ancora, che il governo afgano si sia
      costituito in Europa, vero?Se Echelon è in ascolto: BIN LADEN BIN LADEN BIN LADEN. :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Brrr che paura...
        - Scritto da: Hakkar

        Ma prima o poi spero che si accorga che
        non

        può trattarel'Europacometratta
        l'Afganistan.

        E non aveva neanche il diritto di trattare
        l'Afghanistan come lo ha trattato.Non ho parlato di diritti.Intendevo come forza bruta.
        la popolazione innocente. Ma, tutti,
        Berluskaiser per primo, pronti ad allearsi
        per avere qualcosa in cambio dal Dio Bush,
        vero?Credo che a livello di servilismo USA D'Alema non abbia bisogno certo di lezioni dal Berlusca...ma vado OT... ... e mi deprimo pure...
        • Anonimo scrive:
          Re: Brrr che paura...

          Credo che a livello di servilismo USA
          D'Alema non abbia bisogno certo di lezioni
          dal Berlusca...

          ma vado OT...
          ... e mi deprimo pure...Sicuramente, ma almeno D'Alema non ha finanziato la campagna elettorale di quel fenomeno di Bush...
      • Anonimo scrive:
        Re: Brrr che paura...
        - Scritto da: Hakkar
        E non aveva neanche il diritto di trattare
        l'Afghanistan come lo ha trattato. Un conto
        è cercare di far cadere un governo come
        quello dei Talebani, un conto è bombardare
        la popolazione innocente. Ma, tutti,
        Berluskaiser per primo, pronti ad allearsi
        per avere qualcosa in cambio dal Dio Bush,
        vero?
        Per avere qualcosa in cambio o per avere la coscienza a posto? Per chi ha una coscienza ovviamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Brrr che paura...
          - Scritto da: Alberto


          - Scritto da: Hakkar


          E non aveva neanche il diritto di trattare

          l'Afghanistan come lo ha trattato. Un
          conto

          è cercare di far cadere un governo come

          quello dei Talebani, un conto è bombardare

          la popolazione innocente. Ma, tutti,

          Berluskaiser per primo, pronti ad allearsi

          per avere qualcosa in cambio dal Dio Bush,

          vero?



          Per avere qualcosa in cambio o per avere la
          coscienza a posto? Per chi ha una coscienza
          ovviamente.Quale coscienza ?? Quella che permette di ammazzare gente innocente nonostante le vittime innocenti siano già state abbastanza ?
  • Anonimo scrive:
    Ma figuriamoci!!
    Ora devono dire agli altri come devono comportarsi? Devono tutti rispettare le loro leggi imbecilli come la DMCA?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma figuriamoci!!
      - Scritto da: ammeregani
      Ora devono dire agli altri come devono
      comportarsi? Devono tutti rispettare le loro
      leggi imbecilli come la DMCA?Beh noi col bollino SIAE (e relativo costo) pure sulle robe OMAGGIO non è che stiamo molto messi meglio, eh...Certo è che uno deve prima guardare ai SUOI problemi, prima di andare a rompere le balle agli altri, e questo gli americani non lo sanno assolutamente fare... si credono gli dèi del mondo, e ciò che dicono deve essere giusto, perché loro SONO "la giustizia".Tra un po' come presidente eleggeranno Stallone in versione "Dredd la legge sono io"...
  • Anonimo scrive:
    Pirati USA
    Se non sbagio gli USA sono l'unico paese al mondo ad infischiarsene non solo dei diritti d'autore, ma anche dei diritti umani in rete: hanno infatti militarizzato la Rete con uno speciale dipartimento del Pentagono. La loro idea è che essi soli hanno il diritto in qualunque momento di attaccare le reti informatiche di un Paese dichiarato "nemico" degli interessi Americani.Chi sono i pirati?
    • Anonimo scrive:
      Re: Pirati USA
      - Scritto da: don ilario rolle
      Se non sbagio gli USA sono l'unico paese al
      mondo ad infischiarsene non solo dei diritti
      d'autore, ma anche dei diritti umani in
      rete: hanno infatti militarizzato la Rete
      con uno speciale dipartimento del Pentagono.
      La loro idea è che essi soli hanno il
      diritto in qualunque momento di attaccare le
      reti informatiche di un Paese dichiarato
      "nemico" degli interessi Americani.

      Chi sono i pirati?
      Troppe cazzate in poche righe. Sei un coglione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pirati USA
      - Scritto da: don ilario rolleCi mancavano anche i preti rossi!Ma non faresti meglio a confessare la tua fedein Gesù Cristo piuttosto che quella in AGNOLETTO?
      Se non sbagio gli USA sono l'unico paese al
      mondo ad infischiarsene non solo dei diritti
      d'autore, ma anche dei diritti umani in
      rete: hanno infatti militarizzato la Rete
      con uno speciale dipartimento del Pentagono.
      La loro idea è che essi soli hanno il
      diritto in qualunque momento di attaccare le
      reti informatiche di un Paese dichiarato
      "nemico" degli interessi Americani.

