Radicali e Società Internet firmano la petizione

Nuove importanti adesioni si aggiungono alle oltre 32mila firme della petizione contro la nuova legge sull'editoria. Qualche cybersquatter ne approfitta per farsi pubblicità mentre parte una contro-petizione. Non si placa la protesta


Roma – Dopo le adesioni di Rifondazione Comunista, dei Giovani socialisti e di alcuni gruppi dei Verdi, anche i radicali hanno deciso di portare all’interno del dibattito politico la nuova legge sull’editoria. Un segno chiarissimo che le adesioni di migliaia di siti italiani e le numerose firme che continuano ad aggiungersi alla petizione stanno suscitando un crescente interesse nelle forze politiche, che potranno scegliere di occuparsene nella prossima legislatura.

Con una mozione dedicata approvata lo scorso sabato, il Comitato dei Radicali ha così annunciato la ripresa di una battaglia di vecchissima data per l’abolizione dell’Ordine dei giornalisti nonché la propria adesione alla petizione contro la legge sull’editoria promossa da migliaia di siti Internet italiani.

Nella mozione – che ha come primo firmatario il candidato della Lista Bonino a Firenze Matteo Mecacci che dovrà vedersela con il sottosegretario Vannino Chiti – la nuova legge viene attaccata duramente perché “estende all’informazione telematica le norme di stampo corporativo e illiberale che negano ai cittadini italiani le libertà costituzionali di stampa e di manifestazione del pensiero”.

Oltre a criticare la vetusta legge sulla stampa, i radicali sferrano un nuovo attacco all’Ordine dei giornalisti che “scampato per il momento il pericolo del referendum radicale per la sua abrogazione, mira in modo crescente, a dispetto delle ormai decennali proposte di riforme e modernizzazione, a mettere sotto ‘tutela corporativà l’intero sistema informativo italiano per garantire un regime politico che vede nella libertà di informazione il maggiore pericolo per la propria esistenza”.

Anche Società Internet, divisione italiana dell’autorevole Internet Society, ha emesso un comunicato stampa di appoggio alle preoccupazioni nate a causa della nuova legge e, oltre ad aderire alle manifestazioni in corso, ha invitato nuovamente i candidati alle prossime elezioni politiche a dichiarare le proprie intenzioni rispetto a questa legge e alle norme che potrebbero ostacolare la libertà di diffusione del pensiero su Internet.

“Tali norme – si legge nel comunicato – da una parte penalizzerebbero le diverse figure professionali che hanno contribuito alla crescita di Internet nel nostro paese e dall’altra parte ostacolerebbero l’uso della rete come straordinario e benvenuto veicolo di libera comunicazione interpersonale”.


Società Internet si scaglia anche contro il Legislatore che “fino ad oggi è intervenuto in modo episodico e contraddittorio, senza vera disponibilità a comprendere le caratteristiche e le potenzialità proprie di Internet. Società Internet auspica pertanto una modifica della normativa della legge 7 Marzo 2001, n. 62 e, in occasione delle prossime elezioni politiche, invita tutti i candidati a dichiarare il loro impegno in tal senso e ad agevolare la diffusione in Italia e nel mondo di un grande strumento di libertà e di crescita civile e sociale”.

E poiché Internet è bella perché è varia e ogni strumento può essere soggetto all’abuso, ieri sono stati rimossi dalla lista dei siti aderenti alla petizione alcune decine di domini acquistati da società impegnate nella loro rivendita a terzi interessati. Domini che fino a pochi giorni fa non erano in linea e che oggi lo sono allo scopo di essere venduti e per questo promossi come “aderenti” alla petizione. Una “mossa” che invece di agevolare il cammino della petizione finisce per ostacolarne lo sviluppo e che, oltretutto, richiede ulteriori energie da dedicare alla gestione delle sottoscrizioni.

Da segnalare invece nelle scorse ore la nascita di una contro-petizione, con relativa raccolta firme, organizzata da BigAlex . Forse con intenti umoristici, il sito accusa Punto Informatico di aver lanciato la petizione per non pagare tasse (argomento che la nuova legge, peraltro, non affronta). Allo stesso modo BigAlex, fingendo (?) di ignorare le nuove norme, sostiene che i grandi gruppi editoriali verrebbero tartassati dalla legge, quando è proprio per agevolarne le attività, a spese del contribuente, che è stata approvata.

Anzi, proprio nelle prebende che la legge garantisce a certi editori vanno probabilmente ricercate le ragioni di certe traballanti prese di posizione, in questi giorni, su alcune note ezine. In certi casi pare trattarsi, più che di connivenza, di semplice ingenuità.

Molte, d’altra parte, sono le osservazioni che possono facilmente essere prodotte per smontare la contro-petizione, la cui esistenza dà comunque a tutti modo di sperimentare sul campo come per “salvarsi” da una informazione errata su Internet bastino pochi clic di riscontro. Al contrario di quanto vogliono far credere gli interessati sostenitori delle “tutele” e delle “garanzie” sull’informazione online.


“Editoria, una legge da dimenticare” (*)

Roma – Internet, luogo di libero scambio delle opinioni e delle informazioni, è vittima ancora una volta di un assalto normativo da parte di una classe parlamentare che non sembra aver compreso la portata della Rete e della libertà che dischiude. Dal 4 aprile scorso, infatti, è operativa la legge 62/2001 sull’editoria, una legge pensata per consentire alla corporazione dei giornalisti e degli editori di migrare sulla Rete trascinandosi appresso le contribuzioni e le sovvenzioni che dominano il mondo della carta stampata da decenni.

Il problema non è però solo la trasformazione di Internet in Italia in un territorio da edificare con nuove fortezze industriali puntellate dallo Stato ma anche il fatto che si vuole farlo a spese del territorio stesso, impoverendo le risorse di ciò che è destinato a trovarsi attorno a quelle fortezze e che su quel territorio è arrivato già da lungo tempo.

Questa è la legge sull’editoria, una legge che con il suo primo articolo mira a creare un muro divisorio. Da una parte i prodotti editoriali garantiti, quelli che possono essere finanziati, quelli che accettano di sottostare a bollini blu apposti online dalla corporazione giornalistica. Dall’altra tutti gli altri, i siti dell’informazione ma anche le newsletter e gli infiniti altri mezzi che non si riconoscono in questa legge e che costituiscono diffusione di informazione attraverso il mezzo elettronico.

