Qatar, nuvole artificiali per la Coppa del Mondo

Il piccolo emirato arabo si prepara a sfoggiare tecnologie all'avanguardia in tempo per la Coppa del Mondo di calcio del 2022. Gli stadi verranno raffreddati con nuvole artificiali ripiene di elio

Roma – Alla tornata finale della Coppa del Mondo del Qatar mancano ancora 11 anni, ma il piccolo emirato prospiciente il Golfo Persico intende prepararsi in tempo con tanto di tecnologie hi-tech per l’abbattimento delle caldissime temperature tipiche della stagione estiva. I campi per le partite e gli allenamenti verranno ricoperti da vere e proprie “nuvole artificiali” , promettono i ricercatori dell’Università del Qatar.

Le nuvole “robotiche” su cui sono al lavoro il dottor Saud Ghani e colleghi sono composte da parallelepipedi in fibra di carbonio e pannelli solari, ripieni di elio e in grado di tenere traccia della posizione del Sole così da proiettare un’ombra refrigerante laddove opportuno.

Il professor Ghani dice che l’impiego delle nuvole artificiali potrebbe aiutare a raffreddare le alte temperature del Qatar di almeno 10 gradi , e sarebbero altresì utili ai fini della sicurezza degli stadi, per le comunicazioni radio e per fornire una vista mozzafiato agli occhi televisivi che saranno puntati sullo show sportivo.

Ogni nuvola artificiale dovrebbe costare un minimo di 500mila dollari, stima Ghani: la tecnologia ha già superato la fase progettuale, e gli ingegneri del Qatar pianificano la realizzazione di un mini-prototipo di 4 metri per 3 come test ultimo della validità dell’idea.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Hiperlon scrive:
    Curioso che l'autore si faccia pagare,
    però."You may purchase this paper on-line in .pdf format from SSRN.com ($5) for electronic delivery".http://papers.nber.org/papers/w16882
    • 0110 scrive:
      Re: Curioso che l'autore si faccia pagare,
      - Scritto da: Hiperlon
      però.
      "You may purchase this paper on-line in .pdf
      format from SSRN.com ($5) for electronic
      delivery".
      http://papers.nber.org/papers/w16882You should expect a free download if you are a subscriber, a corporate associate of the NBER, a journalist, an employee of the U.S. federal government with a ".GOV" domain name, or a resident of nearly any developing country or transition economy.
  • allora scrive:
    ve riempite la bocca de paroloni
    "I signori del copyright", "assiomi", adesso metto punto informatico dentro un bel frame e ci guadagno con la pubblcita' poi ditemi chi sono sti signori del copyright, buffoni
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: ve riempite la bocca de paroloni
      Per la cronaca, ce ne sono parecchi di siti così (cerca un qualsiasi articolo di PI con google, se non ci credi). Uno in più non cambierebbe un granchè.
    • coeno scrive:
      Re: ve riempite la bocca de paroloni
      Così quando se ne accorgono o qualcuno si scoccia di tollerare il tuo "furto di articoli" ti becchi una bella denuncia e poi ti metti a piangere.Fortuna che siamo in italia, negli USA o paghi o vai in galera, e sarebbe meglio che anche il popolo italiano scroccone avesse una strigliata, come si fa con i poveri cavalli.
      • panda rossa scrive:
        Re: ve riempite la bocca de paroloni
        - Scritto da: coeno
        Così quando se ne accorgono o qualcuno si scoccia
        di tollerare il tuo "furto di articoli" ti becchi
        una bella denuncia e poi ti metti a
        piangere.O a ridere, a seconda se c'e' o non c'e' rogatoria internazionale ed estradizione per queste quisquillie.
        Fortuna che siamo in italia, negli USA o paghi o
        vai in galera, e sarebbe meglio che anche il
        popolo italiano scroccone avesse una strigliata,
        come si fa con i poveri cavalli.A cominciare da te.
  • MeX scrive:
    è vero anzi...
    il P2P stimola la creatività a livello individuale!Con niente hai acXXXXX a softwares e tecnologie da migliaia di euro, hai in punta di dita tutta la musica da cui prendere ispirazione, creare, modificare, reinventare..."Ovvero che il file sharing e il P2P uccidono la creatività degli artisti, azzerando le loro possibilità di vivere facendo musica. "però non capisco il nesso tra creatività e "possibilità di vivere facendo musica" ecco questo mi sfugge...
    • Sgabbio scrive:
      Re: è vero anzi...
      errore di traduzione ? Comunque il p2p permette anche si sgamare subito certe porcherie spacciate per capolavori :D
      • MeX scrive:
        Re: è vero anzi...
        capolavori non vedo da un po' da quando il P2P impazza
        • Market scrive:
          Re: è vero anzi...
          io si ma sono gusti, probabilmente prima eri più giovane e apprezzavi di più la musica. E la musica è legata alle emozioni quindi...è per questo che esiste la frase "non le fanno più come una volta".
          • MeX scrive:
            Re: è vero anzi...
            sicuramente questo influisce, sto invecchiando :(
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: Market
            io si ma sono gusti, probabilmente prima eri più
            giovane e apprezzavi di più la musica. E la
            musica è legata alle emozioni quindi...è per
            questo che esiste la frase "non le fanno più come
            una
            volta".Quoto.Lo si diceva già ai tempi del vinile. In realtà, i critici musicali lo hanno sempre detto.Ognuno apprezza di più la musica che sentiva da ragazzino. Tra qualche anno, magari ci sarà chi dice "eh, i Tokio Hotel sì che sapevano suonare.... adesso non c'è più nessuno così bravo"
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Tra qualche anno, magari ci sarà chi
            dice "eh, i Tokio Hotel sì che sapevano
            suonare.... adesso non c'è più nessuno così
            bravo"[img]http://hotlard.files.wordpress.com/2007/08/puke-01.jpg[/img]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 marzo 2011 23.08-----------------------------------------------------------
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: è vero anzi...
            Se non lo ammazzo io prima! :-)
        • ciccio quanta ciccia scrive:
          Re: è vero anzi...
          Non è legato al p2p ma alla forte massificazione e spinta al consumismo... è come la produzione industriale di massa... è chiaro che almeno in una certa misura la qualità tende a calare ma qui si parla di creatività artistica (e di gusti personali....). Magari è dovuto anche al fatto che vivendo in una società del genere e con cattivi esempi in giro non ci sia terreno molto fertile per le grandi opere ma è anche vero che l'ispirazione o ce l'hai o non ce l'hai... quella è gratis. Gli artisti validi ci sono, magari non tutti hanno visibilità pure avendo più possibilità di essere noti che non 20 o 30 anni fa... solo che se i n.1 su YouTube o in classifica sono gli idoli dei bimbimikia tu puoi essere l'incrocio vivente tra Beethoven, Mozart, Jimi Hendrix, Elton John e i Pink Floyd ma sarai relegato in secondo piano...e forse è sempre stato così... le canzonette c'erano pure 50, 60 e passa anni fa.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: è vero anzi...
      - Scritto da: MeX
      il P2P stimola la creatività a livello
      individuale!
      Con niente hai acXXXXX a softwares e tecnologie
      da migliaia di euro, hai in punta di dita tutta
      la musica da cui prendere ispirazione, creare,
      modificare,
      reinventare...WOW! Per una volta, sono d'accordo con te. Quoto ogni parola.

      "Ovvero che il file sharing e il P2P uccidono la
      creatività degli artisti, azzerando le loro
      possibilità di vivere facendo musica.
      "

      però non capisco il nesso tra creatività e
      "possibilità di vivere facendo musica" ecco
      questo mi
      sfugge...Infatti, il p2p probabilmente distrugge (o almeno riduce) la possibilità di vivere facendo musica. Ma questo non è un problema.A noi utenti può interessare che la creatività prosegua; ma non ci serve affatto che qualcuno possa vivere facendo musica. Perchè dovrebbe?Se la creazione di nuova musica prosegue, e la nuova musica finisce subito sul p2p, è un vantaggio per tutti.Se nessuno vivrà più facendo musica, che problema c'è? Non c'è più nessuno che vive vendendo ghiaccio, o vendendo tizzoni di brace per accendere il fuoco, e si sta benissimo senza. Staremo benissimo anche senza nessuno che vive facendo musica. Quindi, perchè mai dovremmo cercare di mantenere la possibilità di vivere facendo musica? La togliamo, e fine della storia.
      • coeno scrive:
        Re: è vero anzi...
        Bene, così la musica del futuro sarà fatta dai ragazzini nelle loro camerette con software pirata.Addio a cantanti professionisti, DeeJay, musicisti vari, rocchettari, case discografiche , negozi di strumenti musicali. La musica diventa un hobby.Tutto queste idiozie perchè non vuoi pagare per il lavoro di qualcuno, ti rendi conto?Che lavoro fai tu? o sei un bimbetto del liceo?
        • Beppe scrive:
          Re: è vero anzi...
          perché?mica sarebbero aboliti i concerti, le serate, la promozione della musica e l'organizzazione dei tour, le mani per suonare strumenti fisici.
        • panda rossa scrive:
          Re: è vero anzi...
          - Scritto da: coeno
          Bene, così la musica del futuro sarà fatta dai
          ragazzini nelle loro camerette con software
          pirata.
          Addio a cantanti professionisti, DeeJay,
          musicisti vari, rocchettari, case discografiche ,
          negozi di strumenti musicali. La musica diventa
          un
          hobby.Benissimo, e quindi?
          Tutto queste idiozie perchè non vuoi pagare per
          il lavoro di qualcuno, ti rendi conto?Io il lavoro della gente lo pago: quando vado ad un concerto pago il biglietto, quando vado in un locale con un dj, pago l'ingresso.Il lavoro che la gente fa per me, lo pago piu' che volentieri.
          Che lavoro fai tu? o sei un bimbetto del liceo?Io faccio il programmatore, e nel mio tempo libero sviluppo software open source che rilascio liberamente.Tu invece che lavoro fai, sempre ammesso che si possa chiamare "lavoro"?
        • Hiperlon scrive:
          Re: è vero anzi...
          - Scritto da: coeno non vuoi pagare per
          il lavoro di qualcuno, ti rendi
          conto?

          Che lavoro fai tu? o sei un bimbetto del liceo?No, biXXXXX insiema ad altri permanentemente qui su PI, è il loro "lavoro"!!!Almeno facessero il partito pirata!Ma con frasi simili:"Se nessuno vivrà più facendo musica, che problema c'è? Non c'è più nessuno che vive vendendo ghiaccio..."Come puoi pensare che qualcuno nel mondo reale li prenderebbe sul serio?
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: Hiperlon
            - Scritto da: coeno
            non vuoi pagare per

            il lavoro di qualcuno, ti rendi

            conto?



            Che lavoro fai tu? o sei un bimbetto del liceo?
            No, biXXXXX insiema ad altri permanentemente qui
            su PI, è il loro
            "lavoro"!!!Sempre meglio che spazzare il pavimento di una videoteca in attesa di clienti che non entreranno mai piu'.
            Almeno facessero il partito pirata!Che ne sai che non lo facciamo?
            Ma con frasi simili:"Se nessuno vivrà più facendo
            musica, che problema c'è? Non c'è più nessuno che
            vive vendendo ghiaccio..."Liberissimo di vendere ghiaccio.Basta che non te la prendi con chi ha un frigorifero in casa.
            Come puoi pensare che qualcuno nel mondo reale li
            prenderebbe sul serio?Quindi se nessuno del mondo reale ci da' seguito, di che ti preoccupi?
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Hiperlon

            - Scritto da: coeno

            Ma con frasi simili:"Se nessuno vivrà più
            facendo

            musica, che problema c'è? Non c'è più nessuno
            che

            vive vendendo ghiaccio..."

            Liberissimo di vendere ghiaccio.
            Basta che non te la prendi con chi ha un
            frigorifero in
            casa.Io non me la prendo con chi si produce il SUO ghiaccio, ma con chi frega il MIO!
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            Io non me la prendo con chi si produce il SUO
            ghiaccio, ma con chi frega il
            MIO!Puoi distinguere il tuo ghiaccio da quello che faccio da me?
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO


            Io non me la prendo con chi si produce il SUO

            ghiaccio, ma con chi frega il

            MIO!

            Puoi distinguere il tuo ghiaccio da quello che
            faccio da
            me?si
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pippO




            Io non me la prendo con chi si produce il SUO


            ghiaccio, ma con chi frega il


            MIO!



            Puoi distinguere il tuo ghiaccio da quello che

            faccio da

            me?
            siAllora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.Quindi stai commettendo una frode alimentare.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: pippO






            Io non me la prendo con chi si produce il
            SUO



            ghiaccio, ma con chi frega il



            MIO!





            Puoi distinguere il tuo ghiaccio da quello che


            faccio da


            me?

            si

            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.
            Quindi stai commettendo una frode alimentare.No, tu NON lo produci, quindi se hai del ghiaccio è sicuramente il MIO!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...


            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.

            Quindi stai commettendo una frode alimentare.
            No, tu NON lo produci, quindi se hai del ghiaccio
            è sicuramente il
            MIO!Certo che lo produce, con il freezer.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.


            Quindi stai commettendo una frode alimentare.

            No, tu NON lo produci, quindi se hai del
            ghiaccio

            è sicuramente il

            MIO!

            Certo che lo produce, con il freezer.Quello dove tu tieni in cervello? :D
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.


            Quindi stai commettendo una frode alimentare.

            No, tu NON lo produci, quindi se hai del
            ghiaccio

            è sicuramente il

            MIO!

            Certo che lo produce, con il freezer.Lo stesso con cui produce musica? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: uno qualsiasi



            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.



            Quindi stai commettendo una frode
            alimentare.


            No, tu NON lo produci, quindi se hai del

            ghiaccio


            è sicuramente il


            MIO!



            Certo che lo produce, con il freezer.
            Lo stesso con cui produce musica? :DLa musica non e' prodotta, ma riprodotta.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: uno qualsiasi




            Allora vuol dire che il tuo non e'
            ghiaccio.




            Quindi stai commettendo una frode

            alimentare.



            No, tu NON lo produci, quindi se hai del


            ghiaccio



            è sicuramente il



            MIO!





            Certo che lo produce, con il freezer.

            Lo stesso con cui produce musica? :D

            La musica non e' prodotta, ma riprodotta.Ho provato, ma nel freezer non trovo tracce di compositori ne di musicisti, devo chiamare csi? :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...


            La musica non e' prodotta, ma riprodotta.
            Ho provato, ma nel freezer non trovo tracce di
            compositori ne di musicistiGuarda caso, non ce ne sono nemmeno nel masterizzatore.E visto che non ce ne sono, non hanno bisogno di mangiare.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi


            La musica non e' prodotta, ma riprodotta.

            Ho provato, ma nel freezer non trovo tracce di

            compositori ne di musicisti

            Guarda caso, non ce ne sono nemmeno nel
            masterizzatore.Bello qesto "masterizzatore", dal nulla crea la musica, ma come funziona, usa principi quantistici? :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...

            Bello qesto "masterizzatore", dal nulla crea la
            musica, ma come funziona, usa principi
            quantistici?
            :DLa crea da una copia. Semplice.E riesce a crearla anche se il musicista è sottoterra da secoli.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Bello qesto "masterizzatore", dal nulla crea la

            musica, ma come funziona, usa principi

            quantistici?

            :D

            La crea da una copia. Semplice.

            E riesce a crearla anche se il musicista è
            sottoterra da
            secoli.Sedute spiritiche quindi?Elementare...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...




            Certo che lo produce, con il freezer.
            Lo stesso con cui produce musica? :DLa musica (o meglio, le copie della musica) si fanno con il pc. Banalmente.Non serve più il distributore che faccia le copie e le venda. Quindi, le copie sono gratuite.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi





            Certo che lo produce, con il freezer.

            Lo stesso con cui produce musica? :D

            La musica (o meglio, le copie della musica) si
            fanno con il pc.strano, pensavo servissero musicisti...
          • krane scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: uno qualsiasi



            Certo che lo produce, con il freezer.


            Lo stesso con cui produce musica? :D

            La musica (o meglio, le copie della musica) si

            fanno con il pc.
            strano, pensavo servissero musicisti...Quello era tanto tempo fa, prima dei fonografi e dei mezzi di riproduzione.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: uno qualsiasi







            Certo che lo produce, con il freezer.


            Lo stesso con cui produce musica? :D



            La musica ( o meglio, le copie della musica ) si

            fanno con il pc.
            strano, pensavo servissero musicisti...Sai leggere? servono i musicisti per fare le copie? Strano... quanto sono piccoli, i musicisti, per stare dentro a un masterizzatore?
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: uno qualsiasi









            Certo che lo produce, con il freezer.



            Lo stesso con cui produce musica? :D





            La musica ( o meglio, le copie della
            musica )
            si


            fanno con il pc.



            strano, pensavo servissero musicisti...

            Sai leggere? servono i musicisti per fare le
            copie? Strano... quanto sono piccoli, i
            musicisti, per stare dentro a un
            masterizzatore?Saranno cinesi.Sul mio c'e' scritto made in china.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: uno qualsiasi









            Certo che lo produce, con il freezer.



            Lo stesso con cui produce musica? :D





            La musica ( o meglio, le copie della
            musica )
            si


            fanno con il pc.



            strano, pensavo servissero musicisti...

            Sai leggere?La parte prima di "copie della musica" non l'hai scritta tu?E cosa copi, se nessuno farà più originali? :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...

            La parte prima di "copie della musica" non l'hai
            scritta
            tu?
            E cosa copi, se nessuno farà più originali? :DCopio le copie fatte da altri. Non mi servono gli originali.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: uno qualsiasi

            La parte prima di "copie della musica" non l'hai

            scritta

            tu?

            E cosa copi, se nessuno farà più originali? :D

            Copio le copie fatte da altri. Non mi servono gli
            originali.A te no di sicuro, sappiamo la tua allergia al materiale PAGATO, ma il pirata alfa, il primo, colui che da, dovrà pur (oddio) COMPRARLA la prima copia :D
          • krane scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: uno qualsiasi


            La parte prima di "copie della musica" non
            l'hai


            scritta


            tu?


            E cosa copi, se nessuno farà più originali? :D



            Copio le copie fatte da altri. Non mi servono
            gli

            originali.
            A te no di sicuro, sappiamo la tua allergia al
            materiale PAGATO, ma il pirata alfa, il primo,
            colui che da, dovrà pur (oddio) COMPRARLA la
            prima copia
            :DE allora, che problema c'e' ? Si son sempre passate le cassette agli amici...
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: uno qualsiasi


            Copio le copie fatte da altri. Non mi servono

            gli


            originali.

            A te no di sicuro, sappiamo la tua allergia al

            materiale PAGATO, ma il pirata alfa, il primo,

            colui che da, dovrà pur (oddio) COMPRARLA la

            prima copia

            :D

            E allora, che problema c'e' ? Si son sempre
            passate le cassette agli
            amici...E grazie al mulo hai "amici" in tutto il mondo :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...


            E allora, che problema c'e' ? Si son sempre

            passate le cassette agli

            amici...
            E grazie al mulo hai "amici" in tutto il mondo :DÈ a quello che serve.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è vero anzi...

            A te no di sicuro, sappiamo la tua allergia al
            materiale PAGATO, ma il pirata alfa, il primo,
            colui che da, dovrà pur (oddio) COMPRARLA la
            prima copia
            :DE allora che problema c'è? Il primo ti ha PAGATO, per quella copia. Quella copia ora è sua, e può farne cosa vuole.Tu sei stato pagato per il tuo lavoro, e quindi sei a postoCosa? Hai venduto la prima copia a 10 euro, quando a te era costata milioni? BRAVO C0GL1ONE! Se hai venduto sottocosto, e poi ti lamenti che non rientri delle spese, sei tu che sei stupido, non sono gli altri che ti derubano.
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO
            La parte prima di "copie della musica" non l'hai
            scritta
            tu?Forse no, ma l'avra' pagata, o l'avra' ottenuta da qualcuno che l'ha pagata.
            E cosa copi, se nessuno farà più originali? :DNo, se lui copia, TU non farai piu' originali, ed e' una perdita che possiamo accettare.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO


            La parte prima di "copie della musica" non l'hai

            scritta

            tu?

            Forse no, ma l'avra' pagata, o l'avra' ottenuta
            da qualcuno che l'ha
            pagata.


            E cosa copi, se nessuno farà più originali? :D

            No, se lui copia, TU non farai piu' originali, ed
            e' una perdita che possiamo
            accettare.TU puoi accettare, parla per TE!
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO

            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.

            Quindi stai commettendo una frode alimentare.
            No, tu NON lo produci, quindi se hai del ghiaccio
            è sicuramente il
            MIO!Va bene.Ammettiamo pure che tu sei il padrone del ghiaccio e che tutto il ghiaccio esistente e' tuo.Io ho casualmente del ghiaccio in casa mia.Ghiaccio che non vendo, ma che tengo per mio uso e consumo, tanto per chiarire.Tu non mi hai visto prendere del ghiaccio dal tuo deposito, ne' dal tuo deposito mancano cubetti.Tuttavia, sulla base del fatto che tu sei l'unico padrone del ghiaccio, chiedi la mia condanna.Andiamo dal giudice, e io dico al giudice che quel ghiaccio che io ho, e' caduto dal cielo.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO



            Allora vuol dire che il tuo non e' ghiaccio.


            Quindi stai commettendo una frode alimentare.

            No, tu NON lo produci, quindi se hai del
            ghiaccio

            è sicuramente il

            MIO!

            Va bene.
            Ammettiamo pure che tu sei il padrone del
            ghiaccio e che tutto il ghiaccio esistente e'
            tuo.

            Io ho casualmente del ghiaccio in casa mia.
            Ghiaccio che non vendo, ma che tengo per mio uso
            e consumo, tanto per
            chiarire.

