PS2 e ADSL, miscela esplosiva

Sony ha svelato i suoi piani per portare la PS2 on-line ed offrire, a partire dalla prossima primavera, servizi a larga banda. Microsoft non starà a guardare


Tokyo (Giappone) – Sony, che aveva già annunciato accordi con NTT DoCoMo lo scorso febbraio, ha ora svelato i piani con cui, insieme al colosso della telefonia giapponese, intende portare la Playstation 2 on-line.

Tutto poggerà su di un nuovo servizio, il cui debutto è previsto per il prossimo aprile, che consentirà agli utenti della popolare console di giocare gli uni contro gli altri attraverso le connessioni a banda larga offerte da NTT.

“A noi piacerebbe offrire non soltanto giochi e contenuti per l’intrattenimento – ha spiegato Ken Kutaragi, presidente di Sony Computer Entertainment (SCE) – ma anche servizi interattivi, inclusa la TV su scala globale”. Un obiettivo senza dubbio ambizioso, che potrebbe dare a Sony l’opportunità di entrare nel lucroso business della fornitura di servizi broadband, gli stessi che oggi passano prevalentemente via etere o cavo dedicato.

NTT e Sony contano di estendere rapidamente, in Giappone, le connessioni a larga banda basate su ADSL. Per sfruttare la velocità di questa tecnologia, e trasformare la console in una vera e propria set-top box per accedere ad Internet, Sony ha già preventivato da tempo il rilascio di tutta una serie di nuovi accessori e periferiche, fra cui un hard disk da 40 GB, una scheda di rete, una tastiera, un mouse e, più avanti, un monitor LCD.

Per Sony questo rappresenta anche l’opportunità per far convergere sulla Playstation 2 parte del suo business dedicato ai contenuti digitali, fra cui video, musica, servizi finanziari e d’intrattenimento. Sony ha sottolineato come il rapporto con NTT non sia esclusivo e che prossimamente annuncerà accordi simili anche in USA ed Europa. Il gigante giapponese annovera già fra le sue partner il gigante AOL Time Warner, con cui svilupperà servizi dedicati ad Internet ed accessibili attraverso una PS2: gioco on-line, Web, instant messaging, chat ed e-mail.

Sony non sarà sola nella conquista di questo mercato. Accanto a Sega, che al momento sviluppa esclusivamente soluzioni software, e Nintendo, che sulla connettività ha molte meno ambizioni (e interessi) rispetto a Sony, la più diretta rivale del gigante giapponese sarà senza dubbio Microsoft.

Il big di Redmond ha stipulato accordi con NTT già 6 mesi fa, accordi in base ai quali Microsoft mirerà innanzitutto a fornire agli utenti servizi per il gioco on-line e, in un secondo tempo, altri servizi pay-per-use. Rispetto alla temibile rivale, Sony gode di un indubbio vantaggio: 23 milioni di PS2 già installate in tutto il mondo e divisioni che si occupano della creazione e della distribuzione di contenuti digitali. Ma c’è da scommettere che Microsoft non si tirerà indietro: in palio c’è un mercato che, fra diversi anni, potrebbe valere oro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Intel piglia (ruba) tutto
    Xeon XP...Xeon MP....mi ricordano un po Athlon XP e Athlon MP...Voi che dite? Dai Intel, almeno un po di originalità sui nomi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel piglia (ruba) tutto
      i progetti di xeon xp risalgono a molti prima che si pensasse alla generazione athlon. Qualcuno parla per niente???
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel piglia (ruba) tutto
      ma pare che athlon abbia quella sigla tanto per richiamare l'XP di win, che a sua volta, ma pare avere solo una P in + dell'X di Apple (che ha preso anbch'essa da Unix, ma almeno ha un motivo per farlo, X=10, ed e' il primo AppleUniX) (anche questo non e' vero, tanto tempo fa ce ne fu un altro...)
Chiudi i commenti