PSP e la lingua dei segni

Ha successo un esperimento compiuto in una scuola del Regno Unito: con la console è più facile per gli alunni apprendere la lingua dei segni

Roma – Una delle carte vincenti della console portatile di casa Sony è senz’altro la versatilità: così la PSP si è reinventata come telecamera e navigatore GPS . Ma non è tutto: nel Regno Unito la PSP si sta dimostrando un valido sostegno didattico per insegnare ad alcuni bambini affetti da sordità o da mutismo la lingua dei segni.

la cam della PSP Accade alla Longwill primary school di Birmingham: la dirigenza scolastica ha deciso di munire gli alunni diversamente abili di console PSP equipaggiata con videocamera.

Il tutto per permettere agli alunni di filmare gli insegnamenti dei docenti in maniera da poterli rivedere in seguito, facilitando il processo di apprendimento del linguaggio dei segni. Ma non solo: grazie al dispositivo gli alunni possono migliorarsi, traducendo in lingua scritta i gesti di insegnanti e compagni.

L’iniziativa sta riscuotendo molto successo: “Alcuni alunni mostravano alcune difficoltà nel riportare in lingua scritta il linguaggio dei segni” ha dichiarato Alison Carter, vice direttore dell’istituto scolastico. “Grazie al nuovo metodo abbiamo notato alcuni progressi nella lingua scritta. Possiamo affermare che si tratta di un successo”. (V.G.)

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • no no scrive:
    ma ke ......................
    ma cosa diavolo c'entra il cracking ?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!?
    • max59 scrive:
      Re: ma ke ......................
      - Scritto da: no no
      ma cosa diavolo c'entra il cracking
      ?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!?cracking è violare le difese di un programma, forse si riferivano ai filtri impostati dai genitori sul computer della figlia per cui certi argomenti non andavano trattati (newbie)
  • Scarlight scrive:
    Circuizione di incapace e art. 494 c.p.
    In questi casi non credo si debba distinguere la rete dalla strada... i reati sono gli stessi anche se cambia la "location". Quindi smettiamola di scervellarci per vedere la rete come un posto da regolare con leggi ad hoc.Perciò alla luce della legislazione italiana, la donna si sarebbe punita per circuizione di incapace (dimostrabile per situazione fragile e per testi scritti su myspace) e false generalità a norma dell'articolo 494 del codice penale:Art. 494 Sostituzione di persona Chiunque, al fine di procurare a se' o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, induce taluno in errore, sostituendo illegittimamente la propria all'altrui persona, o attribuendo a se' o ad altri un falso nome, o un falso stato, ovvero una qualita' a cui la legge attribuisce effetti giuridici, e' punito, se il fatto non costituisce un altro delitto contro la fede pubblica, con la reclusione fino a un anno. Quindi il caso è risolto senza demonizzare la rete e chi ci naviga (che dando dati falsi può stare oltremodo tranquillo finchè non si profila un reato più grave, allora si va a ritroso e sono cazzi...)Scarlight
  • giuseppe scrive:
    Complimenti alla gente che scrive qui...
    E' grave l'immaturità e l'ignoranza che gira su chi posta qua dentro...Se aveste letto il sito postato SKz avrete letto che i genitori la controllavano sempre, controllavano il suo profilo, controllavano gli amici che aggiungevano, le stavano dietro...La colpa dei genitori qui è minima, credo che pochi genitori controllano la figlia come facevano loro...Il problema è che la ragazza in questione, era assolutamente insicura di se stessa, molti oggi lo sono tartassati da pubblicità e un mondo che fa dell'immagine oramai l'icona di riferimento...C'è chi vive questa situazione con tranquillità, chi riesce a conviverci chi come questa ragazzina di 13 anni che per superare questa fase si aggrappa come fanno un bordello di persone oramai, all'amico virtuale...Ed è giustissimo condannare la persona che si diverte liberatamente e SOPRATTUTTO volutamente dietro un account.Perche la cosa piu grave è che stata una cosa mirata..non a caso...E' stata una cosa pensata a tavolino e messa in pratica da una mente malata.Per me una cosa del genere è eequivalmente ad un omicidio in piena Regola, e che la legge, come sempre è almeno 10 anni indietro rispetto alle nuove evoluzioni della società...E leggere commenti come quelli di Marco Marcoaldi sono davvero tristi e incomprensibili...Parli di rovinare la vita ad una povera signora di 49 anni che si è divertita a prendere per il culo una ragazzina di soli 13 anni???ma ti rendi conto cosa stai giustifando???Soprattutto chi STAI GIUSTIFICANDO???Dentro di me, spererei che tua figlia vivesse una situazione simile, e poi vediamo se giustifichi lo stronzo che ci sta dietro lo schermo che prende per il culo tua figlia...Poi vediamo se verresti qui a dire " Iniziamo a mandare in carcere e a rovinare la vita (300 mila dollari di debito te la rovina la vita) chiunque piscia contro vento, sputa la gomma sul marciapiede e butta il biglietto del tram per strada ?" ...vorrei proprio vedere se riusciresti a scrivere una cacata del genere...E poi sei tu che ti lamenti di una società a rotoli???Sei tu il primo che con le cavolate che scrivi l'avvii verso il giusto binario....
    • Puttanate scrive:
      Re: Complimenti alla gente che scrive qui...
      - Scritto da: giuseppe
      E' grave l'immaturità e l'ignoranza che gira su
      chi posta qua
      dentro...

