Raspberry Pi, OS ottimizzato e produzione incrementata

La piccola board di sviluppo ARM si guadagna un nuovo sistema operativo ottimizzato, mentre la produzione di unità aumenta e il limite all'acquisto svanisce

Roma – Raspberry Pi Foundation annuncia importanti novità per la sua scheda di sviluppo economica basata su architettura ARM: gli utenti possono ora scaricare un sistema operativo FOSS ottimizzato per l’uso con la board, mentre i partner britannici scelti per la realizzazione delle unità hanno incrementato i ritmi produttivi.

Il nuovo OS open source per Raspberry Pi si chiama Raspbian , vale a dire una versione specificatamente ottimizzata del sistema Linux-based Debian. Disponibile come file immagine da trasferire su scheda SD Card, Raspbian va a prendere il posto dell’attuale distro (anch’essa basata su Debian) raccomandata per l’uso con il dispositivo.

La caratteristica prominente di Raspbian rispetto agli altri sistemi FOSS compatibili con Raspberry Pi è il livello di performance raggiunto grazie a specifiche ottimizzazioni al codice, performance che ad esempio favoriscono la navigazione web sul “piccolo” chip ARM da 700 MHz integrato sulla board.

Altra notizia positiva sul fronte Raspberry Pi è l’ aumento dei ritmi di produzione del dispositivo da parte delle due società britanniche (RS Components e Premier Farnell) scelte per il compito: inizialmente disponibili in “modiche quantità” e con stringenti limiti di acquisto (una persona per una scheda), i numeri delle unità Raspberry Pi disponibili possono ora crescere di 4mila unità per ogni giorno di produzione a pieno ritmo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • my name is my name scrive:
    Quante chiacchiere ci raccontano
    Nel sitohttp://www.manuelzanella.it/c'è scritto quanto segue:Manuel Zanella, 35 anni è sposato ed ha un figlio di 2 anni. È l'ideatore e fondatore di Zeromobile, società partecipata oggi al 50% da H Equity (società di Ennio Doris) e dal cognato Daniele Bortolotti, la cui famiglia è proprietaria di PVB Group Spa, società leader nel settore dei prodotti petroliferi con ricavi per oltre 400 milioni di euro.Altro che family Banker, questo ha un cognato multi miliardario, pranza con Doris da qualche anno, hanno gia fatto una società insieme che nessuno ha mai sentito nominare ed adesso ci vogliono far credere che lui ha fatto i salti mortali per arrivarre a conoscere Doris. Ma per favore! Auguriamogli che i'm watch abbia più sucXXXXX delle sue altre iniziative.
  • my name is my name scrive:
    I soliti italiani ricconi!
    Zanella è dovuto entrare in Mediolanum e fare il family banker per parlare con sto dinosauro e pregarlo di farsi finanziare per poi dargli le chiavi dell'azienda e cedergli il posto di comando. Jobs lo avrebbe mandato a XXXXXX. In america i progetti si finanziano così, senza elemosinare da questi personaggi che credono di essere chissà chi.http://www.kickstarter.com/projects/597507018/pebble-e-paper-watch-for-iphone-and-android?ref=livee senza perdere 'Sovranità' sull'azienda che si è fondata. Purtroppo a mio avviso i'm watch non andrà da nessuna parte, è partito male, costa troppo, è un gadget non può costare quanto lo smartphone! In america lasciano sempre al timone chi ha fondato l'azienda e non lasciano mai meno del 51% delle azioni nel fondatore (lui sa cosa vuole, lui deve poter decidere), qui come mettono due euro vogliono subito comandare e prendere il timone facendo fallire le migliori iniziative. Con tutti i miliardi che ha sto tizio, imparasse a fare Venture-Capital che farebbe bene al suo portafoglio e a quello di giovani innovatori ed all'economia dell'Italia tutta.
  • rgbrgb21 scrive:
    mah!
    da Ennio cosa vuoi pretendere....
  • Cagno scrive:
    E che novità sarebbe?
    Ne esistono a milioni, e pure molto più piccoli!!!https://www.google.com/search?q=wath+phone&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a&um=1&ie=UTF-8&hl=en&tbm=isch&source=og&sa=N&tab=wi&ei=T3MJULyPOJD5mAXunfSDCg&biw=1048&bih=492&sei=U3MJUOiHHMaDmQWf3ZX2CQ#um=1&hl=en&client=firefox-a&rls=org.mozilla:it%3Aofficial&tbm=isch&sa=1&q=watch+phone&oq=watch+phone&gs_l=img.3...4680.4680.0.4928.1.1.0.0.0.0.0.0..0.0...0.0...1c.rnCfm_3yTCA&pbx=1&bav=on.2,or.r_gc.r_pw.r_qf.,cf.osb&fp=e25a70e7c030019f&biw=1048&bih=492
  • artur lister scrive:
    utile
    l'unica cosa utile è il vedere il nome del chiamante sul display.utile per noi motociclisti visto che la funzione "pronuncia nome chiamante", introdotta da nokia 5 anni fa, sarà di serie solo sul iphone 19 nel 2026
    • crumiro scrive:
      Re: utile
      Beh, un qualunque Android lo fa. Ma anche Apple ha delle applicazioni che lo fanno.
    • jacopo scrive:
      Re: utile
      si ma devi tenerlo sopra la tuta/giacca e sopra ai guanti! non so quanto possa durare, comunque si concordo per l'utilità in chiamata (anche se con l'interono nel casco rispondo direttamente e amen)
  • Eppol scrive:
    rimane un prodotto che nasce in Italia.
    Anche se il display è Philips, e l'elettronica cinese, rimane un prodotto italiano.Avoi non piace, io lo ritengo inutile, ma è vero che basta entrare alla MediaWorld o in tanti altri posti per capire quante cose inutili ci sono in circolazione.Se la cosa decolla perchè "fa figo" benvenga per loro e per l'azienda.Credo che adesso come adesso bisogni incoraggiare iniziative del genere più che criticarle.Immagino che voi abbiate in testa progetti ben più utili, cool, e realizzabili di loro giusto?
    • crumiro scrive:
      Re: rimane un prodotto che nasce in Italia.
      Sono d'accordo, però non dimenticare che lo Stile ed il Design sono ad appannaggio degli Italiani, almeno agli occhi del mondo.Quindi dipenderà molto dal marketing...
    • 1aaaa scrive:
      Re: rimane un prodotto che nasce in Italia.
      compralo pure, chi ti dice di no ?
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: rimane un prodotto che nasce in Italia.
      - Scritto da: Eppol
      Anche se il display è Philips, e l'elettronica
      cinese, rimane un prodotto
      italiano.e dunque?
      Avoi non piace, io lo ritengo inutile, ma è vero
      che basta entrare alla MediaWorld o in tanti
      altri posti per capire quante cose inutili ci
      sono in
      circolazione.che difatti non vengono comprati (tipo i caricabatterie ad induzione elettromagnetica!)
      Se la cosa decolla perchè "fa figo" benvenga per
      loro e per
      l'azienda.
      Credo che adesso come adesso bisogni incoraggiare
      iniziative del genere più che
      criticarle.NO!
      Immagino che voi abbiate in testa progetti ben
      più utili, cool, e realizzabili di loro
      giusto?Potrebbe anche essere, solo che noi non abbiamo Banca Mediolanum dietro le spalle...
  • Umme scrive:
    Coso Lì
    No, non ho capito, questo ha sgobbato all'interno di Mediolanum ottenendo ottimi risultati col sol fine di conoscere Coso Lì di persona?Che ambizione.
  • 1aaaa scrive:
    Mai più senza
    Proprio l'oggetto di cui tutti avevano bisogno. Per la cronaca ci sono in giro alcune cinesate che nelle stesse dimensioni hanno infilato anche il telefono: L'orologio E' lo smartphone.
    • jacopo scrive:
      Re: Mai più senza
      avevo comprato un wath phone 6 anni fa dalla cina a 88 euro...carino e faceva tutto! la batteria (2 in dotazione) durava circa 3 giorni e potevi parlare sia tipo Michael Knigt sia da auticolari blutooth (sempre fornite)direi che sono arrivati tardi, sopratutto perchè la batteria se lo usi davvero non dura una cippa!! alro che tutta la giornata!
  • artur lister scrive:
    comunicazione urgente per doris
    scusa ennio puoi spostarmi la banca che devo uscire con la macchina.(la banca intorno a te)
  • grigio scrive:
    doris sinonimo di qualità
    Se c'è doris di mezzo sto correndo a comprarlo!! Sto gia correndo!
  • Talking Head scrive:
    A imparato facendo il family banker...
    Non lo metto in dubbio, a fare il truffatore si impara truffando.
  • DONALFONSO scrive:
    Io se fossi una SARTUP
    Mi gratterei se fossi stato scelto dal gruppo mediolanum per essere finanziato più tosto affogherei nella culla la mia invenzione se fosse un invenzione necessaria al umanità riemergerebbe di nuovo da sola in tempi migliori.
  • Pino scrive:
    Mattoni da polso
    Ho visto il video al TG, e subito mi sono detto: "Cos'è quel mattone attaccato al polso? Uno smart-orologio?!? Ma pensano che la gente userà quell'affare enorme?"Sinceramente l'idea non è male, ma per le dimensioni proprio non ci siamo. Chissà, forse tra qualche anno... così finalmente potrò chiamare K.I.T.T.! ;)
  • bubba scrive:
    tutto torna
    venditori di fuffa (dovevano consegnarli a nov 2011) mediolanum
Chiudi i commenti