Quando il cellulare è un telecomando

Akoo International reinventa il juke-box: sfruttando televisori e megaschermi installati nei locali pubblici. Con un SMS è possibile selezionare il videoclip del cantante preferito, tra una schermata pubblicitaria e l'altra

Roma – A volte può capitare di guardare la TV, di essere soprappensiero e di cercare di cambiare canale con il cellulare anziché con il telecomando. Qualcuno negli USA può farlo davvero: basta che si trovi in uno dei locali pubblici che fanno parte del network sviluppato da Akoo International , un’azienda che vuole inserire nei dispositivi mobili funzionalità di telecomando per selezionare contenuti ad-supported dagli schermi delle TV. Un concetto che ricorda da vicino <a href="
http://www.pidownload.it/p.aspx?is=2126734″>IrRemote , il software recensito da PI Download .

L’idea di Akoo si basa sul network m-Venue , una piattaforma studiata per essere compatibile con Microsoft Windows Mobile, iPhone e Safari. Il sistema permette ad un utente di selezionare un contenuto audio o video da fruire all’interno di un locale (bar, ristorante, sala d’attesa della stazione o dell’aeroporto), un po’ come se si trovasse di fronte ad un juke box . L’avventore può scegliere un brano o una clip da un elenco e spedire un messaggio contenente il codice relativo alla propria scelta per goderselo sullo schermo che ha di fronte, condividendolo con i clienti che si trovano nello stesso locale.

Come riporta il New York Times , tra un contenuto e l’altro è previsto che gli schermi Akoo mostrino immagini o brevi clip pubblicitarie. L’utente che fruisce di questo servizio (senza costi, oltre a quello del messaggio inviato) potrà ricevere messaggi con informazioni promozionali e coupon offerti dagli inserzionisti .

Ad esempio, un cliente del ristorante John Barleycorn di Chicago (aderente al network m-Venue) può inviare un SMS con il codice corrispondente al video di una canzone di Gwen Stefani e ricevere un messaggio che recita qualcosa come: “Grazie! Il video di Gwen Stefani sarà trasmesso tra poco. Mostra questo SMS e potrai avere qualunque antipasto ad un dollaro”.

Per il servizio, Akoo ha siglato partnership con Universal Music Group, Sony BMG Music Entertainment e Fashion TV, che le hanno consentito di comporre un catalogo con oltre 2 milioni di contenuti. La scelta appare dunque ampia. Chi avesse appetito è avvisato.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mambojambo scrive:
    Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
    la Adobe vorrebbe smerdare l'usabilità con le sue cacchine in flash.ebbene con Ruby On Rails fai l'ajax e siti restful (quindi senza le smandroppate SOAP e troiate varie ) con un semplice peto.l'applicazione risulterà gradevole facile da usare e farà rosicare gli sboroni flash addicted che per inciso sono quelli che hanno fatto piu danni nel mondo web.
    • Enrico scrive:
      Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
      - Scritto da: Mambojambo
      la Adobe vorrebbe smerdare l'usabilità con le sue
      cacchine in
      flash.
      ebbene
      con Ruby On Rails fai l'ajax e siti restful
      (quindi senza le smandroppate SOAP e troiate
      varie ) con un semplice
      peto.
      l'applicazione risulterà gradevole facile da
      usare e farà rosicare gli sboroni flash addicted
      che per inciso sono quelli che hanno fatto piu
      danni nel mondo
      web.Ah si? Io avrei detto quelli che fanno uso ed abuso di quel macigno della JVM.Comunque, se dovessi scegliere un linguaggio per il Web Developing non avrei nessun dubbio, Python.
    • kio scrive:
      Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
      inizia ad usare asp.net...e poi vedi cosa vuol dire sviluppare un'applicazione come si devequesti sono giocattolini
      • Mambojambo scrive:
        Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
        - Scritto da: kio
        inizia ad usare asp.net...e poi vedi cosa vuol
        dire sviluppare un'applicazione come si
        deve

        questi sono giocattoliniSono daccorto ASP.NET è proprio un giocattolo:D
        • kio scrive:
          Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
          - Scritto da: Mambojambo
          - Scritto da: kio

          inizia ad usare asp.net...e poi vedi cosa vuol

          dire sviluppare un'applicazione come si

          deve



          questi sono giocattolini

          Sono daccorto ASP.NET è proprio un giocattolo
          :DGuarda chiamarlo giocattolo è limitativo... con asp.net al massimo ci fai le puzzette del web
          • kio scrive:
            Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
            scommettto che non avete mai usato asp.net vero??bene bene....voi continuate cosi'...poi quando vi svegliate ce lo dite.:)
          • Enrico scrive:
            Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
            - Scritto da: kio
            scommettto che non avete mai usato asp.net vero??

            bene bene....voi continuate cosi'...poi quando vi
            svegliate ce lo
            dite.


            :)Sisi, te usalo, che io ti seguo.
    • anonimo scrive:
      Re: Ruby on rails gli fa il culo a FLEX
      - Scritto da: Mambojambo
      la Adobe vorrebbe smerdare l'usabilità con le sue
      cacchine in
      flash.
      ebbene
      con Ruby On Rails fai l'ajax e siti restful
      (quindi senza le smandroppate SOAP e troiate
      varie ) con un semplice
      peto.
      l'applicazione risulterà gradevole facile da
      usare e farà rosicare gli sboroni flash addicted
      che per inciso sono quelli che hanno fatto piu
      danni nel mondo
      web.Bla bla bla. Stai paragonando mele con pere.
  • LaNberto scrive:
    mai capito flex
    in un web che da anni cerca di standardizzarsi sulle linee di accessibilità per tutti il flex è in chiara controtendenza. Perché sviluppare roba in flash quando le stesse fighettate le puoi fare con AJAX, che oltre tutto ha il pregio di degradare meglio verso chi ha problemi di accessibilità e non ha bisogno di player particolari?
    • nello gala scrive:
      Re: mai capito flex
      Perché?Bussiness is Bussiness!Paghiamo noi per queste cose che , alla fin fine, manco sappiamo usare mentre il loro conto corrente aumenta!E' la globalizzazione, dicono, ovvero in c..o a tutti, senza distinzione di sesso, razza e alfabetizzazione..Con windows ha funzionato....Il progresso!Parola che non significa evoluzione....
    • Sgabbio scrive:
      Re: mai capito flex
      - Scritto da: LaNberto
      in un web che da anni cerca di standardizzarsi
      sulle linee di accessibilità per tutti il flex è
      in chiara controtendenza.


      Perché sviluppare roba in flash quando le stesse
      fighettate le puoi fare con AJAX, che oltre tutto
      ha il pregio di degradare meglio verso chi ha
      problemi di accessibilità e non ha bisogno di
      player
      particolari?Per non parlare che quando trovano pure lo standard per i video su siti web, arriva l'aziena piagnucolosa che batte i piedi perchè non c'è il DRM.
    • JJjj scrive:
      Re: mai capito flex

