Quattro robot tagliano il traguardo

Sono i competitor del DARPA Grand Challenge che sono riusciti ad arrivare in fondo al massacrante percorso spaccafusibili. Su tutti trionfa Stanford. Buon risultato per il team italoamericano


Primm Valley (USA) – Il grand-prix delle automobili robotizzate , sponsorizzato interamente dal Pentagono , si è concluso col trionfo del team dell’Università di Stanford . Il SUV, battezzato “Stanley” e prodotto da Volkswagen in collaborazione con ricercatori accademici, è riuscito a solcare il deserto di Mojave in appena otto ore e quattordici minuti: senza la guida esperta di piloti umani.

La stampa internazionale si è gettata sulla competizione robotica e parla già di un importantissimo risultato destinato ad entrare nei libri di storia. E i riflettori sono tutti sul vincitore: con quasi due ore di anticipo rispetto alle scadenze del concorso, Stanley ha percorso circa 280 chilometri senza alcun intoppo. Sebastian Thrun, direttore del dipartimento d’ingegneria informatica ed intelligenza artificiale di Stanford, è entusiasta: “Un risultato incredibile, impareggiabile, da record mondiale”. Il gruppo di Thrun figurava tra i favoriti della corsa, affiancato dagli italoamericani di Terramax .

“Entro cinquanta o sessanta anni, al massimo, i veicoli motorizzati non avranno più alcun bisogno di essere guidati “, dichiara Thrun: “Abbiamo posto le basi di una grandissima evoluzione delle tecnologie per l’automazione”.

E’ la prima volta che un’ automobile intelligente riesce a percorrere distanze così lunghe. Al vincitore del concorso verrà assegnato un premio di due milioni di dollari , finanziato dal Dipartimento di Difesa statunitense. I ricercatori dell’ Università Carnegie Mellon , vincitori della scorsa edizione del rally ad alta tecnologia, non sono riusciti a tenere testa agli avversari: i due veicoli messi a punto per l’occasione sono stati sorpassati dai migliori concorrenti.

Le vetture hanno dovuto competere su terreni accidentati, distese brulle e persino tratti montuosi. La gara ha visto sfidarsi ben 23 robot motorizzati , selezionati tra i migliori progetti delle più importanti università di tutto il mondo. I ricercatori del DARPA credono che i robot più performanti possano trovare impiego nelle fila della missione militare in Iraq , già a partire dal 2006.

Entro il 2015, gli Stati Uniti prevedono di robotizzare gran parte del proprio arsenale bellico: non solo veicoli gommati, ma anche aerei e mezzi anfibi. Una prospettiva che inquieta l’Unione Europea, intervenuta in occasione del Grand Challenge per ricordare la crucialità della ricerca robotica . “Non c’è ricerca”, sostiene Ulf Dahlsten, responsabile per le nuove tecnologie all’interno dell’UE. “Abbiamo il 35% del mercato”, continua Dahlsten, “ma stiamo velocemente perdendo posizioni rispetto a paesi come il Giappone, dove ci sono grandi investimenti nella ricerca e nello sviluppo”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma per il livello 4..
    ...non serve un sistema di mandatory access control o equivalente? e allora come ha fatto windows2000 ad ottenere tale certificazione?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma per il livello 4..
      Windows 2000 ce l'ha e ha ottenuto la certificazione 4 anni fà così come Windows 2003 l'anno scorso.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma per il livello 4..
        - Scritto da: Anonimo
        Windows 2000 ce l'ha e ha ottenuto la
        certificazione 4 anni fà così come Windows 2003
        l'anno scorso.windows2000 ha mandatory access control? non mi risulta, mi daresti un link che ne parla?
        • Anonimo scrive:
          Re: ma per il livello 4..
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Windows 2000 ce l'ha e ha ottenuto la

          certificazione 4 anni fà così come Windows 2003

          l'anno scorso.