      Se aveste letto il sito postato SKz avrete letto
      che i genitori la controllavano sempre,
      controllavano il suo profilo, controllavano gli
      amici che aggiungevano, le stavano
      dietro...
      La colpa dei genitori qui è minima, credo che
      pochi genitori controllano la figlia come
      facevano
      loro...

      Il problema è che la ragazza in questione, era
      assolutamente insicura di se stessa, molti oggi
      lo sono tartassati da pubblicità e un mondo che
      fa dell'immagine oramai l'icona di
      riferimento...
      C'è chi vive questa situazione con tranquillità,
      chi riesce a conviverci chi come questa ragazzina
      di 13 anni che per superare questa fase si
      aggrappa come fanno un bordello di persone
      oramai, all'amico
      virtuale...

      Ed è giustissimo condannare la persona che si
      diverte liberatamente e SOPRATTUTTO volutamente
      dietro un
      account.
      Perche la cosa piu grave è che stata una cosa
      mirata..non a caso...E' stata una cosa pensata a
      tavolino e messa in pratica da una mente
      malata.
      Per me una cosa del genere è eequivalmente ad un
      omicidio in piena Regola, e che la legge, come
      sempre è almeno 10 anni indietro rispetto alle
      nuove evoluzioni della
      società...

      E leggere commenti come quelli di Marco Marcoaldi
      sono davvero tristi e
      incomprensibili...
      Parli di rovinare la vita ad una povera signora
      di 49 anni che si è divertita a prendere per il
      culo una ragazzina di soli 13 anni???ma ti rendi
      conto cosa stai giustifando???Soprattutto chi
      STAI
      GIUSTIFICANDO???

      Dentro di me, spererei che tua figlia vivesse una
      situazione simile, e poi vediamo se giustifichi
      lo stronzo che ci sta dietro lo schermo che
      prende per il culo tua
      figlia...

      Poi vediamo se verresti qui a dire " Iniziamo a
      mandare in carcere e a rovinare la vita (300 mila
      dollari di debito te la rovina la vita) chiunque
      piscia contro vento, sputa la gomma sul
      marciapiede e butta il biglietto del tram per
      strada ?"
      ...

      vorrei proprio vedere se riusciresti a scrivere
      una cacata del
      genere...
      E poi sei tu che ti lamenti di una società a
      rotoli???
      Sei tu il primo che con le cavolate che scrivi
      l'avvii verso il giusto
      binario....Quante cagate.
  • noncapisco scrive:
    ahahahahahahaha
    gli americani sono un taglio: "Drew è stata accusata di associazione a delinquere e sarebbe responsabile di essersi registrata con un nome fasullo e quindi di aver guadagnato accesso ai server di MySpace in maniera fraudolenta."quindi chiunque si registri a un qualsiasi servizio (mail, web forum, ecc..) con un nome che non corrisponda a quello reale va in galera per cracking? sarebbe la morte dei nickname (che il 99% della gente usa anche su PI per fare un esempio)
    • tommaso cecinati scrive:
      Re: ahahahahahahaha
      in fase di registrazione ad un servizio come quello di myspace non inserisci un nick, ma bensì il tuo nome reale.Se così non è, commetti un reato perseguibile.la scelta del nick è una cosa che avviene successivamente e non ha niente da spartire con la registrazione.
  • SkZ scrive:
    prima di postare informatevi
    http://www.meganmeierfoundation.org/story/dato che sembra che qui tutti abbiano la memoria corta,prima di postare scempiaggini, leggete cosa e' successo
    • Prepuzio arrossato scrive:
      Re: prima di postare informatevi
      - Scritto da: SkZ
      http://www.meganmeierfoundation.org/story/