La nuova legge definisce pressoché qualsiasi forma di informazione online quale “prodotto editoriale” attribuendo a questa definizione una lista di obblighi e requisiti. Nuovi doveri per il mondo Internet italiano, dunque, che si intrecciano con i paradigmi delle “tutele” della vetusta legge sulla stampa, del 1948!, che si vuole con questa normativa far splendere di nuova luce come potesse davvero essere applicata ad Internet.

Le distanze tra il mondo della carta e quello della Rete sono molte. Per rimanere su alcuni esempi, basti pensare ad un giornale, che pubblica ogni giorno delle notizie. Sulla carta ciò che viene letto e comprato dal lettore va creduto, e non c’è modo di avere un immediato riscontro sulla fondatezza di una notizia o di un approfondimento. In Rete, invece, non solo con due clic del mouse si può arrivare dritti alla fonte, ma sulle pagine stesse delle notizie è possibile parlare, dialogare di quanto si è letto con altri utenti, scambiarsi opinioni, confrontare informazione. Di fatto, questa multidirezionalità della comunicazione via Internet costituisce nuova informazione che si aggiunge a quella fornita da una redazione.

Ma si potrebbe parlare, allo stesso modo, di un gruppo di discussione che vive di articoli pubblicati dai propri partecipanti, che quegli articoli commenta, pubblicandoli in ambienti accessibili per via elettronica oppure su siti dedicati. Liberamente, senza alcuna censura, come un’utopia di libertà che improvvisamente si è trasformata in un solido dato del reale.

Non ci si può limitare, come fanno in molti in questi giorni sui pochi media che hanno deciso di occuparsi della questione, a cavillare sulla virgola di un comma della legge. Fare questo porta inevitabilmente a perdere di vista lo scopo ultimo della nuova normativa, che è quello di dare alla Rete un imprinting di burocratico controllo che è proprio della carta stampata.

Ma alle pressioni della corporazione, agli entusiasmi del sindacato dei giornalisti e all’approvazione degli editori, la Rete anche in Italia, come già altrove, ha imparato a reagire. Una legge scandalosa che rischiava di passare completamente sotto silenzio si sta ora imponendo grazie alla più massiccia manifestazione di dissenso che il “popolo dei naviganti”, come piace descriverlo ai giornalisti meno informati, abbia mai messo in piedi in Italia. La petizione lanciata da Punto Informatico assieme a più di 2mila altri siti italiani con più di 25mila sottoscrizioni in cinque giorni contro questa legge dà l’idea di quanto tutto questo risulti indigesto a chi la Rete la conosce e la vive tutti i giorni.

Ed è clamoroso che nessuno dei protagonisti di questa legge, intervistato in questi giorni, abbia voluto accettare paragoni con i paesi dove Internet è maggiormente sviluppata, dove qualsiasi normativa relativa alla Rete viene discussa per lunghi mesi non tra le mura di un palazzo ma con gli utenti della Rete stessa. E non è un caso che negli Stati Uniti, in Germania o in Gran Bretagna le poche norme che sono passate non abbiano mai, in nessuna occasione, toccato la questione dell’informazione.

Giù le mani da Internet, dunque, e si impari a trattare la rete delle reti con la delicatezza che merita. Perché su uno strumento così delicato e rivoluzionario, non solo dell’economia ma dei costumi sociali e della partecipazione politica, una legge imposta frettolosamente dall’alto non può che far danni.

Paolo De Andreis

(*) Commento apparso nei giorni scorsi sul supplemento Itali@Oggi.it del quotidiano Italia Oggi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Io sono di CT e sò.....
    Salve, io sono di CT e sò quello che succede nel CSA. Non c'è dubbio che si fa un uso "intenso" di droghe, ma è anche vero che grazie a questo laboratorio "freeware" molti extracomunitari hanno la possibilità di conoscere internet e comunicare con i propri familiari.
  • Anonimo scrive:
    VIA LE ZECCHE DAL SISTEMA
    Come da topic. E per cortesia perseguite penalmente anche quelli che si sono fregati i servizi per cui i cittadini onesti devono pagare!
    • Anonimo scrive:
      Re: VIA LE ZECCHE DAL SISTEMA
      - Scritto da: ~

      Come da topic. E per cortesia perseguite
      penalmente anche quelli che si sono fregati
      i servizi per cui i cittadini onesti devono
      pagare!Guarda che quelli di freaknet svolgono un servizio utile a tutti i citadini contribuendo all'alfabetizzazione informatica cosa che dovrebbero fare le autorità di catania,inoltre i locali occupati giacevano nel più completo abbandono e degrato.Altro che zecche....
      • Anonimo scrive:
        Re: VIA LE ZECCHE DAL SISTEMA
        - Scritto da: ab]x[ide
        fregati