      Chi sono i pirati?
  • Anonimo scrive:
    Italia stato canaglia
    SII entreremo nella lista degli stati canaglia e fra un anno manderanno gli F117 a bombardare Napoli per distruggere le fabbriche di software pirata. Perchè da documenti in mano all'FBI risulta che i proventi della vendita di programmi pirata alimenta il terrorismo. Se poi ci scappa qualche migliaio di morti beh, pazienza... ma i terroristi li abbiamo ammazzati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia stato canaglia
      e il bello è che con quell'imbecille di Bush al governo una cosa simile, per quanto di difficile attuazione, non è impossibile...Ma vedrai che tanto il buon cagnolino italiano risponderà al primo fischio del padrone americano, e berlusconi sarà in prima fila a leccare il deretano...Cavoli ho fatto pure rima ;DD
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia stato canaglia
      - Scritto da: Buatt
      SII entreremo nella lista degli stati
      canaglia e fra un anno manderanno gli F117 a
      bombardare Napoli per distruggere le
      fabbriche di software pirata. Perchè da
      documenti in mano all'FBI risulta che i
      proventi della vendita di programmi pirata
      alimenta il terrorismo.
      Se poi ci scappa qualche migliaio di morti
      beh, pazienza... ma i terroristi li abbiamo
      ammazzati.Ti sbagli, Bin Laden è ancora in giro, i migliaia di Afghani morti no.
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia stato canaglia
      Vedi la parola democrazia è una contraddizione i termini perchè se ognuno puo' liberamente fare quello che vuole diventa anarchia il limite in cui muoversi è molto stretto , e se poi le leggi le facciamo ad hoc ecco che la democrazia diventa dittatura .Quindi hanno sempre vinto i puù forti e sempre vinceranno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia stato canaglia
      Guarda che la democrazia è formata da due parole Greche:Deimos che significa: Diavoloecratis che signifia: leggi o legge:Quindi la democrazia altro non è che le leggi del Diaolo, in altre parole un DIAVOLERIA inventata dall'uomo, per i loro fini illeciti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Niente più radio nella dentiera