            Tu non mi hai visto prendere del ghiaccio dal tuo
            deposito, ne' dal tuo deposito mancano
            cubetti.

            Tuttavia, sulla base del fatto che tu sei l'unico
            padrone del ghiaccio, chiedi la mia
            condanna.

            Andiamo dal giudice, e io dico al giudice che
            quel ghiaccio che io ho, e' caduto dal
            cielo.Andiamoci pure, vediamo se ti crede...
          • panda rossa scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: pippO

            Andiamo dal giudice, e io dico al giudice che

            quel ghiaccio che io ho, e' caduto dal

            cielo.
            Andiamoci pure, vediamo se ti crede...Perche' non dovrebbe: ieri grandinava.
          • pippO scrive:
            Re: è vero anzi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO


            Andiamo dal giudice, e io dico al giudice che


            quel ghiaccio che io ho, e' caduto dal


            cielo.

            Andiamoci pure, vediamo se ti crede...

            Perche' non dovrebbe: ieri grandinava.a cubetti?
        • 0110 scrive:
          Re: è vero anzi...
          - Scritto da: coeno
          Bene, così la musica del futuro sarà fatta dai
          ragazzini nelle loro camerette con software
          pirata.
          Addio a cantanti professionisti, DeeJay,
          musicisti vari, rocchettari, case discografiche ,
          negozi di strumenti musicali. La musica diventa
          un
          hobby.Addio a compilation con 15 brani già venduti 3 volte e un inedito.Addio a cd con 7 canzoni di cui 5 orride e 2 degne.Addio a cd di cover, cd live con gli stessi arrangiamenti dei cd in studio, cd di cover degli stessi brani.Addio a cd deluxe e normali.Addio!!!!Tutto questo è già stato annientato dalla vendita legale dei singoli su iTunes eppure i cantanti non sono andati in rovina anzi molti hanno un tenore di vita molto molto elevato.Suvvia!!!!!!!!!Una bella patrimoniale al 10% sulle cifre frutto di diritti d'autore!!!!!!!!!

          Tutto queste idiozie perchè non vuoi pagare per
          il lavoro di qualcuno, ti rendi
          conto?

          Che lavoro fai tu? o sei un bimbetto del liceo?
  • DJ PRODUTTORE scrive:
    ANCHE NO..
    Sono un Musicista, dj e produttore Italiano ..in passato ho fatto i miei dischi, le mie serate..tutto in in modo molto professionale...visto che era il mio unico lavoro..e a fine mese ci arrivavo e come.Poi vene il gelo..uscirono i lettori cdj e contemporaneamente la musica a fiumi a gratisse su internet...tutti i dj scaricavano e masterzzavano,insomma senza farla lunga e saltando infiniti passaggi..le label non hanno più stampato dischi vinili..era il 2004..2005. Molti dj produttori sono letteralmente scomparsi nel giro di un anno..ne sono usciti altridi dubbia qualità e musicalità..figli di software di produzione a sua volta scaricati e craccati.Nacquero i produttori amatoriali che ammazzarono a sua volta il mondo dei dj produttori seri..cioè quelli che come me in passato si sono dissanguati facendo prestiti e finanziamenti per farsi uno studio di registrazione con macchine e sintetizzatori costosti, creare uno staff di persone nelle serate, creare siti internet e forum di fans, creare un mondo.Negli ultimi tempi io e colleghi prendevamo 60 euro in media di siae ..per dischi da migliaia di copie. Con tutta la buona volontà e il credo nella Musica..ma le bollette e gli affitti dei locali..ecc ecc..non possono essere pagati con credo e magia.Adesso mi occupo di altro..come tanti altri. Quindi Joel Waldfogel o è pagato per dire cakkiate o vive in un mondo tutto suo, ha detto tutto l'esatto contrario, la pirateria ammazza e come la creatività!!!!Ma come si fa ad affermare una minki@ta così colossale?!
    • Fabrizio scrive:
      Re: ANCHE NO..
      Secondo me, con tutto rispetto, le state sparando un po' troppo grosse.Caro Dj Produttore, come mai ci sono tanti DJ in giro che continuano a campare egregiamente e senza troppa fatica?Rispondi a questa semplice domanda, per cortesia.
      • Cane fesso scrive:
        Re: ANCHE NO..
        E' INNEGABILE che se trovo una cosa gratis, qualunque essa sia, digitale o non, NON la comprerò mai, è nella natura animale d avendola già che senso avrebbe?Se programmi, giochi musica e video sono gratis, NON li compro a meno che non sia un collezionista.Quindi il discorso è chiaro: è bello e fa comodo scaricare tutto gratis ed a manetta, ed appena qualcuno critica o lo fa notare, tutti ad attaccare con assurdità epocali.Chiaramente, se anche tu/voi mangiaste con vostre opere ( libri, musica, film, software ecc ) ed il XXXXX di turno lo ottiene gratis con un bel sorriso idiota sulla faccia, la faccenda farebbe girare le palle anche a te. E per la cronaca, chi compra originale semplicemente o ha soldi e si scoccia di scaricarlo a internet, o si trova "nel momento" in un centro commerciale e fa la "follia" di prenderlo originale, o semplicemente non sa come ottenerlo pirata.
        • arioch scrive:
          Re: ANCHE NO..
          - Scritto da: Cane fesso
          E per la cronaca, chi compra originale
          semplicemente o ha soldi e si scoccia di
          scaricarlo a internet, o si trova "nel momento"
          in un centro commerciale e fa la "follia" di
          prenderlo originale, o semplicemente non sa come
          ottenerlo
          pirata.o e' semplicemente onesto e paga per qualcosa per la quale qualcun altro ha lavorato, parola che molti sembrano non concepire
        • ruppolo scrive:
          Re: ANCHE NO..
          - Scritto da: Cane fesso
          E per la cronaca, chi compra originale
          semplicemente o ha soldi e si scoccia di
          scaricarlo a internet, o si trova "nel momento"
          in un centro commerciale e fa la "follia" di
          prenderlo originale, o semplicemente non sa come
          ottenerlo
          pirata.Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno per l'anticamera del cervello, vero?
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno per
            l'anticamera del cervello, vero?Intendi dire che ti senti un disonesto per tutti i risultati matematici e scientifici che indirettamente tutti noi sfruttiamo continuamente nella nostra vita e che non sono mai stati pagati ai loro scopritori, dato che non possono essere sottoposti a copyright?
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno per

            l'anticamera del cervello, vero?

            Intendi dire che ti senti un disonesto per tutti
            i risultati matematici e scientifici che
            indirettamente tutti noi sfruttiamo continuamente
            nella nostra vita e che non sono mai stati pagati
            ai loro scopritori, dato che non possono essere
            sottoposti a
            copyright?si' intende dire questo...intende dire che il percoso dell'umanita' e del progresso deve essere fermato affinche' la star di turno possa comprare in pace l'ultimo modello di Ferrari disponibile e non il penultimo...!!!Ed intende dire che dato che il p2p esiste da almeno 10 anni...!!! dal 2001 la pirateria ormai ha fatto talmente tanti danni che tutti i produttori e gli artisti stanno a chiedere l'elemosina per strada...le industrie cinematografiche e musicali sono ormai sparite da almeno 5 anni...come tutti sanno...in accordo alle piu' che esatte stime di quelli che un tempo furono gli integralisti delle licenzine...e che ora come affermato da videotechini...apple fan...e compagnia bella si sono tragicamente estinti...hanno dovuto mettere all'asta ville miliardarie... e colini del the' di platino per pagarsi i debiti...!!! poveri...poveri...produttori...!!!poveri...poveri...artisti!!!!!...poverino l'altro giorno ne' ho visto uno che chiedeva un panzerotto al pomodoro!!! "vi prego sono due giorni che non mangio a causa del p2p maledetto...fatemi la carita'...compratevi il mio ultimo cd o almeno un panzerotto al pomodoro....!!!"(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Cane fesso scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Invidioso a morte della star con i soldi, vero? Quindi non compri musica e film perchè sono troppo ricche e tu sei povero.Il tuo ragionamento è quello di un bimbo di 8 anni, il bello è che ci credi in quello che scrivi.Quando sarai + grande capirai :) Ora scarica, non pagare, ruba e divertiti, il danno lo fai ad altri ( ricchi sfondati o meno, non sei obbligato a comprare ), un domani la nuova generazione lo farà a te quando avrai 2 figli e un bel mutuo da pagare :D
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Cane fesso
            Invidioso a morte della star con i soldi, vero?
            Quindi non compri musica e film perchè sono
            troppo ricche e tu sei
            povero.
            Vedo che non hai capito proprio un bel niente del mio ragionamento...allora punto uno...prima che facessero causa a mamma Jamie...andavo al cinema almeno due volte al mese...ed andavo anche ai concerti..ora non ci vado piu' per protesta... punto 2 io ho stima e rispetto per i creativi...ma odio l'avidita' e le licenzine del cavolo perche' limitano la diffusione della cultura ai meno fortunati...punto3..parlo di Ferrari e case lussuose non perche' io sia invidioso...ma per contestare la vostra assurda teoria secondo cui il p2p avrebbe portato gli artisti alla poverta'...e' una enorme idiozia...!!!Ed il tuo ragionamento sull'invidia...fa capire quanto in realta' sia tu il bimbetto...capriccioso...che pensa che una persona sia invidiosa solo perche' fa una osservazione leggittima sui presunti danni che la pirateria avrebbe fatto ai nostri artisti...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: Cane fesso

            Invidioso a morte della star con i soldi, vero?

            Quindi non compri musica e film perchè sono

            troppo ricche e tu sei

            povero.



            Vedo che non hai capito proprio un bel niente del
            mio ragionamento...Ha capito eccome!
            allora punto uno...prima che
            facessero causa a mamma Jamie...andavo al cinema
            almeno due volte al mese...ed andavo anche ai
            concerti..ora non ci vado piu' per protesta...Ottimo.
            punto 2 io ho stima e rispetto per i
            creativi...ma odio l'avidita' e le licenzine del
            cavolo perche' limitano la diffusione della
            cultura ai meno
            fortunati...E allora che cavolo di rispetto è? Mi sembra solo un discorso di comodo!
            punto3..parlo di Ferrari e case lussuose non
            perche' io sia invidioso...ma per contestare la
            vostra assurda teoria secondo cui il p2p avrebbe
            portato gli artisti alla poverta'...e' una enorme
            idiozia...!!!Quindi a uno che guadagna 15 euro l'anno possiamo rubargli 500 euro, mica diventa povero, no?Non vedo rispetto per il prossimo nel fargli i conti in tasca.Al massimo ci vedo meschina invidia.
            Ed il tuo ragionamento sull'invidia...fa capire
            quanto in realta' sia tu il
            bimbetto...capriccioso...che pensa che una
            persona sia invidiosa solo perche' fa una
            osservazione leggittima sui presunti danni che la
            pirateria avrebbe fatto ai nostri
            artisti...Certo che sei bambino. Solo un bambino pensa di poter stabilire quanto gli altri abbiano diritto ad aver fortuna.
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Ora scarica, non pagare, ruba e divertiti, ilChi scarica non ruba e accusarlo di tale reato è diffamatorio.
          • krane scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: 0110

            Ora scarica, non pagare, ruba e divertiti, il

            Chi scarica non ruba e accusarlo di tale reato è
            diffamatorio.Effettivamente sarebbe ora di iniziare a segnalare alla redazione tutti questi post diffamatori.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 0110


            Ora scarica, non pagare, ruba e divertiti, il



            Chi scarica non ruba e accusarlo di tale reato è

            diffamatorio.

            Effettivamente sarebbe ora di iniziare a
            segnalare alla redazione tutti questi post
            diffamatori.E abbassarci cosi' al loro livello di censori oscurantisti?No. Meglio mettersi a rispondere a tono ogni volta anche per correttezza nei confronti del lettore casuale che cosi' ha tutti gli elementi per riconoscere il prevaricatore diffamante dalle persone serie.
          • krane scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 0110



            Ora scarica, non pagare, ruba e divertiti,
            il





            Chi scarica non ruba e accusarlo di tale
            reato
            è


            diffamatorio.



            Effettivamente sarebbe ora di iniziare a

            segnalare alla redazione tutti questi post

            diffamatori.

            E abbassarci cosi' al loro livello di censori
            oscurantisti?

            No.
            Meglio mettersi a rispondere a tono ogni volta
            anche per correttezza nei confronti del lettore
            casuale che cosi' ha tutti gli elementi per
            riconoscere il prevaricatore diffamante dalle
            persone serie.Capisco ma io mi sono un po' rotto...
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 0110



            Ora scarica, non pagare, ruba e divertiti,
            il





            Chi scarica non ruba e accusarlo di tale
            reato
            è


            diffamatorio.



            Effettivamente sarebbe ora di iniziare a

            segnalare alla redazione tutti questi post

            diffamatori.

            E abbassarci cosi' al loro livello di censori
            oscurantisti?

            No. Infatti..concordo...anche se offendono e dicono idiozie...la censura e' da evitare...(P.s.Punto-informatico un'oretta fa mi ha censurato un post che parlava della trovata bigotta di vietare i massaggi in Portogallo...postato nell'articolo dedicato a Copyright e Vaticano...non dico che non fosse leggermente off-topic ma si stava parlando di bigottismo e del legame fra copyright e diffusione della cultura bigotta...quindi secondo me non meritava di essere cancellato...)
            Meglio mettersi a rispondere a tono ogni volta
            anche per correttezza nei confronti del lettore
            casuale che cosi' ha tutti gli elementi per
            riconoscere il prevaricatore diffamante dalle
            persone
            serie.esatto concordo perfettamente con te...Usenet e la maggior parte dei newsgroup sono basati su questo principio...e nonostante questo c'e' solo qualche flames ogni tanto...dove chi e' il diffamatore e chi e' il diffamato appare chiaro...senza moderatori...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


            Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno
            per


            l'anticamera del cervello, vero?



            Intendi dire che ti senti un disonesto per tutti

            i risultati matematici e scientifici che

            indirettamente tutti noi sfruttiamo
            continuamente

            nella nostra vita e che non sono mai stati
            pagati

            ai loro scopritori, dato che non possono essere

            sottoposti a

            copyright?

            si' intende dire questo...intende dire che il
            percoso dell'umanita' e del progresso deve essere
            fermato affinche' la star di turno possa comprare
            in pace l'ultimo modello di Ferrari disponibile e
            non il
            penultimo...!!!Qui non si parla di progresso, ma della mera comodità di avere quel brano dove si vuole quando si vuole.La radio non si è estinta!
            Ed intende dire che dato che il p2p esiste da
            almeno 10 anni...!!! dal 2001 la pirateria ormai
            ha fatto talmente tanti danni che tutti i
            produttori e gli artisti stanno a chiedere
            l'elemosina per strada...le industrie
            cinematografiche e musicali sono ormai sparite da
            almeno 5 anni...come tutti sanno...in accordo
            alle piu' che esatte stime di quelli che un tempo
            furono gli integralisti delle licenzine...e che
            ora come affermato da videotechini...apple
            fan...e compagnia bella si sono tragicamente
            estinti...hanno dovuto mettere all'asta ville
            miliardarie... e colini del the' di platino per
            pagarsi i debiti...!!!
            poveri...poveri...produttori...!!!poveri...poveri.
            poverino l'altro giorno ne' ho visto uno che
            chiedeva un panzerotto al pomodoro!!! "vi prego
            sono due giorni che non mangio a causa del p2p
            maledetto...fatemi la carita'...compratevi il mio
            ultimo cd o almeno un panzerotto al
            pomodoro....!!!"

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)Quindi fai i conti in tasca agli altri?
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi fai i conti in tasca agli altri?Su questo punto ho risposto gia' sopra...mi riquoto da solo per farti comprendere meglio la mia risposta:"punto3..parlo di Ferrari e case lussuose non perche' io sia invidioso...ma per contestare la vostra assurda teoria secondo cui il p2p avrebbe portato gli artisti alla poverta'...e' una enorme idiozia...!!!"
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: ruppolo


            Quindi fai i conti in tasca agli altri?

            Su questo punto ho risposto gia' sopra...mi
            riquoto da solo per farti comprendere meglio la
            mia
            risposta:
            "punto3..parlo di Ferrari e case lussuose non
            perche' io sia invidioso...ma per contestare la
            vostra assurda teoria secondo cui il p2p avrebbe
            portato gli artisti alla poverta'...e' una enorme
            idiozia...!!!"E quindi è onesto rubare ai ricchi? Fammi capire dove vuoi arrivare con la tua affermazione...
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..

            E quindi è onesto rubare ai ricchi? Fammi capire
            dove vuoi arrivare con la tua
            affermazione...Rileggi il CODICE PENALE dello Stato in cui vivi.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Franky

            - Scritto da: ruppolo




            Quindi fai i conti in tasca agli altri?



            Su questo punto ho risposto gia' sopra...mi

            riquoto da solo per farti comprendere meglio la

            mia

            risposta:

            "punto3..parlo di Ferrari e case lussuose non

            perche' io sia invidioso...ma per contestare la

            vostra assurda teoria secondo cui il p2p avrebbe

            portato gli artisti alla poverta'...e' una
            enorme

            idiozia...!!!"

            E quindi è onesto rubare ai ricchi? Fammi capire
            dove vuoi arrivare con la tua
            affermazione...L'affermazione e' molto semplice... primo dovresti rileggerti la sentenza delle corte di cassazione che e' stata postata sotto...e piantarla di dire baggianate...mi riferisco alla differenza intercorrente fra il reato di furto e la violazione del diritto esclusivo di copia...poi dopo aver imparato la differenza tra il violare una licenza ed il rubare(ossia sottrarre un bene...)...posso riepilogarti la conclusione del discorso.... il fatto che gli introiti delle major siano i medesimi conferma che la cosiddetta pirateria non ha fatto subire alcun danno economico ai signori delle licenzine...Ti chiara la conclusione del mio discorso?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Qui non si parla di progresso, ma della mera
            comodità di avere quel brano dove si vuole quando
            si
            vuole.

            La radio non si è estinta!Nemmeno il registratore. E registrare un brano di musica dalla radio, per sentirselo dove e quando si vuole, è sempre stato lecito.Che differenza c'è tra registrarlo dalla radio o scaricarlo?
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Qui non si parla di progresso, ma della mera

            comodità di avere quel brano dove si vuole
            quando

            si

            vuole.



            La radio non si è estinta!

            Nemmeno il registratore. E registrare un brano di
            musica dalla radio, per sentirselo dove e quando
            si vuole, è sempre stato
            lecito.

            Che differenza c'è tra registrarlo dalla radio o
            scaricarlo?che su internet se scarichi un brano possono prendere l'ip e romperti l'anima...mentre se registri un brano alla radio o un programma televisivo...loro non possono saperlo...e quindi non gli e' mai passato per la mente di romperti l'anima...perche' sanno a priori che non possono farlo....quindi secondo me...questa storia...e' un loro ulteriore modo per fare cassa...voglio dire...se potessero rintracciare tutti coloro che registrano un brano in radio e fargli pagare una multa...stai certo e sicuro...che lo farebbero adducendo le medesime scuse che adducono per il p2p...cioe' che se registri il brano poi non compri il cd...
          • Cane fesso scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Arrampicatone sugli specchi, il tuo.Le scoperte scientifiche/matematiche sono anch'esse oggi brevettate e le industrie ( una ad esempio quella farmaceutica o le industrie software vedi algoritmi di google ecc ) ci fanno soldi a palate. Poi, come per alcuni software o roba free, chi scopre qualcosa e vuole condividere le sue ricerche ( già pagate da un finanziatore, altrimenti la persona muore di fame, non mangia bit ), lo fa ed ottiene FAMA e SOLDI in altro modo.Tuttavia qui si parla di tutt'altro ad esempio di un'azienda che crea un software lo vende a 20 euro e tu lo usi senza comprarlo compromettendo il futuro di tale azienda che se non ha soldi non paga programmatori, non crea versioni successive o altri programmi, non assume nuove persone, non paga le tasse ed il tuo/di altri stipendio da impiegato statale.Non capisco come sia possibile che ci sia chi crede veramente che scaricare una qualcosa che si deve pagare per scelta di chi lo ha creato, e non pagarlo, sia giusfiticabile.Se creo un giochino di pong idiota e lo metto a 500mila euro, se lo vuoi lo paghi altrimenti NO, se non lo vendo sono fatti miei, ma tu non hai il diritto di usarlo ugualmente.Se comprare una serie TV a 39 euro originale è troppo, non la compri ed il prezzo scenderà. Se il prezzo non scende vuol dire che ne hanno vendute molte, e se non puoi permettertelo allora sei povero finanziariamente rispetto alla media.Ciò non ti da il diritto di vedere la serie TV online o scaricarla pirata, se lo fai ti stai appropriando di quacosa che andava pagato e non l'hai fatto, digitale, copia o bit che siano.Poi, vuoi scaricare, fallo, e se ti fa dormire la notte: non preoccuparti non stai rubando nulla! Violi la legge, ma la legge mondiale sul copyright è errata!Come ogni cosa, chi non ci è dentro e chi non lavora non può capire.probabilmente avrai 17 anni o un lavoro fisso che non verrà mai compromesso da qualunque cosa facciano gli altri.Ciao
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Le scoperte scientifiche/matematiche sono
            anch'esse oggi brevettateBalle.Scolpiscitelo bene in testa: TEOREMI MATEMATICI E SCOPERTE SCIENTIFICHE NON SONO BREVETTABILI
            e le industrie ( una ad
            esempio quella farmaceutica o le industrie
            software vedi algoritmi di google ecc ) ci fanno
            soldi a palate.Quelle sono applicazioni.La Matematica e la Scienza NON sono sottoponibili ad alcun vincolo.
            ma la legge mondiale sul copyright è errataEsattamente.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            Le scoperte scientifiche/matematiche sono

            anch'esse oggi brevettate

            Balle.