        i servizi
        autorità di catania,inoltre i locali
        occupati giacevano nel più completoi locali non sono occupati ma assegnati in base ad una convenzione fra l'associazione lorenzo aiello ed il comune di catania.
  • Anonimo scrive:
    Decisione giuridicamente ineccepibile.
    Ho letto la deliberazione del comune di Catania e mi sembra giuridicamente ineccepibile:1) la concessione durava 1 anno, rinnovabile in mancanza di disdetta.2) l'Amministrazione si riserva la facoltà insindacabile di revocare, in qualsiasi momento, per ragioni di opportunità e/o per fini pubblici propri dell'Ente la concessione mediante notifica del relativo provvedimento di revoca.3) considerato che l'immobile di che trattasi dovrà essere utilizzato per fini istituzionali dell'Ente e, precisamente, dovrà essere adibito a Uffici comunali.Possono farlo.Casomai, sarebbe politicamente discutibile se l'amministrazione non concedesse una sede alternativa.Quanto poi alle accuse fatta da un consigliere comunale, non dovrebbero essere di competenza della magistratura? La presunzione di innocenza vale solo per alcune persone famose e per i loro parenti, amici e avvocati o per tutti?
  • Anonimo scrive:
    prove tecniche di regime
    Perche' tanto clamore? Catania e al sud, qui' se non accedi ai finanziamenti statali sei un eroe, ma se fai un tantino di rumore ti tappano la bocca. Gli "irregolari" diventano quelli che si inventano un lavoro, non gli imprenditori rampanti collusi e amiconi del berluska. Cosi' si è pensato di farli chiudere...ma fa parte di un progetto ad ampio respiro, la casa delle libertà vuole solo i suoi bravi ragazzi, quelli in doppio petto con la spillina di FI al petto, non gli extracomunitari...Meditate gente Meditate...
  • Anonimo scrive:
    LUNGA VITA AI CSA!!!
    Non è mia intenzione innescare risse o proselitismi; quando la forza della ragione è pura, non servono né l? una ne tanto meno gli altri. Ho letto parecchi commenti sulla notizia della chiusura del CSA Auro e del Freakneat Medialab. Di alcuni giorni fa, dai quali ho capito inevitabilmente una cosa: tra tutti coloro che a gran voce chiedevano la chiusura dei centri sociali, mi è parso di capire (almeno dalle parole e dai modi in cui venivano esposte) che pochi avevano una conoscenza DIRETTA e REALE di quello che E? un centro sociale e di quello che FA. Molto probabilmente, queste persone non hanno mai varcato la soglia di un qualsiasi CSA. Quindi, i commenti letti (alcuni palesemente falsi o cmq falsificanti la realtà. Forse se li sono sognati?) più che da odio o rabbia, nascevano dall?ignoranza e dalla scarsa conoscenza. Comprendo queste persone; la colpa non è la loro ma attribuibile a le stesse persone che stanno tentando di mettere un freno alla libera d?espressione on line, ovvero politici (sia di destra che di sinistra, sempre che esista ancora un partito degno di questo nome), i telegiornali a cui per mero sensazionalismo e convenienza in termini di audience conviene mostrare solo il lato più bieco e maldestro, ovvero risse, violenze, cassonetti in fiamme ecc(piccola annotazione, non avete mai sentito di agenti in borghese mischiati tra i manifestanti che fanno scattare i casini? MOLTE VOLTE,PULTROPPO E? VERO!!). Una televisione pronta ad immolare qualsiasi argomento nella maniera che più gli pare, in nome di una logica di marketing e convenienza economica, fregandosene altamente dell?etica e dei telespettatori se non nell?ottica di consumatori. Stessa cosa dicasi per riviste e quotidiani. Con questo non voglio certo far intendere che siano dei luoghi di preghiera o club mediterraneè; semplicemente sono delle zone libere ed autonome, nel senso essenziale e non politico della parola, dove chiunque rispetti gli ideali di libertà ed uguaglianza può permettersi di esprimersi nella maniera che meglio gli compete; chi suonando, chi organizzando corsi e laboratori informatici, chi facendo teatro ecc ecc. Chi semplicemente cazzeggiando; non a tutti piace o si può permettere di spendere una cifra per bersi un paio di birre e vedere un concerto? La verità è che allo stato, ed agli enti preposti al controllo delle masse, dei posti del genere, che propugnano la libertà e la completa autonomia dai soliti clichè di vita, fanno paura; o semplicemente non TOLLERANO che vi siano delle persone a cui non va di essere assoggettate o mercificate o inscatolate. Voglio essere libero di vivere la mia vita come meglio credo e di gestirmela nella maniera che ritengo più appropriata, senza demandare a nessuno, o perlomeno limitandone al massimo l?intrusione, il mio piacere, la mia cultura, le mie utopie, il mio divertimento. Il discorso sarebbe lunghissimo; non si può certo esaurire in poche righe. A scanso di equivoci, concludo dicendo di non essere un sinistroide nè tanto meno un simpatizzante della sinistra(cazzo, ma mica tutti quelli che frequentano i CSA sono comunisti!! Altra boiata?).Sono un uomo libero e tollerante, e cerco sempre di guardare oltre al mio naso prima di esprimere giudizi.E sono un assiduo frequentatore di centri sociali, e mi ci diverto pure. Spero che i tipi del Freaknet possano sistemarsi al meglio; a voi tutta la mia stima ed il supporto morale.
    • Anonimo scrive:
      Re: LUNGA VITA AI CSA!!!
      - Scritto da: micky
      ..cutto tutto
      Ragionando come te:1) Alcuni imprenditori hanno versato mazzette quindi TUTTI gli imprenditori versano mazzette2) Ho letto sul giornale che i tra la gente "bene" gira Coca. Quindi TUTTI queli che hanno soldi sniffano Coca.3) Ho visto un imprenditore che evadeva le tasse, quindi TUTTI gli imprenditori evadono le tasse.Per fortuna che non è così il ragionamento, altrimenti conseguentemente visto che tu lavori, guadagni, ti sei dimostrato di un'ignoranza estrema, TUTTI quelli che lavorano e guadagnano sono ignoranti.Per tua conoscenza sono programmatore di AS400, lavoro dalla mattina alla sera, guadagno più di 2 cubi al mese, e ogni tanto vado nei centri sociali. Non ho mai spaccato vetrine, non ho mai imbrattato muri. E soprattutto non ho mai fatto l'errore di generalizzare una categoria.Tu, invece, continua a pensare che la gente in giacca e cravatta sia per bene solo perchè si veste così, continua a pensare che i grandi imprenditori siano quelli che ti portano il McDonalds sotto casa.Mangiati il tuo gustoso cheesburger sudato con i tuoi soldi, e pensa che grazie ai benpensanti come te siamo arrivati ad usare le forze dell'ordine per ingabbiare il ragazzotto che si fuma lo spinello senza romprere a nessuno, e osannare come grandi persone gente che ruba a noi e a te, che inquina l'aria che respiri/amo, che fa lavorare i bambini in africa sottopagandoli, e che basti che si dichiari cattolica per sfuggiare ad ogni dubbio sulla sua dignità.Certo... le vetrine se le spacchi fanno rumore... ma i crimini compiuti in silenzio sono di più e più gravi. Svegliati, spegni la TV, e prova a dubitare di quello che ti dicono.
      • Anonimo scrive:
        Re: LUNGA VITA AI CSA!!!
        - Scritto da: l


        - Scritto da: micky


        ..cutto tutto


        Ragionando come te:
        1) Alcuni imprenditori hanno versato
        mazzette quindi TUTTI gli imprenditori
        versano mazzette
        2) Ho letto sul giornale che i tra la gente
        "bene" gira Coca. Quindi TUTTI queli che
        hanno soldi sniffano Coca.
        3) Ho visto un imprenditore che evadeva le
        tasse, quindi TUTTI gli imprenditori evadono
        le tasse.