      in un web che da anni cerca di standardizzarsi
      sulle linee di accessibilità per tutti il flex è
      in chiara controtendenza.Diciamo pure che l'accesibilità non è mai stata una priorità da nessun parte e anche ajax va esattamente nella direzione opposta. Per me il problema di questi anni è lo standard multibrowser e multipiattaforma, e flash ha saputo essere la soluzione più semplice a questo problema.
      Perché sviluppare roba in flash quando le stesse
      fighettate le puoi fare con AJAX, che oltre tutto
      ha il pregio di degradare meglio verso chi ha
      problemi di accessibilità e non ha bisogno di
      player particolari?A parte che in ajax non puoi fare tutto quello che si può fare in flex, non che quello in più sia comunque indispensabile ma se si parla di fighetterie non c'è paragone. Anche io lo ritenevo uno strumento superfluo, prima di tutto perchè va contro la creatività che era lo scopo di flash. Dopo averlo usato però ho capito che in pochi minuti si possono fare applicazioni complesse che girano ovunque. Gestione dati e layout che in ajax si diventava matti a rendere crossbrowser, in flex diventano semplicissimi. Resta comunque un casa in stile java, cioè sembra girare in maniera "affaticata" e "fuori" dal tuo sistema. Altro problema è il rendering di tabella e testi che sono da sempre i punti deboli di flash, problema che nemmeno il framework flex riesce a risolvere completamente, ma situazione potrebbe cambiare con flash 10.Il flex builder è quindi un tool di sviluppo valido se si vuole risparmiare tempo e fare una cosa compatibile con più sistemi. Per me potrà essere sostituito solo da una piattaforma di sviluppo semplice (oltre a una vm superperformante) basata su prism con javascript 2 (perchè tra as3 e il javascript 1.x attuale non c'è paragone), sarebbe la mia prima scelta ma qualcosa mi dice che difficilmente lo vederemo a breve.
    • doctord scrive:
      Re: mai capito flex
      Si, interessante... però rimane il fatto che richiede la presenza dell'interprete flash. Nel panorama dello sviluppo web ci sono talmente tanti sistemi di sviluppo e linguaggi che se ne esce pazzi, e cmq, ma questa è una mia opinione personale, conviene puntare su quelli che non utilizzano tecnologie proprietarie o quantomeno open source.
    • mirkojax scrive:
      Re: mai capito flex
      - Scritto da: Ernesto Salvetti
      Questo è Flex non flash, sono 2 cose diverse,
      leggi la spiegazione sul sito di adobe, è una
      gran bella tecnologia, l'intero studio di mogulus
      ad esempio è scritto in
      flex.ah giusto mogulus, ero indecisono tra quello e istream, ho optato per il secondo perche il primo con sto flex e' uno schifo. Troppo lentoooo.Ma adobe invece di spippolare con ste techologie non tanto usabili perche' non migliora flash con il testo visibile da google cosi piu' facile da ottimizzare per i motori di ricerca?
  • Mak scrive:
    Già era poco peso....
    figuratin adesso. Per far girare un filmatino flash ci vorrà un cluster....
  • Cobra Reale scrive:
    Flash e DRM
    Mi auguro che questo progetto non vada in porto, specie ora che sembra che molti "aventi diritto" si stiano rendendo conto (almeno credo) che il DRM non è il modo migliore di risolvere i propri problemi. Inoltre, si favorirebbero eccessivamente certi sistemi a scapito di altri.
  • nove code scrive:
    Esperti di Flash/Flex
    Ho un'idea per un videogioco per il web. Volevo utilizzare Ajax, però siccome ho bisogno di utilizzare suoni, animazioni ecc... mi sembra che sia meglio farlo in flash.Per realizzarlo di cosa ho bisogno? Mi può bastare Flex+Eclipse?E lato server di cosa c'è bisogno?
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Esperti di Flash/Flex
      - Scritto da: nove code
      Ho un'idea per un videogioco per il web. Volevo
      utilizzare Ajax, però siccome ho bisogno di
      utilizzare suoni, animazioni ecc... mi sembra che
      sia meglio farlo in
      flash.

      Per realizzarlo di cosa ho bisogno? Mi può
      bastare
      Flex+Eclipse?
      E lato server di cosa c'è bisogno?no non lo so
    • Olmo scrive:
      Re: Esperti di Flash/Flex

      Per realizzarlo di cosa ho bisogno? Mi può
      bastare
      Flex+Eclipse?Yep.
      E lato server di cosa c'è bisogno?Nulla di nulla
    • pippo scrive:
      Re: Esperti di Flash/Flex

      Ho un'idea per un videogioco per il web. Volevo
      utilizzare Ajax, però siccome ho bisogno di
      utilizzare suoni, animazioni ecc... mi sembra che
      sia meglio farlo in
      flash.

      Per realizzarlo di cosa ho bisogno? Mi può
      bastare
      Flex+Eclipse?
      E lato server di cosa c'è bisogno?La pleistecion :D
    • nello gala scrive:
      Re: Esperti di Flash/Flex
      Un gioco da mettere su un server?Ma che , non sai fare l'upload?Mah, puzza di truffa se serve un server, a meno che non sia un "zuca-soldi" tipo casinò on-line...Se no trovati un buon sito tipo rapid share o mega upload e mettilo li!
      • nove code scrive:
        Re: Esperti di Flash/Flex
        - Scritto da: nello gala
        Un gioco da mettere su un server?
        Ma che , non sai fare l'upload?
        Mah, puzza di truffa se serve un server, a meno
        che non sia un "zuca-soldi" tipo casinò
        on-line...
        Se no trovati un buon sito tipo rapid share o
        mega upload e mettilo
        li!Puzza di truffa se serve un server???E' un gioco web che permette di sfidare altri giocatori in rete quindi la parte server ha un suo senso.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Esperti di Flash/Flex
          è possibile fare un gioco on line in flesh, ci sono riusciti in francia, facendo un buon mmorpg, quindi.
          • nove code scrive:
            Re: Esperti di Flash/Flex
            - Scritto da: Sgabbio
            è possibile fare un gioco on line in flesh, ci
            sono riusciti in francia, facendo un buon mmorpg,
            quindi.Dofus? Sì bellissimo, però non mi piace l'idea di far scaricare un client da 150 mega, anche se è un progettone di tutto rispetto.
  • Pippo scrive:
    Ovviamente
    tutto questo non vedrà mai la luce su Linux, e nella remota possibilità che questo accada, sicuramente la versione per Linux sarà talmente monca rispetto a quella per Windows che non la utilizzerà nessuno.
    • nello gala scrive:
      Re: Ovviamente
      Troll, che fai, commenti una marketta citando linux?Hai capito tutto!Se non hai capito questo è un software closed che non si capisce ceh cosa farà di diverso da tantissimi software open...Certo chi usa explorer non sa che presto firefox diventerà qualcosa di più di un brower, alla adobe lo sanno e corrono ai ripari...Con le estensioni che ho faccio alcune delle cose che Air fritta promette di fare, meravigliando gli MS boys!Che bella marketta, specie per quelli che usano Vista credendolo il meglio del meglio del meglio....del peggio!
    • The Architect scrive:
      Re: Ovviamente
      - Scritto da: Pippo
      tutto questo non vedrà mai la luce su Linux, e
      nella remota possibilità che questo accada,
      sicuramente la versione per Linux sarà talmente
      monca rispetto a quella per Windows che non la
      utilizzerà
      nessuno.Embè? Non sarà così, ma anche se fosse a te che te ne frega? Ti danneggia la cosa? Continuerai a usare il tuo amato Windows pagato a caro prezzo in cui dovrai tenere installati ennemila software antiqualcosa.O magari sei uno dei tanti windows-dipendenti che negli ultimi tempi si sta vedendo accerchiato da linux e ne ha paura?Se si prende l'iniziativa di attaccare gratuitamente qualcuno o qualcosa che non ti ha fatto nulla il motivo è uno solo: la paura e/o l'invidia.
      • Enrico scrive:
        Re: Ovviamente
        - Scritto da: The Architect
        - Scritto da: Pippo

        tutto questo non vedrà mai la luce su Linux, e

        nella remota possibilità che questo accada,

        sicuramente la versione per Linux sarà talmente

        monca rispetto a quella per Windows che non la

        utilizzerà

        nessuno.

        Embè? Non sarà così, ma anche se fosse a te che
        te ne frega? Ti danneggia la cosa? Continuerai a
        usare il tuo amato Windows pagato a caro prezzo
        in cui dovrai tenere installati ennemila software
        antiqualcosa.

        O magari sei uno dei tanti windows-dipendenti che
        negli ultimi tempi si sta vedendo accerchiato da
        linux e ne ha
        paura?

        Se si prende l'iniziativa di attaccare
        gratuitamente qualcuno o qualcosa che non ti ha
        fatto nulla il motivo è uno solo: la paura e/o
        l'invidia.Credo che fosse una critica al fatto che Adobe è nota per lasciare a piedi gli utenti Linux (vedi il Flash Player 9 che è arrivato mesi dopo la versione per Windows), non un attacco da fanboy Microsoft.
        • The Architect scrive:
          Re: Ovviamente

          Credo che fosse una critica al fatto che Adobe è
          nota per lasciare a piedi gli utenti Linux (vedi
          il Flash Player 9 che è arrivato mesi dopo la
          versione per Windows), non un attacco da fanboy
          Microsoft.Può essere. In quel caso chiedo scusa (anche perchè avrebbe ragione).
      • Anonimo scrive:
        Re: Ovviamente
        - Scritto da: The Architect
        - Scritto da: Pippo

        tutto questo non vedrà mai la luce su Linux, e

        nella remota possibilità che questo accada,

        sicuramente la versione per Linux sarà talmente

        monca rispetto a quella per Windows che non la

        utilizzerà

        nessuno.