        Deimos che significa: Diavoloe' DEMOS , POPOLO
        cratis che signifia: leggi o legge:CRATEIAcioe' "potere"
        Quindi la democrazia altro non è che le
        leggi del Diaolo, in altre parole un
        DIAVOLERIA inventata dall'uomo, per i loro
        fini illeciti.LOLLISSIMO
        • Anonimo scrive:
          Re: Niente più radio nella dentiera
          Radio nelle dentiere, castronerie in greco, questo forum sta diventando un incrocio tra Ionesco e Alvaro Vitali:-(
  • Anonimo scrive:
    FUCK USA !
    Un unica potenza un unico mercato.Loro devono decidere per noi? Ma che si facciano i cazzi loro !!!! Se gli mandiamo a fanculo ci invadono come hanno fatto nel '45?E' già troppo sentire le stronzate dei politici italiani, figuriamoci se adesso dobbiamo pensare anche a quei poveri bifolchi americani convinti di avere pieno potere su tutto e su tutti solo perchè hanno i soldi.
  • Anonimo scrive:
    Ridicoli e protezionisti
    Fino al midollo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ridicoli e protezionisti
      - Scritto da: SiN
      Fino al midollo.Se ben mi ricordo, la lista degli "stati terroristici", stilata dagli USA, conteneva (Contiene ?) Cuba (?!) ma non l'Afghanistan :-DPiu' che "Ridicoli", io direi "Arroganti, fin oltre il midollo".
  • Anonimo scrive:
    Re: Brrr che paura...
    Sono perfettamente d'accordo.
  • Anonimo scrive:
    Gli USA? Prima guardino in casa loro!
    Proviamo a guardare quanti siti con contenuti warez risiedono negli USA... non esiste alcuna limitazione, tutti possono pubblicare senza alcun problema cracks, anche di programmi ITALIANI!. In Italia, almeno, questa pratica è proibita! Dovremmo essere noi a lamentarci...
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli USA? Prima guardino in casa loro!
      - Scritto da: wolfPD
      Proviamo a guardare quanti siti con
      contenuti warez risiedono negli USA... non
      esiste alcuna limitazione, tutti possono
      pubblicare senza alcun problema cracks,
      anche di programmi ITALIANI!. In Italia,
      almeno, questa pratica è proibita! Dovremmo
      essere noi a lamentarci...Esistono programmi italiani che vale la pena di craccare??? Me ne diresti uno?:-)
  • Anonimo scrive:
    USA sbaglia
    Io sono contro la pirateria però che un altro paese si arroghi il diritto di ingerenza negli affari interni di un'altro e perlopiù non appartenente all'unione europea lo trovo antidemocratico e una vera e propria provocazione.Comunque se i prezzi soprattutto dei prodotti microsoft fossero un pò più bassi secondo me tutti questi problemi non ci sarebbero.
  • Anonimo scrive:
    ...hanno scoperto acqua calda!!
    non capisco, perchè tutto questo clamore: è un problema italiano e di qualche altro paese mediterraneo; le leggi ci sono e basterebbe applicarle...come mai solo e sempre chiacchere??che non ci sia tutto questo interesse in pratica??io credo che comunque la situazione convenga a molti...
    • Anonimo scrive:
      Re: ...hanno scoperto acqua calda!!
      - Scritto da: sententia
      non capisco, perchè tutto questo clamore: è
      un problema italiano e di qualche altro
      paese mediterraneo; le leggi ci sono e
      basterebbe applicarle...come mai solo e
      sempre chiacchere??
      che non ci sia tutto questo interesse in
      pratica??
      io credo che comunque la situazione convenga
      a molti... ma tuo papà si chiama Di Pietro ?
  • Anonimo scrive:
    il pirata in una stanza
    ...io vedo la copia sopra voi che restate liiii abbandonatiii iiii come seeeee non ci fosse piùùù niente di + software al mondoooo suona l'open sourceeeee mi sembra un organooo che viiiiiibraaa per tee ee per meee... su nell'immensitaaaa' della funzionalitaaaa'perr meeee e per teeeeeVerranno momenti che per installare un software a pagamento dovremo:- utilizzare un sistema biometrico per mandare le nostre impronte al profilo passport (o quell'altro di sun) per autenticarci come legali proprietari della licenza d'uso- ogni produttore di CD musicali avrà una marca di lettori CD sponsorizzata che potrà leggere quei CD- Se non potranno imporci i loro software, ci impediranno di usare quelli alternativiL'unica soluzione è trovare un prete che spacci software pirata o che si prenda a cuore la questione informatica. Avete visto Radio Vaticano? Non possono procedere (inaudito).Abbiamo troppe leggi imposte e poca logica di vita.Aboliamo i brevetti, aboliamo le imposizioni che riguardano aspetti materiali della vita.Una volta esisteva la dura legge di Darwin, la selezione naturale. I progressi sono stati infiniti.Adesso non esiste nessuna legge naturale che regola la nostra vita, abbiamo solo costrizioni ed imposizioni che scandiscono i nostri nervi come il cuore scandisce lo scorrere del sangue.Non è giusto, stiamo regredendo. Invece di andare avanti procediamo a passi indietro, poi a balzi indietro.Ma dove stiamo correndo?Che ci frega di avere la fretta di arrivare ad avere l'orologio-gsm-imode-wireless-palmare-staroffice-treccazzi integrato se poi non potremo uscire di casa per il buco nello ozono( si scrive cosi'?).Che ci frega avere Aqua come tema di XP o un bel PC tondo e performante sulla scrivania se poi non possiamo essere liberi di mangiare verdure perche' concimate al cadmio, carne perchè pazza, respirare xche' il piombo ed i troiai stressano i nostri polmoni?Ci stanno ingannando! Ormai gli annunci tecnologici si susseguono, i soldi girano tutti da sta parte... della vita vera non gliene frega + a nessuno. pensano a clonare l'uomo o i porci dicendo che così allungheranno la vita.Già immagino mio figlio, o il figlio di mio figlio. Nascerà già malato di qualcosa per colpa di inquinamento e varie altre, a 15 anni il primo trampianto di -una cosa qualunque- .. e cosi' ogni tot anni... tanto ci possiamo clonare.. che ce frega.Invece di curare il male alla base, ne eliminiamo il risultato.Cazzo siamo un fallimento di specie! Stiamo andando alla deriva e guardiamo soddisfatti le barchette di carta galleggianti che riusciamo a fare.Voglio sparare un bengala. Voglio spararlo in alto, altissimo. Deve avere una luce tanto intensa da attirare l'attenzione di tutti.Tutti dobbiamo vedere quella luce e capire che non siamo soli, non possiamo pensare solo a noi.Guardiamoci l'un l'altro, ci sono dei grossi problemi da risolvere ed è responsabilità di ognuno.Perchè l'unione fa la forza.Andrè
    • Anonimo scrive:
      Re: il pirata in una stanza
      Parole sante.
    • Anonimo scrive:
      Re: il pirata in una stanza
      troppo giusto, mi sono commosso.
    • Anonimo scrive:
      Re: il pirata in una stanza