        Per fortuna che non è così il ragionamento,
        altrimenti conseguentemente visto che tu
        lavori, guadagni, ti sei dimostrato di
        un'ignoranza estrema, TUTTI quelli che
        lavorano e guadagnano sono ignoranti.
        Per tua conoscenza sono programmatore di
        AS400, lavoro dalla mattina alla sera,
        guadagno più di 2 cubi al mese, e ogni
        tanto vado nei centri sociali. Non ho mai
        spaccato vetrine, non ho mai imbrattato
        muri. E soprattutto non ho mai fatto
        l'errore di generalizzare una categoria.
        Tu, invece, continua a pensare che la gente
        in giacca e cravatta sia per bene solo
        perchè si veste così, continua a pensare che
        i grandi imprenditori siano quelli che ti
        portano il McDonalds sotto casa.
        Mangiati il tuo gustoso cheesburger sudato
        con i tuoi soldi, e pensa che grazie ai
        benpensanti come te siamo arrivati ad usare
        le forze dell'ordine per ingabbiare il
        ragazzotto che si fuma lo spinello senza
        romprere a nessuno, e osannare come grandi
        persone gente che ruba a noi e a te, che
        inquina l'aria che respiri/amo, che fa
        lavorare i bambini in africa sottopagandoli,
        e che basti che si dichiari cattolica per
        sfuggiare ad ogni dubbio sulla sua dignità.
        Certo... le vetrine se le spacchi fanno
        rumore... ma i crimini compiuti in silenzio
        sono di più e più gravi. Svegliati, spegni
        la TV, e prova a dubitare di quello che ti
        dicono.

        Tu sarai anche programmatore AS400 e guadagni 2 cubi al mese, pero' di questo topic non hai capito proprio un emerita mazza....Avevo pure scritto....Sono solo considerazioni personali, ma evidentemente la voglia di dare addosso ad una persona solo perche' non approva le idee altrui e' piu' forte di arrivare fino alla fine del topic a leggere tutto quello che avevo scritto...Mi pare di non avere osannato nessuno...Mi pare di non essermi gettato in discorsi del tipo il ragazzino fuma lo spino e va in galera (un po' utopico, dai lo sanno tutti che se ti beccano con una cannetta non ti fanno un azzo, se ti beccano con un bolla di fumo, che equivale a circa due etti e mezzo, magari in galera ci finisci per qualche settimana, forse, ma cosa ti comperi una panetta per farti una cannetta in compagnia!?!?!?!!)Mi pare di non aver detto che chi tira la coca e' solo gente per bene (e solo gente per bene perche'costa cara, ma ti posso garantire che se uno e' scimmiato, i soldi li trova lo stesso, sia per la coca, sia per l'eroina e per il resto...)Senti caro programmatore AS400...Lascia perdere certi discorsi, perche' con me caschi proprio male...E lascia perdere i discorsi del tipo inquinano l'aria ecc..ecc..Tu la macchina non la usi!?!?Tu non hai nemmeno un capo della Nike (che da anni usa manodopera di minorenni per la loro produzione..)Haaa scusa...Tu vai nei centri sociali..Sei un puro....Ma fammi il piacere va'.....Poi tu, come puoi dare dell'ingorante a me che manco mi conosci?!?! Se per te una persona ignorante e quella che esprime i propri pareri, allora smettiamo di ragionare che e' meglio....A proposito..La Tv....Io non la guardo mai....Troppo ipocrita per i miei gusti...Troppo finta...Ciao programmatore AS400 che guadagna piu' di 2 cubi al mese....
        • Anonimo scrive:
          Re: LUNGA VITA AI CSA!!!
          - Scritto da: micky ..cutto tuttoNon sarai ignorante, forse, per altre cose ma per quanto riguarda i csa ,imho, lo sei :D
          • Anonimo scrive:
            Re: LUNGA VITA AI CSA!!!
            - Scritto da: Voatofjwi S Opeyban


            - Scritto da: micky
            ..cutto tutto

            Non sarai ignorante, forse, per altre cose
            ma per quanto riguarda i csa ,imho, lo sei
            :DVabbe'..Lasciamo perdere che e' meglio...Avete ragione voi.....Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: LUNGA VITA AI CSA!!!

