Quando la lumaca è un biocarburante

Ricercatori israeliani e statunitensi creano una lumaca cyborg: funziona come un generatore di energia a lunga durata
Ricercatori israeliani e statunitensi creano una lumaca cyborg: funziona come un generatore di energia a lunga durata

Un team di ricercatori della Clarkson University e dell’università israeliana Ben-Gurion ha creato la prima lumaca-generatore, un ibrido di essere vivente e cella a biocombustibile capace di creare energia per un lungo periodo di tempo.

La cella a biocombustibile è stata impiantata su una lumaca vivente, generando in seguito energia a partire dal glucosio presente nel flusso sanguigno del molliccio gasteropode. Se collegati a un circuito esterno, gli elettrodi della biocella possono generare tra i 7,45 e gli 0,16 microwatt di energia elettrica.

Diversamente dagli innesti tentati in passato, quello del professor Evgeny Katz e colleghi riesce a produrre energia per svariati mesi. Il picco si ha nei primi 45 minuti, periodo oltre il quale l’elettricità prodotta crolla dell’80 per cento.

In attesa di risolvere questo “piccolo” problema – magari trovando il modo di generare più potenza o stoccare l’energia prodotta in accumulatori esterni – i ricercatori continuano sulla strada degli innesti bio-energetici: tra gli obiettivi possibili, l’utilizzo di droni viventi per operazioni di spionaggio.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 03 2012
Link copiato negli appunti