      Right ! Radio Vaticana docet: la Chiesa, grazie alle nostre leggi, può inquinare tranquillamente sul suolo italiano. I potenti possono falsificare bilanci, chi ha illegalmente portato capitale all'estero può farlo tornare in italia quasi a costo fiscale zero. Chi uccide è malato e bisogna capirlo. Chi violenta i bambini va curato. Chi violenta le donne è stato provocato. Solo chi ha molti soldi può curarsi bene, solo chi ha molti soldi può sperare di avere assistenza sanitaria e una vecchiaia felice, solo chi ha molti soldi può avere un'istruzione adeguata, solo chi è ricco avrà tasse meno pesanti.Invece chi copia i cd, o clona le card di D+ è un criminale, va punito, chi è abbagliato dal successo del dio denaro che ci viene propinato in Tv tutti i giorni e fa qualcosa di sbagliato va condannato, il clandestino che entra in Italia perchè spera di avere una vita migliore va ucciso. Se vuoi mangiare carne buona devi pagare, altrimenti il sant'uomo di turno prende le farine animali e ci farcisce il tuo pasto, se vuoi volare sicuro devi pagare, altrimenti l'impiegato di turno si dimentica di guardare il radar e il tuo aereo si schianta a 200 all'ora contro un altro sulla pista.Right, questa è la vita che ci siamo scelti, o che qualcuno ha scelto per noi, non fa differenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: il pirata in una stanza
      un po' predicozzo ... ma fondamentalmente sono d'accordo.è un modo molto difficile di vivere, molto responsabile e sempre sempre costantemente impegnato.vuol dire che in ogni singola azione della nostra vita dobbiamo essere consapevoli di centinaia di fatti ... cosa usiamo e dove lo abbiamo preso, chi lo ha fatto, perché, perché così, chi lo ha permesso, come mai, come mai ci è riuscito, chi non ha fatto quel che doveva fare, chi lo ha permesso, chi ha messo li chi lo permette, da dove vengono i soldi ...per QUALSIASI azione.per QUALSIASI oggetto.e SEMPREQualsiasi acquisto o azione deve essere considerato facendo dei pensieri che la maggior parte della popolazione considera "seghe mentali" o "assurdità".E' difficile, durissimo.Perché ogni giorno tutti noi lavoriamo e abbiamo problemi.E poi dovremmo diventare investigatori di ogni oggetto e azione del mondo quando abbiamo da vivere la vita che ci rimane ... Capisco che sia difficile.Capisco anche che una volta che hai sbattuto il naso su una grossa verità scabrosa, non puoi più far finta di non sapere.Se una ditta fa qualcosa che non va (e sei d'accordo che non va, non perché leggi che "secondo qualcuno" non va), la DEVI boicottare, anche se ti fa comodo quello che produce, SE SEI UN UOMO (= essere umano).Se il governo o i politici o "chi comanda" non si comporta onestamente o regola la vita di altri in maniera non rispettosa ... E' DOVERE di ognuno farsi sentire.Ora ho fatto il predicozzo pure io.Che palle.me ne torno a cuccia.
    • Anonimo scrive:
      Re: il pirata in una stanza
      Hey man, tu sei uno di quelli che se ti dicono: mi hanno licenziato! rispondi cambia lavoro, potevi prevederlo; ho 3 figli da sfamare: chi te li ha fatti mettere al mondo; mi sono bruciato la mano nel generatore di raggi X: perche' hai scelto di fare il fisico; ecc. ecc.?Come on!Siamo una grande nazione, ricchissima di geni! Che ci frega del parere degli USA? Facciano cio' che vogliono! Hanno pure la bomba atomica (ma non solo quella...).Poverini, si lamentano di noi!!! Che facciano a meno di venderci i loro prodotti! Possiamo fare tutto noi e meglio! Pentium 4 compreso! Basterebbe che gente come Berusca spendesse un po'in foundry ed affini!
  • Anonimo scrive:
    ma perche' piratare?
    Ecco, questa e' proprio una cosa che non capisco. Perche' copiare illegalmente software quando esistono degli ottimi prodotti open source? Per sentirsi furbi? Per il brivido di violare la legge?E, come altri hanno gia' scritto in un post differente piu' in basso, perche' non investire nello sviluppo di sw open source? La Germania lo fara', la GB lo sta facendo, il Sud Africa e' molto avanti. Negli USA la M$ comincia a sentire - finalmente - il fiato della concorrenza sul collo (non ci erano proprio abituati).Insomma, la trasparenza e l'onesta in questo settore del mercato conviengono e sono vincenti.NB: queste opinioni sono distribuite, nella speranza che possano risultare utili, secondo quanto previsto dalla v.2 della licenza GNU/GPL :-))
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perche' piratare?
      quanto siamo ripetitivi......Anch'io uso linux.....Anch'io osanno la filosofia dell'open source....Ma stare sempre li a postare le solite cose ... per ricevere sempre le solite risposte....allora facciamo un sunto:trovami validi programmi sostitutivi (non livello domestico) di :AutocadPhotoshop (non dire gimp perchè altrimenti non conosci ne il ps6 ne il gimp)Flash (anche i grafici web devono pur vivere)Contabilità aziendale (non domestica)Questi sono solo una piccola parte di quelli che potrei dirti.....Pienamente d'accordo con te per quanto riguarda l'utenza home..... (le nuovo distribuzioni in sede d'installazione non sono meno complicate di windozz) e gli strumenti che ti mettono a disposizione possono decisamente competere con il monumentale pacchetto office...Purtroppo però nelle aziende non è solo di office che si ha bisogno....NON sto assolutamente parlando male del mondo open source..... bisogna ammettere che per il momento (speriamo non per molto)...la varietà di sw a disposizione non può competere ne per quantità che per qualità con la montagna di sw scritto per windows....
      • Anonimo scrive:
        Re: ma perche' piratare?
        - Scritto da: qwas
        quanto siamo ripetitivi......
        Anch'io uso linux.....Anch'io osanno la
        filosofia dell'open source....
        Ma stare sempre li a postare le solite cose
        ... per ricevere sempre le solite
        risposte....
        allora facciamo un sunto:
        trovami validi programmi sostitutivi (non
        livello domestico) di :
        Autocad
        Photoshop (non dire gimp perchè altrimenti
        non conosci ne il ps6 ne il gimp)
        Flash (anche i grafici web devono pur vivere)
        Contabilità aziendale (non domestica)
        Questi sono solo una piccola parte di quelli
        che potrei dirti.....ripeto:secondo te allo stato italiano costerebbero piu' le eventuali sanzioni imposte da quegli imbecilli di americani o sviluppare sw per colmare le attuali lacune di GNU/Linux e adottare quest'ultimo nella PA, spingendo nel contempo per farlo adottare anche ai privati? E in ogni caso alla lunga distanza cosa converrebbe?
        • Anonimo scrive:
          Re: ma perche' piratare?
          - Scritto da: z2
          secondo te allo stato italiano costerebbero
          piu' le eventuali sanzioni imposte da quegli
          imbecilli di americani o sviluppare sw per
          colmare le attuali lacune di GNU/Linux e
          adottare quest'ultimo nella PA, spingendo
          nel contempo per farlo adottare anche ai
          privati? E in ogni caso alla lunga distanza
          cosa converrebbe?Direi che non solo lo stato italiano, ma tutta l'europa potrebbe fare un progetto opensource europeo affidato alle università per la realizzazione di un software per la pubblica amministrazione.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma perche' piratare?
          D'accordissimo con te...Il problema però non deve essere posto in linea teorica in un futuro ancora remoto (purtroppo... e non mi si citi a tal riguardo la germania)....Ma nel presente....con la cultura informatica che ti trovi nelle piccole e medie aziende...(dove chi è considerato un genio del pc ha fatto un corso su word oppure excel).. le alternative non mi sembrano essere molte...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma perche' piratare?