          Tu sarai anche programmatore AS400 e
          guadagni 2 cubi al mese, pero' di questo
          topic non hai capito proprio un emerita
          mazza....
          Avevo pure scritto....
          Sono solo considerazioni personali, ma
          evidentemente la voglia di dare addosso ad
          una persona solo perche' non approva le idee
          altrui e' piu' forte di arrivare fino alla
          fine del topic a leggere tutto quello che
          avevo scritto...Invece ho capito perfettamente, peronali o no le tue considerazioni mi riguardano appieno. Hai detto di chiudere i centri sociali perchè dentro ci sono quelli che spaccano le vetrine, e che non fanno nulla dalla mattina alla sera. Quindi come frequentatore dei centri io mi sento da te accusato di rompere le vetrine e di non lavorare. Non mi sembra di aver male interpretato. Mi sembra semmai una tua levata di scudi quando scopri che dalla tua generalizzazione ottieni soltanto smentite da diretti interessati.
          Mi pare di non avere osannato nessuno...
          Mi pare di non essermi gettato in discorsi
          del tipo il ragazzino fuma lo spino e va in
          galera (un po' utopico, dai lo sanno tutti
          che se ti beccano con una cannetta non ti
          fanno un azzoPatente ritirata forse per te non è un azzo?
          Mi pare di non aver detto che chi tira la
          coca e' solo gente per bene (e solo gente
          per bene perche'costa cara, ma ti posso
          garantire che se uno e' scimmiato, i soldi
          li trova lo stesso, sia per la coca, sia per
          l'eroina e per il resto...)Esemplificava un discorso per far capire che da esempi a generalizzare ne passa. La stessa cosa che hai fatto tu, se qualcuno dei centri spacca vetrine, imbratta i muri, non lavora, tu hai detto che allora i frequentatori di tali centri sono tutti così. Il discorso coca era solo un esempio portato da me per farti capire che generalizzare si può con tutto, e quasi sempre è sbagliato.
          Senti caro programmatore AS400...
          Lascia perdere certi discorsi, perche' con
          me caschi proprio male...E lascia perdere i
          discorsi del tipo inquinano l'aria
          ecc..ecc..
          Tu la macchina non la usi!?!?Si, a metano. Inquinamento prossimo a 0
          Tu non hai nemmeno un capo della Nike (che
          da anni usa manodopera di minorenni per la
          loro produzione..)No, nemmeno uno. Anzi, non ho nessun capo firmato.Forse qualche levis...
          Haaa scusa...Tu vai nei centri sociali..Sei
          un puro....Ma fammi il piacere va'.....Chi te la detto. Io ti ho detto che non spacco vetrine e non ho mai imbrattato muri. Ms come si dice... che è puro scagli la prima pietra
          Poi tu, come puoi dare dell'ingorante a me
          che manco mi conosci?!?! Se per te una
          persona ignorante e quella che esprime i
          propri pareri, allora smettiamo di ragionare
          che e' meglio....Una persona è ignorante quando ignora. Tu ignori che nei centri sociali ci sono anche persone che lavorano e non spaccano vetrine. Tu ignori questo, e per questo il tuo discorso è ignorante. Non puoi accusare qualcuno e poi dire che si trattava di opinione personale. Altrimenti io accuso te di chissà quale crimine, e poi ti dico che è una mia opinione.
          A proposito..La Tv....Io non la guardo
          mai....Troppo ipocrita per i miei gusti...
          Troppo finta...Giusto.

          Ciao programmatore AS400 che guadagna piu'
          di 2 cubi al mese....Non me ne vanto affatto. Era per dirti che ho uno stipendio normale e lo stesso vado nei centri. Ma vado anche al cinema, insomma, dove magari vai anche tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: LUNGA VITA AI CSA!!!
            - Scritto da: l


            Tu sarai anche programmatore AS400 e

            guadagni 2 cubi al mese, pero' di questo

            topic non hai capito proprio un emerita

            mazza....

            Avevo pure scritto....

            Sono solo considerazioni personali, ma

            evidentemente la voglia di dare addosso ad

            una persona solo perche' non approva le
            idee

            altrui e' piu' forte di arrivare fino alla

            fine del topic a leggere tutto quello che

            avevo scritto...

            Invece ho capito perfettamente, peronali o
            no le tue considerazioni mi riguardano
            appieno. Hai detto di chiudere i centri
            sociali perchè dentro ci sono quelli che
            spaccano le vetrine, e che non fanno nulla
            dalla mattina alla sera. Quindi come
            frequentatore dei centri io mi sento da te
            accusato di rompere le vetrine e di non
            lavorare. Non mi sembra di aver male
            interpretato. Mi sembra semmai una tua
            levata di scudi quando scopri che dalla tua
            generalizzazione ottieni soltanto smentite
            da diretti interessati.



            Mi pare di non avere osannato nessuno...

            Mi pare di non essermi gettato in discorsi

            del tipo il ragazzino fuma lo spino e va
            in

            galera (un po' utopico, dai lo sanno tutti

            che se ti beccano con una cannetta non ti

            fanno un azzo

            Patente ritirata forse per te non è un azzo?


            Mi pare di non aver detto che chi tira la

            coca e' solo gente per bene (e solo gente

            per bene perche'costa cara, ma ti posso

            garantire che se uno e' scimmiato, i soldi

            li trova lo stesso, sia per la coca, sia
            per

            l'eroina e per il resto...)

            Esemplificava un discorso per far capire che
            da esempi a generalizzare ne passa. La
            stessa cosa che hai fatto tu, se qualcuno
            dei centri spacca vetrine, imbratta i muri,
            non lavora, tu hai detto che allora i
            frequentatori di tali centri sono tutti
            così. Il discorso coca era solo un esempio
            portato da me per farti capire che
            generalizzare si può con tutto, e quasi
            sempre è sbagliato.



            Senti caro programmatore AS400...

            Lascia perdere certi discorsi, perche' con

            me caschi proprio male...E lascia perdere
            i

            discorsi del tipo inquinano l'aria

            ecc..ecc..

            Tu la macchina non la usi!?!?

            Si, a metano. Inquinamento prossimo a 0


            Tu non hai nemmeno un capo della Nike (che

            da anni usa manodopera di minorenni per la

            loro produzione..)

            No, nemmeno uno. Anzi, non ho nessun capo
            firmato.
            Forse qualche levis...


            Haaa scusa...Tu vai nei centri
            sociali..Sei

            un puro....Ma fammi il piacere va'.....

            Chi te la detto. Io ti ho detto che non
            spacco vetrine e non ho mai imbrattato muri.
            Ms come si dice... che è puro scagli la
            prima pietra


            Poi tu, come puoi dare dell'ingorante a me

            che manco mi conosci?!?! Se per te una

            persona ignorante e quella che esprime i

            propri pareri, allora smettiamo di
            ragionare

            che e' meglio....

            Una persona è ignorante quando ignora. Tu
            ignori che nei centri sociali ci sono anche
            persone che lavorano e non spaccano vetrine.
            Tu ignori questo, e per questo il tuo
            discorso è ignorante. Non puoi accusare
            qualcuno e poi dire che si trattava di
            opinione personale. Altrimenti io accuso te
            di chissà quale crimine, e poi ti dico che è
            una mia opinione.


            A proposito..La Tv....Io non la guardo

            mai....Troppo ipocrita per i miei gusti...

            Troppo finta...

            Giusto.




            Ciao programmatore AS400 che guadagna piu'

            di 2 cubi al mese....

            Non me ne vanto affatto. Era per dirti che
            ho uno stipendio normale e lo stesso vado
            nei centri. Ma vado anche al cinema,
            insomma, dove magari vai anche tu. Io intendevo, quelli che vivono nei centri sociali, quelli che tirano avanti questa menata della lotta politica, quelli che sono in prima linea a fare casini quando c'e' da minifestare contro lo stato (nel mio piccolo lo stato lo ignoro e basta, non mi frega ne' del centro ne' della destra, ne' della sinistra, solo i miei genitori sanno quanto kulo si sono fatti per avere un po' di soldi da parte, e solo loro sanno quanti soldi le ruba lo stato ogni anno di tasse, ma questi sono problemi di tutti penso...), ora, non mi vorrai dire che tu sei uno che vive in un centro sociale, ecco io intendevo quello.Da vivere nei centri sociali e condividere certe idee ad andarci a farsi una canna, bere una birra e ascoltare un po' di musica, ne passa parecchio.Ecco io intendevo quello, a me stanno sulle palle quelle persone li', per i motivi che ti ho gia' elencato prima.A me quello che mi da fastidio e' che:se loro occupano uno stabile che magari ha un proprietario ed e' sfitto o inutilizzato, puo' anche andare bene.Se pero' un giorno il Comune o il legittimo proprietario, rivuole questo stabile, anche solo perche' deve affittare una stanza delle cento presenti (sto facendo un esempio), loro se ne devono andare e basta, senza tante cagnare, in fin dei conti non sono loro i legittimi proprietari. Ma se tu avessi una casa, e te la occupano perche' magari non la usi, un giorno ti sposi e hai disponibilita' di una casa, ce l'hai ma non la puoi usare perche' OKKUPATA, che ne diresti....Io penso che qualcosa da dire l'avresti....Ti ripeto da andare a viverci c'e' una grossa differenza....Non mi sembri il classico punkabbestia che gira i centri sociali d'europa con appresso il pc e programmi mentre fai un corteo anti-stato o imbratti un muro con falce e martello o scrivendo azzate senza senso...Dai siamo realisti, visto che un discorso quasi serio siamo riusciti a farlo, malgrado la divergenza di idee. :)Forse non mi sono spiegato bene, cmq, cosi' e come la penso.ciaooo
          • Anonimo scrive:
            LUNGA VITA AI CSA e CORTA AGLI IMBECILLI !
            Mi sono veramente rotto le palle della gente come te.Come vedi non uso i puntini ma scrivo palle tutto intero rischiando che tu mi dia del maleducato, mentre non ti rendi conto che le cazzate che spari sono frutto di una enorme maleducazione(nel senso che chi ti ha cresciuto non deve averti fatto capire molto della vita o perlomeno non ti ha fornito gli elemnti cerebrali per capirle certe cose)... ma andiamo avanti non voglio cedere alle tue offese e provocazioni (perchè lo sai che lo sono, e sai che una maniera tale di dibattere,indipendentemente dalle tue idee ti porta allo scontro?).Sono stufo, perchè io insieme a tanti altri, lavoro in un CSA, e oltre a far ciò lavoro "in regola" dall'età di 16 anni.E non credere che siamo una piccola eccezione, perchè nella tua ignoranza evidentemente non ti rendi conto che per mandare avanti un luogo come quello (il csa a Catania) ci vuole impegno,volontà ed anche sudore(lo stesso che esce dalla tua fronte quando lavori).Un piccolo consiglio non vivere col paraocchi.Non ti farebbe male cercare di capire cosa c'è dietro i problemi dell'immigrazione, dei disoccupati al sud, ecc..Soprattutto, non prendere per oro colato le risposte a questi problemi che ti danno (forse) i tuoi genitori o qualche politico del cazzo.Chi meglio di chi ci lavora a contatto con certe realtà può avere un idea di cosa ci sia dietro certi problemi?Lo sai che assieme al movimento dei centri sociali spesso e volentieri si mobilitano anche gruppi cattolici, missionari e una miriade di gente che va alle manifestazioni e il giorno dopo va a lavorare?Non fare lo stupido, non fare di tutta l'erba un fascio altrimenti fai la figura del fascista, ma soprattutto non darmi della zecca, altrimenti ti salto al collo e ti faccio crepare dissanguato!Comunque Michy,scusa il nervoso,ma capisci che col tuo modo di ragionare la reazione è questa... Io rispetto chi non lavora (possono esserci tanti motivi, anche sbagliati), ma se anche te impegnassi un po' del tuo tempo a combattere contro la società che ti impone di passare il 70% della vita a lavorare, non otterremmo qualcosa?Non è colpa dei disoccupati, ne degli immigrati se ti devi fare il culo e ti tuoi genitori se lo son fatto... sotto queste scuse si proteggono gli interessi di tanti.Non lasciarti ingannare.Ripeto: non lasciarti ingannare.saluti,Gudrum.
          • Anonimo scrive:
            Re: LUNGA VITA AI CSA e CORTA AGLI IMBECILLI !
            - Scritto da: gudrum
            Mi sono veramente rotto le palle della gente
            come te.

            Come vedi non uso i puntini ma scrivo palle
            tutto intero rischiando che tu mi dia del
            maleducato, mentre non ti rendi conto che le
            cazzate che spari sono frutto di una enorme
            maleducazione(nel senso che chi ti ha
            cresciuto non deve averti fatto capire molto
            della vita o perlomeno non ti ha fornito gli
            elemnti cerebrali per capirle certe cose)...
            ma andiamo avanti non voglio cedere alle tue
            offese e provocazioni (perchè lo sai che lo
            sono, e sai che una maniera tale di
            dibattere,indipendentemente dalle tue idee
            ti porta allo scontro?).

            Sono stufo, perchè io insieme a tanti altri,
            lavoro in un CSA, e oltre a far ciò lavoro
            "in regola" dall'età di 16 anni.
            E non credere che siamo una piccola
            eccezione, perchè nella tua ignoranza
            evidentemente non ti rendi conto che per
            mandare avanti un luogo come quello (il csa
            a Catania) ci vuole impegno,volontà ed anche
            sudore(lo stesso che esce dalla tua fronte
            quando lavori).

            Un piccolo consiglio non vivere col
            paraocchi.
            Non ti farebbe male cercare di capire cosa
            c'è dietro i problemi dell'immigrazione, dei
            disoccupati al sud, ecc..

            Soprattutto, non prendere per oro colato le
            risposte a questi problemi che ti danno
            (forse) i tuoi genitori o qualche politico
            del cazzo.
            Chi meglio di chi ci lavora a contatto con
            certe realtà può avere un idea di cosa ci
            sia dietro certi problemi?

