Random053/ E-Democrazia all'inglese

Dicono che il successo del Grande Fratello indica che l'interattività è nel sangue dei giovani, annoiati dalla politica. E spingono quindi sulle tecnologie, dirigendosi più rapidamente fuori strada. Quando un sito non basta


Roma – Lo scorso mese di luglio il Governo inglese ha aperto un sito web con tanto di forum (moderato) allo scopo di raccogliere idee e pareri dei sudditi di Sua Maestà sul progetto di “e-democracy”. Dal sito è possibile scaricare (in vari formati) la proposta e far conoscere ai suoi estensori il proprio pensiero in vario modo: via e-mail, fax o riempiendo un questionario on-line.

Nel suo documento il Governo propone un approccio alla democrazia elettronica basato su due linee direttrici separate ma interdipendenti: “e-partecipation” ed “e-voting”.

Come è chiaro anche a chi mastica poco l’inglese, la prima si riferisce ad un processo di partecipazione dei cittadini al governo della “cosa pubblica”, anche al di fuori della scadenza elettorale, mentre la seconda riguarda principalmente quest’ultima.

Dietro il progetto c’è il continuo ed inesorabile calo dei votanti che in Inghilterra ha raggiunto livelli inaspettati e che preoccupa non poco partiti e istituzioni e, a prima vista, questa proposta potrebbe sembrare un passo avanti verso una democrazia più partecipata che si realizza grazie alla comunicazione elettronica.

Qualche dubbio però sorge quando, nel documento, come esempio di uso delle nuove tecnologie viene citato “il successo degli show interattivi tipo il Grande Fratello (…) dovuto in larga parte alla tecnologia che permette ad un gran numero di persone di essere coinvolte in prima persona.” Non sappiamo quanto successo lo show abbia avuto nel Regno Unito, ma dubitiamo seriamente che si possa utilizzare come esempio positivo dell’uso della tecnologia nel favorire la partecipazione della popolazione al governo della società. A meno che non si tratti di trasformare lo Stato in una televisione ed i cittadini in telespettatori…

Continuando nella lettura del progetto si capisce che per partecipazione si intende “consultazione”, vale a dire la possibilità per il Governo di poter effettuare, in modo veloce ed economico, dei grossi sondaggi di massa, senza dover necessariamente affrontare i problemi e le spese che i sistemi tradizionali comportano.

E non è nemmeno detto, ma di questo sono ben consci anche i promotori, che sistemi del genere riescano a ridurre il fenomeno dell’astensione: nella città svedese di Kalix il Consiglio Comunale ha indetto una discussione ed un referendum a proposito della ristrutturazione del centro della città, ed a tale iniziativa hanno partecipato appena l’8% dei residenti, il che non ci sembra proprio un grosso esempio di coinvolgimento della popolazione.

Sicuramente le proposte di accesso gratuito alle informazioni riguardanti l’amministrazione pubblica, della creazione di luoghi di confronto fra amministratori e cittadini sono iniziative che possono portare dei risultati ma credere che l’uso del web basti a coinvolgere maggiormente i giovani, che – stando alle statistiche – sono tra quelli meno interessati alla “politica” è solo una mera illusione.

Passando poi alla questione del voto elettronico, vengono proposti: voto on-line, conteggio elettronico dei voti e votazioni gestite da computer, queste ultime dovrebbero sostituire del tutto le vecchie cabine elettorali ed essere utilizzate da coloro che non hanno o non vogliono usare il voto via Internet. Per ognuno di questi sistemi vengono fornite descrizioni di esperienze pilota. Il sistema dovrebbe entrare a pieno regime entro il 2006.

Uno degli altri punti deboli dei progetti di democrazia elettronica è che si continua a confondere una misura statistica, come quella del numero dei votanti, con la partecipazione dei cittadini al governo della società e si crede di risolvere questa situazione semplicemente “modernizzando” i sistemi di voto. Ma nessuno può garantire che questo sistema funzioni meglio del precedente solo perché c’è il web di mezzo: a fine ottobre (termine della consultazione) il forum del sito contava appena 73 thread e nemmeno 500 commenti.

Giuseppe

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    w il php
    la verità è che ormai se ne inventano una + del diavolo pur di cercare di allontanare gente dal condividere e dallo scaricare a sbaffo... e che cmq ci sarà sempre più gente a scaricare visti i prezzi di programmi,giochi o musica... volete un consiglio??? miei cari non uscite di casa a comprare quando si può scaricare a 30k(parlo per me) da casa... viva il php :-)
  • Anonimo scrive:
    E via anche ai proxy per il p2p
    cosi quei ladroni delle multinazionali e della siae avranno molto piu' da fare per trovare gli ip
  • Anonimo scrive:
    Diritti dei ladri?
    E' triste vedere tutti i ladruncoli del p2p agitarsi per difendere diritti che non hanno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Diritti dei ladri?
      E' ancora piu' triste leggere cio' che scrivi poichè deduco che non capisci nemmeno di cosa si stia parlando.
  • Anonimo scrive:
    Re: Intercettazione traffico P2P
    secondo me, perchè ci sia una vera violazione del copyright non è sufficiente scaricarlo, ma le ag )autorità giudiziarie) devono trovare fisicamente il materiale incriminato salvato sul computer o su qualsiasi altro supporto di registrazione. Sarà quindi competenza delle ag sequestrare il pc e i supporti e verificare (con il mandato di un giudice) che i dati registrati ledano effettivamente il copyright. Questo in quanto non si può desumere dal nome del file il suo effettivo contenuto. Questo avviene per quanto riguarda pedofili e grandi pirati ( quelli per intenderci che ricavano un reale guadagno ) . In questi casi l'interveto dei carabinieri o della guardia di finanza è tempestivo e atto a non consentire la distruzione del materiale incriminato. Non credo che a semplici (e milioni) di utenti di file sharing venga comminato un tale trattamento. Se mai un bell'avviso di garanzia ... e a buon intenditore poche parole ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Intercettazione traffico P2P
      non credo sia come dici tu.In particolare mi riferisco la fatto sul guadagno o meno.Io penso che se la legge valga per un tipo vale anche perr l'altro
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mostrate i file
    - Scritto da: LraiseR
    Scarico i file piu` famosi.
    Se tra le sorgenti appari anche tu, sei
    fregato.Loro non possono certo fare ricerche a tappeto, devono concentrarsi su pochissime classi di IP per le quali hanno l'appoggio del provider e delle autorita`. In questo modo se anche fai le ricerche piu` comuni, ce ne vuole prima di fare fatture per centomila euro...
    Oppure un giochetto che possono fare i
    distributori: mettono in condivisione loro i
    file, se compari nella upload queue sei
    ancora piu` fregato.Certo, lo possono fare, ma io posso mandarli al diavolo: e` istigazione a delinquere.A parte che li manderei al diavolo comunque: un'azione del genere non ha nessun fondamento legale. O c'e` la flagranza del reato, ossia irrompono in casa mia mentre sto scaricando qualcosa, oppure possono succhiarmi svariate parti anatomiche.
  • Anonimo scrive:
    E' una bufala?
    O non è una bufala ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E' una bufala?
      si, per me e'proprio una bufalata,qualsiasi azzeccagarbugli li tira fuori in un attimo
      • Anonimo scrive:
        Re: E' una bufala?
        - Scritto da: Sukamelo
        si, per me e'proprio una bufalata,
        qualsiasi azzeccagarbugli li tira fuori in
        un attimoconcordo,violazione della privacy
  • Anonimo scrive:
    ben vi sta!
    Ben vi sta, fautori del libero scambio di materiale coperto da diritti d'autore. Ben vi sta, furbi che credete sempre di farla in barba alle leggi e di farla franca.
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      FASCISTA!
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      Caro Alberto,vedrai come rivoluzioneremo il mondo! e le regole su cui si basa!
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      E perché ben vi sta? Sono decine di milioni gli utenti dei sistemi di file-sharing, 150 indagati sono una misera percentuale..ma poi basta con sta storia dei diritti d'autore, quali diritti per quale opera?Per delle parole e 2 note in croce??? Ne facciamo anche a meno della musica, tenetevi i vostri pezzi di plastica, tanto io personalmente ho già scaricato decine di migliaia di file e non so più che scaricare. La storia dei copyright è tutta per avvocati minchioni
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      W la pirateria, se serve a far calare il prezzo della musica, che trovo spropositato. Non serve pagare un CD 20 euro quando , tra spese e diritti andrebbero più che bene 10 euro!Francamente ho scaricato lo scaricabile, ma un buon CD lo compro sempre se voglio la qualità audio;se abbassano i prezzi è bene x tutti.FBN
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      - Scritto da: Alberto
      Ben vi sta, fautori del libero scambio di
      materiale coperto da diritti d'autore.

      Ben vi sta, furbi che credete sempre di
      farla in barba alle leggi e di farla franca.ciao pirla!
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      Si? Suppongo che tu sia un editore... Visto che io ho un bel po' di musica e che ormai da anni non compro più niente (e non scarico mp3) vorrai spiegarmi perché io ho pagato tre volte i diritti d'autore per delle canzoni (prima su vinile, poi su nastro e poi su CD)... non capisco.Spiegamelo perché sono molto curioso.Spiegami anche 'sta storia delle licenze monoutente perché è una cosa stranissima.
    • Anonimo scrive:
      Re: ben vi sta!
      fottiti
  • Anonimo scrive:
    operazione politica
    E' una chiara operazione politica, mascherata da intervento giudiziario. Infatti il parlamento danese è prossimo ad una eventuale legalizzazione del p2p. Certo che se gli va male (ovvero imputati assolti) c'è veramente da divertirsi...
    • Anonimo scrive:
      Re: operazione politica
      la verità è che ormai se ne inventano una + del diavolo pur di cercare di allontanare gente dal condividere e dallo scaricare a sbaffo...e che cmq ci sarà sempre più gente a scaricare visti i prezzi di programmi,giochi o musica...volete un consiglio???miei cari non uscite di casa a comprare quando si può scaricare a 30k(parlo per me) da casa...viva il php :-)
  • Anonimo scrive:
    Il pesce piccolo
    Perchè ogni volta che c'è un problema di illegalità, si colpisce prima il pesce piccolo? Cosa risolvono? Perchè, se vogliono combattere veramente la pirateria, non vanno alla fonte dove ci saranno sicuramente delle organizzazioni che ci guadagnano milioni di euro? Si sentono soddisfatti se puniscono il ragazzino che si è scaricato l'ultimo brano del cantante preferito? Bella forza...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il pesce piccolo
      - Scritto da: Navigatore
      Perchè ogni volta che c'è un problema di
      illegalità, si colpisce prima il pesce
      piccolo? Perchè è più facile ed ha più paura.
  • Anonimo scrive:
    news: Colpite le Majors per i prezzi dei CD
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=41614rileggetevela!ricordate, per questo loro non pagano tanto come noi! MAI!!!!!FATE QUALCOSA!non sto incitando nessuno all'illegalità, anzi! Ma a far valere i diritti anceh nei LORO confronti!
  • Anonimo scrive:
    Balzelli SIAE per SEMPRE???
    Io volevo sapere se dovremo ancora pagare i balzelli della SIAE (che tuttora sono presenti su alcuni prodotti) quando sarem tutti costretti a pagare ogni canzone che vorremo sentire nel futuro prossimo, quando cioè tutti avranno pagato il loro conto, e non si potrà più scaricare in modo fraudolento.LI TOGLIERANNO???
    • Anonimo scrive:
      Re: Balzelli SIAE per SEMPRE???
      No, perchè la siae è come un ministero: ha un disastro di gente in pensione con facilitazioni incredibili, ed un apparato da mantenere che fa invidia alla Nato.
  • Anonimo scrive:
    come al solito la legge della privacy...
    la utilizzano solo quando fa commodo a loro.Sono vergognosi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Intercettazione traffico P2P

    E anche le mie comunicazioni, come diro'
    piu' avanti.Purchè siano COMUNICAZIONI, appunto!
    ntanto, parlavo di uno specifico programma.
    Poi, anche il coltello... E' palese che se
    taglio la gola a qualkuno vado in galera, ma
    qui si discute di come la galera la rischio
    anche solo comprandolo, il coltello.??? Guarda che non c'è scritto che son stati beccati "perchè avevano su edonkey"!!! Ma perchè hanno scaricato tot e tot!Non contestano il possesso, ma l'USO!
    C'entra TUTTO, invece. Dal momento che il
    mio PC e' equiparato al mio domicilioSecondo quale sentenza o norma del codice?(Riferimenti reali, please, non panzane teoriche!)
    finestra (ovvero vedere cosa metto in P2P),
    ma NON PUOI venirtelo a prendere, se non ti
    lascio entrare io (ovvero accetto la
    comunicazione). Anceh se fosse, cmq accetti di condividere nel momento in cui sei nel p2p! Non mi riusltano software p2p che ti chiedono "tizio vuole scaricare questo file, glielo lasci fare?"Sei atuomaticamente aperto a chiunque!!!

    Prova a denunciarli, vai! Vedrai le risate

    del tuo avvocato, quando vai a
    proporglielo!
    Non sarei cosi' sicuro.Vai e ne riparliamo! :)

    Manco lontanamente!!!!! Non c'è nessuna

    conversazione nel p2p! La legge tutela
    SOLO

    quello!

    Come gia' detto, no. Tutela di piu'. Almeno
    in Italia.Ok, dammi l'articolo del codice a cui ti riferisici!Io la Legge sulla Privacy me la sono letta, tu non so....(ne dubito fortemente). La trovi facilmente in rete, basta cercare...
    O kazzarola! Ma ben due persone stanno
    dietro ai terminali, che siano telefoni o PCMa non comunicano un bel tubo nel p2p!Ed è SOLO quello che viene tutelato! (Mi pare improbabile che tu condivida materiale riservato tuo in p2p, anceh perchè se lo condividi automaticamente non è più riservato! ^_^)
    • Anonimo scrive:
      Re: Intercettazione traffico P2P
      - Scritto da: Ekleptical

      E anche le mie comunicazioni, come diro'

      piu' avanti.

      Purchè siano COMUNICAZIONI, appunto!
      E se io ti lascio prelevare un file dal mio PC, non ho messo in atto una comunicazione di dati/informazioni?


      ntanto, parlavo di uno specifico
      programma.

      Poi, anche il coltello... E' palese che se

      taglio la gola a qualkuno vado in galera,
      ma

      qui si discute di come la galera la
      rischio

      anche solo comprandolo, il coltello.

      ??? Guarda che non c'è scritto che son stati
      beccati "perchè avevano su edonkey"!!! Ma
      perchè hanno scaricato tot e tot!
      Non contestano il possesso, ma l'USO!
      Appunto. QUALE uso contestano? Che uno ha scaricato, diciamo, Satisfaction.mp3? Che solo quella dei Rolling puo' chiamarsi cosi'? Se non entri nel PC specifico, non provi una cippa.Se Satisfaction.mp3 l'avessi registrata io strimpellando la chitarra, ho infranto una legge?



      C'entra TUTTO, invece. Dal momento che il

      mio PC e' equiparato al mio domicilio

      Secondo quale sentenza o norma del codice?
      (Riferimenti reali, please, non panzane
      teoriche!)
      Guarda, onestamente non so dirtelo ora. Per quel che puo' valere me lo ha detto un Ufficiale di Polizia. Mi avra' preso per il culo?


      finestra (ovvero vedere cosa metto in
      P2P),

      ma NON PUOI venirtelo a prendere, se non
      ti

      lascio entrare io (ovvero accetto la

      comunicazione).

      Anceh se fosse, cmq accetti di condividere
      nel momento in cui sei nel p2p! Non mi
      riusltano software p2p che ti chiedono
      "tizio vuole scaricare questo file, glielo
      lasci fare?"
      Sei atuomaticamente aperto a chiunque!!!Storie. Puoi sempre vedere se e quando qualcuno inizia una sessione, e puoi cancellarla. Se io conosco te e so con quale nick ti presenti, ti faccio passare, gli altri li cancello. Certo, se non ci bado, e' altra storia. Ma posso sempre sapere se qualcuno scarica, cosa scarica e chi dice di essere (con i soliti clients, ovviamente).




      Prova a denunciarli, vai! Vedrai le
      risate


      del tuo avvocato, quando vai a

      proporglielo!

      Non sarei cosi' sicuro.

      Vai e ne riparliamo! :)
      Abbiamo evidentemente opinioni diverse.



      Manco lontanamente!!!!! Non c'è nessuna


      conversazione nel p2p! La legge tutela

      SOLO


      quello!



      Come gia' detto, no. Tutela di piu'.
      Almeno

      in Italia.

      Ok, dammi l'articolo del codice a cui ti
      riferisici!Vedi sopra, cito fonte PER ME attendibile. Se proprio non ti fidi, chiedo dettagli.
      Io la Legge sulla Privacy me la sono letta,
      tu non so....(ne dubito fortemente). La
      trovi facilmente in rete, basta cercare...


      O kazzarola! Ma ben due persone stanno

      dietro ai terminali, che siano telefoni o
      PC

      Ma non comunicano un bel tubo nel p2p!Ma cosa dici? Passano bytes dal mio PC al tuo. Che sia una lettera, che sia un prog, e' una forma di COMUNICAZIONE. Se no, che roba sarebbe?
      Ed è SOLO quello che viene tutelato! (Mi
      pare improbabile che tu condivida materiale
      riservato tuo in p2p, anceh perchè se lo
      condividi automaticamente non è più
      riservato! ^_^)Improbabile, bravo. Non impossibile, ne' vietato.Ergo, non potendo stabilire A PRESCINDERE il contenuto di una certa comunicazione, la si deve trattare con la dovuta cautela, come dicevo, se volessi potrei avere li' pronto per te un file con mie info personali, il fatto che abbia scelto un P2P non le rende automaticamente pubbliche, se solo ho cura di stroncare altro accesso che non sia il tuo.Il mero fatto di condividere files (qualunque cosa contengano) non e' assolutamente perseguibile. Occorre per questo verificare COSA sia nei files, e questo o lo fai controllando i files all'origine o alla destinazione, o sniffandoli per via. Tutte cose che non si possono fare, senza mandato, almeno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Intercettazione traffico P2P
        il 3d è bello,molto interessante.Io sono uno di quelli che non disdegna un mp3 ma che poi lo cancello perchè illegale :)))Il ftto è però,che in Danimarca c'è qualche legge in meno che negli altri paesi.Se è stato possibile vedere l'ip di chi aveva "cazone.mp3", perchè non vedono quelle dei pedofili?Inoltre perchè si parla solo di mp3 quando girano ance programmi?Penso che In Italia e In molti altri paesi la siituazione è diversa se no ,il p2p non esisterebbe +.Ovviamente ci vorrebbe un esperto
  • Anonimo scrive:
    Ma internet di chi è ???
    Se internet non è di nessuno ...io ci faccio quello che voglio coni miei amici ...se voglio scaricare dal PC di un amicouna canzone o qualsiasi altra cosa utilizzando la rete internet come"vettore" ...posso farlo !!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma internet di chi è ???
      - Scritto da: gazoso
      Se internet non è di nessuno ...

      io ci faccio quello che voglio con
      i miei amici ...Se commetti un reato (o cmq un illecito) ovunque tu lo faccia, sempre reato resta!!Così funziona la legge sul pianeta Terra, sai com'è...(va beh, all'interno della tua nazione, se previsto dal TUO codice nazionale, per i più puntigliosi! :P)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma internet di chi è ???
        Vero, ma per la legge italiana un uso strettamente PRIVATO di mp3 o divx non è reato, indipendentemente se il contenuto degli stessi sia o meno protetto da copyright (escluso ovviamente il caso della pedofilia). Vai a controllare il testo della legge!- Scritto da: Ekleptical
        - Scritto da: gazoso

        Se internet non è di nessuno ...



        io ci faccio quello che voglio con

        i miei amici ...

        Se commetti un reato (o cmq un illecito)
        ovunque tu lo faccia, sempre reato resta!!
        Così funziona la legge sul pianeta Terra,
        sai com'è...
        (va beh, all'interno della tua nazione, se
        previsto dal TUO codice nazionale, per i più
        puntigliosi! :P)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma internet di chi è ???

          Vero, ma per la legge italiana un uso
          strettamente PRIVATO di mp3 o divx non è
          reatoE chi ha mai detto di no?E vuoi farti l'mp3 e metterlo sul player portatile o lettore di CD, non fai niente di male.Metterlo in p2p non è certo un uso privato!!!un attimo di serietà e onestà intellettuale, dai!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???
            Dunque il problema legale è un po' più complicato! Per la legge italiana SCARICARE un mp3 o un divx da un p2p ed usarlo privatamente non è reato, mentre metterlo a disposizione potrebbe esserlo. Tuttavia, anche in questo caso, mancando il fine di lucro, a mio parere non c'è il reato. Il testo di legge mi pare abbastanza chiaro! Probabilmente la legge danese è diversa...- Scritto da: Ekleptical

            Vero, ma per la legge italiana un uso

            strettamente PRIVATO di mp3 o divx non è

            reato

            E chi ha mai detto di no?
            E vuoi farti l'mp3 e metterlo sul player
            portatile o lettore di CD, non fai niente di
            male.