        Autocadbentley microstation (ed è meglio di autocad)
        Flash (anche i grafici web devono pur vivere)e questo che vuol dire? il 90% delle pagine con flash è inguardabile e innavigabile(passatemi 'sto neologismo), tutto pieno di grafica, con contenuti pessimi e navigabilità lentissima e confusa. Incominciare a usare l'html come si deve, no, eh?
        Contabilità aziendale (non domestica)un qualsiasi prog di contabilità per unix. ce ne sono a bizzeffe.
        Questi sono solo una piccola parte di quelli
        che potrei dirti.....anch'io...
        • Anonimo scrive:
          Re: ma perche' piratare?
          Ola',

          Flash (anche i grafici web devono pur
          vivere)
          e questo che vuol dire? il 90% delle pagine
          con flash è inguardabile e
          innavigabile(passatemi 'sto neologismo),
          tutto pieno di grafica, con contenuti
          pessimi e navigabilità lentissima e confusa.
          Incominciare a usare l'html come si deve,
          no, eh?SVG! SVG! SVG! :)


          Contabilità aziendale (non domestica)
          un qualsiasi prog di contabilità per unix.
          ce ne sono a bizzeffe.Non vorrei sparà ma i + belli girano proprio li' mi pare... ;)Salutos
        • Anonimo scrive:
          Re: ma perche' piratare?
          - Scritto da: Vertigo

          Autocad
          bentley microstation (ed è meglio di autocad)
          Ma si tratta della stessa Bentley che era stata acquisita da M$ anni fa ???

          Flash (anche i grafici web devono pur
          vivere)
          e questo che vuol dire? il 90% delle pagine
          con flash è inguardabile e
          innavigabile(passatemi 'sto neologismo),
          tutto pieno di grafica, con contenuti
          pessimi e navigabilità lentissima e confusa.
          Incominciare a usare l'html come si deve,
          no, eh?


          Contabilità aziendale (non domestica)
          un qualsiasi prog di contabilità per unix.
          ce ne sono a bizzeffe.


