Rambus sfodera le nuove super DRAM

Rambus rilascia sul mercato i primi moduli RIMM 4200 in grado di offrire una banda passante notevolmente superiore a quella delle rivali DDR. La guerra delle prestazioni ora è con le DDR400 di Samsung e le DDR II


Los Altos (USA) – Rambus, che con l’incalzare delle memorie DDR anche sul mercato dei sistemi Pentium 4 rischia di essere nuovamente confinata ad una nicchia del mercato hi-end, continua a spingere sulle prestazioni e ad allargare il divario, in termini di banda passante, fra i propri chip e quelli della concorrenza.

Seguendo questa logica Rambus ha annunciato il rilascio sul mercato delle sue nuove memorie RIMM 4200, chip in grado di correre a 1066 MHz ed offrire, attraverso l’adozione di due canali di dati con una larghezza di banda di 2,1 GB/s, fino a 4,2 GB/s di transfer rate. Le più veloci DDR attualmente in vendita, le PC2700, offrono una larghezza di banda di 2,7 GB/s.

Il rilascio dei nuovi moduli 4200 rientra nei piani di Rambus per portare i propri chip, entro il 2005, ad offrire transfer rate di 9,6 GB/s a 1200 MHz di clock.

Rambus spiega che è riuscita ad integrare due canali di memoria in un solo modulo RIMM. In questo modo i produttori di PC possono avvalersi delle nuove memorie 4200 per liberare uno slot di memoria sulla scheda madre ed utilizzarlo, eventualmente, per aggiungere altra memoria o un modulo RAID integrato.

Le nuove memorie di Rambus se la devono vedere con le recenti DDR400 lanciate da Samsung, in grado di offrire una banda passante di 3,2 GB/s, e le future DDR II , che saranno in grado di funzionare a frequenze di 533 MHz e raggiungere la stessa banda passante delle attuali RIMM 4200.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Decisione politica
    Quando le decisioni sono politico- ideologiche non c'è ragione che tenga.Solo il tempo racconterà la verità.
    • Anonimo scrive:
      Re: Decisione economica
      - Scritto da: Anonimo
      Quando le decisioni sono politico-
      ideologiche non c'è ragione che tenga.che la decisione non sia di tipo ideologico è testimoniato dalle tante amministrazioni pubbliche e private di tutto il mondo che stanno passando a Linux.La percezione ormai chiara è che Linux e l'open Source costi MENO delle soluzioni closed.
  • Anonimo scrive:
    microsoft è di destra ?
    tarapia tapioca come se fosse antani !e la supercazzola con scappellamento a destra :)microsoft mi ricorda la DC di tanti anni addietro:quando esploderà ci ritroveremo gli ex "dragasaccocce" sparsi a sputare nel piatto dove hanno mangiato, e ad inneggiare linux.Dovremo allora inziare di nuovo a combattere!
    • Anonimo scrive:
      Re: [troll]microsoft è di destra ?
      - Scritto da: capsula
      dove hanno mangiato, e ad inneggiare linux.
      Dovremo allora inziare di nuovo a combattere!Basterebbe non smettere
  • Anonimo scrive:
    LINUX è il Rinascimento. microsoft il medioevo
    Qualunque possibilità di circoscrivere politicamente il movimento Open Source è destinato a fallire.La LIBERTA' del codice open source mette in chiaro quale sia lo spirito liberista (spesso associato a tematiche destrosre) del mondo open source.Per contro, la presenza di un MONOPOLIO microsoft che agisce con metodi SOVIETICI tipici di chi non riesce a tenere il passo economico-tecnologico col mondo esterno (come i metodi scorretti e conservatori messi in luce nel dibattimento processuale che ha visto la CONDANNA di microsoft), illuminano di luce SINISTRA la dirigenza del Politburo di microsoft.Ricordiamoci che non per nulla in USA il concetto di MONOPOLIO è visto come una condizione peggiore del COMUNISMO.Meglio leggere l'attuale situazione dell'ICT in una veste storica: la libertà di conoscenza e di indagine sul mondo riscoperta nel periodo del Rinascimento ha prodotto la scienza moderna.Il potere conservatore ed arretrato dell'aristocrazia ha tentato di contrastare con tutti i mezzi l'avanzata delle istanze di LIBERTA' e il desiderio di diffusione delle conoscenze affinchè TUTTI potessero avenre parte e contribuire (anche ricavandone profitti).Letta con questa chiave, la situazione attuale del mondo ICT vede il mondo Open Source come un movimento NeoRinascimentale, mentre microsoft pretende di essere la nuova aristocrazia corrotta dal potere e incapace di interpretare il momento attuale.
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX è il Rinascimento. microsoft il medioevo
      Vai zap.Ottimo Ufficiale.Alien.- Scritto da: zap
      Qualunque possibilità di circoscrivere
      politicamente il movimento Open Source è
      destinato a fallire.

      La LIBERTA' del codice open source mette in
      chiaro quale sia lo spirito liberista
      (spesso associato a tematiche destrosre) del
      mondo open source.

      Per contro, la presenza di un MONOPOLIO
      microsoft che agisce con metodi SOVIETICI
      tipici di chi non riesce a tenere il passo
      economico-tecnologico col mondo esterno
      (come i metodi scorretti e conservatori
      messi in luce nel dibattimento processuale
      che ha visto la CONDANNA di microsoft),
      illuminano di luce SINISTRA la dirigenza del
      Politburo di microsoft.
      Ricordiamoci che non per nulla in USA il
      concetto di MONOPOLIO è visto come una
      condizione peggiore del COMUNISMO.

      Meglio leggere l'attuale situazione dell'ICT
      in una veste storica: la libertà di
      conoscenza e di indagine sul mondo
      riscoperta nel periodo del Rinascimento ha
      prodotto la scienza moderna.
      Il potere conservatore ed arretrato
      dell'aristocrazia ha tentato di contrastare
      con tutti i mezzi l'avanzata delle istanze
      di LIBERTA' e il desiderio di diffusione
      delle conoscenze affinchè TUTTI potessero
      avenre parte e contribuire (anche
      ricavandone profitti).
      Letta con questa chiave, la situazione
      attuale del mondo ICT vede il mondo Open
      Source come un movimento NeoRinascimentale,
      mentre microsoft pretende di essere la nuova
      aristocrazia corrotta dal potere e incapace
      di interpretare il momento attuale.
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX è il Rinascimento. microsoft il medioevo
        - Scritto da: Alien
        Vai zap.
        Ottimo Ufficiale.
        Alien.
        In compenso il comandante è incapace di quotare :-pppppp
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX è il Rinascimento. microsoft il medioevo

      che ha visto la CONDANNA di microsoft),
      illuminano di luce SINISTRA la dirigenza del
      Politburo di microsoft.passa il cannone fratello
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX è il Rinascimento. microsoft il medioevo
        - Scritto da: zop
        passa il cannone fratellook. ecco:Qualunque tentativo di circoscrivere politicamente il movimento Open Source è destinata a fallire.La LIBERTA' del codice open source mette in chiaro quale sia lo spirito liberista (spesso associato a tematiche destrosre) del mondo open source.Per contro, la presenza di un MONOPOLIO microsoft che agisce con metodi SOVIETICI tipici di chi non riesce a tenere il passo economico-tecnologico col mondo esterno (come i metodi scorretti e conservatori messi in luce nel dibattimento processuale che ha visto la CONDANNA di microsoft), illuminano di luce SINISTRA la dirigenza del Politburo di microsoft.Ricordiamoci che non per nulla in USA il concetto di MONOPOLIO è visto come una condizione peggiore del COMUNISMO.Meglio leggere l'attuale situazione dell'ICT in una veste storica: la libertà di conoscenza e di indagine sul mondo riscoperta nel periodo del Rinascimento ha prodotto la scienza moderna.Il potere conservatore ed arretrato dell'aristocrazia ha tentato di contrastare con tutti i mezzi l'avanzata delle istanze di LIBERTA' e il desiderio di diffusione delle conoscenze affinchè TUTTI potessero avenre parte e contribuire (anche ricavandone profitti).Letta con questa chiave, la situazione attuale del mondo ICT vede il mondo Open Source come un movimento NeoRinascimentale, mentre microsoft pretende di essere la nuova aristocrazia corrotta dal potere e incapace di interpretare il momento attuale.
        • Anonimo scrive:
          Re: LINUX è il Rinascimento. microsoft il medioevo
          Hem... Non so voi,Ma io ho sempre creduto che il creare una qualsiasi cosa per il solo scopo di venderla e guadagnare fosse una caratteristica più del mondo di destra;Al contrario, il creare qualcosa per la comunità, per tutti, senza chiederne compenso fosse qualcosa più di sinistra.E' ovvio che inserire una politica open-source nel mondo capitalista è impossibile. Nel momento in cui ci siamo accorti che era più comodo sfruttare l'open-source, mettendo insieme tutti i programmi, scrivendo due righe di manuale e vendendo il tutto sotto il nome di "distribuzione" abbiamo un pò stravolto la visione dell'open-source.Certo,così chiunque può dire di saper usare Linux,così chiunque può scegliere di passare a Linux, visto che è una situazione più economica,ma non si può certo dire che CHIUNQUE entrerà nel mondo dell'open-source.Sarà sicuramente sfruttato,Ma chi di tutti voi che state a parlare di Rinascimento e Medioevo, si metterà ad applicare patch al kernel,modificherà i programmi a suo piacimento e li pubblicherà GRATIS su internet????OPEN-SOURCE significa sapere cosa fa il programma che sto utilizzando.Questo significa OPEN-SOURCE.Non certo una soluzione per spendere meno.E il tanto criticato MONOPOLIO, ditemi: quando è nato e dove???A me risulta che già con la prima rivoluzione industriale ci furono i primi monopoli. Il monopolio non è legato necessariamente al comunismo, ANZI, è nato nella società liberale.
  • Anonimo scrive:
    Linux è di sinistra Microsoft è di destra
    Ormai abbiamo capito... Linux è di sinistra e Microsoft è di destra!!! Possibile che anche sulla tecnologia ci si debba dividere in questo modo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
      - Scritto da: Nino
      Ormai abbiamo capito... Linux è di sinistra
      e Microsoft è di destra!!! Possibile che
      anche sulla tecnologia ci si debba dividere
      in questo modo?e tu da dove spuchi?sei newby?passa al reparto vaccinazioni prima.Alien.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
        Ecco... proprio la conferma di quello che ho appena scritto!!! Non ho nessuna intenzione di entrare in polemica con chi non lascia parlare!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
          - Scritto da: Nino
          Ecco... proprio la conferma di quello che ho
          appena scritto!!! Non ho nessuna intenzione
          di entrare in polemica con chi non lascia
          parlare!!!scienziati ed ingegneri hanno inventato già una generazione di bambole e robot...ma tu devi essere ancora vaccinato come newby.Alien.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
          - Scritto da: Nino
          Ecco... proprio la conferma di quello che ho
          appena scritto!!! Non ho nessuna intenzione
          di entrare in polemica con chi non lascia
          parlare!!!Forse prima di parlare su qualunque cos bisogna documentarsi ....E il primo a far polemica sei te furbo....
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
      - Scritto da: Nino
      Ormai abbiamo capito... Linux è di sinistra
      e Microsoft è di destra!!! Possibile che
      anche sulla tecnologia ci si debba dividere
      in questo modo?Io direi di no... ma....
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
      - Scritto da: Nino
      Ormai abbiamo capito... Linux è di sinistra
      e Microsoft è di destra!!! NON è vero!!!!Io tengo i CD di Linux sulla destra.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
        - Scritto da: SiN


        - Scritto da: Nino

        Ormai abbiamo capito... Linux è di
        sinistra

        e Microsoft è di destra!!!

        NON è vero!!!!

        Io tengo i CD di Linux sulla destra.Io invece tengo i CD di Windows e di M$Office sulla sinistra.. proprio lì dove il piedino della scrivania è un po' troppo corto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux è di sinistra Microsoft è di destra
      - Scritto da: Nino
      Ormai abbiamo capito... Linux è di sinistra
      e Microsoft è di destra!!! Possibile che
      anche sulla tecnologia ci si debba dividere
      in questo modo?Qualche fonte *credibile* che leghi Linuxalla politica (quindi escludendo i troll ed ipolitici stessi)?
  • Anonimo scrive:
    [OT] Evolution e rdf
    qualcuno sa se punto informatico offre il notiziario in rdf tipo da aggiungere a Ximian Evolution? e conosce altri notiziari?
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Evolution e rdf

      qualcuno sa se punto informatico offre il
      notiziario in rdf tipo da aggiungere a
      Ximian Evolution? e conosce altri notiziari?http://punto-informatico.it/fader/pixml.txte' rss 0.91a quando il porting alla versione 1.0? :)ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Evolution e rdf
        - Scritto da: maks


        qualcuno sa se punto informatico offre il

        notiziario in rdf tipo da aggiungere a

        Ximian Evolution? e conosce altri
        notiziari?

        http://punto-informatico.it/fader/pixml.txt
        e' rss 0.91
        a quando il porting alla versione 1.0? :)

        ciaoti consiglio anche quello di ziobudda portale di news informatica:http://www.ziobudda.net/headlines/head.rdf
  • Anonimo scrive:
    Quello che penso....
    ...è che gli amici crucchi se ne intendono assai di roba tecnica, per cui....ciaux
  • Anonimo scrive:
    alcune ipotesi:
    premessa:secondo me la soluzione giusta sarebbe:la PA (pubblica amministrazione) secondo quelli che sono i procedimenti fa sviluppare degli standard che poi dovranno essere rilasciati liberi (accessibili a tutti) per tutti i documenti che le competono: - Documenti di Testi (es. atti amministrativi, leggi)- Grafici (Piantine topografiche dei paesi, piante di lavori pubblici).- Archivi (anagrafici, altri tipi)- Tutti gli altri dati che possono essere gestiti.Una volta stabiliti questi parametri, quando ne ha bisogno indice un concorso per l'assegnazione del lotto di fornitura di programmi, questi programmi dovranno per forza di cose generare documenti compatibili con lo standard (libero) della PA, dato che sarà un punto del bando di concorso.Il fatto di essere open source puo' essere un punto in piu', ma potrebbe essere anche non open source, ma fornito con i sorgenti ad uso interno dell'amministrazione a cui è stato rivolto il programma.Se si dovesse passare al OS (open source) anche in Italia, cosa succederebbe di tutti quei programmmi che sono presenti solo in CS (Close source), tipo leggi d'italia (ho visto che nel mio comune per la consultazione usano quello), programmi di tipo CAD, gestione ospedali, gestione chissachecosa.Dato che siamo in italia e la legge è interpretata, alla richiesta di avere tutto OS (open source), allora potrebbe essere richiesto anche il bios con codice sorgente (a tutti gli effetti è anche lui un software) e non solo della scheda madre, ma anche di tutte le periferiche.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: alcune ipotesi:
      - Scritto da: pippo75
      premessa:

      secondo me la soluzione giusta sarebbe:

      la PA (pubblica amministrazione) secondo
      quelli che sono i procedimenti fa sviluppare
      degli standard che poi dovranno essere
      rilasciati liberi (accessibili a tutti) per
      tutti i documenti che le competono:
      - Documenti di Testi (es. atti
      amministrativi, leggi)
      - Grafici (Piantine topografiche dei paesi,
      piante di lavori pubblici).
      - Archivi (anagrafici, altri tipi)
      - Tutti gli altri dati che possono essere
      gestiti.Il tutto condito con l'effetto che ilfornitore di turno si inventerà il suo nuovofichissimo formato, che poi, per l'amor delcielo, renderà open con solerzia. Gia' miimmagino la persona che deve ricevere undocumento elettronico in questo formato stranoe si sente dire di arrangiarsi da solo, datoche il formato e' aperto.A questo punto meglio pdf, che lo leggono tutti.FrontOffice
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune ipotesi:

        Il tutto condito con l'effetto che il
        fornitore di turno si inventerà il suo nuovo
        fichissimo formato, che poi, per l'amor del
        cielo, renderà open con solerzia. Gia' mi
        immagino la persona che deve ricevere un
        documento elettronico in questo formato
        stranoNo, perche' sara la PA a decidere il formato e questo sarà precisato nel bando di concorso.Sarà poi la stessa PA a fare in modo che i documenti pubblici debbano essere a disposizione di tutti nel modo piu' facile (per la trasparenza degli enti pubblici)
        e si sente dire di arrangiarsi da solo, dato
        che il formato e' aperto.
        A questo punto meglio pdf, che lo leggono
        tutti.Pero' il PDF è un formato proprietario come lo è il .DOC di word, chi mi dice che tra qualche anno la Adobe non mi mette una royalty da pagare (analogamente come compuserve ha fatto per la compressione LZW) Parlando di programmi open (e non solo perchè viene rilasciato il sorgente) il PDF andrebbe bene solo se viene rilasciato in maniera definitià libero.La frase che segue potrebbe contenere errori, non ho fonti precise su tale argomento, ho letto qualcosa al tempo su MC (vecchi numero), ma potrebbe essere anche cambiato.Sempre per quanto riguarda il mondo OS (open software), negli archivi di stato, dove possono essere presenti sistemi del tipo AS400, si passa ad altri sistemi aperti o si preferisce la stabilità di prodotti closed come IBM, oracle, unix, i quali non mi sembrano che usino programmi "open".
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune ipotesi:

        Il tutto condito con l'effetto che il
        fornitore di turno si inventerà il suo nuovo
        fichissimo formato, che poi, per l'amor del
        cielo, renderà open con solerzia. Gia' mi
        immagino la persona che deve ricevere un
        documento elettronico in questo formato
        stranoNo, perche' sara la PA a decidere il formato e questo sarà precisato nel bando di concorso.Sarà poi la stessa PA a fare in modo che i documenti pubblici debbano essere a disposizione di tutti nel modo piu' facile (per la trasparenza degli enti pubblici)
        e si sente dire di arrangiarsi da solo, dato
        che il formato e' aperto.
        A questo punto meglio pdf, che lo leggono
        tutti.Pero' il PDF è un formato proprietario come lo è il .DOC di word, chi mi dice che tra qualche anno la Adobe non mi mette una royalty da pagare (analogamente come compuserve ha fatto per la compressione LZW) Parlando di programmi open (e non solo perchè viene rilasciato il sorgente) il PDF andrebbe bene solo se viene rilasciato in maniera definitià libero.La frase che segue potrebbe contenere errori, non ho fonti precise su tale argomento, ho letto qualcosa al tempo su MC (vecchi numero), ma potrebbe essere anche cambiato.Sempre per quanto riguarda il mondo OS (open software), negli archivi di stato, dove possono essere presenti sistemi del tipo AS400, si passa ad altri sistemi aperti o si preferisce la stabilità di prodotti closed come IBM, oracle, unix, i quali non mi sembrano che usino programmi "open".
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune ipotesi:

        Il tutto condito con l'effetto che il
        fornitore di turno si inventerà il suo nuovo
        fichissimo formato, che poi, per l'amor del
        cielo, renderà open con solerzia. Gia' mi
        immagino la persona che deve ricevere un
        documento elettronico in questo formato
        stranoNo, perche' sara la PA a decidere il formato e questo sarà precisato nel bando di concorso.Sarà poi la stessa PA a fare in modo che i documenti pubblici debbano essere a disposizione di tutti nel modo piu' facile (per la trasparenza degli enti pubblici)
        e si sente dire di arrangiarsi da solo, dato
        che il formato e' aperto.
        A questo punto meglio pdf, che lo leggono
        tutti.Pero' il PDF è un formato proprietario come lo è il .DOC di word, chi mi dice che tra qualche anno la Adobe non mi mette una royalty da pagare (analogamente come compuserve ha fatto per la compressione LZW) Parlando di programmi open (e non solo perchè viene rilasciato il sorgente) il PDF andrebbe bene solo se viene rilasciato in maniera definitià libero.La frase che segue potrebbe contenere errori, non ho fonti precise su tale argomento, ho letto qualcosa al tempo su MC (vecchi numero), ma potrebbe essere anche cambiato.Sempre per quanto riguarda il mondo OS (open software), negli archivi di stato, dove possono essere presenti sistemi del tipo AS400, si passa ad altri sistemi aperti o si preferisce la stabilità di prodotti closed come IBM, oracle, unix, i quali non mi sembrano che usino programmi "open".
  • Anonimo scrive:
    OTTIMO, MA...
    Si rischia l'effetto opposto:Gli enti pubblici, tecnicamente parlando, pululano di gente incompetente e non so quanto giovi linux a tali personaggi.Si rischia di avere un pool di bauscia sputanelpiattodovemangi voltabandiera che applicheranno la loro pietosa saccenza microsoftiana-incravattata a linux con gli stessi effetti devastanti!!
  • Anonimo scrive:
    Re: New: Piano pro-open source del governo di Taiw
    - Scritto da: zap
    Il mondo si sta svegliando dal torpore
    medievale.dehehee sei un poeta propio come me che uso la consolle
  • Anonimo scrive:
    Anche Taiwan
    Copio e incollo da Salashdot.com:"Taiwan will start a national plan to jump-start the development and use of Free (libre) Software, according to this report by the Central News Agency, the government news agency of Taiwan, Rep. of China. Due to high Microsoft license fees and also to improve the levels of software technology in Taiwan, this plan includes the creation of a totally Chinese free software environment for Taiwan users, free software application development, and training of 120,000 people for free software skills, as well as efforts at schools to provide diverse information technology environments to ensure the freedom of information. The original article is in Chinese; an English summary appears in this Kuro5hin article."
  • Anonimo scrive:
    Germany misunderstood (Score:5, Funny)
    Once again, something got lost in the translation. "Free as in beer" got translated to "free beer", and the Germans couldn't sign the contract fast enough. Questo e' stato uno dei commenti alla notizia piu' divertenti apparsi su slashdot.org :-)
  • Anonimo scrive:
    Riflessione...
    Credo che questa cosa capiterà anche in italia, anche perchè voi sapete per quanti anni ha lavorato il Sig. Stanca, attualmente ministro del governo? per un azienda che comincia per I e finisce con M...
    • Anonimo scrive:
      Re: Riflessione...
      Se inizia, come sta accadendo a livello europeo, anzi mondiale; l'Italia farà ovviamente la stessa cosa.Sarebbe cmq meglio che non seguisse l'esempio degli altri al traino come abbiamo fatto fino a ieri anche con win (come ai tempi del DOS); ma che si attivasse in prima persona.Per ora il min. Stanca sembra più interessato al cablaggio dell'Italia, che sicuramente serve con la rete retrograda che ci troviamo.
  • Anonimo scrive:
    fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
    non se ved (licenza poetica per la rima).Continuo su PI a leggere (oserei dire da anni) tali notizie, ed ancora i vari polli (alien uno tra tutti che ci ha fatto anche l'epopea in farsa rimesca) ci cascano con tuttè le scarpe.A ragasuoli ma non l'avete ancora capito l'IBM ti propone il serverone con linuxscoppio, poi dopo averti fatto firma er contrato, te dice ma o sai che ilnostro DB2 gira sotto linuxor ma e meglio che usamo unix e più testato ecc.....cosi l'amministazione se libera del dragasaccocce(da libera citazione alien) MS e precipita nel baratro dell'IBM (er classico dalla padella alla fornace incandescente) dove per mettere due banchetti de ram in più devi mettere l'upgrade a budget(so migliaia de euro che vanno), ecc...e cio tutto alla faccia di linuxor.(nun so fesserie e la proposta fatta alla nostra società e onestamente noi abbiamo preferito rimanere cor draga)
    • Anonimo scrive:
      Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
      - Scritto da: meglioerdragatorepiccolo
      non se ved (licenza poetica per la rima).

      Continuo su PI a leggere (oserei dire da
      anni) tali notizie, ed ancora i vari polli
      (alien uno tra tutti che ci ha fatto anche
      l'epopea in farsa rimesca) ci cascano con
      tuttè le scarpe.

      A ragasuoli ma non l'avete ancora capito
      l'IBM ti propone il serverone con
      linuxscoppio, poi dopo averti fatto firma er
      contrato, te dice ma o sai che ilnostro DB2
      gira sotto linuxor ma e meglio che usamo
      unix e più testato ecc.....

      cosi l'amministazione se libera del
      dragasaccocce
      (da libera citazione alien) MS e precipita
      nel baratro dell'IBM (er classico dalla
      padella alla fornace incandescente) dove per
      mettere due banchetti de ram in più devi
      mettere l'upgrade a budget(so migliaia de
      euro che vanno), ecc...

      e cio tutto alla faccia di linuxor.

      (nun so fesserie e la proposta fatta alla
      nostra società e onestamente noi abbiamo
      preferito rimanere cor draga) ok
    • Anonimo scrive:
      Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
      Veramente l'IBM ha venduto nei primi 5 mesi della campagna pro-Linux 10.000 server equipaggiati con Linux.Che tentino di venderti il loro UNIX anche è normale; AIX (che uso amministro tra l'altro) gira solo su RISC IBM, cioè arch. IBM, quindi quando ti leghi a RISC sei legato a IBM perchè IBM alla fine vende hw non interessa il sw che vede come un mezzo.E' vero che Linux gira anche su RISC IBM, ma è altrettanto vero che gira pure su altre piattaforme, quindi se qualcuno sviluppa un sistema su Linux per RISC IBM, è in grado di portarlo alla bisogna anche su Sparc, Intel (se serve in cluster), etc.Provate ad allungare il contratto con IBM, sicuramente non ti farebbero simili proposte.Qui cmq, credo che in max il gov. tedesco consideri workstation e server per ufficio e quindi in max piattaforme Intel.Cmq nessun sostenitore dell'open source sostiene che IBM, HP, Compaq, Intel, etc., sostengono Linux perchè sono società di filantropia o in vena di beneficenza. Per le aziende Linux è un business, meglio di win che le libera dall'imposizioni di mr. Bill Gates, vista la plasticita e la globalità del kernel di Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
        - Scritto da: BSD_like
        perchè IBM alla fine vende hw
        non interessa il sw che vede come un mezzo.Chissà perchè se IBM regala l'OS (che non è il suo fine commerciale) è santo e giusto, se MS regala il browser (che non è il suo fine commerciale) e figlia del demonio.
        • Anonimo scrive:
          Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
          Un attimo; M$ opera nel campo esclusivamente sw, e è in concorrenza su quel campo con altre aziende; IBM no!Per tenere il paragone, dovrebbe IBM regalare che sò, una CPU RISC integrativa (magari per aumentare la pot. di calcolo matematico).
          • Anonimo scrive:
            Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
            Allora spiegami cosa ci fa il marchio MS sul mouse ottico che ho in mano? E spiegami perchè ogni volta che si è parlato di accordi MS-Intel si è sempre gridato allo scandalo.- Scritto da: BSD_like
            Un attimo; M$ opera nel campo esclusivamente
            sw, e è in concorrenza su quel campo con
            altre aziende; IBM no!
            Per tenere il paragone, dovrebbe IBM
            regalare che sò, una CPU RISC integrativa
            (magari per aumentare la pot. di calcolo
            matematico).
        • Anonimo scrive:
          Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
          - Scritto da: Lol


          - Scritto da: BSD_like

          perchè IBM alla fine vende hw

          non interessa il sw che vede come un
          mezzo.

          Chissà perchè se IBM regala l'OS (che non è
          il suo fine commerciale) è santo e giusto,
          se MS regala il browser (che non è il suo
          fine commerciale) e figlia del demonio.perchè microsoft è stata GIA' condannata per abuso di posizione dominante (per pratiche scorrette contro i concorrenti), mentre ibm no.non c'è bisogno di demonizzare microsoft: ci riesce da sé
          • Anonimo scrive:
            Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
            Mi stai dicendo "mi tappo il naso finchè la cosa non salta fuori"?
          • Anonimo scrive:
            Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
            - Scritto da: Lol


            Mi stai dicendo "mi tappo il naso finchè la
            cosa non salta fuori"?no. penalizzo chi ha già commesso reati contro il mercato e sto in guardia per fare altrettanto se qualcuno farà lo stesso.Ma non rinuncio certo a dividere le responsabilità REALE e ACCERTATE di microsoft da quelle ipotetiche e non verificate di ibm o chissà chi altro
          • Anonimo scrive:
            Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo svilu
            - Scritto da: Lol


            Mi stai dicendo "mi tappo il naso finchè la
            cosa non salta fuori"?Mah, non so. Forse ti sta dicendo cheMS ha il monopolio dei sistemi desktop elo sta usando per prendere per le pa**eclienti e concorrenti. Non mi risulta cheIBM stia facendo cio', tanto meno che lopossa fare regalando Linux, visto che anchei concorrenti possono farlo.Inoltre un cliente IBM che si rompe le scatolepuo' anche decidere in futuro di usare un altraversione di Linux o comunque di affrancarsida IBM.Questione di liberta' di scelta.Poi i soldi ci sono di mezzo, come al solito.Mettetevi nella zucca dura che avete sullespalle che Linux non vuol dire "no money".Vuol dire liberta' ed autonomia gestionale.(e risparmio anche, in tanti casi).Credo che ci sia un po' di confusione suquesto, visto che la stessa MS prima diceche Linux non potra' in alcun modo consentirelo sviluppo del software, che distruggera' gli investimenti e posti di lavoro ...poi dice che Linux costa molto di piu'delle piattaforme MS ...beh, *almeno* una di queste affermazioni e falsa,no (anche se a mio avviso lo sono entrambe)?Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
          - Scritto da: Lol
          Chissà perchè se IBM regala l'OS (che non è
          il suo fine commerciale) è santo e giusto,
          se MS regala il browser (che non è il suo
          fine commerciale) e figlia del demonio.Certo che tu fai paragoni del C.!
          • Anonimo scrive:
            Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo svilu


            Chissà perchè se IBM regala l'OS (che non
            è

            il suo fine commerciale) è santo e giusto,

            se MS regala il browser (che non è il suo

            fine commerciale) e figlia del demonio.

            Certo che tu fai paragoni del C.!vorrei sapere perche' lo consideri un paragone delc.Mi sembra piuttosto azzeccato invece.Sono curioso di sapere la tua opinione.grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
      - Scritto da: meglioerdragatorepiccolo
      cosi l'amministazione se libera del
      dragasaccoccecosa auspicabile, visto l'aumento dei costi delle licenze che il monopolio microsoft sta perpetrando ai danni della COLLETTIVITA'
      (nun so fesserie e la proposta fatta alla
      nostra società e onestamente noi abbiamoAmmesso che sia vero, cosa di cui posso anche dubitare, si vede che vi siete rivolti solo a UN soggetto, invece che beneficiare della maggior concorrenza nel mondo LINUX e open source.Le cose allora sono due: o il vostro ufficio acquisti ha soltanto il numero di telefono dei fornitori IBM, oppure siete tanto abituati ad avere addosso la scimmia microsoft che vi si è anchilosata la capacità di vagliare la CONCORRENZA (che nel mondo LINUX c'E')
    • Anonimo scrive:
      Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo svilu
      ma dove la trovono i winsozzari il tempo di scrivere 'ste bojate? Tra un reboot e l'altro?Happy reboot!
    • Anonimo scrive:
      Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo svilu
      Il mondo continua anche dopo il raccordo anulare ignorante
    • Anonimo scrive:
      Re: fumo fumo negli occhi tu vuoi aver ma lo sviluppo
      - Scritto da: meglioerdragatorepiccolo
      A ragasuoli ma non l'avete ancora capito
      l'IBM ti propone il serverone con
      linuxscoppio, poi dopo averti fatto firma er
      contrato, te dice ma o sai che ilnostro DB2
      gira sotto linuxor ma e meglio che usamo
      unix e più testato ecc.....rotfl! e se poi ci prendono gusto con linuxor? :))ciao saluttami lo dragga e tanta fortuna!
  • Anonimo scrive:
    IBM & Linux
    Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è, una barzelletta? E' facile indovinare che sarà tutto xSeries + Red Hat.
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM & Linux
      - Scritto da: Opino
      Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,
      una barzelletta? E' facile indovinare che
      sarà tutto xSeries + Red Hat.Vero. Libertà e tutte le altre balle vanno bene, finchè compri i miei prodotti. Ma qui c'è gente che non capisce che tutte le aziende puntano solo ed unicamente al fatturato, non alla filantropia.
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux
        E allora? E' normale che un'azienda lo faccia!Quel che conta è il sistema informatico alla base che impedisce il formarsi di cancri simil-M$.Sistema informatico che sottolineiamo è nato in un sistema economico capitalista (il più capitalista del mondo), non è antitetico al capitalismo, non spinge a nessun comunismo (peraltro ormai morto, anzi nella realtà mai nato al 100%), si integra perfettamente con le economie (economie, cioè più d'una, non solo quella imposta da un'azienda) esistenti dei vari paesi; permettendo una forma d'economia mista open e closed source.
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
        - Scritto da: ...


        - Scritto da: Opino

        Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,

        una barzelletta? E' facile indovinare che

        sarà tutto xSeries + Red Hat.

        Vero. Libertà e tutte le altre balle vanno
        bene, finchè compri i miei prodotti. figuriamoci quando ci obbligano a comprare i prodotti del monopolio microsoftt SENZA godere di alcuna libertà (leggiti l'EULA e le altre "licenze" del monopolio microsoft)
        Ma qui
        c'è gente che non capisce che tutte le
        aziende puntano solo ed unicamente al
        fatturato, non alla filantropia.Falso. La gente lo capisce benissimo. Invece c'è gente che pretende di avere il monopolio del pensiero, e disegna un mondo che rende gloria solo alla LORO immagine. Di questi disegni distorti, il mondo ne farà un bel falò.Per rispondere: quando gli interessi delle aziende incontrano le esigenze della collettività (libertà del codice, apertura degli standard), allora il connubio è lecito, giusto, addirittura auspicabile e ricercabile, perché fa incontrare DOMANDA con l'OFFERTA (caratteristiche di un libero mercato).Quando, invece, una azienda detentrice (anche illecitamente) del monopolio di un mercato pretende di essere l'unico soggetto ad operare, è alquanto ridicolo che la si difenda con il solito detto: "tanto sono tutti uguali, tutti rubano alla stessa maniera". Infatti i vantaggi del codice aperto sono stati riconosciuti a denti stretti anche da microsoft (solo che non riesce a cavarne $$$). Microsoft, per contro, non è disposta a OFFFRIRE ciò che SERVE: l'apertura del codice e degli standard affinché un'amministrazione pubblica non rimanga sotto il controllo di UN solo soggetto.I vantaggi dell'apertura del codice, quindi, sono evidenti a tutti. Un'azienda che fa fatturato con l'open source è benvenuta, fintantochè viene incontro alle esigenze di LIBERTA' caratteristiche dell'open source.L'unica cosa che il monopolio microsoft sta facendo per contrastare la crescita di esigenza della libertà del codice (necessità anche legata al mondo dell sicurezza, come dimostra l'uso massiccio di open source nel ministero della Difesa USA), è quella di SMINUIRE tale bisogno e non di fornire RISPOSTE concrete al mercato. Se questa è la strategia dell'azienda che pretende d'essere leader nell'ICT, è facile capire che è essa stessa che si sta mettendo fuori mercato, nonostante le condizioni favorevoli di monopolio di cui gode.Le condizioni sono chiare: se si vuole operare con l'amministrazione pubblica si DEVE adempiere alle necessità di apertura del codice a garanzia della trasparenza e della sicurezza NAZIONALE.Se microsoft non vuole cedere su questo punto, allora i suoi piagnistei sono solo i tipici mugugni del manager frustrato amplificati dai mezzi mediatici di un'azienda monopolista
        • Anonimo scrive:
          Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
          - Scritto da: zap
          figuriamoci quando ci obbligano a comprare i
          prodotti del monopolio microsoftt SENZA
          godere di alcuna libertà (leggiti l'EULA e
          le altre "licenze" del monopolio microsoft)Pensa invece che la GPL mi permette di fare causa (e vincerla) alla Suse tutte le volte che mi crasha il pc (e capita spesso).
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol


            - Scritto da: zap


            figuriamoci quando ci obbligano a
            comprare i

            prodotti del monopolio microsoftt SENZA

            godere di alcuna libertà (leggiti l'EULA e

            le altre "licenze" del monopolio
            microsoft)

            Pensa invece che la GPL mi permette di fare
            causa (e vincerla) alla Suse tutte le volte
            che mi crasha il pc (e capita spesso).ammesso che sia vero (e a me la SUSE non è mai crashata), almeno non sei obbligato a comprare un sistema SUSE ogni volta che compri un PC. Te lo raccomando il monopolio, ma solo a casa tua.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            Stavi parlando di diritti dati dalla licenza, non del suo costo al cambio di PC.- Scritto da: zap


            - Scritto da: Lol





            - Scritto da: zap




            figuriamoci quando ci obbligano a

            comprare i


            prodotti del monopolio microsoftt SENZA


            godere di alcuna libertà (leggiti
            l'EULA e


            le altre "licenze" del monopolio

            microsoft)



            Pensa invece che la GPL mi permette di
            fare

            causa (e vincerla) alla Suse tutte le
            volte

            che mi crasha il pc (e capita spesso).

            ammesso che sia vero (e a me la SUSE non è
            mai crashata), almeno non sei obbligato a
            comprare un sistema SUSE ogni volta che
            compri un PC.
            Te lo raccomando il monopolio, ma solo a
            casa tua.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol

            Stavi parlando di diritti dati dalla
            licenza, che ci sono: LINUX è MIO una volta che l'ho comprato o scaricato, e lo posso installare tutte le volte che voglio su tutti i PC che voglio.Microsoft ti vieta di fare altrettanto coi suoi prodotti.
            non del suo costo al cambio di PC.
            tu hai dissezionato il mio intervento (incentrato sui vantaggi di un SO open osurce), e io l'ho riportato al dialogo originale.Se a te interessa solo un singolo aspetto a me interessa l'overall, il complessivo a cui non rinuncerò.
            - Scritto da: zap





            - Scritto da: Lol








            - Scritto da: zap






            figuriamoci quando ci obbligano a


            comprare i



            prodotti del monopolio microsoftt
            SENZA



            godere di alcuna libertà (leggiti

            l'EULA e



            le altre "licenze" del monopolio


            microsoft)





            Pensa invece che la GPL mi permette di

            fare


            causa (e vincerla) alla Suse tutte le

            volte


            che mi crasha il pc (e capita spesso).



            ammesso che sia vero (e a me la SUSE non è

            mai crashata), almeno non sei obbligato a

            comprare un sistema SUSE ogni volta che

            compri un PC.