        Embè? Non sarà così, ma anche se fosse a te che
        te ne frega? Ti danneggia la cosa? Continuerai a
        usare il tuo amato Windows pagato a caro prezzo
        in cui dovrai tenere installati ennemila software
        antiqualcosa.Questo perché non sai usare Windows. Sono anni che non formatto e non ho mai preso un virus in vita mia.

        O magari sei uno dei tanti windows-dipendenti che
        negli ultimi tempi si sta vedendo accerchiato da
        linux e ne ha
        paura?Paura di che? Di un sistema operativo frammentato in millemila distribuzioni? (rotfl)

        Se si prende l'iniziativa di attaccare
        gratuitamente qualcuno o qualcosa che non ti ha
        fatto nulla il motivo è uno solo: la paura e/o
        l'invidia.E tu perché hai risposto? Ti prudevano le dita? (rotfl)
        • Enrico scrive:
          Re: Ovviamente
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: The Architect

          - Scritto da: Pippo


          tutto questo non vedrà mai la luce su Linux, e


          nella remota possibilità che questo accada,


          sicuramente la versione per Linux sarà
          talmente


          monca rispetto a quella per Windows che non la


          utilizzerà


          nessuno.



          Embè? Non sarà così, ma anche se fosse a te che

          te ne frega? Ti danneggia la cosa? Continuerai a

          usare il tuo amato Windows pagato a caro prezzo

          in cui dovrai tenere installati ennemila
          software

          antiqualcosa.

          Questo perché non sai usare Windows. Sono anni
          che non formatto e non ho mai preso un virus in
          vita
          mia.
          Dipende dal tipo di utilizzo che ne fai.Se sei uno smanettone che installa, prova e disinstalla programmi un'installazione dura al massimo 6 mesi, dopodichè ti ritrovi con un XP che occupa il triplo di quando è installato fresco e con la metà delle prestazioni, senza contare il tempo di avvio che sale esponenzialmente.



          O magari sei uno dei tanti windows-dipendenti
          che

          negli ultimi tempi si sta vedendo accerchiato da

          linux e ne ha

          paura?

          Paura di che? Di un sistema operativo frammentato
          in millemila distribuzioni?
          (rotfl)Frammentato non direi proprio.Direi più che ogni distribuzione ha il suo scopo, ovvero ogni utente utilizza la distribuzione che più si adatta alle proprie esigenze, testimone il fatto che la distribuzione che va per la maggiore è Ubuntu, palesemente desktop oriented.




          Se si prende l'iniziativa di attaccare

          gratuitamente qualcuno o qualcosa che non ti ha

          fatto nulla il motivo è uno solo: la paura e/o

          l'invidia.

          E tu perché hai risposto? Ti prudevano le dita?
          (rotfl)Certo che voi Micro$oftiani se non stuzzicate non siete contenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Enrico
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: The Architect


            - Scritto da: Pippo



            tutto questo non vedrà mai la luce su
            Linux,
            e



            nella remota possibilità che questo accada,



            sicuramente la versione per Linux sarà

            talmente



            monca rispetto a quella per Windows che non
            la



            utilizzerà



            nessuno.





            Embè? Non sarà così, ma anche se fosse a te
            che


            te ne frega? Ti danneggia la cosa?
            Continuerai
            a


            usare il tuo amato Windows pagato a caro
            prezzo


            in cui dovrai tenere installati ennemila

            software


            antiqualcosa.



            Questo perché non sai usare Windows. Sono anni

            che non formatto e non ho mai preso un virus in

            vita

            mia.



            Dipende dal tipo di utilizzo che ne fai.
            Se sei uno smanettone che installa, prova e
            disinstalla programmi un'installazione dura al
            massimo 6 mesi, dopodichè ti ritrovi con un XP
            che occupa il triplo di quando è installato
            fresco e con la metà delle prestazioni, senza
            contare il tempo di avvio che sale
            esponenzialmente.Per il problema dello spazio è semplice: basta fare una ripulita dei file temporanei ogni tanto.Per i tempi d'avvio invece non ho mai avuto problemi.In sostanza hai detto un mucchio di cazzate.






            O magari sei uno dei tanti windows-dipendenti

            che


            negli ultimi tempi si sta vedendo accerchiato
            da


            linux e ne ha


            paura?



            Paura di che? Di un sistema operativo
            frammentato

            in millemila distribuzioni?

            (rotfl)

            Frammentato non direi proprio.
            Direi più che ogni distribuzione ha il suo scopo,
            ovvero ogni utente utilizza la distribuzione che
            più si adatta alle proprie esigenze, testimone il
            fatto che la distribuzione che va per la maggiore
            è Ubuntu, palesemente desktop
            oriented.Vero, ma in questo modo Linux non avrà mai quote di mercato paragonabili a quelle di Windows.








            Se si prende l'iniziativa di attaccare


            gratuitamente qualcuno o qualcosa che non ti
            ha


            fatto nulla il motivo è uno solo: la paura e/o


            l'invidia.



            E tu perché hai risposto? Ti prudevano le dita?

            (rotfl)

            Certo che voi Micro$oftiani se non stuzzicate non
            siete
            contenti...Esattamente come i linari.
          • Enrico scrive:
            Re: Ovviamente

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Enrico

            Dipende dal tipo di utilizzo che ne fai.

            Se sei uno smanettone che installa, prova e

            disinstalla programmi un'installazione dura al

            massimo 6 mesi, dopodichè ti ritrovi con un XP

            che occupa il triplo di quando è installato

            fresco e con la metà delle prestazioni, senza

            contare il tempo di avvio che sale

            esponenzialmente.

            Per il problema dello spazio è semplice: basta
            fare una ripulita dei file temporanei ogni
            tanto.
            Per i tempi d'avvio invece non ho mai avuto
            problemi.
            In sostanza hai detto un mucchio di cazzate.Peccato che tutti i pc che mi tornano da reinstallare sono installati da pochi mesi e hanno tutti lo stesso problema, sono pieni zeppi di merda, soprattutto nel registro.E non mi tirare fuori soluzioni tipo RegCleaner che non fanno una benemerita sega.In sostanza, hai detto un mucchio di cazzate.









            O magari sei uno dei tanti
            windows-dipendenti


            che



            negli ultimi tempi si sta vedendo
            accerchiato

            da



            linux e ne ha



            paura?





            Paura di che? Di un sistema operativo

            frammentato


            in millemila distribuzioni?


            (rotfl)



            Frammentato non direi proprio.

            Direi più che ogni distribuzione ha il suo
            scopo,

            ovvero ogni utente utilizza la distribuzione che

            più si adatta alle proprie esigenze, testimone
            il

            fatto che la distribuzione che va per la
            maggiore

            è Ubuntu, palesemente desktop

            oriented.

            Vero, ma in questo modo Linux non avrà mai quote
            di mercato paragonabili a quelle di
            Windows.
            Certo, finchè le aziende resteranno culo e camicia con Microsoft il mondo linux non prenderà mai piede.Ammettilo, l'80% degli utenti Windows lo usano per mancata compatibilità delle SH, non perchè siano felici di farlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Enrico

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Enrico


            Dipende dal tipo di utilizzo che ne fai.


            Se sei uno smanettone che installa, prova e


            disinstalla programmi un'installazione dura al


            massimo 6 mesi, dopodichè ti ritrovi con un XP


            che occupa il triplo di quando è installato


            fresco e con la metà delle prestazioni, senza


            contare il tempo di avvio che sale


            esponenzialmente.



            Per il problema dello spazio è semplice: basta

            fare una ripulita dei file temporanei ogni

            tanto.

            Per i tempi d'avvio invece non ho mai avuto

            problemi.

            In sostanza hai detto un mucchio di cazzate.