          Questi sono solo una piccola parte di
          quelli

          che potrei dirti.....
          anch'io...
        • Anonimo scrive:
          Re: ma perche' piratare?
          &K
      • Anonimo scrive:
        Re: ma perche' piratare?
        Spero che ti stia riferendo ai programmi open source; se infatti includi nella lista di Linux anche i programmi closed a pagamento, a Linux non manca niente, e ripeto proprio niente.Per il cad ci sono sw che vengono installati anche su altri server UNIX che fanno la bellezza di studi di NewYork, Londra, etc., fanno impallidire l'autocad che gira su win, costano svariati migliaia di euro, ma sono impressionanti. Una recenzione di uno di questi (che tra l'altro esiste sugli UNIX ben prima di autocad) l'ho letta io stesso, ed è disponibile anche con lic. non commerciale, ma per studenti a circa 50 euro. Ponili in un server SGI o Linux o IRIX con server grafici commerciali, e poi vedi la differenza.Era un'esempio, ma potrei continuare; l'unico vero neo di Linux è che buona parte dei programmi gira in inglese (e tutti i cad su UNIX/Linux lo fanno); e dei programmi di traduzione linguistica nonchè d'insegnamento delle lingue a cominciare dall'inglese.Cmq per quanto riguarda i sw per la traduzione (dall'inglese) il team di KDE si sta muovendo e già al prossimo rilascio della new serie KDE la 3.x, vedremo qualcosa.Eccettuato cmq questi programmi di traduzione, a Linux non manca nulla se si considerano anche i sw commerciali che girano sul sistema.Se alfine, consideri quindi che un'azienda o un'ut. risparmia notevolmente sull'acquisto di un buon parco sw, e poi magari compra una parte di sw di cui ha particolare bisogno, su Linux, risparmia molto e non si vede la necessità di frodare la legge.Tra parentesi, poi, molti dei sw commerciali in Linux sono anche free per studio o uso domestico; magari non sono compresi nelle distro ufficiali, ma scaricabili o acquistabili a se.E poi, non è lo scopo del mondo Linux di rendere ogni sw free, ma d'instaurare un'economia mista, in cui il sw di base sia free, senza pagare per ogni sciocchezza.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perche' piratare?
      - Scritto da: pingue_linux
      Ecco, questa e' proprio una cosa che non
      capisco. Perche' copiare illegalmente
      software quando esistono degli ottimi
      prodotti open source? Per sentirsi furbi?Semplicemente per avidità, ignoranza e arroganza. Poi, facciamo chiarezza, ci sono tante aziende che comprano regolarmente il software fino all'ultimo programma (poche, ma ci saranno pure), solo che nel panorama attuale fanno la figura "dei fessi". Già, perché in Italia, chi paga tutto è considerato "fesso": non nascondiamo questa realtà.Chi non paga il software, lo fa perché uno che ha un'azienda assume gente la vuole immediatamente in grado di lavorare produttivamente, senza "perdere tempo" a formarlo e insegnargli a usare nuovi programmi. E allora il datore di lavoro deve fornire i programmi che sono già conosciuti dal lavoratore, ovvero Windows e Office... che furbamente la M$ (con grande mossa di marketing) negli anni passati ha lasciato piratare senza protestare perché si diffondessero e diventassero uno "standard de facto".Nel contempo, però, questi programmi alle aziende costano, e non vogliono pagare questi alti costi per avidità, che spesso considerano "soldi sciupati" (così come quelli spesi per la sicurezza...), perché spesso sono troppo ignoranti per capire cosa sia un software: fanno già fatica a pensare al computer come un elettrodomestico, pensano che ciò che si paga debba essere solo ciò che possono toccare con la mano e non capiscono perché mai debbano pagare un programma visto che "il computer l'hanno regolarmente pagato", e anzi spesso hanno pure l'arroganza di dare del disonesto al venditore perché "non gli ha dato l'Office" insieme col computer e quindi "non possono usare il computer per quello per cui l'hanno comprato" (di norma scriverci lettere o poco più...).La cosa incredibile, è che se *costringi* queste aziende a scegliere tra _comprare_ regolarmente il software oppure non usarlo, scelgono la seconda, poi magari vanno a lamentare che sono in perdita, che hanno avuto un crollo del fatturato e via dicendo... il termine "investimento" pare a loro sconosciuto... (ah già, bisogna riuscire a capire che il software può essere un *investimento*, visto che permette di aumentare la produttività: ma in pochi lo capiscono, siamo ancora alla mentalità del bue e dell'aratro).Cioè, che la Microsoft sia delinquente e abusi della sua posizione di mercato è innegabile. Ma che d'altro canto ci sia un'ignoranza, un'avidità e un'arroganza fuori misura anche dalla parte delle aziende utenti, è vero...Il problema è che è una lotta di fuorilegge, sono come gli scontri del Far-West: difficile fare giustizia, e dire chi ha ragione, in quelle condizioni...Che ci vuoi fare...
      • Anonimo scrive:
        ancora con questi discorsi...
        E' la millesima volta che assisto su questo forum ad un confronto Linux vs Win... ma lo volete capire che il confronto non ha senso. Negli uffici c'è bisogno assoluto di windows perché tutti sanno usare i prodotti ms e tutti i files sono in formato ms. Convertire tutti i PC a linux e star office costerebbe uno sproposito in ore di formazione per il personale con in più il problema di non poter leggere i files inviati da altre aziende.Lo stesso vale per chi usa il PC a casa.. con windows uno ha tutti i giochi che vuole, con Linux? c'è fifa2002, Medal Of Honor, ColinMCrae? NO!
        • Anonimo scrive:
          Re: ancora con questi discorsi...
          - Scritto da: andrea
          E' la millesima volta che assisto su questo
          forum ad un confronto Linux vs Win... ma lo
          volete capire che il confronto non ha senso.
          Negli uffici c'è bisogno assoluto di windows
          perché tutti sanno usare i prodotti ms e
          tutti i files sono in formato ms. Convertire
          tutti i PC a linux e star office costerebbe
          uno sproposito in ore di formazione per il
          personaleLa butto li': 2 ore a utente
          con in più il problema di non
          poter leggere i files inviati da altre
          aziende.FALSO.A meno che tu sia abituatoa ricevere files pieni di macro...
          • Anonimo scrive:
            Re: ancora con questi discorsi...

            La butto li': 2 ore a utentePenso un po' di più... senza considerare la perdita d'efficienza che si avrebbe nel primo periodo d'uso del nuovo sw. E senza considerare che devi moltilicare le ore di formazione per tutti i lavoratori e considerare i costi del mancato lavoro durante quelle ore.
            FALSO.
            A meno che tu sia abituatoa ricevere files
            pieni di macro...Secondo te quando chiedo a qualcuno di inviarmi un file, posso dirgli "scusa senza macro che non uso office!"
          • Anonimo scrive:
            Re: ancora con questi discorsi...
            - Scritto da: andrea

            La butto li': 2 ore a utente

            Penso un po' di più... senza considerare la
            perdita d'efficienza che si avrebbe nel
            primo periodo d'uso del nuovo sw.Ci sarebbe, ma limitata, IMHO.

            FALSO.

            A meno che tu sia abituatoa ricevere files

            pieni di macro...

