Quando Xbox incontra Zelig...

... gli amanti del cabaret iniziano a giocare


Milano – Il noto locale milanese Area Zelig, trampolino di lancio e palco privilegiato di alcuni fra i più famosi comici e cabarettisti italiani, avrà come sponsor unico per il 2002 Xbox, la console di Microsoft attesa per il 14 marzo.

Il pubblico del locale avrà l’opportunità. grazie ad una demo-station Xbox, di provare la console e tutti i più recenti giochi usciti per lo scatolotto nero di Microsoft.

“L’arrivo di Xbox segnerà una rivoluzione nell?esperienza di gioco delle persone, coinvolgendo fasce sempre più eterogenee di consumatori e favorendo l?ampliamento del mercato dei videogiochi, e contribuirà, nel contempo, a conferire al videogame un ruolo e un valore ancora più importanti nel mondo dell?intrattenimento”, ha dichiarato Maurizio Zazzaro, Country Manager Home & Retail Division di Microsoft Italia. “Per questo, la campagna di marketing legata al lancio europeo di Xbox ruota intorno al concetto “Play More”: Xbox vuole incoraggiare le persone a giocare sempre di più?.

?Essendo da sempre un amante di Zelig, non potevo non sceglierlo come partner e simbolo di ciò che Xbox vuole rappresentare nel mondo dell?entertainment?, ha concluso Maurizio Zazzaro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    l'hanno inchiappettato: era tutto previsto
    il tipo ha venduto quelle informazioni ad un altro del controspionaggio...e' una tecnica classica
  • Anonimo scrive:
    Leggenda Metropolitana ???
    Ma ragazzi, questa è una bufala secondo me !!! Dai, prima di tutto i militari non mandano in giro documenti riservati così, via mail senza cifrare i dati. Secondo, una giusta osservazione sollevata in precedenza, i militari userebbero Libero (per esempio) ??? Cavoli, altro che prendersela con la CIA o l'FBI perchè non hanno saputo prevedere l'attentato alle Torri, qui siamo arrivati all'assurdo !E statisticamente è quasi impossibile che sbagliando una lettera in un nome di dominio si arrivi a un altro nome di dominio corretto, e per di più con lo stesso id utente......
  • Anonimo scrive:
    Mail crittate? Mail server riservati?
    Non si usano molto queste cose.. io lo faccio, per mio scrupolo personale, e quando mando documenti restricted verifico 10 volte il destinatario... ma penso sia raro...Comunque questa vicenda, mi incute un certo timore...LuVi
  • Anonimo scrive:
    ora sapete che non dovete fare i bastardi
    dato che sapete che un poveretto per un semplice errore di digitazione (UNA VOCALE!!!!!!!) può finire in merda, mi raccomando, avvertite LUI e poi casomai le autorità ... poveretto!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ora sapete che non dovete fare i bastardi

      dato che sapete che un poveretto per un
      semplice errore di digitazione (UNA
      VOCALE!!!!!!!) può finire in merda, mi
      raccomando, avvertite LUI e poi casomai le
      autorità ... poveretto!!!!!macchè poveretto! uno che manda dei segreti militari senza crittografarli, e come se non bastasse, all'indirizzo sbagliato lo chiami poveretto? io direi #####!e se quello che ha ricevuto la email avesse avvertito prima il mittente che le autorità, sai che poteva essere denunciato?
    • Anonimo scrive:
      Re: ora sapete che non dovete fare i bastardi
      si cosi viene personalmente a casa tua a scusarsi e a darti un bel po di botte sulla schiena se ti va bene...senno...belli gli angeli vero ???;-0)
      dato che sapete che un poveretto per un
      semplice errore di digitazione (UNA
      VOCALE!!!!!!!) può finire in merda, mi
      raccomando, avvertite LUI e poi casomai le
      autorità ... poveretto!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Per una sola lettera?
    Spero che i nostri militari non usino un provider free per le loro connessioni a Internet... come avrebbe fatto altrimenti un utente comune a ricevere dati militari sbagliando una sola lettera?
    • Anonimo scrive:
      Re: Per una sola lettera?
      - Scritto da: biffuz
      Spero che i nostri militari non usino un
      provider free per le loro connessioni a
      Internet... come avrebbe fatto altrimenti un
      utente comune a ricevere dati militari
      sbagliando una sola lettera?Più probabilmente ha sbagliato il nome del dominio, NON dell'utente...Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Per una sola lettera?
      questa mi sembrava l'unica osservazione non-del-cazzo(hanno detto tutti che le comunicazioni vengono sottoposte a MAGGIOR scansione se crittate, e poi si lamentano perché gli altri non usano PGP)... come diavolo fa a finire ad un indirizzo di un privato?facciamo delle provefingiamo che esista un alberto.larocca@cara.binieri.mil.gov.cazio sbaglio ... ma DOVE sbaglio per finire da un privato????????
  • Anonimo scrive:
    Idiota?
    Lo sbaglio sull'indirizzo può essere tollerato ... il fatto di aver mandato una mail in chiaro no.E poi ci si lamenta della facilità con cui 4 beduini spadroneggiano in occidente, se questa è la gente che ci protegge siamo a posto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Idiota?
      Concordo pienamente...altro che echelon..non serve spendere fior di miliardi in programmi di decrittazione..basta leggere in chiaro dal server.
      • Anonimo scrive:
        Re: Idiota?
        Infatti... che storia assurda ! Spero che l'ingegnere americano non sia sotto processo tanto per aver sbagliato una "vocale", ma quanto per aver mandato una mail riservata in chiaro, dimenticandosi di crittografarla prima !
Chiudi i commenti