            Peccato che tutti i pc che mi tornano da
            reinstallare sono installati da pochi mesi e
            hanno tutti lo stesso problema, sono pieni zeppi
            di merda, soprattutto nel
            registro.Evidentemente sono amministrati da utonti.
            E non mi tirare fuori soluzioni tipo RegCleaner
            che non fanno una benemerita
            sega.E' sufficiente fare una fotografia del disco fisso prima e dopo l'installazione di un qualsiasi programma e poi fare la differenza in modo da vederne i cambiamenti. Esistono tool per eseguire quest'operazione, ad esempio Ashampoo Uninstaller.
            In sostanza, hai detto un mucchio di cazzate.Si certo come no.













            O magari sei uno dei tanti

            windows-dipendenti



            che




            negli ultimi tempi si sta vedendo

            accerchiato


            da




            linux e ne ha




            paura?







            Paura di che? Di un sistema operativo


            frammentato



            in millemila distribuzioni?



            (rotfl)





            Frammentato non direi proprio.


            Direi più che ogni distribuzione ha il suo

            scopo,


            ovvero ogni utente utilizza la distribuzione
            che


            più si adatta alle proprie esigenze, testimone

            il


            fatto che la distribuzione che va per la

            maggiore


            è Ubuntu, palesemente desktop


            oriented.



            Vero, ma in questo modo Linux non avrà mai quote

            di mercato paragonabili a quelle di

            Windows.



            Certo, finchè le aziende resteranno culo e
            camicia con Microsoft il mondo linux non prenderà
            mai
            piede.E' un loro diritto.
            Ammettilo, l'80% degli utenti Windows lo usano
            per mancata compatibilità delle SH, non perchè
            siano felici di
            farlo.Questo non lo puoi sapere.In ogni caso una cosa è certa: Linux è troppo complicato per un utonto.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Ovviamente

            E' sufficiente fare una fotografia del disco
            fisso prima e dopo l'installazione di un
            qualsiasi programma e poi fare la differenza in
            modo da vederne i cambiamenti. Esistono tool per
            eseguire quest'operazione, ad esempio Ashampoo
            Uninstaller.E non credi che sia abbastanza assurdo che ci sia l'esigenza di usare programmi di terzi per fare manutenzione del sistema operativo? Il fatto che SIA NATA questa esigenza non è un segnale che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato? I programmi come questo o regcleaner sono un controsenso tanto quanto gli antivirus. Solo che la gente è talmente abituata al fatto che si debbano usare che non lo avverte.TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: TADsince1995

            E' sufficiente fare una fotografia del disco

            fisso prima e dopo l'installazione di un

            qualsiasi programma e poi fare la differenza in

            modo da vederne i cambiamenti. Esistono tool per

            eseguire quest'operazione, ad esempio Ashampoo

            Uninstaller.

            E non credi che sia abbastanza assurdo che ci sia
            l'esigenza di usare programmi di terzi per fare
            manutenzione del sistema operativo? Il fatto che
            SIA NATA questa esigenza non è un segnale che ci
            sia qualcosa di profondamente sbagliato? I
            programmi come questo o regcleaner sono un
            controsenso tanto quanto gli antivirus. Solo che
            la gente è talmente abituata al fatto che si
            debbano usare che non lo
            avverte.

            TADE cosa c'è d'assurdo: anche su Linux è così, per disinstallare un programma c'è bisogno di un gestore di pacchetti.
          • ciufciuf scrive:
            Re: Ovviamente
            si ma vuoi dire che anche con linux debba pulire periodicamente il registro? ;-)
          • Cobra Reale scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: TADsince1995


            E' sufficiente fare una fotografia del disco


            fisso prima e dopo l'installazione di un


            qualsiasi programma e poi fare la differenza
            in


            modo da vederne i cambiamenti. Esistono tool
            per


            eseguire quest'operazione, ad esempio Ashampoo


            Uninstaller.



            E non credi che sia abbastanza assurdo che ci
            sia

            l'esigenza di usare programmi di terzi per fare

            manutenzione del sistema operativo? Il fatto che

            SIA NATA questa esigenza non è un segnale che ci

            sia qualcosa di profondamente sbagliato? I

            programmi come questo o regcleaner sono un

            controsenso tanto quanto gli antivirus. Solo che

            la gente è talmente abituata al fatto che si

            debbano usare che non lo

            avverte.



            TAD

            E cosa c'è d'assurdo: anche su Linux è così, per
            disinstallare un programma c'è bisogno di un
            gestore di
            pacchetti.Linux è solo un kernel, la distribuzione invece è un sistema operativo completo (così come qualsiasi versione di Windows). Il gestore già integrato nella distro solitamente va bene, invece Windows non può fare a meno di quei pacchetti aggiuntivi, con il risultato che si complica la vita dell'utente anziché facilitarla. Ciò vuol dire che in Windows probabilmente c'è qualcosa di profondamente sbagliato, senza contare che con Windows spesso l'antivirus non è un semplice "abbellimento" ma una necessità.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Cobra Reale
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: TADsince1995



            E' sufficiente fare una fotografia del disco



            fisso prima e dopo l'installazione di un



            qualsiasi programma e poi fare la differenza

            in



            modo da vederne i cambiamenti. Esistono tool

            per



            eseguire quest'operazione, ad esempio
            Ashampoo



            Uninstaller.





            E non credi che sia abbastanza assurdo che ci

            sia


            l'esigenza di usare programmi di terzi per
            fare


            manutenzione del sistema operativo? Il fatto
            che


            SIA NATA questa esigenza non è un segnale che
            ci


            sia qualcosa di profondamente sbagliato? I


            programmi come questo o regcleaner sono un


            controsenso tanto quanto gli antivirus. Solo
            che


            la gente è talmente abituata al fatto che si


            debbano usare che non lo


            avverte.





            TAD



            E cosa c'è d'assurdo: anche su Linux è così, per

            disinstallare un programma c'è bisogno di un

            gestore di

            pacchetti.

            Linux è solo un kernel, la distribuzione invece è
            un sistema operativo completo (così come
            qualsiasi versione di Windows). Il gestore già
            integrato nella distro solitamente va bene,
            invece Windows non può fare a meno di quei
            pacchetti aggiuntivi, con il risultato che si
            complica la vita dell'utente anziché facilitarla.
            Ciò vuol dire che in Windows probabilmente c'è
            qualcosa di profondamente sbagliato, Soltanto perché manca un gestore di pacchetti? (rotfl)
            senza contare che con Windows spesso l'antivirus
            non è un semplice "abbellimento" ma una necessità.Quando Linux sarà più diffuso (se mai questo avverrà) vedrai quanti virus ci saranno anche lì.
          • ciufciuf scrive:
            Re: Ovviamente


            Quando Linux sarà più diffuso (se mai questo
            avverrà) vedrai quanti virus ci saranno anche
            lì.ancora con questa teoria della diffusione?la diffusione è un'aggravante.se un OS è scritto non troppo bene (e prima di vista la sicurezza di win era proprio un optional), dare la colpa della traforabilità alla SOLA diffusione significa ignorare l'architettura dell'OS stesso
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: ciufciuf



            Quando Linux sarà più diffuso (se mai questo

            avverrà) vedrai quanti virus ci saranno anche

            lì.

            ancora con questa teoria della diffusione?

            la diffusione è un'aggravante.

            se un OS è scritto non troppo bene (e prima di
            vista la sicurezza di win era proprio un
            optional), dare la colpa della traforabilità alla
            SOLA diffusione significa ignorare l'architettura
            dell'OS
            stessoSe mi dici che fino a Windows 9X la sicurezza era un optional hai perfettamente ragione, ma già a partire da Windows 2000 la sicurezza è notevolmente migliorata.Certo, se gli utonti continueranno ad usare regolarmente account da amministratore poi è ovvio che saranno infestati da virus.Comunque la metti il problema principale saranno sempre gli utonti.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Ovviamente

            Quando Linux sarà più diffuso (se mai questo
            avverrà) vedrai quanti virus ci saranno anche
            lì.E' possibile, anche se improbabile che su linux ci saranno i virus. Quando ci sarà la necessità di installare un antivirus su linux passerò a *BSD. Ragazzi credetemi, tutto potrei sopportare in un sistema operativo, la pesantezza, i crash, ma installare un antivirus è una cosa la cui assurdità e controsenso supera qualsiasi logica e unità di misura.TAD
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: TADsince1995

            Quando Linux sarà più diffuso (se mai questo

            avverrà) vedrai quanti virus ci saranno anche

            lì.