            Lo sai che assieme al movimento dei centri
            sociali spesso e volentieri si mobilitano
            anche gruppi cattolici, missionari e una
            miriade di gente che va alle manifestazioni
            e il giorno dopo va a lavorare?

            Non fare lo stupido, non fare di tutta
            l'erba un fascio altrimenti fai la figura
            del fascista, ma soprattutto non darmi della
            zecca, altrimenti ti salto al collo e ti
            faccio crepare dissanguato!

            Comunque Michy,
            scusa il nervoso,
            ma capisci che col tuo modo di ragionare la
            reazione è questa...
            Io rispetto chi non lavora (possono esserci
            tanti motivi, anche sbagliati), ma se anche
            te impegnassi un po' del tuo tempo a
            combattere contro la società che ti impone
            di passare il 70% della vita a lavorare, non
            otterremmo qualcosa?

            Non è colpa dei disoccupati, ne degli
            immigrati se ti devi fare il culo e ti tuoi
            genitori se lo son fatto... sotto queste
            scuse si proteggono gli interessi di tanti.
            Non lasciarti ingannare.
            Ripeto: non lasciarti ingannare.

            saluti,
            Gudrum.
            Senti per cortesia, se proprio devi saltare al collo a qualcuno, salta al collo dei tuoi amici punkabbestia, a noi succhiate gia' abbastanza cosi' con i vostri azz di CSA...Ciao ZECCA...
          • Anonimo scrive:
            Re: LUNGA VITA AI CSA e CORTA AGLI IMBECILLI !
            Spero che un giorno tu abbia bisogno di essere tutelato dal tuo padroncino che ti passi la scodellina in cui mangiare e che da vecchio i tuoi figli ti diano un bel calcio nel culo e ti facciano crepare in uno spizio. Ti auguro questo per un semplice motivo, io che lavoro mi sono rotto i coglioni di dover sopportare i pecoroni come te' che si accontentano delle briciole lasciate dal padrone per tene tranquilli i parassiti come te. Io mi prendo quello che mi spetta e basta con ho senza il tuo aiuto, anzi ti do' un consiglio : non ti mettere mai sulla strada di chi decide di non obbedire cecamente alle regole imposte dai tuoi e miei padroni, ti meraviglieresti di come ti si possa fare un culo cosi' ( ) . Quelli come te' non meritano ne' rispetto da parte di chiunque frequenti i CSA ne tantomeno puo' richiedere diritti senza dare doveri. Le tue opinioni esprimile pure come fai sempre, nasconditi, le mie te el sbatto in faccie :-) . Vai a leccare il culo al tuo padrone e quello che meriti di fare per il resto della tua vita :-)
  • Anonimo scrive:
    Chiudeteli.
    Fanno assolutamente bene a chiuderli, se vogliono davvero continuare possono mettersi in regola con la legge e nessuno li fara mai chiudere.Saluti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiudeteli.
      Sicuramte tu non hai idea di ciò che dici... ma non voglio sprecare parole perché sono convinto che tu non possa capire nè ora nè mai.Ciao- Scritto da: PCI
      Fanno assolutamente bene a chiuderli, se
      vogliono davvero continuare possono mettersi
      in regola con la legge e nessuno li fara mai
      chiudere.

      Saluti!
    • Anonimo scrive:
      Cos'è, una provocazione?
      E bravo! Ma dimmi, dopo che li chiudiamo dove pensi che andranno? Per te la legge è sempre giusta solo perchè si chiama legge? I dissidenti li mettiamo nei gulag o li eliminiamo subito? Quasi penso che stai solo provocando, non posso credere che ci siano ancora in giro menti come la tua...- Scritto da: PCI
      Fanno assolutamente bene a chiuderli, se
      vogliono davvero continuare possono mettersi
      in regola con la legge e nessuno li fara mai
      chiudere.

      Saluti!
      • Anonimo scrive:
        Re: Cos'è, una provocazione?

        E bravo! Ma dimmi, dopo che li chiudiamo
        dove pensi che andranno? Per te la legge è
        sempre giusta solo perchè si chiama legge? I
        dissidenti li mettiamo nei gulag o li
        eliminiamo subito? Quasi penso che stai solo
        provocando, non posso credere che ci siano
        ancora in giro menti come la tua...Non paragonare gente che ha sofferto le pene dell'inferno solo perche' la pensava diversamente dal regime (comunista,quello che i tuoi amati alternativi adorano) a gente che non ha voglia di fare un cazzo e per non essere messa in galera si schiera politicamente (se fossero di destra i CSA sarebbero tutti chiusi nel giro di due giorni).
        • Anonimo scrive:
          Re: Cos'è, una provocazione?
          Attento a non confondere tutto con le tue esperienze negative, in parte tu hai ragione, fuori da molti centri sociali si vede di tuto come fuori da molti localini in di Milano o peggio dentro. Il problema dei CSA e' un problema serio, io sono di matrice anarchica e ti dico che mi inorridisce il modo in cui l'ideologia che dovrebbe portare all'evoluzione umana sia ridicolizzata dai negozietti del cazzo e dalla tua povera auto di merda e dai giovani leoncavallini che utilizzano i CSA per farsi canne o ubriacarsi sfasciando finestrini. E' vero preferirei che fossero sempre lucidi per non perdere di vista i veri problemi della Milano da 'Pere'. Tu e i Leoncavallini siete sullo stesso piano, stupidi strumenti del potere. Vedi Il potere concede spazi alternativi ai ragazzini, cosi' perdono tempo a farsi le canne piuttosto che occuparsi di problemi seri. Per fortuna ne tutti i CSA sono come il tuo Leoncavallo, ne tutte le persone di Milano sono cieche e ottuse come te' :-) Non la prendere come un'offesa e' solo un mio piccolo ed inutile punto di vista. Il tuo perbenismo raccontalo allo stadio la domenica quando per mantenere dei coglioni di DESTRA dobbiamo pagare di tasca nostra le spese per le forze dell'ordine e i vari danni causati da quei bravi ragazzuoli occupati a tenere la testa china per tutta la vita salvo sollevarla assieme a qualche seggiolino allo stadio. Scusa per i CSA che giustamente ti irritano, ma non ti dico quante cose irritano me, ne rimarresti sorpreso :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Cos'è, una provocazione?

