RealNetworks: vinceremo noi

Questo il pensiero del CEO dell'azienda che produce RealDVD, disposto anche a fare non meglio precisate modifiche pur di continuare a vendere il prodotto

Nonostante la bagarre legale scatenata dalle major dell’industria cinematografica contro l’ormai celebre software RealDVD , attualmente indisponibile a causa di un divieto di commercializzazione, dalle parti di RealNetworks , l’azienda che produce il software, non manca l’ottimismo.

Questo è quanto si evince dalle dichiarazioni rilasciate a margine del CES dal CEO della compagnia Rob Glaser, il quale si dice fiducioso sulla vittoria contro MPAA e soci. “Mi aspetto di vincere la causa intentata dalle major e credo che presto gli utenti potranno tornare ad utilizzare il software” è stato il suo commento . Ma non solo: stando a quanto dichiarato da Glaser, “prima di commercializzare il software eravamo ben consci di una possibile azione legale da parte delle associazioni hollywoodiane, situazione che abbiamo cercato di evitare in tutti i modi”.

Come ben sapranno i lettori di Punto Informatico la disputa sul software che effettua una copia perfetta dei soli dischi provvisti di protezione è stata innescata da MPAA, secondo la quale il programma costituisce una violazione del DMCA. Dal canto suo, Real Networks ribatte che il suo software non è stato studiato per alterare o violare le protezioni CSS dei dischi, ma solo per creare copie di backup dei supporti.

Una definizione che non ha soddisfatto il giudice incaricato del caso, che ha imposto il divieto di commercializzazione del prodotto. Nuovi sviluppi della vicenda sono attesi per l’inizio della primavera, periodo in cui Real Networks spera di ottenere un’udienza dal giudice. Sarà vittoria? Difficile dirlo, anche in base alle ultime, misteriose, dichiarazioni di Glaser, che si dichiara disposto anche ad apportare piccole modifiche al software, pur di poterlo vendere liberamente. Modifiche sulle quali, al momento, non è dato sapere altro. (V.G.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iIKVYpZwoJB CPeDQvBb scrive:
    Re: 10 milioni di beoti
    OgQ3st , [url=http://qjeystdmdadu.com/]qjeystdmdadu[/url], [link=http://hrnihqgrxdkt.com/]hrnihqgrxdkt[/link], http://enyzfaecsfdc.com/
  • gwQOgOCMBKr q scrive:
    Re: 10 milioni di beoti
    jIKx7T , [url=http://qrmkhtiqtjte.com/]qrmkhtiqtjte[/url], [link=http://wnranvfhffau.com/]wnranvfhffau[/link], http://qladdyxqadzu.com/
  • lWsDgIWqIYe VsLYET scrive:
    Re: 10 milioni di beoti
    Big help, big help. And surpelative news of course.
  • Carlos Lanza scrive:
    LUCE
    Ciao a tutti...Ho siviluppato nei nos. laboratori un tipo di lampadina che produce illuminazione 130/1 volte più economica della più economica lampadina economica sul mercato mondiale.Interessati contattare aCarlos LanzaInd. Designer Arch.presidentetecnored design & consulting inc.Cellulare in Italia 347 521 5274email : breclan6@yahoo.it SCRIVERE SU RIF: LUCE130
  • vac scrive:
    NOTIZIA FALSA!
    Il giovane e brillante fisico Alex Wissner-Gross, citato nell'articolo, non si è mai occupato dell'impronta ecologica di Google, ma del web nel suo complesso, stimando in un suo studio (2) che la visita di un sito web "costi" in media 20 milligrammi di CO2 al secondo.La storia dei 7 grammi di CO2 e della teiera sembra sia un'invenzione dei giornalisti del Times. Mi chiedo perchè dovremmo continuare a dare credito ai giornalisti quando scrivono articoli in cui non indicano le loro fonti. http://ecoalfabeta.blogosfere.it/
  • LucaG scrive:
    mah
    Secondo la stima 0,3 Wh = 0.2g CO2 -
    Il mio metabolismo basale utilizza circa 100 W, che vuol dire che in un'ora produco circa 66 g di CO2. Se in quel momento faccio una ricerca su Google diventano 66.2. Se invece accendo la tv o mi faccio una corsetta ... diventano il quadruplo. L'unico modo per non produrre CO2 è il suicidio. Non esageriamo.
  • luco88 scrive:
    Ma è il caso anche di parlarne?
    Lo "studio" è talmente fuffoso che non ha senso parlarne! 10 grammi di co2 a ricerca? Bene! Mettiamo caso che sia così. Sapete quanta co2 immette nell'aria una prius (auto ibrida)? 100 grammi al chilometro, cioè 10 googlate. Considerato che una macchina fa più di un chilometro al giorno......
  • Lepaca scrive:
    Re: 10 milioni di beoti
    http://www.darwinawards.com/ :)
    • Joliet Jake scrive:
      Re: 10 milioni di beoti
      Quando non eliminano te, che stai semplicemente camminando sul marciapiede.Oppure se eliminano il Nobel della Fisica che attraversava l'incrocio...
  • antonio montemurro scrive:
    c'è un però...
    si è tenuto conto di quanta CO2 avrei prodotto per informarmi dell'argomento cercato su google, se al suo posto avessi usato le vecchie alternative? Ovvero reperirire l'informazione nel mondo reale?Se per esempio avessi preso l'auto per andare alla più vicina biblioteca? o in una libreria? E non è detto che sarei riuscito a trovare in così poco tempo la notizia o l'informazione che davvero mi serve.Avrei potuto semplicemente usare la bici o..semplicemente camminare..ma anche queste attività non sono esenti da CO2.Avrei pedalato molto, consumato molto, quindi mangiato di più e per produrre quel cibo quanta CO2 si è consumata?Idem reperire le informazioni cartacee (sempre le suddette biblioteche/librerie o magari in università),magari in fotocopie, per portarmi poi a casa la notizia ed elaborarla successivamente.Insomma..mi sembra una ricerca giusto per cercare un po' di visibilità e poco più.
    • BlueMond scrive:
      Re: c'è un però...