            E' possibile, anche se improbabile che su linux
            ci saranno i virus.Per forza, tanto non avrà mai una diffusione pari a quella di Windows.
            Quando ci sarà la necessità
            di installare un antivirus su linux passerò a
            *BSD.
            Ragazzi credetemi, tutto potrei sopportare in un
            sistema operativo, la pesantezza, i crash, ma
            installare un antivirus è una cosa la cui
            assurdità e controsenso supera qualsiasi logica e
            unità di
            misura.

            TADMa infatti l'antivirus non è strettamente necessario, basta controllare cosa si esegue e usare un account limitato. Soltanto gli utonti hanno il SO infestato da virus, ed è esclusivamente colpa loro, e non di Windows.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Ovviamente

            Ma infatti l'antivirus non è strettamente
            necessario, basta controllare cosa si esegue e
            usare un account limitato. Soltanto gli utonti
            hanno il SO infestato da virus, ed è
            esclusivamente colpa loro, e non di
            Windows.Concordo con te e con "unaDuraLezione" sul fatto che un utente accorto di sicuro sta più attento e potrebbe rendere inutile l'uso di un antivirus nella maggioranza dei casi. Ma c'è da dire che Windows è, dalla sua nascita, concepito come un sistema a prova di scimmia, quindi nel 90% dei casi un utente medio l'antivirus lo installerà perchè convinto che sia una cosa necessaria (e Microsoft ha fatto bene il suo lavoro di persuasione a partire dal SP2 con l'inqualificabile avvertimento: "il COMPUTER potrebbe essere esposto a rischi".)Ma non dimentichiamoci che non ci sono solo i virus che arrivano nella posta sotto forma di allegati ai quali ormai chiunque con dei neuroni funzionanti non casca più, ci sono stati anche i famosi blaster e sasser che hanno fatto fare a Windows una figuraccia storica che ancora oggi viene presa ad esempio e che, tra l'altro, ha causato danni economici spaventosi.Se un auto è progettata male e ti fa finire contro un palo scatta la class action e/o richiesta danni al costruttore. Con Windows non ho mai sentito che qualcuno ha chiesto i danni a Microsoft... Anzi, addirittura si spendono soldi in licenze per gli antivirus! Ragazzi, a prescindere dall' "antimicrosoftismo" che alla fine lascia il tempo che trova, ma non vi rendete conto di quanto tutto questo è allucinante?TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: TADsince1995

            Ma infatti l'antivirus non è strettamente

            necessario, basta controllare cosa si esegue e

            usare un account limitato. Soltanto gli utonti

            hanno il SO infestato da virus, ed è

            esclusivamente colpa loro, e non di

            Windows.

            Concordo con te e con "unaDuraLezione" sul fatto
            che un utente accorto di sicuro sta più attento e
            potrebbe rendere inutile l'uso di un antivirus
            nella maggioranza dei casi.Meno male.
            Ma c'è da dire che Windows è, dalla sua
            nascita, concepito come un sistema a prova di
            scimmia, quindi nel 90% dei casi un utente
            medio l'antivirus lo installerà perchè convinto
            che sia una cosa necessaria (e Microsoft ha
            fatto bene il suo lavoro di persuasione a
            partire dal SP2 con l'inqualificabile
            avvertimento: "il COMPUTER potrebbe essere
            esposto a rischi".)E quindi?E' risaputo che gli utenti medi non sono capaci di amministrare un computer. D'altra parte Microsoft è un'azienda e ovviamente il suo unico interesse è il profitto; è chiaro che loro hanno interesse a mantenere questa situazione.
            Ma non dimentichiamoci che non ci sono solo i
            virus che arrivano nella posta sotto forma di
            allegati ai quali ormai chiunque con dei neuroni
            funzionanti non casca più, ci sono stati anche i
            famosi blaster e sasser che hanno fatto fare a
            Windows una figuraccia storica che ancora oggi
            viene presa ad esempio e che, tra l'altro, ha
            causato danni economici
            spaventosi.Mai preso.
            Se un auto è progettata male e ti fa finire
            contro un palo scatta la class action e/o
            richiesta danni al costruttore.Ma non è questo il caso.
            Con Windows non ho mai sentito che qualcuno ha
            chiesto i danni a Microsoft... Anzi, addirittura
            si spendono soldi in licenze per gli antivirus!I virus entrano nel computer soltanto per negligenza.Windows non ne ha colpa.Se la maggior parte degli utenti è così stupida da buttare via soldi per un antivirus che cosa ci vuoi fare? Peggio per loro!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Cobra Reale scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Cobra Reale

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: TADsince1995




            E' sufficiente fare una fotografia del
            disco




            fisso prima e dopo l'installazione di un




            qualsiasi programma e poi fare la
            differenza


            in




            modo da vederne i cambiamenti. Esistono
            tool


            per




            eseguire quest'operazione, ad esempio

            Ashampoo




            Uninstaller.







            E non credi che sia abbastanza assurdo che
            ci


            sia



            l'esigenza di usare programmi di terzi per

            fare



            manutenzione del sistema operativo? Il fatto

            che



            SIA NATA questa esigenza non è un segnale
            che

            ci



            sia qualcosa di profondamente sbagliato? I



            programmi come questo o regcleaner sono un



            controsenso tanto quanto gli antivirus. Solo

            che



            la gente è talmente abituata al fatto che si



            debbano usare che non lo



            avverte.







            TAD





            E cosa c'è d'assurdo: anche su Linux è così,
            per


            disinstallare un programma c'è bisogno di un


            gestore di


            pacchetti.



            Linux è solo un kernel, la distribuzione invece
            è

            un sistema operativo completo (così come

            qualsiasi versione di Windows). Il gestore già

            integrato nella distro solitamente va bene,

            invece Windows non può fare a meno di quei

            pacchetti aggiuntivi, con il risultato che si

            complica la vita dell'utente anziché
            facilitarla.

            Ciò vuol dire che in Windows probabilmente c'è

            qualcosa di profondamente sbagliato,

            Soltanto perché manca un gestore di pacchetti?
            (rotfl)Non solo. Anche perché Windows è strano, e pure più "aperto" (in tutti i sensi negativi) di Linux! E poi, ammesso che sia solo colpa del gestore di pacchetti, perché non risolverlo? Sai, è abbastanza grave doversi dannare l'anima per ripulire il sistema dal ciarpame che certe applicazioni, una volta installate e poi disinstallate, si lasciano dietro (e dubito che tutta la cacca che spargono per il disco fisso sia dovuta al semplice fatto che manchi un buon gestore di pacchetti integrato). Non puoi dire semplicemente che basta usare applicazioni di terze parti per risolvere il problema.

            senza contare che con Windows spesso l'antivirus

            non è un semplice "abbellimento" ma una
            necessità.

            Quando Linux sarà più diffuso (se mai questo
            avverrà) vedrai quanti virus ci saranno anche
            lì.Strano. Credevo che un sistema open source, tra l'altro diffusissimo in certi ambiti professionali, fosse più facile da attaccare di uno chiuso, dato che chi ne mastica può studiarsi i sorgenti per scoprirne e sfruttarne i punti deboli.Un consiglio: usa quella sfera di cristallo come soprammobile.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 febbraio 2008 20.34-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Cobra Reale
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Cobra Reale


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: TADsince1995





            E' sufficiente fare una fotografia del

            disco





            fisso prima e dopo l'installazione di un





            qualsiasi programma e poi fare la

            differenza



            in





            modo da vederne i cambiamenti. Esistono

            tool



            per





            eseguire quest'operazione, ad esempio


            Ashampoo





            Uninstaller.









            E non credi che sia abbastanza assurdo che

            ci



            sia




            l'esigenza di usare programmi di terzi per


            fare




            manutenzione del sistema operativo? Il
            fatto


            che




            SIA NATA questa esigenza non è un segnale

            che


            ci




            sia qualcosa di profondamente sbagliato? I




            programmi come questo o regcleaner sono un




            controsenso tanto quanto gli antivirus.
            Solo


            che




            la gente è talmente abituata al fatto che
            si




            debbano usare che non lo




            avverte.









            TAD







            E cosa c'è d'assurdo: anche su Linux è così,

            per



            disinstallare un programma c'è bisogno di un



            gestore di



            pacchetti.





