Quando la garanzia non copre il telefonino

Un lettore racconta la sua singolare avventura con la riparazione di un cellulare Nokia. Non sempre tutto fila liscio come dovrebbe. Ecco il suo racconto


Roma – Gentilissima redazione di Punto Informatico, sono un Vostro affezionato lettore e volevo segnalarvi quanto mi è accaduto quando ho avuto a che fare con il Customer Care della Nokia per un telefono in garanzia portato in riparazione.
Il telefono in questione è un Nokia 8210.

Il 16 ottobre, dopo neppure un anno dall’acquisto cominciano i problemi: lo porto in riparazione (presso un Nokia Point di Roma), perchè il display si spegne da solo non dando più segni di vita, ma il cellulare rimane acceso, e in quelle continue occasioni non funziona neppure il tasto per spegnerlo (l’unico modo è staccare la batteria) e si sente male l’ audio.

Chiedo un muletto in sostituzione (dato che col cellulare ci lavoro) ma mi rispondono che ne hanno pochissimi a disposizione e che a me non potevano darlo per il tipo di guasto e che avrebbero fatto prestissimo nella riparazione. Compro un altro cellulare! Il mio me lo ridanno il 18 ottobre sera, dicendomi che hanno aggiornato il software (dalla 5.29 alla 5.31) e sostituito il display (con una bella ditata sopra)…

Torno a casa tutto contento, infilo la batteria ma il cellulare neppure si accende… Dopo una bella incazzatura torno all’assistenza il 21 (già, perchè il 18 era venerdì), gli spiego tutto, e loro decidono di mandarlo in riparazione fuori sede, e a quel punto chiedo se è possibile la sostituzione come previsto dalla garanzia, mi rispondono di si, e sul foglio che mi rilasciano scrivono “il telefono non si accende, già tentata la riparazione in sede, si richiede sostituzione in garanzia”.
Chiedo anche in questo caso un muletto, ma come al solito quelli a disposizone erano pochissimi e si rifiutano di darmelo, nonostante diverse insistenze da parte mia. Mi congedano con un “ripassi fra una decina di giorni e vedrà che sarà tutto a posto e che probabilmente, per il suo difetto, le sostituiremo il cellulare con uno nuovo”…

Soddisfatto torno a casa. Passano i giorni, e oggi 5 novembre vado per ritirarlo. Dopo aver fatto la fila, mi sento dire che il cellulare è irreparabile perchè risulta “danneggiato da tracce evidenti di corrosione”. Protesto (anzi, mi incazzo sul serio), spiego che già mi era stato riparato DA LORO 1 volta, raccontando tutta la storia, e facendogliela controllare da quanto gli risultava sui computer (da cui risultava tutto) ma tutto è stato inutile, me lo hanno aperto davanti per farmi vedere le tracce d’acqua, mi hanno spiegato che in questi casi decade la garanzia e che è inutile protestare… Non lo hanno riaccettato in riparazione, me lo hanno ridato così, non funzionante, addirittura chiedendomi se lo rivolevo indietro o no…

Torno a casa sconsolato, provo ad accenderlo e succede una cosa sconcertante: il cellulare funziona perfettamente e la versione software è rimasta la 5.29! Ma come, non me l’avevano aggiornata la prima volta? Ma come il cellulare non era bruciato? Ma lo hanno acceso almeno?

Ora, io mi sento preso in giro da questi pseudotecnici riparatori! Mi hanno dato indietro la prima volta un cellulare che non è stato riparato come hanno detto, tant’e vero che una volta ritirato neppure si accendeva, me lo hanno ripreso per altre due settimane e mi hanno ridato un qualcosa di irreparabile a loro dire! E non solo, oltre a tutto questo vengo pure accusato da un tecnico di aver gettato il cellulare dentro un secchio d’acqua non so neppure io per quale motivo. E’ questa la serietà della Nokia???

Marco F.

Gentile lettore, abbiamo trasmesso anche a Nokia la tua disavventura. Va detto che episodi di disservizio che vengono segnalati a Punto Informatico si riferiscono a problemi con cellulari di ogni marca, e con assistenza di ogni tipo, sebbene un caso come questo sia davvero singolare. Siamo fiduciosi di poter presto pubblicare un epilogo lieto di questa vicenda. Un saluto, la Redazione