      dato che sembra che qui tutti abbiano la memoria
      corta,
      prima di postare scempiaggini, leggete cosa e'
      successoChissenefrega.
  • anon scrive:
    Ma i genitori dov'erano?
    Non sarebbe stato sufficiente un "basta, tu il pc non lo usi più"? I genitori cosa facevano?
    • Il Gargilli scrive:
      Re: Ma i genitori dov'erano?
      I genitori dov'erano ?! Cosa ?!Ahhh, intendi i genitori della donna, vero ?!
      • SkZ scrive:
        Re: Ma i genitori dov'erano?
        Certo che qui di gente rinco ce n'e'!PI ne ha parlato a lungo, come non potete ricordare la storia?almeno leggete i link prima di sputare sentenzeLa ragazzina usava il pc solo sotto autorizzazione dei genitori e aggiungeva "amici" su Myspece solo su loro autorizzazione. Il problema era che era molto fragile e la vicina ne ha approfittato per raggirarla e poi letteralmente martoriarla, distruggendola mentalmentehttp://www.meganmeierfoundation.org/story/pensate: i genitori erano felici di quella 'amicizia' perche' il morale della figlia non era cosi' alto da anni.
        • noncapisco scrive:
          Re: Ma i genitori dov'erano?
          - Scritto da: SkZ
          Il problema era che era molto fragilenon si nasce fragili, la debolezza e' frutto di precise scelte, quindi viva la selezione naturale
        • 0verture scrive:
          Re: Ma i genitori dov'erano?
          Più che altro dov'erano i genitori dopo. Quella tr... della vicina si meritava un paio di pallettoni nello stomaco
        • krane scrive:
          Re: Ma i genitori dov'erano?
          - Scritto da: SkZ
          Certo che qui di gente rinco ce n'e'!
          PI ne ha parlato a lungo, come non potete
          ricordare la
          storia?
          almeno leggete i link prima di sputare sentenze
          La ragazzina usava il pc solo sotto
          autorizzazione dei genitori e aggiungeva "amici"
          su Myspece solo su loro autorizzazione. Il
          problema era che era molto fragile e la vicina ne
          ha approfittato per raggirarla e poi
          letteralmente martoriarla, distruggendola
          mentalmente
          http://www.meganmeierfoundation.org/story/
          pensate: i genitori erano felici di quella
          'amicizia' perche' il morale della figlia non era
          cosi' alto da anni.Allora e' stata selezione naturale...
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Siamo alla frutta !
    Lo sò, sono ripetitivo ... ma ... SIAMO ALLA FRUTTA un'altra volta !Una ragazzina che si suicida, un'altra che viene processata per cracking, ma dico io quanto siamo ridotti male ?Ma non vi rendete conto che tutti i social network che impongono un'età minima di 18 anni sono pullulati dalle solite facce conosciute che difficilmente hanno più di 15 anni ?Fa bene MySpace a mio avviso a liberalizzare l'iscrizione a qualsiasi fascia d'età migliorando comunque la vigilanza e i contenuti possibilmente "pericolosi" all'interno del sito.Violare per CRACKING la tizia in questione mi sembra assolutamente irreale in quanto non c'è nessun dispositivo di sicurezza a sorvegliare l'accesso.Al massimo potrebbe essere accusata di furto d'identità qualora abbia vestito virtualmente i panni di qualcuno realmente esistente. Cosa che non ha fatto però !Allora qual'è la sua colpa ? Istigazione al suicidio ?Ma magari la ragazzina come dice l'articolo era "fragile", forse prendeva anche qualche psicofarmaco che notoriamente e scientificamente provato aumenta i tassi di suicidio e forse lo scherzo in linea di massima innocuo della sua vicina di casa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso che era già pieno di suo ?Iniziamo a mandare in carcere e a rovinare la vita (300 mila dollari di debito te la rovina la vita) chiunque piscia contro vento, sputa la gomma sul marciapiede e butta il biglietto del tram per strada ?E' la società che va a rotoli e non se ne assume le responsabilità ! La colpa ? Sempre sui soliti capri espiatori !
    • mirkojax scrive:
      Re: Siamo alla frutta !
      siamo? sei americano? saranno cavoli loro se la' la giustizia e' severa. Noi invece siamo tutti aumma aumma e in prigione non si va quasi mai.La questione del cracking e' stata il cavillo legale per punire sta simpatica vicina.Certo che non si tratta di cracking, ma evidentemente non c'era altro modo di incastrare sta simpatica vicina.magari la ragazzina era fragile. magari prendeva le droghe, magari era pazza, magari...che cacchio ne sai te, Intanto si e' suicidata per colpa di sto scherzo.... magari la vicina era una assassisna. magari si potesse sempre rovinare la vita a persone come la vicina. Magari invece di dar loro gli arresti domiciliari quando va bene. Magari pensa se fosse capitato a te,
      • pippo baudo scrive:
        Re: Siamo alla frutta !
        questa è la prova che se ti vogliono danneggiare trovano comunque un simpatico cavillo che all'occorrenza gli torna utile.il problema non è la vicina ma la giustizia che si adatta pur di colpirti
      • Il Gargilli scrive:
        Re: Siamo alla frutta !