            Linux è solo un kernel, la distribuzione
            invece

            è


            un sistema operativo completo (così come


            qualsiasi versione di Windows). Il gestore già


            integrato nella distro solitamente va bene,


            invece Windows non può fare a meno di quei


            pacchetti aggiuntivi, con il risultato che si


            complica la vita dell'utente anziché

            facilitarla.


            Ciò vuol dire che in Windows probabilmente c'è


            qualcosa di profondamente sbagliato,



            Soltanto perché manca un gestore di pacchetti?

            (rotfl)

            Non solo. Anche perché Windows è strano, e pure
            più "aperto" (in tutti i sensi negativi) di
            Linux! E poi, ammesso che sia solo colpa del
            gestore di pacchetti, perché non risolverlo? Sai,
            è abbastanza grave doversi dannare l'anima per
            ripulire il sistema dal ciarpame che certe
            applicazioni, una volta installate e poi
            disinstallate, si lasciano dietro (e dubito che
            tutta la cacca che spargono per il disco fisso
            sia dovuta al semplice fatto che manchi un buon
            gestore di pacchetti integrato).Non è mica colpa di Windows se certi programmi sono progettati male!
            Non puoi dire semplicemente che basta usare
            applicazioni di terze parti per risolvere il
            problema.Perché su Linux non è così? Non è forse necessario utilizzare un gestore di pacchetti di terze parti?
          • nello gala scrive:
            Re: Ovviamente
            Mercato che Ms ha grazie ad accordi con le software house che ti fanno trovare windows installato!Ma le cose stanno cambiando e da Ms si sente aria nuova...Fetida per loro, ma nuova!- Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Enrico

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: The Architect



            - Scritto da: Pippo




            tutto questo non vedrà mai la luce su

            Linux,

            e




            nella remota possibilità che questo
            accada,




            sicuramente la versione per Linux sarà


            talmente




            monca rispetto a quella per Windows che
            non

            la




            utilizzerà




            nessuno.







            Embè? Non sarà così, ma anche se fosse a te

            che



            te ne frega? Ti danneggia la cosa?

            Continuerai

            a



            usare il tuo amato Windows pagato a caro

            prezzo



            in cui dovrai tenere installati ennemila


            software



            antiqualcosa.





            Questo perché non sai usare Windows. Sono anni


            che non formatto e non ho mai preso un virus
            in


            vita


            mia.






            Dipende dal tipo di utilizzo che ne fai.

            Se sei uno smanettone che installa, prova e

            disinstalla programmi un'installazione dura al

            massimo 6 mesi, dopodichè ti ritrovi con un XP

            che occupa il triplo di quando è installato

            fresco e con la metà delle prestazioni, senza

            contare il tempo di avvio che sale

            esponenzialmente.

            Per il problema dello spazio è semplice: basta
            fare una ripulita dei file temporanei ogni
            tanto.
            Per i tempi d'avvio invece non ho mai avuto
            problemi.
            In sostanza hai detto un mucchio di cazzate.










            O magari sei uno dei tanti
            windows-dipendenti


            che



            negli ultimi tempi si sta vedendo
            accerchiato

            da



            linux e ne ha



            paura?





            Paura di che? Di un sistema operativo

            frammentato


            in millemila distribuzioni?


            (rotfl)



            Frammentato non direi proprio.

            Direi più che ogni distribuzione ha il suo
            scopo,

            ovvero ogni utente utilizza la distribuzione che

            più si adatta alle proprie esigenze, testimone
            il

            fatto che la distribuzione che va per la
            maggiore

            è Ubuntu, palesemente desktop

            oriented.

            Vero, ma in questo modo Linux non avrà mai quote
            di mercato paragonabili a quelle di
            Windows.













            Se si prende l'iniziativa di attaccare



            gratuitamente qualcuno o qualcosa che non ti

            ha



            fatto nulla il motivo è uno solo: la paura
            e/o



            l'invidia.





            E tu perché hai risposto? Ti prudevano le
            dita?


            (rotfl)



            Certo che voi Micro$oftiani se non stuzzicate
            non

            siete

            contenti...

            Esattamente come i linari.
          • rejetto scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Enrico
            Se sei uno smanettone che installa, prova e
            disinstalla programmi un'installazione dura al
            massimo 6 mesi, dopodichè ti ritrovi con un XP
            che occupa il triplo di quando è installato
            fresco e con la metà delle prestazioni, senza
            contare il tempo di avvio che sale
            esponenzialmente.Non voglio dire che XP sia meglio o fare paragoni, ma quello che hai scritto è un luogo comune.Per 4 anni ho avuto un portatile acer con XP: ci ho installato minimo 500 programmi diversi (seguivo costantemente un sito che recensisce software freeware), non ho mai dovuto reinstallare, sistema stabile (un reboot a settimana), avvio in 10-15 secondi grazie alla funzionalità di ibernazione.Chiaramente tenendo fuori dal sistema programmi fetecchia tipo norton e nero.Quanto occupa windows sull'hd non è un buon indice oggi, l'importante sono le prestazioni e la funzionalità. Mai mancate con XP (non posso dire lo stesso di Vista). Fortunello? Ho qualche altro raro amico con la stessa esperienza, perciò è replicabile.Chiaramente questo non è valido per un totale sprovveduto (ho installato il mio primo linux nel 96), ma dubito che anche linux si comporti granchè bene con un totale sprovveduto.
        • franco scrive:
          Re: Ovviamente
          Ahahhaha non ci credo assolutamente che non hai mai formattato!! (rotfl)(rotfl),cosi come non credo che tu non abbia mai preso un infezione!figurati se con lo schifo che c'è in giro sei rimasto immune!Molto più probabile che tu non lo sappia,d'altronde quante cose non sapete voi utonti,una più una meno...

          Paura di che? Di un sistema operativo frammentato in millemila

          distribuzioni?Bel tentativo di trollata amico!Alla M$ son talmente sicuri che l'open source è una cazzata,da potersi permettere di dichiarare al mondo la loro strategia per rendere open l'interoperabilità dei loro prodotti!
          E tu perché hai risposto? Ti prudevano le dita?Lol! e tu perchè hai risposto? Avevi spento il cervello??(rotfl)(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: franco
            Ahahhaha non ci credo assolutamente che non hai
            mai formattato!! (rotfl)(rotfl)Sono anni che non lo faccio.
            ,cosi come non
            credo che tu non abbia mai preso un
            infezione!figurati se con lo schifo che c'è in
            giro sei rimasto
            immune!Libero di non crederci.Ti faccio però notare che non tutti gli utenti Windows sono degli ignoranti.
            Molto più probabile che tu non lo
            sappia,d'altronde quante cose non sapete voi
            utonti,una più una
            meno...Complimenti per l'insulto.




            Paura di che? Di un sistema operativo
            frammentato in millemila


            distribuzioni?

            Bel tentativo di trollata amico!
            Alla M$ son talmente sicuri che l'open source è
            una cazzata,da potersi permettere di dichiarare
            al mondo la loro strategia per rendere open
            l'interoperabilità dei loro
            prodotti!Come al solito voi linari non capite un cazzo.


            E tu perché hai risposto? Ti prudevano le dita?