            Te lo raccomando il monopolio, ma solo a

            casa tua.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            Posso risponderti, per esperienza personale, che in azienda non interessa se un bene è mio o di qualcun altro (vedi le automobili in leasing). Mi interessa solo USARLO ed avere qualcuno (non me stesso) sul quale rivalermi se qualcosa non funzia. Per questo abbiamo una società esterna che fa assistenza (sia per le macchine che sono comunque nostre, sia per i pc), non certo "E' tuo, arrangiati".- Scritto da: zap


            - Scritto da: Lol



            Stavi parlando di diritti dati dalla

            licenza,

            che ci sono: LINUX è MIO una volta che l'ho
            comprato o scaricato, e lo posso installare
            tutte le volte che voglio su tutti i PC che
            voglio.
            Microsoft ti vieta di fare altrettanto coi
            suoi prodotti.


            non del suo costo al cambio di PC.



            tu hai dissezionato il mio intervento
            (incentrato sui vantaggi di un SO open
            osurce), e io l'ho riportato al dialogo
            originale.

            Se a te interessa solo un singolo aspetto a
            me interessa l'overall, il complessivo a cui
            non rinuncerò.



            - Scritto da: zap








            - Scritto da: Lol











            - Scritto da: zap








            figuriamoci quando ci obbligano a



            comprare i




            prodotti del monopolio microsoftt

            SENZA




            godere di alcuna libertà (leggiti


            l'EULA e




            le altre "licenze" del monopolio



            microsoft)







            Pensa invece che la GPL mi permette
            di


            fare



            causa (e vincerla) alla Suse tutte
            le


            volte



            che mi crasha il pc (e capita
            spesso).





            ammesso che sia vero (e a me la SUSE
            non è


            mai crashata), almeno non sei
            obbligato a


            comprare un sistema SUSE ogni volta che


            compri un PC.


            Te lo raccomando il monopolio, ma solo
            a


            casa tua.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol
            Posso risponderti, per esperienza personale,
            che in azienda non interessa se un bene è
            mio o di qualcun altro (vedi le automobili
            in leasing).Hai preso ad esempio le automobili, che al contrario del software, essendo meri strumenti, influiscono meno sulla struttura dell'azienda, identificabile in parte anche con la struttura software.
            Mi interessa solo USARLO ed
            avere qualcuno (non me stesso) sul quale
            rivalermi se qualcosa non funzia.O uomo di limitata visione, ti sei mai chiesto quanto il software rappresenti una parte integrante della struttura di una organizzazione, azienda o ente pubblico che sia? E quindi, la struttura software di uno stato e' meglio che sia controllata interamente da un soggetto esterno? Con una licenza chiusa come posso, ad un certo punto, slegare lo stato dal proprietario di quel software?
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            - Scritto da: Lol


            Posso risponderti, per esperienza
            personale,

            che in azienda non interessa se un bene è

            mio o di qualcun altro (vedi le automobili

            in leasing).

            Hai preso ad esempio le automobili, che al
            contrario del software, essendo meri
            strumenti, influiscono meno sulla struttura
            dell'azienda, identificabile in parte anche
            con la struttura software.Scusa ma non ti seguo. Scopo dell'automobile: portare la persona in giro. Scopo del pc (uno dei tanti): scrivere la lettera. Tu scrivi la lettera per poi adorarla o lei (ed il pc su cui l'hai scritta) non sono che strumenti?


            Mi interessa solo USARLO ed

            avere qualcuno (non me stesso) sul quale

            rivalermi se qualcosa non funzia.

            O uomo di limitata visione, ti sei mai
            chiesto quanto il software rappresenti una
            parte integrante della struttura di una
            organizzazione, azienda o ente pubblico che
            sia? E quindi, la struttura software di uno
            stato e' meglio che sia controllata
            interamente da un soggetto esterno? Con una
            licenza chiusa come posso, ad un certo
            punto, slegare lo stato dal proprietario di
            quel software?Con tutte le clausole di garanzia. Ma se non hai mai visto un contratto, mi spiace ma la "limitata visione" è solo tua.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol
            Scusa ma non ti seguo. Scopo
            dell'automobile: portare la persona in giro.
            Scopo del pc (uno dei tanti): scrivere la
            lettera. Tu scrivi la lettera per poi
            adorarla o lei (ed il pc su cui l'hai
            scritta) non sono che strumenti?Se pensi che usare il computer sia come avere a che fare con una macchina da scrivere, solo un po' piu' evoluta. Insomma, si parla di "Societa' dell'Informazione", e mi pare che veramente pochi si rendano conto di cosa voglia dire.Una macchina e' uno strumento meno vincolante del computer: la cambi, se ti va, senza troppi problemi. Non e' la stessa cosa per il software.
            Con tutte le clausole di garanzia.Cioe'... faccio un esempio... con le clausole di garanzia ho la possibilita' di farmi dare i sorgenti di... Excel... in modo da poter capire come e' fatto il formato XSL e potermi sviluppare un software che lo sostituisca e che sia in grado di leggere perfettamente i documenti in formato XSL?
            Ma se non hai mai visto un contratto, mi spiace ma la
            "limitata visione" è solo tua.Se un contratto stabilisce che il software deve essere fornito a certe condizioni, come quelle che ho elencato sopra, a me sta bene, visto che di fatti si tratterebbe di software equivalente in tutto e per tutto all'Open Source. Cioe', mi vendi i sorgenti e ci posso fare quello che voglio, allora ci sto. Mi pare ragionevole. Ma non credo che MS preveda questo con i suoi clienti. Al massimo di dice: "ti assicuro, a queste condizioni, che il servizio viene garantito come vuoi tu". Poi magari non lo fa, per qualsiasi ragione, ed io non posso sostituirla per il semplice fatto che sostituire il software da un giorno all'altro non e' cosi' semplice... al contrario delle automobili.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR

            Con tutte le clausole di garanzia.

            Cioe'... faccio un esempio... con le
            clausole di garanzia ho la possibilita' di
            farmi dare i sorgenti di... Excel... in modo
            da poter capire come e' fatto il formato XSL
            e potermi sviluppare un software che lo
            sostituisca e che sia in grado di leggere
            perfettamente i documenti in formato XSL?Esempio di "clausola di garanzia", come le avete chiamate. Forniamo servizi ASP (il server ce l'abbiamo in casa noi, i clienti hanno solo i terminali).1) Se noi chiudiamo il contratto siamo tenuti a fornire una tantum, a nostre spese, una copia funzionante (programmi+dati aggiornati del cliente, no HW) del sistema alla controparte.2) Se richiesto dobbiamo fornite tutti i dati archiviati dal nostro sistema in un formato concordato all'atto di firma del contratto (solitamente un database access o un file XML a strutture definite).3) Garantiamo la non perdita dei loro dati per un periodo di 10 anni, con la possibilità (su richiesta della controparte) di ripristinare lo stato del sistema ad una certa data.4) Altre...Questo non significa assolutamente che il cliente abbia il diritto, da contratto, di sapere come funziona il nostro sistema ne tantomeno richiederne i sorgenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            er.. non e' per essere diffidenti ... ma i vostri clienti si devono fidare molto per affidarvi i loro dati (che magari sono anche segretissimi e non dovrebbero essere visti da alcuno ) p.s: non sto facendo assolutamente allusioni sullavostra onesta' .. parlo in linea generica
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            Il bilancio costi/rischi è vantaggioso. Comunque abbiamo clausole anche sulla riservatezza volontaria (non andiamo a spifferare ai tuoi concorrenti i fatti tuoi) e indotta (tecniche di sicurezza).- Scritto da: illegalinstruction
            er.. non e' per essere diffidenti ...
            ma i vostri clienti si devono fidare molto
            per affidarvi i loro dati
            (che magari sono anche segretissimi e non
            dovrebbero essere visti da alcuno )

            p.s: non sto facendo assolutamente allusioni
            sulla
            vostra onesta' .. parlo in linea generica
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            E' una scelta tua e dei tuoi clienti dettata da una quantità di "variabili" imbarazzante...Io così non lavorerei, ma *IO* così non lavorerei e anche la mia scelta è dovuta a determinate scelte che io e la mia azienda (mia in senso lato :DD) abbiamo fatto.Per quello che mi riguarda (e da quel che ho capito facciamo lavori piuttosto differenti) il cliente che mi paga non gode solo del servizio che il mio lavoro gli garantisce, ma anche del frutto stesso del mio lavoro.Ok, non si è capito una mazza... spero tu sia piu lucido di me :DDDD
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            No, hai centrato il punto. Non e' una soluzione che va bene per ogni scenario. Ad esempio e' perfetta per una azienda con N sedi e con una variabilita' molto alta del tipo di attore.- Scritto da: gsam
            E' una scelta tua e dei tuoi clienti dettata
            da una quantità di "variabili"
            imbarazzante...
            Io così non lavorerei, ma *IO* così non
            lavorerei e anche la mia scelta è dovuta a
            determinate scelte che io e la mia azienda
            (mia in senso lato :DD) abbiamo fatto.
            Per quello che mi riguarda (e da quel che ho
            capito facciamo lavori piuttosto differenti)
            il cliente che mi paga non gode solo del
            servizio che il mio lavoro gli garantisce,
            ma anche del frutto stesso del mio lavoro.
            Ok, non si è capito una mazza... spero tu
            sia piu lucido di me :DDDD
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Luca
            No, hai centrato il punto. Non e' una
            soluzione che va bene per ogni scenario. Ad
            esempio e' perfetta per una azienda con N
            sedi e con una variabilita' molto alta del
            tipo di attore.Vorrei fare una domanda a proposito degli ASP (problematica differente dal confronto tra software libero e quello chiuso): se voi domani chiudete, che gli rimane al cliente, a parte un binario chiuso e di cui si deve sobbarcare la manutenzione senza possibilita' di ulteriori sviluppi?
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            - Scritto da: Luca


            No, hai centrato il punto. Non e' una

            soluzione che va bene per ogni scenario.
            Ad

            esempio e' perfetta per una azienda con N

            sedi e con una variabilita' molto alta del

            tipo di attore.

            Vorrei fare una domanda a proposito degli
            ASP (problematica differente dal confronto
            tra software libero e quello chiuso): se voi
            domani chiudete, che gli rimane al cliente,
            a parte un binario chiuso e di cui si deve
            sobbarcare la manutenzione senza
            possibilita' di ulteriori sviluppi?Nel nostro caso gli rimane un sistema funzionante, che qualunque figura sappia gestire la tecnologia su cui si basa sa mantenere in vita. Per quanto riguarda lo sviluppo di prodotto altrui e' cosa praticamente inesistente nel mondo reale. Daltrone per aggiornare il sistema di cui sopra (non esiste nulla del genere open o free) alle nuove normative ed a tutto il resto ci sono 4 persone full time. Chi le pagherebbe?La cosa, specialmente nella PA, funziona dando un tempo di vita utile al sistema, durante il quale si blinda l'assistenza. Dopo si ricontratta o si passa in toto ad un altro sistema.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Luca
            Nel nostro caso gli rimane un sistema
            funzionante, che qualunque figura sappia
            gestire la tecnologia su cui si basa sa
            mantenere in vita.In pratica, in caso di problemi particolari (ad esempio, un bug nel software), non avrebbe gli strumenti adatti per intervenire, se non chiedendo alla societa' che aveva sviluppato il sistema. Insomma, ritorniamo sul discorso di quanto il software proprietario leghi un cliente allo sviluppatore.
            Per quanto riguarda lo
            sviluppo di prodotto altrui e' cosa
            praticamente inesistente nel mondo reale.Allora io mi sono sognato un sacco di cose. La mia esperienza e' di una azienda che per fare certe cose, fondamentali per il suo business, si affidava a software pacchettizzato. L'azienda che lo sviluppava, oltre a farsi pagare pesantemente per le licenze, non era molto propensa a customizzare il software. Insomma, avevano un prodotto insufficiente e costoso. Ad un certo punto si sono accorti dell'esistenza di un software, sviluppato dai militari americani e distribuito in GPL, e che poteva essere adattato alle loro esigenze. Certo, questa operazione avrebbe richiesto un piano di sviluppo a lungo termine, ma li avrebbe forniti di uno strumento che sarebbe diventato di fatto un "capitale software" da poter accrescere col tempo. Lo sviluppo e' stato affidato ad una societa' di consulenza e viene portato costantemente avanti per soddisfare tutte le nuove richieste (di volta in volta vengono assegnate le commesse). Insomma, c'e' qualcuno (la societa' di consulenza del momento) che sta lavorando su un software fatto da altri (militari americani e varie universita' e centri di ricerca), sotto la supervisione di un responsabile dell'azienda stessa.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            Puo' benissimo succedere cosi', non lo nego. Al momento pero' non esiste nulla di free/open che soddisfi le necessita' dei nostri clienti. Se esistesse prenderemmo in considerazione di usarlo come base di sviluppo (certo ci faremmo pagare giornate passate a capire e poi modificare il prodotto)Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            No, lavoro per una research.Lasciando stare me, devi però ammettere che i tuoi clienti 1) pensano soprattutto al servizio che fornite ma non a *come* lo fornite... voglio dire potresti essere uno che scrive ASP con i piedi e io cliente DEVO fidarmi e UN singolo patatrack è più che sufficiente... (non mi riferisco a te, ci mancherebbe, parlo a livello ipotesi...) 2) Garantisci giustamente per tot tempo i tuoi servizi ma Microsoft (in questo caso, ma è sostituibile con altre multinazionali...) garantisce a te i suoi? Io credo di no...Ripeto, io non lavorerei così, e non parlo di ideologia :)
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: gsam
            No, lavoro per una research.

            Lasciando stare me, devi però ammettere che
            i tuoi clienti
            1) pensano soprattutto al servizio che
            fornite ma non a *come* lo fornite... voglio
            dire potresti essere uno che scrive ASP con
            i piedi e io cliente DEVO fidarmi e UN
            singolo patatrack è più che sufficiente...
            (non mi riferisco a te, ci mancherebbe,
            parlo a livello ipotesi...) Aspetta! Quando dico "ASP" non intendo "Active server pages" di Microsoft, che non centra nulla, ma "Application Service Provider". La situazione rischio e' la stessa. Una procedura mal scritta ti puo' azzerare (non succede per via dei diritti, per rincuorarti) una tabella sia se eseguita avendo il server in casa, sia da noi.
            2) Garantisci giustamente per tot tempo i
            tuoi servizi ma Microsoft (in questo caso,
            ma è sostituibile con altre
            multinazionali...) garantisce a te i suoi?
            Io credo di no...Non posso parlare in voce altrui. Ma ad esempio Windows e' dato con licenza senza scadenze, e cosi' tutti i pacchetti, Microsoft o meno, che mi vengono in mente.
            Ripeto, io non lavorerei così, e non parlo
            di ideologia :)Immaginala cosi': mi tengo il server web in casa o affitto un po' di spazio da un hoster web? Quanto mi costano le due soluzioni? Qual'e' il mio business, fare hosting web o altro? Come in azienda si sta esternalizzando un po' tutto (dalle pulizie al cambio del toner nella fotocopiatrice) si cominciano ad esternalizzare anche altri compiti. Ripeto, non e' cosa che vada bene per tutti, ma in alcuni casi il bilancio rischi/costi/benefici e' piu' che ottimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Luca
            1) Se noi chiudiamo il contratto siamo
            tenuti a fornire una tantum, a nostre spese,
            una copia funzionante (programmi+dati
            aggiornati del cliente, no HW) del sistema
            alla controparte.Che dovra' installarselo, configurarselo e farlo funzionare, senza poter fare alcun intervento di manutenzione, se non rifarsi il software, questa volta facendosi dare i sorgenti. Gia' visto questo film.
            2) Se richiesto dobbiamo fornite tutti i
            dati archiviati dal nostro sistema...E il minimo. Comunque, se si parla di pubblica amministrazione, e' chiaro che i dati sensibili che gestisce non possono essere dati in giro cosi' facilmente.Comunque, il discorso degli ASP c'entra poco con l'adozione del software libero nella P.A.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            - Scritto da: Luca


            1) Se noi chiudiamo il contratto siamo

            tenuti a fornire una tantum, a nostre
            spese,

            una copia funzionante (programmi+dati

            aggiornati del cliente, no HW) del sistema

            alla controparte.

            Che dovra' installarselo, configurarselo e
            farlo funzionare, senza poter fare alcun
            intervento di manutenzione, se non rifarsi
            il software, questa volta facendosi dare i
            sorgenti. Gia' visto questo film.No, installazione e configurazione sono a nostro carico. Per i terminalisti la cosa e' trasparente.


            2) Se richiesto dobbiamo fornite tutti i

            dati archiviati dal nostro sistema...

            E il minimo. Comunque, se si parla di
            pubblica amministrazione, e' chiaro che i
            dati sensibili che gestisce non possono
            essere dati in giro cosi' facilmente.
            Comunque, il discorso degli ASP c'entra poco
            con l'adozione del software libero nella
            P.A.Ti posso dire che abbiamo in assistenza, non in asp ma in modalita' "tradizionale", il sistema di un ASL? Volessi (ma da contratto NON lo posso ASSOLUTAMENTE fare), potrei dirti che esami hai fatto nello scorso anno. E qui centra poco con essere aperto o chiuso. Anche se l'OS400 fosse aperto comunque noi avremmo accesso ai dati.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Luca
            No, installazione e configurazione sono a
            nostro carico.OK, mi sta bene.
            Per i terminalisti la cosa e' trasparente.Per i terminalisti e' trasparente qualsiasi cosa che apparentemente funzioni. Ma per l'azienda. Una volta che rompe il contratto con voi, su che cosa puo' contare, a parte una scatola chiusa?Certo, se il vostro servizi e' a tutti gli effetti una "scatolina", tipo fare le buste paghe, di scatoline che fanno la stessa cosa se ne trovano tante. Quindi, basta trovare un'altro venditore di scatole e dare in pasto alle sue scatole i dati nel formato che queste richiedono... ah, gia', il formato!
            Volessi (ma da contratto
            NON lo posso ASSOLUTAMENTE fare), potrei
            dirti che esami hai fatto nello scorso anno.Vabbe', mi stai dicendo che loro sono idioti.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            - Scritto da: Luca


            No, installazione e configurazione sono a

            nostro carico.

            OK, mi sta bene.


            Per i terminalisti la cosa e' trasparente.

            Per i terminalisti e' trasparente qualsiasi
            cosa che apparentemente funzioni. Ma per
            l'azienda. Una volta che rompe il contratto
            con voi, su che cosa puo' contare, a parte
            una scatola chiusa?

            Certo, se il vostro servizi e' a tutti gli
            effetti una "scatolina", tipo fare le buste
            paghe, di scatoline che fanno la stessa cosa
            se ne trovano tante. Quindi, basta trovare
            un'altro venditore di scatole e dare in
            pasto alle sue scatole i dati nel formato
            che queste richiedono... ah, gia', il
            formato!Esattamente (comunque non ho capito se mi stai prendendo in giro o no).


            Volessi (ma da contratto

            NON lo posso ASSOLUTAMENTE fare), potrei

            dirti che esami hai fatto nello scorso
            anno.

            Vabbe', mi stai dicendo che loro sono idioti.Ma tu credi che qualunque sistema messo in piedi viva poi da solo? Il tuo comune mette su' un sistema (poniamo su pacchetti open) con tutti i tuoi dati riservati. Almeno un'azienda come quella in cui sto avra' pieno accesso ai tuoi dati. Non e' che "open" significa per magia che un folletto nasconde i dati a me amministratore.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Luca
            Ma tu credi che qualunque sistema messo in
            piedi viva poi da solo?No, ma esistono sistemi in cui, ad esempio, l'amministratore in realta' non puo' vedere tutto. L'amministratore amministra il sistema, ma non vede i dati degli utenti. I dati sensibili saranno mantenuti e visti dagli utenti che li devono manipolare, ma non dall'amministratore o dagli sviluppatori.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            - Scritto da: Luca


            Ma tu credi che qualunque sistema messo in

            piedi viva poi da solo?

            No, ma esistono sistemi in cui, ad esempio,
            l'amministratore in realta' non puo' vedere
            tutto. L'amministratore amministra il
            sistema, ma non vede i dati degli utenti. I
            dati sensibili saranno mantenuti e visti
            dagli utenti che li devono manipolare, ma
            non dall'amministratore o dagli
            sviluppatori.In tutti i DMBS che mi vengono in mente il supervisor riesce a mettere gli occhi sui dati. Mi fai qualche esempio, per favore? 8-)
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Luca
            In tutti i DMBS che mi vengono in mente il
            supervisor riesce a mettere gli occhi sui
            dati. Mi fai qualche esempio, per favore?
            8-)Non avevo in mente un DBMS, ma a sistemi operativi gestiti con policy di visibilita' piu' sofisticate (es.: http://www.nsa.gov/selinux/policy_abstract.html). Si, per i DBMS non ricordo di sistemi di questo tipo. Ma a quel punto, forse il cliente farebbe meglio a non dare in mano ad un esterno la gestione del sistema. Se sviluppi software per le societa' di carte di credito, credi che ti lascino accedere tanto facilmente ai loro sistemi di produzione? Al massimo sono cosi' coglioni da mandarti invece che i dati di prova le strisciate dei loro clienti 8D (mi e' successo, statene certi). Ma, scherzi a parte, questo tipo di incidendi non dovrebbe accadere dato un certo modus operandi.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            - Scritto da: Luca


            In tutti i DMBS che mi vengono in mente il

            supervisor riesce a mettere gli occhi sui

            dati. Mi fai qualche esempio, per favore?

            8-)

            Non avevo in mente un DBMS, ma a sistemi
            operativi gestiti con policy di visibilita'
            piu' sofisticate (es.:
            http://www.nsa.gov/selinux/policy_abstract.htSinceramente per tutti i sistemi "normali" che mi vengono in mente il supervisor/root/administrator puo' alla fine attribuirsi diritti di accesso a tutto. Per quanto riguarda l'accesso ai server di produzione: Beh, sono loro che hanno bisogno di assistenza, non certo i nostri server di test e sviluppo prodotto.Che poi tu mi dica che siccome i dati sono estremanente riservati vuoi che ci mettano mano solo persone interne, sono d'accordo (Le banche ad esempio fanno cosi'), ma ti chiedo quante aziende ed aziendine sono disposte a pagare un super tecnico che stia li' sempre per magari intervenire una sola volta all'anno?CiaoP.S. Vado finalmente a casa (oggi per fortuna giornata tranquilla, poche telefonate).
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: PREDATOR
            Cioe'... faccio un esempio... con le
            clausole di garanzia ho la possibilita' di
            farmi dare i sorgenti di... Excel... in modo
            da poter capire come e' fatto il formato XSL
            e potermi sviluppare un software che lo
            sostituisca e che sia in grado di leggere
            perfettamente i documenti in formato XSL?Nel caso specifico. Hai salvato in formato excel? bene. Hai un excel sottomano. Ce l'avrai sempre (le licenze non scadono). Vuoi esportare i dati in un altro sistema? Usi il modello ad oggetti di excel (ben documentato) oppure, ancora piu' semplice, usi il file come se fosse un database attraverso odbc e ti leggi/scrivi quello che vuoi. Come vedi non serve conoscere il formato excel, ma conoscere (e le conosci) le interfaccie per leggere e scrivere.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol
            Nel caso specifico. Hai salvato in formato
            excel? bene. Hai un excel sottomano. Ce
            l'avrai sempre (le licenze non scadono).Beh, mi pare che MS stia cercando di farle diventare a scadenza. Comunque, a parte questo, ammettiamo di avere una vecchia copia di Excel e di poterla usare a nostro piacimento.
            Vuoi esportare i dati in un altro sistema?
            Usi il modello ad oggetti di excel (ben
            documentato) oppure, ancora piu' semplice...Ho detto di voler sostituire Excel, non di volerlo continuare ad usarlo: mi stai proponendo di esportare i dati, non la possibilita' di fare una conversione completa dei documenti. Certo, posso sempre prendere i fogli di excel e registrarli in formato tab e return, quindi usare, sempre ad esempio, OpenOffice. Ma non e' un'operazione indolore.
            usi il file come se fosse un database
            attraverso odbc e ti leggi/scrivi quello che
            vuoi.ODBC e' roba MS che fino ad ora e' stata realizzata solo per windows e mac. E se io non uso roba MS? Ah, gia'... esistono implementazioni OS di ODBC, ad esempio per linux, realizzate ovviamente cercando di intuire cosa fa ODBC senza averne i sorgenti.
            Come vedi non serve conoscere il
            formato excel, ma conoscere (e le conosci)
            le interfaccie per leggere e scrivere."Come vedi" e' tutto da vedere. Insomma, e' una parola che le cose vadano come dovrebbero andare in teoria, soprattutto se si tratta di software MS.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol


            Posso risponderti, per esperienza personale,
            che in azienda non interessa se un bene è
            mio o di qualcun altro l'amministrazione pubblica (è di questo che ci si occupa in questo forum dedicato a LINUX nell'amministrazione pubblica tedesca) non è una semplice azienda, e ha esigenze irrinunciabili: la trasparenza dell'elaborazione dei dati SENSIBILI in base alle leggi sulla RISERVATEZZA o PRIVACY.Inoltre è ormai accertato che il software open source ha i suoi vantaggi sul campo della sicurezza: viene usato abbondantemente dal ministero della difesa USA che ne risulta un formidabile testimonial
            (vedi le automobili
            in leasing). Mi interessa solo USARLO ed
            avere qualcuno (non me stesso) sul quale
            rivalermi se qualcosa non funzia. da microsoft non puoi avere nessun tipo di garanzia come quella che vorresti. Le licenze di microsoft la sgravano da qualsivoglia problema possa essere creato dalle sue manchevolezze
            Per questo
            abbiamo una società esterna che fa
            assistenza (sia per le macchine che sono
            comunque nostre, sia per i pc), non certo
            "E' tuo, arrangiati".quindi non cambierebbe nulla se invece di software microsoft ci fosse software open source: la responsabilità sarebbe comunque della società in outsourcing.Quello che cambia è la LIBERTA' di scelta (assente in regime di monopolio)E, ricordo, le licenze OPEN come la GPL ti permette di installare nella tua azienda TUTTE le copie di LINUX che vuoi, mentre con microsoft dovresti comprarti una licenza per ogni postazione. Se fai come il 60% delle aziende italiane non sarai preoccupato da questo aspetto, e userai impunemennte il software microsoft anche senza alcuna licenza: finché la Guardia di Finanza non ti pizzica potrai ancora creder di poter vivere al di sopra delle tue possibilità e son cavoli tuoi. Ma le aziende pubblice non possono fare altrettanto, e i costi delle migliaia di inutili licenze da versare a un ente straniero (microsoft) ricadono su TUTTI, con l'aggravante della struttura chiusa delle piattaforme del monopolio, che tendono a ricreare ogni volta la necessità del riacquisto per conservare l'esistente.Tutto questo può essere evitato, e lo sarà con lo sforzo di tutti, perchè le alternative libere esistono e possono essere privilegiate,come dimostra il caso Germania.
          • Anonimo scrive:
            Re: sembra bello l'open ma c'è sempre un ma
            - Scritto da: zap


            - Scritto da: Lol





            Posso risponderti, per esperienza
            personale,

            che in azienda non interessa se un bene è

            mio o di qualcun altro

            l'amministrazione pubblica (è di questo che
            ci si occupa in questo forum dedicato a
            LINUX nell'amministrazione pubblica tedesca)
            non è una semplice azienda, e ha esigenze
            irrinunciabili: la trasparenza
            dell'elaborazione dei dati SENSIBILI in base
            alle leggi sulla RISERVATEZZA o PRIVACY.
            Inoltre è ormai accertato che il software
            open source ha i suoi vantaggi sul campotutto questo perchè il software e open cioè ai i sorgenti ma quanti riescono a leggere il codice di un programma open o meno che sia, alla fine nolente o dolente c'è sempre qualcuno che si deve fidare di qualcun'altro.con MS alla fin fine paghi e ti devi fidare solo di lei, con un sw open di chi ti devi fidare, a quanti dai le chiavi del tuo serveretto boooooo.
            della sicurezza: viene usato abbondantemente
            dal ministero della difesa USA che ne
            risulta un formidabile testimonialonestamente che il ministero della difesa USA usi questo tipo di sw non mi rende molto più sicuro che usare un sw microsoft (11 settembre e pear harbur(non so come si scrive quindi non rugate) insegnano, inoltre sapere che il mio serverozzo usa codice di publico dominio che per giunta e usato dal paese che ha inventato sistemi di controllo e sorveglianza tra i più dispendiosi, non solo mi preoccupa ma mi fa CAGA** NELLE MUTANDE (sai e come andare dal ladro a chiedere che tipo di serratura mettere per difendere la tua casa).


            (vedi le automobili

            in leasing). Mi interessa solo USARLO ed

            avere qualcuno (non me stesso) sul quale

            rivalermi se qualcosa non funzia.

            da microsoft non puoi avere nessun tipo di
            garanzia come quella che vorresti. Le
            licenze di microsoft la sgravano da
            qualsivoglia problema possa essere creato
            dalle sue manchevolezzea perchè con il sw open c'è qualcuno che dopo er danno ti da na mano (torvone in persona ehehehehehehhehehhehehehehhehehehhehehehhehehehehehehhehhehehehheehhehehehehehehehehehehhehehhehehehehheheeh due ore di risate)

            Per questo

            abbiamo una società esterna che fa

            assistenza (sia per le macchine che sono

            comunque nostre, sia per i pc), non certo

            "E' tuo, arrangiati".

            quindi non cambierebbe nulla se invece di
            software microsoft ci fosse software open
            source: la responsabilità sarebbe comunque
            della società in outsourcing.
            Quello che cambia è la LIBERTA' di scelta
            (assente in regime di monopolio)ma è sempre fidarsi di qualcun altro che differenza c'è nell'uno o nell'altro caso devi pagare qualcuno.
            E, ricordo, le licenze OPEN come la GPL ti
            permette di installare nella tua azienda
            TUTTE le copie di LINUX che vuoi, mentre con
            microsoft dovresti comprarti una licenza per
            ogni postazione.si di sw che non serve o serve a ben poco, l'open ti da la struttura vuota e tu la devi riempire, ed in genere con prodotti commerciali.supponiamo che ti serva un db resistente performante con certe caratteristiche, mysql, postgress ecc... non sono quello che serve a te quindi oracle e la soluzione ma allora devi comunque pagare, quindi come vedi l'open e solo per gli open polli
          • Anonimo scrive:
            Re: sembra bello l'open ma c'è sempre un ma
            - Scritto da: polli
            tutto questo perchè il software e open cioè
            ai i sorgenti ma quanti riescono a leggere
            il codice di un programma open o meno che
            sia, alla fine nolente o dolente c'è sempre
            qualcuno che si deve fidare di
            qualcun'altro.Beh, ti sorprendera` ma c'e` chi si legge il codice e si preoccupa di segnalare i bug. Ad esempio PostgreSQL: da quando hanno reso disponibili i sorgenti e` stato scoperto (e risolto) un baco non piccolo. Se il codice fosse rimasto closed non sarebbe mai stato scoperto.
            con MS alla fin fine paghi e ti devi fidare
            solo di lei, con un sw open di chi ti devi
            fidare, a quanti dai le chiavi del tuo
            serveretto boooooo.Mmmmhhh, appunto! MS ha tutta la convenienza a non rivelare bachi ed errori
            onestamente che il ministero della difesa
            USA usi questo tipo di sw non mi rende molto
            più sicuro che usare un sw microsoft (11
            settembre e pear harbur(non so come si
            scrive quindi non rugate) insegnanoCosa vuoi dire? Pearl Harbour e` successo nel 1941!!!
            , inoltre
            sapere che il mio serverozzo usa codice di
            publico dominio che per giunta e usato dal
            paese che ha inventato sistemi di controllo
            e sorveglianza tra i più dispendiosi, non
            solo mi preoccupa ma mi fa CAGA** NELLE
            MUTANDE (sai e come andare dal ladro a
            chiedere che tipo di serratura mettere per
            difendere la tua casa).Questo esempio e` sbagliato. Piuttosto e` come andare a comprare una serratura e vedere che non ci siano meccanismi 'strani' che ne permettano l'apertura con qualcos'altro che non sia la sua chiave.
            a perchè con il sw open c'è qualcuno che
            dopo er danno ti da na mano (torvone in
            persona
            ehehehehehehhehehhehehehehhehehehhehehehhehehBeh, se paghi l'assistenza vuol dire che qualcuno ti assistera`...
            supponiamo che ti serva un db resistente
            performante con certe caratteristiche,
            mysql, postgress ecc... non sono quello che
            serve a te quindi oracle e la soluzione ma
            allora devi comunque pagare, quindi come
            vedi l'open e solo per gli open polli Che c'entra, open source non significa automaticamente gratis
          • Anonimo scrive:
            Re: l'open è sempre meglio del monopolio microsoft
            - Scritto da: polli


            - Scritto da: zap





            - Scritto da: Lol








            Posso risponderti, per esperienza

            personale,


            che in azienda non interessa se un
            bene è


            mio o di qualcun altro



            l'amministrazione pubblica (è di questo
            che

            ci si occupa in questo forum dedicato a

            LINUX nell'amministrazione pubblica
            tedesca)

            non è una semplice azienda, e ha esigenze

            irrinunciabili: la trasparenza

            dell'elaborazione dei dati SENSIBILI in
            base

            alle leggi sulla RISERVATEZZA o PRIVACY.

            Inoltre è ormai accertato che il software

            open source ha i suoi vantaggi sul campo

            tutto questo perchè il software e open cioè
            ai i sorgenti ma quanti riescono a leggere
            il codice di un programma open vecchia argomentazione di valore ormai nullo: siamo + di sei miliardi su questo mondo, ognuno dotato di occhi per vedere e leggere codice
            o meno che
            sia, alla fine nolente o dolente c'è sempre
            qualcuno che si deve fidare di
            qualcun'altro.ma il grado di fiducia non può essere che migliore di 10^6 ordini di grandezza, proprio in virtù della enorme popolazione messa in condizione di interagire col codice
            con MS alla fin fine paghi e ti devi fidare
            solo di lei, fallo tu. Per me ed altri ci sono alternative migliori che fidarsi di un'azienda straniera monopolista e già colta in fallo mentre ostacolava scorrettamente i concorrenti solo perché presentavano alternativetra l'altro la microsoft è sempre incolpevole di qualunque porcata commetta (leggi le licenze e di questi desculpa ne trovi a dozzine)
            con un sw open di chi ti devi
            fidare, della comunità
            a quanti dai le chiavi del tuo
            serveretto boooooo.a nessuno, perché il tuo server monta software privo di backdoor ALL'ORIGINE

            della sicurezza: viene usato
            abbondantemente

            dal ministero della difesa USA che ne

            risulta un formidabile testimonial


            onestamente che il ministero della difesa
            USA usi questo tipo di sw non mi rende molto
            più sicuro che usare un sw microsoft cavoli tuoi. Ma questa realtà smentisce tutta la propaganda sulla sicurezza che microsoft pretende di garantire: l'amministrazione della sua nazione d'origine NON GLI CREDE
            (11
            settembre e pear harbur(non so come si
            scrive quindi non rugate) insegnano, a nulla, in questo campo
            inoltre
            sapere che il mio serverozzo usa codice di
            publico dominio open source, nota la differenza
            che per giunta e usato dal
            paese che ha inventato sistemi di controllo
            e sorveglianza tra i più dispendiosi, non
            solo mi preoccupa ma mi fa CAGA** NELLE
            MUTANDE (sai e come andare dal ladro a
            chiedere che tipo di serratura mettere per
            difendere la tua casa).Se non capisci questo passaggio ti sembrerà oscura anche la possibilità che le aziende che si occupano di sicurezza assumono hackers a frotte.


            (vedi le automobili


            in leasing). Mi interessa solo USARLO
            ed


            avere qualcuno (non me stesso) sul
            quale


            rivalermi se qualcosa non funzia.



            da microsoft non puoi avere nessun tipo di

            garanzia come quella che vorresti. Le

            licenze di microsoft la sgravano da

            qualsivoglia problema possa essere creato

            dalle sue manchevolezze

            a perchè con il sw open c'è qualcuno che
            dopo er danno ti da na mano (torvone in
            personaalmeno col software OS non hai speso NULLA


            Per questo


            abbiamo una società esterna che fa


            assistenza (sia per le macchine che
            sono


            comunque nostre, sia per i pc), non
            certo


            "E' tuo, arrangiati".



            quindi non cambierebbe nulla se invece di

            software microsoft ci fosse software open

            source: la responsabilità sarebbe comunque

            della società in outsourcing.

            Quello che cambia è la LIBERTA' di scelta

            (assente in regime di monopolio)

            ma è sempre fidarsi di qualcun altro chema con microsoft avresti SPESO per ottenere NESSUNA garanzia. Con il software OS non avresti speso NULLA
            differenza c'è nell'uno o nell'altro caso
            devi pagare qualcuno.t'ho dimostrato che a parità di ASSENZA di garanzie con microsoft hai dilapidato soldi, mentre con l'open source hai il gratis

            E, ricordo, le licenze OPEN come la GPL ti

            permette di installare nella tua azienda

            TUTTE le copie di LINUX che vuoi, mentre
            con

            microsoft dovresti comprarti una licenza
            per

            ogni postazione.

            si di sw che non serve o serve a ben poco,questa è solo la tua opinione personale di chi evidetemente non è abituato che al software monopolisticoMa questa tua opinione è smentita dalle molte amministrazioni pubbliche e private EU e USA e asiatiche sta USANO prodotti open source.Le tue opinioni sull'usabilità sono inattendibili o minate da pregiudizio
            l'open ti da la struttura vuota e tu la devi
            riempire, ed in genere con prodotti
            commerciali.sono BALLE: sono i privati che cercano a tutti i costi di ENTRARE nel mercato che sta ormai rendendo molto
            supponiamo che ti serva un db resistente
            performante con certe caratteristiche,
            mysql, postgress ecc... non sono quello che
            serve a te quindi oracle e la soluzione ma
            allora devi comunque pagare, quindi come
            vedi l'open e solo per gli open polli non mi hai dato alcun motivo per cui debba preferire un software come Oracle, e non è affatto detto che ciò si verifichi: il pollo sei tu che rinunci a considerare plausibile una possibilità validaMa anche se la tua ipotesi fosse valida, rimangono comunque tutti i vantaggi di una piattaforma aperta che non penalizza Oracle o DB2 a tutto vantaggio di mssql server soltanto.Rimangono i vantaggi della concorrenza in un mercato che tende ad essere libero in virtù della interagibilità diretta col codice CONOSCIUTO (e non occultato dal monopolista che è già stato condannato per imbrogli anti-concorrenziali)
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol
            Pensa invece che la GPL mi permette di fare
            causa (e vincerla) alla Suse tutte le volte
            che mi crasha il pc (e capita spesso).Bravo, sei un genio! E dov'e' che nelle licenze di altri produttori, come ad esempio MS, c'e' questa clausola di garanzia?
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            Non c'è, ovvio. Ma guardacaso non c'è licenza (normale, ovvio) alcuna che garantisca nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux : chi ci fa i $ e chi no. Invidia?
            - Scritto da: Lol
            Non c'è, ovvio. Ma guardacaso non c'è
            licenza (normale, ovvio) alcuna che
            garantisca nulla.Giusto, ma si parlava di LIBERTA' (*) non di garanzie.(*) Liberta', opportunita', possibilita'... di per se queste cose rappresentano "garanzie", anche se di un altro tipo: possibilita' di estendere e modificare il sorgente, liberta' di cambiare fornitori, opportunita' di collaborazione e sviluppo, la possibilita' di capire cosa fa realmente il software...
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux
        Ricordiamoci che furono i petrolieri i primi a schierarsi contro il cattivo nucleare.- Scritto da: ...