            Scolpiscitelo bene in testa:

            TEOREMI MATEMATICI E SCOPERTE SCIENTIFICHE NON
            SONO
            BREVETTABILI Non solo sono brevettabili, ma sono pure sequestrabili da uno Stato.

            e le industrie ( una ad

            esempio quella farmaceutica o le industrie

            software vedi algoritmi di google ecc ) ci fanno

            soldi a palate.

            Quelle sono applicazioni.Applicazioni di quanto hanno scoperto o inventato, con le LORO risorse.
            La Matematica e la Scienza NON sono
            sottoponibili ad alcun
            vincolo.La matematica no, la scienza eccome.

            ma la legge mondiale sul copyright è errata

            Esattamente.Quindi segui solo le regole che ritieni giuste?Attento che qualcuno potrebbe non seguire la regola "non si ammazza la gente per strada", ritenendola sbagliata.
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..


            La Matematica e la Scienza NON sono

            sottoponibili ad alcun vincolo.
            La matematica no, la scienza eccome.Falso.I teoremi matematici e le scoperte scientifiche NON sono brevettabili.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


            La Matematica e la Scienza NON sono


            sottoponibili ad alcun vincolo.


            La matematica no, la scienza eccome.

            Falso.

            I teoremi matematici e le scoperte scientifiche
            NON sono
            brevettabili.Le scoperte scientifiche sono eccome brevettabili.
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..


            I teoremi matematici e le scoperte scientifiche

            NON sono brevettabili.
            Le scoperte scientifiche sono eccome brevettabili.NO.Sono, purtroppo, brevettabili eventuali applicazioni che le sfruttino, ma la Scienza in quanto tale è patrimonio liberamente disponibile dell'Umanità.O pensi che si possano mettere sotto copyright le informazioni sul bosone di Higgs, se e quando lo individueranno?
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            si ma chi fa ricerca è STIPENDIATO, questa è la piccola differenza
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            si ma chi fa ricerca è STIPENDIATO, questa è la
            piccola
            differenzaE' stipendiato se la ricerca e' commissionata.Non e' mica vietato fare il ricercatore indipendente.Sai quanti sono gli astronomi dilettanti per esempio?E molti di loro scoprono, fotografano, e raccolgono informazioni estremamente utili!E no, non sono stipendiati.
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            si ma non vivonon nemmeno di quello, è un hobby
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            si ma non vivonon nemmeno di quello, è un hobbyNon essendo attivita' produttiva, deve essere attivita' amatoriale.Non c'e' alcuna contraddizione.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: MeX

            si ma non vivonon nemmeno di quello, è un hobby

            Non essendo attivita' produttiva, deve essere
            attivita'
            amatoriale.
            Non c'e' alcuna contraddizione.Non hai ovviamente colto il punto.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: MeX


            si ma non vivonon nemmeno di quello, è un
            hobby



            Non essendo attivita' produttiva, deve essere

            attivita'

            amatoriale.

            Non c'e' alcuna contraddizione.

            Non hai ovviamente colto il punto.Devi avere pazienza ruppolo, hai a che fare con un sistemista programmatore, non con un macaco.Spiega il punto e cerchero' di capire.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: MeX



            si ma non vivonon nemmeno di quello, è un

            hobby





            Non essendo attivita' produttiva, deve essere


            attivita'


            amatoriale.


            Non c'e' alcuna contraddizione.



            Non hai ovviamente colto il punto.

            Devi avere pazienza ruppolo, hai a che fare con
            un sistemista programmatore, non con un
            macaco.
            Spiega il punto e cerchero' di capire.Il punto è che i ricercatori non stipendiati devono vivere anche loro, non possono fare solo hobby. Quindi quando scoprono o inventano qualcosa, lo devono monetizzare, se vogliono campare. E non ci vedo nulla di male.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Il punto è che i ricercatori non stipendiati
            devono vivere anche loro, non possono fare solo
            hobby.Perche' no?O fanno ricerca nel tempo libero, o fanno ricerca per conto di un committente.
            Quindi quando scoprono o inventano
            qualcosa, lo devono monetizzare, se vogliono
            campare. E non ci vedo nulla di
            male.Quando scoprono o inventano qualcosa si mettono a produrlo, e monetizzano col vantaggio che hanno sugli gli altri competitor.Esattamente come fa Apple nei confronti di Samsung.Esce con un prodotto prima di Samsung e lo vende, e col ricavato monetizza la ricerca.Dopo 2 mesi, Samsung sara' libera di copiare l'ipad2 e venderlo a sua volta, ma ormai buona parte del mercato avra' gia' acquistato l'ipad2.
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Il punto è che i ricercatori non stipendiati
            devono vivere anche loro, non possono fare solo
            hobby. E dove sta scritto scusa che devono vivere anche loro??? Vivi, o meglio sopravvivi, se sei in grado di procurarti il cibo come qualsiasi altro essere vivente...
          • pippO scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia
            - Scritto da: ruppolo


            Il punto è che i ricercatori non stipendiati

            devono vivere anche loro, non possono fare solo

            hobby.

            E dove sta scritto scusa che devono vivere anche
            loro??? Vivi, o meglio sopravvivi, se sei in
            grado di procurarti il cibo come qualsiasi altro
            essere
            vivente...bentornato nella giungla :D
          • Yeppaman scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: MeX




            si ma non vivonon nemmeno di quello, è un


            hobby







            Non essendo attivita' produttiva, deve
            essere



            attivita'



            amatoriale.



            Non c'e' alcuna contraddizione.





            Non hai ovviamente colto il punto.



            Devi avere pazienza ruppolo, hai a che fare con

            un sistemista programmatore, non con un

            macaco.

            Spiega il punto e cerchero' di capire.

            Il punto è che i ricercatori non stipendiati
            devono vivere anche loro, non possono fare solo
            hobby. Quindi quando scoprono o inventano
            qualcosa, lo devono monetizzare, se vogliono
            campare. E non ci vedo nulla di
            male.Forse prima che fare ricerca allora dovrebbero cercarsi uno stipiendio?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Il punto è che i ricercatori non stipendiati
            devono vivere anche loro, non possono fare solo
            hobby. Quindi, si suppone che avranno un lavoro.
            Quindi quando scoprono o inventano
            qualcosaE se non trovano nulla che fanno?
            , lo devono monetizzare, se vogliono
            campare.Se abbiamo detto che hanno un lavoro, campano con quello.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            si ma chi fa ricerca è STIPENDIATO, questa è la
            piccola
            differenzain Italia...poi specialmente...e' stipendiatissimo...guadagnano piu' di una major,giusto?
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


            I teoremi matematici e le scoperte scientifiche


            NON sono brevettabili.


            Le scoperte scientifiche sono eccome
            brevettabili.

            NO.

            Sono, purtroppo, brevettabili eventuali
            applicazioni che le sfruttino, ma la Scienza in
            quanto tale è patrimonio liberamente disponibile
            dell'Umanità.Non che non lo è. Lo diventa solo se chi scopre pubblica quanto scoperto. E questo talvolta avviene, talvolta no.
            O pensi che si possano mettere sotto copyright le
            informazioni sul bosone di Higgs, se e quando lo
            individueranno?Chi lo individuerà deciderà cosa fare. Di certo gli altri non possono, visto che non sanno...
          • shevathas scrive:
            Re: ANCHE NO..


            O pensi che si possano mettere sotto copyright
            le

            informazioni sul bosone di Higgs, se e quando lo

            individueranno?

            Chi lo individuerà deciderà cosa fare. Di certo
            gli altri non possono, visto che non
            sanno...le scoperte fisiche non possono essere messe sotto copyright o brevetto. Sono pubbliche e a disposizione di tutti.Le applicazioni delle scoperte possono tranquillamente venire protette da brevetto.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: shevathas
            Le applicazioni delle scoperte possono
            tranquillamente venire protette da
            brevetto.... che comunque, per inciso, dura al massimo 20 anni dalla sua prima registrazione, e non certo tutta la vita dell'autore + altri 70 anni.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi segui solo le regole che ritieni giuste?
            Attento che qualcuno potrebbe non seguire la
            regola "non si ammazza la gente per strada",
            ritenendola
            sbagliata."Mi sento moralmente autorizzato ad evadere una legge dello Stato"Chi ha detto questa frase?A) Un pirata scaricone che odia il copyrightB) Un artista indipendente che odia le majorC) Un fanatico dell'open source che odia la MicrosoftD) Il più famoso e ricco magnate del copyright in ItaliaPuoi chiedere al computer l'aiuto del 50:50, l'aiuto dei partecipanti al forum di Punto Informatico, o fare una telefonata al tuo videotecaro di fiducia.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2011 02.00-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            ma la ricerca è pagata! mica quelli che fanno ricerca lavorano gratis, guarda che il mondo non è mica nella stessa situazione dei ricercatori in Itaglia
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            ma la ricerca è pagata! mica quelli che fanno
            ricerca lavorano gratis, guarda che il mondo non
            è mica nella stessa situazione dei ricercatori in
            ItagliaA almeno lo ammetti che siamo messi male in Italia... E qual'e' il primo pensiero del nostro paese? Proteggere chi gia' sta benissimo... perche' non mi verrai a dire che produttori cinematografici discografici e discoteche guadagnano meno di 1200 euro al mese, vero ?Ed all'estero quanto pensi che possa guadagnare un ricercatore...quanto un medico all'incirca...non quanto una major...quelli che guadagnano parecchio sono i docenti universitari...con cui tu puoi fare il confronto o i presidi....
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Cane fesso
            Se comprare una serie TV a 39 euro originale è
            troppo, non la compri ed il prezzo scenderà. Se
            il prezzo non scende vuol dire che ne hanno
            vendute molte, e se non puoi permettertelo allora
            sei povero finanziariamente rispetto alla
            media.
            Ciò non ti da il diritto di vedere la serie TV
            online o scaricarla pirata, se lo fai ti stai
            appropriando di quacosa che andava pagato e non
            l'hai fatto, digitale, copia o bit che
            siano.No, bello.Se loro vendono una serie TV a 39 euro non mi vendono il contenuto della serie, ma mi vendono anche la scatola, il disco, le spese di trasporto e il ricarico del rivenditore.E se io non sono in grado di ottenerla autonomamente allora e' giusto che io paghi questo servizio che mi viene offerto a quel prezzo.Se pero' io fossi in grado di ottenere quel contenuto, al netto del supporto, della scatola, del trasporto, del ricarico del rivenditore, allora non devo pagare i 39 euro.Mi sai dire quanti centesimi di quei 39 euro finiscono nelle tasche del produttore della serie tv, ammesso che ci finiscano?Senza contare che quella serie tv e' stata prodotta per la tv (lo dice la parola stessa) e quindi l'investimento e' gia' ampiamente rientrato avendola venduta alle tv di mezzo mondo.
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Cane fesso
            Arrampicatone sugli specchi, il tuo.
            Le scoperte scientifiche/matematiche sonoImmorale e causa di enormi danni, diseguaglianza, morte, costi per curarsi nel terzo mondo. Inoltre voglio ricordarti che durante la crisi dell'antrace nel 2001 c'è chi disse che sarebbe stato giusto violare i diritti dei produttori di vaccini. E non erano pirati ma governi.
            esempio quella farmaceutica o le industrie
            software vedi algoritmi di google ecc ) ci fanno
            soldi a palate. Poi, come per alcuni software oPeccato non aver brevettato la ruota vero?
            Tuttavia qui si parla di tutt'altro ad esempio di
            un'azienda che crea un software lo vende a 20
            euro e tu lo usi senza comprarlo compromettendo
            il futuro di tale azienda che se non ha soldi nonCon il tuo stesso ragionamento dovremmo vietare il software gratuito che offre alternative che compromettono il mercato di tale azienda...
            Se creo un giochino di pong idiota e lo metto a
            500mila euro, se lo vuoi lo paghi altrimenti NO,
            se non lo vendo sono fatti miei, ma tu non hai il
            diritto di usarlo
            ugualmente.Perché no, se non ti danneggio?
            sei povero finanziariamente rispetto alla
            media.Trattasi di un crimine?
            appropriando di quacosa che andava pagato e non
            l'hai fatto, digitale, copia o bit che
            siano.Non si tratta di appropriaziona ma di visione di una copia che magari porta introiti a chi la ospita, sia youtube o un altro sito che incassa pubblicità ci paga i diritti le tasse e fa girare l'economia.
            Poi, vuoi scaricare, fallo, e se ti fa dormire laVai a vivere in un'isola deserta il mondo è pieno di ladri e solo tu sei nel giusto. Evitali e aspetta il diluvio.
          • shevathas scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: 0110
            - Scritto da: Cane fesso

            Arrampicatone sugli specchi, il tuo.

            Le scoperte scientifiche/matematiche sono

            Immorale e causa di enormi danni, diseguaglianza,
            morte, costi per curarsi nel terzo mondo. il problema è che la ricerca scientifico farmaceutica ha costi enormi. E se rendi non vantaggioso per i privati investire in questa è lo stato che deve farsene carico.
            Inoltre
            voglio ricordarti che durante la crisi
            dell'antrace nel 2001 c'è chi disse che sarebbe
            stato giusto violare i diritti dei produttori di
            vaccini. E non erano pirati ma
            governi.
            mossa estrema causata da una situazione di emergenza.

            Peccato non aver brevettato la ruota vero?
            i brevetti durano 20 anni.
            Con il tuo stesso ragionamento dovremmo vietare
            il software gratuito che offre alternative che
            compromettono il mercato di tale
            azienda...
            Che poi è stata la mossa di M$ contro Netscape.

            Se creo un giochino di pong idiota e lo metto a

            500mila euro, se lo vuoi lo paghi altrimenti NO,

            se non lo vendo sono fatti miei, ma tu non hai
            il

            diritto di usarlo

            ugualmente.

            Perché no, se non ti danneggio?
            in che modo non mi danneggeresti ?

            Non si tratta di appropriaziona ma di visione di
            una copia che magari porta introiti a chi la
            ospita, sia youtube o un altro sito che incassa
            pubblicità ci paga i diritti le tasse e fa girare
            l'economia.
            questa è una scelta che deve fare il proprietario dei diritti.
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..

            il problema è che la ricerca scientifico
            farmaceutica ha costi enormi. E se rendi non
            vantaggioso per i privati investire in questa è
            lo stato che deve farsene
            carico.Così dovrebbe essere infatti altrimenti si finisce con le aziende che non producono medicine per le malattie rare o che puntano sui farmaci che sanno di poter vendere invece che su soluzioni innovative.
            mossa estrema causata da una situazione di
            emergenza.Quindi la violazione dei copyright è accettabile?

            Peccato non aver brevettato la ruota vero?
            i brevetti durano 20 anni.E si possono rinnovare.Vorresti dover pagare per ogni ruota che usi?

            Con il tuo stesso ragionamento dovremmo vietare

            il software gratuito che offre alternative che

            compromettono il mercato di tale

            azienda...
            Che poi è stata la mossa di M$ contro Netscape.Poi Netscape Opera e compagnia hanno capito come rispondere sullo stesso piano e noi non abbiano più dovuto pagare i browser.

            Perché no, se non ti danneggio?
            in che modo non mi danneggeresti ?Se lo compro a 500.000 euro e lo vendo a 50 ti danneggio.Se non lo compro e non lo comprerei nemmeno se non potessi averlo gratis tu non ci perdi comunque nulla.
            questa è una scelta che deve fare il proprietario
            dei
            diritti.Libero di farla e guadagnarci o non farla e rimetterci.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: 0110

            - Scritto da: Cane fesso


            Arrampicatone sugli specchi, il tuo.


            Le scoperte scientifiche/matematiche sono



            Immorale e causa di enormi danni,
            diseguaglianza,

            morte, costi per curarsi nel terzo mondo.

            il problema è che la ricerca scientifico
            farmaceutica ha costi enormi. E se rendi non
            vantaggioso per i privati investire in questa è
            lo stato che deve farsene carico.E allora che se ne faccia carico lo stato.O finanziando la ricerca, o agevolando fiscalmente chi porta risultati nella ricerca farmacologica.Il progresso della medicina serve a salvare vite umane e a restituire qualita' della vita a chi l'ha persa: non sono giocattolini elettronici da prendere a ditate!

            Inoltre

            voglio ricordarti che durante la crisi

            dell'antrace nel 2001 c'è chi disse che sarebbe

            stato giusto violare i diritti dei produttori di

            vaccini. E non erano pirati ma

            governi.


            mossa estrema causata da una situazione di
            emergenza.Mossa utile ad evitare che siano le stesse case farmaceutiche a diffondere epidemie per poi vendere i vaccini.Abbiamo gia' visto che cosa e' sucXXXXX con le varie epidemie di mucche, polli e suini: un bell'allarmismo creato ad arte da stampa e media per favorire la vendita di inutili vaccini.Perche' non fanno lo stesso allarmismo oggi con il livello di radioattivita'?Perche' non ci sono vaccini da vendere o perche' ci sono centrali da costruire?

            Peccato non aver brevettato la ruota vero?


            i brevetti durano 20 anni.Troppo!

            Con il tuo stesso ragionamento dovremmo vietare

            il software gratuito che offre alternative che

            compromettono il mercato di tale

            azienda...


            Che poi è stata la mossa di M$ contro Netscape.E piu' recentemente contro Opera.

            Non si tratta di appropriaziona ma di visione di

            una copia che magari porta introiti a chi la

            ospita, sia youtube o un altro sito che incassa

            pubblicità ci paga i diritti le tasse e fa
            girare

            l'economia.


            questa è una scelta che deve fare il proprietario
            dei diritti.Una volta c'erano i proprietari di schiavi, oggi ci sono i proprietari dei diritti.
          • shevathas scrive:
            Re: ANCHE NO..

            E allora che se ne faccia carico lo stato.
            O finanziando la ricerca, o agevolando
            fiscalmente chi porta risultati nella ricerca
            farmacologica.a cosa pensi serva il brevetto ?
            Il progresso della medicina serve a salvare vite
            umane e a restituire qualita' della vita a chi
            l'ha persa: non sono giocattolini elettronici da
            prendere a
            ditate!
            e per farla progredire servono ricercatori a tempo pieno, non a tempo perso.
            Mossa utile ad evitare che siano le stesse case
            farmaceutiche a diffondere epidemie per poi
            vendere i
            vaccini.
            mediante le scie chimiche visto che stanno cospirando con i rettiliani per arricchirsi con il signoraggio...Me l'ha detto mio cugggino...
            Abbiamo gia' visto che cosa e' sucXXXXX con le
            varie epidemie di mucche, polli e suini: un
            bell'allarmismo creato ad arte da stampa e media
            per favorire la vendita di inutili
            vaccini.
            Imho le case farmaceutiche ci hanno marciato, ma alla base piazzerei la dabbenaggine di molti giornalisti che devono "spettacolarizzare" anche quando non serve.
            Perche' non fanno lo stesso allarmismo oggi con
            il livello di
            radioattivita'?I giornalisti lo stanno facendo.
            Perche' non ci sono vaccini da vendere o perche'
            ci sono centrali da
            costruire?
            c'è gente che sta andando a prendersi integratori allo jodio.

            Troppo!
            a me sembra una durata equa. Stiamo parlando di brevetti industriali mica di canzonette.


            Con il tuo stesso ragionamento dovremmo
            vietare


            il software gratuito che offre alternative che


            compromettono il mercato di tale


            azienda...




            Che poi è stata la mossa di M$ contro Netscape.

            E piu' recentemente contro Opera.
            e allora ? adesso la moralità di una operazione dipende da chi la compie ?

            Una volta c'erano i proprietari di schiavi, oggi
            ci sono i proprietari dei
            diritti.oh poveri diritti mandati a lavorare nelle piantagioni di cotone....
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno per

            l'anticamera del cervello, vero?

            Intendi dire che ti senti un disonesto per tutti
            i risultati matematici e scientifici che
            indirettamente tutti noi sfruttiamo continuamente
            nella nostra vita e che non sono mai stati pagati
            ai loro scopritori, dato che non possono essere
            sottoposti a
            copyright?No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il contenuto che mi appresto a fruire.
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..


            Intendi dire che ti senti un disonesto per tutti

            i risultati matematici e scientifici che

            indirettamente tutti noi sfruttiamo

            continuamente

            nella nostra vita e che non sono mai stati

            pagati

            ai loro scopritori, dato che non possono essere

            sottoposti a copyright?
            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che
            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il
            contenuto che mi appresto a fruire.Appunto!Chi produce risultati matematici e scientifici non può chiederti soldi perché la legge glielo impedisce, dato che tali risultati non sono brevettabili, eppure tu li usi tranquillamente alla faccia della loro fatica per ottenerli. Quindi, per essere coerente, o ti senti comunque un disonesto o devi ritenere che anche per tutte le altre forme di produzione intellettuale la legge debba vietare qualsiasi forma di copyright o brevetto.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


            Intendi dire che ti senti un disonesto per
            tutti


            i risultati matematici e scientifici che


            indirettamente tutti noi sfruttiamo


            continuamente


            nella nostra vita e che non sono mai stati


            pagati


            ai loro scopritori, dato che non possono essere


            sottoposti a copyright?


            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che

            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il

            contenuto che mi appresto a fruire.

