Quando un'email imbarazza tutti

Quando un'email imbarazza tutti

Succede quando un alto funzionario della PA invia scherzetti e giochini osé a centinaia di operatori e dirigenti governativi. Accade in Louisiana. Ma non sarà l'ultima volta
Succede quando un alto funzionario della PA invia scherzetti e giochini osé a centinaia di operatori e dirigenti governativi. Accade in Louisiana. Ma non sarà l'ultima volta


Roma – Che gaffe sta travolgendo uno degli stimati amministratori di Baton Rouge, nello stato della Louisiana, negli USA! Una gaffe che ancora una volta si deve all’utilizzo pervasivo della posta elettronica e al propagarsi rapidissimo di scherzi, battute, immagini e video che passano da una mailbox all’altra senza troppe riflessioni da parte degli utenti meno esperti.

Mike Bear, segretario del Senato della Louisiana, pochi giorni fa giocherellava con il suo computer preparando una sugosa email da inviare ad una sua mailing list privata, una ventina di persone, molti dei quali funzionari dello Stato, abituata a ricevere da lui dritte, consigli o materiali per divertirsi in rete.

Stando alla sua versione, Bear, che ha dichiarato di non sapere esattameente cosa lui stesso abbia allegato all’email, anziché inviare battute razziste, immagini pornografiche e pesanti scherzi alla propria mailing list avrebbe cliccato sul pulsante sbagliato e indirizzato l’email a centinaia di dipendenti governativi e altri soggetti che operano nelle strutture dello stato americano.

Dopo aver preparato l’email, convinto della bontà dell’invio, Bear ha effettivamente spedito il messaggio. Quando ha iniziato a ricevere telefonate e segnalazioni del clamoroso errore, il funzionario ha subito spedito a tutti un commento per scusarsi. Poiché molti amministratori di sistema già avevano cancellato l’ingombrante ed imbarazzante messaggio, la mail di scuse è giunta persino a molti che neppure avevano visto l’infelice messaggio.

La cosa non è finita qui. Il presidente del Senato ha infatti deciso di rendere pubblica tutta la vicenda, sull’onda ormai delle voci che rischiavano di travolgere i suoi uffici. E ha chiesto agli esperti informatici del Senato di determinare se Bear l’abbia o meno fatto apposta…

La verità, segnalano alcuni esperti, è che la diffusione della posta elettronica, che anche in Italia le recenti normative impongono alla pubblica amministrazione , rende sempre più facile abusi di questo tipo, dovuti spesso all’ignoranza nell’uso del mezzo da parte di chi se lo trova sulla scrivania.

Incidenti del genere hanno in passato già travolto personaggi come il principe Carlo o istituti finanziari come Bank of the West .

Qualcuno propone corsi di formazione specifici per salvare certe capre e certi funzionari. Ma bastano? O ha ragione chi licenzia ?

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 02 2004
Link copiato negli appunti