            Secondo te quando chiedo a qualcuno di
            inviarmi un file, posso dirgli "scusa senza
            macro che non uso office!"Scusa, ma quante volte capita che ricevi un file con macro? A me rarissime.
        • Anonimo scrive:
          Re: ancora con questi discorsi...
          - Scritto da: andrea
          E' la millesima volta che assisto su questo
          forum ad un confronto Linux vs Win... ma lo
          volete capire che il confronto non ha senso.
          Negli uffici c'è bisogno assoluto di windows
          perché tutti sanno usare i prodotti ms e
          tutti i files sono in formato ms.Se nessuno fa nulla per cambiare le cose sarà sempre così
          Convertire tutti i PC a linux e star office costerebbe
          uno sproposito in ore di formazione per il
          personale con in più il problema di non
          poter leggere i files inviati da altre
          aziende.A parte il fatto che i famigerati .doc vengono letti da StarOffice, per dirne uno, sai come schizzerebbe il PIL? I soldi che verrebbero mandati in America da Microsoft, verrebbero investiti in Italia, sviluppando programmi e "formando" i formatori che dovrebbero insegnare l'uso dei programmi nostrani. Perchè il problema non è Win o Lin, ma continuare a BUTTARE i soldi, e BUTTARLI in un altro stato!
          Lo stesso vale per chi usa il PC a casa..
          con windows uno ha tutti i giochi che vuole,
          con Linux? c'è fifa2002, Medal Of Honor,
          ColinMCrae? NO!Se è per questo esistono PS2, GameCube e X-Box: esistono giochi per quelli? SI, perchè hanno un mercato. Se il mercato glielo facciamo, ci sarà anche chi sviluppa i giochi... per ufficio (non si parlava di PA?)
        • Anonimo scrive:
          Re: ancora con questi discorsi? certo, anche di +
          - Scritto da: andrea
          E' la millesima volta che assisto su questo
          forum ad un confronto Linux vs Win...e ne sentirai molti altri. Preparati
          ma lo
          volete capire che il confronto non ha senso.infatti. Linux è ormai pronto per l'uso desktop, oltre che per quello server.linux è la soluzione per l'amministrazione pubblica
          Negli uffici c'è bisogno assoluto di windowsquesta è una classica balla cui non credono + neanche a Redmond, tanto che possono solo fare la guerra sui nomi (vedi caso LindowsOS)
          perché tutti sanno usare i prodotti msE' un falso argomento di chi vede la realtà dalle sole finestre di un solo sistema operativo (windows, appunto)Non c'è alcun impedimento a usare prodotti Open source come StarOffice. Questi prodotti sono stati creati appositamente per un facile "trasbordo" di utenza da windows a LINUXlinux è maturissimo per l'uso desktople notizie di interesse da parte di moltissime amministrazioni pubbliche (Polonia, Germania, Danimarca, Sud Africa, Russia, Corea, ad esempio) ne sono una forte testimonianza
          e tutti i files sono in formato ms. E questo non è un bene.Amaggior ragione, si deve potersi rendere indipendenti da una sola gestione delle nostre informazioni, liberandole dai vincoli monopolistici di un fornitore di software straniero, oltretutto
          Convertire
          tutti i PC a linux e star office costerebbe
          uno sproposito in ore di formazione per il
          personale non dài alcuna quantificazione di questa tua affermazione.Lo "sproposito" ha lo stesso valore del "fantastiliardo" di De' Paperoni
          con in più il problema di non
          poter leggere i files inviati da altre
          aziende.cavolate.i filtri di StarOffice sono validissimi
          Lo stesso vale per chi usa il PC a casa..sono straballe
          con windows uno ha tutti i giochi che vuole,cosa che c'entra un piffero con la gestione dell'aministrazione pubblica
          • Anonimo scrive:
            Re: ancora con questi discorsi? certo, anche di +
            - Scritto da: zap



            infatti. Linux è ormai pronto per l'uso
            desktop, oltre che per quello server.VEro
            questa è una classica balla cui non credono
            + neanche a Redmond,sicuramente non quelli di RdmondLinux :-D


            perché tutti sanno usare i prodotti msA sentire i sostenitori M$ non è affatto vero.
            Non c'è alcun impedimento a usare prodotti
            Open source come StarOffice. SO non è OS (almeno non completamente). OpenOffice ne è la versione OS.

            con windows uno ha tutti i giochi che
            vuole,

            cosa che c'entra un piffero con la gestione
            dell'aministrazione pubblicaCome cosac'entra??? CHe fanno tutto il giorno in ufficio? :-pppp
          • Anonimo scrive:
            Re: ancora con questi discorsi? certo, anche di +
            - Scritto da: SiN






            perché tutti sanno usare i prodotti ms

            A sentire i sostenitori M$ non è affatto
            vero.infatti molti pretendono la necessità della "patente europea", e contemporaneamente giurano sulla facilità infantile d'uso dell'interfaccia grafica di windows.E' una posizione contraddittoria.

            Non c'è alcun impedimento a usare prodotti

            Open source come StarOffice.

            SO non è OS (almeno non completamente).
            OpenOffice ne è la versione OS.oopps, vero!Rimane la gratuità di un prodotto come Staroffice, cosa che garantisce ben più delle onerorissime licenze a postazione del noto monopolio
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perche' piratare?
      - Scritto da: pingue_linux
      prodotti open source? Per sentirsi furbi?...
      secondo quanto previsto dalla v.2 della
      licenza GNU/GPL :-))Ecco un altro che si e' confuso free software con open source...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma perche' piratare?
        - Scritto da: Opino
        - Scritto da: pingue_linux


        prodotti open source? Per sentirsi furbi?
        ...

        secondo quanto previsto dalla v.2 della

        licenza GNU/GPL :-))