        La questione del cracking e' stata il cavillo
        legale per punire sta simpatica
        vicina.
        Certo che non si tratta di cracking, ma
        evidentemente non c'era altro modo di incastrare
        sta simpatica
        vicina.

        magari la ragazzina era fragile. magari prendeva
        le droghe, magari era pazza,
        magari...
        che cacchio ne sai te, Intanto si e' suicidata
        per colpa di sto scherzo.... magari la vicina era
        una assassisna. magari si potesse sempre rovinare
        la vita a persone come la vicina.Quoto, anche perchè penso che se, alla simpatica vicina, non avessero fatto niente, sarebbero successi molti casini più casini di ora. Ma la mia domanda è un'altra: Ma sta rinkojonita di anni 45, no dico "45"... Io l'avrei messa in galera solo per l'età. Fosse stato il comportamento (comunque sbagliato) di un ragazzino, magari sarei stato più calmo nel giudizio, ma... Quarantacinque anni!Non so se c'entri l'Amerika, ma dubito che in un altro paese una donna di quella età avrebbe fatto lo stesso; Il privilegio di certe idiozie "da adulti infantili" se lo vogliono tenere stretto a quanto pare. Si vede che sta cretina non aveva prorpio un c...o di niente da fare!
        • SkZ scrive:
          Re: Siamo alla frutta !
          Certo che qui di gente rinco ce n'e'!PI ne ha parlato a lungo, come non potete ricordare la storia?almeno leggete i link prima di sputare sentenzeLa ragazzina usava il pc solo sotto autorizzazione dei genitori e aggiungeva "amici" su Myspece solo su loro autorizzazione. Il problema era che era molto fragile e la vicina ne ha approfittato per raggirarla e poi letteralmente martoriarla, distruggendola mentalmentehttp://www.meganmeierfoundation.org/story/pensate: i genitori erano felici di quella 'amicizia' perche' il morale della figlia non era cosi' alto da anni.
    • max59 scrive:
      Re: Siamo alla frutta !
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      Lo sò, sono ripetitivo ... ma ... SIAMO ALLA
      FRUTTA un'altra volta
      !

      Una ragazzina che si suicida, un'altra che viene
      processata per cracking, ma dico io quanto siamo
      ridotti male
      ?
      Iniziamo a mandare in carcere e a rovinare la
      vita (300 mila dollari di debito te la rovina la
      vita) chiunque XXXXXX contro vento, sputa la
      gomma sul marciapiede e butta il biglietto del
      tram per strada
      ?

      E' la società che va a rotoli e non se ne assume
      le responsabilità ! La colpa ? Sempre sui soliti
      capri espiatori
      !
      • max59 scrive:
        Re: Siamo alla frutta !
        - Scritto da: max59
        - Scritto da: Marco Marcoaldi
        Lo sò, sono ripetitivo ... ma ... SIAMO ALLA
        FRUTTA un'altra volta!

        Una ragazzina che si suicida, un'altra che
        viene processata per cracking, ma dico io quanto
        siamo ridotti male?

        Iniziamo a mandare in carcere e a rovinare la
        vita (300 mila dollari di debito te la rovina la vita)
        chiunque XXXXXX contro vento, sputa la gomma sul
        marciapiede e butta il biglietto del tram per strada?

        E' la società che va a rotoli e non se ne assume le responsabilità !
        La colpa ? Sempre sui soliti capri espiatori!anzitutto la vittima una era una ragazzina malata di nervi, ma l'altra era una donna adulta ed essendo vicina di casa forse lo sapeva.300mila dollari le rovinano la vita? non va in galera perché il delitto è colposo, ma una riparazione ci deve essere.
  • 3my78 scrive:
    azzz
    Questa notizia è allarmante.Spero cje la pena sia più pesante di quella richiesta...http://3my78.blogspot.com/
    • u567u788uz scrive:
      Re: azzz
      - Scritto da: 3my78
      Questa notizia è allarmante.
      Spero cje la pena sia più pesante di quella
      richiesta...

      http://3my78.blogspot.com/Che membro eretto c'entra il link merdoso ?
Chiudi i commenti