Quelli di Aimster sono dei cybersquatter

Lo hanno deciso gli arbitri del NAF americano. A questo punto America Online in qualsiasi momento può reclamare il dominio del celebre servizio di file-sharing e tutta una serie di altri domini. Decisione del tutto sorprendente


Web – Ha colto tutti di sorpresa la notizia di una decisione del NAF americano che dichiara i fondatori di Aimster, celeberrimo sistema di file-sharing in grande ascesa, di essere dei cybersquatter, ovvero “accaparratori di domini Internet”.

Secondo gli arbitri del Forum nazionale americano (NAF), il dominio “Aimster” richiama troppo da vicino il nome “AIM”, quello del celebre sistema sparamessaggi di America Online (AOL). Non solo, Aimster, secondo gli arbitri, ha registrato quel dominio e una serie di domini simili (come AimsterTV) per speculare sul nome del software AOL e costruire un proprio business a spese di quest’ultimo.

La decisione è scioccante perché se è vero che Aimster sfrutta le buddy list di AIM per consentire la condivisione dei file, è altrettanto vero che si tratta di un prodotto e di un servizio diverso da AIM e di un nome, soprattutto, del tutto diverso. Secondo qualcuno, quanto affermato dai giudici equivarrebbe a bocciare un dominio “Pepsi Cola” perché ricorda troppo “Coca Cola”.

Come conseguenza della decisione, maturata nell’ambito delle procedure di risoluzione introdotte dall’ICANN, c’è la possibilità per America Online di chiedere ed ottenere per sé il dominio Aimster.com, sito visitatissimo dai partecipanti di una delle più importanti community del file-sharing. Con quel dominio, AOL potrebbe reclamare anche Aimster.com, AimsterTV.com e AimsterTV.net. Domini che secondo il NAF spetterebbero proprio ad AOL.

Per Johnny Deep, fondatore di Aimster, l’unica strada possibile per “salvare la situazione” è chiedere l’intervento di un tribunale federale che dia parere favorevole su una questione fondamentale: l’azienda Aimster ha diritto o no al dominio Internet che porta il suo nome? Con quel parere in mano, Deep eviterebbe di perdere il popolarissimo dominio.

“Gli utenti Internet che si trovano su domini basati sul termine AIM sono portati a pensare – hanno scritto gli arbitri del NAF – che il servizio di Deep o il sito siano in qualche modo legati o affiliati o sponsorizzati da AOL, il che non è”. Parole chiare con un’accusa: “Puntando su questa ambiguità, Aimster sta intenzionalmente attraendo utenti con scopi commerciali facendo loro credere di accedere ad un servizio fornito da AOL”. Da qui l’aver riconosciuto in Deep la “cattiva fede” nella registrazione di quei domini.

Uno dei tre giudici, contrario alla “condanna”, ha dichiarato che a suo parere “poiché Aimster si richiama espressamente ad AIM per il suo funzionamento non c’è nulla di male che lo faccia anche nel dominio”. Una questione, comunque, che non sembra destinata a chiudersi qui.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma ricoverateli...
    Ma lette tante castronerie insieme... occorre subito qualcuno che spieghi a questi due esimi scienziati che i virus informatici sono programmi realizzati da programmatori.... e fate presto prima che disinfettino la testiera !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sistemi Biologici e Sistemi Informatici
    Scritto da: Aragorn il Ramingo

    [Snip!]

    a quando un virus informatico che muta la
    propria struttura in maniera casuale ogni
    dulicazione??!?Guarda che virus del genere esistono da un pezzo... hai mai sentito parlare di virus polimorfici? Il loro aspetto "esteriore" (cioè il codice macchina di cui sono composti) è diverso in ogni loro copia.Naturalmente stiamo parlando solo di mutazioni "estetiche", e non "funzionali". Il codice virale, e quindi le funzionalità del virus, rimangono assolutamente inalterati nei virus polimorfici. E' solo la loro forma che cambia, per mezzo di algoritmi di crittografia sempre diversi. Ma, in fondo, questo è quanto basta ad eludere gli antivirus (ovvero il sistema immunitario), i quali effettuano una scansione dei file alla ricerca di pezzi di codice che sanno appartenere a virus conosciuti. Se il codice cambia ogni volta, gli antivirus hanno vita molto, molto più difficile!Tra i virus polimorfici meglio scritti ci sono ad esempio Tremor, Neuroquila, Natas e Uruguay, tutti quanti antichissimi virus per MS-DOS, ormai estinti... ;-)Nei primi anni '90 fu addirittura scritto un "package" per aggiungere capacità polimorfiche a qualsiasi codice virale. Si chiamava Mutation Engine (MtE), e mi pare fosse in grado di generare fino a qualche miliardo di copie diverse di sé stesso!Al giorno d'oggi mi sembra che i vari worm e-mail in circolazione non posseggano capacità così straordinarie; solo alcuni (come Hybris, mi sembra, il quale ha addirittura una serie di "plug-in" che può caricare/scaricare via Usenet) sono in grado di alterare in qualche modo l'aspetto del loro codice; ad ogni modo, nulla a che vedere con i loro predecessori DOS... a mio avviso, sembra ci sia stato un regresso nell'evoluzione virale con l'avvento dei vari sistemi Win32, anche se Internet ha aperto la strada ad un nuovo e potentissimo veicolo d'infezione, ossia la posta elettronica.Ciao a tutti!damio :D
  • Anonimo scrive:
    e gli scacchi??
    Certo che serve a qualcosa...... anche giocare a scacchi serve... è un passatempo come un altro. Come lasciare sti post su PI. :-)
  • Anonimo scrive:
    utile per creatori di nuovi virus
    e anche questo è utile per script-kiddies e possessori di worm generator ... o altra roba simile... informazione utile per il male e il bene...
Chiudi i commenti