        Ecco un altro che si e' confuso free
        software con open source...Non mi pare di aver fatto alcuna confusione. Sara' mio diritto rilasciare le mie opinioni sull'Open Source in base alla licenza GPL? :-))))In ogni caso l'Open Source e' spesso (99% casi, direi) rilasciato come GPLed, il che non vuol dire che sia gratis. Puo' anche non esserlo. Pero' e' libero (free), cioe' lo copi, lo regali, lo cambi, lo installi, insomma ne fai quel che vuoi. Qui non si parlava di prezzi, ma copia illegale del sw, cio' che con l'open source non puo' avvenire.
  • Anonimo scrive:
    si come no
    Gli americani si preoccupino di pensare ai problemi loro che sono di più gravi...Oltretutto ci sono paesi che sono messi peggio dell'italia e gli americani non fanno nulla,giusto per ipocrisia e favoritismi.ma ci facciano il piacere
    • Anonimo scrive:
      Re: si come no

      Oltretutto ci sono paesi che sono messi
      peggio dell'italia e gli americani non fanno
      nulla,
      giusto per ipocrisia e favoritismi.

      ma ci facciano il piacereeh si quando finiranno con le varie ucraina hong kong ecc...con chi se la prenderanno ??? indovina un po...
  • Anonimo scrive:
    Non ho capito
    Non ho ben capito, la storia dei bollini perché è stata bacchettata?Cioè perché l'IIPA è contraria?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      - Scritto da: confuso
      Non ho ben capito, la storia dei bollini
      perché è stata bacchettata?
      Cioè perché l'IIPA è contraria?Pure a me piacerebbe saperlo ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      ao ma che ce frega dell'IIPA.porca eva ora organizzo una lista dei paesi col popolo + coglione, ci scrivo dentro:USAUSAUSAUSAUSAUSAPoi voglio vedere.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      Non so esattamente il perchè ma posso fare una supposta, essendo che la SIAE obbliga tutti ma proprio tutti ad apporre il bollino suo su qualsiasi CD , ti fai un CD con sofware free? non sei in regola se non ci metti il bollino SIAE (ovviamente non è gratuito).Per cui risulta una norma non applicabile e che verra ingorata.Poi da esempio penalizza l'Open Source perchè anche loro devono mettere i bollini sui CD, ma come il software è "gratis" e devo pagare la SIAE che protegge i diritti d'autore, quando l'autore stesso praticamente rinuncia ai propri diritti?Ve be è scritta un po grossolanamente ma capite il senso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      Non so esattamente il perchè ma posso fare una supposta, essendo che la SIAE obbliga tutti ma proprio tutti ad apporre il bollino suo su qualsiasi CD , ti fai un CD con sofware free? non sei in regola se non ci metti il bollino SIAE (ovviamente non è gratuito).Per cui risulta una norma non applicabile e che verra ingorata.Poi da esempio penalizza l'Open Source perchè anche loro devono mettere i bollini sui CD, ma come il software è "gratis" e devo pagare la SIAE che protegge i diritti d'autore, quando l'autore stesso praticamente rinuncia ai propri diritti?Ve be è scritta un po grossolanamente ma capite il senso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      - Scritto da: confuso
      Non ho ben capito, la storia dei bollini
      perché è stata bacchettata?
      Cioè perché l'IIPA è contraria?Perchè se ordini un CD dall'America, questo non è regolare, pur essendo originale, perchè non ha il bollino blu.Questo, obbligherebbe i dealer a inserire il bollino sui CD esportati in italia.Questo, ovviamente, è oneroso se si pensa che anche il piccolo negozietto di provincia potrebbe avere un sito WEB in cui vende CD.In pratica, si pensa che la pratica del bllino sfavorisce i venditori stranieri, rispetto a quelli italiani, in constrasto con le norme globalizzate che dovrebbero garantire parità di concorrenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      - Scritto da: confuso
      Non ho ben capito, la storia dei bollini
      perché è stata bacchettata?
      Cioè perché l'IIPA è contraria?Bisognerebbe chiedere all'IIPA però ragionando per sommi capi si potrebbe affermare che il famoso bollino non è deterrente anti-pirateria ma semmai incriminante di copie legali.Come già stato scritto in precedenza da qualcuno un software comprato all'estero sprovvisto di bollino è pirata?Un software fatto da me e distribuito sempre da me dietro fattura (ci pago le tasse) ma sprovvisto di bollino è pirata?E meglio ancora... un falegname che con maestria ricavi miniature graziose da un pezzo di legno e le rivendesse al pubblico senza apporci il bollino è un pirata?Credo che si debba combattere chi copia il software illecitamente e non servo bollini per farlo.
  • Anonimo scrive:
    Paura dell'open ??
    Ma certamente che il GOV USA e Il gov ITAfaranno di tutto per inasprire le pene e i controlliMa che fanno SE i rispettivi gov li mollano per passare a open ?che senso ha dopo continuare a fare leggi(che dall'alto nessuno rispetta) se poi il prodotto propietario se lo devono tene' loroo fanno lo sciopero del sw propietario per dimostrare che loro possono TUTTOtipo la adobe che non localizza i SW se in un paese c'e pirateriaQuardate che questa volta la lama e' ben affilata e la concorrenza (stavolta molto sleale offre il prodotto gratis non l'assistenza).Poi vedi le regole dell'EU e questa volta nel piatto cose c'e ne sono ma possono fare male proprio a chi le ha chieste !
    • Anonimo scrive:
      Re: sei ridicolo
      credi che il governo italiano possa perdere piu' soldi con le eventuali sanzioni imposte da quei poveri imbecilli di americani o finanziando lo sviluppo di applicativi open? IMHO credo che convenga svilupparsi le applicazioni di cui si ha bisogno e mandare a cagare gli americani.
Chiudi i commenti