            Appunto!
            Chi produce risultati matematici e scientifici
            non può chiederti soldi perché la legge glielo
            impedisce, dato che tali risultati non sono
            brevettabili,Se non sono brevettabili perché la legge glielo impedisce stai facendo un discorso circolare.
            eppure tu li usi tranquillamente
            alla faccia della loro fatica per ottenerli.No, perché questi sono pagati, non lavorano per la gloria.
            Quindi, per essere coerente, o ti senti comunque
            un disonesto o devi ritenere che anche per tutte
            le altre forme di produzione intellettuale la
            legge debba vietare qualsiasi forma di copyright
            o
            brevetto.No.Musica e film non sono scoperte, sono invenzioni. Quindi brevettabili quindi se ne voglio fruirne è giusto che paghi.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Musica e film non sono scoperte, sono invenzioni.E con questa ti sei aggiudicato la "ruppolata del giorno".Complimenti.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo


            Musica e film non sono scoperte, sono
            invenzioni.


            E con questa ti sei aggiudicato la "ruppolata del
            giorno".
            Complimenti.Vuoi dire che brani e film esistono da sempre e si tratta semplicemente di scoprirli?
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo




            Musica e film non sono scoperte, sono

            invenzioni.





            E con questa ti sei aggiudicato la "ruppolata
            del

            giorno".

            Complimenti.

            Vuoi dire che brani e film esistono da sempre e
            si tratta semplicemente di
            scoprirli?No, voglio dire che "invenzione" e' un termine che descrive una macchina o una tecnologia, non l'arte.L'arte non e' ne' scoperta, ne' invenzione. E' arte.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: ruppolo






            Musica e film non sono scoperte, sono


            invenzioni.








            E con questa ti sei aggiudicato la "ruppolata

            del


            giorno".


            Complimenti.



            Vuoi dire che brani e film esistono da sempre e

            si tratta semplicemente di

            scoprirli?

            No, voglio dire che "invenzione" e' un termine
            che descrive una macchina o una tecnologia, non
            l'arte.

            L'arte non e' ne' scoperta, ne' invenzione. E'
            arte.Se vuoi giocare con le parole, gioca pure, ma un film è una invenzione, prima di tutto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Se vuoi giocare con le parole, gioca pure, ma un
            film è una invenzione, prima di
            tutto.Allora, adesso ti prendi il tuo dizionarietto, e vai a cercare da cosa origina la parola "invenzione".Deriva dal latino invenire , cioè "trovare"
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            No.
            Musica e film non sono scoperte, sono invenzioni.
            Quindi brevettabili quindi se ne voglio fruirne è
            giusto che
            paghi.E qui ti volevo...io potrei pure essere daccordo per l'uso commerciale...ma qui applicano la licenzina del cavolo anche se uno non guadagna un centesimo bucato dall'utilizzo di un'opera...mi spiego meglio...se tu fabbrichi un congegno elettronico e qualcuno ne detiene il brevetto...tu devi pagare il titolare del brevetto se vuoi fabbricare e vendere quel congegno...ma se tu lo vuoi costruirlo a casa tua per utilizzarlo tu personalmente nessuno ti puo' fare causa ed a nessuno verra' in mente di dire che hai violato un brevetto...perche' i brevetti valgono esclusivamente per l'utilizzo commerciale... e non gli verra' certamente in mente di chiamarti ladro perche' ti sei costruito il congegno da te anzicche' comprarlo da una azienda... Ti e' chiara la differenza fra un oggetto una licenza commerciale ed una licenzina che vogliono far valere anche per l'utilizzo non commerciale?C'e' una enorme differenza...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Non ti nascondere dietro un dito: un brano digitale può essere riprodotto tal quale all'infinito, e distribuito a cani e porci. È questa la pirateria che si vuole combattere, è questo il motivo della "licenzina".
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Non ti nascondere dietro un dito: un brano
            digitale può essere riprodotto tal quale
            all'infinito, e distribuito a cani e porci.Distribuito, ma non venduto.Chi vende un brano digitale, fanno bene a perseguirlo e incarcerarlo.
            È
            questa la pirateria che si vuole combattere, è
            questo il motivo della
            "licenzina".Vuoi combattere contro la gente che ha come unica colpa quella di amare la musica.Complimenti.Ma dimmi, hanno diritto ad un giusto proXXXXX, o li mandiamo direttamente al muro?E dopo che avrai fatto fucilare tutti coloro a cui piace ascoltare la musica, resteranno al mondo solo i sordi, e la tua licenzina a chi la venderai?
          • equo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            obligera i sordi a pagare con un equo compenso
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            Non ti nascondere dietro un dito: un brano

            digitale può essere riprodotto tal quale

            all'infinito, e distribuito a cani e porci.

            Distribuito, ma non venduto.
            Chi vende un brano digitale, fanno bene a
            perseguirlo e
            incarcerarlo.Bene, allora il problema si risolve facilmente: basta venderlo in forma analogica.

            È

            questa la pirateria che si vuole combattere, è

            questo il motivo della

            "licenzina".

            Vuoi combattere contro la gente che ha come unica
            colpa quella di amare la
            musica.
            Complimenti.Poverino, siccome ama la musica bisogna fare in modo che possa ascoltare tutto quello che vuole dove lo vuole, altrimenti soffre, la creatura...
            Ma dimmi, hanno diritto ad un giusto proXXXXX, o
            li mandiamo direttamente al
            muro?
            E dopo che avrai fatto fucilare tutti coloro a
            cui piace ascoltare la musica, resteranno al
            mondo solo i sordi, e la tua licenzina a chi la
            venderai?Quante sberle...
          • Yeppaman scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Bene, allora il problema si risolve facilmente:
            basta venderlo in forma
            analogica.Chiamasi "concerto"
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..


            Distribuito, ma non venduto.

            Chi vende un brano digitale, fanno bene a

            perseguirlo e

            incarcerarlo.

            Bene, allora il problema si risolve facilmente:
            basta venderlo in forma
            analogica.Ottimo: vendi solo più musica su vinile, film su pellicola, e libri su carta.La pirateria non ti darà nessun fastidio.
          • 01234 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            sì, ma senza guadagnarci sopraè già un'enorme differenzae poi diciamocelo, PROPRIO perché il brano è replicabile all'infinito a costi tendenti allo zero, è sicuro che i cd/dvd costano troppoanche questo è un grosso incentivo al p2p
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Non ti nascondere dietro un dito: un brano
            digitale può essere riprodotto tal quale
            all'infinito, e distribuito a cani e porci.E perchè mai non dovrebbe essere così? Perchè vorresti impedirlo?
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Musica e film non sono scoperte, sono invenzioni.
            Quindi brevettabili quindi se ne voglio fruirne è
            giusto che
            paghi.Quindi tu non ascolti la radio?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che
            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il
            contenuto che mi appresto a
            fruire.Io invece mi sento onestissimo a non pagare chi non sta facendo nessun lavoro aggiuntivo, se io scarico.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: uno qualsiasi

            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che

            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il

            contenuto che mi appresto a

            fruire.

            Io invece mi sento onestissimo a non pagare chi
            non sta facendo nessun lavoro aggiuntivo, se io
            scarico.Anzi... da' pure soddisfazione!
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: uno qualsiasi


            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che


            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il


            contenuto che mi appresto a


            fruire.



            Io invece mi sento onestissimo a non pagare chi

            non sta facendo nessun lavoro aggiuntivo, se io

            scarico.

            Anzi... da' pure soddisfazione!Su questo non avevamo dubbi. Tutti i parassiti sono soddisfatti di vivere sulle spalle degli altri.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Su questo non avevamo dubbi. Tutti i parassiti
            sono soddisfatti di vivere sulle spalle degli
            altri.Se bastasse scaricare un mp3 per vivere, ruppoletto, avremmo risolto tutti i problemi del mondo.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo


            Su questo non avevamo dubbi. Tutti i parassiti

            sono soddisfatti di vivere sulle spalle degli

            altri.

            Se bastasse scaricare un mp3 per vivere,
            ruppoletto, avremmo risolto tutti i problemi del
            mondo.Certo che non basta, ma aiuta, vero?
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo




            Su questo non avevamo dubbi. Tutti i parassiti


            sono soddisfatti di vivere sulle spalle degli


            altri.



            Se bastasse scaricare un mp3 per vivere,

            ruppoletto, avremmo risolto tutti i problemi del

            mondo.

            Certo che non basta, ma aiuta, vero?Quindi dovresti essere solo contento.
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Su questo non avevamo dubbi. Tutti i parassiti
            sono soddisfatti di vivere sulle spalle degli
            altri.Tu paghi per usare questo spazio per far vedere come sei bravo onesto giusto mentre gli altri sono tutti ladri e parassiti?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Su questo non avevamo dubbi. Tutti i parassiti
            sono soddisfatti di vivere sulle spalle degli
            altri.Sulle spalle di chi? Nessuno sta lavorando, per mettermi a disposizione il file.
          • 01234 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            un po' sì O)
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: uno qualsiasi

            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che

            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il

            contenuto che mi appresto a

            fruire.

            Io invece mi sento onestissimo a non pagare chi
            non sta facendo nessun lavoro aggiuntivo, se io
            scarico.No, non puoi sentirti onesto, perché tu ti privilegi (senza aver alcun titolo per farlo) rispetto chi paga. Come se viaggiassi nel treno senza pagare il biglietto.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi


            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò che


            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il


            contenuto che mi appresto a


            fruire.



            Io invece mi sento onestissimo a non pagare chi

            non sta facendo nessun lavoro aggiuntivo, se io

            scarico.

            No, non puoi sentirti onesto, perché tu ti
            privilegi (senza aver alcun titolo per farlo)
            rispetto chi paga. Come se viaggiassi nel treno
            senza pagare il
            biglietto.No ruppolo. Il treno mi offre un servizio, e io quel servizio lo pago, e ci tengo a farlo.Invece il cd non mi offre nessun servizio, anzi, mi causa del lavoro aggiuntivo per estrarre dal cd medesimo i brani in formato digitale da caricare sui miei riproduttori, e devo farlo a mie spese con le mie apparecchiature.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: uno qualsiasi



            No, mi sentirei disonesto a non pagare ciò
            che



            OGGI mi viene chiesto da chi fornisce il



            contenuto che mi appresto a



            fruire.





            Io invece mi sento onestissimo a non pagare
            chi


            non sta facendo nessun lavoro aggiuntivo, se
            io


            scarico.



            No, non puoi sentirti onesto, perché tu ti

            privilegi (senza aver alcun titolo per farlo)

            rispetto chi paga. Come se viaggiassi nel treno

            senza pagare il

            biglietto.

            No ruppolo.
            Il treno mi offre un servizio, e io quel servizio
            lo pago, e ci tengo a
            farlo.

            Invece il cd non mi offre nessun servizio, anzi,
            mi causa del lavoro aggiuntivo per estrarre dal
            cd medesimo i brani in formato digitale da
            caricare sui miei riproduttori, e devo farlo a
            mie spese con le mie
            apparecchiature.E te lo ha ordinato il dottore che devi avere i brani sui tuoi riproduttori? O forse è un articolo sulla carta dei diritti umani, che mi è sfuggito?
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            E te lo ha ordinato il dottore che devi avere i
            brani sui tuoi riproduttori? E invece me lo imponi tu che non posso avere un brano su tutti i miei riproduttori?
            O forse è un
            articolo sulla carta dei diritti umani, che mi è
            sfuggito?No, dalla costituzione italiana, art. 42 La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di godimento...
          • 01234 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            no, perché in quel caso tolgo il posto a chi ha pagatoqui non tolgo nulla a nessuno, e IN PIU' è da dimostrare che altrimenti avrei comperato...soliti esempi a capocchia, ma ti si sa :-)
          • Cane fesso scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Ovviamente, non l'ho inserito nel contesto perchè per tutti qui tranne pochissimi scaricare !=rubare, quindi non avrebbero capito a cosa mi riferissi :D
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..

            per tutti qui tranne pochissimi
            scaricare !=rubareAnche per la Corte di Cassazione.http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24 Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449 (2110/2003) ...non configurabilità del reato di furto dei files mediante duplicazione (o copiatura)...http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903 Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n. 44840 ...è da escludere la configurabilità del reato di furto nel caso di semplice copiatura...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            per tutti qui tranne pochissimi

            scaricare !=rubare

            Anche per la Corte di Cassazione.

            http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24
            Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13
            novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449
            (2110/2003)
            ...non configurabilità del reato di furto dei
            files mediante duplicazione (o
            copiatura)...

            http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903
            Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26
            ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n.
            44840
            ...è da escludere la configurabilità del reato di
            furto nel caso di semplice
            copiatura...Rimane comunque un crimine, che potrebbe essere anche peggio di un furto.Anzi, in alcuni casi la legge lo prevede e lo sanziona in modo più pesante.
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Irrilevante.Qui si parlava di un principio, e il principio è che copiare NON è uguale a rubare.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
            Irrilevante.

            Qui si parlava di un principio, e il principio è
            che copiare NON è uguale a
            rubare.Il principio è il rispetto del prossimo.E dato che non ti piace il termine ladro, uso il termine più generico "CRIMINALE".
          • perche scrive:
            Re: ANCHE NO..
            allora perché non vai dagli organi competenti e lo denunci?
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: perche
            allora perché non vai dagli organi competenti e
            lo
            denunci?A parte che questo esula dal discorso sul onesto/disonesto/giusto/sbagliato, denunciare spetta ai danneggiati.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: perche

            allora perché non vai dagli organi competenti e

            lo

            denunci?

            A parte che questo esula dal discorso sul
            onesto/disonesto/giusto/sbagliato, denunciare
            spetta ai
            danneggiati.Che non esistono.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: perche


            allora perché non vai dagli organi competenti
            e


            lo


            denunci?



            A parte che questo esula dal discorso sul

            onesto/disonesto/giusto/sbagliato, denunciare

            spetta ai

            danneggiati.

            Che non esistono.Il fatto che tu non li voglia vedere non significa che non esistono.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Il fatto che tu non li voglia vedere non
            significa che non
            esistono.Se dici che esistono, descrivi e quantifica questo danno, e soprattutto identifica il danneggiato.
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..


            Irrilevante.

            Qui si parlava di un principio, e il principio è

            che copiare NON è uguale a rubare.
            E dato che non ti piace il termine ladroNon si tratta di piacere o non piacere, semplicemente NON è un ladro.Fattene una ragione.
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            non commette un furto, ma usufruisce di un prodotto senza pagare il dovuto
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            non commette un furto, ma usufruisce di un
            prodotto senza pagare il
            dovutoApprofondiamo il concetto.A quanto ammonta il dovuto e a chi si paga?
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            il dovuto ammonta al prezzo deciso dal detentore dei diritti.I soldi vanno a diversi soggetti:- il rivenditore- il distributore- il licenziatario- l'autore
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Di cui per lo meno 3 soggetti ad oggi inutili
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            sicuro?Amazon ti fornisce il servizio di download/store ed è il rivenditore, e potenzialmente (ma non è sempre detto coincide con il distributore)I detentori dei diritti sono sempre gli stessi (SONY, Universal...) e gli autori sono gli autori..Digitale non vuol dire: le cose avvengono per magia
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Oggi come oggi che tu sia un musicista o uno scrittore puoi tranquillamente distribuire i tuoi prodotti direttamente all'utente quindi...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia
            Oggi come oggi che tu sia un musicista o uno
            scrittore puoi tranquillamente distribuire i tuoi
            prodotti direttamente all'utente
            quindi...Quindi ognuno è libero di distribuire/vendere come gli pare e piace.
          • Talking Head scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            Digitale non vuol dire: le cose avvengono per
            magiaMa se è tutto qui, allora qualcosa non mi torna! Pofferbacco, può essere che qualcuno ci stia derubando?Parlando del mercato dei libri, che conosco meglio, l'autore prende sui cartacei tra il 6% e il 10% del prezzo di copertina (il 6 per tutti i medio-piccoli, di più solo le star).Amazon, che fa rivenditore e distributore, chiede il 30%, e l'autore continua a prendere il 6%. Il prezzo di copertina degli eBook italiani è più o meno uguale al prezzo di un libro cartaceo. Che fine fa l'altro 64%? Giusto per capire, perché si dice sempre che se si pirata non si paga il lavoro, ma non ho ben capito il lavoro di chi... quale lavoro viene ripagato da quel 64%?Comunque, giusto per prevenire una possibile risposta, nella lista hai dimenticato i costi di produzione. Nel mercato editoriale, questi ammontano a impaginazione (e grafica in genere) e editing. I prezzi variano da casa editrice a casa editrice, ma sono entrambi pagati un fisso (non in proporzione alle vendite, ma alle ore lavorate o un fisso mensile), che varia dai 1000 ai 2000 per l'editing e una cifra molto variabile per l'impaginazione (generalmente trascurabile, ma se contiamo anche la grafica dipende: alcune grandi case assumono importanti artisti per la copertina. Tipicamente è trascurabile). Su una pubblicazione da 5000 copie in Italiano, influiscono realisticamente per meno di 30 centesimi a copia. 5000 copie è una tiratura medio-piccola, un libro indie che va bene ma nulla di commerciale. Un libro dei Wu Ming per dire vende sulle 50-100k copie, pubblicato con Fanucci e downloadabile gratuitamente dal sito. Su 50k copie, si può fare la stima a piacere ma non si arriva sopra i 5-6 centesimi a copia. Esageriamo e mettiamo che conta per lo 0.5% del prezzo di copertina? Esageriamo. Che fine fa il 63.5% rimanente?Non conosco i prezzi per il mercato della musica, ma credo che viste le dovute proporzioni sul numero di copie l'impatto dei costi di produzione sulla singola copia non sia molto diverso.
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Talking Head
            - Scritto da: MeX


            Digitale non vuol dire: le cose avvengono per

            magia

            Ma se è tutto qui, allora qualcosa non mi torna!
            Pofferbacco, può essere che qualcuno ci stia
            derubando?No, perché nessuno ti obbliga all'acquisto o ti toglie direttamente i soldi dal portafogli.Può essere che quando compri un libro, l'autore riceva l'1% del prezzo, e il 99% se lo spartiscono tutti i soggetti coinvolti nella produzione e distribuzione. Ma questi NON SONO AFFARI TUOI. Se all'autore sta bene così, sta bene così. L'autore ha la possibilità di fare CIÒ CEH VUOLE con la sua opera: venderla direttamente, regalarla, farla passare per 10 distributori/rivenditori. Sono SCELTE SUE.La tua libertà non è quella di decidere chi ha diritto ad essere pagato e chi no, ma quella di decidere se acquistare o meno.Se la tua etica (ma se pirati l'etica non ce l'hai) ti impedisce di arricchire gente che non merita, non fai altro che non acquistare. Ma senza danneggiare chi merita. Altrimenti diciamo che è lecito bombardare a tappeto la Libia perché ci sono i cattivi. E i buoni li sacrifichiamo?
          • Talking Head scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            La tua libertà non è quella di decidere chi ha
            diritto ad essere pagato e chi no, ma quella di
            decidere se acquistare o
            meno.
            Se la tua etica (ma se pirati l'etica non ce
            l'hai) ti impedisce di arricchire gente che non
            merita, non fai altro che non acquistare.Hai un'idea molto Ratzingeriana della morale, assoluta e non relativa. O forse confondi legge e morale.Entrambe le opzioni non sono molto sulle mie corde.Non vi è una morale scritta dal Signore, i limiti della libertà dipendono grandemente dalla cultura in cui viviamo. Che la libertà di settare il prezzo sia assoluta è semplicemente falso.L'idea stessa deriva dalle leggi di mercato. In determinate condizioni, se ogni produttore sceglie il prezzo si ottiene il beneficio massimo per la comunità. In tali condizioni, è giusto che ognuno scelga il proprio prezzo. Ma non è assoluto, come è evidente in un esempio estremo.Se vi fosse un cartello dell'acqua potabile, e dieci imprese settassero tutte un prezzo elevato per ottenerla, nonostante costi bassi di approviggionamento e scarsa elasticità della domanda, sarebbe forse immorale rubarla? Manco per niente. In tal caso non è benefico per la comunità fargli settare il prezzo, ed è compito mio spiegarglielo se pagano i legislatori per non accorgersene.Nei casi di monopolio viene meno la giustificazione razionale del mercato, il vantaggio per i consumatori e il giusto prezzo. Se c'è un cartello, il prezzo non è giusto. Non per nulla la legge proibisce accordi tra le aziende sui prezzi.Per questo ho fatto il discorso di cui sopra. Se non c'è un cartello, il prezzo deve andare ai costi. Perché? Perché se non ci va, se io vendo a 10 quello che mi costa 5 produrre, qualcun altro lo venderà a 9 guadagnando comunque 5. Se la differenza tra guadagni e costi è troppo alta, se sto facendo profitti troppo alti, ai miei competitori basterebbe abbassare i prezzi per buttarmi fuori dal mercato. Se questo non accade, c'è un cartello, un accordo tra i competitori per non farsi competizione e guadagnare di più.Se i costi di tutto il settore si riducono del 60% ma il prezzo non scende, è un problema.Senza i sistemi di lobbying sul parlamento (espliciti, leggi scritte dalle società editoriali, niente di complottistico), le evidenti storture monopolistiche dell'editoria digitale sarebbero proibite. Mentre la legge non la decido io, se qualcosa è morale o meno per me sì. E se una legge è frutto di corruzione o scarsa educazione, è (per me) morale non rispettarla. Per te no? Mi sembra una posizione morale simplistica, ma fatti tuoi. Non vi è una morale unica, per me puoi anche considerare immorale vestirsi di giallo o mettere il cappello, basta che non mi dai fastidio se lo faccio io. Imporre la propria morale sugli altri è immorale.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            sicuro?
            Guarda Mex...basta che dai un'occhiata a Jamendo.com...funziona esattamente sui principi di cui parliamo noi...c'e' solo un autore...un distributore...che distribuisce la musica gratis agli utenti finali con il consenso degli autori che adottano la creative commons...ma che vivono grazie alla pubblicita' sul sito...e ad eventuali utilizzi commerciali delle loro opere che rimangono non autorizzate senza il previo consenso dell'autore...a meno che l'autore decida diversamente....E' un modello nuovo che funziona benissimo...tant'e' che conta gia' oltre 23000 album....e piu' di 5000 autori...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


            Irrilevante.