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    quando il computer
    Il computer e` uno strumento che ti permette di scrivere, leggere, disegnare, catalogare, fare conti velocemente. Non e` un sostituto dei libri, prima bisogna saper leggere, scrivere bene, saper la matematica, saper disegnare, poi forse si puo` passare al computer, ma non e` necessario. Se proprio si vuol passare al computer la cosa va fatta al massimo nelle scuole medie e non prima e all`interno di progetti ben definiti, Che so la costruzione di un sito in cui vengono presentati dei lavori o la progettazione di qualche cosa che poi verra` costruito, senza un progetto l`uso del computer e` dispersivo e non porta un reale vantaggio per lo studente. C`e` da dire poi che ormai la diffusone del computer e ` cosi` capillare che il 50 % o piu` dei ragazzi arriva a scuola conoscendo gia` le basi per l`uso del computer, se gli insegnanti non sono in grado di far fare un passo in piu` alloa e` tutto tempo sprecato.
  • Anonimo scrive:
    Computer? perchè no?
    Il pc può essere paragonato ad un' efficacissima arma a doppio taglio, da una parte è decisamente utile per effettuare correttamente, velocemente e esaurientemente delle ricerche.Mi spiego, se al posto di far studiare manzoni ( la vita ), la 2 guerra mondiale o garibaldi attraverso un triste foglio di carta ( fotocopiato anche male e con le estremità annerite... ) potrebbero insegnare ai ragazzi a cercare queste utili, utilissime informazioni sulla rete. Certo, si trovano anche nelle enciclopedie ma... la velocità e comodità, per non parlare della VASTITA' delle informazioni non ha pari su internet.E questo dovrebbe essere lo scopo di internet, certo non quello di sostituire i libri, ma di aiutare lo studente ad imparare, in modo certamente più "soft". I libri rimarranno per sempre, non c'è nessuna soddisfazine a far scorrere una barra verticale o leggersi un libro "downloadato" ( passatemi il termine ) e stampato su fogli a4 e che ha come copertina un foglio di giornale o la busta di imballaggio dei fogli che si sono usati per stamparlo ( potrete anche non crederci ma ho visto deficienti così... )Quindi, non guardiamo il pc solo come uno strumento atto a rincoglionire i giovani ( odfdio, per quelli che scaricano il file mp3 da mettere come suoneria e che giocano a formula 1 in uno schermo a dir tanto " lillipuziano " non c'è speranza... ci penserà ala selezione naturale a far si che siano sterili ), guardiamolo anche conme uno strumento di lavoro ( io ci guadagno la michetta... ) e come Strumento di studio... e poi, dai, un bel videogioco con cui scaricare la tensione giornaliera... sempre meglio prendere a fucilate ( virtuali ) degli alieni ( virtuali ) che accoltellare e violentare delle ragazzine ( per davvero purtroppo ) chi ha orecchie....
    • Anonimo scrive:
      Re: Computer? perchè no?
      Sono d'accordo con te sull'utilita' dei pc e di internet...... pero' i giovani studenti devono prima imparare a creare da soli i testi con temi, riassunti, ricerche, letture, ecc... e passare dopo alla ricerca su internet. Anche perche' devono essere in grado di valutare le informazioni, giudicarle e sceglierle... e senza un minimo di basi questo non e' possibile.
  • Anonimo scrive:
    LIBRI SENZA FIGURE
    Reti?PC?Wireless?Linux?Windows?A scuola?...Sbagliato! LIBRI SENZA FIGURE (in Times Roman 8), CARTA, PENNA. MATITA e nei casi eccezionali GOMMA, il resto e' tutta fuffa per gettare in un abisso ancora piu' profondo una generazione al 90% dilaniata da TV, CELLULARI con la musichetta, videogiochi idioti (poi non reggono due minuti di pacman), motorini, pasticche varie, fumo e ANALFABETISMO, generazioni di MUTANTI che fanno notizia quando per mettersi un dito nel naso usano il POLLICE mutato genericamente dall'estensivo uso del TELEFONINO, che gli ha FORMATTATO il cervello insieme a MTV.Il libro senza figure e' amico dei giovani e forgia il loro debole carattere.Il libro con le figure e' strumento ignobile degli editori che vendono libri di testo a CARO PREZZO, con CARTA PATINATA INUTILE buona solo per il PAGINONE CENTRALE DI PLAYBOY (e ben venga!).Quindi, LIBRI SENZA FIGURE a fascicoli di max. 200 pagine invece di quei MATTONI creati puramente a scopo COMMERCIALE che non vengono MAI e poi MAI usati neanche al 60% dai docenti.(e' concesso l'uso di qualche figura nel caso ad esempio delle Feynman Lectures che vanno in pari con il contenuto)FUORI WINDOWS, OFFICE E LINUX DALLA SCUOLA, non ha senso produrre una generazione di mentecatti analfabeti che siano in grado di sostenere ESAMI su PRODOTTI per avere CERTIFICAZIONI che comunque nel mondo del lavoro non valgono un bel NIENTE, a scapito della sana vecchia cultura del Liceo Classico dei nostri nonni. FUORI gli interessi delle multinazionali dalle scuole, FUORI la vuota filosofia del software libero, FUORI dalla PORTA tutto cio' che e' mera strumentalizzazione volta a distruggere la cultura, STOP alle INUTILI AUTOGESTIONI stupido pretesto per non studiare e poi lamentarsi degli esami "difficili" (ah!) e del "posto di lavoro che manca" (posto di che? autogestore? prova da mcdonald's).FUORI la SPAZZATURA dalle universita', ormai cadute nell'abisso del nulla (tranne qualche lodevole eccezione).FUORI i docenti IGNORANTI e POLITICANTI DA 4 SOLDI, impreparati e spocchiosi. FUORI i falsi ispettori scolastici. STOP alla farsa dei presidi manager (altri squallidi politicanti).Il LIBRO senza FIGURE e' l'ultimo avamposto a difesa della civilita'.
    • Anonimo scrive:
      Re: LIBRI SENZA FIGURE
      - Scritto da: Opino
      Il LIBRO senza FIGURE e' l'ultimo avamposto
      a difesa della civilita'.Compagno!!!
  • Anonimo scrive:
    Che imparino a leggere e scrivere...
    ... ormai nelle scuole elementari / medie (almeno in quelle che ho avuto modo di vedere) vanno avanti solo a fotocopie e i ragazzi non imparano piu' a usare carta e penna! Non sanno fare un dettato, scrivono un tema in 5 ore, ecc...Ci manca solo che non imparino neanche quel poco e sappiano fare solo click col mouse!I computer vanno insegnati ma solo nella scuola secondaria e senza esagerare...
Chiudi i commenti