            CSA e' un problema serio, io sono di matrice
            anarchica e ti dico che mi inorridisce il
            modo in cui l'ideologia che dovrebbe portare
            all'evoluzione umana sia ridicolizzata dai
            negozietti del cazzo e dalla tua povera auto
            di merda e dai giovani leoncavallini che
            utilizzano i CSA per farsi canne o
            ubriacarsi sfasciando finestrini. E' veroVedi la mia povera auto di merda serve per andare a fare un povero lavoro di merda tutte le mattine. Capisco che per te ,matrice anarchica ,sia un concetto difficile da capire infatti vivi di pace,amore e ideali io purtroppo devo mangiare e nessuno mi regala nulla.
            preferirei che fossero sempre lucidi per non
            perdere di vista i veri problemi della
            Milano da 'Pere'. Tu e i Leoncavallini sieteSe smettessero di guardarli e basta i problemi della Milano da "Pere" e cominciassero a lavorare per risolvere prima i propri e poi quelli degli altri come nel loro piccolo fanno tutte le persone di questo mondo stai tranquillo che i problemi sparirebbero.
            sullo stesso piano, stupidi strumenti del
            potere. Vedi Il potere concede spazi
            alternativi ai ragazzini, cosi' perdono
            tempo a farsi le canne piuttosto che
            occuparsi di problemi seri. Per fortuna neMa per favore , i problemi seri voi "anarchici" da centro sociale neanche sapete cosa sono. Vivete nel vostro "limbo" fuori dal mondo e appena qualcuno (l'autorita') minaccia il vostro piccolo establishment fatto di nulla&paroloni che non comprendete reagite con la violenza verso chi non si puo' difendere perche' non e' protetto politicamente (i cittadini). Chi paga i danni che seguono ogni manifestazione dei centri sociali?Nessuno. Se io vengo a mettere una bomba e faccio saltare in aria qualche csa pensi che me la cavo allo stesso modo?
            tutti i CSA sono come il tuo Leoncavallo, neGia purtroppo alcuni stanno ancora in piedi non posso che essere solidale con i vicini involontari di queste "espressioni del disagio giovanile" ,il mio leoncavallo per fortuna l'hanno raso al suolo dopo 20 anni di proteste da parte dei poveri abitanti.
            un'offesa e' solo un mio piccolo ed inutile
            punto di vista. Il tuo perbenismo raccontalo
            allo stadio la domenica quando per mantenere
            dei coglioni di DESTRA dobbiamo pagare di
            tasca nostra le spese per le forze
            dell'ordine e i vari danni causati da quei
            bravi ragazzuoli occupati a tenere la testa
            china per tutta la vita salvo sollevarla
            assieme a qualche seggiolino allo stadio.Vedi i coglioni di destra perlomeno sono richiusi nella loro gabbia (stadio) ,sono comunque irritanti ma la polizia riesce a tenerli a bada e la loro presenza e' limitata a un giorno alla settimana ,sono un fastidioso brufolo sul culo della societa' ...i centri sociali invece sono presenti 7 giorni su 7 ,24 ore al giorno ,praticamente un cancro.
            Scusa per i CSA che giustamente ti irritano,
            ma non ti dico quante cose irritano me, ne
            rimarresti sorpreso :-)Beh tu pensa a cosa vuol dire per 20 anni dentro uno stadio sempre pieno dei coglioni di destra che ti irritano tanto ... vediamo se ho diritto piu' o io o tu di essere irritato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cos'è, una provocazione?
            Al contrario di quello che la sua dolce ed educata persona crede io lavoro per mantenermi cosi' come hanno lavorato i miei genitori per mantenere me. Che i centri sociali possano essere un problema ne sono consapevole anche io. Che la tua auto ti serva per recarti al lavoro anche questo non mi pare nulla di straordinario. Che il rompimento di coglioni per lo stadio si limiti ad un giorno alla settimana, quardati meglio il bilancio della Polizia per quanto riguarda le spese sostenute. Immagina come portebbero essere usati quei poliziotti a Palermo o a Bari o a Napoli piuttosto che stare dietro a quella manica di coglioni degli ultas :-) . Sapete solo piagnucolare sotto le bastonate dei vostri padroni che giustamente vi passano la scodella del pane inzuppato per poter campare salvo poi urlare contro i centri sociali che vi rompono, perche' non chiedi gli stessi diritti al tuo padrone ? Io ti chiedo solo questo : Cerca di capire meglio quali sono i problemi reali prima di sputare sentenze. Ne sento tanta di gente che sputa sentenze salvo poi voltare le spalle agli altri. Mi dispiace che tu sia stato danneggiato dalla presenza del Leoncavallo, ma tu non puoi puntare nessun indice contro nessuno. Purtroppo la tua 'ignoranza' per quel che riguarda l'anarchia ti fa' credere che lo stato anarchico sia un posto in cui titti si grattano i coglioni, ti consiglierei, prima di puntare indici, di leggerti qualche cosina sulla cultura anarchica (vedi rivoluzione anarchica in Spagna), forse , in questo modo, potrai capire meglio quello che ho voluto dire. Le tue tasse, al contrario di quello che credi, vengono usate anche per costruire le strade su cui si muove il tuo culo, non per dar da mangiare ai leoncavallini :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiudeteli.
      - Scritto da: PCI
      Fanno assolutamente bene a chiuderli, se
      vogliono davvero continuare possono mettersi
      in regola con la legge e nessuno li fara mai
      chiudere.

      Saluti!Allora facciamo che anche i politici se non si mettono in regola con la legge non possono venire votati.D'altronde, è molto meglio lasciare i locali abbandonati piuttosto che metterli a disposizione di chi si accontenta solo di un tetto, senza volere finanziamenti....Peccato che in Italia si vede la pagliuzza ma non la trave....
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiudeteli.
      - Scritto da: PCI
      Fanno assolutamente bene a chiuderli, se
      vogliono davvero continuare possono mettersi
      in regola con la legge e nessuno li fara mai
      chiudere.

      Saluti!MEGALOL, ULTRALOL, EXTRASOB!!!
Chiudi i commenti