          windows2000 ha mandatory access control? non mi
          risulta, mi daresti un link che ne parla?http://www.ubs.com/1/g/index.html ;) .
          • Anonimo scrive:
            Re: ma per il livello 4..
            in quel link non si parla del presunto mandatory access control di windows2000, hai link che ne parlano?
          • Anonimo scrive:
            Re: ma per il livello 4..
            - Scritto da: Anonimo
            in quel link non si parla del presunto mandatory
            access control di windows2000, hai link che ne
            parlano?Hai litigato con il tuo senso dell'umorismo? :| .
    • Anonimo scrive:
      Re: ma per il livello 4..
      - Scritto da: Anonimo
      ...non serve un sistema di mandatory access
      control o equivalente? e allora come ha fatto
      windows2000 ad ottenere tale certificazione?Nope. EAL4 consiste solo nel presentare un po' di documenti che descrivono come hai prodotto il tuo software:"Understanding the Windows EAL4 Evaluation"http://eros.cs.jhu.edu/~shap/NT-EAL4.htmlEAL7 invece...
  • Anonimo scrive:
    Dovrebbe avere il bollino rosso!
    Altro che bollino Blu! Per la sua inutilizzabilità linux dovrebbe avere il bollino rosso, ovvero altamente sconsigliato all'utente alle prime armi. O sei pronto a leggerti Gigabyte di tutorial o è meglio lasciar perdere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dovrebbe avere il bollino rosso!
      - Scritto da: Anonimo
      Altro che bollino Blu! Per la sua
      inutilizzabilità linux dovrebbe avere il bollino
      rosso, ovvero altamente sconsigliato all'utente
      alle prime armi. O sei pronto a leggerti Gigabyte
      di tutorial o è meglio lasciar perdere.Sai, chi lavora sui server Gigabyte di docs se li è già letti.Rileggi l'articolo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dovrebbe avere il bollino rosso!
        - Scritto da: Anonimo
        Sai, chi lavora sui server Gigabyte di docs se li
        è già letti.Ovvero: come complicarsi inutilmente la vita per fare da slave ad una macchina.Non Linari, bensì Slinari: Slavelinari.
        • Anonimo scrive:
          Re: Dovrebbe avere il bollino rosso!


          Sai, chi lavora sui server Gigabyte di docs se
          li

          è già letti.


          Ovvero: come complicarsi inutilmente la vita per
          fare da slave ad una macchina.

