Pubblicità ingannevole, iter troppo lungo?

Secondo i consumatori, l'obbligo dell'Antitrust di chiedere un parere all'Agcom diluisce inutilmente i tempi procedurali

Roma – La pubblicità ingannevole preoccupa i consumatori, soprattutto per la lunghezza dei tempi necessari alle istruttorie, ritenuti eccessivamente lunghi da Codacons , Lega Consumatori e Adusbef , che per questo argomento si sono rivolte alle Authority competenti confidando di ricevere attenzione.

Le associazioni hanno scritto infatti ai Presidenti di Antitrust e Agcom formulando una richiesta precisa: l’abrogazione delle disposizioni previste dall’art. 26, comma 5, del Codice del Consumo (Decreto Legislativo 206/2005) e dell’art. 12, commi 3 e 4, del DPR 284/2003 (Procedure istruttorie dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato in materia di pubblicità ingannevole e comparativa).

Secondo quanto previsto dalla citata normativa, nell’ambito dei procedimenti relativi a fattispecie di presunte pubblicità ingannevoli, il Garante per la Concorrenza è tenuto a chiedere il parere dall’Authority delle Comunicazioni quando la reclamizzazione viene effettuata attraverso i media. Un passaggio che, secondo le associazioni, si traduce in un considerevole allungamento dei tempi delle istruttorie: “Si è rilevato, in particolare, che ben nel 30% circa dei procedimenti AGCM degli ultimi sei mesi (per i quali era prescritto anche il parere AGCOM) i pareri espressi dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni non sono stati affatto coincidenti con l’opinione dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, e ciò non ha fortunatamente influenzato l’esito finale del procedimento in Antitrust”.

In sostanza il parere di AGCOM, non ritenuto vincolante, è rimasto inascoltato in non pochi casi, al punto che le organizzazioni di difesa del consumo evidenziano la presunta inutilità dell’obbligo di ricorrervi. Inoltre, sottolineano, durante l’estate nel 90% dei casi il parere AGCOM non è mai pervenuto entro i 30 giorni previsti dalla normativa.

“Lega Consumatori, Codacons ed Adusbef – riferiscono – al fine di una migliore e più tempestiva tutela dei consumatori ed anche di un risparmio delle risorse a disposizione delle Autorità Amministrative Indipendenti interessate, porteranno avanti in tutte le sedi, politiche e istituzionali, la campagna per l’abrogazione della richiesta obbligatoria di parere dell’Antitrust, in materia di pubblicità ingannevole, all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni”.

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti