Questar regala Linspire Linux

A partire da sabato 26 e fino alla fine del mese


Brusaporto (BG) – Seguendo le orme dell’ iniziativa lanciata da Linspire.com lo scorso settembre, Questar offre la possibilità di ottenere una licenza gratuita e legale di Linspire e tre mesi di accesso al servizio CNR e a OpenICDL , il corso e-learning dedicato ai programmi open source.

Per ottenere i certificati di licenza è sufficiente collegarsi all’indirizzo www.linspire.it/linuxday e registrarsi. La promozione ha durata di una settimana e parte dal 26 Novembre 2005, il giorno dedicato a Linux Day 2006 . Molti LUG offriranno anche la possibilità di trasferire Linspire direttamente sul CD oppure di installarlo su PC e notebook degli interessati.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Rex1997 scrive:
    Dalla FIMI ora aspetto
    un chiarimento.TG5 ore 2030 di oggi 24 Novembre 2005 viene dato l'annuncio che la FIMI ha dichiarato che la vendita dei CD musicale ha segnato un +2,4%...Ma come, appena ieri sosteneva che il p2p uccide le vendite dei CD musicali...(newbie)(newbie)(newbie)In un giorno avete fatto +2,4%?O ci prendete in giro?? @^ @^
    • Anonimo scrive:
      Re: Dalla FIMI ora aspetto
      - Scritto da: Rex1997
      un chiarimento.
      TG5 ore 2030 di oggi 24 Novembre 2005 viene dato
      l'annuncio che la FIMI ha dichiarato che la
      vendita dei CD musicale ha segnato un +2,4%...
      Ma come, appena ieri sosteneva che il p2p uccide
      le vendite dei CD musicali...
      (newbie)(newbie)(newbie)
      In un giorno avete fatto +2,4%?
      O ci prendete in giro?? @^ @^Il fatto che le vendite crescano di un misero 2,4% non vuol dire niente. Magari senza p2p potevano crescere del 12%.
      • Rex1997 scrive:
        Re: Dalla FIMI ora aspetto
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Rex1997

        un chiarimento.

        TG5 ore 2030 di oggi 24 Novembre 2005 viene dato

        l'annuncio che la FIMI ha dichiarato che la

        vendita dei CD musicale ha segnato un +2,4%...

        Ma come, appena ieri sosteneva che il p2p uccide

        le vendite dei CD musicali...

        (newbie)(newbie)(newbie)

        In un giorno avete fatto +2,4%?

        O ci prendete in giro?? @^ @^

        Il fatto che le vendite crescano di un misero
        2,4% non vuol dire niente.
        Magari senza p2p potevano crescere del 12%.Si, sarebbe logico se prima non avessero detto che per colpa del p2p non vendevano più niente.Ora asseriscono che non solo non hanno il tanto decantato crollo delle vendite, ma che a dispetto dei prezzi elevati hanno avuto un aumento medio delle vendite, ripetto all'anno scorso, di tale portata...continuo a sentirmi preso in giro: a seconda di coloro con cui dialogano o sono in perdita totale, oppure il mercato tira.O ci sono o ci fanno...(personalmente propendo per la seconda.. :( .)==================================Modificato dall'autore il 25/11/2005 8.49.02
        • Anonimo scrive:
          Re: Dalla FIMI ora aspetto
          - Scritto da: Rex1997
          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Rex1997


          un chiarimento.


          TG5 ore 2030 di oggi 24 Novembre 2005 viene
          dato


          l'annuncio che la FIMI ha dichiarato che la


          vendita dei CD musicale ha segnato un +2,4%...


          Ma come, appena ieri sosteneva che il p2p
          uccide


          le vendite dei CD musicali...


          (newbie)(newbie)(newbie)


          In un giorno avete fatto +2,4%?


          O ci prendete in giro?? @^ @^



          Il fatto che le vendite crescano di un misero

          2,4% non vuol dire niente.

          Magari senza p2p potevano crescere del 12%.
          Si, sarebbe logico se prima non avessero detto
          che per colpa del p2p non vendevano più niente.
          Ora asseriscono che non solo non hanno il tanto
          decantato crollo delle vendite, ma che a dispetto
          dei prezzi elevati hanno avuto un aumento medio
          delle vendite, ripetto all'anno scorso, di tale
          portata...continuo a sentirmi preso in giro: a
          seconda di coloro con cui dialogano o sono in
          perdita totale, oppure il mercato tira.
          O ci sono o ci fanno...(personalmente propendo
          per la seconda.. :( .)

          ==================================
          Modificato dall'autore il 25/11/2005 8.49.02Ah, allora QUANDO DICONO AL TG che il tal cantante ha vinto il DISCO DI PLATINO per le vendite dicono solo un pacco di kazzate???? O un disco di platino lo regalano anche a chi non raggiunge LE 100.000 COPIE VENDUTE????? :@
          • Rex1997 scrive:
            Re: Dalla FIMI ora aspetto
            - Scritto da: Anonimo
            Ah, allora QUANDO DICONO AL TG che il tal
            cantante ha vinto il DISCO DI PLATINO per le
            vendite dicono solo un pacco di kazzate???? O un
            disco di platino lo regalano anche a chi non
            raggiunge LE 100.000 COPIE VENDUTE?????
            :@Beh, sta sosternedo la stessa tesi e manco te ne accorgi:se da una parte mi dici che c'è il crollo delle vendite e poi mi dici che qualcuno ha vinto il disco d'oro o di platino per le vendite, ammetterai che qualcosa non quadra... :| :| :| :|
  • Alessandrox scrive:
    A tutti i musicisti che legeranno...
    Non discuto che ci debba essere un meccanismo di tutela dei vostri legittimi interessi.... che si chiami SIAE o pinco pallino ok sta bene...ma vi pare giusto che la gente debba pagare per qualcosa che non fa', che non usa? Vi pare giusto far pagare una tassa sui supporti di memorizzazione anche a chi li usa senza ledere i diritti di nessuno?Vi pare giusto che le case discografiche aummentino i prezzi dei files musicali scaricabili da internet?Perche' dovrebbero farlo se produrre e distribuire musica , con gli strumenti informatici ha oggi dei costi irrisori?Vi sembra sacrosanto che un disco da 1GB di musica (o video o e-book) venga a costare quasi quanto un' appartamento in centro? Dato che i costi di produzione e distribuzione sono diminuiti, dato che in poco tempo e con poca spesa si possono raggiungere molti piu' utenti di una volta (potendo contare quindi su una diffusione media piu' ampia delle proprie opere), non vi pare che possa esserci un modo diverso e piu' equo per retribuire gli artisti del loro lavoro? Non sarebbe l' ora di rivedere il meccanismo del copyright e dei compensi adeguandolo ai nuovi mezzi?Vi pare giusto tenere per il collo cosi' tanta gente solo perche' e' innato nell' essere umano il bisogno di trarre appagamento dalle arti? Vi pare giusto percepire denaro anche quando chi usa le vostre opere in pubblico non lo fa a scopo di lucro (escludendo ovviamente dal lucro il rientrare nelle spese) o addirittura quando si tratta di ONLUS?Non vi rimorde la coscienza quando dei download illegali vengono definiti reati seri e puniti piu' che per aver spacciato droga?Non vi rimorde la coscienza quiando mentre cosi' tante energie vengono profuse dai governi per il blocco del P2P (oramai sia illegale che non) e per star dietro alle richieste di parte delle Majors la GIUSTIZIA langue nella mancanza di risorse, personale,fondi e strutture?Non vi rimorde la coscienza quando per cercare le prove di download illegali vengono sequestrati tutti i PC, tutto il materiale informatico sia dei diretti interessati che dei malcapitati che hanno magari avuto la sfortuna di trovarsi con loro praticamente distruggendo lavori e carriere mentre e' sufficente fare 1 copia dell' HDD?Non vi siete mai posti il problema del rapporto con i vostri clienti o vi basta attaccare un prezzo sulle vostre operette e buonanotte? Non vi interessa niente altro ceh questo? Se e' cosi' la vostra arte allora vale proprio poco.... ma voglio credere e sperare che non sia cosi'.Ma soprattutto... perche' il piu' delle volte i portavoce delle vostre istanze sono quasi sempre le Majors?==================================Modificato dall'autore il 28/11/2005 11.39.32
  • Anonimo scrive:
    A me il rootkit sony ha distrutto il pc!
    Non scherzo! Ho dovuto riformattare tutto perchè non riuscivo ad eliminarlo! Ci ho passato una giornata d'inferno! Giuro che non comprerò mai più un prodotto sony!
    • Anonimo scrive:
      Re: A me il rootkit sony ha distrutto il
      - Scritto da: Anonimo

      Non scherzo! Ho dovuto riformattare tutto perchè
      non riuscivo ad eliminarlo! Ci ho passato una
      giornata d'inferno!

      Giuro che non comprerò mai più un prodotto sony!Ma che cd te lo ha installato? Non mi sembra che i cd incriminati siano mai stati distribuiti in italia nella versione con rootkit
      • Anonimo scrive:
        Re: A me il rootkit sony ha distrutto il
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Non scherzo! Ho dovuto riformattare tutto
        perchè

        non riuscivo ad eliminarlo! Ci ho passato una

        giornata d'inferno!



        Giuro che non comprerò mai più un prodotto
        sony!


        Ma che cd te lo ha installato? Non mi sembra che
        i cd incriminati siano mai stati distribuiti in
        italia nella versione con rootkitQuesta è una palla. C'è chi ha monitorizzato il traffico generato dai PC infetti e si vede chiaramente che l'Italia è affetta.http://www.doxpara.com/planetsony2_europe.jpgLa metodologia usata è spiegata quì:http://www.doxpara.com/?q=
        • Anonimo scrive:
          Re: A me il rootkit sony ha distrutto il


          Questa è una palla. C'è chi ha monitorizzato il
          traffico generato dai PC infetti e si vede
          chiaramente che l'Italia è affetta.
          http://www.doxpara.com/planetsony2_europe.jpg

          La metodologia usata è spiegata quì:
          http://www.doxpara.com/?q=


          non volevo essere polemico.Ero curioso di sapere se hanno detto una palla rispetto ai cd incriminati cioè se ci sono rootkit in giro oltre a quelli dichiarati (e che hanno detto che in italia non hanno distribuito)http://cp.sonybmg.com/xcp/english/titles.htmlche cd hai usato? uno di questi o altri?
          • Anonimo scrive:
            Re: A me il rootkit sony ha distrutto il
            - Scritto da: Anonimo





            Questa è una palla. C'è chi ha monitorizzato il

            traffico generato dai PC infetti e si vede

            chiaramente che l'Italia è affetta.

            http://www.doxpara.com/planetsony2_europe.jpg



            La metodologia usata è spiegata quì:

            http://www.doxpara.com/?q=Magari è qualcuno che ha comprato il CD all'estero
    • Anonimo scrive:
      Re: A me il rootkit sony ha distrutto il
      - Scritto da: Anonimo

      Non scherzo! Ho dovuto riformattare tutto perchè
      non riuscivo ad eliminarlo! Ci ho passato una
      giornata d'inferno!Veramente sul sito sysinternals c'è descritta la procedura per eliminarlo completamente senza riformattare.... e non mo sembra molto difficile farlo seguendo le istruzioni!
  • Anonimo scrive:
    e un ricordo di vita
    Si, ricordo che ai tempi di squola, nei favolosi annisettanta, io e i miei amici andavamo da ricordi e messaggerie musicali a inculare gli lp, no dico, avete presente le dimensioni di un ellepi? Mica te lo potevi mettere nella patta dei calzoni!Certo una volta ci hanno preso e ci hanno pure gonfiato di botte, ma erano rischi del mestiere di minorenne...Favolosi, gli annisettanta...
  • Anonimo scrive:
    Un consiglio per tutti
    Risparmiate i vostri quattini, ragazzi. Ma che ve ne frega di spendere un bigliettone da 20 per comprare una merda come l'ultimo di madonna? Ma manco in copia pirata a 5 euro.Il mercato discografico è appunto un mercato, e dunque i dischi non sono espressione della creatività di un artista, che incidentalmente vengono anche venduti, ma sono merce da vendere indipendentemente dal contenuto artistico. Non è un caso se da una quindicina ventina d'anni vengono fatti gli spot pubblicitari dei dischi.Il prodotto che vale veramente contiene creatività, e non ha bisogno di convincere nessuno a comprarlo perchè va da se. E di prodotti così, credetemi, ne esce meno di uno al mese, ne escono 3/4 all'anno. Per cui se non ascoltate la MERDA il problema del costo non esiste, parliamo di al massimo 100 euro l'anno.
  • Anonimo scrive:
    Disintossicatevi!
    Fate come me, un paio di anni fa ho compratoil mio ultimo cd, naturalmente protetto con cactus ds(ebbene si', non me n'ero accorto...).Da allora solo radio ogni tanto...Anche la musica puo' essere una droga, si puo' vivere benissimo anche senza...Non lapidatemi, vi prego :) ciao a tutti.
    • Madder scrive:
      Re: Disintossicatevi!
      Puoi fare ancora meglio.Comprati una chitarra, o qualche altro strumento, e impara a suonare, possibilmente con un maestro. (ri)scoprirai qualcosa di incredibile. Madder
  • ishitawa scrive:
    new economy
    questa è la vera new economy: spendere ma non avere più ne prodotti ne dirittiquello che vogliono è che tu compri la "possibilità" di scaricare un brano, da ascoltarsi possibilmente solo con il pc autorizzatoi tuoi eredi che si arrangino, lo ricomprino....vedi anche altri settori: WIndows XP voleva legarsi all'hw e quindi toglierti o limitarti la possibilità di modificarlo (se cambi hd, scheda video etc..)la tv da satellite o dtt vorrebbe che tu pagassi ma che non potessi neppure registrati i programmidopo la smaterializzazione dei contenuti anche la smaterializzazione della memoria: tutto si fa solo per l'oggi. se domani lo rivuoi lo ricompri
    • Anonimo scrive:
      Re: new economy
      - Scritto da: ishitawa
      questa è la vera new economy: spendere ma non
      avere più ne prodotti ne diritti
      quello che vogliono è che tu compri la
      "possibilità" di scaricare un brano, da
      ascoltarsi possibilmente solo con il pc
      autorizzato
      i tuoi eredi che si arrangino, lo ricomprino....
      No.. a dire il vero funziona che puoi spendere molto poco ma sentirlo con solo il tuo pc e spendere di più e sentirlo con cosa vuoi.Prima avevi solo la seconda possibilità
  • Anonimo scrive:
    Un consiglio all'autore dell'articolo
    NON COMPRARE PIU'!!!!!Mandiamo falliti loro e gli artisti che si appoggiano a loro!!!Quando gli artisti capiranno che è possibile NON APPOGGIARSI AI LADRONI e vendere a prezzi ONESTI allora RICOMINCIA A COMPRARE!!!! ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Un consiglio all'autore dell'articol
      http://www.museekster.com/legalmusic.htmse proprio devi comprare online ti consiglio allofmp3, prezzi decenti, buona disponibilità di materiale, nessun drm ma sopratutto la possibilità di scegliere il tipo di compressione al volo compresi tutti i formati lame alt preset fino all'insane generalmente considerati pari alla qualità cd (vedi hydrogenaudio.org)
    • Anonimo scrive:
      Re: Un consiglio all'autore dell'articol



      vendere a prezzi ONESTI99c a canzone per gli ultimi successi e meno per gli altri sono tanti??certo... è sempre più che pagarle 0 rubando.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un consiglio all'autore dell'articol
        Ti pare poco 99 c a pezzo:13 pezzi 12.83 ? + 0.7 ? per il cd vergine + 2-3 euro per copertana e banda impiegata,15-16 euro senza contare lammortamento del pc e del masterizzatore.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un consiglio all'autore dell'articol
          - Scritto da: Anonimo
          Ti pare poco 99 c a pezzo:
          13 pezzi 12.83 ? + 0.7 ? per il cd vergine + 2-3
          euro per copertana e banda impiegata,15-16 euro
          senza contare lammortamento del pc e del
          masterizzatore.quindi mi dici che un album che costa come una pizza e una birra, o 3 pacchetti di sigarette, o 11 litri di benzina, o 2 biglietti del cinema, o un kg di carne di manzo seconda scelta, o 10 kg di mele prima scelta, o un etto di funghi porcini al mercato quanto è stagione, o 10 litri di latte centrale del latte di milano costa tanto????qui si è perso il lume, se adesso un album di un'artista deve valere meno di 3 pacchetti di sigarette.......
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ti pare poco 99 c a pezzo:

            13 pezzi 12.83 ? + 0.7 ? per il cd vergine + 2-3

            euro per copertana e banda impiegata,15-16 euro

            senza contare lammortamento del pc e del

            masterizzatore.

            quindi mi dici che un album che costa come una
            pizza e una birra, o 3 pacchetti di sigarette, o
            11 litri di benzina, o 2 biglietti del cinema, o
            un kg di carne di manzo seconda scelta, o 10 kg
            di mele prima scelta, o un etto di funghi porcini
            al mercato quanto è stagione, o 10 litri di latte
            centrale del latte di milano costa tanto????

            qui si è perso il lume, se adesso un album di
            un'artista deve valere meno di 3 pacchetti di
            sigarette.......il tuo ragionamento reggerebbe se negli ultimi anni la qualità media della musica prodotta non fosse scesa così drasticamente. Una canzone buona ogni album. Anche comprando una canzone per volta, penso che 1 euro a canzone, 2000 lire, sia ancora troppo, perchè fino ad oggi ci hanno raccontato la favola del prezzo di un CD determinato dall'onere di portare la musica fisicamente nei negozi... tutto questo decade, e il costo non può essere semplicemente il 50%, deve essere il 10% al massimo. Perchè i signori discografici per darci la musica non devono più spostare una f*ttuta molecola di plastica, ma semplicemente spostare piccoli e velocissimi elettroni su fili di rame, e oltretutto on demand!
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo
            il tuo ragionamento reggerebbe se negli ultimi
            anni la qualità media della musica prodotta non
            fosse scesa così drasticamente. Una canzone
            buona ogni album. A questo punto la possibilità di comprare un pezzo a 99c diventa più interessante, visto che, come dici tu stesso, c'è UNA canzone BUONA ogni album.
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            Per me molta della musica di oggi vale meno di una cicca spenta.Se la possono tenere, sugli scaffali o nei loro server.Ciao,Piwi
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ti pare poco 99 c a pezzo:

            13 pezzi 12.83 ? + 0.7 ? per il cd vergine + 2-3

            euro per copertana e banda impiegata,15-16 euro

            senza contare lammortamento del pc e del

            masterizzatore.

            quindi mi dici che un album che costa come una
            pizza e una birra, o 3 pacchetti di sigarette, o
            11 litri di benzina, o 2 biglietti del cinema, o
            un kg di carne di manzo seconda scelta, o 10 kg
            di mele prima scelta, o un etto di funghi porcini
            al mercato quanto è stagione, o 10 litri di latte
            centrale del latte di milano costa tanto????
            Solo che IL CIBO E' ESSENZIALE, PUOI SCEGLIERLO E LO TROVI A PREZZO SCONTATO, L'ALBUM NO (o dopo 10 anni di muffa nel magazzino)!!!!
            qui si è perso il lume, se adesso un album di
            un'artista deve valere meno di 3 pacchetti di
            sigarette.......Ci sono degli album che valgono meno della m*rda!!! :s
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol

            Solo che IL CIBO E' ESSENZIALE, PUOI SCEGLIERLO E
            LO TROVI A PREZZO SCONTATO, L'ALBUM NO (o dopo 10
            anni di muffa nel magazzino)!!Appunto, se pensi che costi troppo puoi anche non comprarlo e non muori. Ti devono fare un prezzo sottocosto come bene essenziale? ma per favore......

            Ci sono degli album che valgono meno della
            m*rda!!!
            :s Questo è il tuo libero giudizio e tu sei anche libero di non comprarlo quell'album.O magari il tuo giudizio è di natura universale?
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo

            Solo che IL CIBO E' ESSENZIALE, PUOI

            SCEGLIERLO E LO TROVI A PREZZO

            SCONTATO, L'ALBUM NO (o dopo 10

            anni di muffa nel magazzino)!!
            Appunto, se pensi che costi troppo puoi
            anche non comprarlo e non muori. Ti devono
            fare un prezzo sottocosto come bene
            essenziale? ma per favore......Qual e' il prezzo di costo di produazione di un CD musicale ? A quanto comincierebbe ad essere "sottocosto" ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            Solo che IL CIBO E' ESSENZIALE, PUOI


            SCEGLIERLO E LO TROVI A PREZZO


            SCONTATO, L'ALBUM NO (o dopo 10


            anni di muffa nel magazzino)!!


            Appunto, se pensi che costi troppo puoi

            anche non comprarlo e non muori. Ti devono

            fare un prezzo sottocosto come bene

            essenziale? ma per favore......

            Qual e' il prezzo di costo di produazione di un
            CD musicale ? A quanto comincierebbe ad essere
            "sottocosto" ?Togli l'iva.Arrivi al costo del cd netto di vendita (il 20% in meno)Il costo di produzione lo calcoli.A) Distribuzione. Il cd deve essere distribuito capillarmente in tutto il territorio.B) Duplicazione e stampa. Pochi centesimi? forse ma ci sono anche quelliC) Costi di produzione (gli studi, gli stipendi ai musicisti, ai mixeristi, ai fonici ecc)D) costi di diritto d'autore (chi ha scritto musiche e testi avrà diritto a guadagnarci qualcosa)?calcola che i costi B e C e in parte A sono praticamente FISSI, ovvero non variano in proporzione alle vendite scoprirai che per un disco che ha successo e vende molto e le case fanno guadagni altissimi ce ne sono altri 100 che vendono poco, vanno in passivo e che quei costi vengono coperti dagli introiti delle hit.GIusto per darti un dato il diritto d'autore della musica da discoteca, quella che fa schifo, copre il 60% di tutti gli introiti del diritto d'autore. Con quei soldi si pagano anche gli autori di nicchia, i musicisti locali, gli autori d'avanguardia, tutti quei cantautori che hanno un pubblico affezionato ma molto limitato.Forse una canzone da discoteca non vale 99c, ma se non si pagassero 99c, finanziando anche altri settori musicali in passivo, probabilmente non avremo mai accesso a centinaia di altri brani di altri autori che non verrebbero mai prodotti essendo non finanziariamente produttiviIl discorso dei 20 centesimi a canzone starebbe in piedi solo se si vendessero le hits e tutti i dischi "non commerciali" molto non venissero neanche prodotti
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo



            Solo che IL CIBO E' ESSENZIALE, PUOI SCEGLIERLO
            E

            LO TROVI A PREZZO SCONTATO, L'ALBUM NO (o dopo
            10

            anni di muffa nel magazzino)!!

            Appunto, se pensi che costi troppo puoi anche non
            comprarlo e non muori. Ti devono fare un prezzo
            sottocosto come bene essenziale? ma per
            favore......

            Infatti lo compro solo se è sottocosto!!! Altrimenti come mi spieghi che alcune volte LI TROVO SOTTOCOSTO????E poi NON E' VERO CHE GLI ARTISTI MUOIONO DI FAME, BASTA VEDERE LE VILLE ED I MACCHINONI CHE HANNO E LA VITA CHE FANNO, al contrario di gente che si fa un gran mazzo e quello che guadagnano loro SE LO SOGNANO!!!!



            Ci sono degli album che valgono meno della

            m*rda!!!

            :s

            Questo è il tuo libero giudizio e tu sei anche
            libero di non comprarlo quell'album.
            O magari il tuo giudizio è di natura universale?Non è UNIVERSALE, ma pretendere che acquisti UN ALBUM DI UN DEFICENTE PROPRIO NO!!! (rotfl) Non ho capito però perché TI SENTI MOLTO COINVOLTO NELL'ARGOMENTO! Sei un "artista" di quelli???
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            TI SENTI MOLTO
            COINVOLTO NELL'ARGOMENTO! Sei un "artista" di
            quelli???si ;-)nei novanta sono stato primo nella Deejay parade diverse volte.. non sto scherzando...ma non insistete... NON VI DIRO' MAI CHI SONO!
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol
            - Scritto da: Anonimo
            TI SENTI MOLTO

            COINVOLTO NELL'ARGOMENTO! Sei un "artista" di

            quelli???

            si ;-)
            nei novanta sono stato primo nella Deejay parade
            diverse volte.. non sto scherzando...
            ma non insistete... NON VI DIRO' MAI CHI SONO!MMMMhhhh, PENSO DI AVER CAPITO!Una domandina......Secondo te LA MUSICA DANCE DI OGGI è paragonabile a quella degli ANNI 90????Secondo me NO!!!Sai cosa fanno oggi per fare un pezzo dance? Prendono un brano di anni fa (tipo sigla di Beverly Hills Cop) e lo REMIXANO anche male!!!!E poi PRETENDONO CHE LA GENTE ACQUISTI????A parte che NEGLI ANNI '90 c'erano le lire e i cd COSTAVANO LA META' DI OGGI! :( Dove sono finiti DATURA, CAPPELLA, MARIO PIU', MAURO PICOTTO, CORONA ed altri che hanno fatto della musica dance che spaccava veramente???? :'(
      • Anonimo scrive:
        Re: Un consiglio all'autore dell'articol
        - Scritto da: Anonimo
        99c a canzone per gli ultimi successi e meno per
        gli altri sono tanti??Si sono tanti. E poi il modello che le major stanno cercando di imporre è 99c per le canzoni normali e di più per gli ultimi successi, che è ancora di più.
        certo... è sempre più che pagarle 0 rubando.O più che comperare musica indipendente a 30c. Forse le etichette indipendenti sono masochiste? O forse guadagnano comunque di più che immettendo un CD nel circuito di distribuzione fisica?Pensa poi ai numeri. Gli artisti major pompati dalla pubblicità vendono milioni di copie. A te pare normale che se uno vende 1 milione di download di un album incassi 10 milioni di dollari? Contando che con il download non ci sono intermediari il netto che rimane è piuttosto alto, credo.Bah...
        • Anonimo scrive:
          Re: Un consiglio all'autore dell'articol
          Contando che con il download non ci sono
          intermediari il netto che rimane è piuttosto
          alto, credo.

          Bah...Chi guadagna 1 mln va a pagare anche parte di chi guadagna 10, ha un pubblico di nicchia ma che si pubblica ugualmente per soddisfare questo pubblico pur perdendoci.
          • Anonimo scrive:
            Re: Un consiglio all'autore dell'articol

            Chi guadagna 1 mln va a pagare anche parte di chi
            guadagna 10, ha un pubblico di nicchia ma che si
            pubblica ugualmente per soddisfare questo
            pubblico pur perdendoci.Io specificato etichette "indipendenti", completamente slegate dalle major e che quindi non hanno niente a che fare con la spartizione dei profitti di queste ultime.Faccio un esempio. Elliott Smith (pace all'anima sua) ha pubblicato i suoi primi due album per un'etichetta indipendente. Li trovi su emusic a .25c per canzone. Poi in seguito al successo di alcuni film che includevano sue canzoni è passato sotto major. Quegli album li trovi su itunes a .99c a canzone.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un consiglio all'autore dell'articol
        - Scritto da: Anonimo




        vendere a prezzi ONESTI

        99c a canzone per gli ultimi successi e meno per
        gli altri sono tanti??
        certo... è sempre più che pagarle 0 rubando.Non è ONESTO 99c che sono pari a 1 EURO pari a circa 2000 LIRE!!!!!UN PREZZO ONESTO SONO 10c pari a circa 200 LIRE!!!!Così se io acquisto 20 brani mi costano 2 euro + il supporto su cui PAGO IL PIZZO SIAE circa 80c + la copertina CHE DEVO STAMPARE A MIE SPESE il CD mi costa circa 3 EURO (e mi accontento della qualità scadente)! Senza considerare il costo di abbonamento ADSL e CORRENTE ELETTRICA!NON CHE CON I LORO PREZZI MI DEVE COSTARE PIU' CHE AL NEGOZIO perché 1*20=20 EURO solo di BRANI (con la stessa qualità scadente)!!!POI UNO SE NON VENDE NON RUBA UN CAXXO A NESSUNO!!!!Fin quando continueranno così LA GENTE SI RIVOLGERA' ALTROVE!!!! :@ :@ :@
        • Anonimo scrive:
          Re: Un consiglio all'autore dell'articol
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo






          vendere a prezzi ONESTI



          99c a canzone per gli ultimi successi e meno per

          gli altri sono tanti??

          certo... è sempre più che pagarle 0 rubando.

          Non è ONESTO 99c che sono pari a 1 EURO pari a
          circa 2000 LIRE!!!!!
          UN PREZZO ONESTO SONO 10c pari a circa 200
          LIRE!!!!
          Così se io acquisto 20 brani mi costano 2 euro +
          il supporto su cui PAGO IL PIZZO SIAE circa 80c +
          la copertina CHE DEVO STAMPARE A MIE SPESE il CD
          mi costa circa 3 EURO (e mi accontento della
          qualità scadente)! Senza considerare il costo di
          abbonamento ADSL e CORRENTE ELETTRICA!
          NON CHE CON I LORO PREZZI MI DEVE COSTARE PIU'
          CHE AL NEGOZIO perché 1*20=20 EURO solo di BRANI
          (con la stessa qualità scadente)!!!
          POI UNO SE NON VENDE NON RUBA UN CAXXO A
          NESSUNO!!!!
          Fin quando continueranno così LA GENTE SI
          RIVOLGERA' ALTROVE!!!!
          :@ :@ :@Finalmente un commento azzeccato.........sono loro che devo vendere, loro devono pubblicizarsi, loro pagarsi le spese.............tutto questo invece viene addebitato a noi pubblicita', tasse, diritti d'autore.........ma stiamo scherzando????? 20 euro a cd e' un costo allucinante chiedete negli altri paesi cosa costano...........lo
      • Anonimo scrive:
        Re: Un consiglio all'autore dell'articol
        99 cents a canzone sono un'enormità per certa MERDA
        • Anonimo scrive:
          Re: Un consiglio all'autore dell'articol
          - Scritto da: Anonimo
          99 cents a canzone sono un'enormità per certa
          MERDAMica sei costretto a comprare qualcosa che non ti piace
      • Anonimo scrive:
        Re: Un consiglio all'autore dell'articol


        99c a canzone per gli ultimi successi e meno per
        gli altri sono tanti??
        certo... è sempre più che pagarle 0 rubando.Non sarebbero nemmeno tanti i 15-20 Euro per il CD se si potesse disporre liberamente della musica (copie di backup, riproduzione su qualsiasi media senza limitazioni, ecc.).Una curiosità: con ITunes e simili si sta diffondendo una certa filosofia "comunista" in base alla quale il brano dell'artista più prezzolato vale quanto quello dell'artista ad inizio carriera :-)
  • Anonimo scrive:
    emusic
    L'autore dell'articolo scrive:
    Esistono store che non utilizzano il DRM (vedi: emusic.com)
    e consentono di scaricare più volte ed in qualsiasi momento un brano acquistatoNon solo. Su emusic i brani costano tra i 0.2 ed i 0.4 USD a seconda della forma di acquisto che si sceglie.Esatto: dai 20 ai 40 centesimi di dollaro (e non di euro se siè in Italia o sterline in Inghilterra).Certo, niente musica major, ovviamente. Ma per me che amo la musica indipendente è un vero sogno.
  • Anonimo scrive:
    OldNew Musiconomy
    Ma quale sarebbe la New Economy per i musicisti?Quella di finire sugli scaffali dei commercianti?Quella posizione è l'industria, che ha il preciso compito di piazzare negli scaffali quei prodotti che fanno felici i venditori.Quella di saggiare il successo?Quella posizione è sempre l'industria, che capisce subito che a poco si può già comprare un buon ottimo investimento.Allora la Musiconomy dove sta?Forse sta nei concerti nei bar,nella promozione col proprio sito,nella collaborazione ;-)tra musicisti ed ascoltatori.Anche se poi di mezzo c'è la SIAE... E la Old Economy.
    • Anonimo scrive:
      Re: OldNew Musiconomy
      - Scritto da: Anonimo
      Ma quale sarebbe la New Economy per i musicisti?

      Quella di finire sugli scaffali dei commercianti?
      Quella posizione è l'industria, che ha il preciso
      compito di piazzare negli scaffali quei prodotti
      che fanno felici i venditori.
      Quella di saggiare il successo?
      Quella posizione è sempre l'industria, che
      capisce subito che a poco si può già comprare un
      buon ottimo investimento.

      Allora la Musiconomy dove sta?
      Forse sta nei concerti nei bar,
      nella promozione col proprio sito,
      nella collaborazione ;-)
      tra musicisti ed ascoltatori.

      Anche se poi di mezzo c'è la SIAE... E la Old
      Economy.Non sei un musicista vero? altrimenti sapresti che la siae ti da molto di più di quanto paghi e quando i tuoi diritti vengono violati (plagio, pirateria) e l'unica chi si muove a fare qualcosa per difenderli con i suoi avvocati, mentre le forze dell'or
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: OldNew Musiconomy
        - Scritto da: Anonimo.

        Non sei un musicista vero? altrimenti sapresti
        che la siae ti da molto di più di quanto paghi e
        quando i tuoi diritti vengono violati (plagio,
        pirateria) e l'unica chi si muove a fare qualcosa
        per difenderli con i suoi avvocati, mentre le
        forze dell'orHo un dubbio che tu non sappia nemmeno di cosa tu stia parlando. La SIAE tutela l' industria in primis, non l' autore.
        • Anonimo scrive:
          Re: OldNew Musiconomy
          - Scritto da: nattu_panno_dam

          - Scritto da: Anonimo.



          Non sei un musicista vero? altrimenti sapresti

          che la siae ti da molto di più di quanto paghi e

          quando i tuoi diritti vengono violati (plagio,

          pirateria) e l'unica chi si muove a fare
          qualcosa

          per difenderli con i suoi avvocati, mentre le

          forze dell'or

          Ho un dubbio che tu non sappia nemmeno di cosa tu
          stia parlando. La SIAE tutela l' industria in
          primis, non l' autore.informati meglio prima di parlare a vanveraLa SIAE è la Società italiana degli AUTORI e editori e difende anche i diritti degli autori.Del resto io oggi per aver scritto un testo di una canzone di discoteca del 94, che ancora oggi ogni tanto viene passata nelle discoteche prendo circa 7-800 euro all'anno di diritto d'autore (in quanto AUTORE) per quella canzone dalla siae.Una volta è stata pubblicato in spagna un palese plagio di un mio brano "Ignoto" ma che avevo registrato alla SIAE come deposito d'opera 2 anni prima e che avevo mandato in giro per tutte le etichette come demo tape.Quando è stato pubblicato anche in italia l'ufficio legale SIAE a provveduto a far valere il mio diritto d'autore, il brano è stato ristampato con il mio nome tra gli autori e ho ricevuto ciò che mi era dovuto come autore della musica. E tutte le beghe legali me le hanno fatte loro!
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy

            Del resto io oggi per aver scritto un testo di
            una canzone di discoteca del 94, che ancora oggi
            ogni tanto viene passata nelle discoteche prendo
            circa 7-800 euro all'anno di diritto d'autore (in
            quanto AUTORE) per quella canzone dalla siae.Del resto io oggi per aver messo su dei siti web nel 94 che ancora oggi ogni tanto viene visitato .... non prendo niente .... io no.....tu si......perche tu si ? il muratore che nel 94 aveva lavorato veramente costruendo una casetta spaccandosi la schiena oggi non prende niente anche se la casetta oggi ogni tanto viene usata .....lui no ...tu si....perche tu si ?Ma va a lavorare....... in miniera ti metterei io .... si in una miniera della siberia ... a lavorare 8 ore al giorno 7 giorni alla settimana....
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy

            Del resto io oggi per aver messo su dei siti web
            nel 94 che ancora oggi ogni tanto viene visitato
            .... non prendo niente .... Mettici della pubblicità o fi pagare gli accessi

            il muratore che nel 94 aveva lavorato veramente
            costruendo una casetta spaccandosi la schiena
            oggi non prende niente anche se la casetta oggi
            ogni tanto viene usata .....
            Perchè la casa l'ha venduta, poteva affittarla.Io il mio diritto d'autore io non l'ho venduto (potevo farlo) me lo sono tenuto e quando l'opera del mio ingegno viene usata percepisco una somma.
            Ma va a lavorare....... in miniera ti metterei io
            .... si in una miniera della siberia ... a
            lavorare 8 ore al giorno 7 giorni alla
            settimana.... dai su non fare così che se fai il bravo dopo ti compro il ghiacciolo
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy
            - Scritto da: Anonimo


            Del resto io oggi per aver messo su dei siti web

            nel 94 che ancora oggi ogni tanto viene visitato

            .... non prendo niente ....