            Lol! e tu perchè hai risposto? Avevi spento il
            cervello??(rotfl)(rotfl)bla bla bla
          • franco scrive:
            Re: Ovviamente
            Alla luce di quello che sta accadendo sostieni davvero il punto che l'open source non è una minaccia a M$???P.s.prima ti complimenti in modo ironico per un insulto gratuito e poi ricambi con la stessa moneta?è un pò come dire ad una persona che sta sbagliando ma poi copiarla sbagliando tu stesso...vedi che non avevo proprio torto a definirti utonto? :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ovviamente

            P.s.prima ti complimenti in modo ironico per un
            insulto gratuito e poi ricambi con la stessa
            moneta?è un pò come dire ad una persona che sta
            sbagliando ma poi copiarla sbagliando tu
            stesso...vedi che non avevo proprio torto a
            definirti utonto?
            :DVedo che ti riesce bene arrampicarti sugli specchi! (rotfl)
          • franco scrive:
            Re: Ovviamente
            Altrettanto a te riesce il non rispondere,suvvia sull'open hai detto una minchiata,riconoscilo e finiamola qui (troll)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • ciufciuf scrive:
            Re: Ovviamente
            non vorrei contraddirti, ma gli utonti sono la maggioranza di utenti di windows, altrimenti non si spiega come mai ci sono problemi di virus a go go, dialer, trojan ecc e non si spiega come mai nelle grosse aziende ai PC client non si danno i privilegi di amministratore.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • ciufciuf scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ciufciuf

            non vorrei contraddirti, ma gli utonti sono la

            maggioranza di utenti di windows

            Giusto.
            Quindi?credo tu sia in grado da solo di trarre le debite conclusioni sulla sicurezza che offre windows all'"utonza"
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Bic Indolor scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: franco
            Ahahhaha non ci credo assolutamente che non hai
            mai formattato!! (rotfl)(rotfl),cosi come non
            credo che tu non abbia mai preso un
            infezione!figurati se con lo schifo che c'è in
            giro sei rimasto
            immune!
            Molto più probabile che tu non lo
            sappia,d'altronde quante cose non sapete voi
            utonti,una più una
            meno...
            Oh be... io ho usato win98 fino al 2006 e MAI un virus. Da quando uso XP una volta al mese nonostante il kaspersky, lo zonealarm e il firewall del router mi trovo a dover ripulire la macchina - e non navigo su siti porno.
          • nello gala scrive:
            Re: Ovviamente
            Scusa ma i siti porno sono esenti da virus, altrimenti nesuno più ci andrebbe!Casomai qualche dialer...Ma i virus si trovano più sui siti istituzionali!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Buu scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: franco
            Ahahhaha non ci credo assolutamente che non hai
            mai formattato!! (rotfl)(rotfl),cosi come non
            credo che tu non abbia mai preso un
            infezione!figurati se con lo schifo che c'è in
            giro sei rimasto
            immune!
            Molto più probabile che tu non lo
            sappia,d'altronde quante cose non sapete voi
            utonti,una più una
            meno...Anche io in 3 anni ho un portatile con win xp, mai formattato, mai preso un virus, mai deframmentato....Insomma basta avere SO originale e fare tutti gli aggiornamenti, un antivirus originale e fare tutti gli aggiornamenti, e un tool per la pulizia del registro e file temporanei...e tutto fila liscioL'unica cosa pesante e' che col tempo sono aumentati i tempi di avvio...su questo xp e' sicuramente debole.PSE di programmi ne ho installati a bizzeffe, programmo in c,c++,java,php,ruby,vhdl e tendo a provara ogni nuova cazzatina che esce nel campo dell'informatica.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Enrico scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Buu


            L'unica cosa pesante e' che col tempo sono

            aumentati i tempi di avvio...su questo xp e'

            sicuramente

            debole.

            Non è XP ad essere debole.
            Sono i programmi che hai installato che sono
            stronzi.Perchè Windows ti permette di farlo.Io non ho ancora visto un Linux (come vuoi, server oriented o desktop oriented) che soffra di rallentamenti o di crash per colpa dei programmi installati.Ti sei mai chiesto il perchè? :P
            A Win appena installato ho salvato la
            configurazione dei servizi, dei driver e
            quant'altro.
            Non installo molti programmi, ma ogni volta che
            lo faccio, prima mi informo (per evitare di
            installare un mattone), poi analizzo le modifiche
            dei servizi (c'è un utility esterna che lo fa in
            automatico) driver, esecuzioni automatiche,
            ...
            Tra l'altro è assolutamente plausibile che alcuni
            programmi che usi abbiano risvegliato dei servizi
            che esistono di default su XP ma che normalmente
            sono
            spenti.
            In tal caso puoi farti uno scirpt che li spegne
            accende con un click in modo che li hai attivi
            solo quando devi realmente
            sviluppare.Io invece installo e disinstallo spesso, anche programmi non troppo attendibili, ma spesso e volentieri mi tocca farlo perchè ne ho bisogno per lavoro.Del fatto che Windows con i dovuti accorgimenti possa restare affidabile e veloce anche dopo anni te ne do atto, ma primo non è detto che ne abbia la voglia di farlo, e secondo all'utente medio non viene nemmeno in mente.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Enrico scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Enrico


            Perchè Windows ti permette di farlo.

            Io non permetto ai programmi di farlo.
            Si vede che non hai mai avuto a che fare con il programma della tale SH tedesca a caso (Siemens) che se non fa i suoi pastrocchi con il registro e con i servizi di sistema si rifiuta di funzionare.Senza contare i milioni di file che sparge nella cartella di Windows.

            Io non ho ancora visto un Linux (come vuoi,

            server oriented o desktop oriented) che soffra
            di

            rallentamenti o di crash per colpa dei programmi

            installati.

            Ti sei mai chiesto il perchè? :P

            perchè il tipico utente Linux installa quattro
            programmi in
            croce?Si, certo. Solo nei repository ufficiali di una distro ci sono almeno 5000 programmi, e le installazioni full li comprendono tutti.
            Perchè cambia distro ogni settimana e quindi è
            come se
            formattasse?Ovviamente parlo di chi installa una distro e si tiene quella.
            Perchè sta attneto a cosa installa esattamente
            come faccio io con
            win?


            Io invece installo e disinstallo spesso, anche

            programmi non troppo attendibili, ma spesso e

            volentieri mi tocca farlo perchè ne ho bisogno

            per

            lavoro.

            problema tua e colpa tua se lo fai sulla macchina
            su cui
            lavori.Si, purtroppo è un problema mio, perchè se non lo faccio non posso lavorare.
            Ognuno è libero di farsi male quanto vuole.Quoto, dovrei smettere di lavorare...
            Ti consiglio di passare a Linux se non sai
            contenerti con i programmi e devi installare
            "programmi non troppo
            attendibili".Lo farei ben volentieri, ma ti invito a leggere 2 righe sopra.
            Sotto linux scommetto che neanche ci sono
            "programmi non troppo attendibili" e scommetto
            che tutti sono pronti a giurare che non
            servono.
            passa a linux, quindi, no?
            Come sopra.

            Del fatto che Windows con i dovuti accorgimenti

            possa restare affidabile e veloce anche dopo
            anni

            te ne do atto

            Meno male che mi dai atto di un fatto che
            verifico tutti igiorni quando accendo il PC.
            Grazie per la
            concessione!


            ma primo non è detto che ne abbia

            la voglia di farlo, e secondo all'utente medio

            non viene nemmeno in

            mente.

            se non hai voglia di studiare o sei un utente
            medio passa a
            linux.Tra lo studiare per usare Linux e lo studiare per mantenere Windows consiglierei vivamente la prima. Purtroppo non è una questione di libera scelta, ma è strettamente legata ai programmi di cui avrai bisogno.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Enrico scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Enrico


            Si vede che non hai mai avuto a che fare con il

            programma della tale SH tedesca a caso (Siemens)

            che se non fa i suoi pastrocchi con il registro
            e

            con i servizi di sistema si rifiuta di

            funzionare.

            me ne tengo lontano.
            Quindi?
            TU te ne tieni lontano, ma mi sa che non hai capito che per me o è così o mi posso licenziare.

            Si, certo. Solo nei repository ufficiali di una

            distro ci sono almeno 5000 programmi, e le

            installazioni full li comprendono

            tutti.

            appunto: sono tutti programmi 'certificati'
            tant'è che finiscono nel
            repository.Non è esatto.Nei repository ufficiali vengono messi software (che spesso sono pacchettizzati e niente più, quindi disponibili anche fuori dal repository senza modifiche) più largamente utilizzati, ma non necessariamente certificati, tant'è che i repository ufficiali sono una minima parte del software disponibile. I progetti minori hanno tutti il loro repository.
            Se 'installo' un milione di programmi su windows
            e questi sono semplici eseguibili senza setup,
            che problemi credi che
            abbia?
            In realtà ti sbagli. Ogni singolo file pacchettizzato è un installabile, con la sola differenza che i programmi su Linux si installano copiando i file e non smerdando a destra e sinistra le cartelle di sistema come su Windows.