            Qui si parlava di un principio, e il principio
            è


            che copiare NON è uguale a rubare.


            E dato che non ti piace il termine ladro

            Non si tratta di piacere o non piacere,
            semplicemente NON è un
            ladro.

            Fattene una ragione.Per me non è un problema, è un criminale.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Il principio è il rispetto del prossimo.Esatto: e io rispetto il prossimo, perchè non ti faccio lavorare nemmeno un secondo in più, e non ti privo di nulla.Non hai motivo di essere pagato, per questo
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Il principio è il rispetto del prossimo.

            Esatto: e io rispetto il prossimo, perchè non ti
            faccio lavorare nemmeno un secondo in più, e non
            ti privo di
            nulla.Il prossimo è anche chi ha pagato regolarmente il servizio. Ma la tua indole criminale ti impedisce di scorgere tali persone.
            Non hai motivo di essere pagato, per questoEccolo il giudice supremo. colui che decide chi va pagato e chi no.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..


            Esatto: e io rispetto il prossimo, perchè non ti

            faccio lavorare nemmeno un secondo in più, e non

            ti privo di

            nulla.

            Il prossimo è anche chi ha pagato regolarmente il
            servizio. Ma la tua indole criminale ti impedisce
            di scorgere tali
            persone.E in che modo danneggio chi ha pagato? Costui si danneggia da solo. E danneggia me, finanziando le majors.


            Non hai motivo di essere pagato, per questo
            Eccolo il giudice supremo. colui che decide chi
            va pagato e chi
            no.Certo: è chi ha i soldi e potrebbe pagare, che decide chi pagare e chi no.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            Irrilevante.



            Qui si parlava di un principio, e il principio è

            che copiare NON è uguale a

            rubare.

            Il principio è il rispetto del prossimo.
            E dato che non ti piace il termine ladro, uso il
            termine più generico
            "CRIMINALE".il rispetto del prossimo comprende anche il rispetto della privacy dell'utente...il rispetto della leggittima opinione e di critica...che viene ignorato su youtube se uno posta uno spezzone di una trasmissione televisiva protetta dalla licenzina maledetta...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


            Irrilevante.





            Qui si parlava di un principio, e il
            principio
            è


            che copiare NON è uguale a


            rubare.



            Il principio è il rispetto del prossimo.

            E dato che non ti piace il termine ladro, uso il

            termine più generico

            "CRIMINALE".
            il rispetto del prossimo comprende anche il
            rispetto della privacy dell'utente...Cosa c'entra adesso la privacy?
            il rispetto
            della leggittima opinione e di critica...Rispetto a cui tutti hanno diritto, autori ed editori compresi.
            che
            viene ignorato su youtube se uno posta uno
            spezzone di una trasmissione televisiva protetta
            dalla licenzina
            maledetta...Ignorato? Cosa c'entra il rispetto delle opinioni con la pubblicazione su YouTube del lavoro di altri?Se gli altri sono dell'opinione che il loro lavoro non va pubblicato su YouTube, TU sei tenuto a RISPETTARE tale opinione. O valgono LE TUE, di opinioni?
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo

            Rispetto a cui tutti hanno diritto, autori ed
            editori
            compresi.Gli editori non hanno alcun diritto.Gli editori devono tornare ad essere agenzie al servizio dell'autore, e pagate da quest'ultimo.
            Ignorato? Cosa c'entra il rispetto delle opinioni
            con la pubblicazione su YouTube del lavoro di
            altri?Il diritto di citazione riconosciuto persino dall'infame legge sul copyright.
            Se gli altri sono dell'opinione che il loro
            lavoro non va pubblicato su YouTube, TU sei
            tenuto a RISPETTARE tale opinione. O valgono LE
            TUE, di
            opinioni?Gli altri sono tenuti a rispettare il diritto di citazione.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Cosa c'entra il rispetto delle opinioni
            con la pubblicazione su YouTube del lavoro di
            altri?
            Se gli altri sono dell'opinione che il loro
            lavoro non va pubblicato su YouTube, TU sei
            tenuto a RISPETTARE tale opinione. O valgono LE
            TUE, di
            opinioni?no caro Ruppolo dovrebbero valere le disposizioni della convenzione di Berna art.10,la legge sul fair use statunitense e quella europea nota come ipred2....sui diritti umani non ne sai molto vero ?L'articolo 10 della Convenzione di Berna, ratificata o presa ad esempio dalla maggioranza degli ordinamenti internazionali, prevede il diritto di citazione con le seguenti regole:Articolo 101) Sono lecite le citazioni tratte da un'opera già resa lecitamente accessibile al pubblico, nonché le citazioni di articoli di giornali e riviste periodiche nella forma di rassegne di stampe, a condizione che dette citazioni siano fatte conformemente ai buoni usi e nella misura giustificata dallo scopo.2) Restano fermi gli effetti della legislazione dei Paesi dell'Unione e degli accordi particolari tra essi stipulati o stipulandi, per quanto concerne la facoltà d'utilizzare lecitamente opere letterarie o artistiche a titolo illustrativo nell'insegnamento, mediante pubblicazioni, emissioni radiodiffuse o registrazioni sonore o visive, purché una tale utilizzazione sia fatta conformemente ai buoni usi e nella misura giustificata dallo scopo.3) Le citazioni e utilizzazioni contemplate negli alinea precedenti dovranno menzionare la fonte e, se vi compare, il nome dell'autore.http://punto-informatico.it/2822956/PI/News/fair-use-un-gioco-bambini.aspxNell'aprile 2007, il Parlamento europeo ha votato in seduta plenaria una relazione che accoglie la proposta della Commissione di una nuova direttiva sul diritto d'autore - Ipred2 - e, nello stesso tempo, introduce una serie di emendamenti.Uno, in particolare, ricalcato sostanzialmente sul fair use statunitense, stabilisce che la riproduzione in copie o su supporto audio o con qualsiasi altro mezzo, a fini di critica, recensione, informazione, insegnamento (compresa la produzione di copie multiple per l'uso in classe), studio o ricerca, «non debba essere qualificato come reato».
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: ruppolo


            Cosa c'entra il rispetto delle opinioni

            con la pubblicazione su YouTube del lavoro di

            altri?

            Se gli altri sono dell'opinione che il loro

            lavoro non va pubblicato su YouTube, TU sei

            tenuto a RISPETTARE tale opinione. O valgono LE

            TUE, di

            opinioni?

            no caro Ruppolo dovrebbero valere le disposizioni
            della convenzione di Berna art.10,la legge sul
            fair use statunitense e quella europea nota come
            ipred2....sui diritti umani non ne sai molto vero
            ?

            L'articolo 10 della Convenzione di Berna,
            ratificata o presa ad esempio dalla maggioranza
            degli ordinamenti internazionali, prevede il
            diritto di citazione con le seguenti
            regole:

            Articolo 10

            1) Sono lecite le citazioni tratte da un'opera
            già resa lecitamente accessibile al pubblico,
            nonché le citazioni di articoli di giornali e
            riviste periodiche nella forma di rassegne di
            stampe, a condizione che dette citazioni siano
            fatte conformemente ai buoni usi e nella misura
            giustificata dallo
            scopo.

            2) Restano fermi gli effetti della legislazione
            dei Paesi dell'Unione e degli accordi particolari
            tra essi stipulati o stipulandi, per quanto
            concerne la facoltà d'utilizzare lecitamente
            opere letterarie o artistiche a titolo
            illustrativo nell'insegnamento, mediante
            pubblicazioni, emissioni radiodiffuse o
            registrazioni sonore o visive, purché una tale
            utilizzazione sia fatta conformemente ai buoni
            usi e nella misura giustificata dallo
            scopo.

            3) Le citazioni e utilizzazioni contemplate negli
            alinea precedenti dovranno menzionare la fonte e,
            se vi compare, il nome
            dell'autore.


            http://punto-informatico.it/2822956/PI/News/fair-u

            Nell'aprile 2007, il Parlamento europeo ha votato
            in seduta plenaria una relazione che accoglie la
            proposta della Commissione di una nuova direttiva
            sul diritto d'autore - Ipred2 - e, nello stesso
            tempo, introduce una serie di
            emendamenti.

            Uno, in particolare, ricalcato sostanzialmente
            sul fair use statunitense, stabilisce che la
            riproduzione in copie o su supporto audio o con
            qualsiasi altro mezzo, a fini di critica,
            recensione, informazione, insegnamento (compresa
            la produzione di copie multiple per l'uso in
            classe), studio o ricerca, «non debba essere
            qualificato come
            reato».mi sono dimenticato la legge italiana in merito...ossia art. 70, Legge 22 aprile 1941 n. 633 (recante norme sulla Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio) dispone che «il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti d'opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purché non costituiscono concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera».
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            anche entrare al cinema senza pagare e stare in piedi in fondo sale non equivale a rubare il biglietto o il posto a qualcuno, però missà che se ci provi non la prendono tanto bene
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: ANCHE NO..

            anche entrare al cinema senza pagare e stare in
            piedi in fondo sale non equivale a rubare il
            biglietto o il posto a qualcuno, però missà che
            se ci provi non la prendono tanto beneParagone errato.Così facendo io occupo il loro spazio.Ma se duplicassi il cinema ed entrasi nel cinema duplicato a loro non farei alcun torto.
          • MeX scrive:
            Re: ANCHE NO..
            se duplichi un cinema fai un abuso edilizio :D
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Lo so che ormai tu sei nella terra verde dell'EIRE ma sai... qui il termine "abuso edilizio" negli ultimi anni ha - purtroppo - assunto la stessa gravità di"accriderbolina" o "biricchino".... rischia di più a duplicare file ;-)
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia
            Lo so che ormai tu sei nella terra verde
            dell'EIRE ma sai... qui il termine "abuso
            edilizio" negli ultimi anni ha - purtroppo -
            assunto la stessa gravità di"accriderbolina" o
            "biricchino".... rischia di più a duplicare file
            ;-)E comunque sia "acciderbolina" che "birichino" sono gravi offese infamanti rispetto a "corruttore di giudici", "XXXXXXXXXX di minorenni", "abusatore di potere".Sempre qui in bungalandia, beninteso.
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Siamo a Fantasilandia! Abbiamo pure il nano!!! :-))
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            se duplichi un cinema fai un abuso edilizio :Dah bene allora se e' solo questo il problema...basta pagare un condoncino che periodicamente spunta fuori ed il problema e' risolto(rotfl)(rotfl)
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            anche entrare al cinema senza pagare e stare in

            piedi in fondo sale non equivale a rubare il

            biglietto o il posto a qualcuno, però missà che

            se ci provi non la prendono tanto bene

            Paragone errato.

            Così facendo io occupo il loro spazio.Ma questo non gli costa nulla.
            Ma se duplicassi il cinema ed entrasi nel cinema
            duplicato a loro non farei alcun
            torto.Lo faresti a tutti quelli che hanno pagato il biglietto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..


            Ma se duplicassi il cinema ed entrasi nel cinema

            duplicato a loro non farei alcun

            torto.

            Lo faresti a tutti quelli che hanno pagato il
            biglietto.Avevano solo da non comprarlo e salire sul mio autobus gratuito.Se sono stati cretini, è colpa loro.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: MeX
            anche entrare al cinema senza pagare e stare in
            piedi in fondo sale non equivale a rubare il
            biglietto o il posto a qualcuno, però missà che
            se ci provi non la prendono tanto
            beneli entri in un locale abusivamente...e' diverso...potevi pure portare l'esempio della discoteca a questo punto...o del biglietto dell'autobus...ma mi dici cosa c'entra l'acXXXXX ad un locale con una licenzina ?
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: MeX

            anche entrare al cinema senza pagare e stare in

            piedi in fondo sale non equivale a rubare il

            biglietto o il posto a qualcuno, però missà che

            se ci provi non la prendono tanto

            bene

            li entri in un locale abusivamente...e'
            diverso...potevi pure portare l'esempio della
            discoteca a questo punto...o del biglietto
            dell'autobus...ma mi dici cosa c'entra l'acXXXXX
            ad un locale con una licenzina
            ?È la stessa cosa: licenza di utilizzo, non proprietà.
          • 01234 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            crimine.....................ma per favore....(dico, legge a parte)
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            per tutti qui tranne pochissimi

            scaricare !=rubare

            Anche per la Corte di Cassazione.

            http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24
            Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13
            novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449
            (2110/2003)
            ...non configurabilità del reato di furto dei
            files mediante duplicazione (o
            copiatura)...

            http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903
            Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26
            ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n.
            44840
            ...è da escludere la configurabilità del reato di
            furto nel caso di semplice
            copiatura...per forza...si tratta della violazione di una licenza...mica del furto di un oggetto...non mi meraviglia per niente la sentenza della Cassazione...mi meraviglia piuttosto che serva una sentenza della corte di Cassazione per far comprendere agli integralisti delle licenzine...che la violazione di una licenza non e' un furto...capisco raccontare cretinate ai loro clienti...ma credere alle loro stesse balle e' patetico... Grazie per aver postato questa sentenza...l'altra volta un altro utente ha postasto gli articoli del codice penale riguardanti il furto...ma ancora i sostenitori delle licenzine non vogliono finirla con questa balla del furto...e' una cosa illegale perche' l'hanno fatta diventare illegale...esattamente come e' illegale una manifestazione per il laicismo in un paese teocratico dittatoriale...ma cio' non vuol dire che chi manifesta per il laicismo in quel paese e' un criminale...ovviamente in quel paese la penseranno in modo diverso...ma cio' non vuol dire che sia giusto...
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Cane fesso
            Ovviamente,
            non l'ho inserito nel contesto perchè per tutti
            qui tranne pochissimi scaricare !=rubare, quindi
            non avrebbero capito a cosa mi riferissi
            :DAnche per la Corte di Cassazione.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Cane fesso

            E per la cronaca, chi compra originale

            semplicemente o ha soldi e si scoccia di

            scaricarlo a internet, o si trova "nel momento"

            in un centro commerciale e fa la "follia" di

            prenderlo originale, o semplicemente non sa come

            ottenerlo

            pirata.

            Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno per
            l'anticamera del cervello,
            vero?E' onesto perche' rispetta la licenzina? Quindi se io vado a riprendere una partita con la mia videocamera e la registro o lo trasmetto in streaming violando la licenzina di sky divento un ladro disonesto secondo te...giusto? Non sara' chi vuole evitare la concorrenza il disonesto ?E quali artisti e quali opere proteggerebbe la licenzina in questo caso ?Dove sta la creativita' e l'opera di ingegno da proteggere in questo caso specifico? Se pago per vedere un concerto...e lo registro e lo metto in streaming sono un ladro? e pure un disonesto ? Ah se lo dite voi...!!!Ecco perche' mi stanno antipatiche le licenzine del cavolo....(rotfl)(rotfl)
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Cane fesso


            E per la cronaca, chi compra originale


            semplicemente o ha soldi e si scoccia di


            scaricarlo a internet, o si trova "nel
            momento"


            in un centro commerciale e fa la "follia" di


            prenderlo originale, o semplicemente non sa
            come


            ottenerlo


            pirata.



            Che sia onesto, invece, non ti passa nemmeno per

            l'anticamera del cervello,

            vero?

            E' onesto perche' rispetta la licenzina?No, perché rispetta il prossimo.
            Quindi
            se io vado a riprendere una partita con la mia
            videocamera e la registro o lo trasmetto in
            streaming violando la licenzina di sky divento un
            ladro disonesto secondo te...giusto?Diventi prima di tutto un disonesto. Il resto viene dopo.
            Non sara'
            chi vuole evitare la concorrenza il disonesto
            ?No, perché la tua sarebbe concorrenza SLEALE.
            E quali artisti e quali opere proteggerebbe la
            licenzina in questo caso
            ?Domanda futile.
            Dove sta la creativita' e l'opera di ingegno da
            proteggere in questo caso specifico?E perché, serve che ci sia?Se io desidero che tu non mi scatti una foto, tu mi devi rispettare. In primis per rispetto del prossimo, a prescindere se esista una legge in merito. Se non capisci questo, sei una mela marcia irrecuperabile.
            Se pago per
            vedere un concerto...e lo registro e lo metto in
            streaming sono un ladro? e pure un disonesto ? Ah
            se lo dite
            voi...!!!Lo dovresti sapere da te, se i tuoi genitori ti hanno insegnato cos'è l'onestà.
            Ecco perche' mi stanno antipatiche le licenzine
            del
            cavolo....(rotfl)(rotfl)Ovvio, fai parte della generazione VOGLIO TUTTO E SUBITO. Ma non temere, quelli dopo di te ti riserveranno lo stesso trattamento, se non peggio, visto il trend. Chiediti perché oggi assumono quasi tutti con contratto a termine, e osserva CHI decide, di che generazione è.
          • Sgabbio scrive:
            Re: ANCHE NO..
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Guarda morivo dalla voglia di rispondere ad alcune tue affermazioni....- Scritto da: ruppolo

            E' onesto perche' rispetta la licenzina?

            No, perché rispetta il prossimo.Ah benissimo allora possiamo affermare che chi non rispetta il prossimo e' disonesto...quindi questo vale anche per gli integralisti delle licenzine che pretendono di far togliere gli spezzoni televisivi che la gente vuole commentare su youtube e calpestano il diritto di opinione e di critica... fanno pressioni per avere dei privilegi che milioni di persone non vorrebbero concedergli...facendo approvare leggi assurde...quindi non rispettano la volonta' popolare...ne' la democrazia...e nel caso della Francia stavano per violare perfino dei principi costituzionali...

            Non sara'

            chi vuole evitare la concorrenza il disonesto

            ?

            No, perché la tua sarebbe concorrenza SLEALE.Finalizzata a non ottenere nessun guadagno...quindi totalmente disinteressata...e non rispettosa della licenzina...ma rispettosa delle milioni di persone che vogliono vedersi l'evento ma non hanno la possibilita'... che strana concorrenza!!! e che strano modo di essere poco rispettosi del prossimo!!!! E soprattutto che strano concetto di disonesta'...una disonesta' non finalizzata all'ottenere degli scopi e dei privilegi personali...sai non si trova tutti i giorni questo tipo di disonesta'....


            E quali artisti e quali opere proteggerebbe la

            licenzina in questo caso

            ?

            Domanda futile.Si'...perche' la risposta e' nessun artista e nessuna opera....


            Dove sta la creativita' e l'opera di ingegno da

            proteggere in questo caso specifico?

            E perché, serve che ci sia?E certo..perche' tu proteggi le cose che non esistono?

            Se io desidero che tu non mi scatti una foto, tu
            mi devi rispettare. Ed infatti non te la scatto...pero' se tu mi chiedi di non fotografare la piazza dove si trova la tua casa...io la fotografo lo stesso...perche' la piazza non e' tua... e non puoi vietarmi di fotografare una piazza perche' li in mezzo si trova la tua casa...
            In primis per rispetto del
            prossimo, a prescindere se esista una legge in
            merito. Se non capisci questo, sei una mela
            marcia irrecuperabile.Ma il rispetto deve essere reciproco... se tu non mi lasci commentare una trasmissione televisiva in pace...e non mi fai registrare un evento per cui ho pagato...non vedo perche' dovrei rispettare i tuoi privilegi che milioni di persone se potessero abolirebbero oggi stesso...peccato che questi milioni di persone sono rappresentate da una rappresentanza politica che non li rappresenta per niente...almeno per quanto riguarda il loro modo di pensare...su queste questioni...ecco se non capisci che il diritto di opinione e di espressione non puo' essere calpestato da una minoranza di privilegiati...(beh penso che si possa utilizzare la tua stessa espressione) "sei una mela marcia irrecuperabile".


            Se pago per

            vedere un concerto...e lo registro e lo metto in

            streaming sono un ladro? e pure un disonesto ?
            Ah

            se lo dite

            voi...!!!

            Lo dovresti sapere da te, se i tuoi genitori ti
            hanno insegnato cos'è
            l'onestà.Certo...e ci scommetto che se fossi persiano o cinese diresti le stesse cose anche ai manifestanti che manifestano per i loro diritti...li definiresti dei disonesti facinorosi che violano le leggi dello stato e non hanno alcun rispetto per il proprio paese..Giusto?Ecco vedi...io non la penso come te...Le leggi sono fatte da persone e le persone possono commettere errori ed ingiustizie....Chi stabilisce questo ? Solo ed esclusivamente la gente e la popolazione...se a milioni di persone stanno sulle scatole i privileggi di una minoranza di persone...vuol dire che tali privilegi non dovrebbero esistere...


            Ecco perche' mi stanno antipatiche le licenzine

            del

            cavolo....(rotfl)(rotfl)

            Ovvio, fai parte della generazione VOGLIO TUTTO E
            SUBITO. Ma non temere, quelli dopo di te ti
            riserveranno lo stesso trattamento, se non
            peggio, visto il trend. Chiediti perché oggi
            assumono quasi tutti con contratto a termine, e
            osserva CHI decide, di che generazione
            è.La generazione che decide e' quella degli ultra-settantenni...Sai che si dice dell'Italia? Non e' un paese per giovani...magari lo fosse...
          • Hiperlon scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            Ah benissimo allora possiamo affermare che chi
            non rispetta il prossimo e' disonesto...quindi
            questo vale anche per gli integralisti delle
            licenzine che pretendono di far togliere gli
            spezzoni televisivi che la gente vuole commentare
            su youtube e calpestano il diritto di opinione e
            di critica... fanno pressioni per avere dei
            privilegi che milioni di persone non vorrebbero
            concedergli...facendo approvare leggi
            assurde...quindi non rispettano la volonta'
            popolare...ne' la democrazia...e nel caso della
            Francia stavano per violare perfino dei principi
            costituzionali...
            Intanto loro si son coalizzati e voi pirati non siete nemmeno capaci di farlo un benedetto partito pirata come controlobby, buoni solo a biXXXXXre qui su PI e ciarlare di onestà cucita su misura delle vstre "esigenze".