        - Scritto da: Opino

        Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,

        una barzelletta? E' facile indovinare che

        sarà tutto xSeries + Red Hat.

        Vero. Libertà e tutte le altre balle vanno
        bene, finchè compri i miei prodotti. Ma qui
        c'è gente che non capisce che tutte le
        aziende puntano solo ed unicamente al
        fatturato, non alla filantropia.
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux
        - Scritto da: ...
        Ma qui
        c'è gente che non capisce che tutte le
        aziende puntano solo ed unicamente al
        fatturato, non alla filantropia.Bene, vedo che il concetto errato che free software = gratis continua a spopolare. Free software NON VUOL DIRE GRATIS (mettetevelo in quella zucca marcia che vi ritrovate), ma libero di acquisire un sorgente da un fornitore, e continuare a svilupparlo con un'altro, se il primo fa lo str...Insomma, tutto il contrario di cio' che MS vorrebbe. Vi stanno bene le soluzioni proprietarie che vi legano ad un particolare fornitore? Pagatene le conseguenze! Quel fornitore fara' il bello e il cattivo tempo con voi... proprio come vorrebbe fare MS.
        • Anonimo scrive:
          Re: IBM & Linux
          - Scritto da: PREDATOR
          - Scritto da: ...


          Ma qui

          c'è gente che non capisce che tutte le

          aziende puntano solo ed unicamente al

          fatturato, non alla filantropia.

          Bene, vedo che il concetto errato che free
          software = gratis continua a spopolare. Free
          software NON VUOL DIRE GRATIS (mettetevelo
          in quella zucca marcia che vi ritrovate),Decidetevi. C'è chi dice che è gratis e quindi è il massimo del risparmio ed altri che postano commenti come questi.
          ma
          libero di acquisire un sorgente da un
          fornitore, e continuare a svilupparlo con
          un'altro, se il primo fa lo str...Io, fornitore, dovrei iniziare a mettere le mani in un progetto altrui? Innanzitutto paaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaga solo perchè io mi dedichi a studiare cosa hanno combinato quelli, poi paaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaga per continuare.
          • Anonimo scrive:
            Re: IBM & Linux
            - Scritto da: Lol
            Decidetevi. C'è chi dice che è gratis e
            quindi è il massimo del risparmio ed altri
            che postano commenti come questi.Si risparmia nelle licenze, ma che sono una minima percentuale del costo dell'infrastruttura. Poi entrano in gioco fattori che influiscono sui costi della struttura che dipendono dalla qualita' del software.
            Io, fornitore, dovrei iniziare a mettere le
            mani in un progetto altrui?Sicuramente, c'e' questa possibilita'. Sul software chiuso NO.
            Innanzitutto
            paaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaga solo perchè
            io mi dedichi a studiare cosa hanno
            combinato quelli...Ma questo non dipende dalla natura open source del software, ma da chi l'ha scritto, da quanto l'ha documentato, da quanto e' diffuso e supportato il software.
            poi
            paaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaga per
            continuare.E questo e' normale. Meglio che pagare solo per usare il software stampato in fotocopia. Quantomeno si paga di piu' il lavoro _vero_.
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM & Linux
      Da quando in quà il sw open permette il monopolio?E' quello la base per una monocultura (parliamo a livello ut. domestico e ut. aziendale medio) informatica.Sicuramente il sw open non impedisce che esista un'azienda leader; più difficile è che questa sia leader in più di un campo informatico; ma da qui al monopolio ci vuole molta strada.
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux
        - Scritto da: BSD_like
        Da quando in quà il sw open permette il
        monopolio?Monopolio != monocultura. Forse non ci hai fatto caso, ma quando hai tutto Linux e tutto GPL forse hai anche una monocultura =)
        • Anonimo scrive:
          Re: IBM & Linux
          Al di là della differenza tra i sistemi UNIX (dai commerciali ai free) nell'arch., l'unico modo di ottenere un ridimensionamento di windows e quindi del monopolio è quello di puntare sulla lic. GPL.Le altre lic. BSD etc, non si dim. così aggressive.E basta osservare che i *BSD pur essendo i migliori o.s. tecnicamente, non impensieriscono M$; vero è che Linux è più user-friendly (visto che i *BSD sono usati dalla cara M$ dovrebbe avverarsi che tutti usino *BSD, almeno i fan win, eppure ciò non avviene in nome del maggior user-friendly di win); ma non credo basti ciò per portare i sistemi UNIX a diventare i più diffusi tra le workstation e i server di fascia piccola (lasciamo perdere il desktop in cui credo che non sarà Linux a far perdere a win la palma di più diffuso, potrà solo ridimensionarlo anche se di una buona fetta).Daltronde c'è chi sospetta che sw GPL sia almeno parzialmente integrato nel sw closed, anche di mamma M$ che non fà mistero di servirsi a man bassa di quello BSD (e come lo tratta poi, visti i risultati), come altre aziende anche operanti in UNIX.Ma poi, dovè questo difetto della GPL?
        • Anonimo scrive:
          Re: IBM & Linux
          - Scritto da: Pogoboy
          Monopolio != monocultura. Forse non ci hai
          fatto caso, ma quando hai tutto Linux e
          tutto GPL forse hai anche una monocultura =)GPL != linuxOpen Source != linuxGPL e Open Source non sono la stessa cosaSicuramente MS = MS e tutto il resto fuori!Adesso spiegatemi perche' mi dovrei preoccupare di questa supposta monocultura piu' che di MS.
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM & Linux
      - Scritto da: Opino
      Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,
      una barzelletta? E' facile indovinare che
      sarà tutto xSeries + Red Hat.E chi ca##o se ne frega, se Microzooz fà valanghe di quattrini va bene, mentre se li fanno gli altri non va più bene, finchè ci saranno aziende che si sbranano fra loro allora vuol dire che va tutto bene :)Sbranatevi, iene!
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM & Linux
      - Scritto da: Opino
      Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,
      una barzelletta? E' facile indovinare che
      sarà tutto xSeries + Red Hat.Ehm... veramente c'era scritto SuSe...
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux
        - Scritto da: The Sanity Assassin
        Ehm... veramente c'era scritto SuSe...Ma neanche sanno cos'e'm SuSe... come Debian, Mandrake, Slackware, TurboLinux, YellowDog...
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM & Linux
      - Scritto da: Opino
      Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,
      una barzelletta? E' facile indovinare che
      sarà tutto xSeries + Red Hat. ^^^^^^^Ma se pure nell'articolo si parla di SuSE!Ma sai leggere o critichi per partito preso?
      • Anonimo scrive:
        Re: IBM & Linux
        - Scritto da: GiorgiX


        - Scritto da: Opino

        Dovrebbero evitare una MONOCULTURA? Cos'è,

        una barzelletta? E' facile indovinare che

        sarà tutto xSeries + Red Hat.
        ^^^^^^^
        Ma se pure nell'articolo si parla di SuSE!
        Ma sai leggere o critichi per partito preso?e, di grazia, oltre al nome, la differenza sostanziale fra le due e'?solo l'intestatario dell'assegno?io grosse differenze fra suse e redhat non ne vedo.Tolto l'installer, sono praticamente la stessa cosa.
  • Anonimo scrive:
    Kaiser SuSE
    ...e se una buona volta stessimo tutti zitti e in attesa degli sviluppi?La PA italiana, viste le amicizie del Berlusca in Microsoft, dovrebbe basare tutto sulla "piattaforma .NET"(Piattaforma puntoNET... Mah... credo si chiami "piattaforma" perche' sperano che riesca almeno a galleggiare :)Se e' vero che i prodotti commerciali Microsoft sono smisuratamente migliori della "robaccia Open", cio' vuol dire che tra non molto (direi quasi in tempo reale) la PA italiana superera' smisuratamente l'efficenza di quella Tedesca :)W l'amore
    • Anonimo scrive:
      Re: Kaiser SuSE e i soliti sospetti
      - Scritto da: Terra2
      La PA italiana, viste le amicizie del
      Berlusca in Microsoft, dovrebbe basare tutto
      sulla "piattaforma .NET"dimentichi che ha per ministro un dirigente IBM
      • Anonimo scrive:
        Re: Kaiser SuSE e i soliti sospetti
        E tu dimentichi che IBM ha una divisione Linux sulla quale sta puntando molto
        • Anonimo scrive:
          Re: Kaiser SuSE e i soliti sospetti
          - Scritto da: pick
          E tu dimentichi che IBM ha una divisione
          Linux sulla quale sta puntando moltonon lo sottovaluto affatto; anzi, lo facevo presente a chi vede l'Italia berlusconica sotto il tacco di gates.In questa battaglia di libertà democratica e di mercato è importante far sentire la propria voce per far capire che certe scelte vanno considerate e soppessate.Per questo è utile sottoscrivere al sostegno per il disegno di legge Cortiana http://www.softwarelibero.it/news/news020417_01.shtmlFirmatelo. La vostra firma è importante.Se avete veramente a cuore il futuro dell'Open SOurce e della nostra libertà, sostenete le battaglie civili come questo disegno di legge.
          • Anonimo scrive:
            Re: Kaiser SuSE e i soliti sospetti

            In questa battaglia di libertà democratica e
            di mercato è importante far sentire la
            propria voce per far capire che certe scelte
            vanno considerate e soppessate.Mercato libero e Berlusconi sono due cose che non vanno d'accordo.A parte le valutazoini politiche, che non mi interessano, Berlusconi e' anche peggio di Gates.Lui i suoi interessi li difende direttamente da Palazzo Chigi.E, al contrario di Gates, Berlusconi nei tribunali neanche ci entra, figurarsi subire un processo come quello a MS per le sue televisioni.Penso che questo governo sia l'ultimo posto dove andare a cercare un punto d'appoggio per l'open source.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Kaiser SuSE e i soliti sospetti
            - Scritto da: maks


            In questa battaglia di libertà
            democratica e

            di mercato è importante far sentire la

            propria voce per far capire che certe
            scelte

            vanno considerate e soppessate....

            Penso che questo governo sia l'ultimo posto
            dove andare a cercare un punto d'appoggio
            per l'open source.lo vedremo sul campo.Finora non ha brillato.Ciononostante è importante far sentire la voce del mondo LIBERO dell'ICT.Se Berlusconi, dopo tanto parlare di privatizzazioni, privilegierà un monopolista, ne pagherà le conseguenze politiche.
    • Anonimo scrive:
      Re: Kaiser SuSE
      - Scritto da: Terra2
      ...e se una buona volta stessimo tutti zitti
      e in attesa degli sviluppi?

      La PA italiana, viste le amicizie del
      Berlusca in Microsoft, dovrebbe basare tutto
      sulla "piattaforma .NET"A me pare che sia stato il tuo amico Prodi ad abbracciare gatez, non il Berlusca.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Kaiser SuSE
        Gli attuali accordi in lic. che gravano la PA italiana sono stati controfirmati dal gov. precedente nelle persone di Prodi (prima) e Dalema (poi).Allo stato attuale la M$ sta cercando di far entrare (ovviamente non gratis) la sua piattaforma .net e il suo nuovo pargolo XP (che cavolo dovrà farci la PA visto che ha rinnovato l'ultimo accordo, e speriamo che sia tale, con M$ circa 3 anni fà). Chiaramente dipinge la sua manovra speculativa (perchè fatta sulle spalle dei non-esperti di informatica della PA che abboccano) come necessaria e di un notevole grado evolutivo. Se fosse vero chissà perchè la M$ nei suoi sistemi usa o.s. *BSD! Mah....
        • Anonimo scrive:
          Re: Kaiser SuSE

          Allo stato attuale la M$ sta cercando di far
          entrare (ovviamente non gratis) la sua
          piattaforma .net e il suo nuovo pargolo XP
          (che cavolo dovrà farci la PA visto che ha
          rinnovato l'ultimo accordo, e speriamo che
          sia tale, con M$ circa 3 anni fà).cmq quello che dici e' anche giusto, pero' va tenuto presente che volente o nolente ms fornisce un software piu' alla portata degli utenti , e sappiamo bene come nella pubblica amministrazione tempo e voglia di formare su linux non c'e'.d'accordo che linux e' free etc etc , ma andrebbe fatta una valutazione sui costi anche in base al training (degli utenti e dei tecnici) ... valutazione che potrebbe anche essere positiva , intendiamoci! pero' VA considerata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Kaiser SuSE

            cmq quello che dici e' anche giusto, pero'
            va tenuto presente che volente o nolente ms
            fornisce un software piu' alla portata degli
            utenti , e sappiamo bene come nella pubblica
            amministrazione tempo e voglia di formare su
            linux non c'e'.
            d'accordo che linux e' free etc etc , ma
            andrebbe fatta una valutazione sui costi
            anche in base al training (degli utenti e
            dei tecnici) ... valutazione che potrebbe
            anche essere positiva , intendiamoci! pero'
            VA considerata. E' giusto pure quello che dici Tu! Bisogna vedere se gli investimenti pregressi in formazione del personale possono essere mantenuti, o se invece il costo per aggiornare il personale tecnico supera il risparmio dovuto all'uso del software OpenSource(a breve termine s'intende, perche' alla lunga sicuramente il SW OS viene a costare molto di meno, anche in termini di formazione!). Comunque, a parte queste considerazioni (Importantissime, per carita?, per quel che riguarda il personale tecnico), rimane la questione dei semplici operatori/impiegati della PA,che per il 99% del loro lavoro impiegano solo l'Office di Microsoft e qualche altro SW fatto ad hoc. Credo che per quest'ultima categoria, una distro SuSe O Mandrake, con un bell?OpenOffice sia + che sufficiente ai loro scopi.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Kaiser SuSE
            - Scritto da: Simplex

            cmq quello che dici e' anche giusto, pero'

            va tenuto presente che volente o nolente
            ms

            fornisce un software piu' alla portata
            degli

            utenti , e sappiamo bene come nella
            pubblica

            amministrazione tempo e voglia di formare
            su

            linux non c'e'.

            d'accordo che linux e' free etc etc , ma

            andrebbe fatta una valutazione sui costi

            anche in base al training (degli utenti e

            dei tecnici) ... valutazione che potrebbe

            anche essere positiva , intendiamoci!
            pero'

            VA considerata.
            E' giusto pure quello che dici Tu!
            Bisogna vedere se gli investimenti
            pregressi
            in formazione del personale possono essere
            mantenuti, o se invece il costo per
            aggiornare
            il personale tecnico supera il risparmio
            dovuto
            all'uso del software OpenSource(a breve
            termine s'intende, perche' alla lunga
            sicuramente il SW OS viene a costare molto
            di meno, anche in termini di formazione!).
            Comunque, a parte queste considerazioni
            (Importantissime, per carita?, per quel che
            riguarda il personale tecnico), rimane la
            questione dei semplici operatori/impiegati
            della PA,
            che per il 99% del loro lavoro impiegano
            solo l'Office di Microsoft e qualche altro
            SW fatto ad hoc. Credo che per quest'ultima
            categoria, una distro SuSe O Mandrake, con
            un bell?OpenOffice sia + che sufficiente ai
            loro scopi.
            Ciaodimentichi Autocad che autodesk fornisce solo per winz...cmq dato che nel comune dove lavoro c'e' un progetto simile..potete indicarmi un CAD x linux anche proprietario FACILE da usare(o che come semplicita si avvicini a autocad)
          • Anonimo scrive:
            Re: Kaiser SuSE
            - Scritto da: Tanzim
            lavoro c'e' un progetto simile..potete
            indicarmi un CAD x linux anche proprietario
            FACILE da usare(o che come semplicita si
            avvicini a autocad)Io non ne so nulla, ma un mio amico che lo usa per lavoro mi ha parlato bene di questo (che costa anche poco):http://www.varicad.com/en/main.phpQuesti li aggiungo io:http://www.cycas.de/http://www.computer.privateweb.at/tech-edv/CADlinks.htm
      • Anonimo scrive:
        Re: Kaiser SuSE

        A me pare che sia stato il tuo amico Prodi
        ad abbracciare gatez, non il Berlusca.Ripeti ancora una volta che Prodi e' mio amico e ti denuncio :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Kaiser SuSE

        A me pare che sia stato il tuo amico Prodi
        ad abbracciare gatez, non il Berlusca.Quindi qualche anno fa, quando Linux non era ancora una valida alternativa e, soprattutto, non era spinto da IBM. Adesso le cose sono un po' diverse, quindi diverse potrebbero essere le scelte.
    • Anonimo scrive:
      Re: Kaiser SuSE
      - Scritto da: Terra2
      ...e se una buona volta stessimo tutti zitti
      e in attesa degli sviluppi?

      La PA italiana, viste le amicizie del
      Berlusca in Microsoft, dovrebbe basare tutto
      sulla "piattaforma .NET"

      (Piattaforma puntoNET... Mah... credo si
      chiami "piattaforma" perche' sperano che
      riesca almeno a galleggiare :)

      Se e' vero che i prodotti commerciali
      Microsoft sono smisuratamente migliori della
      "robaccia Open", cio' vuol dire che tra non
      molto (direi quasi in tempo reale) la PA
      italiana superera' smisuratamente
      l'efficenza di quella Tedesca :)

      W l'amoreNon capisci un accidente.
  • Anonimo scrive:
    germania, terra di libertà e di speme (x tutti)
    nelle ultime due settimane ben due fatti ma stanno convincendo a far i bagagli verso berlino, Prima la modifica costituzionale, che ha garantito il diritto alla dignità a tutti gli esseri viventi (non solo umani) sul territorio tedesco, che porterà probabilmente la germania lontano da quella pratica barbara chiamata VIVISEZIONE, e forse (chissà) un giorno lontana anche da quell'altrettanto barbara pratica chiamata SARCOFAGIA.e poi a Berlino si userà SUSE.... wow!!! vado a lavorare a Berlino, deciso... devo solo convincere il mio fidato beagle a venire con me, ma quando gli spiegherò che non rischia di essere sbattuto in un laboratorio (lui che da un laboratorio è stato liberato) sono sicuro che mi aiuterà a fare i bagagli in fretta e furia.Auf Wiedersen...TchussDeine Mel4tonin
    • Anonimo scrive:
      Re: germania, terra di libertà e di speme (x tutti)
      Facile gridare allo scandalo e poi pretendere altissima professionalità quando devi subire un intervento chirurgico critico. Vai... vai... Corri in Germania... (Occhio, se non sei ariano potrebbe sempre succederti qualcosa di brutto).- Scritto da: mel4tonin
      nelle ultime due settimane ben due fatti ma
      stanno convincendo a far i bagagli verso
      berlino,
      Prima la modifica costituzionale, che ha
      garantito il diritto alla dignità a tutti
      gli esseri viventi (non solo umani) sul
      territorio tedesco, che porterà
      probabilmente la germania lontano da quella
      pratica barbara chiamata VIVISEZIONE, e
      forse (chissà) un giorno lontana anche da
      quell'altrettanto barbara pratica chiamata
      SARCOFAGIA.

      e poi a Berlino si userà SUSE.... wow!!!
      vado a lavorare a Berlino, deciso... devo
      solo convincere il mio fidato beagle a
      venire con me, ma quando gli spiegherò che
      non rischia di essere sbattuto in un
      laboratorio (lui che da un laboratorio è
      stato liberato) sono sicuro che mi aiuterà a
      fare i bagagli in fretta e furia.

      Auf Wiedersen...
      Tchuss

      Deine Mel4tonin
      • Anonimo scrive:
        Re: germania, terra di libertà e di speme (x tutti)
        tohguarda che anche qui in sti forum saltano fuori i vivisettori.io sono per una ricerca seria, sicura e ben curata, per questo dico no a metodi che hanno ormai millenni, e da millenni sono dimostrati inutili.Sai quanti farmaci sono stati immessi sul mercato dannosi per l'uomo e sicuri in vivisezione????La vivisezione, serve solo e soltanto ad una cosa: ti permette di dimostrare tutto e il contrario di tutto (basta scegliere quale animale usare e otterrai il risultato che cerchi) di conseguenza è molto utile alla case farmaceutiche che vogliono immettere sul mercato le loro merde.comunque per la cronoca. essendo vegan da anni, non ho molto rapporto con le malattie, non prendo farmaci ormai da anni, e ho livelli di tossine minimi nel corpo, forse con un'altra alimentazione servirebbero anche meno interventi chirurgici critici.Auf wiedersenmel4toninpsquasi quasi nell'andare in germania mi fermo a bolzano a liberare quei poveri 50 cani che hanno trovato su un camion diretti verso la morte.- Scritto da: ...

        Facile gridare allo scandalo e poi
        pretendere altissima professionalità quando
        devi subire un intervento chirurgico
        critico. Vai... vai... Corri in Germania...
        (Occhio, se non sei ariano potrebbe sempre
        succederti qualcosa di brutto).

        - Scritto da: mel4tonin

        nelle ultime due settimane ben due fatti
        ma

        stanno convincendo a far i bagagli verso

        berlino,

        Prima la modifica costituzionale, che ha

        garantito il diritto alla dignità a tutti

        gli esseri viventi (non solo umani) sul

        territorio tedesco, che porterà

        probabilmente la germania lontano da
        quella

        pratica barbara chiamata VIVISEZIONE, e

        forse (chissà) un giorno lontana anche da

        quell'altrettanto barbara pratica chiamata

        SARCOFAGIA.



        e poi a Berlino si userà SUSE.... wow!!!

        vado a lavorare a Berlino, deciso... devo

        solo convincere il mio fidato beagle a

        venire con me, ma quando gli spiegherò che

        non rischia di essere sbattuto in un

        laboratorio (lui che da un laboratorio è

        stato liberato) sono sicuro che mi
        aiuterà a

        fare i bagagli in fretta e furia.



        Auf Wiedersen...

        Tchuss



        Deine Mel4tonin
        • Anonimo scrive:
          Re: germania, terra di libertà e di speme (x tutti
          - Scritto da: mel4tonin
          comunque per la cronoca. essendo vegan da
          anni, non ho molto rapporto con le malattie,
          non prendo farmaci ormai da anni, e ho
          livelli di tossine minimi nel corpo, forse
          con un'altra alimentazione servirebbero
          anche meno interventi chirurgici critici.Sono contro la vivisezione e tu sei libero di essere vegetariano, vegan o qualsiasi altra cosa ti venga in mente, ma questa tua affermazione è ridicola: io mangio in maniera normale (la cosiddetta "dieta mediterranea") e da anni non prendo medicine (solo un po' di valeriana...) e godo di ottima salute.Mi dispiace deluderti, ma la nostra è solo fortuna.Conosco vegetariani che hanno passato molto tempo in ospedale... e non per fratture...
        • Anonimo scrive:
          Re: germania, terra di libertà e di speme (x tutti

          io sono per una ricerca seria, sicura e ben
          curata, per questo dico no a metodi che
          hanno ormai millenni, e da millenni sono
          dimostrati inutili.
          certo!meglio fare come la Bayer, che ha scoperto, commercializzaro e prodotto l'eroina...solo che la vendeva come calmante per la tosse...Quale ricerca puo' dirsi seria e sicura se non e' testata sul campo?E per fare i test perche' non si possono allevare delle cavie da laboratorio?O sarebbe meglio che venisero sperimentate direttamente sui pazienti, per di piu' ignari?perche' tanto la fine sarebbe quella, le aziende farmaceutiche non diventerebbero certo piu' buonese togli la sperimentazione sugli animali.Poi, che la sperimentazoine sia fatta male e molti animali soffrano inutilmente o per cause futili (profumi, creme di bellezza) beh.. allora siamo d'accordo.
          Sai quanti farmaci sono stati immessi sul
          mercato dannosi per l'uomo e sicuri in
          vivisezione????
          uh...lasciamo stare va..pero' c'e' stato chi ha avuto il coraggio di sperimentare su se stesso e su suo figlio il suo vaccino.Ma se fosse morto meno persone si sarebbero salvate.Purtroppo tutto e' nell'etica dei medici/ricercatori.Se ne hanno si puo' andare avanti, se non ne hanno nascono i mostri.E l'etica non si insegna ne' si impara.. casomai e' piu' facile disimpararla.
          La vivisezione, serve solo e soltanto ad una
          cosa: ti permette di dimostrare tutto e il
          contrario di tutto (basta scegliere quale
          animale usare e otterrai il risultato che
          cerchi) di conseguenza è molto utile alla
          case farmaceutiche che vogliono immettere
          sul mercato le loro merde.
          e questo e' senz altro vero.Ma non possiamo contestare il mezzo tout-court.E' come dire che siccome internet e' usata dai pedofili va abolita.
          comunque per la cronoca. essendo vegan da
          anni, non ho molto rapporto con le malattie,
          non prendo farmaci ormai da anni, e ho
          livelli di tossine minimi nel corpo, forse
          con un'altra alimentazione servirebbero
          anche meno interventi chirurgici critici.
          ti sbagli.L'uomo non e' un erbivoroMolte sostanze contenute nei vegetali l'uomo non le digerisce..l'uomo non e' un ruminante, la cellulosa la espelle per via anale.E intanto il suo apparato digerente va in ipertrofia perche' si disabitua a trattare determinate sostanza, come le proteine animali.E a mio avviso diventa anche piu' soggetto ai malanni prodotti dai vari colesterolo, grassi insaturi etc. etc.
          quasi quasi nell'andare in germania mi fermo
          a bolzano a liberare quei poveri 50 cani che
          hanno trovato su un camion diretti verso la
          morte.
          io non sono per la vivisezione.Ma i test sugli animali a volte sono necessari.Se qualcuno conosce una via realmente alternativa,la proponga.Non sono cosi' ottuso da non ammettere che sbaglio.Purtroppo le ricerche serie (e sottolineo serie) vanno testate.E per fare i test sull'uomo occorre innanzitutto l'autorizzazione e sicuramente si avrebbe a che fare con persone con malattie allo stadio terminale.E l'effetto sulle persone sane come lo testiamo?In teoria la tal medicina non fa male, ma in pratica?certo se dovessi scegliere fra me e il mio gatto, forse andrei io :)ciao
  • Anonimo scrive:
    evvai
    si..si...fateie male!!!fuck microsoft!
  • Anonimo scrive:
    Una nuova speranza
    La forte presa di posizione di uno stato solido come quello tedesco è un esempio per tutti: in Europa abbiamo le risorse interne per fare certi lavori; queste risorse portano a risultati comparabili e spesso migliori e più sicuri di quelli realizzati da compagnie straniere (monopoliste, per giunta), i risultati sono realizzati secondo i criteri di trasparenza MASSIMA dovuti alla conoscenza del codice con cui i dati vengono elaborati; valorizzare queste risorse interne porta a *risparmi*, *sviluppo*, *innovazione*, e aumenta il grado di concorrenza in un mercato che altrimenti andrebbe in mano a un solo soggetto monopolistico già condannato per le sue azioni scorrette contro il mercato e i concorrenti.Questa è la strada da intraprendere: liberarci dalla schiavitù a un solo soggetto monopolistico con uno strumento che da più di 11 anni dimostra sul campo il proprio valore: Linux e l'Open Source in generale.Come cittadino dell'UE sono fiero che finalmente certe scelte vengano prese nella direzione giusta.Come cittadino Italiano sono indignato perché questa strada sembra ancora lontana dall'essere imboccata. Il mio invito è: sosteniamo le iniziative che appoggiano l'adozione dell'Open Source come strumento valido nell'Amministrazione Pubblica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una nuova speranza
      Direi che aderire a questa iniziativa potrebbe essere producente: http://www.softwarelibero.it/news/news020417_01.shtml
    • Anonimo scrive:
      Re: Una nuova speranza
      - Scritto da: zap
      Il mio invito è: sosteniamo le iniziative
      che appoggiano l'adozione dell'Open Source
      come strumento valido nell'Amministrazione
      Pubblica.Un applauso a zap che finalmente ha iniziato ad usare la giusta terminologia, distanziandosi dal fanatismo estremista del barbuto e del suo branco scagnozzi che ormai hanno perso ogni criterio.
  • Anonimo scrive:
    Il Regresso Europeo
    Mi spiace per molti che credono in buona fede che l'open source portera' ricchezza e sicurezza.La verita' e' purtroppo negli studi di settore come quelli citati da M$ Germany che concordano tutti sul fatto che la spesa in servizi e sviluppo richiesta dall'open source costa molto piu' del software proprietario.Sulla sicurezza sembra di essere in un altro mondo, come se i sistemi Linux non venissero bucati quotidianamente esattamente come qualunque altro sistema.Dietro c'e' solo strategia politica. Magari cosi' rimedieranno licenze Microsoft a poco prezzo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      ciao,- Scritto da: Berlinese
      Mi spiace per molti che credono in buona
      fede che l'open source portera' ricchezza e
      sicurezza.sicurezza si.. probabilmente la ricchezza la spandera' meglio, invece di incentrarla tutta a redmond
      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany che
      concordano tutti sul fatto che la spesa in
      servizi e sviluppo richiesta dall'open
      source costa molto piu' del software
      proprietario.forse la spesa iniziale e' piu' alta... FORSE... ma i soldi restano in germania e questo vuol dire tanto... non si parla di 100 euro..
      Sulla sicurezza sembra di essere in un altro
      mondo, come se i sistemi Linux non venissero
      bucati quotidianamente esattamente come
      qualunque altro sistema.L'unico server sicuro al 100% e' quello spento e staccato dalla rete... ma io direi che un server decentemente sicuro con linux e' fattibile, soprattutto se hai un bel team di esperti a controllarlo... un server M$ e' sicuro fin quando non trovano gli exploit necessari... poi da li' in poi devi aspettare che la M$ ti rilasci la patch... e nel frattempo? incroci le dita?
      Dietro c'e' solo strategia politica. Magari
      cosi' rimedieranno licenze Microsoft a poco
      prezzo.puo' anche darsi... puo' anche darsi che a suon di piccole bastonate la M$ cambi la sua strategia dei prezzi o delle licenze.. quindi ben vengano comq queste cose...ergo
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      trolling...Il vantaggio dell' open source non e' il costo inferiore, o la maggior sicurezza, bensi' quello di permetterti di essere padrone dei tuoi dati, registrandoli in formati liberi e decodificabili a piacere.Consiglio a tutti la lettura di "trappola nel cyberspazio" di Di Cosmo ( vedere su Google :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo

      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany ma cosa vuoi che ti citino? hai mai cheisto all'oste se il vino sia buono?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      - Scritto da: Berlinese
      Mi spiace per molti che credono in buona
      fede che l'open source portera' ricchezza e
      sicurezza.mi spiace che tu pensi che le decisioni di un governo si basino solamente su considerazioni economiche... fortunatamente ti sbagli.
      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany che
      concordano tutti sul fatto che la spesa inla spesa più alta per un governo è questione secondaria...i cittadini pagano le tasse e vogliono che sianospese BENE, non che siano spese poco.
      Sulla sicurezza sembra di essere in un altro
      mondo, come se i sistemi Linux non venissero
      bucati quotidianamente esattamente come
      qualunque altro sistema.se tu avessi ragione allora non si capirebbe come maile assicurazioni chiedono un premio più alto se haisoftware microsoft ;)
      Dietro c'e' solo strategia politica. SOLO?????La strategia politica è quello che il governo deve attuare!!!!!
      Magari cosi' rimedieranno licenze Microsoft a
      poco prezzo.buahahaha... non credi che questo sarebbe già unbuon risultato anche per te? La concorrenza difendeil consumatore!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      - Scritto da: Berlinese
      Mi spiace per molti che credono in buona
      fede che l'open source portera' ricchezza e
      sicurezza.ricchezza non so, sicurezza sicuramente si, o almeno ad un livello nettamente superiore a quello di microsoft;microsoft fa software per vendere, quindi prima di tutto deve "sembrare" bello, facile, accattivante.... chi se ne frega se poi è pieno zeppo di bug, non possono mica permettersi di ritardare di 6 mesi l'uscita di un pacchetto sw "solo" per fare un serio bugfix?differente è invece l'approccio di chi sviluppa open source: in genere chi sviluppa open source si fa il software da se, per soddisfare le proprie necessità; infatti la stragrande maggioranza di software open source è "spartana", non è accattivante, ma è dannatamente efficace;il ritardo tecnologico a livello di applicazioni desktop c'è ed è evidente, per molte ragioni, la prima delle quali si evince da quanto detto sopra: un hacker (un vero hacker voglio dire) penso sia più propenso a buttarsi anima e corpo nello sviluppo di un proxy server, piuttosto che dedicarsi alla stesura di un word processor;le cose cmq stanno cambiando: personalmente io 2 anni fa avevo solamente una macchina linux, e 2 macchine windows; oggi invece ho 4 macchine linux, 1 in "multiproprietà" linux-win, e 2 macchine windows;e se le cose vanno avanti di questo passo, ti assicuro che il numero di macchine win è destinato a scendere;
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      Mettiamo pure che sia vero: non vedo sto gran danno, visto che almeno i soldi vengono spesi in stipendi europei, piuttosto che finire nelle casse della Microsoft.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      Non mi risulta che IBM sia a buon prezzo anzi...solo la consuleza e spese di conversione...il guadagno economico non lo vedo proprio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      - Scritto da: Berlinese
      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany che
      concordano tutti sul fatto che la spesa in
      servizi e sviluppo richiesta dall'open
      source costa molto piu' del software
      proprietario.ah ah... magari era meglio citare qualche altra fonte... ;o)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      - Scritto da: Berlinese
      settore come quelli citati da M$ Germany cheahahahaha ti sei tradito.Hai scritto MS col $.Sei un linuxiano che fa il troll!;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      http://www.seeweb.it/hosting/pages.php3?page=hosting-2Vedi il doppio asterisco in fondo alla pagina... ma questo è solo un esempio...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo

      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany che
      concordano tutti sul fatto che la spesa in
      servizi e sviluppo richiesta dall'open
      source costa molto piu' del software
      proprietario.Che e' un po' come dire:"Ieri il mio gatto e' caduto da 32esimo piano e non si e' fatto niente. Se non ci credi ti porto a vedere il gatto!":9
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      - Scritto da: Berlinese
      Mi spiace per molti che credono in buona
      fede che l'open source portera' ricchezza e
      sicurezza.
      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany che
      concordano tutti sul fatto che la spesa in
      servizi e sviluppo richiesta dall'open
      source costa molto piu' del software
      proprietario.
      Sulla sicurezza sembra di essere in un altro
      mondo, come se i sistemi Linux non venissero
      bucati quotidianamente esattamente come
      qualunque altro sistema.
      Dietro c'e' solo strategia politica. Magari
      cosi' rimedieranno licenze Microsoft a poco
      prezzo.Le decisioni che riguardano il futuro di una nazione, a mio parere non dovrebbero essere condizionate unicamente da considerazioni relative all'economia di mercato ma, data la portata di simili risoluzioni, dovrebbero essere quantomai lungimiranti.Non è solo un problema di prezzoNon è nemmeno un problema di qualitàE' sicuramente un problema di libertà.Io ad esempio, da quando uso GNU/Linux, ho imparato molte cose che diversamente non avrei nemmeno pensato di imparare.Linux ti sbatte in faccia la sua complessità, a differenza di altri sistemi e ti "costringe" ad imparare.Spendere il proprio tempo per imparare cose nuove è l'investimento più redditizio che una persona possa fare. (questo per quelli che "non ho certo tempo da perdere per leggere montagne di howto per far funzionare linux!!")Il sapere rende liberi.(e come corollario "sapere è potere", M$ docet)GNU/Linux basa la sua filosofia sulla libertà di condivisione del sapere, perciò è uno strumento di libertà, non un semplice software.Non importa se funziona meglio o peggio, se è più sicuro o meno sicuro, se è più costoso o meno costoso, se è più facile o più difficile....Rende le persone più libere e più consapevoli, questo è il suo più grande valore.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo
      - Scritto da: Berlinese
      servizi e sviluppo richiesta dall'open
      source costa molto piu' del software
      proprietario.Perche' non puoi farlo gestire ad una scimmia ubriaca?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Regresso Europeo