          Non Linari, bensì Slinari: Slavelinari.Giusto: allora da domani facciamo tutti gli amministratori di sistema, i medici, gli architetti, con i punta e clicca.Pensa che bello, vengo io a costruirti casa che non so neanche costruire una cuccia con un gestionale punta e clicca, al massimo se va male formattiamo dalle fondamenta...Ciccio la competenza si paga con tanto tempo sulle "sudate carte", se non ti va di formarti c'è sempre l'ECDL.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dovrebbe avere il bollino rosso!
      winzoz esiste proprio per la gente come te, che non ha voglia o forse non sa leggere la documentazione.saluti e buona fortunaluca
      • sh4d scrive:
        Re: Dovrebbe avere il bollino rosso!
        solita guerra lin-win?ma basta!i dementi siete voi che rispondete al thread di un decerebrato (anonimo, per giunta..)
    • bugybugy scrive:
      Re: Dovrebbe avere il bollino rosso!
      - Scritto da: Anonimo
      Altro che bollino Blu! Per la sua
      inutilizzabilità linux dovrebbe avere il bollino
      rosso, ovvero altamente sconsigliato all'utente
      alle prime armi. O sei pronto a leggerti Gigabyte
      di tutorial o è meglio lasciar perdere.Non ai capito proprio nulla dell'articolo, vero??Vediamo se citando qualche parte riesce ad entrarti in testa qualcosa: "Dopo aver ottenuto i primi tre livelli di certificazione, necessari per l'accesso ad un certo numero di enti pubblici e militari"Qui si parla di enti pubblici e militari dove è presente personale ultra specializzato e competente, non si sta parlando dell'utente desktop che ha problemi con il setup di Linux... :P
  • Anonimo scrive:
    TCS?
    Non vuole essere una trollata, ma non capisco: Non è Palladium, vero?Scusate l'ignoranza. No flame please.
    • Anonimo scrive:
      Re: TCS?
      - Scritto da: Anonimo
      Non vuole essere una trollata, ma non capisco:
      Non è Palladium, vero?
      Scusate l'ignoranza. No flame please.Mah, se ci ho capito qualcosa (se sbaglio mi corrigerete, diceva qualcuno) credo che Palladium sia una "implementazione" del TCPA. Non è proprio la stessa cosa.Il fatto che esista una piattaforma per il "Trusting Computing" credo dipenda da più esigenze che il solo impedire la pirateria di mp3 e film, etc etc...Voglio dire, il discorso di restringere il potere dell'utente varrà per il "piccì" domestico, non certo per i server!In questo caso, si tratta di alcuni accorgimenti che aumentano la sicurezza.Per farti un esempio, Red Hat fornisce già un kernel con la possibilita' di abilitare il NX, cioè la tecnologia che, sotto sotto, è alla base di Palladium. Però qui è utilizzata "a fin di bene": dovrebbe servire per evitare i buffer overflow e quindi ridurre i rischi.Addirittura c'è una distro che ha tutti i pacchetti compilati contro questa tecnica di attacco, si chiama Trustix.Il punto è: se si tratta di una opzione nel kernel, io me la abilito o no a seconda di quello che intendo fare e di come voglio utilizzare la macchina.Palladium sta sulle palle a tutti perchè viene imposto e perchè serve al 99% ad evitare di far andare il "fotosciop piratato sul piccì" etc etc
      • Anonimo scrive:
        Re: TCS?
        - Scritto da: Anonimo
        Per farti un esempio, Red Hat fornisce già un
        kernel con la possibilita' di abilitare il NX,
        cioè la tecnologia che, sotto sotto, è alla base
        di Palladium. :| Non sparare cazzate, per favore.Il No eXecute e' un'altra cosa. Informati, la prossima volta...
    • Anonimo scrive:
      Re: TCS?
      - Scritto da: Anonimo
      Non vuole essere una trollata, ma non capisco:
      Non è Palladium, vero?
      Scusate l'ignoranza. No flame please.No. La Trusted computer solutions (http://www.trustedcs.com/) e' una ditta, che probabilmente servira' per fornire questa EAL4, in pratica vengono richieste un sacco di scartoffie per certificare che il software e' stato prodotto in una certa maniera, senza pero' verificarlo in alcun modo (se riesce ad essere EAL4 pure il windos...).Il EAL7 e' la certificazione piu' rigida, in cui le parti principali del sistema sono state verificate in maniera scrupolosa, dovrei controllare su google se c'e' qualche sistema operativo che supera EAL7.
  • Anonimo scrive:
    SUSE ce l'ha da inizio anno....
    http://linux.slashdot.org/article.pl?sid=05/02/20/1820218&tid=143&tid=163&tid=172&tid=106
    • Anonimo scrive:
      Re: SUSE ce l'ha da inizio anno....
      Leggere le notizie fino in fondo no, eh? ;-)- Scritto da: Anonimo
      http://linux.slashdot.org/article.pl?sid=05/02/20/
      • Anonimo scrive:
        Re: SUSE ce l'ha da inizio anno....
        ho aggiunto l'informazione relativa al periodonon era scritto nell'articolo...
        • Anonimo scrive:
          Re: SUSE ce l'ha da inizio anno....
          Quando si suol dire "salvarsi in corner" ;-)- Scritto da: Anonimo
          ho aggiunto l'informazione relativa al periodo

          non era scritto nell'articolo...
Chiudi i commenti