Qatar, nuvole artificiali per la Coppa del Mondo

Il piccolo emirato arabo si prepara a sfoggiare tecnologie all'avanguardia in tempo per la Coppa del Mondo di calcio del 2022. Gli stadi verranno raffreddati con nuvole artificiali ripiene di elio
Il piccolo emirato arabo si prepara a sfoggiare tecnologie all'avanguardia in tempo per la Coppa del Mondo di calcio del 2022. Gli stadi verranno raffreddati con nuvole artificiali ripiene di elio

Alla tornata finale della Coppa del Mondo del Qatar mancano ancora 11 anni, ma il piccolo emirato prospiciente il Golfo Persico intende prepararsi in tempo con tanto di tecnologie hi-tech per l’abbattimento delle caldissime temperature tipiche della stagione estiva. I campi per le partite e gli allenamenti verranno ricoperti da vere e proprie “nuvole artificiali” , promettono i ricercatori dell’Università del Qatar.

Le nuvole “robotiche” su cui sono al lavoro il dottor Saud Ghani e colleghi sono composte da parallelepipedi in fibra di carbonio e pannelli solari, ripieni di elio e in grado di tenere traccia della posizione del Sole così da proiettare un’ombra refrigerante laddove opportuno.

Il professor Ghani dice che l’impiego delle nuvole artificiali potrebbe aiutare a raffreddare le alte temperature del Qatar di almeno 10 gradi , e sarebbero altresì utili ai fini della sicurezza degli stadi, per le comunicazioni radio e per fornire una vista mozzafiato agli occhi televisivi che saranno puntati sullo show sportivo.

Ogni nuvola artificiale dovrebbe costare un minimo di 500mila dollari, stima Ghani: la tecnologia ha già superato la fase progettuale, e gli ingegneri del Qatar pianificano la realizzazione di un mini-prototipo di 4 metri per 3 come test ultimo della validità dell’idea.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 03 2011
Link copiato negli appunti