            Non sara'


            chi vuole evitare la concorrenza il disonesto


            ?



            No, perché la tua sarebbe concorrenza SLEALE.

            Finalizzata a non ottenere nessun
            guadagno...quindi totalmente disinteressata...e
            non rispettosa della licenzina...ma rispettosa
            delle milioni di persone che vogliono vedersi
            l'evento ma non hanno la possibilita'... cheQuindi se io non ho la possibilità di pagarmi un parcheggio per qualche ora son legittimato a aprcheggiare in seconda o terza fila o altro in divieto? e se non ho una casa son legittimato aa occuparne una qlsiasi fregandomene del proprietario?
            strana concorrenza!!! e che strano modo di essere
            poco rispettosi del prossimo!!!! E soprattutto
            che strano concetto di disonesta'...una
            disonesta' non finalizzata all'ottenere degli
            scopi e dei privilegi personali...sai non si
            trova tutti i giorni questo tipo di
            disonesta'....

            Devi rispettare la definizione, nel senso di rispetto della legge.se non ti sta bene (aboliamo il copyright, ma io preferirei riformarlo, non abolirlo totalmente) coalizzatevi/ziamoci e cambiamo la legge. Così si fa!Domanda futile....


            In primis per rispetto del

            prossimo, a prescindere se esista una legge in

            merito. Se non capisci questo, sei una mela

            marcia irrecuperabile.

            Ma il rispetto deve essere reciproco... se tu non
            mi lasci commentare una trasmissione televisiva
            in pace...e non mi fai registrare un evento per
            cui ho pagato...non vedo perche' dovrei
            rispettare i tuoi privilegi che milioni di
            persone se potessero abolirebbero oggi
            stesso...Bene, se son così tante le persone che tu dici,sarà facilissimo fare il partito pirata e abolire il copyright. Perchè non lo fate? O stai dicendo una fesseria?Non credere che perchè qui, su questo giornale gratutio, scrivono solo o quasi pro abolizione il resto del mondo la pensa come voi.
            Ecco vedi...io non la penso come te...Le leggi
            sono fatte da persone e le persone possono
            commettere errori ed ingiustizie....Chi
            stabilisce questo ? Solo ed esclusivamente la
            gente e la popolazione...se a milioni di persone
            stanno sulle scatole i privileggi di una
            minoranza di persone...vuol dire che tali
            privilegi non dovrebbero
            esistere...Allor a si cambiano le leggi e questo mi va benissimo.
            La generazione che decide e' quella degli
            ultra-settantenni...
            Sai che si dice dell'Italia? Non e' un paese per
            giovani...magari lo
            fosse...Ma se i giovani hanno imparato che se una legge ( e dico una qualsiasi, quella che più li disturba) non gli va bene non la rispettano e non che devon imparare a lottare legalmenteper cambiarla o abolirla se proprio volgiono, siamo messi prorio male in quanto a futuro, credimi!!!
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Hiperlon
            Ma se i giovani hanno imparato che se una legge (
            e dico una qualsiasi, quella che più li disturba)
            non gli va bene non la rispettano e non che devon
            imparare a lottare
            legalmente
            per cambiarla o abolirla se proprio volgiono,
            siamo messi prorio male in quanto a futuro,
            credimi!!!Come non quotare?
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Hiperlon

            Ma se i giovani hanno imparato che se una legge
            (

            e dico una qualsiasi, quella che più li
            disturba)

            non gli va bene non la rispettano e non che
            devon

            imparare a lottare

            legalmente

            per cambiarla o abolirla se proprio volgiono,

            siamo messi prorio male in quanto a futuro,

            credimi!!!

            Come non quotare?Ah sei daccordo pure tu sul fatto che sia giusto battersi politicamente per cambiare la legge sul copyright? Questa si che e' una novita'...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Ma se i giovani hanno imparato che se una legge (
            e dico una qualsiasi, quella che più li disturba)
            non gli va bene non la rispettano e non che devon
            imparare a lottare
            legalmente
            per cambiarla o abolirla se proprio volgiono,
            siamo messi prorio male in quanto a futuro,
            credimi!!!Preferisci una rivolta?
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Hiperlon
            Intanto loro si son coalizzati e voi pirati non
            siete nemmeno capaci di farlo un benedetto
            partito pirata come controlobby, buoni solo a
            biXXXXXre qui su PI Sai che non hai tutti i torti...il partito pirata e' una realta' mondiale ma ancora la sua influenza non si e' fatta sentire molto...iniziare a parlare qui...di questi temi e' il primo passo da fare...cui ovviamente ne devono seguire degli altri....
            Devi rispettare la definizione, nel senso di
            rispetto della
            legge.
            se non ti sta bene (aboliamo il copyright, ma io
            preferirei riformarlo, non abolirlo totalmente)
            coalizzatevi/ziamoci e cambiamo la legge. Così si
            fa!Hai perfettamente ragione su questo...la legge c'e' e va cambiata perche' e' lesiva della collettivita'...e questo non lo stabilisco io...ne' i beneficiari delle licenzine...lo stabilisce appunto la collettivita' ossia tutti noi...

            Non credere che perchè qui, su questo giornale
            gratutio, scrivono solo o quasi pro abolizione il
            resto del mondo la pensa come
            voi.c'era un sondaggio commissionato da una nota casa software sul fenomeno della pirateria che era giunta alla conclusione che oltre il 60% degli utenti non riteneva che dovesse essere reato scaricare file protetti da copyright....voglio dire e' un sondaggio fatto da persone che sono favorevoli al copyright...quindi se il loro sondaggio...e' giunto a queste conclusioni...evidentemente le persone che la pensano cosi' sono la maggioranza...almeno qui in rete...



            Ecco vedi...io non la penso come te...Le leggi

            sono fatte da persone e le persone possono

            commettere errori ed ingiustizie....Chi

            stabilisce questo ? Solo ed esclusivamente la

            gente e la popolazione...se a milioni di persone

            stanno sulle scatole i privileggi di una

            minoranza di persone...vuol dire che tali

            privilegi non dovrebbero

            esistere...
            Allor a si cambiano le leggi e questo mi va
            benissimo.
            Bene siamo daccordo...la penso come te...lo ribadisco...sono qui appunto per affermare questa necessita'....

            Ma se i giovani hanno imparato che se una legge (
            e dico una qualsiasi, quella che più li disturba)
            non gli va bene non la rispettano e non che devon
            imparare a lottare
            legalmente
            per cambiarla o abolirla se proprio volgiono,
            siamo messi prorio male in quanto a futuro,
            credimi!!!hai ragione...ma chi scrive qui...e' appunto chi sostiene che la legge deve essere cambiata...sul fatto che ci siano poche iniziative concrete in Italia...non e' che hai tutti i torti...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            Guarda morivo dalla voglia di rispondere ad
            alcune tue
            affermazioni....Si, ma non sai come aggrapparti.
            Ah benissimo allora possiamo affermare che chi
            non rispetta il prossimo e' disonesto...Esatto.
            quindi
            questo vale anche per gli integralisti delle
            licenzine che pretendono di far togliere gli
            spezzoni televisivi che la gente vuole commentare
            su youtubeIl "prossimo" ha dato il benestare affinché spezzoni della sua opera potessero esser caricati su YouTube?
            e calpestano il diritto di opinione e
            di critica...Per nulla, chiunque può esprimere opinioni e critiche, nei paesi democratici.
            fanno pressioni per avere dei
            privilegi che milioni di persone non vorrebbero
            concedergli...Tutti fanno pressioni per avere privilegi, anche i dipendenti quando vanno dal capo a chiedere aumenti o il rimborso del costo per venire al lavoro o i buoni pasto o il posto auto, eccetera.
            facendo approvare leggi
            assurde...Le leggi possono anche essere assurde, e anche qui ogni persona può scegliere: vivere nella comunità rispettando le leggi oppure cambiare aria, emigrando in luoghi del pianeta dove si può vivere in totale anarchia.
            quindi non rispettano la volonta'
            popolare...ne' la democrazia...e nel caso della
            Francia stavano per violare perfino dei principi
            costituzionali...Vale la risposta precedente. Io non ho la soluzione per i guasti della democrazia, ma di certo tutto questo è strettamente correlato con l'onestà delle persone.
            Finalizzata a non ottenere nessun
            guadagno...quindi totalmente disinteressata...Con cavolo! Interessata ad ottenere il bene senza pagare!
            e
            non rispettosa della licenzina...Non è che usando il diminutivo "-ina" abbia meno valore, sai?
            ma rispettosa
            delle milioni di persone che vogliono vedersi
            l'evento ma non hanno la possibilita'...Se non hanno la possibilità ne faranno a meno. Soddisfare tutte le volontà delle persone non è un dovere per nessuno, né è un diritto per loro.
            che
            strana concorrenza!!! e che strano modo di essere
            poco rispettosi del prossimo!!!! E soprattutto
            che strano concetto di disonesta'...una
            disonesta' non finalizzata all'ottenere degli
            scopi e dei privilegi personali...La disonestà è il mancato rispetto del prossimo. Il punto è che TU ti arroghi il diritto, che nessuno ti ha conXXXXX, di stabilire che il rispetto del prossimo è vincolato ad eventuali privilegi personali.Ti faccio un esempio: se ti sparo un colpo in testa non me ne viene alcun vantaggio. Quindi se lo faccio non ti manco di rispetto?Le due cose (rispetto e privilegi) non hanno alcun legame, come vedi.
            sai non si
            trova tutti i giorni questo tipo di
            disonesta'....Inutile che meni il can per l'aia, qui parliamo di p2p, ovvero di mancato rispetto degli autori delle opere.

            Domanda futile.

            Si'...perche' la risposta e' nessun artista e
            nessuna
            opera....La risposta la conosci bene: la licenza protegge ogni opera a cui è accompagnata.

            E perché, serve che ci sia?


            E certo..perche' tu proteggi le cose che non
            esistono?Certo che no. L'opera da proteggere nel tuo esempio è lo spettacolo creato da tutti i soggetti coinvolti. Un lavoro che viene compensato unendo varie fonti: biglietti, sponsorizzazioni, fondi statali, esclusive varie per interviste e riprese televisive, eccetera.
            Ed infatti non te la scatto...pero' se tu mi
            chiedi di non fotografare la piazza dove si trova
            la tua casa...io la fotografo lo stesso...perche'
            la piazza non e' tua... e non puoi vietarmi di
            fotografare una piazza perche' li in mezzo si
            trova la tua
            casa...Certo, ma quando sei allo stadio, o fotografi il cielo oppure qualsiasi altra cosa non è tua e non è pubblica. Quindi se il padrone di casa dice "niente foto", tu le foto non le fai, rispettando la sua opinione.
            Ma il rispetto deve essere reciproco... se tu non
            mi lasci commentare una trasmissione televisiva
            in pace..."una"? No, non è "una", è la trasmissione televisiva di qualcuno, del prossimo. Quindi ciò che puoi fare o non fare, in pace o meno, dipende dalla sua volontà e dalle leggi vigenti.
            e non mi fai registrare un evento per
            cui ho pagato...Hai pagato per vederlo, non per registralo e ripubblicarlo. Invece Sky (per fare un esempio) ha pagato per questo, quindi non ha pagato 20 euro, ma 200 mila euro.
            non vedo perche' dovrei
            rispettare i tuoi privilegi che milioni di
            persone se potessero abolirebbero oggi
            stesso...Pensa quante persone abolirebbero le tasse oggi stesso...
            peccato che questi milioni di persone
            sono rappresentate da una rappresentanza politica
            che non li rappresenta per niente...Questo però è un altro discorso.
            almeno per
            quanto riguarda il loro modo di pensare...su
            queste questioni...ecco se non capisci che il
            diritto di opinione e di espressione non puo'
            essere calpestato da una minoranza di
            privilegiati...(beh penso che si possa utilizzare
            la tua stessa espressione) "sei una mela marcia
            irrecuperabile".Ti capisco, ma devi decidere: o affronti il problema in modo democratico o fai il delinquente, rendendo pan per focaccia a chi calpesta i tuoi diritti.Tutto dipende se vuoi restare onesto o se vuoi diventare come quelli che condanni.Se le major rubano i tuoi soldi e tu rubi il loro prodotto, siete entrambi disonesti.Se vuoi metterti sul loro piano, né tu né loro vi dovrete mai lamentare se vi arrivano le bastonate o se qualcuno vi da dei ladri.

            Lo dovresti sapere da te, se i tuoi genitori ti

            hanno insegnato cos'è

            l'onestà.

            Certo...e ci scommetto che se fossi persiano o
            cinese diresti le stesse cose anche ai
            manifestanti che manifestano per i loro
            diritti...Avere la comodità di poter ascoltare un determinato brano (o vedere un determinato film) dove voglio e quando voglio, non è un mio diritto costituzionale o da "carta dei diritti umani", ma becera comodità di occidentale che vive nell'agio.(continua)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Il "prossimo" ha dato il benestare affinché
            spezzoni della sua opera potessero esser caricati
            su
            YouTube?No, ma non serve. Nemmeno io ho dato il benestare a te di scrivere qui, ma tu lo fai lo stesso, perchè non ti serve il mio permesso per farlo.
            Tutti fanno pressioni per avere privilegi, anche
            i dipendenti quando vanno dal capo a chiedere
            aumenti o il rimborso del costo per venire al
            lavoro o i buoni pasto o il posto auto,
            eccetera.Ma non è detto che li ottengano.La domanda vera è: "se non ottieni quello che vuoi, che fai?"L'unica cosa che puoi fare è smettere di lavorare, e attendere che vengano a chiederti di riprendere. A quel punto puoi dettare le tue condizioni.Ma se nessuno ti chiede di tornare a lavorare, vuol dire che il tuo lavoro non serviva a nessuno... e allora non devi essere pagato per farlo.
            Le leggi possono anche essere assurde, e anche
            qui ogni persona può scegliere: vivere nella
            comunità rispettando le leggi oppure cambiare
            aria, emigrando in luoghi del pianeta dove si può
            vivere in totale
            anarchia.O ribellarsi alla legge assurda. E tale ribellione può avere gravi conseguenze, quindi è meglio non scherzarci su.

            e

            non rispettosa della licenzina...

            Non è che usando il diminutivo "-ina" abbia meno
            valore,
            sai?Non può averne meno di zero...


            ma rispettosa

            delle milioni di persone che vogliono vedersi

            l'evento ma non hanno la possibilita'...

            Se non hanno la possibilità ne faranno a meno.Vero: quindi, quando nessuno vorrà più produrre musica e film perchè non è pagato, ne faremo a meno. Per ora abbiamo la possibilità di scaricare, e la usiamo.
            Soddisfare tutte le volontà delle persone non è
            un dovere per nessuno, né è un diritto per
            loro.E allora non soddisfarle, nessuno te lo ha chiesto. Non produrre e non pubblicare, nessuno si lamenterà. Ma se lo fa qualcun altro (anche usando ciò che hai prodotto tu), non lamentarti.Chi condivide ha fatto qualcosa di utile per tutti. Tu no. Quindi, se dobbiamo scegliere di chi di voi due possiamo fare a meno, indovina cosa decideremo?
            Il punto è che TU ti arroghi il diritto, che
            nessuno ti ha conXXXXX, di stabilire che il
            rispetto del prossimo è vincolato ad eventuali
            privilegi
            personali.No; quello sei tu.
            Ti faccio un esempio: se ti sparo un colpo in
            testa non me ne viene alcun vantaggio. Quindi se
            lo faccio non ti manco di
            rispetto?Lo danneggi. Se invece ti clonano qualche cellula (magari da usare per la banca del midollo), non ti fanno alcun danno.
            "una"? No, non è "una", è la trasmissione
            televisiva di qualcuno, del prossimo. Quindi ciò
            che puoi fare o non fare, in pace o meno, dipende
            dalla sua volontà e dalle leggi
            vigenti.La volontà di chi ha girato la trasmissione televisiva è che fosse vista. Altrimenti, non l'avrebbe girata.Quindi, vedendola e divulgandola, nessuno va contro la sua volontà.

            e non mi fai registrare un evento per

            cui ho pagato...

            Hai pagato per vederlo, non per registralo e
            ripubblicarlo. Per vederlo non ho bisogno di pagare, perchè su megavideo posso vederlo gratis.Quindi, se quello che mi vendi è solo una licenza di visione, tientela, non mi serve. E quando avrai fame, mangiati la licenza.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo


            Finalizzata a non ottenere nessun

            guadagno...quindi totalmente disinteressata...

            Con cavolo! Interessata ad ottenere il bene senza
            pagare!scusa...stavamo parlando di riprendere una partita od un concerto e trasmetterlo...e stavamo ponendo l'accento sull'emittente...che ha pagato per assistere agli spettacoli...e che sta fornendo questo servizio gratuitamente...quindi non ottiene nessun bene e nessun privilegio...al massimo qualche guaio giudiziario...


            e

            non rispettosa della licenzina...

            Non è che usando il diminutivo "-ina" abbia meno
            valore,
            sai?ah...guarda non e' che usando il termine "rubare"...la violazione di una licenza diventa un furto,sai? eppure tu continui ad usare questo termine anche se sai benissimo che e' improponibile...ebbene il suffisso -ina sta ad indicare che si tratta di una licenza commerciale che si applica anche in contesti diversi da quello commerciale...e la cui violazione rimane al max un presunto reato contro il patrimonio e non contro la persona...un diritto esclusivo di fare qualcosa...che molte persone non ritengono che dovrebbe essere conXXXXX al di fuori delle modalita' strettamente commerciali...da qui,data tutta l'enfasi e l'importanza che si da' a questa licenza...tanto da richiedere un accordo mondiale fra stati...(cosa che non avviene a momenti nemmeno per le guerre e per problemi seri come la fame nel mondo....)l'idea di ricollocarla in un contesto piu' rispondente alla sua reale importanza...e ribattezzarla "licenzina"...


            ma rispettosa

            delle milioni di persone che vogliono vedersi

            l'evento ma non hanno la possibilita'...

            Se non hanno la possibilità ne faranno a meno.
            Soddisfare tutte le volontà delle persone non è
            un dovere per nessuno, né è un diritto per
            loro.ma chi cerca di farlo deve essere considerato un criminale?Come se uno desse del cibo ad un affamato...ed il negozio ti citasse in giudizio...perche' il cibo deve essere comprato in negozio e non puo' essere donato da nessuno...perche' cosi' facendo il negozio ha un mancato introito...


            che

            strana concorrenza!!! e che strano modo di
            essere

            poco rispettosi del prossimo!!!! E soprattutto

            che strano concetto di disonesta'...una

            disonesta' non finalizzata all'ottenere degli

            scopi e dei privilegi personali...

            La disonestà è il mancato rispetto del prossimo.
            Il punto è che TU ti arroghi il diritto, che
            nessuno ti ha conXXXXX, di stabilire che il
            rispetto del prossimo è vincolato ad eventuali
            privilegi
            personali.nel caso di reati patrimoniali come la violazione di una licenza commerciale in genere e' cosi'....se non ci sono vantaggi economici...come fa ad esserci un reato contro il patrimonio?
            Ti faccio un esempio: se ti sparo un colpo in
            testa non me ne viene alcun vantaggio. Quindi se
            lo faccio non ti manco di
            rispetto?
            Le due cose (rispetto e privilegi) non hanno
            alcun legame, come
            vedi.Se uccidi qualcuno quello e' un reato contro la persona...non un reato patrimoniale...ed anche in quel caso c'e' il cosiddetto "movente"(cioe' il motivo, per cui hai fatto un gesto tanto orribile ed inqualificabile...che va non solo contro la legge...ma anche contro i valori della civilta' umana...e perfino contro natura...(gli animali della stessa specie di solito non si uccidono fra loro...!!!)...non puoiparagonare un presunto danno patrimoniale...con un reato contro la persona.
            Certo che no. L'opera da proteggere nel tuo
            esempio è lo spettacolo creato da tutti i
            soggetti coinvolti. Un lavoro che viene
            compensato unendo varie fonti: biglietti,
            sponsorizzazioni, fondi statali, esclusive varie
            per interviste e riprese televisive,
            eccetera.Ed uno spettacolo calcistico e' un'opera che necessita della stessa protezione di un'opera d'arte?E il diritto di esclusiva deve valere anche per l'utilizzo non commerciale? E perche'?

            Certo, ma quando sei allo stadio, o fotografi il
            cielo oppure qualsiasi altra cosa non è tua e non
            è pubblica. Quindi se il padrone di casa dice
            "niente foto", tu le foto non le fai, rispettando
            la sua
            opinione.


            Hai pagato per vederlo, non per registralo e
            ripubblicarlo. Invece Sky (per fare un esempio)
            ha pagato per questo, quindi non ha pagato 20
            euro, ma 200 mila
            euro.si...ma sky ha un ritorno economico...ecco perche' gli chiedono la percentuale... che pero' supera quello che paga...chi trasmette in streaming gratis non ha un ritorno economico....dovrebbe pagare 200 mila euro...per fare un'opera di beneficienza?


            peccato che questi milioni di persone

            sono rappresentate da una rappresentanza
            politica

            che non li rappresenta per niente...

