Quella pioggia di MMS non richiesti

Ne parla un lettore a cui non è stato facile impedire che messaggini multimediali non richiesti giungessero sul suo telefonino. Ecco com'è andata


Roma – Gentile Redazione di Punto Informatico, vi scrivo per raccontarvi una delle tante vicende che si verificano spesso con i grandi operatori, TIM nel mio caso. Ho aperto un reclamo tramite operatore TIM il 5 novembre scorso per degli MMS che ricevevo senza un’esplicita richiesta (gli MMS in questione sono quelli tematici di Acotel, cioè Oroscopo, Vignette e Girls).

Questi MMS pur non essendo autorizzati da me, venivano spediti al mio numero e la cosa più assurda è che, anche se io li rifiutavo (quindi non ne accettavo il download), questi venivano in ogni caso addebitati a me. Chiesto il suo intervento, come già in altri casi TIM si è presa un margine di 48 ore di tempo per analizzare la situazione (non si tratta di due giorni ma di sei, cioè di 48 ore lavorative…).

Il tutto con l’aggravante che, a credito esaurito, l’operatore automatico del 4916 avverte solo che il credito è, appunto, esaurito ma non dà una chiara visione di quello che effettivamente sta succedendo. Infatti solo online sul sito di TIM ho potuto constatare che il mio conto era in negativo ed era arrivato a -20 euro circa. Una cifra raggiunta quando TIM ha bloccato questo invio di MMS sul mio cellulare. Perchè il 4916 non mi ha detto -20 euro?

Ad ogni modo, dopo circa 2 settimane lavorative richiamo, visto che nessuno da parte di TIM lo aveva fatto, e scopro un’altra cosa. Il mio reclamo era stato chiuso, cioè dopo la mia richiesta esplicita di disattivare il servizio non richiesto e di essere rimborsato, hanno cancellato la possibilità di inviare MMS al mio numero e quindi per loro era finita lì. Allora per chiedere il rimborso ho dovuto aprire un nuovo reclamo e si è ripresentata la solita storia.. Dopo varie chiamate sto aspettando una loro risposta. Ad oggi, il reclamo non è chiuso, TIM non si è fatta viva.

La morale è che ci stiamo abituando ai disservizi come se fossero parte dei servizi che paghiamo, che un customer care è improntato come difesa dell’azienda e non come dice la parola “cura del cliente”. E poi ci sono tante cose che non sono chiare alla maggior parte dei clienti e a volte sembra proprio che si voglia approfittare dei meno scaltri. Tante sono le pratiche attuate da molti operatori anche a livello nazionale che sono poco chiare.

Concludo dicendo che vorrei passare a Omnitel e ho due timori: di perdere, se mai ci sarà, un eventuale rimborso e di stare un mese senza la linea a cui ricevo la maggior parte delle chiamate. La conseguenza è che devo stare male per non stare peggio.

Grazie
Marco Ricci

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Idea rivoluzionaria
    Mamma mia che idea, veramente incredibile, questo Bush è proprio un genio, dovrebbero proporlo per il nobel della Fisica, oltre che a quello per la pace....
  • GAHR scrive:
    .. e poi?
    oggi è un gran giorno, signore e signori.A quando .truenews.us con solo notizie vere e certificate?A quando .os.us con solo sistemi operativi certificati?A quando .free.us con solo soft libero?secondo me è suonato!Saluti,GAHR
  • Anonimo scrive:
    Brau!
    L'e' Propri Brau! quel Push li eh???Brau verament!!!
Chiudi i commenti