      Mi spiace per molti che credono in buona
      fede che l'open source portera' ricchezza e
      sicurezza.
      La verita' e' purtroppo negli studi di
      settore come quelli citati da M$ Germany[CUT]LOL! LOL! Ma ti paga la M$ per sparare mer** sull'Open Source o fai tutto gratuitamente?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Regresso Europeo
        C'è un altro aspetto a favore dell'open sorce che non avee citato, ovvero il codice sorgente aperto, come dice il nome stesso. Non è un semplice dettaglio, dato che il software microsoft viene usato in molti server contenenti informazioni riservate. Basti pensare al ministero della difesa, servizi segreti... Chi può affermare con certezza che WINDOWS non abbia backdoors? Gli americani hanno costruito un sistema enorme, Echelon, per spiare il resto del mondo e secondo voi non sarebbero in grado di pagare MICROSOFT per installare una backdoor per loro nei suoi sistemi operativi? A me appare piuttosto probabile.
  • Anonimo scrive:
    UAUAUA
    Voglio proprio vedere vedere Bill Gates che da' dei Comunisti ai Tedeschi !!! :-)))
  • Anonimo scrive:
    Bene!
    Non dubito che i lfatto che Suse sia tedesca abbia avuto il suo peso, ma in ogni caso è una buona notizia! ^______________^
  • Anonimo scrive:
    Buona fortuna
    Che valga da esempio per tutti, la loro esperienza ci sarà utile. Speriamo solo che Suse non inizi ad approfittarsene... e chi ha orecchi per intendere intenda.
    • Anonimo scrive:
      Re: Buona fortuna
      - Scritto da: Lemon
      Che valga da esempio per tutti, la loro
      esperienza ci sarà utile. Speriamo solo che
      Suse non inizi ad approfittarsene... e chi
      ha orecchi per intendere intenda.altrimenti... nel sacco a pelo!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Buona fortuna
      - Scritto da: Lemon
      Che valga da esempio per tutti, la loro
      esperienza ci sarà utile. Speriamo solo che
      Suse non inizi ad approfittarsene... e chi
      ha orecchi per intendere intenda.Premetto che non ne so una cippa..... Ma suse in giro si trova solo a pagamento?
    • Anonimo scrive:
      Re: Buona fortuna
      - Scritto da: Lemon
      Che valga da esempio per tutti, la loro
      esperienza ci sarà utile. Speriamo solo che
      Suse non inizi ad approfittarsene... e chi
      ha orecchi per intendere intenda.SuSE e' una distribuzione un po' strana. E' di altissima qualita' (Dopo aver provato RH, Mandrake e altre posso permettermi di giudicare) e il prezzo e' decisamente inferiore alle concorrenti.Pero' poi fa' i "giochetti sporchi", come il non distribuire piu' le .iso, offrire nelle riviste la versione Live non installabile su HD o spingere per un nuovo tipo di licenza ("Per seat", mi pare si dica).Capisco che una ditta deve anche fare degli utili, ma la mia paura e' che, goccia dopo goccia, si possa arrivare ad avere una distribuzione Linux non piu' "agggggratis" (Che e' quel che piu' mi interessa: Ho comperato 3 versioni di SuSE e copiate altrettante :-)).
      • Anonimo scrive:
        Re: Buona fortuna
        Non confondere il free con l'Open...E comunque devono rilasciare i sorgenti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buona fortuna
          - Scritto da: BrUtE AiD
          Non confondere il free con l'Open...
          E comunque devono rilasciare i sorgenti.Non i sorgenti di Yast, che in fondo e' quel che fa' la differenza ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Buona fortuna
        - Scritto da: GiamboL'importante e' che rilascino i sorgenti, che si attengano agli standard (che sono in fase di definizione) e che facciano pagare prezzi ragionevoli, magari differenziando l'utenza aziendale da quella casalinga o educational...
        - Scritto da: Lemon
        SuSE e' una distribuzione un po' strana. E'
        di altissima qualita' (Dopo aver provato RH,
        Mandrake e altre posso permettermi di
        giudicare) e il prezzo e' decisamente
        inferiore alle concorrenti.
        Pero' poi fa' i "giochetti sporchi", come il
        non distribuire piu' le .iso, offrire nelle
        riviste la versione Live non installabile su
        HD o spingere per un nuovo tipo di licenza
        ("Per seat", mi pare si dica).
        Capisco che una ditta deve anche fare degli
        utili, ma la mia paura e' che, goccia dopo
        goccia, si possa arrivare ad avere una
        distribuzione Linux non piu' "agggggratis"
        (Che e' quel che piu' mi interessa: Ho
        comperato 3 versioni di SuSE e copiate
        altrettante :-)).
  • Anonimo scrive:
    GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
    GUERRIERI.E' tempo della resa dei conti ormai prossima. L' alleanza dei LIBERI sta circondando le piazzeforti PRETORIANE del DRAGASACCOCCE di REDMON che dovrà rendere conto lui e tutto il suo Impero dei Male dei danni arrecati ai neuroni degli Umanoidi Utonti che ha contribuito a schiavizzare rendendoli DRAGADIPENDENTI assuefatti.IBM è un potente alleato dell' Open Source ed ha finalmente capito su quale carro salire; il carro degli Standard Aperti e non più proprieta
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
      Germania e Perù hanno capitolato, adesso è il turno degli altri. Hasta la victoria.
      • Anonimo scrive:
        Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
        - Scritto da: one_dude
        Germania e Perù hanno capitolato, adesso è
        il turno degli altri. Hasta la victoria.ma smettiamola di farne una questione ideologico-politica...
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
          - Scritto da: SoSe


          - Scritto da: one_dude

          Germania e Perù hanno capitolato, adesso è

          il turno degli altri. Hasta la victoria.

          ma smettiamola di farne una questione
          ideologico-politica...non è mai stata una "questione ideologica" da parte nostra. I PRETORIANI ne hanno fatto una impropria questione ideologiga tanto per buttarla in vacca.E' solo una questione di stile e di LIBERTA' dello sharing della conoscenza.
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
          Usi le parole "Ideologica" e "politica" come fossero cose da disprezzare.Secondo me invece si tratta proprio ci una cosa politica, nel senso più nobile del termine.Michele
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
            - Scritto da: Michele
            Usi le parole "Ideologica" e "politica" come
            fossero cose da disprezzare.
            Secondo me invece si tratta proprio ci una
            cosa politica, nel senso più nobile del
            termine.Concordo, in parte, nel senso che non sono cose da disprezzare MA la politica dell' IT Libera, Opensource o che dir si voglia e' meglio che sia trasversale alle posizioni politiche e non appannaggio di una sola che aderisce ad una sola ideologia politica.Come vedi uso il termine "politica" senza disprezzarlo anche se ne disprezzo l'uso che spesso se ne fa.
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
          - Scritto da: SoSe


          - Scritto da: one_dude

          Germania e Perù hanno capitolato, adesso è

          il turno degli altri. Hasta la victoria.

          ma smettiamola di farne una questione
          ideologico-politica...ehm hasta la victoria vuol dire fino alla vittoria...cosa auspicabile o no? sempre avanti
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
      Beh, succede che anche i governi si aggiornano ed intelligentemente progrediscono... fallo anche tu: BASTA CAPS!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
        beh, chissà perchè PI parla così bene di IBM e linux... forse perchè sono degli sponsor e vi pagano????
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
          - Scritto da: kovalski
          beh, chissà perchè PI parla così bene di IBM
          e linux... forse perchè sono degli sponsor e
          vi pagano????Il tuo è solo fuoco di sbarramento che getta fumo negli occhi.Le tue cortine fumogene sono destinate a scomparire alla prima brezza.
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
          - Scritto da: kovalski
          beh, chissà perchè PI parla così bene di IBM
          e linux... forse perchè sono degli sponsor e
          vi pagano????Prova ad installare sul tuo sistema Linux o FreeBSDe poi dimmi cosa ne pensi...... devi solo perderci un po' di tempo per impratichirti ma trovi tutto online (free).IBM sta cavalcando un cavallo vincente!
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
          - Scritto da: kovalski
          beh, chissà perchè PI parla così bene di IBM
          e linux... forse perchè sono degli sponsor e
          vi pagano????ma come? ma secondo altri post di altri forum sono sponsorizzati da microsoft specie e soprattutto perche' parlano sempre di xbox e perche' usano iis...usiamo un po' la testa please ?
      • Anonimo scrive:
        Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
        - Scritto da: Wirelezz
        Beh, succede che anche i governi si
        aggiornano ed intelligentemente
        progrediscono... fallo anche tu: BASTA
        CAPS!!!è limitato al minimo indispensabile.Alien
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
      Non si era parlato di un tag TROLL ?Rispettare la netiquette please, credevo fosse un post serio.
      • Anonimo scrive:
        Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
        - Scritto da: gsam
        Non si era parlato di un tag TROLL ?
        Rispettare la netiquette please, credevo
        fosse un post serio.IBM e SuSe sono molte più serie di te e non si formalizzano.Alien.
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
          Non stavo parlando della notizia in se che mi fa molto piacere ma del tuo *solito* modo di porti a questo tipo di notizie.Il fatto che tu veda il tutto come un giochino tra buoni e cattivi è divertente ma dato che non tutti hanno il tempo di retrocedere mentalmente un tag TROLL aiuta molto a far capire che il post è un'idiozia.Vedrò di sostituire mentalmente la tua firma al tag dato che ignori la netiquette.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            E tu chi sei per dare "consigli" ad Alien?!!Non ho mai visto quello che tu definisci che veda come un giochino, ma come una GUERRA che ognuno combatte con le armi che ha.Gira alla larga dai miei post se ti infastidiscono e se hai la puzza sotto il naso.Combatti le tue battaglie altrove con chi ti è consono e non rompere i maroni a me.Alien.- Scritto da: gsam
            Non stavo parlando della notizia in se che
            mi fa molto piacere ma del tuo *solito* modo
            di porti a questo tipo di notizie.
            Il fatto che tu veda il tutto come un
            giochino tra buoni e cattivi è divertente ma
            dato che non tutti hanno il tempo di
            retrocedere mentalmente un tag TROLL aiuta
            molto a far capire che il post è un'idiozia.
            Vedrò di sostituire mentalmente la tua firma
            al tag dato che ignori la netiquette.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Sei tu che rompi i maroni su un forum pubblico con le tue cazzate da caciottaro.Ti auguro che l'utonto di turno si faccia sentire al più presto così da poter soddisfare il tuo piccolo ego e mostrare a tutti che hai acquisito tre nozioni tre di informatica.Quella che tu chiami puzza sotto al naso è semplice buona educazione.Ciao utonto nel frattempo ti plonko (fa queste cose su un ng magari *linux* vedrai che successone :D )
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Non devo rendere conto a te delle mie nozioni informatiche o altro.Bada piuttosto a soddisfare il tuo "ego" sui ng alla tua "altezza".Sto ancora aspettando il tuo "elevato" apporto alla discossione.Non ho mai avuto alcun ego da soddisfare forse a differenza di te.La tua va oltre la "buona educazione" è noia con la puzza sotto il naso.Vedi di "plonkare" con tua sorella.Mi scelgo i ng che credo, vai a perdere tempo da altre parti, magari dai PARRUCCONI elevati come te, qui fai cilecca.amen.Alien.- Scritto da: gsam
            Sei tu che rompi i maroni su un forum
            pubblico con le tue cazzate da caciottaro.
            Ti auguro che l'utonto di turno si faccia
            sentire al più presto così da poter
            soddisfare il tuo piccolo ego e mostrare a
            tutti che hai acquisito tre nozioni tre di
            informatica.
            Quella che tu chiami puzza sotto al naso è
            semplice buona educazione.
            Ciao utonto nel frattempo ti plonko (fa
            queste cose su un ng magari *linux* vedrai
            che successone :D )
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Questo è il tuo?- Scritto da: Alien
            GUERRIERI.
            E' tempo della resa dei conti ormai
            prossima. L' alleanza dei LIBERI sta
            circondando le piazzeforti PRETORIANE del
            DRAGASACCOCCE di REDMON che dovrà rendere
            conto lui e tutto il suo Impero dei Male dei
            danni arrecati ai neuroni degli Umanoidi
            Utonti che ha contribuito a schiavizzare
            rendendoli DRAGADIPENDENTI assuefatti.
            IBM è un potente alleato dell' Open Source
            ed ha finalmente capito su quale carro
            salire; il carro degli Standard Aperti e non
            più proprieta La Guerra da tempo cominciata sta entrando
            nella fase cruciale, le armate PRETORIANE
            sono per la prima volta in chiara
            difficoltà, il DRAGA sarà costretto ad una
            resa onorevole o totale, dipenderà dalle sue
            prossime mossime. Redmon è ormai
            continuamente monitorata.
            Il Comandante dell' Incrociatore da
            Battaglia Spaziale "Enterprise" Alien.Non che quello che hai scritto abbia una parvenza di senso.Forse ignori che SuSE ha in se anche codice proprietario, che quindi la differenza con il dragasaccocce di Redmon(d) non è così marcata come credi. Può essere vista come un passo avanti nell'abbattimento di uno stupido monopolio, ma non è software libero.Prova a scaricare SuSE da internet se ci riesci.Vedremo le prossime mossime :DCiao comandante, speriamo che almeno il generale non confonda netiquette con puzza sotto il naso :D
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Ho sempre detto che Open Source significa FREE, non GRATIS.Ho sempre detto e affermato che il anche SW commerciale può benissimo convivere con l' Open Source.L' importante è romprere il Monopolio Microsoft che ritengo abbia fatto più male che bene e destinato a peggiorare la qualità dei SO/SW ed a riempire le tasche del DRAGASACCOCCE e collegati.Rimango del parere che l' Open Source sia la strada giusta e unica per Qualità, Sicurezza, Risparmio per tutti.Pare che questo mio parere siua condivisoi da molti e destinato ad aumentare la condivisione.L' Open Source dovràrappresentarefonte di lavoro e guadagno per moltissimi, fonte di lavoro e guadagno molto più distribuitri del Closed.Non nascerà un Re Mida alla DRAGASACCOCCE di REDMOND con l' OIpen Source, ma lavoreranno in parecchi e meglio.- Scritto da: gsam
            Questo è il tuo?

            - Scritto da: Alien

            GUERRIERI.

            E' tempo della resa dei conti ormai

            prossima. L' alleanza dei LIBERI sta

            circondando le piazzeforti PRETORIANE del

            DRAGASACCOCCE di REDMON che dovrà rendere

            conto lui e tutto il suo Impero dei Male
            dei

            danni arrecati ai neuroni degli Umanoidi

            Utonti che ha contribuito a schiavizzare

            rendendoli DRAGADIPENDENTI assuefatti.

            IBM è un potente alleato dell' Open Source

            ed ha finalmente capito su quale carro

            salire; il carro degli Standard Aperti e
            non

            più proprieta
            La Guerra da tempo cominciata sta entrando

            nella fase cruciale, le armate PRETORIANE

            sono per la prima volta in chiara

            difficoltà, il DRAGA sarà costretto ad una

            resa onorevole o totale, dipenderà dalle
            sue

            prossime mossime. Redmon è ormai

            continuamente monitorata.

            Il Comandante dell' Incrociatore da

            Battaglia Spaziale "Enterprise" Alien.

            Non che quello che hai scritto abbia una
            parvenza di senso.
            Forse ignori che SuSE ha in se anche codice
            proprietario, che quindi la differenza con
            il dragasaccocce di Redmon(d) non è così
            marcata come credi. Può essere vista come un
            passo avanti nell'abbattimento di uno
            stupido monopolio, ma non è software libero.
            Prova a scaricare SuSE da internet se ci
            riesci.
            Vedremo le prossime mossime :D
            Ciao comandante, speriamo che almeno il
            generale non confonda netiquette con puzza
            sotto il naso :D
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Allora sei capace di formulare pensieri!Non ti chiedevo poi molto in fondo :)Free-Gratis c'entra fino a un certo punto: non credo SuSE fornisca i suoi servizi gratis nè lo deve fare. La soluzione ottimale sarebbe fornire un servizio sulla base di sfw *totalmente* free (inteso come opensource).Non è il fatto che sia a pagamento a infastidirmi (ci mancherebbe) ma il fatto che non ci siano i sorgenti. L'esempio dello scaricare dalla rete era appunto una dimostrazione di come SuSE si tenga il suo codice ben stretto e non stiamo parlando di DB2 o Oracle, ma dell'OS. Linux è perfettamente integrabile con sfw proprietario ma *almeno* la base dovrebbe essere OpenSource.Mi sembra che le distro completamente OpenSource funzionino per bene quindi in realtà il codice proprietario di SuSE è solamente una quetione di vile *proprietà*.E' un'ipotesi fantascientifica ma dopo aver tolto dalle palle Microsoft dovremmo imparare a non mettere alcuna azienda/multinazionale in grado di imporre un nuovo monopolio, per quanto remota questa ipotesi sia.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Concordo che Open Source e licenza GPL significa anche "Distribuzione dei Sorgenti".Chiarito il fatto che non significa "GRATIS" l' Open Source e la GPL, ma "Distribuzione dei Sorgenti", andiamo ad IBM ed a SuSe.Conosco IBM per storia passata, ma non conosco SuSe.So che IBM ha commesso moltissimi errori nela passato, sempre a mio modestissimo parere, (HW e SW Proprietario per garantirsi vita immortale o quasi), ed ha dato la possibilità alla crescita del MOSTRO Microsoft; quando IBM ha tentato di porre fine al Mostro, era troppo tardi ed il Mostro era ormai in grado di autoalimentarsi.Riconosco, sempre personalmente, il merito a IBM, di aver cambiato idea e di aver sposato recentemente l' Open Source sinceramente, senza secondi fini, e per senza secondi fini non intendo "Senza che ci Guadagni" perchè semplicemente è giusto che chi lavora guadagni, ma non straguadagni, tutto deve essere retto e governato da un aperto equilibrio di leale concorrenza.Quindi penso che IBM sia sincera nel finanziare la comunità Open Source e LINUX con parecchi Ml di $ perchè convinta sia in un ritorno sia economico che di immagine.SuSe non la conosco, ma ritengo che difficilmente possa o voglia intraprendere la strada del Closed alla Microsoft, sarebbe spazzata via in breve tempo dalla Comunità Open Source e sarebbero grossi e definitivi guai anche per IBM.Alien.- Scritto da: gsam
            Allora sei capace di formulare pensieri!
            Non ti chiedevo poi molto in fondo :)

            Free-Gratis c'entra fino a un certo punto:
            non credo SuSE fornisca i suoi servizi
            gratis nè lo deve fare.
            La soluzione ottimale sarebbe fornire un
            servizio sulla base di sfw *totalmente* free
            (inteso come opensource).
            Non è il fatto che sia a pagamento a
            infastidirmi (ci mancherebbe) ma il fatto
            che non ci siano i sorgenti. L'esempio dello
            scaricare dalla rete era appunto una
            dimostrazione di come SuSE si tenga il suo
            codice ben stretto e non stiamo parlando di
            DB2 o Oracle, ma dell'OS. Linux è
            perfettamente integrabile con sfw
            proprietario ma *almeno* la base dovrebbe
            essere OpenSource.
            Mi sembra che le distro completamente
            OpenSource funzionino per bene quindi in
            realtà il codice proprietario di SuSE è
            solamente una quetione di vile *proprietà*.
            E' un'ipotesi fantascientifica ma dopo aver
            tolto dalle palle Microsoft dovremmo
            imparare a non mettere alcuna
            azienda/multinazionale in grado di imporre
            un nuovo monopolio, per quanto remota questa
            ipotesi sia.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            [cut]
            semplicemente è giusto che chi lavora
            guadagni, ma non straguadagni, tutto deve
            essere retto e governato da un aperto
            equilibrio di leale concorrenza.[/cut]scusa ma perche' uno non puo' guadagnare MOLTO da una propria attività? e perche' lo straguadagno e' in contrasto con il concetto di "aperto equilibrio e leale concorrenza"?attendo illuminata analisi del nostro alieno preferito
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: bertinottovirtuale


            [cut]

            semplicemente è giusto che chi lavora

            guadagni, ma non straguadagni, tutto deve

            essere retto e governato da un aperto

            equilibrio di leale concorrenza.
            [/cut]


            scusa ma perche' uno non puo' guadagnare
            MOLTO da una propria attività? e perche' lo
            straguadagno e' in contrasto con il concetto
            di "aperto equilibrio e leale concorrenza"?

            attendo illuminata analisi del nostro alieno
            preferitosenti DESTRORSO di sinistra sinistrato, ora vado all' osteria, poi, al rientro, risponderò illuminatamente, ma brevemente perchè devo lavorare, alla tua provocazione sullo "straguadagno".
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....


            senti DESTRORSO di sinistra sinistrato, ora
            vado all' osteria, poi, al rientro,
            risponderò illuminatamente, ma brevemente
            perchè devo lavorare, alla tua provocazione
            sullo "straguadagno".
            bene, attendo con ansia. Buon vinello e buon pranzo.PS: non a sinistra, un po' verso destra , cmq fautore del liberismo.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Caro amico di sinistra sinistrato, sono appena rientrato dall' osteria, dopo aver fatto un pò di bisboccia con amici un pò destrorsi come te, un pò sinistrati come me, e mi accingo a rispondere alla tua domanda con un' attenta analisi di alto livello macroeconomico che farebbe invidia a quel fumato del Ministro delle Finanze del NANO dfi ARCORE, di cui ora non ricordo il nome, se non la erre moscia.La differenza che passa tra un normale "guadagno" ad uno "straguadagno" derivato da un' attività imprenditoriale, è la stessa differenza che passa tra un imprenditore onesto e un bandito.Ma non mi fraintyendere sulla dicitura "un imprenditore onesto", perchè nella situazione fiscale attuale è difficile trimanere un "imprenditore onesto", in quanto sei tosato come una pecora, ma nonostante questo, cerchi di rimanere onesto nonostante certe Leggi Amministrative, Burocratiche, Fiscali così assurde che se anche marci in regola, saresti COMUNQUE colto in fallo da verifiche fiscali, data l' assurdità di certe norme e Leggi fatte apposta per incastrarti quando necessario o richiesto.Invece, l'imprenditore BANDITO, ruba così pesantemente e abbondantemente da potersene strafegare delle Norme e delle Leggi, quasi sempre, riuscendo a manovrare processi o a ritardarli alle calende greche con le sue torme di appoggi politici e di avvocati anche parlamentari, tanto da far cadere in prescrizione i reati finanziari.- Scritto da: bertinottovirtuale





            senti DESTRORSO di sinistra sinistrato,
            ora

            vado all' osteria, poi, al rientro,

            risponderò illuminatamente, ma brevemente

            perchè devo lavorare, alla tua
            provocazione

            sullo "straguadagno".



            bene, attendo con ansia. Buon vinello e buon
            pranzo.