            Ovviamente parlo di chi installa una distro e si

            tiene

            quella.

            ah... esistono tali persone?
            Pensavo che questo modo di agire si usasse solo
            per i
            server...
            Mi dici quante distro hai cambiato da quando è
            uscito
            XP?
            Ne ho provate tante, ma l'ufficiale è sempre stata Fedora, e non saltare fuori con la storia che ad ogni major si reinstalla, perchè ho sempre usato il tool di update.


            problema tua e colpa tua se lo fai sulla

            macchina


            su cui


            lavori.



            Si, purtroppo è un problema mio, perchè se non
            lo

            faccio non posso

            lavorare.

            ottimo, fatti fornire il PC dal tuo datore di
            lavoro.Ma che discorso è? Certo che me lo faccio fornire dal datore di lavoro, ci manca solo che mi porto il PC da casa.
            Se sei un libero professionista installati un
            macchina virtuale con un gemello del tuo OS e
            pasticcia su
            quella.
            Pasticciare sull'OS che usi tutti i giorni è una
            gran
            cazzata.No, è l'unica soluzione, perchè prima di tutto le prestazioni raggiunte da una VM sono necessariamente inferiori rispetto all'esecuzione nativa (e ti assicuro che i software in quest'ambito atterrano la CPU) e secondariamente ti voglio vedere a scambiare tra VM e OS nativo ogni volta.
            In ogni caso se segui le indicazioni che ho dato
            (verifica di driver/servizi/esecuzione automatica
            gestione manuale dei servizi che usi una volta al
            mese) riceverai enormi
            benefici.
            Faccio già tutto questo, non ti preoccupare che non stai parlando con un utente medio.


            Ognuno è libero di farsi male quanto vuole.



            Quoto, dovrei smettere di lavorare...

            non fare la vittimina.
            Puoi sempre passare a linux, no?
            No comment.

            Lo farei ben volentieri, ma ti invito a leggere
            2

            righe

            sopra.

            separa il lavoro dal tempo libero, fatti delle
            partizioni, usa wmware, fai qualcosa insomma
            anzichè lamentarti di cose che non puoi
            cambiare.Mi lamento proprio perchè non cambieranno mai, e la gente come te fa la spocchiosa con chi si rende conto di quanto schifo facciano i software moderni.
            Se non puoi cambiare l'OS che usi, se non vuoi
            seguire i miei consigli, se non vuoi fare nulla
            di nulla perchè tutto ti è dovuto, allora non ti
            rimane che logorarti per il resto della
            vita.
            Oppure cambia lavoro.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Enrico scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Enrico


            In realtà ti sbagli. Ogni singolo file

            pacchettizzato è un installabile, con la sola

            differenza che i programmi su Linux si
            installano

            copiando i file e non smerdando a destra e

            sinistra le cartelle di sistema come su

            Windows.

            esattamente come i programmi senza installr per
            windows di cui
            parlo.Si, con la piccola differenza che anche i megaprogrammoni su Linux sono "programmi senza installer" come li chiami tu.
            Iobne ho scritti così e non fanno nulla nel
            registro nè nella cartelle di
            sistema.
            Finchè non li esegui è come se non esistessero,
            perchè dovrebbero incasinarmi windows? (infatti
            non lo
            fanno).



            Ma che discorso è? Certo che me lo faccio
            fornire

            dal datore di lavoro, ci manca solo che mi porto

            il PC da

            casa.

            i liberi professionisti usano il loro portatile,
            eh.. non sapendo che tipo di contratto
            hai...


            No, è l'unica soluzione, perchè prima di tutto
            le

            prestazioni raggiunte da una VM sono

            necessariamente inferiori rispetto
            all'esecuzione

            nativa (e ti assicuro che i software in

            quest'ambito atterrano la CPU) e secondariamente

            ti voglio vedere a scambiare tra VM e OS nativo

            ogni

            volta.

            ???
            scherzi?
            uJ servizio sulla macchina virtuale è esattamente
            come un servizio sulla tua macchina, solo che non
            ti tocca la configurazione della macchina
            ospitante.
            Io uso wmware con su server oracle/web/ e
            quant'altro, per sviluppare e non ho alcun
            problema.
            Qui però stiamo parlando di mirtilli... sei
            costretto ad usare un software della minchia e ti
            ostini a dare la colpa
            all'OS...A parte che non sto dando la colpa a nessuno, sto solo constatando che per come è strutturato Windows e per la qualità del software degno di sviluppatori Yugoslavi sottopagati, la situazione è questa.Fine.
            A parte il fatto che non è mai un singolo
            software della minchia am ettere in ginocchio una
            macchina, è sempre una combinazione di molti di
            questi software... mica sarannno capitati tutti a
            te?
            Oppure ti sei messo ad installare robine inutili? Beh, installati tutta la suite Simatic per programmare lo Step7, poi mi dici se non può essere un solo software a immerdare tutto.

            Faccio già tutto questo, non ti preoccupare che

            non stai parlando con un utente

            medio.

            se fai tutto quello è possibile fare (anche se ti
            rifiuti di usare una macchina virtuale) c'è poco
            da
            fare.
            Accetta la situazione o cambia genere id lavoro.
            Io non ho mai visto un persona soffrire così
            tanto perchè il signor siemens gli installa robe
            strane che gli rallentano
            l'os.Ma guarda che io sto discutendo da persona serenissima, mica da persona sofferente.Sei te che hai capito chissà cosa.

            Mi lamento proprio perchè non cambieranno mai, e

            la gente come te fa la spocchiosa con chi si

            rende conto di quanto schifo facciano i software

            moderni.

            A me pare che il problema vero è che tu dovresti
            cercare un lavoro in cui ti facciano usare
            Linux.
            Risolveresti tutti i tuoi problemi e
            risparmieresti il
            fegato.Mi sono dimenticato di dirti che l'azienda qua ha 2 server, entrambi Linux based, e ho compito di sysadmin.Quindi non mi sto certo lamentando del mio lavoro, ne mi sto rodendo il fegato.
          • Pateticus scrive:
            Re: Ovviamente
            Sei patetico nei tuoi commenti.Addirittura consigliare di passare a linux se si è utente medio.Veramente patetico.
          • Enrico scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: Pateticus
            Sei patetico nei tuoi commenti.
            Addirittura consigliare di passare a linux se si
            è utente
            medio.Che tra l'altro, se mi permetti, è una contraddizione in termini :P

            Veramente patetico.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Pateticus scrive:
            Re: Ovviamente
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Pateticus

            Sei patetico nei tuoi commenti.

            una dura lezioneE già quando non si ha niente da dire si da lezione di minchiate agli altri.Bravo continua a dare lezioni va e torna a windows che è meglio.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ovviamente
            contenuto non disponibile
          • Pateticus scrive:
            Re: Ovviamente

            ti consiglio di usare linux.
            Si appaia perfettamente col tuo carattere: nesuna
            argomentazione, tante
            offeseUna Dura Lezione.
          • CI HAI ROTTO ! scrive:
            Re: Ovviamente
            TU...non sei un UTONTO...ma UTESTADIC...O...ti è chiaro il concetto ???- Scritto da: franco
            Ahahhaha non ci credo assolutamente che non hai
            mai formattato!! (rotfl)(rotfl),cosi come non
            credo che tu non abbia mai preso un
            infezione!figurati se con lo schifo che c'è in
            giro sei rimasto
            immune!
            Molto più probabile che tu non lo
            sappia,d'altronde quante cose non sapete voi
            utonti,una più una
            meno...




            Paura di che? Di un sistema operativo
            frammentato in millemila


            distribuzioni?

            Bel tentativo di trollata amico!
            Alla M$ son talmente sicuri che l'open source è
            una cazzata,da potersi permettere di dichiarare
            al mondo la loro strategia per rendere open
            l'interoperabilità dei loro
            prodotti!


            E tu perché hai risposto? Ti prudevano le dita?

            Lol! e tu perchè hai risposto? Avevi spento il
            cervello??(rotfl)(rotfl)
        • nello gala scrive:
          Re: Ovviamente
          Hai ragione...ma almeno non consuma un Gb di ram solo per accendersi o spegnersi!E non parliamo dei service pack e delle patch e delle patch alle patch..Domanda: chi è più frammentato?Avvia la deframmentazione, che windows vista altrimenti non ti fa neanche vedere il desktop!
Chiudi i commenti