Ray Noorda è morto

L'uomo a cui l'industria del computing deve la co-opetition e che portò Novell a dominare nelle LAN ha perso la sua battaglia contro l'Alzheimer

Salt Lake City (USA) – Si è spento ad 82 anni Ray Noorda, figlio di immigrati olandesi negli Stati Uniti, a cui Novell deve lo strepitoso e ultradecennale successo delle sue tecnologie di rete e l’espansione dell’azienda, che anche grazie al suo impulso passò da 17 impiegati a 12mila.

Ma Noorda viene ricordato in queste ore anche per il generoso contributo all’intera industria di settore. A lui si attribuisce infatti il varo di una filosofia industriale che ha dato forma a questo settore, quella secondo cui le imprese rivali possono in certi campi cooperare, ad esempio definendo standard comuni, una filosofia nota come “co-opetition”.

L'ex CEO di Novell Noorda, CEO di Novell tra il 1983 e il 1995, è stato anche un “attivatore” di molte altre realtà industriali e al termine del suo lavoro in Novell si diede al capital venture, finanziando la nascita di un centinaio di start-up tecnologiche. Fu anche il teorizzatore di una iniziativa che avrebbe dovuto portare alla nascita di un sistema operativo capace di competere con Microsoft Windows, un progetto che non ebbe però fortuna.

Un approfondito ricordo di Noorda è stato pubblicato da InformationWeek mentre sulle pagine di Canopy Ventures , la sua ultima società di investimenti, è stata pubblicata una pagina commemorativa . Un post di commemorazione è anche stato pubblicato sul blog di Novell.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Uno o molti?
    Io programmo abitualmente sia in C#.NET che in PHP.Però devo dire un paio di cose:.NET è bellino, si programma velocemente e facilmente, ma è un solo framework che pretende di essere universale.Il PHP 5 è molto potente adesso e per PHP ci sono almeno una 50ina di framework per tutti i gusti.Ce ne sono orientati all'applicazione gestionale web based con menu e pulsantiera classica, e quelli orientati al web e ai servizi dietro a siti e portali.E ci sono i bindings per GTK e QT come per Python, Ruby e altri linguaggi.Come al solito chi è spaventato da tanta vastità di opzioni preferisce legarsi a M$, un solo sistema operativo un solo framework un solo credo.Chi è più abile e flessibile amerà sperimentare cose nuove e sistemi più specifici e versatili.Io da perte mia vedo che .NET lo uso sempre meno e mi piacciono tantissimo P4A, Cakephp, Prado, Zoop e Zend Framework.Che posso pure integrare dentro grandi CMS come Joomla! e Typo3.È incredibile quanti strumenti fantastici per fare tutto ci sono nel mondo opensource e poi realmente multipiattaforma che girano ovunque ci sia un modulo PHP.Con .NET o ci si lega mani e piedi a M$ o si arranca dietro a Mono e la "finta buona volontà" di M$ a non mettergli i bastoni tra le ruote.
    • Anonimo scrive:
      Re: Uno o molti?
      che tipologia di clienti hai?
      • Anonimo scrive:
        Re: Uno o molti?
        A fine mese consegno una procedura di gestione del sistema qualità ISO per la gestione beni e attività di una grande azienda che ha sedi in tutta Italia.È in php gira su Apache e può interfacciarsi a MySQL o a Oracle. Va una meraviglia ed è molto bella anche graficamente con il tema di icone e colorazioni Nuvola di Gnome/KDE.Dopo ho un progetto per le ASL.
    • Anonimo scrive:
      Re: Uno o molti?
      - Scritto da:

      Io programmo abitualmente sia in C#.NET che in
      PHP.

      Però devo dire un paio di cose:

      .NET è bellino, si programma velocemente e
      facilmente, ma è un solo framework che pretende
      di essere
      universale.

      Il PHP 5 è molto potente adesso e per PHP ci sono
      almeno una 50ina di framework per tutti i
      gusti.
      Ce ne sono orientati all'applicazione gestionale
      web based con menu e pulsantiera classica, e
      quelli orientati al web e ai servizi dietro a
      siti e
      portali.
      E ci sono i bindings per GTK e QT come per
      Python, Ruby e altri
      linguaggi.

      Come al solito chi è spaventato da tanta vastità
      di opzioni preferisce legarsi a M$, un solo
      sistema operativo un solo framework un solo
      credo.

      Chi è più abile e flessibile amerà sperimentare
      cose nuove e sistemi più specifici e
      versatili.

      Io da perte mia vedo che .NET lo uso sempre meno
      e mi piacciono tantissimo P4A, Cakephp, Prado,
      Zoop e Zend
      Framework.
      Che posso pure integrare dentro grandi CMS come
      Joomla! e
      Typo3.

      È incredibile quanti strumenti fantastici per
      fare tutto ci sono nel mondo opensource e poi
      realmente multipiattaforma che girano ovunque ci
      sia un modulo
      PHP.

      Con .NET o ci si lega mani e piedi a M$ o si
      arranca dietro a Mono e la "finta buona volontà"
      di M$ a non mettergli i bastoni tra le
      ruote.
      il php è molto limitato, non è veramente ad oggetti ed ha diversi problemi. Il vero vantaggio di php è l'economicità degli host e degli strumenti per tenere un server. .Net ha invece il vantaggio di poter girare anche su client, servizi, servizi web, palmare. Offre molta più portabilità del codice e velocità di sviluppo.Poi i gusti sono gusti ma spesso dipende dalle esigenze del cliente
      • Anonimo scrive:
        Re: Uno o molti?
        - Scritto da:

        il php è molto limitato, non è veramente ad
        oggetti ed ha diversi problemi.Chi dice questa cosa ha informazioni vecchie fino a PHP 3 o 4 e non ha visto a fondo la versione 5. È a oggetti e gli mancano solo 2 paradigmi il polimorfismo e l'ereditarietà multipla, però compensa con la discendenza multipla.
        .Net ha invece il vantaggio di poter girare anche
        su client, servizi, servizi web, palmare. Offre
        molta più portabilità del codice e velocità di
        sviluppo.
        Poi i gusti sono gusti ma spesso dipende dalle
        esigenze del cliente .NET ha il vantaggio di girare su client, servizi, servizi web e palmare solo di Micro$oft. Su client Windows, su server Windows, su plamare Windows mobile. Grazie a Mono ora gira su server Unix/Linux dove c'è il modulo .NET per Apache, ma non vedo tutta questa versatilità se alla fine ci si deve legare sempre a Micro$oft.
Chiudi i commenti