            Mettici della pubblicità o fi pagare gli accessiCHE SIMPATICO CHE SEI .... hai quasi scoperto l'acqua calda .... perche non ci metti tu la pubblicita nel TUO CD o nella tua canzone ?
            Perchè la casa l'ha venduta, poteva affittarla.
            Io il mio diritto d'autore io non l'ho venduto
            (potevo farlo) me lo sono tenuto e quando l'opera
            del mio ingegno viene usata percepisco una somma.Giusto ... voi parlate di vendita ma in verita non vendete dite agli utenti di comprare la musica ma in realta non la comprano .... io ... quando compro qualcosa ci faccio quello che mi pare ... lo copio lo distruggo e lo uso a mo di carta igenica se mi va....
            dai su non fare così che se fai il bravo dopo ti
            compro il ghiaccioloah no grazie .... sai per il ghiacciolo magari poi mi presenti il conto e secondo la tua mentalita' il gelataio lo dovrebbe far pagare 100 euro perche' a lui li costa 0.5 euro
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy

            io ... quando compro qualcosa ci faccio quello
            che mi pare ... lo copio lo distruggo e lo uso a
            mo di carta igenica se mi va....
            Si ma io non ho MAI venduto la mia musica (ovvero il diritto d'autore di essa), vendo solo il diritto d'uso dietro pagamento! Quando uno compra il mio disco compra il supporto fisico e il diritto ad usare la musica in esso contenuto, non diventa padrone della musica che ho scritto io come se l'avesse scritta lui!Queste sono le basi!! Altrimenti come funziona, uno compra un cd, apre una casa musicale e ripubblica le stesse canzoni su un nuovo cd senza dare una lira agli autori?Chi è d'accordo la usi, chi no no, non ho mai obbligato nessuno.
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy
            - Scritto da: Anonimo


            io ... quando compro qualcosa ci faccio quello

            che mi pare ... lo copio lo distruggo e lo uso a

            mo di carta igenica se mi va....



            Si ma io non ho MAI venduto la mia musica (ovvero
            il diritto d'autore di essa), vendo solo il
            diritto d'uso dietro pagamento! Quando uno compra
            il mio disco compra il supporto fisico e il
            diritto ad usare la musica in esso contenuto, non
            diventa padrone della musica che ho scritto io
            come se l'avesse scritta lui!Benissimo ... anzi perfetto .. tu non vendi... io no ho comprato e non comprero mai la tua musica ... per quanto riguarda il supporto ne ho a decine tutti vuoti perfetti .... e quindi non mi serve un supporto ... Per quanto riguarda il diritto ... da quando in qua un musicista ha il potere di concedermi o no il diritto di fare quello che mi pare a casa mia ? Io a casa mia faccio quello che mi pare alla faccia tua ....

            Chi è d'accordo la usi, chi no no, non ho mai
            obbligato nessuno.Perfetto .... non obbligare nessuno .... io a casa mia faccio "i che mi pare" ..... t'hai capito ? e sicuramente non devo venire a chiedere il permesso a te per sentire o no un cd o se devo andare a caxxre (e le due cose sono piu o meno uguali)
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy

            Del resto io oggi per aver messo su dei siti web
            nel 94 che ancora oggi ogni tanto viene visitato
            .... non prendo niente ....
            Fare un sito non è considerato opera d'ingegno come scrivere una poesia, una musica, un testo di una canzone, un romanzo..Se non sei d'accordo puoi proporre di modificare il regolamento sul diritto d'autore, che non è mai stato immutabile.Poi scusa se fai un sito puoi scegliere se far pagare l'accesso oppure no giusto?anche chi fa una canzone può sceglierlo, lui ha scelto di farsi pagare i diritti d'autore, chi non è d'accordo può non ustilizzare la sua musica
          • Anonimo scrive:
            Re: OldNew Musiconomy
            - Scritto da: Anonimo


            Del resto io oggi per aver messo su dei siti web

            nel 94 che ancora oggi ogni tanto viene visitato

            .... non prendo niente ....


            Fare un sito non è considerato opera d'ingegno
            come scrivere una poesia, una musica, un testo di
            una canzone, un romanzo..
            Se non sei d'accordo puoi proporre di modificare
            il regolamento sul diritto d'autore, che non è
            mai stato immutabile.ah davvero ... dimmi come fare ... vado a registrarlo subito .... con tutti i siti che ho fatto a 700/800 euro a sito all'anno sono straricco ....

            Poi scusa se fai un sito puoi scegliere se far
            pagare l'accesso oppure no giusto?
            anche chi fa una canzone può sceglierlo, lui ha
            scelto di farsi pagare i diritti d'autore, chi
            non è d'accordo può non ustilizzare la sua musica
            chi non e' daccordo puo ancora piu semplicemente non pagarlo ....
          • nattu_panno_dam scrive:
            Re: OldNew Musiconomy
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: nattu_panno_dam



            - Scritto da: Anonimo.





            Non sei un musicista vero? altrimenti sapresti


            che la siae ti da molto di più di quanto
            paghi e


            quando i tuoi diritti vengono violati (plagio,


            pirateria) e l'unica chi si muove a fare

            qualcosa


            per difenderli con i suoi avvocati, mentre le


            forze dell'or



            Ho un dubbio che tu non sappia nemmeno di cosa
            tu

            stia parlando. La SIAE tutela l' industria in

            primis, non l' autore.

            informati meglio prima di parlare a vanvera

            La SIAE è la Società italiana degli AUTORI e
            editori e difende anche i diritti degli autori.

            Del resto io oggi per aver scritto un testo di
            una canzone di discoteca del 94, che ancora oggi
            ogni tanto viene passata nelle discoteche prendo
            circa 7-800 euro all'anno di diritto d'autore (in
            quanto AUTORE) per quella canzone dalla siae.

            Una volta è stata pubblicato in spagna un palese
            plagio di un mio brano "Ignoto" ma che avevo
            registrato alla SIAE come deposito d'opera 2 anni
            prima e che avevo mandato in giro per tutte le
            etichette come demo tape.
            Quando è stato pubblicato anche in italia
            l'ufficio legale SIAE a provveduto a far valere
            il mio diritto d'autore, il brano è stato
            ristampato con il mio nome tra gli autori e ho
            ricevuto ciò che mi era dovuto come autore della
            musica. E tutte le beghe legali me le hanno fatte
            loro!
            800? ? Bene, fa conto che loro ne hanno percepiti sicuramente molti, ma molti di piu'. Se ti piace vantarti di essere stato sodomizzato alla grande, prego, fai pure.
      • Anonimo scrive:
        Re: OldNew Musiconomy


        Non sei un musicista vero? altrimenti sapresti
        che la siae ti da molto di più di quanto paghi e
        quando i tuoi diritti vengono violati (plagio,
        pirateria) e l'unica chi si muove a fare qualcosa
        per difenderli con i suoi avvocati, mentre le
        forze dell'orMi spieghi perchè se compongo una canzone mia e decido di suonarla in mezzo alla strada devo pagare la SIAE anche se non l'ho registrata alla SIAE e non sono iscritto alla SIAE?
        • Anonimo scrive:
          Re: OldNew Musiconomy


          Mi spieghi perchè se compongo una canzone mia e
          decido di suonarla in mezzo alla strada devo
          pagare la SIAE anche se non l'ho registrata alla
          SIAE e non sono iscritto alla SIAE?A che io sappia puoi suonarla liberamente e nessuno ti dice niente.Solo che se un'altra persona la suona, la incide, la vende, tu non puoi vantare nessun diritto se non l'hai registrata, se non a fronte di lunghi contenziosi legali e sempre che riesci a dimostrare che sia stata frutto del tuo ingengo.E anche se ne trai profitto in qualsiasi modo devi registrarla (ma qui saresti stupido tu a non farlo)ma non sono un'esperto e potrei sbagliarmi
      • Anonimo scrive:
        Re: OldNew Musiconomy

        Non sei un musicista vero? altrimenti sapresti
        che la siae ti da molto di più di quanto paghi e
        quando i tuoi diritti vengono violati (plagio,
        pirateria) e l'unica chi si muove a fare qualcosa
        per difenderli con i suoi avvocati, mentre le
        forze dell'orIl fatto è che è stato scritto, che sia giusto che un ente, raccolga il denaro di tutti i diffusori di musica, per distribuirli agli autori.In quanto agli autori dava tanto fastidio che si ascoltasse la loro musica, senza percepire compensi.Ed essendo poi impossibile ridistribuire a tutti il malloppo, allora si è deciso per il listone di successo, a cui far percepire l'introito.Il fatto è che il musicista, che studia studia e vende vende, non è diverso da qualsiasi altro lavoratore o dirigente che sia.Certo che si sperava che la NewMusiconomy fornisse nuova vita, ai musici meritevoli.E che molto spesso sono stati incastrati dagli industriali della musica...
  • Anonimo scrive:
    La pirateria
    Secondo me basta guardare i prezzi dei giochi per ps2.Premettendo che le consolle di nuova generazione non hanno subito la massiccia "modifica" che rese famosa la psx in tutto il mondo.Non mi pare opportuno vendere a 50/60 euro un gioco per ps2 o xbox,secondo me questo istiga alla pirateria :@
  • Anonimo scrive:
    Su Planet...
    che e' un canale un pelo meno "allineato" (SKy) ho visto un'inchesta molto molto molto interessante.Non e' che le major non sanno o non capiscono.sanno sannosanno bene che il loro modelolo di business e' morto e si stanno agrappando coi denti al cadavere.Le loro "fabbriche di successi" stanno morendo perche a fronte di investimenti ENORMI (piglia una sfigata, rivestila, rendila presentabile, PREPARAGLI LE CANZONI, paga autori, musicisti, sla aincisione, CREA IL CASO SPENDENDO UNA FORTUNA IN PUBBLICITA' in uno stagno che si sta facendo sempre piu piccolo e incazzoso) non c'e' "ritorno"La dicevano che i CD non li riescono manco piu a distribuire, che le grandi catene li trattano come appestati, che fanno fatica a piazzare la robba.Loro sanno benissimo cos'e' internet, come funziona, E COME SI EVOLVERA' il mercato.Vogliono solo ancora un po' di tempo per essere pronti a gestire E COMANDARE il cambiamento...Sarebbe figo ribeccare questo documentario.Se lo avete lo potete condividere? :-D
  • Anonimo scrive:
    Imparare ad usare iTunes ?
    Caro autore della lettera:visto che dici di spenderci i soldi su iTunes, potresti fare un "minimo" di sforzo per capire come funziona il DRM di Apple è davvero moooolto permissivo.Lo sai che puoi masterizzare su CD Audio lo stesso brano 5 volte ?Lo sai che, anche se la PRIMA delle 5 copie in CD Audio la devi fare per forza con iTunes, da questa ne puoi derivare INFINITE copie con qualsiasi programma di masterizzazione, perchè i CD Audio che fa iTunes dai brani con DRM sono comunque normalissimi CD Audio senza nessuna protezione, quindi anche il limite di 5 volte, è in realtà una barzelletta ?Se ti fai i tuoi backup, in eredità puoi lasciare i CD Audio...Che dovevano fare di più, scrivere grosso come una casa queste istruzioni, se no la gente non ci arriva da sola ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Imparare ad usare iTunes ?
      come sempre da un motivo di discussione si scade nel più becero dei replay, come se l'autore della lettera abbia fatto solo un post.Non mi sembra faccia una grinza quanto scritto dalosvizzero, anzi, anche io sono convinto sia proprio così.E' inconfutabile che la qualità di un CD sia superiore eche i prezzi siano sempre gonfiati a dismisura.Tra quello che frettolosamente si marchia con un "già detto già sentito" ha detto una cosa che anche a me sembra inspiegabile. Come mai gli autori non esconomai allo scoperto e fanno un bel "baccano" tipo Live Aid?Vuoi vedere che sotto sotto si ha il timore di perdere "il posto" er... la voce?ilromano
    • avvelenato scrive:
      Re: Imparare ad usare iTunes ?
      - Scritto da: Anonimo
      Caro autore della lettera:

      visto che dici di spenderci i soldi su iTunes,
      potresti fare un "minimo" di sforzo per capire
      come funziona il DRM di Apple è davvero moooolto
      permissivo.

      Lo sai che puoi masterizzare su CD Audio lo
      stesso brano 5 volte ?

      Lo sai che, anche se la PRIMA delle 5 copie in CD
      Audio la devi fare per forza con iTunes, da
      questa ne puoi derivare INFINITE copie con
      qualsiasi programma di masterizzazione, perchè i
      CD Audio che fa iTunes dai brani con DRM sono
      comunque normalissimi CD Audio senza nessuna
      protezione, quindi anche il limite di 5 volte, è
      in realtà una barzelletta ?

      Se ti fai i tuoi backup, in eredità puoi lasciare
      i CD Audio...

      Che dovevano fare di più, scrivere grosso come
      una casa queste istruzioni, se no la gente non ci
      arriva da sola ?i cd devono morire, e i drm, se proprio vogliono essere acquistati, devono tenere conto delle esigenze di flessibilità dell'acquirente senza che si pensi al cd. E' una questione di princìpio, dal momento che quando uno paga desidera essere servito, e non essere costretto ad arrangiarsi.
      • dacho scrive:
        Re: Imparare ad usare iTunes ?

        i cd devono morirePerchè? Se tu non hai le orecchie per sentire la differenza tra AAD e DDD, magari su tracce di musica classica, non mi pare che debba adattarmici anch'io, che invece sento se la posizione dei microfoni in un concerto per piano è corretta (non vanno messi per terra, dove capita..!).Mio padre ha due casse elettrostatiche non ibride. Prova ad ascoltarci un Mp3 (benchè il lettore CD non lo supporti)! Già con CD di ottima qualità si può sentire se si tratti davvero di "ottima qualità"..Io, che vivo in condominio e non posso permettermi di far morire i miei vicini (oltre al fatto di ascoltare principalmente di notte..) ho delle cuffie che all'epoca pagai la bellezza di quasi 400 mila lire. Anche li la differenza si sente (benché le casse - ed una buona acustica di stanza - di certo possano fare meglio) eccome..!Eppure mi rippo i miei Mp3 (quasi 20 Gb tutti da roba di mia proprietà) e me li passo sul player portatile (in vita mia ho avuto più walkman che piatti di spaghetti..), o li "ascolto" sul pc.. Pensa che mi sono fatto uno streaming domestico con cui posso ascoltare dall'ufficio un random della mia musica di casa con Winamp..Ma E' TUTTA UN'ALTRA COSA dal mettersi li e godersi, ad occhi chiusi, una bella esecuzione (anche dei Metallica, perchè no..) altrettanto ben registrata, su CD..Per essere meno OT aggiungo solo che anch'io ho scaricato, scarico e scaricherò. Recentemente mi sono scaricato un intero album che all'epoca mi era stato rubato (ho ancora la confezione) assieme ad altri e che, sfortunatemente, in Italia (ma non fuori.. Grazie Amazon!), non è più in listino. Altra roba che scarico poi me la compro (abbastanza normale: terresti le fotocopie di un libro in biblioteca???) se la reputo interessante, altrimenti patisce il tasto CANC (non lo faccio per "etica", solo perchè mi pare stupido tenermi un qualcosa che non ha nemmeno le chances per piacaremi in futuro..). E' l'unica soluzione da quando hanno bloccato (10 e passa anni fa) i noleggi di CD per poter saggiare davvero un LP prima di acquistarlo..Dacho
        • Anonimo scrive:
          Re: Imparare ad usare iTunes ?

          Perchè? Se tu non hai le orecchie per sentire la
          differenza tra AAD e DDD, magari su tracce di
          musica classica, non mi pare che debba
          adattarmici anch'io, che invece sento se la
          posizione dei microfoni in un concerto per piano
          è corretta (non vanno messi per terra, dove
          capita..!).Ma piantiamola di tirarcela con ste menate da musicofili, allora un campionamento digitale è comunque una operazione molto ma molto invasiva (documentarsi, prego) che da origine a qualcosa di molto ma molto diverso dall'originale che potresti sentire dal vivo.E se proprio vogliamo tirarcela come si faceva 90 anni fa, anche una registrazione analogica per quanto possa teoricamente essere ottima introduce una assoluta artificialità della registrazione.E se vogliamo andare ancora oltre, molti musicisti non si contentano di sentire una bella esecuzione dal vivo perchè tenere in mano lo strumento e sentirne le vibrazioni attraverso il corpo è tutt'altra cosa...
          • Anonimo scrive:
            Re: Imparare ad usare iTunes ?
            In pratica iTunes permette di fare quello che si vuole con la musica che si acquista: - per creare un CD bisogna prima creare una playlist e la stessa può essere masterizzata fino a 7 volte;- un qualsiasi brano può essere inserito in playlist diverse infinite volte!Quando si acquista un CD si può fare una sola copia di riserva.Non ricordo quante volte al giorno devo ripetere che i brani acquistati su iTunes non sono MP3 ma AAC, (DRM a parte, l'audio è MP4).Anch'io desidero una qualità assoluta quando ascolto buona musica, ma il fatto stesso che si ascolta una registrazione è pur sempre una simulazione della realtà.La miglior cosa sarebbe l'ascolto dal vivo ma se l'accustica non è delle migliori...Un concerto di pianoforte è il massimo dal vivo, ma la qualità dello strumento?Chi ha orecchie da intendere...
          • Anonimo scrive:
            Re: Imparare ad usare iTunes ?


            Perchè? Se tu non hai le orecchie per sentire la

            differenza tra AAD e DDD, magari su tracce di

            musica classica, non mi pare che debba

            adattarmici anch'io, che invece sento se la

            posizione dei microfoni in un concerto per piano

            è corretta (non vanno messi per terra, dove

            capita..!).
            Ma piantiamola di tirarcela con ste menate da
            musicofili, allora un campionamento digitale è
            comunque una operazione molto ma molto invasiva
            (documentarsi, prego) che da origine a qualcosa
            di molto ma molto diverso dall'originale che
            potresti sentire dal vivo.RIPETO:"Perchè? Se tu non hai le orecchie per sentire la differenza tra AAD e DDD, magari su tracce di musica classica, non mi pare che debba adattarmici anch'io!!!"Continua pure a scaricarti madonna in mp3 e vai a giocare da un'altra parte
          • dacho scrive:
            Re: Imparare ad usare iTunes ?

            Ma piantiamola di tirarcela con ste menate da
            musicofili, allora un campionamento digitale èNon ho i soldi per permettermi di essere audiofilo (non musicofilo) davvero..
            comunque una operazione molto ma molto invasiva
            (documentarsi, prego) che da origine a qualcosaInfatti i "puristi" si stanno adattando con calma....
            di molto ma molto diverso dall'originale che
            potresti sentire dal vivo.Chiaro, anche se dipende da "dove" dal vivo..
            E se proprio vogliamo tirarcela come si faceva 90
            anni fa, anche una registrazione analogica per
            quanto possa teoricamente essere ottima introduce
            una assoluta artificialità della registrazione.D'accordo, ma la qualità della traccia tra Mp3 e CD la si sente eccome!
            E se vogliamo andare ancora oltre, molti
            musicisti non si contentano di sentire una bella
            esecuzione dal vivo perchè tenere in mano lo
            strumento e sentirne le vibrazioni attraverso il
            corpo è tutt'altra cosa...Non sono un musicista, quindi questa soddisfazione non la posso avere; altre (ad esempio l'ascolto) si..
        • Anonimo scrive:
          Re: Imparare ad usare iTunes ?
          - Scritto da: dacho
          Mio padre ha due casse elettrostatiche non
          ibride. Prova ad ascoltarci un Mp3 E allora si può comprare i CD a 20 Euro.
        • Anonimo scrive:
          Re: Imparare ad usare iTunes ?
          - Scritto da: dacho
          Perchè? Se tu non hai le orecchie per sentire la
          differenza tra AAD e DDD, magari su tracce di
          musica classica, Per la musica classica sono d'accordo. E anche per il Jazz.Ma la stragrande maggioranza dei dischi di musica "leggera" moderni, suonano DA CANI anche su CD, perchè per farli risaltare quando passano alla radio ( soprattutto per chi ascolta in macchina ), in studio comprimono a palla, così suona tutto fortissimo, ma senza più dinamica. Alla fine sembrano proprio degli MP3.Se vuoi sentire un CD inciso come si deve, non devi comprare nulla uscito dopo il 1990...Perchè in DVD Audio e in SACD si trovano soprattutto riedizioni di dischi famosi anni 70/80 ? Perchè le registrazioni attuali fanno talmente pena all'origine ( per motivi di marketing ), che non vale neanche la pena usare i supporti ad alta risoluzione...
        • avvelenato scrive:
          Re: Imparare ad usare iTunes ?
          - Scritto da: dacho

          i cd devono morire

          Perchè? Se tu non hai le orecchie per sentire la
          differenza tra AAD e DDD, magari su tracce di
          musica classica, non mi pare che debba
          adattarmici anch'io, che invece sento se la
          posizione dei microfoni in un concerto per piano
          è corretta (non vanno messi per terra, dove
          capita..!).

          Mio padre ha due casse elettrostatiche non
          ibride. Prova ad ascoltarci un Mp3 (benchè il
          lettore CD non lo supporti)! Già con CD di ottima
          qualità si può sentire se si tratti davvero di
          "ottima qualità"..

          Io, che vivo in condominio e non posso
          permettermi di far morire i miei vicini (oltre al
          fatto di ascoltare principalmente di notte..) ho
          delle cuffie che all'epoca pagai la bellezza di
          quasi 400 mila lire. Anche li la differenza si
          sente (benché le casse - ed una buona acustica di
          stanza - di certo possano fare meglio) eccome..!

          Eppure mi rippo i miei Mp3 (quasi 20 Gb tutti da
          roba di mia proprietà) e me li passo sul player
          portatile (in vita mia ho avuto più walkman che
          piatti di spaghetti..), o li "ascolto" sul pc..
          Pensa che mi sono fatto uno streaming domestico
          con cui posso ascoltare dall'ufficio un random
          della mia musica di casa con Winamp..

          Ma E' TUTTA UN'ALTRA COSA dal mettersi li e
          godersi, ad occhi chiusi, una bella esecuzione
          (anche dei Metallica, perchè no..) altrettanto
          ben registrata, su CD..

          Per essere meno OT aggiungo solo che anch'io ho
          scaricato, scarico e scaricherò. Recentemente mi
          sono scaricato un intero album che all'epoca mi
          era stato rubato (ho ancora la confezione)
          assieme ad altri e che, sfortunatemente, in
          Italia (ma non fuori.. Grazie Amazon!), non è più
          in listino. Altra roba che scarico poi me la
          compro (abbastanza normale: terresti le fotocopie
          di un libro in biblioteca???) se la reputo
          interessante, altrimenti patisce il tasto CANC
          (non lo faccio per "etica", solo perchè mi pare
          stupido tenermi un qualcosa che non ha nemmeno le
          chances per piacaremi in futuro..). E' l'unica
          soluzione da quando hanno bloccato (10 e passa
          anni fa) i noleggi di CD per poter saggiare
          davvero un LP prima di acquistarlo..

          Dachochi ha parlato di mp3?i cd devono morire a prescindere.poi a te non cambierà niente se ascolti un cd AAD o un Flak AAD. E puoi usare la line-out (o connessioni più professionali su schede audio più adatte all'audiofilia) per collegare l'uscita del tuo pc alle casse elettrostatiche non ibride di tuo pa'.
          • dacho scrive:
            Re: Imparare ad usare iTunes ?

            i cd devono morire a prescindere.Sempreché sostituiti da un supporto (fisico) migliore..
            poi a te non cambierà niente se ascolti un cd AAD
            o un Flak AAD. E puoi usare la line-out (oSperiamo.. Resta il fatto che la musica comunemente distribuita on-line ha una qualità (audio) peggiore al cd..
            connessioni più professionali su schede audio più
            adatte all'audiofilia) per collegare l'uscita del
            tuo pc alle casse elettrostatiche non ibride di
            tuo pa'.Dove mettiamo tutto il resto (il convertitore D/A, il pre od il il finale)..? Se quando andrò a trovare i miei dicessi di fare questo tentativo, penso che mio padre mi riderebbe dietro..;-)Dacho
          • avvelenato scrive:
            Re: Imparare ad usare iTunes ?
            - Scritto da: dacho

            i cd devono morire a prescindere.

            Sempreché sostituiti da un supporto (fisico)
            migliore..
            preferisco pensare ai supporti logici che ai supporti fisici. D'altronde stiamo parlando di bits (quella D alla fine della sigla AAD indica questo, no?) quindi non è tanto importante, per un audiofilo intendo, che le canzoni vengano codificate su di un cd, su di un dvd, su di un hard disk, su di un unghia come in un esilarante notizia di lithium.it (http://tinyurl.com/dbfka ) o sui batteri della cacca secca; ma che non vengano alterati dopo la trasformazione da analogico a digitale.

            poi a te non cambierà niente se ascolti un cd
            AAD

            o un Flak AAD. E puoi usare la line-out (o

            Speriamo.. Resta il fatto che la musica
            comunemente distribuita on-line ha una qualità
            (audio) peggiore al cd..
            fondamentalmente l'audiofilia è un'esigenza che interessa a pochi. A te interessa perché ti accorgi della differenza (io già molto meno), a me interessa perché il transcoding di un brano con artefatti ne aggiunge altri che lo rendono alla fine inascoltabile pure a me che ho le orecchie sguercie, e via. ma chi vuol soprassedere sopra questi difetti, e volesse acquistare on line, vorrebbe anche raggiungere la tanto agognata indipendenza dal supporto fisico. Non portiamoci sulle spalle i cd come la carcassa di un cadavere in putrefazione. Non ha senso.Anzi, ciò che bisogna raggiungere è la portabilità. Io non credo che ti facciano schifo gli mp3, anche se ne senti gli artefatti: un gingillo come l'ipod, portato a spasso o al lavoro è di gran compagnia, e alla fine la musica, seppur compressa, la riproduce.Se il formato è portabile significa che a casa lo puoi sentire con la qualità della madonna sulle casse ad emissione di formaggella, e lo puoi convertire nel formato più adatto ad un riproduttore portatile, poi se lo vuoi ancora più piccolo per metterlo nell'mp3 grosso quanto un accendino mentre vai a correre, puoi convertirlo ancora, ma con facilità!quello che critico è che a chi paga vengono offerti solo limiti in più rispetto a chi pirata, e questo non è giusto, vien voglia solo di piratare! (magari masterizzandosi i cd e con un masterizzatore yamaha F1, così la qualità viene preservata :P )

            connessioni più professionali su schede audio
            più

            adatte all'audiofilia) per collegare l'uscita
            del

            tuo pc alle casse elettrostatiche non ibride di

            tuo pa'.

            Dove mettiamo tutto il resto (il convertitore
            D/A, il pre od il il finale)..? Se quando andrò a
            trovare i miei dicessi di fare questo tentativo,
            penso che mio padre mi riderebbe dietro..;-)

            Dachodovresti provare, poi potrebbe ridere, o sorridere, ascoltando la qualità finale. Prendendo l'uscita digitale da una scheda audio qualsiasi, puoi connetterci tutto quello che vuoi, D/A, pre, finale, e la qualità dovrebbe rimanere inalterata, a patto di usare un player software che non esegue modifiche ai bits riprodotti (consiglio foobar 2000 con l'opzione kernel streaming attivata, che praticamente evita che il soundstream passi dal controllo volume e venga digitalmente alzato o abbassato di volume, riducendone, seppur impercettibilmente per lo più, la qualità)
    • Anonimo scrive:
      Re: Imparare ad usare iTunes ?
      Feghete! 5 masterizzazioni allo stessoprezzo, un lusso. itunz è proprio un benefattore di noi giovini
      • Anonimo scrive:
        Re: Imparare ad usare iTunes ?
        - Scritto da: Anonimo
        Feghete! 5 masterizzazioni allo stessoprezzo, un
        lusso. itunz è proprio un benefattore di noi
        gioviniAnche su rosso alice mi pare che hai la possibilità di masterizzare 5 volte ogni singola traccia.Dopo aver masterizzato un CD con clone CD puoifarne quanti vuoi praticamente con la stessa qualità.Ad esempio acquisti le 12 tracce di un album le masterizzi e dopovai giù di Clone CD 10 20 30 40 volte per te e tutti gli amici parenti conoscenti colleghi e capi. Ma a che servono i marocchini?
        • avvelenato scrive:
          Re: Imparare ad usare iTunes ?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Feghete! 5 masterizzazioni allo stessoprezzo, un

          lusso. itunz è proprio un benefattore di noi

          giovini
          Anche su rosso alice mi pare che hai la
          possibilità di masterizzare 5 volte ogni singola
          traccia.

          Dopo aver masterizzato un CD con clone CD puoi
          farne quanti vuoi praticamente con la stessa
          qualità.
          Ad esempio acquisti le 12 tracce di un album le
          masterizzi e dopo
          vai giù di Clone CD 10 20 30 40 volte per te e
          tutti gli amici parenti conoscenti colleghi e
          capi. Ma a che servono i marocchini?ma a che servono le protezioni allora??quello che si chiede non è la libertà di copiare, ma la libertà d'uso! perché si continua a cedere campo ai pirati e non si capisce che la vera flessibilità è la possibilità di cambiare formato, e non essere quindi condizionati da brevetti e formati chiusi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Imparare ad usare iTunes ?
            - Scritto da: avvelenato

            ma a che servono le protezioni allora??

            quello che si chiede non è la libertà di copiare,
            ma la libertà d'uso! perché si continua a cedere
            campo ai pirati e non si capisce che la vera
            flessibilità è la possibilità di cambiare
            formato, e non essere quindi condizionati da
            brevetti e formati chiusi?le protezioni non servono a nulla, appunto. Quindi invece di turbarsi l'appasssionato farebbe bene a capire questo.Ma credo che l'appassionato lo sappia già, la sua voleva essere una provocazione. L'utente normale ha solo fastidi da drm e rootkit sony e compagnia bella mentre chi vuole copiare copia tranquillamente come e più di prima.
  • Anonimo scrive:
    Utilizzare la CREATIVE-COMMONS
    Cambiare licenza e far fallire le MAJOR che sono loro le responsabili del loro stesso FALLIMENTO.Ne sentivo proprio parlare questa sera su MTV della profonda crisi dlla MAJOR USA che stanno affondando xchè nessuno compra più i cd dei loro "beniamini" pagandoli a peso d' oro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Utilizzare la CREATIVE-COMMONS
      Vallo dire a Dj Francesco di adottare la CC e magari di trovarsi pure un lavoro poi vediamo se sceglie CC o le major
      • Anonimo scrive:
        Re: Utilizzare la CREATIVE-COMMONS
        - Scritto da: Anonimo
        Vallo dire a Dj Francesco di adottare la CC e
        magari di trovarsi pure un lavoro poi vediamo se
        sceglie CC o le majorMa quello è un Deejay, fa i soldi con le serate, in teoria potrebbe anche adottarla la CC.
        • Anonimo scrive:
          Re: Utilizzare la CREATIVE-COMMONS
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Vallo dire a Dj Francesco di adottare la CC e

          magari di trovarsi pure un lavoro poi vediamo se

          sceglie CC o le major

          Ma quello è un Deejay, fa i soldi con le serate,
          in teoria potrebbe anche adottarla la CC.E con quel piffero di tornentone di due anni fa credi non abbia fatto i soldi? E con il brano di sanremo? E con i brani di suo padre?
      • Anonimo scrive:
        Re: Utilizzare la CREATIVE-COMMONS
        - Scritto da: Anonimo
        Vallo dire a Dj Francesco di adottare la CC e
        magari di trovarsi pure un lavoro poi vediamo se
        sceglie CC o le majorBe' dopo L'ISOLA DEI FAMOSI, può andare a LA TALPA o al GRANDE FRATELLO....... o ANDARE A ZAPPARE direttamente!!!!!!!Altro che MAJORS!!!! :s
      • Anonimo scrive:
        Re: Utilizzare la CREATIVE-COMMONS
        - Scritto da: Anonimo
        Vallo dire a Dj Francesco di adottare la CC e
        magari di trovarsi pure un lavoro poi vediamo se
        sceglie CC o le majorPerché DJ francesco è un artista?Seconto te arriva a capire cosa signiffica CC?
    • Anonimo scrive:
      Magnatune
      Giustissimo!Non posso far altro che consigliare una ottima etichetta che utilizza CC come licenza base:www.magnatune.com
  • Anonimo scrive:
    L'unico disagio che può fregare loro
    E' un ritocco negativo da 50 a 49 ferrari (squillo,ville,limousine, quello che volete) al mese, il resto non conta
    • Anonimo scrive:
      Re: L'unico disagio che può fregare loro
      - Scritto da: Anonimo
      E' un ritocco negativo da 50 a 49 ferrari
      (squillo,ville,limousine, quello che volete) al
      mese, il resto non contaSe uno ha 50 Ferrari sono affari suoi, la gente vuole prezzi più bassi, non il comunismo sovietico.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'unico disagio che può fregare loro
        - Scritto da: Anonimo
        Se uno ha 50 Ferrari sono affari suoi, la gente
        vuole prezzi più bassi, non il comunismo
        sovietico.E piantatela di rompere con sta minchia di comunismo che è morto e sepolto e vive solo nella testa bacata del NANUS MALEFICUS ITALIOTA e dei suoi cin-cin boys.
        • Anonimo scrive:
          Re: L'unico disagio che può fregare loro
          Mi risulta che ci siano ancora in giro partiti comunisti in Italia. Non mi sembri molto aggiornato. Chi cazzo sono Rifondazione COMUNISTA oppure i COMUNISTI italiani?Che poi ci sia in giro un pistola che da qualche giorno trolleggia allegramente spacciandosi per anticomunista me ne sono accorto. Spara cazzate su cazzate. Basta non cagarlo. Come fai però a dire che in Italia non ci sono i comunisti?!!! Prodi (non uno sconosciuto) ci si è pure alleato! Bertinotti è sempre in TV.Cosa dobbiamo fare, far finta di non vedere? Le bandiere rosse con falce e martello nelle piazze sono fotomontaggi? La mentalità di tantissimi politici è per caso cambiata? I loro modi sono diversi? Non prendiamoci in giro!Da un pò c'è sto tipo che prima fa finta di leccare il culo alle major e poi da dei comunisti a tutti... (tradotto: sono un coglione e sono berlusconiano) che sia cominciata la campagna elettorale del centro sinistra? Ricominciamo a demonizzare l'avversario? Dopo scrivo un post, lecco il culo alle major e parlo male del centro sinistra, così siamo pari?Sulle questioni dell'open source (e del Free Software, che preferisco) e della lotta anti DRM siamo soli: destra, centro e sinistra sono esattamente uguali. A parole ti danno ragione, poi tutti fanno accordi sottobanco con major, grandi aziende, banche, assicurazioni ecc... per dei fondi da spendere in campagna elettorale (e visto che pagano tutti i partiti si coprono il culo). Pagano i politici grazie ai soldi che si spendono comperando i CD ed i DVD, noi non compriamoli e loro avranno meno da spendere. Questa è una battaglia che dobbiamo combattere noi ed il nostro portafoglio sarà la nostra arma. Contro le major e le multinazionali è l'arma definitiva, peggio di una bomba atomica. Non ti aspettare l'aiuto di qualsiasi governo, non ha nessun vantaggio ad aiutarti (il resto sono solo parole per farsi eleggere).Ripeto, a me quel tipo sembra un furbetto. O è un cretino "bipartisan" (e quanti ce ne sono da ambo le parti, putroppo!) oppure è un infiltrato che non vede l'ora di confondere le acque. Oramai non mi fido più di questa gente. Quando Microsoft ha capito che in rete si parlava male di lei ha cominciato ad assoldare bande di evangelizzatori troll da usare sui vari Slashdot & co. ed i politici cosa vuoi che facciano? Certo, i cinesi sono inarrivabili anche in queso (hanno bande di dipendenti statali!), però anche noi non scherziamo in campagna elettorale. Prevedo che di questi commenti Ladri vs. Stalinisti ne troverai sempre di più fino alle elezioni, purtroppo. Tu non cagarli, è unico modo per difendersi... ma non negare l'evidenza (i comunisti ci sono e sono pure orgogliosi di esserlo), altrimenti fai il loro gioco!
          • dacho scrive:
            Re: L'unico disagio che può fregare loro
            - Scritto da: Anonimo
            Mi risulta che ci siano ancora in giro partiti
            comunisti in Italia. Non mi sembri moltoA parte l'OTTISSIMO...Davvero? Dove? C'è qualcuno che professa ancora cose tipo la statalizzazione di tutte le imprese?
            aggiornato. Chi cazzo sono Rifondazione COMUNISTA
            oppure i COMUNISTI italiani?Si vabbé, ed il Mulino Bianco è davvero bianco (e c'è pure davvero il mulino dove macinano il grano per le merendine..)...
            Che poi ci sia in giro un pistola che da qualche
            giorno trolleggia allegramente spacciandosi per
            anticomunista me ne sono accorto. Spara cazzate
            su cazzate. Basta non cagarlo. Come fai però a
            dire che in Italia non ci sono i comunisti?!!!Ma poi di che tipo: marxisti? leninisti? trozkisti? O quelli famigerati, tipo gli stalinisti? Non vedo nessuno con queste caratteristiche (per fortuna, considerando l'ultimo tipo citato). Mettiamola così, se preferire i ticket di stato per gli alimenti (Cuba, vedi Report di qualche settimana fa) alle figuracce di Bush a N.Orleans vuol dire essere comunisti, allora ne hai trovato almeno uno: il sottoscritto..
            Prodi (non uno sconosciuto) ci si è pure alleato!
            Bertinotti è sempre in TV.Bertinotti è comunista solo per questioni di "brand": è al massimo un social-democratico abbastanza sinistrorso.
            Cosa dobbiamo fare, far finta di non vedere? Le
            bandiere rosse con falce e martello nelle piazze
            sono fotomontaggi? La mentalità di tantissimi
            politici è per caso cambiata? I loro modi sono
            diversi? Non prendiamoci in giro!Scusa ma Cossutta mi sembra una persona educata ed interessante da ascoltare. Bertinotti, invece, chissà perchè, dice cose (sullo stato sociale, sull'economia, etc..) che non stento a definire esclusivamente "banali"..Che poi per altri non lo siano è, sfortunatamente, un problema (culturale, oltrechè, ormai, economico) per tutti..
            Sulle questioni dell'open source (e del Free
            Software, che preferisco) e della lotta anti DRM
            siamo soli: destra, centro e sinistra sono
            esattamente uguali. A parole ti danno ragione,Oddio, ci sono i verdi..
            poi tutti fanno accordi sottobanco con major,
            grandi aziende, banche, assicurazioni ecc... per
            dei fondi da spendere in campagna elettorale (e
            visto che pagano tutti i partiti si coprono il
            culo). Pagano i politici grazie ai soldi che si
            spendono comperando i CD ed i DVD, noi nonBeh dai..
            compriamoli e loro avranno meno da spendere.
            Questa è una battaglia che dobbiamo combattere
            noi ed il nostro portafoglio sarà la nostra arma.
            Contro le major e le multinazionali è l'arma
            definitiva, peggio di una bomba atomica. Non tiSu questo concordo..
            aspettare l'aiuto di qualsiasi governo, non ha
            nessun vantaggio ad aiutartiIn realtà... Basti vedere cosa stanno facendo gli altri paesi con l'OS...
          • Anonimo scrive:
            Re: L'unico disagio che può fregare loro
            Qualche settimana fa cosa diceva Bertinotti sulla priprietà privata da abolire? Nessuno lo ha costretto...Cossutta chi? Quello che è stato beccato a prendere soldi (e tanti, e non lo hanno messo nemmeno in galera) dall'ex URSS per fare la rivoluzione in Italia?I comunisti ci sono. Poche balle. Che poi non sono le stesse persone che hanno fatto morire milioni di persone nei gulag, siamo d'accordo. Ma che hanno in testa qualcosa di irrealizzabile e pericoloso, questo è fuor di dubbio. Guarda cosa e chi difendono. I violenti nelle manifestazioni di piazza, difendono posizioni insostenibili sulle pensioni e sullo stato sociale in generale. Sono sempre pronti in maniera scientifica a fare polemica sui sospetti e non sui fatti. Tutto è buono per portare avanti un'ideologia. Difendono pure Castro che mette in prigione gli avversari politici. Come si fa a mendare questa gente a governare, ad amministrare un paese? In Germania i socialdemocratici non hanno fatto accordi opportunistici co comunisti. Loro sono più seri. La politica dovrebbe essere più seria. Le idee del comunismo (antagonista della democrazia ti ricordo) si sono dimostrate bacate, irreazlizzabili. Noi però non ci siamo rassegnati, non abbiamo ancora voltato pagina.I verdi... sono faziosi. Avrebbero potuto portare qualcosa di meglio che sceneggiate estremiste. La politica italiana ne è già piena. E' anche grazie a loro se in Italia abbiamo un deficit in opere pubbliche (e oggi questo pesa sulle nostre tasche, blocca l'economia).Sull'OS negli altri paesi penso che ti riferisca a Germania (Monaco), Austria (Vienna), Francia (Pubblica amministrazione) e Stati Uniti. A parte il fatto che loro sono più informatizzati di noi non mi sembra che abbiano fatto grandi cose. Sono piccole isole felici, ma pur sempre piccole. Il Brasile stà facendo le cose in grande ma è una realtà troppo diversa, loro sono poveri e cercano il modo per informatizzarsi. La Francia cerca di cambiare per le solite storie nazionalistiche, a Monaco vedremo come andrà (e speriamo che la smettano di rimandare), gli Stati Uniti sono Stati diversi che sono Uniti, quindi le cose cambiano in base a dove vai, anche se la realtà è che usano tutti un sistema (il solito) operativo (finchè non crasha).I governi stranieri non fanno poi così tanto per cambiare OS, mi sembra facciano il meno possibile. In Italia poi questi problemi non sono minimamente sentiti dalla gente. Anche in Italia ci sono realtà che cercano di fare qualcosa, ma rimangono piccole isole. Penso che sia meglio puntare a far cambiare i privati e le aziende, le amministrazioni centrali dopo, quelle si svegliano sempre quando sono costrette.Comunque se ti sente Bertinotti che gli hai detto che dice di essere comunista solo per una questione di "brand", s'incazza come una biscia!
          • Anonimo scrive:
            Dubbio...
            Ma a te ti pagano gli eredi di Almirante?
          • Anonimo scrive:
            Re: L'unico disagio che può fregare loro
            Ragazzi che post delirante...
          • dacho scrive:
            Re: L'unico disagio che può fregare loro
            - Scritto da: Anonimo
            Mi risulta che ci siano ancora in giro partiti
            comunisti in Italia. Non mi sembri moltoA parte l'OTTISSIMO...Davvero? Dove? C'è qualcuno che professa ancora cose tipo la statalizzazione di tutte le imprese?
            aggiornato. Chi cazzo sono Rifondazione COMUNISTA
            oppure i COMUNISTI italiani?Si vabbé, ed il Mulino Bianco è davvero bianco (e c'è pure davvero il mulino dove macinano il grano per le merendine..)...
            Che poi ci sia in giro un pistola che da qualche
            giorno trolleggia allegramente spacciandosi per
            anticomunista me ne sono accorto. Spara cazzate
            su cazzate. Basta non cagarlo. Come fai però a
            dire che in Italia non ci sono i comunisti?!!!Ma poi di che tipo: marxisti? leninisti? trozkisti? O quelli famigerati, tipo gli stalinisti? Non vedo nessuno con queste caratteristiche (per fortuna, considerando l'ultimo tipo citato). Mettiamola così, se preferire i ticket di stato per gli alimenti (Cuba, vedi Report di qualche settimana fa) alle figuracce di Bush a N.Orleans vuol dire essere comunisti, allora ne hai trovato almeno uno: il sottoscritto..
            Prodi (non uno sconosciuto) ci si è pure alleato!
            Bertinotti è sempre in TV.Bertinotti è comunista solo per questioni di "brand": è al massimo un social-democratico abbastanza sinistrorso.
            Cosa dobbiamo fare, far finta di non vedere? Le
            bandiere rosse con falce e martello nelle piazze
            sono fotomontaggi? La mentalità di tantissimi
            politici è per caso cambiata? I loro modi sono
            diversi? Non prendiamoci in giro!Scusa ma Cossutta mi sembra una persona educata ed interessante da ascoltare. Bertinotti, invece, chissà perchè, dice cose (sullo stato sociale, sull'economia, etc..) che non stento a definire esclusivamente "banali"..Che poi per altri non lo siano è, sfortunatamente, un problema (culturale, oltrechè, ormai, economico) per tutti..
            Sulle questioni dell'open source (e del Free
            Software, che preferisco) e della lotta anti DRM
            siamo soli: destra, centro e sinistra sono
            esattamente uguali. A parole ti danno ragione,Oddio, ci sono i verdi..
            poi tutti fanno accordi sottobanco con major,
            grandi aziende, banche, assicurazioni ecc... per
            dei fondi da spendere in campagna elettorale (e
            visto che pagano tutti i partiti si coprono il
            culo). Pagano i politici grazie ai soldi che si
            spendono comperando i CD ed i DVD, noi nonBeh dai..
            compriamoli e loro avranno meno da spendere.
            Questa è una battaglia che dobbiamo combattere
            noi ed il nostro portafoglio sarà la nostra arma.
            Contro le major e le multinazionali è l'arma
            definitiva, peggio di una bomba atomica. Non tiSu questo concordo..
            aspettare l'aiuto di qualsiasi governo, non ha
            nessun vantaggio ad aiutartiIn realtà... Basti vedere cosa stanno facendo gli altri paesi con l'OS...
  • Anonimo scrive:
    Imbecilli.
    Solo gli emeriti ed inetti imbecilli riescono a far incazzare così i loro migliori clienti.Signori, per favore, diciamoci le cose in faccia, e ad ogniuno il suo.Osso di Seppia
    • Paperolibero scrive:
      Re: Dettagli mancanti
      Purtroppo tutto oramai viaggia con la legge del mercato, una cosa si vende ci investiamo , l'altra non si vende l...che muoia pure !!! E sicuramente gli "squali" delle multinazionali non stanno certo a guardare se l'mp3 è meglio o peggio del CD o se quel titolo di nicchia abbia o meno una buona qualità musicale !!! ieri ho comprato il mio cd mensile ( purtroppo visti i prezzi) a 18.50 euri mentre scaricandolo dalla rete sicuramente avrei speso meno, ma sarò un nostalgico ma a me piace ancora toccare le cose che compro. Ma visto l'andazzo per quanto ancora potro permettermelo di questo passo un dischetto arriverà a 30 euri minimo !!! Quei dementi non hanno (o hanno interesse a non farlo !!???!!) che solo abbassando i prezzi potranno risolvere la crisi del disco e la pirateria !!! E' molto triste tutto ciò !!! :(==================================Modificato dall'autore il 24/11/2005 8.26.13
    • Anonimo scrive:
      Re: Imbecilli.
      - Scritto da: Anonimo
      Solo gli emeriti ed inetti imbecilli riescono a
      far incazzare così i loro migliori clienti.

      Signori, per favore, diciamoci le cose in faccia,
      e ad ogniuno il suo.

      Osso di Seppianon so se mi sono capito signiori ué!
      • Anonimo scrive:
        Re: Imbecilli.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Solo gli emeriti ed inetti imbecilli riescono a

        far incazzare così i loro migliori clienti.



        Signori, per favore, diciamoci le cose in
        faccia,

        e ad ogniuno il suo.



        Osso di Seppia


        non so se mi sono capito signiori ué!Vedi, il problema è proprio che, nonostante tutto, voi ancora comprate. Se iniziaste veramente uno sciopero dell'acquisto, e se iniziassero ad alzare la voce le associazioni dei consumatori, le cose cambierebbero in pochissimo tempo. Nessuno può obbligarti a comprare. E se non compri, loro sono costretti a scendere a patti. Se non compri, tutti i discorsi finora fatti perdono completamente di significato. Ma non comprare è un sacrificio troppo grande per molti. E allora tenetevi questo stato di cosa e smettetela di rompere.
        • otacu scrive:
          Re: Imbecilli.

          Vedi, il problema è proprio che, nonostante
          tutto, voi ancora comprate. Se iniziaste
          veramente uno sciopero dell'acquisto, e se
          iniziassero ad alzare la voce le associazioni dei
          consumatori, le cose cambierebbero in pochissimo
          tempo. Nessuno può obbligarti a comprare. E se
          non compri, loro sono costretti a scendere a
          patti. Se non compri, tutti i discorsi finora
          fatti perdono completamente di significato. Ma
          non comprare è un sacrificio troppo grande per
          molti. E allora tenetevi questo stato di cosa e
          smettetela di rompere.Ben detto. La gente compra comunque quindi non vedo perchè loro dovrebbero cambiare politica...
  • Anonimo scrive:
    La soluzione e' molto semplice
    Non farti derubare (che poi usano i tuoi soldi per corrompere politici e pagare aguzzini), scarica dal mulo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione e' molto semplice
      E ma poi deve cambiare nome al sito: Da "suonati" a "fattifurbi"
      • Anonimo scrive:
        Re: La soluzione e' molto semplice
        no, "ladri"
        • Anonimo scrive:
          Re: La soluzione e' molto semplice
          Senti... se i ladri devono essere loro, preferisco esserlo io!
        • Anonimo scrive:
          Re: La soluzione e' molto semplice
          - Scritto da: Anonimo


          no, "ladri"ALLORA! Gli unici LADRI qui sono majors e associazioni parassite tipo siae e scf che SPECULANO sugli artisti e sui consumatori!!!E BASTA!!!! :@ :@ :@
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            no, "ladri"

            ALLORA! Gli unici LADRI qui sono majors e
            associazioni parassite tipo siae e scf che
            SPECULANO sugli artisti e sui consumatori!!!
            E BASTA!!!!
            :@ :@ :@non pigliate per il cu*o la gente.perchè 99cent a canzone acquistati regolarmente sono troppi??ladri! punto e basta! che si nascondono dietro un dito che oramai è scomparso, quello dei prezzi troppo alti (che alti non sono più...)
          • soulista scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo








            no, "ladri"



            ALLORA! Gli unici LADRI qui sono majors e

            associazioni parassite tipo siae e scf che

            SPECULANO sugli artisti e sui consumatori!!!

            E BASTA!!!!

            :@ :@ :@


            non pigliate per il cu*o la gente.

            perchè 99cent a canzone acquistati regolarmente
            sono troppi??
            ladri! punto e basta!
            che si nascondono dietro un dito che oramai è
            scomparso, quello dei prezzi troppo alti (che
            alti non sono più...)infatti io vedo di non spendere mai più di 10 ? per un CD (max 10,90). Se non lo trovo a questo prezzo lo scarico.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            1 $ .. 1 cd è 15 traccie mediamente15 ....---
            15 $ ... il che fa 30.000 delle vecchie lire ...ti sembra 1 prezzo onesto ? te stai fuori ...oppure film del cazzo vecchi (5-10 anni ) che però ti interessa avere ... 50 $ .........
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo
            1 $ .. 1 cd è 15 traccie mediamente

            15 ....---
            15 $ ... il che fa 30.000 delle
            vecchie lire ...

            ti sembra 1 prezzo onesto ? te stai fuori ...
            ribadisco1 album= 3 pacchetti di sigarette1 album= 10 litri di benzina1 album= 1 pizza + birra1 album= 2 biglietti del cinema1 album= 1 kg di trita seconda scelta manzo1 album = 10 lt latte centrale di milanosi, mi sembra un prezzo più che onesto.
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            1 $ .. 1 cd è 15 traccie mediamente



            15 ....---
            15 $ ... il che fa 30.000 delle

            vecchie lire ...



            ti sembra 1 prezzo onesto ? te stai fuori ...



            ribadisco

            1 album= 3 pacchetti di sigaretteNON FUMO!
            1 album= 10 litri di benzinaVADO A PIEDI!
            1 album= 1 pizza + birraNON VADO IN PIZZERIA!
            1 album= 2 biglietti del cinemaCON I PREZZI CHE HA CHI CI VA PIU'???
            1 album= 1 kg di trita seconda scelta manzoCAMBIA NEGOZIO CHE TI HANNO FREGATO!!!
            1 album = 10 lt latte centrale di milano
            COME SOPRA!!!
            si, mi sembra un prezzo più che onesto.
            A TE MA NON AD ALTRI!!!! (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo








            no, "ladri"



            ALLORA! Gli unici LADRI qui sono majors e

            associazioni parassite tipo siae e scf che

            SPECULANO sugli artisti e sui consumatori!!!

            E BASTA!!!!

            :@ :@ :@


            non pigliate per il cu*o la gente.

            perchè 99cent a canzone acquistati regolarmente
            sono troppi??
            ladri! punto e basta!
            che si nascondono dietro un dito che oramai è
            scomparso, quello dei prezzi troppo alti (che
            alti non sono più...)Se PER TE 99c SONO POCHI CONTINUA A COMPRARE, per il 90% DELLE PERSONE E' TROPPO!!!!I prezzi IN ITALIA SONO TROPPO ALTI: se TU VIVI IN AFRICA E' DIVERSO!!! :@
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice

            Se PER TE 99c SONO POCHI CONTINUA A COMPRARE,
            per il 90% DELLE PERSONE E' TROPPO!!!!
            I prezzi IN ITALIA SONO TROPPO ALTI: se TU VIVI
            IN AFRICA E' DIVERSO!!!Dici lo stesso 90% che poi corre al negozio a comprarsi l'ultimo iPod Nano a 250 Euro? Parliamoci chiaro: la musica non è un bene di prima necessità; chi non si può permettere di comprare un album a 10 Euro, probabilmente ha problemi più seri a cui pensare (tipo mangiare). Se certe case possono permettersi di far pagare un CD 15 o 20 Euro è segno che il mercato non è poi così in crisi e che c'è ancora molta gente disposta a pagare queste cifre.
          • Anonimo scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo

            Se PER TE 99c SONO POCHI CONTINUA A COMPRARE,

            per il 90% DELLE PERSONE E' TROPPO!!!!

            I prezzi IN ITALIA SONO TROPPO ALTI: se TU VIVI

            IN AFRICA E' DIVERSO!!!

            Dici lo stesso 90% che poi corre al negozio a
            comprarsi l'ultimo iPod Nano a 250 Euro?
            Parliamoci chiaro: la musica non è un bene di
            prima necessità; chi non si può permettere di
            comprare un album a 10 Euro, probabilmente ha
            problemi più seri a cui pensare (tipo mangiare).
            Se certe case possono permettersi di far pagare
            un CD 15 o 20 Euro è segno che il mercato non è
            poi così in crisi e che c'è ancora molta gente
            disposta a pagare queste cifre.Ci sono pochi pazzi che spendono 250 euro per un ipod quando ci sono apparecchi che fanno di più e costano meno! Comunque questi sono sfigati come quelli che fanno i debiti per comprare il Porsche e poi mangiano pane secco perché tanto in casa non li vede nessuno....Se una persona si può permettere di spendere 5 euro e trova il cd a quel prezzo COMPRA, altrimenti COMPRA la copia A QUEL PREZZO! Certamente chi ha un reddito basso PRIMA pensa al mangiare, poi al resto e se ciò che gli rimane è poco E' DISPOSTO A SPENDERE QUELLO E NON DI PIU'!Perciò se i CD avessero un prezzo UGUALE a quello delle copie LA PIRATERIA SAREBBE STATA SCONFITTA DA UN PEZZO, perché verrebbe allargata la fascia di acquirenti e non ci sarebbe convenienza ad acquistare una copia di scarsa qualità! Invece majors e artisti questo non lo capiscono ed il prezzo non lo abbassano! Così la gente NON COMPRA GLI ORIGINALI! 8)
          • rumenta scrive:
            Re: La soluzione e' molto semplice
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo








            no, "ladri"



            ALLORA! Gli unici LADRI qui sono majors e

            associazioni parassite tipo siae e scf che

            SPECULANO sugli artisti e sui consumatori!!!

            E BASTA!!!!

            :@ :@ :@


            non pigliate per il cu*o la gente.

            perchè 99cent a canzone acquistati regolarmente
            sono troppi??ma ci pigli per il culo??certo che sono troppi!me lo devo scaricare, masterizzare (quando me lo concedono), stampare la copertina e magari anche il libretto, e il tutto ad una qualità inferiore a quella di un cd :Dper loro è una manna, massimizzano i profitti minimizzando i costi, soprattutto quelli legati alla distribuzione....e li vogliono anche aumentare, i "favolosi" prezzi della vendita online!!!
            ladri! punto e basta!http://www.demauroparavia.it/61726http://www.demauroparavia.it/46821in queste definizioni non mi ci riconosco affatto.e stai attento a quel che dici, la diffamazione a mezzo stampa è un reato penale ;)
            che si nascondono dietro un dito che oramai è
            scomparso, quello dei prezzi troppo alti (che
            alti non sono più...)ah no??e chi lo decide che non sono più alti??tu??o quei pagliacci delle major??fà il favore, torna sotto il sasso.....
      • Anonimo scrive:
        Re: La soluzione e' molto semplice

        E ma poi deve cambiare nome al sito:

        Da "suonati" a "fattifurbi"e perche' non da "suonati" a "suonatori" ?il problema forse sta non solo nella stupidita' di chi compra porcheria ma anche e molto nell'ignoranza e assoluta mancanza di educazione musicale.se invece di piangere provaste a studiare un po' di musica potreste tutti felicemente ascoltare le vostre composizioni senza limitazioni di sorta e perfino con un certo grado di "piacere".il vero artista ha la capacita' di far vibrare le corde di tutti, ma per contro, ognuno di noi per quanto "cane" e' perfettamente in grado di far vibrare le proprie. qualcuno dira' che in questo caso piu' che di musica si tratta di produrre adio-pippe, e non avrebbe completamente torto, salvo che le audio-pippe condivise portano al raffinamento del gusto e della tecnica per cui oltre al piacere si aggiunge un fattore di crescita intellettuale con conseguente beneficio per tutti, mentre i calli no, quelli resteranno ma si riposizioneranno dal palmo al polpastrello.
        • Anonimo scrive:
          Re: La soluzione e' molto semplice
          - Scritto da: Anonimo


          E ma poi deve cambiare nome al sito:



          Da "suonati" a "fattifurbi"

          e perche' non da "suonati" a "suonatori" ?

          il problema forse sta non solo nella stupidita'
          di chi compra porcheria ma anche e molto
          nell'ignoranza e assoluta mancanza di educazione
          musicale.

          se invece di piangere provaste a studiare un po'
          di musica potreste tutti felicemente ascoltare le
          vostre composizioni senza limitazioni di sorta e
          perfino con un certo grado di "piacere".

          il vero artista ha la capacita' di far vibrare le
          corde di tutti, ma per contro, ognuno di noi per
          quanto "cane" e' perfettamente in grado di far
          vibrare le proprie.

          qualcuno dira' che in questo caso piu' che di
          musica si tratta di produrre adio-pippe, e non
          avrebbe completamente torto, salvo che le
          audio-pippe condivise portano al raffinamento del
          gusto e della tecnica per cui oltre al piacere si
          aggiunge un fattore di crescita intellettuale con
          conseguente beneficio per tutti, mentre i calli
          no, quelli resteranno ma si riposizioneranno dal
          palmo al polpastrello.
          Che bravo che sei................adesso che ci hai fatto la tua sviolinata da primoattore??? che consiglio hai dato?.............niente...........
Chiudi i commenti