            Questo però è un altro discorso.sai mica tanto...
            Ti capisco, ma devi decidere: o affronti il
            problema in modo democratico o fai il
            delinquente, rendendo pan per focaccia a chi
            calpesta i tuoi
            diritti.
            Tutto dipende se vuoi restare onesto o se vuoi
            diventare come quelli che
            condanni.Beh mi pare che lo sto facendo in modo democratico esprimendo la mia visione e le mie opinioni qui ed in altre sedi....ovviamente non essendo daccordo con queste leggi...non sono neppure daccordo nel condannare chi viola le licenze esclusive di trasmissione...
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: Franky
            li definiresti dei disonesti facinorosi che
            violano le leggi dello stato e non hanno alcun
            rispetto per il proprio
            paese..Giusto?Sbagliato, perché non stanno derubando i suoi simili.
            Ecco vedi...io non la penso come te...Le leggi
            sono fatte da persone e le persone possono
            commettere errori ed ingiustizie....Chi
            stabilisce questo ? Solo ed esclusivamente la
            gente e la popolazione...se a milioni di persone
            stanno sulle scatole i privileggi di una
            minoranza di persone...vuol dire che tali
            privilegi non dovrebbero
            esistere...Non è così. Alla gente sta sulle scatole qualsiasi dovere e vorrebbe invece avere qualsiasi diritto.Auto regolarsi è uno sforzo.E le mele marce stanno da ambo i lati: dalla parte di chi governa e dalla parte di chi è governato.


            Ecco perche' mi stanno antipatiche le
            licenzine


            del


            cavolo....(rotfl)(rotfl)



            Ovvio, fai parte della generazione VOGLIO TUTTO
            E

            SUBITO. Ma non temere, quelli dopo di te ti

            riserveranno lo stesso trattamento, se non

            peggio, visto il trend. Chiediti perché oggi

            assumono quasi tutti con contratto a termine, e

            osserva CHI decide, di che generazione

            è.

            La generazione che decide e' quella degli
            ultra-settantenni...No no, la generazione è molto più recente. Gli ultra settantenni hanno ancora radicati certi principi.
            Sai che si dice dell'Italia? Non e' un paese per
            giovani...magari lo
            fosse...L'Italia è il paese dei "furbi": poca voglia di lavorare e soldi facili. Rispetto del prossimo quasi zero. Del resto, in quale altra parte del mondo la gente fa la fila come in Italia?
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            Del resto, in quale altra parte del
            mondo la gente fa la fila come in
            Italia?Nel mondo civilizzato non si fa piu' la fila da un pezzo, ruppolo.Il fare la fila e' un antico retaggio proprio dei paesi sottosviluppati del terzo e del quarto mondo, dove non esiste una infrastruttura minima per poter garantire erogazione di servizi senza fare la fila.Anzi, no, mi correggo, hai ragione... C'e' gente a NYC che ha fatto ore e ore di fila qualche giorno fa.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..

            Non è così. Alla gente sta sulle scatole
            qualsiasi dovere e vorrebbe invece avere
            qualsiasi
            diritto.Vero: quindi, chi vorrebbe il diritto di essere pagato senza più lavorare, non lo merita.Ed è nostro dovere non pagarlo.
          • Franky scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Franky


            li definiresti dei disonesti facinorosi che

            violano le leggi dello stato e non hanno alcun

            rispetto per il proprio

            paese..Giusto?

            Sbagliato, perché non stanno derubando i suoi
            simili.Ma stanno violando le leggi di quello stato...quindi in quello stato vengono considerati criminali... e se tu fossi un cittadino onesto rispettoso delle leggi saresti stato costretto a considerarli criminali...Tu parli di derubare perche' sono state fatte delle leggi che condannano lo scaricamento di opere anche se non vi sono finalita' commerciali...ma se fossi vissuto in uno stato che non avesse promulgato queste leggi...non ti sarebbe mai venuto in mente di dire una cosa del genere...o mi sbaglio? Forse consideri ladro chi ascolta la musica in radio o guarda un film in tv ? Certo che no...ma se fosse reato guardare la tv ed ascoltare la radio...diresti che chi ascolta la radio e guarda la tv e' un ladro....

            No no, la generazione è molto più recente. Gli
            ultra settantenni hanno ancora radicati certi
            principi.Tipo quelli di considerare chi fa ricerca un barone ? Tipo quello di considerare il progresso tecnologico e scientifico un fatto di serie B?Tipo quello di considerare i problemi giovanili problemi di serie B?Tipo quello di considerare quello che dice la TV come verita' assoluta?
            L'Italia è il paese dei "furbi": poca voglia di
            lavorare e soldi facili. Su questo sono daccordo con te...
          • 0110 scrive:
            Re: ANCHE NO..

            peggio, visto il trend. Chiediti perché oggi
            assumono quasi tutti con contratto a termine, e
            osserva CHI decide, di che generazioneColpa degli scariconi!!!!!!!!!!
        • Fabrizio scrive:
          Re: ANCHE NO..
          Non sono d'accordo assolutamente con la tua posizione, ma è comunque un punto di vista.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: ANCHE NO..
          contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Cane fesso

            E' INNEGABILE che se trovo una cosa gratis,

            qualunque essa sia, digitale o non, NON la

            comprerò mai

            Falsissimo.
            I brani musicali venduti su iTunes dimostrano che
            la tua affermazione è falsa un miliardo di
            volte.E' falsa 2 miliardi di volte, perche', per esempio nel caso dei Bealtes, tra la gente che ha scaricato c'era pure qualcuno che possedeva pure i vinili.
    • panda rossa scrive:
      Re: ANCHE NO..
      - Scritto da: DJ PRODUTTORE
      Sono un Musicista, dj e produttore Italiano ..in
      passato ho fatto i miei dischi, le mie
      serate..tutto in in modo molto
      professionale...visto che era il mio unico
      lavoro..e a fine mese ci arrivavo e
      come.Quindi ti pagavano per le serate, per la prestazione che facevi.Adesso non fai piu' le serate?Forse per via della crisi?Forse per via che c'e' qualcuno piu' bravo?Forse per via che c'e' qualcuno meno pretenzioso?Perche' non riesco a capire come il P2P possa impedirti di fare le serate.
    • Ghostdog scrive:
      Re: ANCHE NO..
      scusa, ma come ha fatto la pirateria a farti pedere le serate?
      • Teone scrive:
        Re: ANCHE NO..
        educando i giovani virgulti alla VERA e BUONA MUSICA, invece di propinargli il TUNZ TUNZ; quando tu ascolti Vivaldi, Bach, I beatles ecc... che ti sembrerà il TUNZ TUNZ? un TUNZ TUNZ e basta
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: ANCHE NO..

      insomma senza farla lunga e saltando infiniti
      passaggi... le label non hanno più stampato
      dischi vinili..Vinile???No, aspetta, perché non torniamo ai cilindri di cera per il grammofono?E magari ricominciamo a scrivere sulle pergamene, ad arare i campi con i buoi e a riutilizzare i lampioni a petrolio...Il mondo cambia.Non si può pretendere che il Progresso si fermi perché quello che facciamo non è più adatto ai tempi.
      Nacquero i produttori amatoriali che ammazzarono
      a sua volta il mondo dei dj produttori seri..cioè
      quelli che come me in passato si sono dissanguati
      facendo prestiti e finanziamenti per farsi uno
      studio di registrazione con macchine e
      sintetizzatori costosti, creare uno staff di
      persone nelle serate, creare siti internet e
      forum di fans, creare un mondo.Ora abbiamo strumenti che su di un banale pc permettono di fare ciò che una volta richiedeva uno studio.Se le costose macchine sono diventate inutili, gli studi chiudono, semplice.O pretendi forse di vietare la vendita di tali software per non far chiudere gli studi?
      • Franky scrive:
        Re: ANCHE NO..
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        insomma senza farla lunga e saltando infiniti

        passaggi... le label non hanno più stampato

        dischi vinili..

        Vinile???
        No, aspetta, perché non torniamo ai cilindri di
        cera per il
        grammofono?
        E magari ricominciamo a scrivere sulle pergamene,
        ad arare i campi con i buoi e a riutilizzare i
        lampioni a
        petrolio...Cavolo!!! ma lo sai che hanno ragione loro... guarda quanti disonesti che ci sono in giro...i produttori di lampadine...che hanno "rubato" il lavoro ai produttori di candele senza pagargli i diritti esclusivi sull'illuminazione...il mondo della stampa che non ha pagato i diritti sul concetto di riproduzione dell'opera agli amanuensi.... e quindi ci ritroviamo con gli amanuensi e i produttori di candele danneggiati...bisogna fare subito una legge per proteggere i produttori di candele e mettere in galere quelli delle lampadine...e lo stesso bisogna fare per proteggere l'opera ricercata e ultraspecializzata degli amanuensi... quindi aboliamo l'eletricita' e la stampa...via tutto....il progresso danneggia il lavoro....via via viva le licenzine ed i brevetti....(rotfl)(rotfl)
      • pippO scrive:
        Re: ANCHE NO..
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Ora abbiamo strumenti che su di un banale pc
        permettono di fare ciò che una volta richiedeva
        uno
        studio.si si tua sorella! :DL'hai mai sentito un moog o "l'equivalente" versione plug in?
        • panda rossa scrive:
          Re: ANCHE NO..
          - Scritto da: pippO
          - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT



          Ora abbiamo strumenti che su di un banale pc

          permettono di fare ciò che una volta richiedeva

          uno

          studio.
          si si tua sorella! :D
          L'hai mai sentito un moog o "l'equivalente"
          versione plug
          in?E quindi staresti dicendo che le registrazioni casalinghe sono di bassa qualita' e quindi non c'e' problema a distribuirle in giro?
          • pippO scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT





            Ora abbiamo strumenti che su di un banale pc


            permettono di fare ciò che una volta
            richiedeva


            uno


            studio.

            si si tua sorella! :D

            L'hai mai sentito un moog o "l'equivalente"

            versione plug

            in?

            E quindi staresti dicendo che le registrazioni
            casalinghe sono di bassa qualita' e quindi non
            c'e' problema a distribuirle in
            giro?stiamo ancora aspettando le TUE di registrazioni...
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pippO


            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT







            Ora abbiamo strumenti che su di un banale pc



            permettono di fare ciò che una volta

            richiedeva



            uno



            studio.


            si si tua sorella! :D


            L'hai mai sentito un moog o "l'equivalente"


            versione plug


            in?



            E quindi staresti dicendo che le registrazioni

            casalinghe sono di bassa qualita' e quindi non

            c'e' problema a distribuirle in

            giro?
            stiamo ancora aspettando le TUE di
            registrazioni...Che cosa aspetti da me?
          • pippO scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa

            stiamo ancora aspettando le TUE di

            registrazioni...

            Che cosa aspetti da me?La prova che chiunque può diventare musicista per caso
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: panda rossa


            stiamo ancora aspettando le TUE di


            registrazioni...



            Che cosa aspetti da me?
            La prova che chiunque può diventare musicista per
            casohttp://dailymotion.virgilio.it/video/xez0ll_l-elefante-che-suona-l-armonica_animals
          • pippO scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: panda rossa



            stiamo ancora aspettando le TUE di



            registrazioni...





            Che cosa aspetti da me?

            La prova che chiunque può diventare musicista
            per

            caso

            http://dailymotion.virgilio.it/video/xez0ll_l-elefandava a "orecchio"
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Preferisci questo?[yt]TZ860P4iTaM[/yt]
      • 0110 scrive:
        Re: ANCHE NO..

        O pretendi forse di vietare la vendita di tali
        software per non far chiudere gli
        studi?Ce n'è pure di gratis che quindi causa anche MANCATI GUADAGNI alle aziende che non assumono programmatori non pagano le tasse e bla bla bla:http://lmms.sourceforge.net/
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: ANCHE NO..

      Ma la cosa triste sono i pirati, criminali che
      non vedono l'ora che qualche personalità in vista
      avalli i loro crimini, li giustifichi.Uhhh, quanto rosichi (rotfl)
      • ruppolo scrive:
        Re: ANCHE NO..
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Ma la cosa triste sono i pirati, criminali che

        non vedono l'ora che qualche personalità in
        vista

        avalli i loro crimini, li giustifichi.

        Uhhh, quanto rosichi (rotfl)Chissà cosa dovrei rosicare...
        • perche scrive:
          Re: ANCHE NO..
          tanto visto che sei diventato più aggressivo
          • ruppolo scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: perche
            tanto visto che sei diventato più aggressivoHo chiesto COSA, non quanto.
          • 01234 scrive:
            Re: ANCHE NO..
            ci sono elementi per i quali ce lo potremmo chiedere anche noima abbiamo di meglio da chiederci (quando non da fare) :-)
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: ANCHE NO..
      mi dispiace per la tua storia, io sono un giovane e spero di essere davvero un artista e arrivare a fine mese con quello diciamo. Dal mio punto di vista l'avanzamento della tecnologia è stato un bene/male: è ottimo perché anche con pochissimi mezzi chiunque può incidere un pezzo in casa e dimostrare il suo talento condividendolo in ogni punto del mondo raggiungibile via internet.. io credo davvero in questa cosa, però dall'altro lato se una volta riuscivano solo i più o meno ricchi e talentuosi e i ricchi raccomandati, ora cani e porci, nel senso dispreggiativo del termine, si beccano la fama il denaro e tutto il resto, che dovrebbe spettare di diritto anche per i principi che vanta di sostenere il sistema a chi invece ci mettere cuore, anima o solo ingegno ma riesce a dare qualcosa di concreto in cambio, che riesca a toccarti. per il fatto degli scariconi chiedo perdono per aver scaricato selvaggiamente in passato. ora cerco quanto possibile di acquistare i dischi che un tempo scaricavo e basta e di andare ai concerti, perché non è giusto verso chi fa questa vita anche per regalarci momenti indimenticabili.. è giusto che tutti quelli che ne avessero la possibilità lo facessero
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: ANCHE NO..
        - Scritto da: Jacopo Monegato ora
        cani e porci, nel senso dispreggiativo del
        termine, si beccano la fama il denaro e tutto il
        resto, Ma come? Non c'è la crisi del settore??? Fame e denaro?? E da dove escono?Lasciamo per un attimo da parte il fatto se il copyright serve o meno, se è giusto o meno e restiamo in argomento: il professore ha dimostrato che "gli scariconi" non hanno intaccato il potere economico dell'industria... non che ci volesse una ricerca... era sotto gli occhi di tutti da anni...L'unico che si è lamentato qui dentro e ha portato (per quanto da approfondire) dati in merito a un dover stringere la cinghia o cambiare mestiere è stato il dj produttore del post sopra...Come ho detto mille volte (senza risposta), e come ha detto Franky... questi signori stanno lamentandosi di qualcosa che non corrisponde al vero. Il punto è questo. Se i discografici piangono e NON ne hanno motivo (idem vale x il cinema), allora o si dimostri che hanno ragione o non sono affidabili e quindi degni di fiducia, attenzione e rispetto. PUNTO!
        • Jacopo Monegato scrive:
          Re: ANCHE NO..
          persoalmente secondo me il dj produttore ha avuto il suo sucXXXXX secondo il vecchio sistema, ma quando questo è cambiato non è riuscito a starci dietro, per un motivo o per un'altro
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Cosa che può accadere in tutti i settori che evolvono. Al di là di questo, restiamo sul punto della questione... i soldi. Se tanti artisti, discografici ecc. si sono fatti UN SACCO di soldi negli anni passati e ancora adesso non stanno col cappellino a chiedere la carità cosa vuol dire? Che comunque i prezzi non erano bassi... puoi anche vendere 10 milioni di dischi ma non li vendi a 1 euro (che già incasseresti 10 milioni... butta via....) li vendi a molti di più. Allora il punto è: il p2p e la tecnologia sono serviti a sbattere in faccia la realtà alla persone.... è necessaria tutta la "filiera"? Non ci saranno troppe bocche che ci mangiano sopra senza apportare realmente contributi all'opera finale, compresi i balzelli fiscali. Non si starà semplicemente vendendo l'idea del sogno del miliardario dai soldi facili? Puoi tranquillamente fare il musicista o l'attore e vivere bene della tua passione diventata lavoro, se però il tuo obiettivo sono farti i miliardi scrivendo 2 canzoncine ogni 2 o 3 anni allora inutile che sbraiti e dai la colpa ai pirati...La gente ha trovato il modo di godere di queste cose senza ingrassare i tacchini che avevano e hanno sempre più fame e fanno richieste assurde... È ovvio che si è tirato troppo la corda da una parte e dall'altra... spezziamola una volta per tutte e ricominciamo da zero.Quando le regole e i compensi assumeranno contorni NORMALI, allora potremmo iniziare a discutere se il diritto d'autore è giusto o meno ecc. ecc. ecc. La colpa è stata anche del pubblico che ha VIZIATO lor signori... se non li davamo corda decenni prima avrebbero sì pianto la crisi.
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia
            È ovvio che si è tirato troppo la
            corda da una parte e dall'altra... spezziamola
            una volta per tutte e ricominciamo da
            zero.No, dall'altra non si e' ancora tirato abbastanza.Giova ricordare che all'inizio, quando la corda non c'era, c'erano solo artisti da una parte e pubblico dall'altra.La corda ha cominciato ad esistere e venire tirata da una parta quando tra l'artista e il pubblico sono entrati inutili soggetti che hanno preteso di voler mangiare sul lavoro degli artisti facendosi pagare dal pubblico.Adesso che possiamo tirare la corda dall'altra parte, la tiriamo tutta, fino a quando tutti questi inutili ed infetti parassiti intermediari non saranno scomparsi.Solo a quel punto potremo spezzare la corda e tornare ad un rapporto paritario tra artista e pubblico.
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: ANCHE NO..
            Ma poveri e poi i venditori di rubinetti d'oro e piscine di platino resteranno disoccupati, sei proprio crudele e spietato, ecco!
          • pippO scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia

            È ovvio che si è tirato troppo la

            corda da una parte e dall'altra... spezziamola

            una volta per tutte e ricominciamo da

            zero.

            No, dall'altra non si e' ancora tirato abbastanza.
            Giova ricordare che all'inizio, quando la corda
            non c'era, c'erano solo artisti da una parte e
            pubblico
            dall'altra.
            Stai parlando dei Flinstone? :D
      • coeno scrive:
        Re: ANCHE NO..
        Auguri, futuro disoccupato.Il futuro è dei bimbiminkia e dei comunisti che scaricano a manetta e vogliono tutto gratis. e Google porta la bandiera (ma fa soldoni in altro modo).Come hanno detto sotto alcuni filosofi, comprati un ipad e fai musica nella cucina di casa tua, nel XXXXX o nella tua stanza poi mettilo su youtube, hai 1 possibilità su qualche milione di sfondare, altrimenti lavora gratis e chiedi donazioni per sfamarti, non sia mai chiedere anche 1 solo euro per il tuo lavoro!
        • krane scrive:
          Re: ANCHE NO..
          - Scritto da: coeno
          Auguri, futuro disoccupato.
          Il futuro è dei bimbiminkia e dei comunisti che
          scaricano a manetta e vogliono tutto gratis. e
          Google porta la bandiera (ma fa soldoni in altro
          modo).
          Come hanno detto sotto alcuni filosofi, comprati
          un ipad e fai musica nella cucina di casa tua,
          nel XXXXX o nella tua stanza poi mettilo su
          youtube, hai 1 possibilità su qualche milione di
          sfondare,Invece con i metodi antichi quanto era la possibilita' di sfondare ? una su decine di milioni ?
          altrimenti lavora gratis e chiedi
          donazioni per sfamarti, non sia mai chiedere
          anche 1 solo euro per il tuo lavoro!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 marzo 2011 12.27-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: ANCHE NO..
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: coeno

            Auguri, futuro disoccupato.


            Il futuro è dei bimbiminkia e dei comunisti che

            scaricano a manetta e vogliono tutto gratis. e

            Google porta la bandiera (ma fa soldoni in altro

            modo).