            Metterlo in p2p non è certo un uso privato!!!
            un attimo di serietà e onestà intellettuale,
            dai!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???
            - Scritto da: kazaa
            Dunque il problema legale è un po' più
            complicato! Per la legge italiana SCARICARE
            un mp3 o un divx da un p2p ed usarlo
            privatamente non è reato, mentre metterlo a
            disposizione potrebbe esserlo. Tuttavia,
            anche in questo caso, mancando il fine di
            lucro, a mio parere non c'è il reato. Il
            testo di legge mi pare abbastanza chiaro!
            Probabilmente la legge danese è diversa...Ma per favore, non prendere per il culo te stesso!!Scaricare un mp3 di protetto da copyright è illegale eccome.Detenerlo altrettanto.Fruirne altrettanto (la legge dice che il semplice usufrutto è un profitto della persona, in pratica).Da noi non sono ancora impazziti, ma lo faranno, vedrai. Un retata per stato e vedrai come cala mostruosamente il p2p, dappertutto.Quello che mi fa schifo sono i collaborazionisti di merda, invece di fare del bene con la tecnologia, si sono venduti alle spie schifose del dio denaro.TSK
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???

            Quello che mi fa schifo sono i
            collaborazionisti di merda, invece di fare
            del bene con la tecnologia, si sono venduti
            alle spie schifose del dio denaro.Guarda che di questi tempi rischi l'accusa di Sovversione e Tentativo di Rovesciare l'Ordine economico costituito, con certe affermazioni! ;P
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???
            Questa è la tua opinione, ma non è la legge italiana! Il fine di lucro o di profitto per il semplice uso privato di mp3 o divx non è mai stato contestato in un tribunale italiano. Certo, potrebbe sempre avvenire, ma con la legge attuale mi sembra difficile.- Scritto da: Kemmerd


            - Scritto da: kazaa

            Dunque il problema legale è un po' più

            complicato! Per la legge italiana
            SCARICARE

            un mp3 o un divx da un p2p ed usarlo

            privatamente non è reato, mentre metterlo
            a

            disposizione potrebbe esserlo. Tuttavia,

            anche in questo caso, mancando il fine di

            lucro, a mio parere non c'è il reato. Il

            testo di legge mi pare abbastanza chiaro!

            Probabilmente la legge danese è diversa...

            Ma per favore, non prendere per il culo te
            stesso!!
            Scaricare un mp3 di protetto da copyright è
            illegale eccome.
            Detenerlo altrettanto.
            Fruirne altrettanto (la legge dice che il
            semplice usufrutto è un profitto della
            persona, in pratica).
            Da noi non sono ancora impazziti, ma lo
            faranno, vedrai. Un retata per stato e
            vedrai come cala mostruosamente il p2p,
            dappertutto.

            Quello che mi fa schifo sono i
            collaborazionisti di merda, invece di fare
            del bene con la tecnologia, si sono venduti
            alle spie schifose del dio denaro.

            TSK
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???
            Io non rischierei.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???

            Dunque il problema legale è un po' più
            complicato! Per la legge italiana SCARICARE
            un mp3 o un divx da un p2p ed usarlo
            privatamente non è reato,Se si è in possesso dell'originale non di certo!Se non ce l'hai, è tutto da discutere..in tribunale! :))
            mentre metterlo a
            disposizione potrebbe esserlo. Tuttavia,
            anche in questo caso, mancando il fine di
            lucro, a mio parere non c'è il reato.Fine di lucro è anche il risparmio ed è cmq ravvisabile in questo caso nello "scambio"! Il fine di lucro è "io do qualcosa a te e tu dai qualcosa a me". E' ragionevolmente sostenibile dall'accusa e difficilmente smontabile dalla difesa!Lucro è diverso da profitto(=incasso money), come saprai! Basta un generico "vantaggio"
            Probabilmente la legge danese è diversa...Ah boh? Non ne ho idea, ovviamente.. :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma internet di chi è ???
          - Scritto da: kazaa
          Vero, ma per la legge italiana un uso
          strettamente PRIVATO di mp3 o divx non è
          reato, indipendentemente se il contenuto
          degli stessi sia o meno protetto da
          copyright (escluso ovviamente il caso della
          pedofilia). Vai a controllare il testo della
          legge!l'hanno controllato tutti il testo della legge, c'era un articolo esteso su PI un po' di tempo fa, di quelli con il fondino giallo e nella figura c'era una marea di cd volanti ... (memoria visiva ahimé) ... scritta da esperti di LEGGE.Quindi non sparare cazzate e il testo della legge controllalo tu, anzi, dicci codice dell'articolo, comma e quant'altro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???
            La Gazzetta Ufficiale leggitela per conto tuo! Ti ricordo, comunque, che la normativa per il sofware e quella per altri materiali protetti da copyright (musica, film) non è la medesima.- Scritto da: Sentiamo


            - Scritto da: kazaa

            Vero, ma per la legge italiana un uso

            strettamente PRIVATO di mp3 o divx non è

            reato, indipendentemente se il contenuto

            degli stessi sia o meno protetto da

            copyright (escluso ovviamente il caso
            della

            pedofilia). Vai a controllare il testo
            della

            legge!


            l'hanno controllato tutti il testo della
            legge, c'era un articolo esteso su PI un po'
            di tempo fa, di quelli con il fondino giallo
            e nella figura c'era una marea di cd volanti
            ... (memoria visiva ahimé) ... scritta da
            esperti di LEGGE.

            Quindi non sparare cazzate e il testo della
            legge controllalo tu, anzi, dicci codice
            dell'articolo, comma e quant'altro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???

            La Gazzetta Ufficiale leggitela per conto
            tuo! Ti ricordo, comunque, che la normativa
            per il sofware e quella per altri materiali
            protetti da copyright (musica, film) non è
            la medesima.Beh, io la legge sul diritto d'autore me la sono letta tutta (si trova facilmente in rete, anche per intero) e non c'è nessuna norma riguardo ad mp3 o simili!!Quali sono le tue fonti, scusa? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma internet di chi è ???
            Per approfondire la questione seriamente bisognerebbe consultare per bene TUTTA la normativa vigente e vedere come i tribunali la applicano. Ovviamente ci vorrebbe un po' di tempo e di lavoro... Comunque su una cosa ti do ragione: l'ambiguità della norma potrebbe condurre ad interpretazioni restrittive, anche se per ora in Italia non mi sembra che ci siano state. Sono state colpite solamente aziende che ovviamente lucravano sulla questione. Se conosci casi diversi, mi interesserebbe saperlo.Ciao- Scritto da: Ekleptical

            La Gazzetta Ufficiale leggitela per conto

            tuo! Ti ricordo, comunque, che la
            normativa

            per il sofware e quella per altri
            materiali

            protetti da copyright (musica, film) non è

            la medesima.

            Beh, io la legge sul diritto d'autore me la
            sono letta tutta (si trova facilmente in
            rete, anche per intero) e non c'è nessuna
            norma riguardo ad mp3 o simili!!
            Quali sono le tue fonti, scusa? :)
  • Anonimo scrive:
    E la privacy?
    Ammesso e non concesso che riescano a dimostrare il reato... non è egualmente un reato violare la privacy dei navigatori? Oltretutto questa violazione è stata da loro compiuta in modo autonomo e senza il preventivo consenso della magistratura.
    • Anonimo scrive:
      Re: E la privacy?
      - Scritto da: Guido
      Ammesso e non concesso che riescano a
      dimostrare il reato... non è egualmente un
      reato violare la privacy dei navigatori?
      Oltretutto questa violazione è stata da loro
      compiuta in modo autonomo e senza il
      preventivo consenso della magistratura.Allora:io mi connetto a qualche sistema P2P e vedo il traffico, non violo nessuna privacy.Chiaro??Saluti,GAHR
      • Anonimo scrive:
        Re: E la privacy?
        Se io voglio scaricarmi Mimmo Locasciulli saranno c... miei? Oltretutto ai P2P ti connetti con un nickname, quindi tu sai ad esempio che GAHR ha scaricato la tal canzone. Se vuoi associarlo ad un IP o un nome fisico senza chiedere il consenso della magistratura, tu vai contro la privacy: mi sembra che le norme sono molto chiare, in Italia una cosa simile non avrebbe alcun valore legale.- Scritto da: GAHR
        Allora:
        io mi connetto a qualche sistema P2P e vedo
        il traffico, non violo nessuna privacy.
        Chiaro??

        Saluti,
        GAHR
        • Anonimo scrive:
          Re: E la privacy?

          Se vuoi associarlo ad un IP o un
          nome fisico senza chiedere il consenso della
          magistratura, tu vai contro la privacyMa chi t'ha detto che l'hanno fatto loro??Anche perchè il nome associato all'IP glielo deve dare il provider e/o la compagnia telefonica, che mica lo danno via in giro al primo che capita!Basta andare dal magistrato e denunciare che tizio e caio (tali IP, PUBBLICI, su una rete p2p PUBBLICA per definizone) erano connessi alla tal ora e condividevano tale file.Poi ci penseranno loro.Non c'è NIENTE di illegale in questo!
    • Anonimo scrive:
      Re: E la privacy?

      Ammesso e non concesso che riescano a
      dimostrare il reato... non è egualmente un
      reato violare la privacy dei navigatori?Come ho già detto in altri msg, non c'è nessuna violazione della privacy!Quando sei in Internet sei in "pubblica piazza", soprattutto se sei un network p2p dove tutto è pubblico e condiviso per definizione!La privacy tutela i dati personali sensibili e STOP! Ora, le pagine in cui navighi volendo possono rientrarci (saranno cavolacci tuoi!), ma il condividere (per definizione PUBBLICO) file NO!Sotto nessuna base giuridica!
      Oltretutto questa violazione è stata da loro
      compiuta in modo autonomo e senza il
      preventivo consenso della magistratura.Non c'è nessuna violazione, non ci vuole nessun consenso. Fine della questione....
    • Anonimo scrive:
      Macché privacy
      La notizia di p.i. dice:"(...) Con questo materiale i legali di APG si sono rivolti ad un tribunale danese che ha accettato di chiedere ufficialmente ai provider di fornire alla magistratura i dati degli utenti che corrispondevano agli IP rilevati dal Gruppo Antipirateria."E'il tribunale che ha chiesto ai provider i nomi corrispondenti agli ip. Il tribunale può violare la privacy, in questi casi.
  • Anonimo scrive:
    20 E per un CD!
    A tutti i fan del p2p:Il vostro ragionamento"20 E per un CD son troppi, me lo scarico"Il ragionamento di un barbone"1 E per un CD è troppo, me lo scarico"Allora, facciamo un consiglio mondiale dove ognuno dice la sua sul prezzo giusto, e fra 20 anni usciranno nuovi CD.Si, ammetto, era una cazzata, ma è che mi sembra un po' semplice dire "scarico perchè costa troppo, e questo mi autorizza".Saluti,GAHR
    • Anonimo scrive:
      Re: 20 E per un CD!
      - Scritto da: GAHR
      A tutti i fan del p2p:...........
      Saluti,
      GAHRDue domande che credo tutto il forum vorrebbe ormai rivolgerti.1) Chi ti paga?(Non possono esistere persone che la pensino come te in buona fede; nota che sto facendo un complimento alla tua intelligenza).2) Se domani va al potere Hitler 2 e promulga una legge x cui bisogna tornare a bruciare gli ebrei, collaboreresti attivamente xche' lo dice la legge, giusto? Non collaborando saresti nell'illegalità...
      • Anonimo scrive:
        Re: 20 E per un CD!
        - Scritto da: Attila Xihar
        - Scritto da: GAHR

        A tutti i fan del p2p:
        ...........

        Saluti,

        GAHR

        Due domande che credo tutto il forum
        vorrebbe ormai rivolgerti.

        1) Chi ti paga?
        (Non possono esistere persone che la pensino
        come te in buona fede; nota che sto facendo
        un complimento alla tua intelligenza).

        2) Se domani va al potere Hitler 2 e
        promulga una legge x cui bisogna tornare a
        bruciare gli ebrei, collaboreresti
        attivamente xche' lo dice la legge, giusto?
        Non collaborando saresti nell'illegalità...Da GAHR a tutto il forum... hehe1) lavoro per Sony Entertainment e sono il discepolo sulla terra...No cazzate, amo la musica, rispetto gli artisti e non mi piace avere cd copiati. Son gusti personali cazzo!2) io li brucerei tutti anche senza bisogno di alcuna legge! ;-)Saluti,GAHR
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!
          Se chiude la FIAT perchè non dovrebbero chiudere anche le major che tengono alto il costo dei ciddi? Chiudano pure.....ah ah ah...
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!

          2) io li brucerei tutti anche senza bisogno
          di alcuna legge! ;-)Ma eri così pure prima della tua lobotomizzazione o eri un razzista di merda anche prima?
          • Anonimo scrive:
            Re: 20 E per un CD!
            - Scritto da: vergognati di esistere

            2) io li brucerei tutti anche senza
            bisogno

            di alcuna legge! ;-)

            Ma eri così pure prima della tua
            lobotomizzazione o eri un razzista di merda
            anche prima?ero così prima o ero così prima?Scusa mi dai poche possibilità di rispondere!Impara l'italiano!
          • Anonimo scrive:
            Re: 20 E per un CD!
            - Scritto da: GAHR


            - Scritto da: vergognati di esistere


            2) io li brucerei tutti anche senza

            bisogno


            di alcuna legge! ;-)



            Ma eri così pure prima della tua

            lobotomizzazione o eri un razzista di
            merda

            anche prima?

            ero così prima o ero così prima?
            Scusa mi dai poche possibilità di rispondere!E chi ti ha detto che hai la possibilità di scegliere fra + risposte?
            Impara l'italiano!Impara a pensare!
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!

          2) io li brucerei tutti anche senza bisogno
          di alcuna legge! ;-)
          Vedi di non spararle grosse, se non vuoi passare una simpatica giornata in tribunale.
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!

          2) io li brucerei tutti anche senza bisogno
          di alcuna legge! ;-)
          Per la redazione di Punto Informatico: vorrei sapere perchè la frase qui sopra è stata lasciata passare in un forum pubblico.
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD! x redazione
          normale censurare la parola m**** e non censurare una frase apertamente e schifosamente razzista come quella di gahr?????? mi ricorda qualcosa "insegnano ai nostri ragazzi a buttare napalm e poi si indignano se scrivono la parola c**** sugli elmetti" (non era proprio così ma il senso era quello, Dovrebbe essere una frase di Platoon ma potrei sbagliarmi)
      • Anonimo scrive:
        Re: 20 E per un CD!

        1) Chi ti paga?
        (Non possono esistere persone che la pensino
        come te in buona fede; nota che sto facendo
        un complimento alla tua intelligenza).Caro il mio ragazzo se ognuno la pensasse come te sarebbe anarchia più totale.Le regole servono....
        2) Se domani va al potere Hitler 2 e
        promulga una legge x cui bisogna tornare a
        bruciare gli ebrei, collaboreresti
        attivamente xche' lo dice la legge, giusto?
        Non collaborando saresti nell'illegalità...Tu non stai lottando per qualcosa stai semplicemente rubando...Esponiti, autodenunciati, fai qualcosa di clamoroso per contrastare questa legge,secondo te, iniqua ma non limitarti a rubare nel buio...
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!
          - Scritto da: Max

          Se vuoi combattere qualcosa devi esporti ...
          guerre senza morti non ce ne sono purtroppoFin quando nessuna forza politica proporrà un referendum abrogativo, la maggioranza silenziosa dei contrari alla legge dovrà giocoforza rimanere nell'ombra. Questo è uno dei casi più classici di fallimento dei metodi democratici.Esporsi con la certezza di essere annientati sarebbe un comportamento un po' stupido.
          Scaricare gratis musica non è combattere il
          sistema è rubare...Dal punto di vista del sistema, certamente. Il sistema deve autoconservarsi e fa il suo lavoro, comprese le leggi a proprio tornaconto.Secondo me non è rubare.Basta solo mettersi d'accordo sul significato dei termini...A mio parere una fattispecie nata per descrivere un danno alla proprietà materiale si adatta molto poco concettualmente a qualcosa di volatile come il diritto d'autore.Che poi il termine sia buono per riempirvi la bocca quando enunciate le vostre posizioni, questo è un'altro discorso... :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: 20 E per un CD!
        - Scritto da: Attila Xihar
        - Scritto da: GAHR

        A tutti i fan del p2p:
        ...........

        Saluti,

        GAHR

        Due domande che credo tutto il forum
        vorrebbe ormai rivolgerti.

        1) Chi ti paga?
        (Non possono esistere persone che la pensino
        come te in buona fede; nota che sto facendo
        un complimento alla tua intelligenza).

        2) Se domani va al potere Hitler 2 e
        promulga una legge x cui bisogna tornare a
        bruciare gli ebrei, collaboreresti
        attivamente xche' lo dice la legge, giusto?
        Non collaborando saresti nell'illegalità...Parlando seriamente:rubare è sbagliato, sia per legge che moralmente. Cazzo c'entrano gli ebrei?Non trovo per niente giusta la motivazione che si ruba perchè costa troppo, ve l'ho già detto. Ci son delle regole e vanno rispettate. In più sono regole giuste anche dal lato morale!Saluti,GAHR
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!
          - Scritto da: GAHR
          Parlando seriamente:
          rubare è sbagliato, sia per legge che
          moralmente. Cazzo c'entrano gli ebrei?Si tratta sempre di obbedire alle leggi... Le SS che bruciavano gli ebrei obbedivano a leggi dello stato tedesco. Se sei così integralista nella difesa della legge, potresti arrivare ad aberrazioni come quelle ipotizzate. Esiste una cosa, che si chiama "sale in zucca", sicuramente ne avrai. Usala ogni tanto, invece di ripetere la propaganda altrui.
          Non trovo per niente giusta la motivazione
          che si ruba perchè costa troppo, ve l'ho già
          detto. Ci son delle regole e vanno
          rispettate. In più sono regole giuste anche
          dal lato morale!Scusa, qui non ce la faccio a rimanere serio:AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!(Trollallero trollallà...)
          • Anonimo scrive:
            Re: 20 E per un CD!

            Esiste una cosa, che si chiama
            "sale in zucca", sicuramente ne avrai. Usala
            ogni tanto, invece di ripetere la propaganda
            altrui.Se vuoi rubare ruba pure.....si pronto anche a subirne le conseguenze però...non piangere se ti beccano...
          • Anonimo scrive:
            Re: 20 E per un CD!
            - Scritto da: Max
            Se vuoi rubare ruba pure.....si pronto anche
            a subirne le conseguenze però...non piangere
            se ti beccano...A parte che io non rubo proprio nulla in ogni caso (il mio è un discorso di principio), secondo me la prima persona giudicata in italia x questi reati avrà buon gioco con un ricorso alla Corte Costituzionale per la palese sproporzione della pena rispetto a reati ben più gravi puniti in modo molto piu' mite.La proporzionalità delle pene è un principio costituzionale. Vedremo se le lobby discografiche riusciranno a far modificare anche la costituzione.
        • Anonimo scrive:
          Re: 20 E per un CD!

          Parlando seriamente:
          rubare è sbagliato, sia per legge che
          moralmente. Non trovo per niente giusta la
          motivazione che si ruba perchè costa troppo,
          Ci son delle regole e vanno
          rispettate. In più sono regole giuste anche
          dal lato morale!Ho un budget per i cd nuovi, se raddoppiano il prezzo il mio budget non cambio perche' diventa troppo oneroso per le mie possibilita' economiche e il resto me lo scarico; che io scarichi o no la cifra che i discografici prendomo da me rimane invariata e io sono mralmente a posto.
    • Anonimo scrive:
      Re: 20 E per un CD!

      Il ragionamento di un barbone
      "1 E per un CD è troppo, me lo scarico"Va beh, non esageriamo! OBIETTIVAMENTE il costo di un CD è ormai TROPPO alto e continua ad aumentare!Gli oggetti non hanno un prezzo imposto (mica siamo sotto STalin!), ma un loro range di prezzo "naturale" sì.Poi sei liberissimo di mettere una camicia in vendita a 1000 euro, però non mi puoi certo venire a dire che è un costo onesto e lamentarti perchè nssuno la compra! (Magari è iper-firmata e qualche pirla lo trovi lo stesso.. ma pirla, appunto! :P)20 e rotti euro per un CD sono troppi!!! E io li compro originali!! Ma se proprio non smanio, aspetto di far cumulo e ordinarli online che risparmio anch 3-4 euro per CD!Persino i negozianti se ne son accorti, vedi ultime offerte da Ricordi (EVENTO mai visto prima d'ora! :DD) su CD nuovi di pacca!
      Si, ammetto, era una cazzata, ma è che mi
      sembra un po' semplice dire "scarico perchè
      costa troppo, e questo mi autorizza".Infatti non ti autorizza per niente! Te ne assumi le responsabilità e scrocchi sapendo quel che fai, punto!
  • Anonimo scrive:
    Re: Intercettazione traffico P2P

    Gente, è inutile menarla, il p2p è illegale
    e quelli beccati saranno condannati!!Per prevenire i cavilli preciso "la condivisione nel p2p di materiale illegale" (che è poi quello che fannto TUTTI i suoi utilizzatori, nessuno escluso...a parte forse qualche esibizionista con foto e video.. :D) ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Intercettazione traffico P2P

    La legge sulla privacy protegge i tuoi dati
    sensibili e basta! Non qualsiasi cosa fai in
    vita tua! Se commetti azioni illegali, sia
    in casa che in pubblico commetti reato e se
    ti beccano vai in galera (se è grave! ^_^)!è come vengono a saper le cose che è illegale... anke perkè come fanno a sapere a priori le persone che devono controllare? se mi controllano o controlalno tizio e questo non ha fatto nulla allora ha diritto a chiedere i danni per violazione della privacy.Non possono entrare in casa d'altri così solo perkè gli va!
    Il COSA ci fai conta, eccome!
    O perchè hai comprato un coltello puoi
    sventrare il primo che ti capita sotto tiro,
    perchè "cosa ci faccio sono fatti miei"??
    O in casa puoi picchiare mogli e figlie,
    perchè "è casa mia, faccio quel che voglio
    io"?

    Ma dove vivi?ma ke kzz di esempi sono??!??allora arrestiamo i produttori, le case discografiche etc perkè ci stan rubando i soldi con i prezzi dei cd.
    Gente, è inutile menarla, il p2p è illegale
    e quelli beccati saranno condannati!! E seil P2P di per se non è illegale.i live dei gruppi possono circolare, i freeware, i demo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Intercettazione traffico P2P

      è come vengono a saper le cose che è
      illegale... anke perkè come fanno a sapere a
      priori le persone che devono controllare? Guarda che non controllano nessuno! Non è un'intercettazione telefonica, nella quale ci si apposta ad ascoltare il telefono di tizio!Basta mettersi online e vedere cosa condividono i singoli utenti del mio nodo! La condivisione è PUBBLICA, non c'è niente di illegale!Non è una "persecuzione"! Si pesca nel mare!
      Non possono entrare in casa d'altri così
      solo perkè gli va!Non entrano in casa tua!!!Per difendere quello esiste un reato apposito chiamato "violazione di domicilio"!Un reato di "violazione di p2p" (e nemmeno di "domicilio elettornico" che mai s'è visto) non l'ha mai previsto nessun codice!La legge mica te la puoi inventare!Se qualcosa non è contemplata, non è reato!(Non per niente, ad es., l'elenco droghe viene aggiornato continuamente. Se hai una droga non "punibile" perchè non prevista nessuno ti può far niente!)E per fortuna....L'alternativa è che la legge dica cosa PUOI fare! Meglio che dica cosa NON PUOI e il resto sia libero! ^_^
      allora arrestiamo i produttori, le case
      discografiche etc perkè ci stan rubando i
      soldi con i prezzi dei cd.Esiste un tale reato nel codice? (Poi se fanno cartello è un'altra cosa. Per quello sono stai multati, perchè QUELLO è illegale, infatti...)Stiamo parlando a livello bambini che litigano o con un minimo di basi guiridiche in testa?
      • Anonimo scrive:
        Re: Intercettazione traffico P2P

        Un reato di "violazione di p2p" (e nemmeno
        di "domicilio elettornico" che mai s'è visto)
        non l'ha mai previsto nessun codice!ahahaha ;-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: Intercettazione traffico P2P

        Guarda che non controllano nessuno! Non è
        un'intercettazione telefonica, nella quale
        ci si apposta ad ascoltare il telefono di
        tizio!
        Basta mettersi online e vedere cosa
        condividono i singoli utenti del mio nodo!
        La condivisione è PUBBLICA, non c'è niente
        di illegale!
        Non è una "persecuzione"! Si pesca nel mare!no, nell'articolo si parlava di utenti che han scaricato GB di roba... non della semplice condivisione.
        Per difendere quello esiste un reato
        apposito chiamato "violazione di domicilio"!
        Un reato di "violazione di p2p" (e nemmeno
        di "domicilio elettornico" che mai s'è
        visto) non l'ha mai previsto nessun codice!
        La legge mica te la puoi inventare!e come arrivano all'utente finale allora?
        Stiamo parlando a livello bambini che
        litigano o con un minimo di basi guiridiche
        in testa?non ho un minimo di nozioni giuridiche... e tu a livello di informatica come stai?ed umanitario? o sei un robot?
        • Anonimo scrive:
          Re: Intercettazione traffico P2P

          no, nell'articolo si parlava di utenti che
          han scaricato GB di roba... non della
          semplice condivisione.Sempre materiale illegale è e sempre un'azione illegale compi tirandolo giù (si chiama ricettazione in altri ambiti)! E non importa quel che dica l'articolo! Bisogna valutare il fatto reale! Ne scrivono di inesattezze gli articoli!
          e come arrivano all'utente finale allora?Si va dai Caramba e gli si molla giù la lsita IP-ora del fatto.
          non ho un minimo di nozioni giuridiche... e
          tu a livello di informatica come stai?Piuttosto buono, direi, grazie! :)
          ed umanitario? o sei un robot?????A me piace l'arte e la musica in particoalre ed ho il massimo rispetto per i creativi in genere.Non trovo niente di umanitario nello scroccare a sbafo il lavoro altrui! Tu sì?Anzi..ma te lavori? Forse quando inizierai capirai che venir fregato di quello che si fa non è il massimo delal vita! Non lo è nemmeno se ti pagano, a dir la verità.. :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Intercettazione traffico P2P
            Punto primo: io compro sempre i cd di quegli artisti che decidono di uscire dai consueti canali delle majors, facendo pagare un prezzo giusto: prendi i Persiana Jones, ad esempio.Punto secondo: è un reato scaricare canzoni senza pagare il copyright, ma è un reato anche accordarsi tra aziende per creare un regime di monopolio imponendo prezzi immotivatamente alti. Però, chissà come mai, le autorità sono molto celeri ed inflessibili nel perseguire il primo reato, mentre del secondo se ne parla tanto ma non ci sono mai provvedimenti seri.Punto terzo: io ho dovuto obbligatoriamente proteggere alcuni scritti che ho inviato ad un concorso, pagando alla SIAE più di mezzo milione di lire... Anche dalla parte degli artisti, posso dire che le attuali norme del copyright sono una vera fregatura per tutti. Proteggono solo le grandi aziende discografiche ed editoriali, degli artisti e degli utenti non gliene frega niente- Scritto da: Ekleptical
            Non trovo niente di umanitario nello
            scroccare a sbafo il lavoro altrui! Tu sì?
            Anzi..ma te lavori? Forse quando inizierai
            capirai che venir fregato di quello che si
            fa non è il massimo delal vita! Non lo è
            nemmeno se ti pagano, a dir la verità.. :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Intercettazione traffico P2P

            immotivatamente alti. Però, chissà come mai,
            le autorità sono molto celeri ed
            inflessibili nel perseguire il primo reato,
            mentre del secondo se ne parla tanto ma non
            ci sono mai provvedimenti seri.vero...è perkè è tutto un "magna-magna" 8)
            Punto terzo: io ho dovuto obbligatoriamente
            proteggere alcuni scritti che ho inviato ad
            un concorso, pagando alla SIAE più di mezzo
            milione di lire... Anche dalla parte degli
            artisti, posso dire che le attuali norme del
            copyright sono una vera fregatura per tutti.
            Proteggono solo le grandi aziende
            discografiche ed editoriali, degli artisti e
            degli utenti non gliene frega nientevedi il punto precedente
          • Anonimo scrive:
            Re: Intercettazione traffico P2P

            Si va dai Caramba e gli si molla giù la
            lsita IP-ora del fatto.per i caramba gli ip sono dei posti dove far benzina 8Dio direi che senza il provider non si può far nulla... e non è che tutti possono accedere a questi ip...
            Piuttosto buono, direi, grazie! :)punti di vista...
            A me piace l'arte e la musica in particoalre
            ed ho il massimo rispetto per i creativi in
            genere.attenzione che il rispetto non si trasformi in reverenza...siamo tutti uguali nella nostra diversità.
            Non trovo niente di umanitario nello
            scroccare a sbafo il lavoro altrui! Tu sì?non trovo "bello" nemmeno approfittarsene e far strapagare un prodotto.. pizza, macchina, vestito o cd che sia!
            Anzi..ma te lavori? Forse quando inizierai
            capirai che venir fregato di quello che si
            fa non è il massimo delal vita! Non lo è
            nemmeno se ti pagano, a dir la verità.. :)io lavoro... ma non vivo per lavorare... forse gli uomini dovrebbero impararlo a memoria..prima se lo ficcano in testa e prima si creeranno i presupposti per un mondo migliore...au-revoirSte'
  • Anonimo scrive:
    Re: Intercettazione traffico P2P
    Vorrei un minuto di raccoglimento per queste due affermazioni...
    Il p2p NON è una comunicazione!!
    Gente, è inutile menarla, il p2p è illegale
    • Anonimo scrive:
      Re: Intercettazione traffico P2P


      Il p2p NON è una comunicazione!!

      Gente, è inutile menarla, il p2p è
      illegaleBeh, sulla 2 ho già precisato! ^_^ Sulla 1 ribadisco perfettamente in toto e ti sfido a dimostrare il contrario!!!
  • Anonimo scrive:
    impossibile da dimostrare....
    che il file la_paloma.mp3 che hai scaricato dalmio pc contenga veramente il brano "La Paloma" diCelentano&Mogol sul quale gravano diritti diautore e balzelli vari, e non "La Paloma" scrittada me e cantata da mio cugino di tre anni.....questo almeno senza mettere fisicamente le manisul mio o sul tuo pc, e ammesso che il file siaancora li' sopradel resto, a quanti e' capitato di scaricare un file con un nome e trovarci dentro tutt'altro(virus a parte) ?finira' tutto in una bolla di saponeMauro
    • Anonimo scrive:
      bè, ma avranno controllato i file
      Di sicuro avranno controllato il contenuto dei file. Su questo c'è poco da fare.Vorrà dire che bisognerà crittografare tutti i file, così non potranno capire cosa c'è dentro, eheheh!Anzi, mi pare che qualcuno c'abbia già pensato, o no?
      • Anonimo scrive:
        Re: bè, ma avranno controllato i file
        ma QUALI files ?quelli sul pc dal quale li ho scaricati ?quelli "in transito" mentre li scaricavo ?o quelli RESIDENTI sul mio pc ?perche' solo su questi possono chiedermi deisoldi, il fatto che io abbia scaricato un filema non lo detenga (perche' l'ho cancellato) noncomporta alcun addebito in quanto non e'dimostrabile che io lo abbia ricevuto IN FORMALEGGIBILE e con L'ESATTO CONTENUTO che miaspettavo....e se mi mandano una fattura puoi star certo chei files li cancello... eventuali controlli devono quindi farli PRIMA di fatturare, con unsequestro giudiziario del mio pc PRIMA che ioabbia notizia dei controlli in corsoripeto, un'assoluta bufalaMauro
    • Anonimo scrive:
      Re: impossibile da dimostrare....
      io spero tu abbia ragione...è vero...molto spesso mi è capitato di scaricare una cosa e trovarmene un'altra......cmq di tutta questa storia non ho capito una cosa...sono stati colpiti 150 utenti DANESI o 150 utenti che stavano scaricando p2p???
  • Anonimo scrive:
    dura lezione
    Questo serva di lezione a chi vuole dialogare con quei criminali delle multinazionali. Non ci può essere dialogo con gente simile. Visto che sono un programmatore di mestiere quasi mi iscrivo alla SIAE la nostra locale fonte di vergogna nazionale, per affondarla dall'interno (utopico, purtroppo!).Per il resto, è ora che la gente inizi ad usare Freenet. I talebani del copyright mi hanno stancato.
    • Anonimo scrive:
      Re: dura lezione - io la penso cosi'
      tutta questa storia nasce dal fatto che un cd al negozio costa 35/40 euro.costassero meno forse calerebbe la pirateria.E poi in certi casi solo sui p2p trovi brani che addirittura sono fuori catalogo!! Alla fine e' come la storia delle card piarta di stream e Tele piu'.E' stato commesso un grosso errore commerciale:se, invece di chiedere cifre esorbitanti, avesser chiesto ad esempio 10 eruo mesnili per vedere tutte le partite ed i film, in pu' ripsetto agli abbonamenti base- premium e superpremium...sono sicuro che la stragrande maggioranza avrebbe pagato. invece...sempre usando come esempio le partite..35.000 a partita!!! paradossalmente dovrebbero costare di piu' i film hard..ma sono i piu' a buon mercato!!!
  • Anonimo scrive:
    dico la mia
    Come sempre questo tema suscita polemiche.Io credo che esistano regole giuste e ingiuste.Le regole ingiuste sono lì per difendere privilegi di pochi e si cambiano dal basso. Perciò non abbiate dubbi: CONDIVIDETE e qualcosa prima o poi cambierà.
    • Anonimo scrive:
      Re: dico la mia
      - Scritto da: Lorenz
      Come sempre questo tema suscita polemiche.
      Io credo che esistano regole giuste e
      ingiuste.
      Le regole ingiuste sono lì per difendere
      privilegi di pochi e si cambiano dal basso.
      Perciò non abbiate dubbi: CONDIVIDETE e
      qualcosa prima o poi cambierà.Istigazione alla delinquenza......Se vai avanti così cambiare solo la tua fedina penale....
      • Anonimo scrive:
        Re: dico la mia


        Perciò non abbiate dubbi: CONDIVIDETE e

        qualcosa prima o poi cambierà.

        Istigazione alla delinquenza......
        Se vai avanti così cambiare solo la tua
        fedina penale....Perche' poi? Se condivido i miei MPG delle vacanze che fanno, m'arrestano? Se condivido mi_sbronzo_al_sole.mpg o io_che_canto_Satisfaction.mp3 mi sporco la fedina?
      • Anonimo scrive:
        Re: dico la mia
        - Scritto da: Max
        - Scritto da: Lorenz

        Come sempre questo tema suscita polemiche.

        Io credo che esistano regole giuste e

        ingiuste.

        Le regole ingiuste sono lì per difendere

        privilegi di pochi e si cambiano dal
        basso.

        Perciò non abbiate dubbi: CONDIVIDETE e

        qualcosa prima o poi cambierà.

        Istigazione alla delinquenza......
        Se vai avanti così cambiare solo la tua
        fedina penale....spiacente, la condivisione in se non e' reato...nella frase non e' stato specificato cosa deve essere condiviso.nella tua frase invece potrebbe essere perseguibile.Accusare pubblicamente una persona senza averne motivo e prove....non si fa'
        • Anonimo scrive:
          Re: dico la mia
          - Scritto da: gpl


          - Scritto da: Max

          - Scritto da: Lorenz


          Come sempre questo tema suscita
          polemiche.


          Io credo che esistano regole giuste e


          ingiuste.


          Le regole ingiuste sono lì per
          difendere


          privilegi di pochi e si cambiano dal

          basso.


          Perciò non abbiate dubbi: CONDIVIDETE e


          qualcosa prima o poi cambierà.



          Istigazione alla delinquenza......

          Se vai avanti così cambiare solo la tua

          fedina penale....

          spiacente, la condivisione in se non e'
          reato...Ragazzi, mi sembra tanti avvocatini che guardano il cavillo...Il nostro amico parlava di leggi che penalizzavano la maggioranza a favore di pochi(copyright) ed invitava a trasgedire...E' chiaro che stiamo parlando di materiale protetto da copyright... che sharare le foto di tuo figlio non sia illegale è chiaro...
          nella frase non e' stato specificato cosa
          deve essere condiviso.I cavilli lasciali agli avvocati....
          • Anonimo scrive:
            Re: dico la mia
            - Scritto da: Max
            che sharare le foto
            di tuo figlio non sia illegale è chiaro...Attento a quello che dici perche' se tutti ragionassero come te una simile frase potrebbe far scattare un'inchiesta per pedofilia nei tuoi confronti...
  • Anonimo scrive:
    Non hanno dimostrato la violazione!
    Ok, i discografici hanno dimostrato che Tizio condivideva un file di nome U2-Eletrical Storm, ma devono ancora dimostrare che quel file fosse effettivamente una canzone degli U2... Magari è solo la regisrazione di Tizio che fa il Karaoke...Inoltre, se non sbgalio, io posso avere degli mp3 di un CD che ho comprato regolarmente. L'AGP deve anche dimostrare che Tizio deteneva *illegalmente* quegli mp3 (e cioè senza averne i cd originali): magari è stato così sfortunato da perderli tutti in un incendio e cercava di rifarsi le sue compilation (di cui ha i diritti perchè ha a suo tempo acquistato i CD originali).
    • Anonimo scrive:
      Re: Non hanno dimostrato la violazione!
      - Scritto da: dott. sottile
      Ok, i discografici hanno dimostrato che
      Tizio condivideva un file di nome
      U2-Eletrical Storm, ma devono ancora
      dimostrare che quel file fosse
      effettivamente una canzone degli U2...
      Magari è solo la regisrazione di Tizio che
      fa il Karaoke...
      Inoltre, se non sbgalio, io posso avere
      degli mp3 di un CD che ho comprato
      regolarmente. L'AGP deve anche dimostrare
      che Tizio deteneva *illegalmente* quegli mp3
      (e cioè senza averne i cd originali): magari
      è stato così sfortunato da perderli tutti in
      un incendio e cercava di rifarsi le sue
      compilation (di cui ha i diritti perchè ha a
      suo tempo acquistato i CD originali).e non solo...anche se non aveva i cd ordiginali potrebbe averlo fatto per un suo amico che li ha e che voleva farsi una copia o una compilation da tenere in macchina o da ascoltare mentre andava in bici...e una volta finito li ha cancellati.Potrebbe anche non averli mai ascoltati, quindi non ha naenche usufruito del bene.Andrebbe anche dimostrato che tizio possedeva il file per intero...e non delle parti come succede spesso con i sw di condivisione...Inoltre non spetta sicuramente ad APG la constatazione del reato, al massimo puo'fare una denuncia o un esposto (almeno in italia dovrebbe essere cosi')...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non hanno dimostrato la violazione!
        - Scritto da: gpl(cut)
        e non solo...anche se non aveva i cd
        ordiginali potrebbe averlo fatto per un suo
        amico che li ha e che voleva farsi una copia
        o una compilation da tenere in macchina o da
        ascoltare mentre andava in bici...e una
        volta finito li ha cancellati.certo, io ho rubato delle mele per un amico che conosce già il loro gusto
        Potrebbe anche non averli mai ascoltati,
        quindi non ha naenche usufruito del bene.faccio una rapina in banca, prendo 40 miliardi, ma non li uso.Sicuramente la polizia mi dirà "tutto ok, tranqui".
        Andrebbe anche dimostrato che tizio
        possedeva il file per intero...e non delle
        parti come succede spesso con i sw di
        condivisione...Fossero anche stati suoi, condividere è reato.Tu hai l'usufrutto del bene, ma non possiedi diritti su di esso.Non attaccatevi a cavilli, vi potete solo attaccare al cazzo.Potete anche saltarmi addosso verbalmente, ma quando vi troverete in tribunale le vostre misere scuse cadranno in pochi istanti, per quanto strepitiate.Una ad una.
        Inoltre non spetta sicuramente ad APG la
        constatazione del reato, al massimo puo'fare
        una denuncia o un esposto (almeno in italia
        dovrebbe essere cosi')...Certo, vedi BSA ... ragazzi, finché blaterate qui in un forum ma non vi muovete in prima persona (le vedete le vecchiette su "mi manda rai3", si? ecco, quelle si muovono, fanno, dicono, sbraitano, si fanno sentire!) e non vi battete (nel rispetto della persona umana), non otterrete che inculate non volute, uno ad uno vi manderete su dei cazzi inimmaginabili.buon divertimento
        • Scorpion scrive:
          Re: Non hanno dimostrato la violazione!
          Non occorre indispettirsi...probabilmente anche tu hai il tuo lauto guadagno extra dallo sfruttamento dell'utente medio da parte dell'industria discografica...capisco quanto possa scottare vederlo sfumare dopo anni di privilegi...oggi a te domani ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non hanno dimostrato la violazione!
      - Scritto da: dott. sottile
      Ok, i discografici hanno dimostrato che
      Tizio condivideva un file di nome
      U2-Eletrical Storm, ma devono ancora
      dimostrare che quel file fosse
      effettivamente una canzone degli U2...
      Magari è solo la regisrazione di Tizio che
      fa il Karaoke...In effetti...è che non hanno sequestrato i computer (ANCORA), secondo la news, quello è l'errore!Ed è la PRIMA cosa che fanno in Italia, invece, in caso di reati infomratici! In genere ti inscatolano e portano via tutto, dal PC alla stampante ai CD-R vergini, già che si trovano, nella foga "per sicurezza"! ^^;Se la tendenza Danese arrivasse anche in Italia sarebbe ben più grave.. ^^;
      Inoltre, se non sbgalio, io posso avere
      degli mp3 di un CD che ho comprato
      regolarmente.PER USO PERSONALE! E stop!
      L'AGP deve anche dimostrare
      che Tizio deteneva *illegalmente* quegli mp3No, gli basta dimostrare che li condivideva (che è quello che hanno fatto), senza nessun diritto!La musica che compri puoi solo ascoltarla tu e "la ristretta cerchia dei familiari" per legge.Tutto il resto è illegale, che venga perseguito o meno!Condividere un file con milioni di persone è iper-illegale, direi! :))Praticamente di peggio non potresti fare, legalmente! Ogni singola persona che tira giù il file da te è una reiterazione del reato, volendo cavillare!
      (e cioè senza averne i cd originali)Anche se hai i CD originiali, li puoi solo ascoltare, non condividere.: magari
      è stato così sfortunato da perderli tutti in
      un incendio e cercava di rifarsi le sue
      compilation (di cui ha i diritti perchè ha a
      suo tempo acquistato i CD originali)...fatto del tutto ininfluente ai fini civili/penali, visto che non c'entra niente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non hanno dimostrato la violazione!
      - Scritto da: dott. sottile
      Ok, i discografici hanno dimostrato che
      Tizio condivideva un file di nome
      U2-Eletrical Storm, ma devono ancora
      dimostrare che quel file fosse
      effettivamente una canzone degli U2...
      Magari è e proprio in quel momento mi è saltato il tappo e ha colpito un ragno che usciva proprio ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non hanno dimostrato la violazione!
      Intercettando il solo titolo del brano scaricato non possono sapere che quello è un brano originale! Solo sequestrando il computer ed esaminando i files contenuti si possono produrre prove in tal senso. E comunque se uno scarica brani di musica classica chi può dire che quel pezzo appartiene a tale CD o ad un altro visto che lo eseguono in tanti? Quindi non è così semplice la faccenda ...
  • Anonimo scrive:
    Ora coi superbalzelli SIAE...
    ... tutti compriamo, con il supporto vergine, anche una licenza per copiarci un contenuto illegale sopra. Altrimenti perché li paghiamo quei soldi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora coi superbalzelli SIAE...
      Sagge parole carissimo! Quel che dicevo se ci fanno pagare di più i cd vergini dicendo: "visto che potreste copiare vi facciamo pagare quei diritti in anteprima" E io che ci metot su dati di lavoro mi incazzo, mentre io che ci copio gli mp3 a sto punto mi sento in regola tanto i diritti che lamentano li ho già pagati no?Beh...complimenti per la soluzione eh! :)***********************************- Scritto da: parado$$i
      ... tutti compriamo, con il supporto
      vergine, anche una licenza per copiarci un
      contenuto illegale sopra. Altrimenti perché
      li paghiamo quei soldi?
  • Anonimo scrive:
    Alcune Riflessioni in merito.....
    Carissimi....Al solito succede qualcosa e chi si accanisce da una parte chi dall'altra...forse è il caso di ragionarci un po'. Questi signori hanno monitorato queste 150 persone per capire cosa facevano. Si è illegale, ma del resto non sappiamo come sono andate le cose ed al momento ci è correttamente impossibile dire che cosa questi dell'AGP avessero o meno in mano per sovglere questi controlli.Secondo, è normale l'idea che quel che io ho comprato è mio e ne faccio l'uso che voglio. E' anche giusto che gli autori e le case discografiche guadagnino del loro lavoro non lo metto in dubbio. Ma è anche vero che pure io utente finale devo viere di quel poco che guadagno e non posso certo permettermi di comprare CD a 20,00 euro no? Al max ne compro uno al mese (ma nemmeno...) e soprattutto musica di un certo livello è impensabile spendere soldi per compilation commerciali che presto passano di moda no?Quindi io non sono commerciante forse...però mi chiedo una cosa...se questi discografici facessero meno gli ingordi, evitando di volersi arricchire in modo bestiale tanto già navigano nell'oro checcè ne dicano, forse potrebbero fare dei prezzi modici....e la gente comprerebbe più volentieri gli originali, primo perchè è comunque bello avere un orginbiale che un cd scritto a mano a penna no? Seconod perchè il costo del cd se fosse basso sarebbe molto più conveniente che la fatica di cercarsi i file mp3 nel p2p quella di scaricarli (tanto tempo perso e talvolta attese interminabili) catalogarli magari riscrivere il titolo, lo sgrossare i download che spesso ti trovi 3-4 versioni uguali sul disco....il convertirli in WAV e poi masterizzarli col rischio che si bruci il cd, il dover comprare i supporti vergini, il rischio e che il tuo supersonico lettore poi non li legga per problemi di taratura....insomma tanto tempo perso, fatica e lavoro proprio che non sarebbe più conveniente sei cd originalicostassero meno....oltretutto se costano meno chi me lo fa fare di prenderli tarocchi dal marocchino di fiducia?Invece con sti prezzi è ovvio che pur di risparmiare tutti questi soldi che i discografici ci rubano, uno si impegna a far di tutto pur di lesinare anche su un eruro per dire....non si rendono conto insomma che con questi prezzi e questa politica di denuncie spionaggi etc...invece di aiutare i loro affari li rovinanmo facendo prolificare il p2p....invece che bloccarlo. Scemi!Quindi in effetti è illegale scaricare brani senza i diritti, questo secondo la legge....ma a mente logica e a ragionamento vista la situazione, secondo me è legalissimo anzi visti i costi dei supporti vergini aumentati, queste assurde minacce e illegalità e spionaggi commessi da questi signori e tutto allora si ritiene legale fare queste cose losche proprio per ripicca....tanto io i diritti già li pago nel costo maggiore del supporto vergine no? quindi che cazoz vogliono?Fermano il piccolo utente proliferano i rifornitori dei marocchini! E loro continuano a predere vendite...che comunque sta sotria delle vendite perse sono tutte balle....i negozi di dischi sono pieni ora poi che si avvicina natale!Quindi le leggi vanno fatte per rispettare un codice societario non per favorire alcuni a dispetto di altri...pertanto considero questa legge errata e non al passo coi tempi.....pertanto continuate col p2p finche i discografici non capiranno che la strada da prendere è un'altra!!!
  • Anonimo scrive:
    Va bene rispettiamo la legge...
    ... ma prima cambiamola.
  • Anonimo scrive:
    Il vero obiettivo
    Secondo me il vero obiettivo di queste iniziative e' un altro.Quanti di voi, dopo avere letto questa notizia, non si sono chiesti se non era meglio condividere meno files?Tecnicamente l'iniziativa dei "ricercatori danesi" mi sembra improbabile, giuridicamente ancora di piu'. Chi condivide molti files, o lascia il PC sempre acceso, in genere non e' certo da casa. ma da Universita' o luoghi di lavoro dove firewall, sistemi di NAT uno a molti o proxy rendono difficile l'individuazione.Il vero obiettivo di queste iniziative e' che si sparga la voce, e la gente abbia paura di condividere...Anche se e' un po' difficile che qualcosa che succede in Danimarca abbia ripercussioni in Italia o in U.S.A.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il vero obiettivo
      - Scritto da: Cammelino
      Secondo me il vero obiettivo di queste
      iniziative e' un altro.

      Quanti di voi, dopo avere letto questa
      notizia, non si sono chiesti se non era
      meglio condividere meno files?

      Tecnicamente l'iniziativa dei "ricercatori
      danesi" mi sembra improbabile,
      giuridicamente ancora di piu'. Chi condivide
      molti files, o lascia il PC sempre acceso,
      in genere non e' certo da casa. ma da
      Universita' o luoghi di lavoro dove
      firewall, sistemi di NAT uno a molti o proxy
      rendono difficile l'individuazione.infatti se non sbaglio si parlava di 150 utenti... chissà quanti ce ne sono .

      Il vero obiettivo di queste iniziative e'
      che si sparga la voce, e la gente abbia
      paura di condividere...Anche se e' un po'
      difficile che qualcosa che succede in
      Danimarca abbia ripercussioni in Italia o in
      U.S.A.E se così fosse?È campagna promozionale contro il p2p.Come dire "un mio amico è stato beccato al volante con tasso alcolico 1.4 e gli hanno ritirato le patenti per 2 anni"Forse non è vero, pero' sensibilizza..SalutiGAHR
      • Anonimo scrive:
        Re: Il vero obiettivo


        Il vero obiettivo di queste iniziative e'

        che si sparga la voce, e la gente abbia

        paura di condividere...Anche se e' un po'

        difficile che qualcosa che succede in

        Danimarca abbia ripercussioni in Italia o
        in

        U.S.A.

        E se così fosse?
        È campagna promozionale contro il p2p.Mi sono espresso male. Legalmente e' molto difficile che qualcosa che accade in Danimarca abbia ripercussioni in Italia, ma la voce rimbalzera' senz'altro, tanto e' vero che stiamo commentando questa notizia. E' una propaganda sporca, anche se si basa su quaclosa che magari non e' vero e' che probabilmente non succedera' mai anche in Italia. Sporca propaganda
    • Anonimo scrive:
      Re: Il vero obiettivo
      Si Cammelino, credo proprio tu abbia centrato l'obiettivo. Visot che comunque per azioni legali vanno da poche parti....E in effetti a che titolo la AGP vuole i soldi (sono solo un'associazione antipirateria no?) ? E poi quelli del p2p non sono pirati usano cmq la musica solo per se....uno può scarircarsi mp3 per sentire che canzoni fanno, un gruppo che genere suona, giusto per capire se la cosa gli piace o meno, e magari decidere se vale la pena di spendere quella cifra esosa per comprarsi il cd...è propriamente una demo...che qualcuno che ha comprato il disco mi offre....un opo' come nei negozi di musica si ascoltano i cd e poi li compri, solo che nei negozi ascolti solo quelli che loro mettono a disposizione, di solito quelli da top ten, quelli più nuovi le ultime uscite e se io volessi sentire un disco di due anni fa di cocciante? loro lo vendono ma io non posso più ascoltarlo allora uno sente gli mp3 e dice ok mi piace lo compro, oppure non on mi piace lascio peredere prendo un altra cosa.....e li chiamano pirati....non hanno veramente nu cazzo da fare quelli dell'AGP. La pirateria è ben altra cosa, ma evidentemente i casi sono due:1) non sanno come tracciare i veri pirati professionisti; e quindi si accaniscono sui pesciolini che in trealtà non fanno nulla di male....2) sono pagati dalla majors per divulgare queste notizie allarmanti e come dici tu fare da deterrente per chi ha paura che smetterà di usare p2p per paura e toglieranno files condivisi al network......VERGOGNA! E comunque bravo tu hai centrato il vero senso!
  • Anonimo scrive:
    Discografici strana gente
    Questi signori non vogliono capire che la gente, ormai, *non* è più disposta a pagare per la musica, tutto qui. Avete ladrato troppo tempo con i prezzi, e la gente si è stufata. Si è sentita presa in giro.Abbassate i prezzi dei cd a 5 euro, poi ne riparleremo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Discografici strana gente
      il problema è che hanno il Potere... per cui sai cosa frega a loro della gente normalenoi siamo consumatori...gente da spennare
  • Anonimo scrive:
    Mi son perso qualche cosa......
    Io compro un cd...mi scoccio di sentirlo attraverso il lettore multimediale, e lo trasformo in Mp3....Trasformo (diverso) da copiare.Ora ho il mio mp3, che ha una qualita' audio inferiore alla traccia originale.Mettiamo il caso che metto l'mp3 in condivisione :- Permetto la "duplicazione" del brano originale? (mi sembra di no...in quanto il brano ha perso molta qualita' ed e' quindi non + originale )- A chi scarica, riceve x opera e virtu' dello S.S. anche il libricino, il cd serigrafato e/o altro? ( mi sa di no ).Quindi, penso, che tutto cio' e' assurdo.Assurdo far pagare una multa, per aver "condiviso" dei file che sono solo una "demo" (in quanto non identiche all'originale ) e piu' assurdo il fatto che chi ha "spiato" x mesi e mesi nei pc degli utenti, emetta una fattura e chi e' stato spiato debba pagare e non esser pagato xche' venuti meno tutti i presupposti necessari per la tutela sulla privacy. (Se mi piacciono i film porno, xche' i ricercatori universitari lo devono sapere? -esempio-) :)Mah....come al solito....i cittadini lo prenderanno sempre dietro, e i governi appoggerano sempre le lobbies...P.s.: Ma quei soldi, poi, perche' dovrebbero andare all'associazione antipirateria danese? che c'entrano loro? hanno loro i diritti?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi son perso qualche cosa......
      - Scritto da: ryoga
      Io compro un cd...
      mi scoccio di sentirlo attraverso il lettore
      multimediale, e lo trasformo in Mp3....
      Trasformo (diverso) da copiare.

      Ora ho il mio mp3, che ha una qualita' audio
      inferiore alla traccia originale.

      Mettiamo il caso che metto l'mp3 in
      condivisione :
      - Permetto la "duplicazione" del brano
      originale? (mi sembra di no...in quanto il
      brano ha perso molta qualita' ed e' quindi
      non + originale )
      - A chi scarica, riceve x opera e virtu'
      dello S.S. anche il libricino, il cd
      serigrafato e/o altro? ( mi sa di no ).

      Quindi, penso, che tutto cio' e' assurdo.
      Assurdo far pagare una multa, per aver
      "condiviso" dei file che sono solo una
      "demo" (in quanto non identiche
      all'originale ) e piu' assurdo il fatto che
      chi ha "spiato" x mesi e mesi nei pc degli
      utenti, emetta una fattura e chi e' stato
      spiato debba pagare e non esser pagato xche'
      venuti meno tutti i presupposti necessari
      per la tutela sulla privacy. (Se mi
      piacciono i film porno, xche' i ricercatori
      universitari lo devono sapere? -esempio-)
      :)

      Mah....come al solito....
      i cittadini lo prenderanno sempre dietro, e
      i governi appoggerano sempre le lobbies...

      P.s.: Ma quei soldi, poi, perche' dovrebbero
      andare all'associazione antipirateria
      danese? che c'entrano loro? hanno loro i
      diritti?hehe fai quasi sogghignare...ma tu ci credi davvero alla stronzata che visto che perdi qualità e non hai il libricino allora non è una copia ma solo una demo?Dai! Allora anche il plagio cade, io copio una canzone, la suono con la mia band, e non possono accusarmi di plagio, perchè il mio ampli produce un suono diverso dall'originale.Dai pensa un po' prima di sparlare!
  • Anonimo scrive:
    Non credo sia molto corretto...
    non sarebbe più giusto far pulizia prima nelle alte-sfere e poi preoccuparsi dei rami piccoli?mandate prima in galera chi ha rubato i soldi per miliardi... poi potete far le predike e pulizia.E cmq abbassate quel kxx di prezzo dei cd... se non vendo più torte sbrisolone non vado a multare le mamme perchè mi copiano la ricetta della torta sbrisolona uahahahaha parte gli skerzi: 40 mila per 1 kzz di cd dove magari non ci sono nemmeno i testi e dura 50' è una ladrata!piuttosto mi registrerò le song dalla radio e me le porto su mp3... bai
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mostrate i file
    lo trovano stanne tranquillo
  • Anonimo scrive:
    I danesi? Testacce di cazzo
    Io lo vado dicendo da anni, ma no! Tutti innamorati de 'sti cazzo de scandinavi.I danesi sono un popolo di testacce di cazzo!Gli universitari poi sono dei veri figli di mignotta che probabilmente hanno sviluppato il loro sistema di spionaggio (di questo si tratta) per inculare gli altri ma i loro computer magari sono zeppi di mp3 abusivi...
    • Anonimo scrive:
      Re: I danesi? Testacce di cazzo
      - Scritto da: Er Monnezza
      Io lo vado dicendo da anni, ma no! Tutti
      innamorati de 'sti cazzo de scandinavi.
      I danesi sono un popolo di testacce di cazzo!
      Gli universitari poi sono dei veri figli di
      mignotta che probabilmente hanno sviluppato
      il loro sistema di spionaggio (di questo si
      tratta) per inculare gli altri ma i loro
      computer magari sono zeppi di mp3 abusivi...Sono pienamente d'accordo con le tue motivazioni... hey di cosa parli?Se succedeva in italia dicevi che gli italiani son testacce di cazzo??Io son svizzero, e l'ho sempre detto ;-)
  • Anonimo scrive:
    Ben fatto?
    Non so se dire ben fatto o meno.Forse questi saranno gli unici a pagare e risulteranno dei capri espiatori.Però dall'altra c'è poco da eccepire: i file sono derivati da opere protette da diritti e la loro riproduzione e distribuzione è, per oggi, certamente un reato. Qui non parliamo di copiare un cd su una cassettina per un amico, qui si tratta di persone che magari si copiano GB di musica a sbafo. (E magari ne ascoltano il 5%).La questione centrale è se debba esistere il diritto di autore in assoluto, o melgio se debba essere gestito così come si fa oggi.A mio avviso deve esistere ma si dovrebbe tutelarlo in modo diverso. Certamente le case discografiche non tutelano in questo i veri aventi diritto, cioè gli autori, ma soprattutto se stesse.La risposta del P2P risolve questo? Secondo me no. Non pagare ne autori ne case non cambia molto, anzi. Alla fine ci saranno dei gonzi che pagano e altri "furbi" che non pagano (come per le tasse).Questo costringerà le case ad adottare un nuovo modello di business? I tentativi con CD protetti sembrano indicare che non è così.A mio avviso l'unico modo per garnatire gli interessi degli autori sarebbe svincolarli dalle case discografiche: basterebbe far si che chiunque possa pubblicare l'opera di ogni autore pagando delle roialty direttamente all'autore, senza che uno possa avere contratti esclusivi con un editore. A quel punto le case farebbero gara al ribasso una contro l'altra per pubblicare gli stessi autori.Questo però ptrebbe creare problemi alla ricerca di nuovi talenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ben fatto?
      - Scritto da: Arnold[CUTTONE ASSASSINO]Mi hai tolto le parola dalla tastiera :)
      A mio avviso l'unico modo per garnatire gli
      interessi degli autori sarebbe svincolarli
      dalle case discografiche: basterebbe far si
      che chiunque possa pubblicare l'opera di
      ogni autore pagando delle roialty
      direttamente all'autore, senza che uno possa
      avere contratti esclusivi con un editore. A
      quel punto le case farebbero gara al ribasso
      una contro l'altra per pubblicare gli stessi
      autori.Secondo me invece la vera domanda è: fra non molto tempo, quando i cd andranno in pensione e la musica si scharicherà da internet, i megastore e i negozi di CD sarnno inutili e dispendiosi a cosa serviranno le case discografiche?Il loro unico scopo sarà fare promozione. Quanto sarà lecito pagare per questa loro attività?
      Questo però ptrebbe creare problemi alla
      ricerca di nuovi talenti.Chi vuole sfondare col p2p ha molte più possibilità di prima. Prima se nessun discografico ti notava non eri nessuno, adesso hai sempre la possibilità di alimentarti col passaparola e la condivisione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ben fatto?
        - Scritto da: gerry

        Questo però ptrebbe creare problemi alla

        ricerca di nuovi talenti.

        Chi vuole sfondare col p2p ha molte più
        possibilità di prima. Prima se nessun
        discografico ti notava non eri nessuno,
        adesso hai sempre la possibilità di
        alimentarti col passaparola e la
        condivisione.E cosa ne hai qua? OK hai la fama, ma neanche un quattrino...Io faccio musica, e non lo faccio per i soldi, perchè altrimenti mi sarei già dato al minigolf.Pero' se lavoro e investo tempo e SOLDI a registrare un CD, almeno le spese vorrei che me le pagassero i consumatori..
        • Anonimo scrive:
          Re: Ben fatto?
          - Scritto da: GAHR
          E cosa ne hai qua? OK hai la fama, ma
          neanche un quattrino...E' molto semplice, se fai buona musica ma al momento se nessuno si premura di pubblicizzartela e di distribuirtela non ci farai mai un soldo.E soprattutto non avrai mai abbastanza diffusione da essere "appetibile" per una casa discografica.Se trovi un discografico che scommette su di te bene, altrimenti puoi provare a rilasciare la tua musica gratis e diffonderla col passaprola.Se raggiungi un po' di fama hai probabilità che qualche discografico decida scommettere su di te.Una specie di offerta promozionale, come si fa con tutti prodotti. I costi per fare musica poi non sono grandissimi, quello che costa adesso è la promozione e la distribuzione.Contato che il p2p azzera praticamente il costo di distribuzione la promozione rimane il solo ingente costo delle case discografiche.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: gerry

            - Scritto da: GAHR


            E cosa ne hai qua? OK hai la fama, ma

            neanche un quattrino...

            E' molto semplice, se fai buona musica ma al
            momento se nessuno si premura di
            pubblicizzartela e di distribuirtela non ci
            farai mai un soldo.
            E soprattutto non avrai mai abbastanza
            diffusione da essere "appetibile" per una
            casa discografica.
            Se trovi un discografico che scommette su di
            te bene, altrimenti puoi provare a
            rilasciare la tua musica gratis e
            diffonderla col passaprola.
            Se raggiungi un po' di fama hai probabilità
            che qualche discografico decida scommettere
            su di te.

            Una specie di offerta promozionale, come si
            fa con tutti prodotti. I costi per fare
            musica poi non sono grandissimi, quello che
            costa adesso è la promozione e la
            distribuzione.

            Contato che il p2p azzera praticamente il
            costo di distribuzione la promozione rimane
            il solo ingente costo delle case
            discografiche.le case discografiche andranno a puttane se si continuerà così, perchè investire per vendere i miei dischi se tutti li hanno senza pagare?Chi mai comprerà ancora cd? solo qualche sfigato sentimentalista (IO tra quelli...) che proprio non se la sente di rubare musica?staremo a vedere.. e intanto qcuno inizia a pagare ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: GAHR
            le case discografiche andranno a puttane se
            si continuerà così, perchè investire per
            vendere i miei dischi se tutti li hanno
            senza pagare?Non hai capito il mio discorso.La musica si pagherà e tutta e molto più cara di adesso IMHO.Quindi nessuno sarà disposto a buttare soldi per un gruppo sconosciuto, perchè nessuno ha infiniti soldi da investire.Risultato: se vuoi che la gente investa soldi su di te devi convincerla farlo.Come la convinci? IPOTESI ARegala i tuoi brani e quando avrai abbastanza fans potrai cominciare a vendere.FAMA -
            ricaviIPOTESI BLa tua casa discografica investe molti soldi su di te per convincere la gente a darti fiducia e comprare i tuoi CD a scatola chiusa.investimenti -
            FAMA -
            ricaviLa differenza fra le due ipotesi è che la B richiede un forte investimento iniziale, che un artista non può permettersi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: gerry

            - Scritto da: GAHR

            le case discografiche andranno a puttane
            se

            si continuerà così, perchè investire per

            vendere i miei dischi se tutti li hanno

            senza pagare?

            Non hai capito il mio discorso.
            La musica si pagherà e tutta e molto più
            cara di adesso IMHO.
            Quindi nessuno sarà disposto a buttare soldi
            per un gruppo sconosciuto, perchè nessuno ha
            infiniti soldi da investire.
            Risultato: se vuoi che la gente investa
            soldi su di te devi convincerla farlo.
            Come la convinci?

            IPOTESI A
            Regala i tuoi brani e quando avrai
            abbastanza fans potrai cominciare a vendere.
            FAMA -
            ricavi

            IPOTESI B
            La tua casa discografica investe molti soldi
            su di te per convincere la gente a darti
            fiducia e comprare i tuoi CD a scatola
            chiusa.
            investimenti -
            FAMA -
            ricavi

            La differenza fra le due ipotesi è che la B
            richiede un forte investimento iniziale, che
            un artista non può permettersi.Si son d'accordo, allora che tutti usino il P2P in accordo con gli artisti.. SOLO chi è un Artista può distribuire via peer to perr SOLO le proprie opere.Io sarei d'accordo.Ma non è così, ed è per questo che non contro il p2p.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: GAHR
            SOLO chi è un Artista può distribuire via
            peer to perr SOLO le proprie opere.Non proprio, un artista emergente ha interesse che le sue opere vengano ditribuite il più ampiamente possibile e da più utenti possibili.Diciamo che l'artista decide quali opere lasciare libere e quali no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?

            E soprattutto non avrai mai abbastanza
            diffusione da essere "appetibile" per una
            casa discografica.Guardate che forse voi conoscete Sony, BMG e poco altro come case discografiche!Al mondo esistono migliaia di etichette piccole e medie che pubblicano musica dei generi più disparati!!!Se sei bravo, qualcuno che la tua msuica la pubblica lo trovi, stai tranquillo! Magari devi avere un po' di pazienza, ma alla fine ci riesci!Se poi vuoi pubblicare roba iperoscura, megainnovativa, allucinata, per forza per la Warner Bros..beh..sei pirla tu, scusami! :)Se poi non vali, non ti ca*a nessuno, a questo è sano e giuto, p2p o meno! :P
            Contato che il p2p azzera praticamente il
            costo di distribuzione la promozione rimane
            il solo ingente costo delle case
            discografiche.Il p2p azzera anche la promozione, visto che è strutturato per RICERCA! Mi spieghi come fai a cercare il pezzo di un gruppo che non hai mai sentito in vita tua?Come fai esattaemnte a scoprire gruppi nuovi sconosciuti col p2p? Me lo spieghi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: Ekleptical
            Il p2p azzera anche la promozione, visto che
            è strutturato per RICERCA! Mi spieghi come
            fai a cercare il pezzo di un gruppo che non
            hai mai sentito in vita tua?
            Come fai esattaemnte a scoprire gruppi nuovi
            sconosciuti col p2p? Me lo spieghi?Conosci i Sigur Ròs? No? Beh nemmeno io fino a un'anno fa.Un mio amico mi disse "scaricati questi, sono forti". L'ho fatto. E dopo ho comprato due CD (azzo, import, 40? in tutto) e sono andato ad un concerto (altri 25?).Se uno invece mi viene a dire "hei, questi sono forti, comprati il CD" ci penso due volte prima di spendere 20?. Promozione e passaparola. Anche io faccio musica e anche io metto gli mp3 liberamente scaricabili dal sito.Non a caso un'iniziativa come Vitaminic ha fatto un successo enorme in Italia. Non conosco nessun piccolo gruppo che non abbia almeno un mp3 lì sopra.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?

            Conosci i Sigur Ròs?Sì, ho il CD da un anno circa! Visto il video su MTV nella Chillout Zone! :)(Li usano pure come sigla per un certo stacchetto, ora..)E sono molto popolari con la Fatcat (etichetta disco), nell'ambito alternativo, attualmente, come tutta la scena islandese, dai Mùm in giù...(NULLA di queste conoscenze deriva dal p2p)
            Un mio amico mi disse "scaricati questi,
            sono forti". L'ho fatto. E dopo ho comprato
            due CD (azzo, import, 40? in tutto) e sono
            andato ad un concerto (altri 25?).Anch'io ho detto: guardati il video e li ho fatti conoscere ad altri! Sono da sempre "talent scout" per la mia cerchia di conoscenti!Il punto è che cmq la storia NON parte dal p2p!In genere parte dalla stampa! Tu non sei avezzo probabilmente, ma comprando riviste italiane e soprattutto inglesi, ne avresti sentito paralre eccome! :)Chiedi al tuo amico come li ha consciuti (o chi prima di lui).Ovvio che il passaparola è fondamentale!Però la base di partenza sono i mezzi tradizionali!NIENTE parte col p2p! Non è proprio concettualmente pensato per quello!
            Se uno invece mi viene a dire "hei, questi
            sono forti, comprati il CD" ci penso due
            volte prima di spendere 20?. L'ho fatto TANTE volte!!...come col CD dei SigurRos, comprato solo per il pezzo del video, sulla fiducia....
            Non a caso un'iniziativa come Vitaminic ha
            fatto un successo enorme in Italia. Non
            conosco nessun piccolo gruppo che non abbia
            almeno un mp3 lì sopra.Non conosco nessun gruppo che abbia pubblicato qualcosa proveniente da lì sopra! :)(Boh? Forse i Sushi...1 su 10mila non mi sembra indicativo!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: Ekleptical

            Conosci i Sigur Ròs?
            (NULLA di queste conoscenze deriva dal p2p)Le mi invece si.
            Anch'io ho detto: guardati il video e li ho
            fatti conoscere ad altri! Sono da sempre
            "talent scout" per la mia cerchia di
            conoscenti!Quello che vorrei è vedere implementato il try-before-use.Tutti modi che dici sono modi di farsi pubblicità. Video, radio, passaparola.Il p2p è un altro modo, per me pure migliore perchè più democratico.Qualcuno decide chi mettere in tv e in radio i video e la canzoni, gli utenti decidono cosa condividere nel p2p.Il fenomeno Sigur forse non è partito dal p2p ma a me così è arrivato. Se non ci fosse stato napster (ai tempi) i Sigur avrebbero un fan in meno.Capisco cosa intendi, questo non può essere una scusa per condividere *tutto* ma secondo me a molti artisti *converrebbe* condividere liberamente almeno qualcosa per farsi conoscere.Lungi da me dire che questo è un diritto per l'utente, ma credo che di fatto sia vantaggioso.Insomma, quello che mi preme dire è p2p non è il male, semmai è l'uso che se ne fa che è male.Poi c'è anche un mondo parallelo fatto di bootleg, fansub e altre cose fatte da fans e per fans che mi dispiacerebbe veder sparire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: Ekleptical

            Il p2p azzera anche la promozione, visto
            che

            è strutturato per RICERCA! Mi spieghi come

            fai a cercare il pezzo di un gruppo che
            non

            hai mai sentito in vita tua?

            Come fai esattaemnte a scoprire gruppi
            nuovi

            sconosciuti col p2p? Me lo spieghi?

            Conosci i Sigur Ròs? No? Beh nemmeno io fino
            a un'anno fa.
            Un mio amico mi disse "scaricati questi,
            sono forti". L'ho fatto. E dopo ho comprato
            due CD (azzo, import, 40? in tutto) e sono
            andato ad un concerto (altri 25?).
            Se uno invece mi viene a dire "hei, questi
            sono forti, comprati il CD" ci penso due
            volte prima di spendere 20?.
            Promozione e passaparola. Anche io faccio
            musica e anche io metto gli mp3 liberamente
            scaricabili dal sito.
            Non a caso un'iniziativa come Vitaminic ha
            fatto un successo enorme in Italia. Non
            conosco nessun piccolo gruppo che non abbia
            almeno un mp3 lì sopra.
            Bravo, hai centrato!Vitaminic è una buona cosa!L'artista sceglie quali canzoni far sentire al pubblico.Ma il p2p no, perchè l'artista perde il controllo delle proprie opere d'arte perchè il primo testa di cazzo si compra il CD e lo condivide...Infatti gli artisti un po' intelligenti mettono degli mp3 anche sul loro sito ufficiale. o streaming media..Saluti,GAHR
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?

            Infatti gli artisti un po' intelligenti
            mettono degli mp3 anche sul loro sito
            ufficiale. o streaming media..Infatti, per conoscere la musica basta lo streaming!Se la vuoi scroccare mi pare che pretendi troppa bontà d'animo dagli altri!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            il fatto è che si cerca sempre di farla in barba agli altri, di fregare più possibile!Più rubi più sei bravo...io credo che con un 56k il tempo che ci metti a scaricare 3 CD te ne compri uno originale.. (sparo a caso).3 a 1 pero' hai l'originale...io sceglierei l'originale.Saluti!GAHR
          • Anonimo scrive:
            Re: Ben fatto?
            - Scritto da: Ekleptical
            Infatti, per conoscere la musica basta lo
            streaming!Con l'arrivo della banda larga però potrai streamingare tutto il giorno.. Che te ne fai di un CD? :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Ben fatto?
  • Anonimo scrive:
    Associazioni di consumatori.
  • Anonimo scrive:
    Come l'autovelox...
    In fondo è come se avessero messo un velox su una statale molto frequentata e beccato chi andava a 200Km/H.La repressione raramente serve sulle strade figurati in rete.Violare il copyright o il codice della strada non sono ovviamente uguali, ma essendo entrambe violazioni "civili" sono paragonabili almeno sull'efficacia della repressione.Dovrebbero pensare che se il copyright non viene percepito come un diritto ma come un limite alla libertà possono fare tutte le multe che vogliono ma non cambierà mai niente. PS: facciamo come per il falso in bilancio :-) se non provoco danni non è punibile!! :-))))
    • Anonimo scrive:
      Re: Come l'autovelox...

      PS: facciamo come per il falso in bilancio
      :-) se non provoco danni non è punibile!!
      :-))))peccato che le cifre interessate non sono proprio quelle...
  • Anonimo scrive:
    Aspettiamo la sentenza?
    sarebbe curioso vedere che succede in caso di sentenza assolutoria -- e io sono tra quelli che pensano che prestare o regalare quel che e' mio non sia un reato. in caso di assoluzione, forse, qualcuno capira' che e' insensato andare contro 'sta cosa. spiace per i commercianti di dischi, lo dico senza ironia. ma da bottegaio, quale sono, so che un buon affare e' tale se si fa in due. finche' i CD hanno quei prezzi.. gia' si sa il resto del discorso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aspettiamo la sentenza?

      e io sono tra quelli che pensano che
      prestare o regalare quel che e' mio
      non sia un reato. non fare il finto tonto: tu non presti ne regali. Se facessi così quando uno preleva il file dal tuo HD dovrebbe sparire la tua copia del file. Invece a te resta sia il file che magari il CD originale.Il punto è che un copia di un file non è ne un prestito ne un regalo, ma una riproduzione, e quindi una moltiplicazione di una oggetto.Questo è possibile solo perché il bene è di tipo immateriale ,ovvimanete non puoi moltiplicare il pane (a meno che tu non sia...) e quindi si pono solo per opere quali dischi o libri, programmi, film...Ma pensare che far copiare un file sia regalare qualcosa di "tuo" è prfondamente errato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Aspettiamo la sentenza?
        na, na, na, segui il labiale: io compro un ciddi', lo metto in condivisione. ho pagato i diritti etc etc. il fatto che io non mi spossessi del bene dopo la cessione rende simile al prestito il "negozio giuridico" che pongo in essere. resta il fatto che io ho pagato quanto dovuto, e non paga quanto dovuto chi sente (legge, copia, eccetera) il prodotto. chiaro il meccanismo? alla base di tutto, voglio dire, c'e' una transazione legale (il mio acquisto, nell'esempio).ora, pensare di fermare questa cosa equivale in definitiva a rendere illegale prestare un libro ad un amico, prelevato dallo scaffale di casa tua. cambiano i numeri, perche' la potenza moltiplicatoria della rete crea qualche problema a chi, guardacaso, ha sempre straguadagnato da questo genere di commercio. insomma, e' il solito discorso. io comprendo che moltiplicare il prodotto nel modo che dici comprime i guadagni di chi ha creato quel prodotto. ma, prescindendo dal fatto che da sempre io presto e prendo a prestito libri (e voglio vedere chi non lo fa) resta comunque il dato che chi crea opere di questo genere non sembra avere grossi problemi finanziari. alla fine, resta sempre l'immagine patetica della rockstar che dal villone hollywoodiano piange per chissa' quale perdita di guadagno. in tutto questo spettacolo c'e' qualcosa che non va, e non mi sento di dire che sono io.
        • Anonimo scrive:
          Re: Aspettiamo la sentenza?
          - Scritto da: Lock One
          a rendere illegale prestare un
          libro ad un amico, prelevato dallo scaffale
          di casa tua. Sembra che ne sai abbastanza, toglimi una curiosità.Mi sono sempre chiesto 'E' legale prestare un libro/CD/film ad un amico?'E' legale o solo tollerato perchè incontrollabile?Se si potesse impedire questo fatto (e fra non molto i mezzi ci saranno) gli editori avrebbero il diritto di chiedere che questa attività venga impedita?
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: gerry
            E' legale o solo tollerato perchè
            incontrollabile?temo la seconda che hai detto: tollerato perche' incontrollabile.
            Se si potesse impedire questo fatto (e fra
            non molto i mezzi ci saranno) gli editori
            avrebbero il diritto di chiedere che questa
            attività venga impedita?qui non ti seguo: e come farebbero mai a controllare che dal mio scaffale "va dove ti porta il cuore" transuma sul tuo??
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Lock One
            qui non ti seguo: e come farebbero mai a
            controllare che dal mio scaffale "va dove ti
            porta il cuore" transuma sul tuo??Leggi: e-book, palladium, nuovi media.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            Se leggi attentamente la nota di copyright sui CD, troverai che è vietato anche il prestito...Adesso non ho un CD sottomano ma ne sono quasi sicuro...-
            Sembra che ne sai abbastanza, toglimi una
            curiosità.
            Mi sono sempre chiesto 'E' legale prestare
            un libro/CD/film ad un amico?'
            E' legale o solo tollerato perchè
            incontrollabile?
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: gerry
            Mi sono sempre chiesto 'E' legale prestare
            un libro/CD/film ad un amico?'
            E' legale o solo tollerato perchè
            incontrollabile?Basta dire che io te lo regalo e poi tu me lo regali di nuovo... alla fine abbiamo visto entrambi il film (o letto entrambi il libro) ma e' stato pagato una volta sola...
        • Anonimo scrive:
          Re: Aspettiamo la sentenza?
          - Scritto da: Lock One
          na, na, na, segui il labiale: io compro un
          ciddi', lo metto in condivisione. ho pagato
          i diritti etc etc. il fatto che io non mi
          spossessi del bene dopo la cessione rende
          simile al prestito il "negozio giuridico"
          che pongo in essere.
          resta il fatto che io ho pagato quanto
          dovuto, e non paga quanto dovuto chi sente
          (legge, copia, eccetera) il prodotto. chiaro
          il meccanismo? alla base di tutto, voglio
          dire, c'e' una transazione legale (il mio
          acquisto, nell'esempio).

          ora, pensare di fermare questa cosa equivale
          in definitiva a rendere illegale prestare un
          libro ad un amico, prelevato dallo scaffale
          di casa tua. cambiano i numeri, perche' la
          potenza moltiplicatoria della rete crea
          qualche problema a chi, guardacaso, ha
          sempre straguadagnato da questo genere di
          commercio.

          insomma, e' il solito discorso. io comprendo
          che moltiplicare il prodotto nel modo che
          dici comprime i guadagni di chi ha creato
          quel prodotto. ma, prescindendo dal fatto
          che da sempre io presto e prendo a prestito
          libri (e voglio vedere chi non lo fa) resta
          comunque il dato che chi crea opere di
          questo genere non sembra avere grossi
          problemi finanziari.
          alla fine, resta sempre l'immagine patetica
          della rockstar che dal villone hollywoodiano
          piange per chissa' quale perdita di
          guadagno. in tutto questo spettacolo c'e'
          qualcosa che non va, e non mi sento di dire
          che sono io.Non giochiamo eh?Su questo forum quando si parla di copyright, P2P, e argomenti correlati si arriva sempre a dire che i produttori guadagnano abbastanza.Ma non è quello il punto.Anche rubare 12 ferrari dalla fabbrica allora non è grave.Non penso che la ferrari vada in banca rotta per questo.. Ma che cazzo c'entra?Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: GAHR
            Anche rubare 12 ferrari dalla fabbrica
            allora non è grave.non si parla di rubare, si parla di prestare e condividere dopo regolare acquisto. per dirne una, se compro una ferrari e te la presto, non commetto un reato.il problema e' semmai che nel PTP non ci si limita a prestare ma a replicare all'infinito, ed in questo caso, comprensibilmente, pure alla ferrari se ne risentirebbero.dalla loro villa hollywoodiana, peraltro.la contraddizione resta, mio caro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Lock One


            - Scritto da: GAHR

            Anche rubare 12 ferrari dalla fabbrica

            allora non è grave.

            non si parla di rubare, si parla di prestare
            e condividere dopo regolare acquisto. per
            dirne una, se compro una ferrari e te la
            presto, non commetto un reato.
            il problema e' semmai che nel PTP non ci si
            limita a prestare ma a replicare
            all'infinito, ed in questo caso,
            comprensibilmente, pure alla ferrari se ne
            risentirebbero.
            dalla loro villa hollywoodiana, peraltro.
            la contraddizione resta, mio caro.io compro un CD.è mio.lo duplico per altre 450 persone.non è né corretto né legale.Saluti,GAHR
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: GAHR
            io compro un CD.
            è mio.
            lo duplico per altre 450 persone.

            non è né corretto né legale.Al tempo. Che non sia legale siamo d'accordo (del resto, quando qualcuno si fa le leggi a proprio uso e consumo, non è che ci voglia molto...)Proprio x il motivo appena spiegato, non mi sentirei di giurare sulla scorrettezza di un simile comportamento, x lo meno dal punto di vista morale.Alhoa
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            Mi stai stufando con questa tua ridicola difesa della legalita' dei ricchi.Leggiti bene quello che sta scritto sui cd: Unauthorised copying, reproduction, hiring, LENDING, public performance and broadcasting PROIHIBITED.Non so se hai capito ma e' vietato anche il prestito !!Ora, siccome nella tua vita hai di sicuro prestato un cd, vorrei che venissero ad arrestarti tanto per vedere se rimani buono e zitto mentre ti portano via.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Blade

            Mi stai stufando con questa tua ridicola
            difesa della legalita' dei ricchi.
            Leggiti bene quello che sta scritto sui cd:
            Unauthorised copying, reproduction, hiring,
            LENDING, public performance and broadcasting
            PROIHIBITED.
            Non so se hai capito ma e' vietato anche il
            prestito !!
            Ora, siccome nella tua vita hai di sicuro
            prestato un cd, vorrei che venissero ad
            arrestarti tanto per vedere se rimani buono
            e zitto mentre ti portano via.Hai ragione, da qualche parte ho pure detto "nessuno è perfetto".Si ho prestato CD, pero' visto che la roba che ascolto è abbastanza underground, sono restio anche al prestito.I MIEI CD sono miei e basta.. se vuoi ti faccio sentire qcosa, ma poi te lo compri ;-)Saluti,GAHR
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: GAHR
            Hai ragione, da qualche parte ho pure detto
            "nessuno è perfetto".Quindi non avresti niente da dire se ti arrestassero per aver prestato un CD ? E' anche quella una violazione del copyright, no ?Anche quello equivale ad un furto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Blade


            - Scritto da: GAHR


            Hai ragione, da qualche parte ho pure
            detto

            "nessuno è perfetto".

            Quindi non avresti niente da dire se ti
            arrestassero per aver prestato un CD ? E'
            anche quella una violazione del copyright,
            no ?
            Anche quello equivale ad un furto.eheh io penso che mi condannerebbero a morte.Se beccassi una multa per aver prestato CD, penso che ne trarrei insegnamento, e i miei CD non uscirebbero più da casa mia se non nel mio Diskman..Sinceramente non ci ho mai pensato che era illegale anche il prestito, pero' da ora in poi agirò di conseguenza, grazie!(cmq non stiamo qui a flamarci a vicenda, se sei dotato di un minimo di cervello capisci anche tu la differenza tra prestare un CD e sharare GB di MP3... se no te la spiego. ;-)dai fa il bravo!Saluti,GAHR
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: GAHR
            (cmq non stiamo qui a flamarci a vicenda, se
            sei dotato di un minimo di cervello capisci
            anche tu la differenza tra prestare un CD e
            sharare GB di MP3... se no te la spiego. ;-)
            dai fa il bravo!Non sto affatto "fiammeggiando", ma vorrei capire che cosa porta una persona nata in un paese (quasi) libero a comportarsi come se fosse sempre vissuto in una gabbia.Anche se cambia la quantita' di musica "condivisa" il concetto e' sempre lo stesso: io pago per un oggetto sul quale pero' non ho NESSUN diritto.E' evidente che il concetto di copyright va cambiato ed il modo migliore di farlo cambiare e' ribellarsi e non rispettarlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?

            Quindi non avresti niente da dire se ti
            arrestassero per aver prestato un CD ?Nessuno ti può arrestare! Non è penale!Al massimo ti fanno la multa!
            E' anche quella una violazione del copyright,
            no ?Certo, lo fanno tutti ed è tollerata (mal volentieri), anche perchè praticametne impossibile da perseguire.Anche quando attraversi la strada col rosso stai violando il codice! Nessun vigile ti multerà mai, ma se ad uno salta il grillo e ti appioppa un tot di euro, cmq ti tocca pagarli!Le leggi le violiamo tutti, continuamente (cose di poco conto, si spera! ^_^). Ma ciò non toglie che vadano rispettate e se decidi di non farlo te ne assumi il rischio! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            Grande Blade!
        • Anonimo scrive:
          Re: Aspettiamo la sentenza?
          - Scritto da: Lock One
          na, na, na, segui il labiale: io compro un
          ciddi', lo metto in condivisione. ho pagato
          i diritti etc etc.ERRATO! Tu non compi la musica, compri il pezzo di plastica! LA musica, come il programma, il film, ecc.. ti sono ceduti "in licenza" (che nei programmi è esplicita, nei CD implicita e c'è sempre scritto dietro vietato prestare e similari, per altro..se c'è lo spazio per scriverlo)Quindi puoi condividere il pezzo di plastica, non il suo contenuto (che è quello che fai in rete)Il resto sono chiacchiere prive di fondamento giuridico, logico e legale...
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: Lock One

            na, na, na, segui il labiale: io compro un

            ciddi', lo metto in condivisione. ho
            pagato

            i diritti etc etc.

            ERRATO! Tu non compi la musica, compri il
            pezzo di plastica! LA musica, come il
            programma, il film, ecc.. ti sono ceduti "in
            licenza" (che nei programmi è esplicita, nei
            CD implicita e c'è sempre scritto dietro
            vietato prestare e similari, per altro..se
            c'è lo spazio per scriverlo)
            Quindi puoi condividere il pezzo di
            plastica, non il suo contenuto (che è quello
            che fai in rete)

            Il resto sono chiacchiere prive di
            fondamento giuridico, logico e legale...vuoi sapere una cosa che puo'far sorridere ?e' stato proprio il tipo di contratto a far nascere il diritto di copia...e a far nascere il paradosso con le protezioni dei cd.Quando acquisto un cd io non acquisto il pezzo di plastica, ma acquisto il diritto di ascoltare quei brani per sempre, cioe' acquisto un diritto inalienabile (non trasferibile) che vale per tutta la mia vita e che e' completamente slegato dal supporto.Se il supporto e' danneggiato, distrutto, perso, il mio diritto rimane e la casa discografica mi deve fornire un'altro cd (vale anche per il sw) altrimenti viene meno al contratto...ora le case discografiche si dovrebbero organizzare per soddifare le richieste dei loro clienti e per rispettare il contratto da loro stesse stipulato.Se non lo fanno, cioe' se non forniscono una copia al cliente in tempi brevi sono inadempienti, e il cliente dovrebbe fargli causa.Ora il legislatore dopo averci pensato e aver constato che una tale situazione svantaggia nettamente il cliente ha deciso che quest'ultimo poteva farsi una copia, proprio per mettersi al riparo e per far valere il suo diritto.Ora e' vero che il cliente non ha facolta' di cedere a titolo piu' o meno gratuito il suo "diritto d'ascolto", pero' e anche vero che questo suo diritto viene a mancare quando non puo'ascoltare i brani acquistati sul suo lettore mp3 o nella sua auto perche'il cd salta o non lo puo'ascoltare sul cd del suo pc con quasiasi sistema operativo....(cosa che prima poteva fare)Da questo si puo'arrivare facilmente alla conclusione che le tecnologie anticopia sono illegali o per lo meno stravolgono il pensiero del legislatore che voleva proteggere il cliente dal troppo onere derivante dalle cause che dovrebbe sostenere per vedere il contratto rispettato (o almeno per essere risarcito).Di fatto condividere un brano non era illegale, era illegale scaricare il brano o il sw senza averne mai acquistato una copia originale...ora invece questo principio e'stato scavalcato e anche averne una copia viene interpretato come reato da chi accerta i fatti, ma effettivamente bisogna aspettare la sentenza per poter effettivamente stabilire se chi e'in possesso del file di fatto sta'violando una legge o sta'esercitando un suo diritto.E come ho detto all'inizio sono proprio state le case discografiche e le case produttrici di sw a cacciarsi in questo pasticcio in virtu'del fatto che vendono un diritto d'ascolto/visione o un diritto d'utilizzo nel caso del sw....l'unica alternativa possibile sarebbe quella di consegnare sempre 2 (o piu') copie dell'opera, per garantire il cliente. Il quale in caso di distruzione, danneggiamento, smarrimento o furto possa semplicemente fare la richiesta alla casa produttrice per il reintegro....ma questo per tutta la durata della vita del cliente.Quindi se ho acquistato un cd a 15 anni e campo fino a 85 la casa produttrice rimane vincolata e dovrebbe sempre essere in grado di garantire il mio diritto.Ma questa soluzione, a mio giudizio, e' quasi impossibile da realizzare...Di fatto pero'rimangono fuori i lettori mp3 che non si capisce se sono legali o no.Secondo l'interpretazione delle case discografiche no visto che non posso estrarre neanche un brano dal cd, ma allora perche'li vendono alla luce del sole e nessuno fa'nulla ?Perche' non chiedono la messa al bando o il ritiro dal mercato ? ....forse e'un tasto che non volgiono toccare ? di cosa hanno paura se sono nel giusto non dovrebbero esserci problemi....Insomma il discorso e'lungo e complesso e sicuramente ci sono molti altri aspetti da trattare ma ho gia'scritto troppo per oggi....
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?

            Di fatto condividere un brano non era
            illegale, era illegale scaricare il brano o
            il sw senza averne mai acquistato una copia
            originale...Scusa, questo passaggio mi è sfuggito!!!Mi spieghi perchè non dovrebbe essere illegale?
            ora invece questo principio e'stato
            scavalcato e anche averne una copia viene
            interpretato come reato da chi accerta i
            fattiIl reato non è averne una copia, ma averla ottenuta illegalmente e senza averne diritto!Se il CD ce l'hai a casa e per qualche motivo ti scarichi anche l'mp3, hai perfettamente ragione.Se non ce l'hai non avevi nessun diritto di scaricartelo e non c'è nessun backup che tenga!Se gli accusati dimostrano che avevano in originale tutto il soft/music che hanno scaricato, nessuno potrà dirgli niente...ho come la vaga sensazione che NON sia così, chissà perchè... :)
            ma effettivamente bisogna aspettare
            la sentenza per poter effettivamente
            stabilire se chi e'in possesso del file di
            fatto sta'violando una legge o
            sta'esercitando un suo diritto.Stai sbagliando la messa a fuoco del problema! Tutto lì....
      • Anonimo scrive:
        Re: Aspettiamo la sentenza?
        - Scritto da: Tonto

        e io sono tra quelli che pensano che

        prestare o regalare quel che e' mio

        non sia un reato.

        non fare il finto tonto: tu non presti ne
        regali. E la banda e il tempo di connessione e la corrente per alsciare il pc aperto per permetterti di scaricarlo anche quando io non sono online? non sono regali?
        Questo è possibile solo perché il bene è di
        tipo immateriale ,ovvimanete non puoi
        moltiplicare il pane (a meno che tu non
        sia...) e quindi si pono solo per opere
        quali dischi o libri, programmi, film...E allora, è bello che si possa fare, magari si potesse condividere il pane... qualche multinazionale del grano cercherebbe di ostacolarlo ma noi lo riterremmo un comportamento irragionevole.
        Ma pensare che far copiare un file sia
        regalare qualcosa di "tuo" è prfondamente
        errato.ma condividere con i propri famigliari amici vicini conoscenti affini e con la propria comunita è la cosa più bella.Immagina compri un pallone e vai a un parco trovi altri che non conosci fate una partita e tu condividi il pallone, poi finita la partita ti metti a riposare sull'erba arriva un gruppo di persone che non conosci e ti chiede il pallone per fare loro una partita . Lo presti . Poi arriva il proprietario del marchio del pallone e vi multa tutti, tu perchè hai condiviso e loro perchè hanno sfruttato sensa pagare i diritti sul pallone. Sarebbe un comportamento irragionevole.Hai una cassetta uno stereo vengono delle persone a casa tua per una festa. Metti dei dischi arriva la siae e ti multa perchè non hai pagato i diritti sulal difusione. Sarebbe un altro comportamento irragionevole.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aspettiamo la sentenza?
      - Scritto da: Lock One
      e io sono tra quelli che pensano che prestare
      o regalare quel che e' mio non sia un reato. .. ah, quel che è tuo???
      • Anonimo scrive:
        Re: Aspettiamo la sentenza?
        si, quel che e' mio.ho comprato un CD, ora e' mio. guarda, possiamo discutere fino a domani, ma questo e' incontrovertibile. e' mio e ne faccio quello che voglio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Aspettiamo la sentenza?
          - Scritto da: Lock One
          si, quel che e' mio.
          ho comprato un CD, ora e' mio. guarda,
          possiamo discutere fino a domani, ma questo
          e' incontrovertibile. e' mio e ne faccio
          quello che voglio.Allora facciamo che non sei tu che compri un cd.ma che condividi MP3 scaricati, quindi illegali.Se tutti condividessero solo i propri cd non ci sarebbe condivisione...Tu uploadi solo CD tuoi o scarichi anche?Cmq non c'è nulla da discutere.La legge parla chiaro.Saluti,GAHR
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: GAHR
            Cmq non c'è nulla da discutere.
            La legge parla chiaro.appunto, aspettiamo la sentenza. che non sarebbe la prima assolutoria della cosiddetta "pirateria".
        • Anonimo scrive:
          Re: Aspettiamo la sentenza?

          si, quel che e' mio.
          ho comprato un CD, ora e' mio. guarda,
          possiamo discutere fino a domani, ma questo
          e' incontrovertibile. e' mio e ne faccio
          quello che voglio.Sì, del CD, non del suo contenuto! Col CD ci puoi pure giocare a frisbee, ma quel che c'è inciso non ti è stato venduto! Ti è stato venduto l'utilizzo personale!E' per quello che svariati priati vegnon continuamente beccati e dencuiat e condannati dalla Finanza! Anche loro il CD l'hano comprato all'inizio, no? Ma non potevano riprodurlo!Sveglia!Te di leggi e normative sul copyright non sai molto, mi sa!Vai in tribunale con la tua tesi, vedi come ti ridono in faccia!
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Ekleptical
            Sì, del CD, non del suo contenuto! Col CD ci
            puoi pure giocare a frisbee, ma quel che c'è
            inciso non ti è stato venduto! Ti è stato
            venduto l'utilizzo personale!si allora ciccio, vediamo se la capisci: e' esattamente quello che intendo. comprandolo io mi ritengo padrone di disporre dei contenuti. l'ho capita che non ti va bene, ne' a te ne' ai signori della SIAE ne' a tutti quelli che ci campano, coi diritti. vediamo se la intendi spiegata nella tua lingua: me ne frego. va bene??
            Sveglia!ma svegliati tu piuttosto, e impara a scrivere, che male non ti fara'.
            Te di leggi e normative sul copyright non
            sai molto, mi sa!pfui.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?

            si allora ciccio, vediamo se la capisci: e'
            esattamente quello che intendo. comprandolo
            io mi ritengo padrone di disporre dei
            contenuti.Quel che tu ritieni non ha NESSUNA importanza! Finchè vivi in un paese rispondi alle leggi di quel paese, non a quello che ritieni tu!La legge italiana (e del resto del mondo) dice quel che ho detto io!Tu puoi ritenere quel che vuoi, ma un reato lo commetti lo stesso e in caso di condanna la multa o la galera te la fai lo stesso! Che tu condivida o no! (E ci mancherebbe altro!)
            vediamo se la intendi spiegata nella tua
            lingua: me ne frego. va bene??Dillo al caramba se verrà a bussarti a casa!

            Te di leggi e normative sul copyright non

            sai molto, mi sa!Mah! Veramente mi son letto tutta l'intera legge sul Diritto D'Autore, tutti e 181 (se non sbaglio) articoli, uno ad uno!Credo che tu non l'abbia nemmeno vista col binocolo una legge italiana, invece....
          • Anonimo scrive:
            Re: Aspettiamo la sentenza?
            - Scritto da: Ekleptical



            Te di leggi e normative sul copyright
            non


            sai molto, mi sa!
            Mah! Veramente mi son letto tutta l'intera
            legge sul Diritto D'Autore, tutti e 181 (se
            non sbaglio) articoli, uno ad uno!
            Credo che tu non l'abbia nemmeno vista col
            binocolo una legge italiana, invece....quel quoting e' tuo, ciccio. ma quanto fruscia la tua coda di paglia?quanto al resto, latra pure.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aspettiamo la sentenza?
      - Scritto da: Lock One
      sarebbe curioso vedere che succede in caso
      di sentenza assolutoria -- Sempre che si arrivi a sentenza fra pagare una multa di mille euro e intantare un giudizio processuale molti potrebbero preferire pagare.O fare ricorso sensa pero farsi seguire da legali e allora...
    • Anonimo scrive:
      Re: Aspettiamo la sentenza?

      un buon affare e' tale se si fa in due.
      finche' i CD hanno quei prezzi.. gia' si sa
      il resto del discorso.sante parole... in realtà è una lotta impari...Loro hanno mezzi ben più potenti dei nostri e se vogliono farci spendere sempre di più lo possono fare...L'uomo è avido, il problema andrebbe risolto alla fonte
  • Anonimo scrive:
    intervistare gli studenti partecipanti
    sarebbe interessante sapere le modalità tecniche applicate.ovvero COME hanno fatto, se hanno violato la legge e verificare se mentonosarebbe interessante sapere ora QUALI sistemi di p2p crittografano i dati in transitoè sufficiente quello per non poterli leggere no?a parte che sniffare i dati credo sia comunque illegale ...
    • Anonimo scrive:
      Re: intervistare gli studenti partecipanti

      sarebbe interessante sapere le modalità
      tecniche applicate.non e' una novita' che esistano delle versioni modificate di software di condivisione (e non solo winmx e kazaa) rilasciate da bsaa e similari che permettano il controllo dell'utilizzatore, fra l'altro con amici abbiamo individuato un trojan poi identificato come materiale della Riaa che TUTTORA non viene bloccato da un noto antivirus e un noto programma di firewalling......attenti a quello che scaricate!
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti
        Data l'importanza della questione,potresti essere più dettagliato possibile?Poi se metti anche qualche link è il massimo...Grazie Takx
        • Anonimo scrive:
          Re: intervistare gli studenti partecipanti
          - Scritto da: Takx
          Data l'importanza della questione,
          potresti essere più dettagliato possibile?
          Poi se metti anche qualche link è il
          massimo...usa la riceca su newsgroups di google, combina parole come trojan, backdoor, spyware con i nomi di software p2p comuni e delle associazioni note dei produttori, dovresti trovare fra le varie discussioni diverse informazioni in proposito, come distinguere i p2p fake (io ho avuto a che fare con Kazaa modificato) ed altro ancora.
    • Anonimo scrive:
      Re: intervistare gli studenti partecipanti
      Non c'e` crittografia che tenga.Se tu hai installato un programma P2P e condividi materiale non autorizzato, ed io ho lo stesso programma, se scarico da te i file (che non potresti avere!) ho la prova che tu abbia il file.Certo, in questo caso sarei anche io nell'illegalita` (perché in possesso di materiale illegalmente acquisito); forse per dimostrare il tutto puoi scaricare anche solo l'hash del file (has giusto = pressoche` certezza che tu abbia quel file e non un altro).Bisognerebbe pero` dimostrare che:- Il programma non e` stato ritoccato (contraffazione di prove)- L'hash corrisponde effettivamente al contenuto illegale (altrimenti potrebbe essere qualsiasi cosa)- Le comunicazioni sono effettivamente avvenute (e non con un man-in-the-middle per incastrarti).Credo possano ben giocare su questi punti per difendersi...Saluti!
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti
        - Scritto da: LraiseR
        Non c'e` crittografia che tenga.

        Se tu hai installato un programma P2P e
        condividi materiale non autorizzato, ed io
        ho lo stesso programma, se scarico da te i
        file (che non potresti avere!) ho la prova
        che tu abbia il file.Se il file viene crittografato e distribuito su più nodi, non c'è modo di sapere chi lo ha messo in condivisione originariamente, e anche se scarichi un pezzo da un PC di un altro hai solo una sequela di caratteri senza senso. Solo dopo che hai ricomposto magari da 10.000 utenti i vari pezzi, il brano viene decrittato e si può sapere che era illegale. Ma allora li si perseguita tutti e diecimila, ammesso di averli pazientemente loggati tutti quanti ed essersi accertati che quei pezzi venivano proprio da loro?. A meno che non si voglia colpire uno per il solo fatto di avere installato il programma sul proprio PC, rendendolo illegale tout-court.
        • Anonimo scrive:
          Re: intervistare gli studenti partecipanti
          - Scritto da: mah...
          Se il file viene crittografato e distribuito
          su pi� nodi, non c'� modo di sapere chi lo
          ha messo in condivisione originariamente, e
          anche se scarichi un pezzo da un PC di un
          altro hai solo una sequela di caratteri
          senza senso. Solo dopo che hai ricompostoNon si sta parlando di freenet, si sta parlando di kazaa ed edonkey. In entrambi i casi (con modi differenti) se qualcuno scarica da te un file vuol dire che quel file o l'hai messo tu o l'hai scaricato a tua volta, nessuna via di fuga possibile.
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti

        Certo, in questo caso sarei anche io
        nell'illegalita` (perché in possesso di
        materiale illegalmente acquisito)Beh... Se sei una casa discografica che ha i diritti di distribuzione del pezzo puoi farci quel che vuoi, quindi non stai compiendo nessuna illegalità (anche solo se sei autorizzato da loro)!Quindi il problema direi che non si pone!(A meno che non ti metti a fare il "crociato" anti p2p in privato, ma la vedo poco diffusa come aspirazione! :P)
        • Anonimo scrive:
          Re: intervistare gli studenti partecipanti
          ... ma cosa si puo' condividere legalmente con un programma p2p come kazaa ? Forse bisogna chederlo agli sponsor tipo Tiscali ?
          • avvelenato scrive:
            Re: intervistare gli studenti partecipan
            neanche i miei demo.li devo registrare obbligatoriamente alla siae.
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti
        - Scritto da: LraiseR
        Non c'e` crittografia che tenga.

        Se tu hai installato un programma P2P e
        condividi materiale non autorizzato, ed io
        ho lo stesso programma, se scarico da te i
        file (che non potresti avere!) ho la prova
        che tu abbia il file.
        Certo, in questo caso sarei anche io
        nell'illegalita` (perché in possesso di
        materiale illegalmente acquisito); forse per
        dimostrare il tutto puoi scaricare anche
        solo l'hash del file (has giusto =
        pressoche` certezza che tu abbia quel file e
        non un altro).

        Bisognerebbe pero` dimostrare che:
        - Il programma non e` stato ritoccato
        (contraffazione di prove)
        - L'hash corrisponde effettivamente al
        contenuto illegale (altrimenti potrebbe
        essere qualsiasi cosa)
        - Le comunicazioni sono effettivamente
        avvenute (e non con un man-in-the-middle per
        incastrarti).

        Credo possano ben giocare su questi punti
        per difendersi...

        Saluti!Dimenti un piccolissimo particolare sai?Come fai a sapere che non ho il CD originale?Sono liberissimo di farmi una copia sul PC e tenerlo in una cartella che casualmente è condivisa. Il reato lo commette chi lo scarica da me, non io. E c'è una bella differenza. Comunque devi venire a casa mia, sequestrarmi il computer con un'ordinanza motivata della polizia (oltretutto comunicatami precedentemente - a meno non si tratti di armi non puoi fare la retata (vedi la Diaz a GE)) e analizzare il contenuto.Ragazzi il garantismo mica vale solo per i pezzenti governanti...vale per tutti...
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti
        - Scritto da: LraiseR
        Non c'e` crittografia che tenga.

        Se tu hai installato un programma P2P e
        condividi materiale non autorizzato, ed io
        ho lo stesso programma, se scarico da te i
        file (che non potresti avere!) ho la prova
        che tu abbia il file.
        Certo, in questo caso sarei anche io
        nell'illegalita` (perché in possesso di
        materiale illegalmente acquisito); forse per
        dimostrare il tutto puoi scaricare anche
        solo l'hash del file (has giusto =
        pressoche` certezza che tu abbia quel file e
        non un altro).

        Bisognerebbe pero` dimostrare che:
        - Il programma non e` stato ritoccato
        (contraffazione di prove)
        - L'hash corrisponde effettivamente al
        contenuto illegale (altrimenti potrebbe
        essere qualsiasi cosa)
        - Le comunicazioni sono effettivamente
        avvenute (e non con un man-in-the-middle per
        incastrarti).

        Credo possano ben giocare su questi punti
        per difendersi...

        Saluti!Dimenti un piccolissimo particolare sai?Come fai a sapere che non ho il CD originale?Sono liberissimo di farmi una copia sul PC e tenerlo in una cartella che casualmente è condivisa. Il reato lo commette chi lo scarica da me, non io. E c'è una bella differenza. Comunque devi venire a casa mia, sequestrarmi il computer con un'ordinanza motivata della polizia (oltretutto comunicatami precedentemente - a meno non si tratti di armi non puoi fare la retata (vedi la Diaz a GE)) e analizzare il contenuto.Ragazzi il garantismo mica vale solo per i pezzenti governanti...vale per tutti...
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti
        - Scritto da: LraiseR
        Non c'e` crittografia che tenga.

        Se tu hai installato un programma P2P e
        condividi materiale non autorizzato, ed io
        ho lo stesso programma, se scarico da te i
        file (che non potresti avere!) ho la prova
        che tu abbia il file.
        Certo, in questo caso sarei anche io
        nell'illegalita` (perché in possesso di
        materiale illegalmente acquisito); forse per
        dimostrare il tutto puoi scaricare anche
        solo l'hash del file (has giusto =
        pressoche` certezza che tu abbia quel file e
        non un altro).

        Bisognerebbe pero` dimostrare che:
        - Il programma non e` stato ritoccato
        (contraffazione di prove)
        - L'hash corrisponde effettivamente al
        contenuto illegale (altrimenti potrebbe
        essere qualsiasi cosa)
        - Le comunicazioni sono effettivamente
        avvenute (e non con un man-in-the-middle per
        incastrarti).

        Credo possano ben giocare su questi punti
        per difendersi...

        Saluti!Dimenti un piccolissimo particolare sai?Come fai a sapere che non ho il CD originale?Sono liberissimo di farmi una copia sul PC e tenerlo in una cartella che casualmente è condivisa. Il reato lo commette chi lo scarica da me, non io. E c'è una bella differenza. Comunque devi venire a casa mia, sequestrarmi il computer con un'ordinanza motivata della polizia (oltretutto comunicatami precedentemente - a meno non si tratti di armi non puoi fare la retata (vedi la Diaz a GE)) e analizzare il contenuto.Ragazzi il garantismo mica vale solo per i pezzenti governanti...vale per tutti...
      • Anonimo scrive:
        Re: intervistare gli studenti partecipanti
        - Scritto da: LraiseR
        Non c'e` crittografia che tenga.

        Se tu hai installato un programma P2P e
        condividi materiale non autorizzato, ed io
        ho lo stesso programma, se scarico da te i
        file (che non potresti avere!) ho la prova
        che tu abbia il file.
        Certo, in questo caso sarei anche io
        nell'illegalita` (perché in possesso di
        materiale illegalmente acquisito); forse per
        dimostrare il tutto puoi scaricare anche
        solo l'hash del file (has giusto =
        pressoche` certezza che tu abbia quel file e
        non un altro).

        Bisognerebbe pero` dimostrare che:
        - Il programma non e` stato ritoccato
        (contraffazione di prove)
        - L'hash corrisponde effettivamente al
        contenuto illegale (altrimenti potrebbe
        essere qualsiasi cosa)
        - Le comunicazioni sono effettivamente
        avvenute (e non con un man-in-the-middle per
        incastrarti).

        Credo possano ben giocare su questi punti
        per difendersi...

        Saluti!Dimenti un piccolissimo particolare sai?Come fai a sapere che non ho il CD originale?Sono liberissimo di farmi una copia sul PC e tenerlo in una cartella che casualmente è condivisa. Il reato lo commette chi lo scarica da me, non io. E c'è una bella differenza. Comunque devi venire a casa mia, sequestrarmi il computer con un'ordinanza motivata della polizia (oltretutto comunicatami precedentemente - a meno non si tratti di armi non puoi fare la retata (vedi la Diaz a GE)) e analizzare il contenuto.Ragazzi il garantismo mica vale solo per i pezzenti governanti...vale per tutti...
  • Anonimo scrive:
    Come volevasi dimostrare...
    Devo dire che ancora una volta l'Europa ha dimostrato di essere avanti rispetto all'America; colpire chi ha commesso un reato è l'unica cosa sensata... invece i nostri amici americani continuano grazie a non so quale logica a colpire il mezzo usato per commettere l'illecito anche se questo mezzo può essere usato in maniera perfettamente legale...
    • Anonimo scrive:
      Re: Come volevasi dimostrare...
      non ho capito perché solo questi poveracci.. e tutti gli altri? potrebbero aver fatto come in america, dimostrazione esemplare.ogni tanto salta fuori qualche hoax, notizia non vera al puro scopo di intimorire la gente su azioni informatiche "illegali".kainhttp://www.kuht.it wizard
      • Anonimo scrive:
        Re: Come volevasi dimostrare...
        - Scritto da: kain
        non ho capito perché solo questi poveracci..
        e tutti gli altri? Perchè se superiamo il limite di velocità entrambi non è detto che entrambi prendiamo la multa?Purtroppo (o forse fortunatamente) la giustizia non può vedere/occuparsi di tutto. Colpisce chi è in grado.Cmq quello che apprezzo di questa news è che finalmente i produttori di sw p2p non sono stati attaccati per reati commessi dai loro utenti....
      • Anonimo scrive:
        Re: Come volevasi dimostrare...
        - Scritto da: kain
        non ho capito perché solo questi poveracci..
        e tutti gli altri? Come non hai capito?Se KaZaa (ammesso che di questo si tratti, ma non ha importanza) ha 10'000 utenti (a caso..) mica si possono multare tutti insieme..Non è che colpiscono SOLO QUEI POVERACCI, ma è un inizio..Se prendi un radar mica ti chiedi "perchè proprio a me?"Prima o poi tutti pagheranno, com'è giusto che sia.ragazzi, i sex pistols sono morti, rispettiamo la legge ;-)Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Come volevasi dimostrare...
          - Scritto da: GAHR

          ragazzi, i sex pistols sono morti,
          rispettiamo la legge ;-)

          SalutiMamma mia...Non sono anarchico, ma a leggere i tuoi post saturi di mentalità da schiavo pressochè assoluto mi viene lo stesso il voltastomaco.Magari prova a considerare opzioni più equilibrate e meno prone al potere, ok? :-)Sai, il potere è umano e sbaglia come me e te. Il dogma dell'infallibilità papale lasciamolo al vaticano.
  • Anonimo scrive:
    meno di 1000 euri a testa
    Praticamente meno di 1000 Euri a testa...na cazzata insomma.Qualsiasi pirata del mondo pagherebbe 1000 Euro per potersi scaricare tutto quello che vuole in piena libertà.
    • Anonimo scrive:
      Re: meno di 1000 euri a testa
      - Scritto da: asdfadf
      Praticamente meno di 1000 Euri a testa...na
      cazzata insomma.
      Qualsiasi pirata del mondo pagherebbe 1000
      Euro per potersi scaricare tutto quello che
      vuole in piena libertà.mille eurO, ignorante!
    • Anonimo scrive:
      Re: meno di 1000 euri a testa

      Praticamente meno di 1000 Euri a testa...nasarebbe EurO con la O. Se hai dei dubbi guarda sulle banconote :-)
      • Anonimo scrive:
        L'accademia della crusca...
        L'accademia della crusca ha sentenziato che è più giusto dire EurI [con la I di Imola], ma è accettabile anche EurO. Solo accettabile, non giusto; quindi Euri è PIU' che giusto, ok?
        • Anonimo scrive:
          Re: L'accademia della crusca...
          - Scritto da: Marco
          L'accademia della crusca ha sentenziato che
          è più giusto dire EurI [con la I di Imola],
          ma è accettabile anche EurO. Sei sicuro che non abbiano cambiato idea ?Dai un'occhiata qui: http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=104&ctg_id=93http://www.vareseweb.it/euro/news/news32.htm"...Il presidente dell'Accademia della Crusca, prof. Francesco Sabatini, si è pronunciato in proposito nel numero 23 della rivista "La Crusca per voi" e la motivazione più forte che ha portato in difesa dell'invariabilità della parola euro è stata che questa è "una parola dotata di una sua particolare fisionomia, portatrice di una semantica che quasi la isola nel contesto morfosintattico... la prima parola di una lingua europea non nazionale...".
          • Anonimo scrive:
            dilla tutta però [per la precisione, ehehe!]
            La prof. conclude così(...) Certo, resta il nostro istinto di parlanti nativi che ci induce ad applicare le regole della morfologia naturale della nostra lingua e a flettere di conseguenza un nome maschile terminante in -o nella sua normale forma plurale in -i: personalmente sono convinta che l'uso parlato resterà vario e spero che nessuno si scandalizzerà di fronte a chi dirà euri. Cordialmente,Raffaella Settihttp://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=104&ctg_id=93
  • Anonimo scrive:
    La risposta: FILETOPIA
    http://www.filetopia.org/Ecco la risposta, in attesa di freenet, che si può sventolare come una bandiera.Menzionatelo, pubblicizzatelo, raccomandatelo ad amici e conoscenti.C'è pure la versione in italiano:http://www.filetopia.org/dl.htmTutti voi utenti di WinMX e KaZaa, voi orfani di Audiogalaxy, voi nipotini di Napster, date una chance (nel vs. interesse) a questo ottimo software.Di sicuro qui in italia, l'idea di schedare e kontrollare (sì, la odio, ma ho messo pure io la kappa), a qualche bella mente è già venuta.
    • Anonimo scrive:
      Re: La risposta: FILETOPIA

      Ecco la risposta, in attesa di freenet, che
      si può sventolare come una bandiera.Dicci qualcosa di più su questo software. Perché dovrebbe diventare la nostra bandiera?
    • Anonimo scrive:
      Re: La risposta: FILETOPIA
      - Scritto da: Giudice
      http://www.filetopia.org/

      Ecco la risposta, in attesa di freenetbeh?e perché sarebbe la risposta?anche aimster doveva esserlo, dato che i dati erano crittografati, leggerli significava violare il DMCA ... eppure ...
    • Anonimo scrive:
      Re: La risposta: FILETOPIA
      E poi "in attesa di freenet".... Freenet c'è già.Tit.
  • Anonimo scrive:
    Arriva la cavalleria
    Credo che a questo punto l'unica cosa che possa salvare gli utenti P2P e' il loro numero, essendo credo impossibile per chiunque far causa anche solo a un centesimo degli utilizzatori
    • Anonimo scrive:
      Re: Arriva la cavalleria
      - Scritto da: Freak
      Credo che a questo punto l'unica cosa che
      possa salvare gli utenti P2P e' il loro
      numero, essendo credo impossibile per
      chiunque far causa anche solo a un centesimo
      degli utilizzatorisapendo che uno di quelli in quel 1% sei tu, sei pronto a pagare?sei pronto a premere "download" ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Arriva la cavalleria

        sapendo che uno di quelli in quel 1% sei tu,
        sei pronto a pagare?

        sei pronto a premere "download" ?Sì.E non lo dico per spavalderia. Credo proprio che questo spauracchio non reggerà. Sinceramente.Come dice Battisti, lo scopriremo vivendo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Arriva la cavalleria

          E non lo dico per spavalderia. Credo proprio
          che questo spauracchio non reggerà.Beh, con tutto il giro di roba che c'è sul p2p, se anceh non serve lo spauracchio, a furia di denunce e condanne si rifanno cmq del maltolto!1000euro a testa, ricordiamo, vanno a pagare questi!!Conviene più denunciare che vendere, quasi quasi! :)
          • Scorpion scrive:
            Re: Arriva la cavalleria
            -
            Beh, con tutto il giro di roba che c'è sul
            p2p, se anceh non serve lo spauracchio, a
            furia di denunce e condanne si rifanno cmq
            del maltolto!
            1000euro a testa, ricordiamo, vanno a pagare
            questi!!
            Conviene più denunciare che vendere, quasi
            quasi! :)SE mai verranno riconosciuti colpevoli..cosa che probabilmente non avverrà...quindi le case discografiche non beccheranno un soldo com'è giusto che sia...
  • Anonimo scrive:
    MI PARE UNA STRONZATA
    Potrei dire una fesseria ma fare il giochetto di rintracciare gli IP e successivamente i fruitori del servizio P2P, calcolare quanto "rubano" e poi agire in concerto con le autorità non è reato?Mi spiego: se qualcuno mi controlla deve avere un autorizzazione, altrimenti è violazione della privacy, sullo stesso piano se le autorità preposte scoprono che persona ha commesso un reato (dopo avere il mandato) devono notificare l'inizio dei procedimenti, non possono stare a spiare cosa fai e colpirti, altrimenti è uno stato di polizia.Mi spiego:se domani mettono un autovelox in una strada trafficata devono inviarmi la multa appena hanno la foto a disposizione, altrimenti magari io rivado altre 200 volte a quella velocità su quella strada (magari non vedevo il cartello di limite di velocità, la legge purtoppo non ammette ignoranza) e poi mi arrivano 201 multe tutte insieme per aver superato il limite di velocità?in questo caso, in Italia, le 200 successive possono essere contestate, solo una ha valore, almeno per l'autovelox funziona così....
    • Anonimo scrive:
      [OT] PARE UNA STRONZATA

      in questo caso, in Italia, le 200 successive
      possono essere contestate, solo una ha
      valore, almeno per l'autovelox funziona
      così....E' così per tutte le multe, anche quelle per divieto di sosta eventualmente prese a orari diversi della giornata.TAD since 1995
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] PARE UNA STRONZATA

        E' così per tutte le multe, anche quelle per
        divieto di sosta eventualmente prese a orari
        diversi della giornata.

        TAD since 1995non più, adesso se il vigile passa 5 volte e ti affibbia 5 multe si pagano tutte
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] PARE UNA STRONZATA
          - Scritto da: Erlkonig

          E' così per tutte le multe, anche quelle
          per

          divieto di sosta eventualmente prese a
          orari

          diversi della giornata.



          TAD since 1995

          non più, adesso se il vigile passa 5 volte e
          ti affibbia 5 multe si pagano tuttein realta' mi sembra assurdo, ma visto che siamo in italia potrebbe anche essere vero, ma mi infomero'....l'assurdita'deriva dal fatto che non ha senso dare 10 multe per la stessa infrazione senza averla notificata....Come fa'il cittadino a rimediare se neanche sa'di essere in torto ??Prendi un divieto di sosta...magari non lo hai visto, ti e'sfuggito...che senso ha ritrovarti la sera con 50 multe da pagare....magari a distanza di 5 minuti ...se il divieto di sosta esiste mi dai la multa e al massimo mi porti via la macchina...ma non mi dai 50 multe per divieto di sosta...per non parlare del fatto che se una macchina rimane per strada per giorni nello stesso posto le probabilita'che sia un auto rubata aumentano....Pensa se un ispettore del comune passa sotto casa tua e vede che il tuo balcone per qualsiasi motivo non e'in regola.quello comincia a farti le multe senza ditelo e te ne fa' 10 al giorno (perche' ovviamente passa in orario di ufficio e non trova nessuno).supponi che dopo una settimana ti arrivi la prima notifica.Ti sembra che abbia un senso ?
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] PARE UNA STRONZATA
            - Scritto da: gpl


            - Scritto da: Erlkonig


            E' così per tutte le multe, anche
            quelle

            per


            divieto di sosta eventualmente prese a

            orari


            diversi della giornata.





            TAD since 1995



            non più, adesso se il vigile passa 5
            volte e

            ti affibbia 5 multe si pagano tutte

            in realta' mi sembra assurdo, ma visto che
            siamo in italia potrebbe anche essere vero,
            ma mi infomero'....

            l'assurdita'deriva dal fatto che non ha
            senso dare 10 multe per la stessa infrazione
            senza averla notificata....
            Come fa'il cittadino a rimediare se neanche
            sa'di essere in torto ??
            Prendi un divieto di sosta...magari non lo
            hai visto, ti e'sfuggito...
            che senso ha ritrovarti la sera con 50 multe
            da pagare....
            magari a distanza di 5 minuti ...
            se il divieto di sosta esiste mi dai la
            multa e al massimo mi porti via la
            macchina...ma non mi dai 50 multe per
            divieto di sosta...
            per non parlare del fatto che se una
            macchina rimane per strada per giorni nello
            stesso posto le probabilita'che sia un auto
            rubata aumentano....

            Pensa se un ispettore del comune passa sotto
            casa tua e vede che il tuo balcone per
            qualsiasi motivo non e'in regola.
            quello comincia a farti le multe senza
            ditelo e te ne fa' 10 al giorno (perche'
            ovviamente passa in orario di ufficio e non
            trova nessuno).
            supponi che dopo una settimana ti arrivi la
            prima notifica.
            Ti sembra che abbia un senso ?Scusa chiedo con modestia, perchè non ho capito bene la questione:Se la multa per lasciare un'ora di troppo l'auto in un parcheggio è di 5 E.Io la parcheggio li' per 3 settimane che vado al mare, e secondo te dovrei ricevere solo 5 E di multa, perchè non mi sono accorto della prima multa e allora non devo pagare le altre?uhm.. non fa una grinza, buono a sapersi ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] PARE UNA STRONZATA
            - Scritto da: GAHR


            Scusa chiedo con modestia, perchè non ho
            capito bene la questione:
            Se la multa per lasciare un'ora di troppo
            l'auto in un parcheggio è di 5 E.
            Io la parcheggio li' per 3 settimane che
            vado al mare, e secondo te dovrei ricevere
            solo 5 E di multa, perchè non mi sono
            accorto della prima multa e allora non devo
            pagare le altre?
            uhm.. non fa una grinza, buono a sapersi ;-)se ti lasciano l'auto dov'e'perche'dovrebbero darti la stessa multa per 3 settimane di seguito ? (e magari anche piu'volte al giorno)Quello che potrebbero fare e' portartela via e ovviamente poi ti fanno pagare la multa, il trasporto e il deposito per 3 settimane....ripeto e'una questione di buon senso, anche perche' se l'auto e' in divieto di sosta vuol dire che e' di intralcio alla circolazione o in una posizione percolosa e quindi non ha neanche senso lasciarla dov'e' e continuare a multarla....inoltre che possibilita'ci sono che una persona lasci la macchina in divieto di sosta andando in vacanza....piu'probabile che sia rubata e che magari sia stata anche fatta una denuncia...nel qual caso non hanno comunque senso le multe anche perche'potrebbe rimanere li'per anni se nessuno controlla.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] PARE UNA STRONZATA
            - Scritto da: gpl


            - Scritto da: GAHR






            Scusa chiedo con modestia, perchè non ho

            capito bene la questione:

            Se la multa per lasciare un'ora di troppo

            l'auto in un parcheggio è di 5 E.

            Io la parcheggio li' per 3 settimane che

            vado al mare, e secondo te dovrei ricevere

            solo 5 E di multa, perchè non mi sono

            accorto della prima multa e allora non
            devo

            pagare le altre?

            uhm.. non fa una grinza, buono a sapersi
            ;-)

            se ti lasciano l'auto
            dov'e'perche'dovrebbero darti la stessa
            multa per 3 settimane di seguito ? (e magari
            anche piu'volte al giorno)
            Quello che potrebbero fare e' portartela via
            e ovviamente poi ti fanno pagare la multa,
            il trasporto e il deposito per 3
            settimane....

            ripeto e'una questione di buon senso, anche
            perche' se l'auto e' in divieto di sosta
            vuol dire che e' di intralcio alla
            circolazione o in una posizione percolosa e
            quindi non ha neanche senso lasciarla dov'e'
            e continuare a multarla....
            inoltre che possibilita'ci sono che una
            persona lasci la macchina in divieto di
            sosta andando in vacanza....piu'probabile
            che sia rubata e che magari sia stata anche
            fatta una denuncia...nel qual caso non hanno
            comunque senso le multe anche
            perche'potrebbe rimanere li'per anni se
            nessuno controlla.ho capito.grazie!
    • Anonimo scrive:
      Re: MI PARE UNA STRONZATA
      - Scritto da: ConteZero(cut)
      Mi spiego:
      se domani mettono un autovelox in una strada(cut)
      valore, almeno per l'autovelox funziona
      così....http://WWW.gazzettino.it/VisualizzaArticolo.php3?Codice=1242679&Luogo=Belluno&Data=2002-11-07&Pagina=2&Hilights=autovelox(link da comporre in una sola riga)
    • Anonimo scrive:
      Re: MI PARE

      non è reato?no, credo di no... in fondo non credo sia reato per me trovare il tuo ip , per dire
      Mi spiego: se qualcuno mi controlla deve
      avere un autorizzazione, altrimenti è
      violazione della privacy, non credo che l'ip sia considerato dato personale
      • Anonimo scrive:
        Re: MI PARE
        ragazz, pure postando qui vi (ci) mappano l'IP. non vedete qui sotto al form di invio del post? eh!- Scritto da: Garovinius

        non è reato?

        no, credo di no... in fondo non credo sia
        reato per me trovare il tuo ip , per dire



        Mi spiego: se qualcuno mi controlla deve

        avere un autorizzazione, altrimenti è

        violazione della privacy,

        non credo che l'ip sia considerato dato
        personale
      • Anonimo scrive:
        Re: MI PARE

        non credo che l'ip sia considerato dato
        personaleNon sono un legale, ma mi pare che nemmeno nella interpretazione più rigida della norma possa essere considerato dato sensibile!! (Che sono gli unici dati che protegge il garante)Sia perchè normalmente cambia (quindi non è per nietne personale!), sia perchè pubblico, altrimenti a Internet non ti colleghi! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: MI PARE UNA STRONZATA

      Potrei dire una fesseria ma fare il
      giochetto di rintracciare gli IP e
      successivamente i fruitori del servizio P2P,
      calcolare quanto "rubano" e poi agire in
      concerto con le autorità non è reato?Si hai proprio detto una stronzata. Il tuo comportamento in pubblico non è un fato privato, così come non lo è nemmeno la tua immagine.Quello che fai in rete è un comportamento in pubblico, a meno che tu non abbia un arete privata (che so una VPN).Comunque l'autorizzazione dei giudici c'è stata per arrivare a risalire dagli IP alle persone. Solo questa ha a che fare con la sfera privata.
    • Anonimo scrive:
      Re: MI PARE UNA STRONZATA
      - Scritto da: ConteZero
      Potrei dire una fesseria ma fare il
      giochetto di rintracciare gli IP e
      successivamente i fruitori del servizio P2P,
      calcolare quanto "rubano" e poi agire in
      concerto con le autorità non è reato?No, l'IP è pubblico e per avere i dati degli utenti ad esso associati haoo chiesto ad un tibunale.Credo sia legalmente ineccepibile.
    • Anonimo scrive:
      Non serve nessun software per beccarli...
      Purtroppo credo siano in regola...Provo a spiegarlo con un esempio:Installi WinMX, fai un filmato della tua casae lo rinomini : "[DivX ITA] La casa.avi"Poi lo condividi. (E' solo la tua casa, seiin regola)Aspetti che qualcuno inizi a scaricarlo,quindi guardi cosa sta condividendo il tizio chesi e' appena connesso con te (basta un "Browse").Quando vedi una montagna di canzoni, film oaltro software, leggi il suo IP con il comando"netstat" e fai la spia alla polizia...Non serve nessun software spaziale, lo possonofare tutti in 5 minuti...E se lo fa la polizia credo bastino 5 secondi...Forse mi sbaglio, ma un po' di paranoia nonguasta mai... ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non serve nessun software per beccarli...

        "netstat" e fai la spia alla polizia...

        Non serve nessun software spaziale, lo
        possono
        fare tutti in 5 minuti...
        E se lo fa la polizia credo bastino 5
        secondi...Temo che l'IP della rete gnutella e derivati non centri nula con l'IP reale; ma vorrei sentirlo da qualcuno che ne sa di piu' al riguardo.
  • Anonimo scrive:
    @____@
    poi mi danno del paranoico... lo sapevo!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Il capro espiatorio
    Che sfortunati... Sono stati sfruttati da esempio per spaventare un po' la gente e scoraggiarla a usare il P2P...Mah...TAD since 1995
    • Anonimo scrive:
      Re: Il capro espiatorio
      - Scritto da: TAD since 1995
      Che sfortunati... Sono stati sfruttati da
      esempio per spaventare un po' la gente e
      scoraggiarla a usare il P2P...

      Mah...

      TAD since 1995Già, anche i pedofili che vengono messi in prigione sono sfortunati, perchè servono a far capire agli altri pedofili che non è bello quello che fanno!Dai non diciamo cazzate.Hanno commesso un errore e pagano. Cosa c'è di sbagliato, // la legge e // l'anarchia!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il capro espiatorio
        Share Or Die
      • Anonimo scrive:
        Re: Il capro espiatorio
        Si infatti soprattutto quando in un paese come il nostro la giustizia viene portata avanti in modo corretto vero, dai non dire scemenze tu.Non ti rendi conto che ti violano di un diritto sacro santo quale la condivisione vallo a dire al tuo(purtroppo anche mio) presidente del consiglio, svegliati ragazzo mio, e soprattutto non ti permettere mai più di accostare reati di pedofilia con il diritto di condividere ciò che non fa male a nessuno.su ti ripeto svegliati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il capro espiatorio

          Non ti rendi conto che ti
          violano di un diritto sacro santo quale la
          condivisione Non mi risulta che il possesso di musica senza averne i diritti sia un diritto...Perchè alla fine di questo si tratta...
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio
            Anche la pena di morte esiste in molti stati americani eppure la vita è un tuo diritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio
            - Scritto da: sempre lui
            Anche la pena di morte esiste in molti stati
            americani eppure la vita è un tuo diritto.E allora?Vivi in un paese devi accettare le sue regole; se non ti piace puoi andare a vivere nella foresta amazzonica...Se vuoi protestare fallo pure; resta il fatto che se ti macchi di un reato ne puoi pagare le conseguenze...
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio

            E allora?
            Vivi in un paese devi accettare le sue
            regole; se non ti piace puoi andare a vivere
            nella foresta amazzonica...Esagerato...In nessun posto ti piaceranno mai tutte le regole. E nessuno le rispetta mai tutte. Tutto deve essere valutato con un po' di buon senso. E tutti i sistemi cambiano nel tempo.
            Se vuoi protestare fallo pure; resta il
            fatto che se ti macchi di un reato ne puoi
            pagare le conseguenze...Vero.Se si protesta violando le regole automaticamente ci si espone.Se lo si fa perché ci si crede, si deve accettare anche un piccolo rischio, o comunque una contropartita. Altrimenti il gesto non vale nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio
            Concordo con quanto scritto, quello che voglio esprimere è un forte disagio per chi può permettersi di comprare decine di cd e chi invece deve arrangiarsi come può, in fondo la musica se fosse davverso una espressione artistica di libertà dovrebbe essere a disposizione di tutti.Comunque sono daccordo che la protesta espone chi la porta avanti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio

            espressione artistica di libertà dovrebbe
            essere a disposizione di tutti.Comunque sono
            daccordo che la protesta espone chi la porta
            avanti.Chiaramente sono dell'idea che 40.000 per un CD è una follia però purtroppo il sistema è cosi'
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio

            in
            fondo la musica se fosse davverso una
            espressione artistica di libertà dovrebbe
            essere a disposizione di tutti.E chi ha mai detto che sia "di libertà"? Questa è la priam volta che la sento in vita mia 'sta frase!!! ^_^La musica è espressione artistica, PUNTO!Il resto sono opinioni e considerazioni tue personali, che l'artista che fa il pezzo può o meno (e in genere vale la 2) condividere!E visto che il pezzo l'ha fatto lui, potrà ben decidere che farne, del suo lavoro! (Poi il costo esagerato del CD è un altro discorso)
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio

            E visto che il pezzo l'ha fatto lui, potrà
            ben decidere che farne, del suo lavoro!Addirittura non è vero nemmeno questo: pensa che se un artista vuole condividere i suoi pezzi non può farlo perché la SIAE lo impedisce comunque.E' stato il caso di alcuni brani live degli 883, per i quali Pezzali stesso aveva dato il consenso. Ma poi la SIAE ha fatto chiudere il sito.Ci sono poi altri casi che dimostrano che la situazione attuale tende a difendere certi "baroni" piuttosto che gli autori in generale.Questo lo dico perchè mi pare proprio che anche quelli dell'"altra parte" offrano ampi spunti per una critica seria.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio
            Anche secondo me la musica, la conoscenzascientifica e tutto il resto dovrebbe esseregratis...Siamo in una fase di cambiamento, la popolazioneterrestre cerca di andare verso questa stradama come al solito i potenti sono sempre piu'voraci...Mi fa pena sentire che i danesi del P2P abbianoserie rogne adesso...Perche' non viene distrutto il materialeillegale in loro possesso, o impedito lorodi scaricarne altro, invece di distribuiresanzioni e portarli in tribunale ???????Io spero solo che arrivi qualche civilta'aliena e che ci insegni a vivere in un modopiu' tranquillo e sicuramente piu' felice...Forse tra qualche millennio ce la faremoda soli...Pace, sesso e viaggi per tutti, porca p. !!- Scritto da: Sempre lui
            Concordo con quanto scritto, quello che
            voglio esprimere è un forte disagio per chi
            può permettersi di comprare decine di cd e
            chi invece deve arrangiarsi come può, in
            fondo la musica se fosse davverso una
            espressione artistica di libertà dovrebbe
            essere a disposizione di tutti.Comunque sono
            daccordo che la protesta espone chi la porta
            avanti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il capro espiatorio
          - Scritto da: Silvio....
          vallo a dire al tuo(purtroppo
          anche mio) presidente del consiglio,Sono Svizzero, mi dispiace... ma non cambia molto....
          con il diritto di condividere ciò
          che non fa male a nessuno.su ti ripeto
          svegliati.Son d'accordo che non fa male a nessuno. Ma c'è gente che lavora e che si guadagna da vivere con la soft che vende... Non tutti hanno tempo da investire nella programmazione free nel tempo libero.Rispettiamo il lavoro degli altri e paghiamolo anche. Non siamo ladri, no?Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Il capro espiatorio

          Non ti rendi conto che ti
          violano di un diritto sacro santo quale la
          condivisioneDiritto de cheeeeeee???Non mi risulta che un simile diritto sia mai stato concepito in nessuno stato al mondo (boh? forse da Pol Pot e similari, ma non me ne vanterei..), nè che sia fra i diritti fondamentali dell'uomo...Troppo p2p ti ha dato alla testa! :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Il capro espiatorio
        OOOOOOOOOoooohhhhhhhhhh ................ un altro prode difensore della legge !!!!!!!!!!!!!!Mi piacerebbe taaaaaaaaaaaaanto vedere casa tua e trovare le tue di magagne.Tanto di scheletri nell' armadio ne abbiamo tutti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il capro espiatorio
          - Scritto da: Ribelle
          OOOOOOOOOoooohhhhhhhhhh ................ un
          altro prode difensore della legge
          !!!!!!!!!!!!!!
          Mi piacerebbe taaaaaaaaaaaaanto vedere casa
          tua e trovare le tue di magagne.
          Tanto di scheletri nell' armadio ne abbiamo
          tutti.Se vai a 300 all'ora in autostrada non ti puoi lamentare se ti danno una multa...paghi e non rompi i co*****oni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il capro espiatorio
          - Scritto da: Ribelle
          OOOOOOOOOoooohhhhhhhhhh ................ un
          altro prode difensore della legge
          !!!!!!!!!!!!!!
          Mi piacerebbe taaaaaaaaaaaaanto vedere casa
          tua e trovare le tue di magagne.
          Tanto di scheletri nell' armadio ne abbiamo
          tutti.Nessuno è perfetto, io non ho mai comprato un soft in vita mia... pero' non ho mai neanche copiato un CD audio in vita mia.. è questione di idee & ideali...Ma la legge è un'altra cosa, è un tuo diritto copiare ma è un diritto del produttore vivere di quello che fa.Neanche la legge è perfetta, infatti tutti la infrangiamo.Ma se ci puniscono non bisogna andare a prendere motivazioni sentimentali.Chi infrange la legge paga, la nostra società è questa, non lamentiamoci, sennò appuno, vai a vivere in una foresta amazzonica, come diceva Max.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio

            Nessuno è perfetto, io non ho mai comprato
            un soft in vita mia... pero' non ho mai
            neanche copiato un CD audio in vita mia.. è
            questione di idee & ideali...e cassettine? mai copiate? non ci credo.
            Ma la legge è un'altra cosa, è un tuo
            diritto copiare ma è un diritto del
            produttore vivere di quello che fa.
            Neanche la legge è perfetta, infatti tutti
            la infrangiamo.
            Ma se ci puniscono non bisogna andare a
            prendere motivazioni sentimentali.bene allora puniamo anke i personaggi politici che casualmente sono fuori di galera per motivi di salute... non è mica una vacanza premio! e mi pare che LORO abbiano trubato di più
            Chi infrange la legge paga, la nostra
            società è questa, non lamentiamoci, sennò
            appuno, vai a vivere in una foresta
            amazzonica, come diceva Max.non ci sono più le foreste amazzonike... l'uomo sta trovando il modo per sfruttare e rovinare tutto... c'è gente che si crede un Dio
          • Anonimo scrive:
            Re: Il capro espiatorio
            - Scritto da: akiro

            Nessuno è perfetto, io non ho mai comprato

            un soft in vita mia... pero' non ho mai

            neanche copiato un CD audio in vita mia..
            è

            questione di idee & ideali...

            e cassettine? mai copiate? non ci credo.eh eh eh eh eh eh



            Ma la legge è un'altra cosa, è un tuo

            diritto copiare ma è un diritto del

            produttore vivere di quello che fa.

            Neanche la legge è perfetta, infatti tutti

            la infrangiamo.

            Ma se ci puniscono non bisogna andare a

            prendere motivazioni sentimentali.

            bene allora puniamo anke i personaggi
            politici che casualmente sono fuori di
            galera per motivi di salute... non è mica
            una vacanza premio! e mi pare che LORO
            abbiano trubato di piùquelli dovrebbero essere i primi .. altro che



            Chi infrange la legge paga, la nostra

            società è questa, non lamentiamoci, sennò

            appuno, vai a vivere in una foresta

            amazzonica, come diceva Max.

            non ci sono più le foreste amazzonike...
            l'uomo sta trovando il modo per sfruttare e
            rovinare tutto... c'è gente che si crede un
            Dioa si .. il telegenico .. quello lo conosco pure io .. ma non e' quello che qui .. piu' di qualcuno ha votato .. eh eh eh eh
      • Anonimo scrive:
        [OT Granata...] Re: Il capro espiatorio
        Ma soprattutto Forza TORO!!!Scusate... non ho resistito... torno all'inferno...

        E forza Toro, viva la Pastasciutta, il sacro
        Graal e La Gazzetta Dello Sport!

        Abbasso le Melanzane, il Tamarindo e La
        Gazzetta Del Balengo!
  • Anonimo scrive:
    SAPETE CHE CI FARANNO CON QUELLE FATTURE??
    Ci si PULIRANNO il culo.........poi le sbandiereranno sotto il naso a quei venduti leccaculi universitari che hanno collaborato con le spie.
    • Anonimo scrive:
      Re: SAPETE CHE CI FARANNO CON QUELLE FATTURE??
      Io spero che vadano tutti a fa' in culo... Ladri bastardi.....Casediscoladre.
    • Anonimo scrive:
      Re: SAPETE CHE CI FARANNO CON QUELLE FATTURE??

      Ci si PULIRANNO il culo.........
      poi le sbandiereranno sotto il naso a quei
      venduti leccaculi universitari che hanno
      collaborato con le spie.Ben detto! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: SAPETE CHE CI FARANNO CON QUELLE FATTURE??
      - Scritto da: assorrate
      Ci si PULIRANNO il culo.........
      poi le sbandiereranno sotto il naso a quei
      venduti leccaculi universitari che hanno
      collaborato con le spie.sei sempre il solito.
    • Anonimo scrive:
      Re: SAPETE CHE CI FARANNO CON QUELLE FATTURE??
      - Scritto da: assorrate
      Ci si PULIRANNO il culo.........
      poi le sbandiereranno sotto il naso a quei
      venduti leccaculi universitari che hanno
      collaborato con le spie.Giusto! Comunque secondo me gli interessati sono ben di piu'... potrei dire... MILLE!!!
    • Anonimo scrive:
      Alla redazione
      Vorrei un forum moderato parallelo a questo; credo di non essere l'unico.Mieru
      • Anonimo scrive:
        Re: Alla redazione
        - Scritto da: Mieru
        Vorrei un forum moderato parallelo a questo;
        credo di non essere l'unico.

        MieruCiao Mierustanno per arrivare grosse novita'. Porta pazienza ;)Ciao!Lamberto
      • Anonimo scrive:
        [OT] Re: Alla redazione
        - Scritto da: Mieru
        Vorrei un forum moderato parallelo a questo;
        credo di non essere l'unico.

        MieruIo invece no.La societa' e' piena di violenza, perche' vietare quella verbale che e' uno dei pochi sfoghi rimasti?Qualche esempio di violenza "legale": essere licenziati dopo aver lavorato 30 anni con devozione in un'azienda, avere il problema di arrivare a fine mese con 1000 Euro e vedere gente che tira calci a un palla e ne guadagna milionate, dover dimostrare che una multa e' sbagliata a proprie spese perdendo tempo e denaro, fare code chilometriche per qualsiasi servizio pubblico, dover accettare la prepotenza di un contratto con clausole vessatorie perche' qualsiasi causa civile dura un quinquennio e costa uno sproposito.A me piace il forum proprio perche' e' spontaneo come una discussione tra persone.Ah gia', dimenticavo una forma di violenza molto attinente ai forum: non poter mai dire qualcosa di negativo (anche se vero) relativo a un potere forte (leggi: una societa', un uomo politico, un'istituzione) pena la concreta ipotesi di denuncia per calunnia.SalutiGiorgio
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Re: Alla redazione
          beh, caro giorgio, tu sei riuscito a dire qualcosa di forte (e condivisibile, pure) senza usare volgarita' e sproloqui. potrebbero impegnarsi pure gli altri che sono piu' naif, no? io vedo bene un forum moderato. btw, buon lavoro, lamb.
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Re: Alla redazione
          .... spero, Giorgio, che tu non ti riferissi a te stesso: per molti di noi questo è un periodo difficile da attraversare.Condivido comunque l'idea di libertà, la cosa difficile è stabilire i confini.Quello che per te o per me potrebbe essere accettabile, per altri potrebbe essere offensivo.....buona fortuna a PI !!!!!!;)FBG
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Re: Alla redazione


          Vorrei un forum moderato parallelo a

          questo;
          Io invece no.

          La societa' e' piena di violenza, perche'
          vietare quella verbale che e' uno dei pochi
          sfoghi rimasti?Non ho chiesto di eliminare questo forum, ho chiesto un nuovo forum parallelo.Per dindirindina! erano solo 12 parole, potevi leggerle tutte prima di rispondere!Mieru
Chiudi i commenti