            PS: non a sinistra, un po' verso destra ,
            cmq fautore del liberismo.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Ma quale contrasto, si chiede di guadagnare (o straguadagnare, meglio...) rispettando il cliente e senza prenderlo per i fondelli e di cambiare il proprio metodo di lavoro in base alle nuove esigenze che si stanno creando, alle nuove possibilità.Credi che a Berlino non abbiano bisogno di un sistema ad hoc rispetto alle loro esigenze? Basterebbe farsi pagare le "personalizzazioni", il supporto, la formazione di nuovo personale specializzato. E si potrebbe straguadagnare con questo distribuendo i sorgenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Non credere che IBM supporti il movimento Open Source per qualcosa che vada al di là del mero interesse economico perchè sei fuori strada.IBM da un'importantissima scossa allo sviluppo di Linux (e lo sta già facendo) mantenendo cmq i suoi sistemi prettamente commerciali.Un'altro vantaggio è dovuto all'immagine e alla credibilità che ne consegue, Linux sta lentamente passando da os per smanettoni a professionale (per gli utonti) e ciò è un bene.Ciò non toglie che sia guadagno e lotta di potere (informatico, non parlo di politica, non mi interessa).Anche SuSE si comporta così, ma è differente, SuSE dovrebbe essere un OS Linux e dovrebbe essere puramente OpenSource. Il resto è aria.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Le nostre opinioni, raffineandole ulteriormente, potrebbero convegere fino a quasi combaciare.Il "quasi" è quello che manterrà vitalità economica nel senso che in nessun caso e in nessun campo è bene avere opinioni perfettamente combacianti.La differenza è vita e stimolo di progresso.- Scritto da: gsam
            Non credere che IBM supporti il movimento
            Open Source per qualcosa che vada al di là
            del mero interesse economico perchè sei
            fuori strada.
            IBM da un'importantissima scossa allo
            sviluppo di Linux (e lo sta già facendo)
            mantenendo cmq i suoi sistemi prettamente
            commerciali.
            Un'altro vantaggio è dovuto all'immagine e
            alla credibilità che ne consegue, Linux sta
            lentamente passando da os per smanettoni a
            professionale (per gli utonti) e ciò è un
            bene.
            Ciò non toglie che sia guadagno e lotta di
            potere (informatico, non parlo di politica,
            non mi interessa).
            Anche SuSE si comporta così, ma è
            differente, SuSE dovrebbe essere un OS
            Linux e dovrebbe essere puramente
            OpenSource. Il resto è aria.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....

            Forse ignori che SuSE ha in se anche codice
            proprietario, che quindi la differenza con
            il dragasaccocce di Redmon(d) non è così
            marcata come credi. Può essere vista come un
            passo avanti nell'abbattimento di uno
            stupido monopolio, ma non è software libero.
            Prova a scaricare SuSE da internet se ci
            riesci.
            Vedremo le prossime mossime :DE' una cosa che ho notato anch'io, non sarà che quando iniziano ad avere un po' di mercato tutti quanti vadano nella stessa direzione?
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            L'intelligenza di un'azienda dipende anche dalla ricerca di fonti alternative di guadagno.SuSE non mi piace e non mi piacerà.IBM fa bene a far pagare il suo DB2 vista la qualità *eccelsa* del prodotto e del fatto che non sia necessario uno sviluppo opensource ai fini puramente qualitativi di DB2 (io alla fine guardo solo quelli).SuSE invece rivende sfw libero che ottiene gratis farcendolo di codice proprietario.Ciò intacca l'intero sistema.Non intendo dire che questa notizia sia malvagia, affatto, voglio solo dire che non è oro tutto quello che luccica.Personalmente uso Debian e sono contento della mia scelta ( == risponde alle mie esigenze).
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: gsam
            L'intelligenza di un'azienda dipende anche
            dalla ricerca di fonti alternative di
            guadagno.
            SuSE non mi piace e non mi piacerà.
            IBM fa bene a far pagare il suo DB2 vista la
            qualità *eccelsa* del prodotto e del fatto
            che non sia necessario uno sviluppo
            opensource ai fini puramente qualitativi di
            DB2 (io alla fine guardo solo quelli).
            SuSE invece rivende sfw libero che ottiene
            gratis farcendolo di codice proprietario.
            Ciò intacca l'intero sistema.
            Non intendo dire che questa notizia sia
            malvagia, affatto, voglio solo dire che non
            è oro tutto quello che luccica.
            Personalmente uso Debian e sono contento
            della mia scelta ( == risponde alle mie
            esigenze).Usi Debian perchè sei un "purista", ma questo no deve, secondo me, portarti a pensare in modo di "sufficienza" su chi usa Distro LINUX più diciamo .....umane.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Umane?Come no a prima vista.Ho recentemente "testato" Mdk, conseguenza di una discussione con Pogoboy sulla validità della 8.2Risultato: il GCC incluso è uno snapshot di sviluppo risaputamente instabile, incluso per incrementare la feature list stile Windows.Il filesystem di default è Ext3, anche quello in testing.Ho trovato dei pacchetti fallati all'interno della distro, ad esempio Wine.Il bootstrap è nascosto e l'utente non vede (non sempre) errori durante il boot.Kde invece resta 2.2, meno stabile di 3.0L'installazione di default installa una quantità imbarazzante di castronerie inutili per il target a cui è rivolta la distro.Chiamala umana ! Non disprezzo nessuno, semplicemente non è tutto oro quello che luccica. Inoltre usare uno Unix come Windows... vabbè IMO
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: gsam
            Prova a scaricare SuSE da internet se ci
            riesci.Riuscito.La sto usando ora, SuSE 7.3 scaricata da qui (uno dei mirror ufficiali):ftp://sunsite.cnlab-switch.ch//mirror/SuSE/suse/i386/7.3Si puo' anche scaricare solo l'immagine del disco di boot che all'avvio installa la distro direttamente dal server FTP (comodissimo per chi ha ADSL & co).e non mi dire che è la evaluation perche in tutto sono 9.1 GB e la eval sta su un CD.Dunque, prima di scrivere cag4te nei forum, informarsi prima grazie!
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....

            Dunque, prima di scrivere cag4te nei forum,
            informarsi prima grazie!Proprio vero, la trollaggine non è solo Microsoft.Si parla *ovviamente* dell'ultima release (8.0 fuori già da un bel po').Dopo che l'hai scaricata (non c'è quindi non ci riuscirai) controlla se ci sono i sorgenti.Dopo posta, risparmi figuracce.Ciao :)
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
            - Scritto da: Skaven
            - Scritto da: gsam

            Prova a scaricare SuSE da internet se ci

            riesci.
            Riuscito.che importa tanto tutti noi sappiamo che suse non e' veramente free ovvero libera non come debian che infatti uso
        • Anonimo scrive:
          Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
          sarà... ma io ci ho provato a installare linux... non mi piace la politica di microsoft... e volevo liberarmi di questo assurdo monopolio... ma il mio pc non ne vuol sapere. Premetto che non sono un esperto... ma ho provato la distribuzione mandrake, la red-hat... ma nisba.. tutto parte... e mi si inchioda dopo poco... ma non si istalla niente.Utonto ero... utonto sono... e forse utonto sarò... chi mi da una mano??? :)))
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: gnafò!
            sarà... ma io ci ho provato a installare
            linux... non mi piace la politica di
            microsoft... e volevo liberarmi di questo
            assurdo monopolio... ma il mio pc non ne
            vuol sapere. Premetto che non sono un
            esperto... ma ho provato la distribuzione
            mandrake, la red-hat... ma nisba.. tutto
            parte... e mi si inchioda dopo poco... ma
            non si istalla niente.
            Utonto ero... utonto sono... e forse utonto
            sarò... chi mi da una mano??? :)))Vai al LUG più vicino a te.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            già fatto... LUG in pietoso stato di coma.. non più aggiornato dal 2000... e il 90% delle pagine o dei link vari sono irraggiungibili... provo con lourdes? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: gnafò!
            già fatto... LUG in pietoso stato di coma..
            non più aggiornato dal 2000... e il 90%
            delle pagine o dei link vari sono
            irraggiungibili... provo con lourdes? :)intendevo LUG come persone fisiche che ti possono aiutare.Controlla se ve ne sono nella città in cui vivi o vicino, saranno contenti di aiutarti e ti installeranno una distro LINUX sultuo picci.Ormai installare LINUX è semplicissimo e difficilmente si incontrano problemi HW.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            Be i problemi ci sonoeccome !Basta che fai un pc non standard e ti ritrovi nella cacca ! volete le porssime notizie o volete aspettare ?Il prossimo passo a a che fare con la cina(ha giustamente fifa) di finire con qualche bomba atomica sul suo territorio e non ha per il momento intenzione di entrare in querra dato che incomincia solo ora a diventare una nazione che cerca di rispettare i diritti civili e di entrare in competizione col resto del mondoe' in costruzione una centrale idroelettrica di proporzioni enormi per far fonte al suo prossimo ed imminente consumo di energia elettrica(usara windows nei controlli della cosa ?)non credo sempre che riguarda la cina potrebbe saltarci fuori un patto di non belligeranza con la NATOla guerra tra india e pachikistan puo far leva su questo.Indipendente dalla situazione internazionale e' la ricerca spaziale che nessuna nazione DA SOLA si puo permettersi non solo per i costi ma anche per la tecnologia. Vi immaginate un bsod in una situazione critica nello spazio ?Molto spesso i software per certe applicazioni sono dedicati (fanno solo quello) e far intervenire microsoft su un software dedicato vuol dire consegnare l'eventuale tecnologia svilupata nelle mani di una sola industriaUNA cosa molto importante da ricordarsi e CHE LA RICERCA la paghiammo di tasca nostra e NON e' giusto che solo pochi si possano arrichire.o se una tecnologia non arrichisce migliora la vita, la cultura le idee.Linuz non e' controllabile da nessuno il che garantisce la privacy necessaria, la sicurezza, la compatibilita.Ad esempio win 2ooo non supporte in modo nativi il pppoe over ethernet, il tcp su ieee1394, usb2sono solo esemi banali ma in linux tutto questo esiste (potete dire che non sara il massimo intanto c'e').Un difetto di linux e' l'usability (da parte dell'utente).IBM ha deciso di utilizzare linux per il fatto che la richiesta di potenza di calcolo e' in aumento (e lo sara per sempre) e IBM dovra fornire server, e strutture in grado di fornire all'utente INDUSTRIALE le cose di cui ha bisognoquantita inumane di dati e altrettanta potenza di elaborazione trasmissione condivisione.Il che gli garantisce un quadagno sicuro in modo indipendente dal software (puo sviluuppare applicazioni per un determinato scopo)Se in windows viene trovato un errore grave(e non viene divulgato ma solo avvertita la microsoft) la microsoft non fa nulla per corregere l'errore(come molte falle di iis) non vengono correttequando viene avvisata da qualche esperto ma soloAL RILASCIO del EXPLOIT (codice che permette ad un hacker di impadronirsi del sistema affetto dal bug) il cherende preoccupante la situazione. (usare cervello)Ok all'utente in casa (come me) se ne frega se viene bucato iis se windows ha una protezione della memoria da cagare o cose del genereMa in sistemi critici (Pubblica amministrazione, ospedali apparati di pubblica sicurezza) penso non ci voglia un genio per capire che cosa puo comportare un buco in un sitema operativo.Mi sto riferendo al terrorismo alle grosse organizzazioni criminali....La privacy non viene garantita dal closed sourcevedi spyware windows mediaplayer passport realplayer office XP windows Xp ie6La privacy (in alcuni casi essenziali in altri inutile) e' una cosa che bisogna anche cercare di mantenere.Senza contare l'uso dei formati propietari che non garantiscono la possibilita di leggere in futuro i dati immagazzinati oggivedi ad esempio office 95 e office 97access 95 97 2000.........Bene dato che spero che da adesso userete brain (cervello) non c'e' piu bisogno di farsi la querra meglio windows o linux e' una scelta di comodita costi situazioni e sopprattuto licenze.Quanti euro ci costa usare il cervello ?Quanti euro ci costa non usare il cervello ?bene allora usiamo il cervello
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: Alien

            Ormai installare LINUX è semplicissimo e
            difficilmente si incontrano problemi HW.BOOM!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: UfK


            - Scritto da: Alien



            Ormai installare LINUX è semplicissimo e

            difficilmente si incontrano problemi HW.

            BOOM!!!Dove cìvivi te? A Katmandu dove i computer li fanno coi cucù?
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: Alien



            Ormai installare LINUX è semplicissimo
            e


            difficilmente si incontrano problemi
            HW.



            BOOM!!!
            Dove cìvivi te? A Katmandu dove i computer
            li fanno coi cucù?Per il momento non è ancora supportato bene dai produttori, sicuramente le cose stanno migliorando però il mercato non è ancora maturo, è una questione di interessi economici e nient'altro.Certo che questo è un discorso fatto per la gente comune, i geni come te riescono sempre in qualsiasi cosa nella vita, anche a rovinare la fama di un S.O. di tutto rispetto.Se fossi (non lo sono) un "utonto", come tu li definisci, che si avvicina per la prima volta ad un S.O. diverso da quelli MS e tutti gli utenti di Linux fossero come te non lo utilizzerei solo la paura di finire con l'assomigliarti.
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: UfK
            - Scritto da: Alien





            Ormai installare LINUX è
            semplicissimo

            e



            difficilmente si incontrano problemi

            HW.





            BOOM!!!

            Dove cìvivi te? A Katmandu dove i computer

            li fanno coi cucù?

            Per il momento non è ancora supportato bene
            dai produttori, sicuramente le cose stanno
            migliorando però il mercato non è ancora
            maturo, è una questione di interessi
            economici e nient'altro.
            Certo che questo è un discorso fatto per la
            gente comune, i geni come te riescono sempre
            in qualsiasi cosa nella vita, anche a
            rovinare la fama di un S.O. di tutto
            rispetto.
            Se fossi (non lo sono) un "utonto", come tu
            li definisci, che si avvicina per la prima
            volta ad un S.O. diverso da quelli MS e
            tutti gli utenti di Linux fossero come te
            non lo utilizzerei solo la paura di finire
            con l'assomigliarti.Esagerato.Comunque se non mi assomigli è meglio; sono orribile.ciao.Alien
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: UfK


            - Scritto da: Alien



            Ormai installare LINUX è semplicissimo e

            difficilmente si incontrano problemi HW.

            BOOM!!!
            Dando per scontato l'utilizzo del cervello nell'acquisto dell'hardware e nel contenimento della sindorme "next" tipica di Windows :)
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            - Scritto da: gsam


            - Scritto da: UfK





            - Scritto da: Alien





            Ormai installare LINUX è semplicissimo
            e


            difficilmente si incontrano problemi
            HW.



            BOOM!!!



            Dando per scontato l'utilizzo del cervello
            nell'acquisto dell'hardware e nel
            contenimento della sindorme "next" tipica di
            Windows :)Io ho installato la slack 8 che ha un'ottimo wizard!ho cliccato next-
            , next-
            , next-
            , done riavvio fine (nel senso che il pc è morto)bello no?
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....


            Dando per scontato l'utilizzo del cervello

            nell'acquisto dell'hardware e nel

            contenimento della sindorme "next" tipica
            di

            Windows :)

            Io ho installato la slack 8 che ha un'ottimo
            wizard!
            ho cliccato next-
            , next-
            , next-
            , done
            riavvio
            fine (nel senso che il pc è morto)
            bello no?Evvai...Red Hat 7.3, next (pubblicità:"Lo sapevi che...blabla...aiuto al ragazzo con il cappello rosso...blabla)-
            next (pubblicità)-
            next (pubblicità)-
            100% -
            "Configurazione del sistema" -
            BLOCCATO -
            reset manuale -
            MORTO.Riprovato 3 volte, comunque le sfide mi piacciono e visto che l'hardware considerato tutto compatibilissimo ormai si riduce ad una scheda grafica ci riproverò di nuovo!
          • Anonimo scrive:
            Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
            ROTFL :DCapita :)Questione di tempo, però poi sai quello che fai e non consideri TCP-IP un'iconcina in 3d di un computerino con un cavetto che esce ^^Nessuno dice che Linux sia buono per tutti, bisogna tirare fuori un po' il sano spirito smanettone, ma poi ripaga. Ci sono pro e contro.Ciao e buona fortuna ^^
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
      era ora che qualcosa accadesse per contrastare il monopolio microzoz.
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
      - Scritto da: Alien
      salire; il carro degli Standard Aperti e non
      più proprieta Il Comandante dell' Incrociatore da
      Battaglia Spaziale "Enterprise" Alien.Evviva la canapa...
      • Anonimo scrive:
        Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
        - Scritto da: Pogoboy

        A proposito, hai la documentazione del
        controller ServeRAID da prestarmi? Immagino
        sia aperto come tutto cio' che e' made by
        IBM.
        Già, aperto come il c**o di un finocchio...
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI..
      - Scritto da: Alien
      GUERRIERI.tu molte cose fumato hai.noi aspettando stiamo te a pechino linucs con.di portare ricorda rotelle per rollerdog.finire woody dobbiamo release prima di.ora torno insegnare deb ian chang a squadra calcio.
    • Anonimo scrive:
      Re: GLI ASSALTI ALL' ARMA BIANCA LI FANNO I MIEI....
      sei troppo il gran maestro di tutti i troll! ci stai dentro come un dalmata in tinta unita!
Chiudi i commenti