            Come hanno detto sotto alcuni filosofi, comprati

            un ipad e fai musica nella cucina di casa tua,

            nel XXXXX o nella tua stanza poi mettilo su

            youtube, hai 1 possibilità su qualche milione di

            sfondare,

            Invece con i metodi antichi quanto era la
            possibilita' di sfondare ? una su decine di
            milioni
            ?No, coi metodi antichi le probabilita' erano le stesse, sempre una su qualche milione, ma oggi puoi farlo a costo zero e senza essere costretto a dare il qlo a qualche produttore maiale.
    • Franky scrive:
      Re: ANCHE NO..
      - Scritto da: DJ PRODUTTORE
      Sono un Musicista, dj e produttore Italiano ..in
      passato ho fatto i miei dischi, le mie
      serate..tutto in in modo molto
      professionale...visto che era il mio unico
      lavoro..e a fine mese ci arrivavo e
      come.
      Poi vene il gelo..uscirono i lettori cdj e
      contemporaneamente la musica a fiumi a gratisse
      su internet...tutti i dj scaricavano e
      masterzzavano,insomma senza farla lunga e
      saltando infiniti passaggi..le label non hanno
      più stampato dischi vinili..era il 2004..2005.
      Molti dj produttori sono letteralmente scomparsi
      nel giro di un anno..ne sono usciti altridi
      dubbia qualità e musicalità..figli di software di
      produzione a sua volta scaricati e
      craccati.
      Nacquero i produttori amatoriali che ammazzarono
      a sua volta il mondo dei dj produttori seri..cioè
      quelli che come me in passato si sono dissanguati
      facendo prestiti e finanziamenti per farsi uno
      studio di registrazione con macchine e
      sintetizzatori costosti, creare uno staff di
      persone nelle serate, creare siti internet e
      forum di fans, creare un
      mondo.
      Negli ultimi tempi io e colleghi prendevamo 60
      euro in media di siae ..per dischi da migliaia di
      copie. Con tutta la buona volontà e il credo
      nella Musica..ma le bollette e gli affitti dei
      locali..ecc ecc..non possono essere pagati con
      credo e
      magia.
      Adesso mi occupo di altro..come tanti altri.
      Quindi Joel Waldfogel o è pagato per dire
      cakkiate o vive in un mondo tutto suo, ha detto
      tutto l'esatto contrario, la pirateria ammazza e
      come la
      creatività!!!!
      Ma come si fa ad affermare una minki@ta così
      colossale?!caro signor DJ ha proprio ragione...ormai chi fa piu' la musica per le discoteche da quando c'e' il p2p? E dove sono le discoteche? Non se ne vedono piu'!!! Tutto a causa del p2p...!!! Pure le radio sono tutte sparite...i cinema...le case miliardarie dei vip ed i loro lussi... Ha ragione il p2p come tutti sanno in 10 anni ha distrutto tutto... Dove andremo in discoteca? Come faranno le star senza le loro ville miliardarie che ormai sono un vecchio ricordo? E le Ferrari non vendute? Come fara' la Ferrari a vendere le proprie automobili senza piu' miliardari? Colpa del p2p... pensare che l'umanita' 10 anni fa aveva una cosa chiamata discoteca che ora non esiste piu'...aveva una cosa chiamata cinema...che ora non esiste piu'...aveva una cosa chiamata radio ...che ora non esiste piu'...aveva una cosa chiamata "festa privata" che ora non esiste piu'...aveva una cosa chiamata "Porto Cervo" che ora non esiste piu'...aveva una cosa chiamata "villaggio turistico" che ora non esiste piu'...e si il p2p ha distrutto il mondo peggio dell'uragano katrina....!!! Ahhhahhh povero mondo....!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: ANCHE NO..
        Ti sei dimenticato dei produttori di strumenti musicali, di apparecchiature audio... tutti scomparsi! Fender, Gibson, Yamaha, Roland, Zildjian, Fostex, Marshall, AKG... tutti estinti come il T-Rex o in crisi e con il cappellino a chiedere l'elemosina...
    • asd scrive:
      Re: ANCHE NO..
      la verità eì che prima erano in pochia farlo e acneh ipiu' scarsi facevano serate, quando arriva la massa solo imigliori si elevano dal gruppo, gli altri affondano, e tu forse sei uno di questi.
    • Frank Rastrello scrive:
      Re: ANCHE NO..
      - Scritto da: DJ PRODUTTORE
      Sono un Musicista, dj e produttore Italiano ..inAlt, mi fermo qui. Musicista e dj nella stessa frase non ci possono stare. Molella dei poveri, che ne diresti di dedicarti alla pastorizia? La vera Musica e le nostre orecchie ringrazierebbero.
      • pippO scrive:
        Re: ANCHE NO..
        - Scritto da: Frank Rastrello
        - Scritto da: DJ PRODUTTORE

        Sono un Musicista, dj e produttore Italiano ..in

        Alt, mi fermo qui. Musicista e dj nella stessa
        frase non ci possono stare. Molella dei poveri,
        che ne diresti di dedicarti alla pastorizia? La
        vera Musica e le nostre orecchie
        ringrazierebbero.E poi caso scaricheresti, Mozart? :D
        • Frank Rastrello scrive:
          Re: ANCHE NO..
          - Scritto da: pippO
          - Scritto da: Frank Rastrello

          - Scritto da: DJ PRODUTTORE


          Sono un Musicista, dj e produttore Italiano
          ..in



          Alt, mi fermo qui. Musicista e dj nella stessa

          frase non ci possono stare. Molella dei poveri,

          che ne diresti di dedicarti alla pastorizia? La

          vera Musica e le nostre orecchie

          ringrazierebbero.
          E poi caso scaricheresti, Mozart? :DAnche, ma tendo a preferire il rocchenrolle :-P
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: ANCHE NO..

      Poi vene il gelo..uscirono i lettori cdj e
      contemporaneamente la musica a fiumi a gratisse
      su internet...tutti i dj scaricavano e
      masterzzavano,insomma senza farla lunga e
      saltando infiniti passaggi..Passaggi che non erano più necessari, e che quindi costituivano uno spreco di risorse.le label non hanno
      più stampato dischi vinili..era il 2004..2005.
      Molti dj produttori sono letteralmente scomparsi
      nel giro di un anno..ne sono usciti altridi
      dubbia qualità e musicalità..figli di software di
      produzione a sua volta scaricati e
      craccati.
      Nacquero i produttori amatoriali che ammazzarono
      a sua volta il mondo dei dj produttori seri..In altre parole: che lavoravano in modo più efficiente, perchè riuscivano a fare lo stesso lavoro con una spesa molto più contenuta.I vechci produttori, meno efficienti, erano quindi inutili.cioè
      quelli che come me in passato si sono dissanguati
      facendo prestiti e finanziamenti per farsi uno
      studio di registrazione con macchine e
      sintetizzatori costostiObsolescenza rapida dei macchinari e calo dei prezzi sono un rischio costante, e riguardano tutte le professioni.
      , creare uno staff di
      persone nelle serate, creare siti internet e
      forum di fans, creare un
      mondo.Un mondo che evidentemente nessuno vuole più. E quindi nessuno ti paga per crearlo.
      Adesso mi occupo di altro..come tanti altri.E fai bene.
      Quindi Joel Waldfogel o è pagato per dire
      cakkiate o vive in un mondo tutto suo, ha detto
      tutto l'esatto contrario, la pirateria ammazza e
      come la
      creatività!!!!No; ha ammazzato il tuo lavoro, ma il tuo lavoro non era creativo, era solo sfruttamento della creatività.
    • poiuy scrive:
      Re: ANCHE NO..
      Hai appena dato ragione allo studio."Nacquero i produttori amatoriali che ammazzarono a sua volta il mondo dei dj produttori seri"Quindi in pratica sono spariti i Dj "seri" e ne sono nati molti altri. Quindi è aumentata la quantità. Al massimo potresti dire che è diminuita la qualità. Io dico che è diminuita solo la qualità media. Viceversa è aumentato il numero di persone che usano la loro creatività in campo musicale.Poi, se facessi il DJ veramente, sapresti che per farlo devi pagare la SIAE e il gioco non ne vale la candela. I DJ in particolare sono molto penalizzati dal copyright. Per ogni remix devi pagare.Conosco nuovi artisti che usano Creative Commons... che sia quello il futuro?
    • rb1205 scrive:
      Re: ANCHE NO..
      In pratica stai dicendo che l'attività di creazione della musica è diventata infinitamente più accessibile di quanto non lo fosse prima, che moltissima gente sta producendo lavori in modo indipendente e che i lavori originali così prodotti arrivano pure al grande pubblico.E dopo hai detto che la creatività è mortaWAT
    • Sgabbio scrive:
      Re: ANCHE NO..
      bla bla bla :D
    • Funz scrive:
      Re: ANCHE NO..
      Guarda, se la categoria dei DJ si estinguesse assieme a tutta la spazzatura sonora che sparge, sarebbe solo un bene per l'umanità...
    • Market scrive:
      Re: ANCHE NO..
      Probabilmente non sei riuscito ad aggiornarti e/o a tenere il passo con la tecnologia, ogni giorno nascono molti nuovi dj tanti talenti, la concorrenza è aumentata perchè come fai notare tu non serve aprire un mutuo per comprare costose apparechiature per fare il dj al giorno d'oggi, ci sono dj (mi viene in mente solo Dj Matrix) che mettono la loro musica su Internet si pagano le bollette facendo serate, è troppo comodo lavorare 2/3 mesi per un disco e poi starsene con la panza all'aria aspettando i soldi...Internet è promozione dare gratis la propria musica (se si è bravi) fa si che la gente venga a sentirti questo lo hanno capito anche le major che continuano a caricare video musicali su youtube, spesso collegati a itunes e i numeri parlano da soli.
    • Talking Head scrive:
      Re: ANCHE NO..
      Sono un WebDesigner, Grafico e Programmatore Italiano ..in passato ho fatto le mie pagine web..tutto in in modo molto professionale...visto che era il mio unico lavoro..e a fine mese ci arrivavo e come.Poi vene il gelo..uscirono i programmi per scriversi da soli le pagine web...tutti i ragazzi si facevano la pagina web da soli,insomma senza farla lunga e saltando infiniti passaggi..non ho più potuto chiedere mezzo milione di lire per un sito fatto in HTML in un pomeriggio..era il 1999..2000. Molti web designer sono letteralmente scomparsi nel giro di un anno..ne sono usciti altridi dubbia qualità e senso artistico..figli di software di produzione open source che permettevano di fare meglio quello che io mi facevo pagare per fare.Adesso mi occupo di altro..come tanti altri. Rivoglio il mio monopolio, abbasso le nuove tecnologie. Ma viva le vecchie-nuove tecnologie che mi permettevano di lavorare: senza internet non avrei avuto neanche un lavoro. Evviva le tecnologie dal 1994 al 1999!
      • pippO scrive:
        Re: ANCHE NO..
        - Scritto da: Talking Head
        Sono un WebDesigner, Grafico e Programmatore
        Italiano ..in passato ho fatto le mie pagine
        web..tutto in in modo molto professionale...visto
        che era il mio unico lavoro..e a fine mese ci
        arrivavo e
        come.Sei quello che ha fatto italia.it? :D
      • Utopia scrive:
        Re: ANCHE NO..
        sei semplicemente un genio ho riso per 10 min :D
    • 0110 scrive:
      Re: ANCHE NO..

      Ma la cosa triste sono i pirati, criminali che
      non vedono l'ora che qualche personalità in vista
      avalli i loro crimini, li
      giustifichi.Si invita la redazione a chiudere il thread per trolling e diffamazione.
    • Utopia scrive:
      Re: ANCHE NO..
      Secondo me semplicemente perchè stai in Italia.Prenditela col commercio musicale italiano che preferisce "amici" o "x factor" alla musica elettronica di qualità.Non centra niente il resto.
  • panda rossa scrive:
    Se avessi brevettato l'acqua calda...
    Rimpiango amaramente di non aver voluto brevettare l'acqua calda.Oggi sarei ricchissimo a spese delle major.Quando le major scoprirono che 1 download != 1 mancato acquisto, mi avrebbero pagato royalties...Quando le major scoprirono che il P2P non intacca le vendite, mi avrebbero pagato royalties...Quando le major scoprirono che a mettere le news online a pagamento non le avrebbe comprate nessuno, mi avrebbero pagato royalties...E adesso che scoprono che la creativita' se ne frega del copyright, mi avrebbero pagato royalties...Ma io sono contro i brevetti e quindi pazienza.Ma l'acqua la scopriranno ancora tante di quelle volte...
    • Cane fesso scrive:
      Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
      Intanto io mi sono scaricato tutto l'album di Snoop Dogg e col cavolo che lo compro ahahhahaha! Se non avessi potuto averlo gratis, lo avrei sicuramente acquistato almeno per sentirlo in auto, ma ora un bel cd con gli mp3 e via!Il tuo discorso è utopico, non sarà per tutti tutti ma il 100% dei miei conoscenti/amici/parenti se trova gratis/pirata, non compra, semplice. E' ovvio. Mio cugggino necessita di office 2010? Photoshop Cs5? Se c'è craccato bene altrimenti pazienza, si compra.
      • Fabrizio scrive:
        Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...


        Se c'è craccato bene altrimenti pazienza, si
        compra.Non sono d'accordo: al limite, sennò si sta senza.Ed è stato più volte dimostrato che funziona in questo modo.
      • panda rossa scrive:
        Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
        - Scritto da: Cane fesso
        Intanto io mi sono scaricato tutto l'album di
        Snoop Dogg e col cavolo che lo compro ahahhahaha!Bravo!Pure io il mio cane non lo pago.Mi fa la guardia gratis, pensa che fesso che e'!E scodinzola pure.
        • pippO scrive:
          Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Cane fesso

          Intanto io mi sono scaricato tutto l'album di

          Snoop Dogg e col cavolo che lo compro
          ahahhahaha!

          Bravo!
          Pure io il mio cane non lo pago.
          Mi fa la guardia gratis, pensa che fesso che e'!
          E scodinzola pure.e neanche mangia... :D
      • MeMedesimo scrive:
        Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...

        Mio cugggino necessita di office 2010? Photoshop
        Cs5?

        Se c'è craccato bene altrimenti pazienza, si
        compra.Se mio cuggino non trovq office 2010 o photoshop Cs5 craccati scarica OpenOffice e Gimp. Credo che mio cuggino sia molto più intelligente del tuo...
      • Franky scrive:
        Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
        - Scritto da: Cane fesso

        Il tuo discorso è utopico, non sarà per tutti
        tutti ma il 100% dei miei
        conoscenti/amici/parenti se trova gratis/pirata,
        non compra, semplice. E' ovvio.

        Mio cugggino necessita di office 2010? Photoshop
        Cs5?

        Se c'è craccato bene altrimenti pazienza, si
        compra.E' la tua asserzione che e' utopica e forzata...tu pensi veramente che tutte le persone che scaricano la copia pirata di un programma costoso...photoshop per esempio...sarebbero disposti a spendere 1000 euro per comprarlo???!!!Ma tu sei fuori!!! Un conto e' avere una cosa gratis...un conto e' comprala...io 15 euro per comprare un film non li ho mai spesi in vita mia...al max ma proprio al max lo noleggiavo ad 1.50 euro ogni tanto...non certo con la medesima frequenza con cui guardo i film in streaming!!!Ovvio che se me ne fanno vedere 10 gratis in streaming li vedo volentieri invece...ma cio' non significa che sarei diposto a spendere 110 euro per vederli in blu-ray....!!!!Che mi frega di photoshop? Se devo fare fotoritocchi ci sono tanti siti gratuiti...quindi o con il p2p o senza...da me e da altre milioni di persone non avranno un euro...!!! Perche' semplicemente non mi interessa...secondo me i guadagni li fanno con le aziende...dove essendoci maggiori controlli...ed essendo un programma costoso per il privato ma non per le aziende...la cosa risulta in qualche modo giustificata....
        • Cane fesso scrive:
          Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
          ESEMPIO, trattasi di ESEMPIO. Dico Photoshop ma è intesa qualunque cosa, film mp3 o software da 5 euro.Se tu non spenderesti soldi per un film non vedo perchè tu debba vederlo lo stesso. Se non spendi non ottieni nulla.Il tuo, come quello del 99% delle persone biased è un discorso portato avanti dall'avidità e dalla brama di ottenere senza pagare, fai come vuoi ma non venirmi a dire che ho torto, non facciamo gli ipocriti.
          • Franky scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            - Scritto da: Cane fesso
            ESEMPIO, trattasi di ESEMPIO.
            Dico Photoshop ma è intesa qualunque cosa, film
            mp3 o software da 5
            euro.

            Se tu non spenderesti soldi per un film non vedo
            perchè tu debba vederlo lo stesso. Se non spendi
            non ottieni
            nulla.
            Il tuo, come quello del 99% delle persone biased
            è un discorso portato avanti dall'avidità e dalla
            brama di ottenere senza pagare, fai come vuoi ma
            non venirmi a dire che ho torto, non facciamo gli
            ipocriti.Ah si? Perche' tu mi vorresti dire che se ti dessi gratis un divano da 7000 euro tu non lo vorresti oggi stesso ? E mi vorresti forse far credere che se poi ti dicessi che non e' gratis ma costa 7000 euro lo compreresti lo stesso ? Pensala come ti pare...ma io non ci credo...
          • Face the Truth scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            Ci sono diversi modi di pagare un acquisto.Alcuni preferiscono il vil denaro.Altri il tuo contributo allo sviluppo di un prodotto migliore.Altri ancora ti concedono un prodotto gratuitamente, ma l'assistenza ha un costo.Prendi ad esempio un motore di ricerca sul web (uno qualsiasi); è online e ti fornisce i suoi servizi gratuitamente; fa fronte ai suoi costi di gestione (e guadagna), sulle pubblicità.
          • coeno scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            ma che esempio è? stai delirando!Se il divano è gratis e poi lo fai pagare, mi hai truffato.Se il divano costa 7000 euro mi serve e non ho i soldi, ne compro uno più economico o NON lo compro!Se ne trovo uno a 3000 euro compro quello e sono fatti dell'azienda che lo vende a 7000 di abbassare i prezzi, ma questo non mi da il diritto di rubarlo, o sottrarne una "copia" tra i milioni di divani tutti uguali. Chi lo crea/distrubuisce ha stabilito che si paga, se posso bene altrimenti non lo compro, e questo vale sia per beni digitali che non.
          • panda rossa scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            - Scritto da: coeno
            e questo
            vale sia per beni digitali che
            non.Non vale per i beni digitali.La copia non e' furto.E qualunque tentativo per confutare tale asserzione e' una menzogna.
          • Yeppaman scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            - Scritto da: coeno
            ma che esempio è? stai delirando!

            Se il divano è gratis e poi lo fai pagare, mi hai
            truffato.
            Se il divano costa 7000 euro mi serve e non ho i
            soldi, ne compro uno più economico o NON lo
            compro!Che è esattamente quello che diceva Franky.. se io te lo do gratis, ti sfido a rifiutarlo.Se il giorno dopo passa da gratis a 7000 euro, ti sfido a dirmi "eh, lo pago lo stesso"
            Se ne trovo uno a 3000 euro compro quello e sono
            fatti dell'azienda che lo vende a 7000 di
            abbassare i prezzi, ma questo non mi da il
            diritto di rubarlo, o sottrarne una "copia" tra i
            milioni di divani tutti uguali. Chi lo
            crea/distrubuisce ha stabilito che si paga, se
            posso bene altrimenti non lo compro, e questo
            vale sia per beni digitali che
            non.Ma se la copia io non la sottraggo ma me la costruisco con il MIO tempo e i MIEI materiali?vado a casa di un mio amico che ha comprato il divano.. me lo guardo, me lo misuro, me lo studio, lo apro (se posso e mi viene consentito), compro legno e stoffa e li metto insieme ed esce uguale, tu che hai realizzato il primo divano, che vuoi da me? Finchè non dico "è un divano di marca XYZ"..La stessa cosa dovrebbe essere per i beni digitali.. io ci metto la MIA corrente e il MIO hardware (masterizzatore + cd/dvd, spazio sull'hard disk).. se il tuo software è finito sul torrent 2 giorni prima del rilascio te la prendi con me? Vai a cercare chi è stato a mettere in giro i "progetti" del tuo programma, io ho semplicemente raccolto qualcosa dalla strada. Se vuoi te lo rendo anche.. ma se poi lo ritrovo ancora lo raccolgo un'altra volta.
          • Franky scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            - Scritto da: coeno
            ma che esempio è? stai delirando!

            Se il divano è gratis e poi lo fai pagare, mi hai
            truffato.
            Se il divano costa 7000 euro mi serve e non ho i
            soldi, ne compro uno più economico o NON lo
            compro!

            Se ne trovo uno a 3000 euro compro quello e sono
            fatti dell'azienda che lo vende a 7000 di
            abbassare i prezzi, ma questo non mi da il
            diritto di rubarlo, o sottrarne una "copia" tra i
            milioni di divani tutti uguali. Chi lo
            crea/distrubuisce ha stabilito che si paga, se
            posso bene altrimenti non lo compro, e questo
            vale sia per beni digitali che
            non.Veramente il succo dell'esempio era che non esiste una correlazione fra la volonta' di acquisto di un bene e lo stesso bene fornito gratuitamente...in altre parole il fatto che 2000 persone sarebbero interessate a vedere un film su canale 5...non vuol dire che queste duemila persone siano interessate all'acquisto blu-ray del film....stessa identica storia vale per il p2p...il fatto che 50000 persone scaricano 10 brani non vuol dire che se non ci fosse il p2p le stesse persone comprerebbero questi 10 brani da itunes...quindi questo significa che l'asserzione "10 brani scaricati"=10 brani venduti in meno e falsa e pretestuosa....
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...

            ma questo non mi da il
            diritto di rubarlo, o sottrarne una "copia" tra i
            milioni di divani tutti uguali.Infatti non ne sottraggo una copia, ma creo una copia nuova.Basta questo a smontare il tuo discorso.
          • nxclok scrive:
            Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ma questo non mi da il

            diritto di rubarlo, o sottrarne una "copia" tra
            i

            milioni di divani tutti uguali.

            Infatti non ne sottraggo una copia, ma creo una
            copia
            nuova.

            Basta questo a smontare il tuo discorso.come si fa a smontare un discorso gia privo di senso?
    • pippo75 scrive:
      Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...

      E adesso che scoprono che la creativita' se ne
      frega del copyright, mi avrebbero pagato
      royalties...ma a loro interessa la linea del foglio dove c'è scritto "utile netto", per fare contenti gli azionisti.Se questo va sotto una certa soglia la ditta chiude ( e per loro sono bigodini amari ).Comunque ogni tanto ricorda che al cane devi dare la pappa.
    • Non sono io scrive:
      Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
      - Scritto da: panda rossa
      Quando le major scoprirono che 1 download != 1
      mancato acquisto, mi avrebbero pagato
      royalties...Questo condivido pienamente.
      Quando le major scoprirono che il P2P non intacca
      le vendite, mi avrebbero pagato
      royalties...Non sono d'accordo. Per esempio, nel mio piccolo mondo vedo veri appassionati (alcuni conoscenti) che anche per i loro gruppi preferiti scaricano e comprano molto meno ma più per questione di facilità che per questioni finanziarie.
      • panda rossa scrive:
        Re: Se avessi brevettato l'acqua calda...
        - Scritto da: Non sono io
        - Scritto da: panda rossa

        Quando le major scoprirono che 1 download != 1

        mancato acquisto, mi avrebbero pagato

        royalties...

        Questo condivido pienamente.


        Quando le major scoprirono che il P2P non
        intacca

        le vendite, mi avrebbero pagato

        royalties...

        Non sono d'accordo. Per esempio, nel mio piccolo
        mondo vedo veri appassionati (alcuni conoscenti)
        che anche per i loro gruppi preferiti scaricano e
        comprano molto meno ma più per questione di
        facilità che per questioni
        finanziarie.Quindi che vengano messi in condizione di pagare facilmente!
Chiudi i commenti