      Avrei pedalato molto, consumato molto, quindi
      mangiato di più e per produrre quel cibo quanta
      CO2 si è
      consumata?Tu intanto pedala, che un passaggio si salta. Poi parleremo di come produrre cibo in maniera ecologica. Un problema alla volta.
      • antonio montemurro scrive:
        Re: c'è un però...
        beh.. già prendo tutti i giorni i mezzi pubblici per non inquinare con la mia macchina.. beccandomi tralaltro tutti i disservizi del caso..il mio appunto era che per fare quello che faccio con google, usando maniere alternative, sprecherei nella maggior parte molto di più.Senza contare le enormi variabili:uno potrebbe usare a casa un pc con alimentatore da 500W e accenderlo solo per cercare una cosa su google, e un altro usare un netbook che,mentre già sta facendo altro e macinando calcoli per i fatti suoi, apro in più una pagina su google.Insomma mi sembrano calcoli buttati giù così.. :|
  • lol scrive:
    notizia ridicola sta facendo ridere molt
    che notizia ridicola non si sa se ridere o piangerecito da attivissimo:L'errore concettuale di questo genere di notizie è fornirle senza termini di paragone, o con termini di paragone stupidi (che razza di unità di misura è "un bollitore elettrico per il té"?). Una rapida googlata (oddio, sono un inquinatore!) mi dice che una persona produce circa 900 grammi di CO2 al giorno semplicemente respirando. L'equivalente di 128 ricerche su Google, secondo le stime del fisico.Mi preoccupa un po' questo nuovo luddismo mirato contro l'informatica, che cerca di sembrare probo e rispettabile imbellettandosi con una patina di ecologismo di facciata. E' molto più facile prendersela con l'informatica, perché per molta gente è roba incomprensibile, che prendersela per esempio con l'automobile: persino una Prius produce oltre 100 grammi di CO2 al chilometro (dati dell'ente di omologazione britannico).Da dove vogliamo cominciare, se vogliamo veramente salvare il mondo? Dalle googlate o dall'uso spesso sconsiderato dell'automobile?
    • anonimo scrive:
      Re: notizia ridicola sta facendo ridere molt
      - Scritto da: lol
      Da dove vogliamo cominciare, se vogliamo
      veramente salvare il mondo? Dalle googlate o
      dall'uso spesso sconsiderato
      dell'automobile?Beh si potrebbe iniziare dai 900g di CO2 quotidiani emessi da chi si inventa queste idiozie e le riporta. In più sarebbe un bel sollievo per le nostre martoriate gonadi.
    • brunoranzini scrive:
      Re: notizia ridicola sta facendo ridere molt
      Attivissimo almeno si informa, qui è stata data la notizia con un copia/incolla. Ma a cosa serve allora PI?
  • seccalisca scrive:
    e le ricerche fatte su PI....
    .....quanto "cubano" ?:D
  • Lepaca scrive:
    Re: Vogliamo il nucleare !
    Posso integrare?http://www.fisicamente.net/SCI_SOC/index-1203.htm
  • wuti scrive:
    Re: Vogliamo il nucleare !
    Ci sono tante di quelle XXXXXXX, detro a quella tabella. Estetica di una centrale nucleare? bellissima. Pericolo attentati terroristici? nessuno. Possibilità di immagazinamento in giorni per il solare? nessuno?Gli ho dato un'occhiata 5 minuti e ho trovato 5 panzane giganti.Per favore, aggiorniamoci. In italia c'è un'azienda che produce olio d'oliva che immagazzina tutto il sole che vuole, era l'altro giorno in un servizio molto interessante su raidue.Però noto che a dispetto del nucleare, l'eolico e fotovoltaico non hanno alcun residuo da gestire /smaltire.. uhm...
    • shevathas scrive:
      Re: Vogliamo il nucleare !
      - Scritto da: wuti
      Ci sono tante di quelle XXXXXXX, detro a quella
      tabella. Estetica di una centrale nucleare?
      bellissima. Pericolo attentati terroristici?
      nessuno. Possibilità di immagazinamento in giorni
      per il solare?
      nessuno?ci sono ma poco efficenti oppure inquinanti, visto che l'energia la devi custodire in batterie.
      Gli ho dato un'occhiata 5 minuti e ho trovato 5
      panzane
      giganti.
      Per favore, aggiorniamoci. In italia c'è
      un'azienda che produce olio d'oliva che
      immagazzina tutto il sole che vuole, in che modo ?
      era l'altro
      giorno in un servizio molto interessante su
      raidue.
      Però noto che a dispetto del nucleare, l'eolico e
      fotovoltaico non hanno alcun residuo da gestire
      /smaltire..
      uhm...i pannelli fotovoltaici esauriti, i lubrificanti esauriti per le torri eoliche, i componenti degli accumulatori spariscono come per magia ?
      • wuti scrive:
        Re: Vogliamo il nucleare !
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: wuti

        Ci sono tante di quelle XXXXXXX, detro a quella

        tabella. Estetica di una centrale nucleare?

        bellissima. Pericolo attentati terroristici?

        nessuno. Possibilità di immagazinamento in
        giorni

        per il solare?

        nessuno?

        ci sono ma poco efficenti oppure inquinanti,
        visto che l'energia la devi custodire in
        batterie.Esattamente.


        Gli ho dato un'occhiata 5 minuti e ho trovato 5

        panzane

        giganti.

        Per favore, aggiorniamoci. In italia c'è

        un'azienda che produce olio d'oliva che

        immagazzina tutto il sole che vuole,

        in che modo ?Si vantavano (e a ragione, io credo) di utilizzare uno dei primi prototipi di batterie a bassissima dispersione. Nell'arco di un anno la dispersione media si attestava intorno al 2%Sto cercando su google come un disperato per risalire al nome dell'azienda. Fermo restando che uno sforzo di quel tipo non tutti se lo possono permettere al momento attuale, ci terrei a far vedere cosa son riusciti a fare. Si muovono con scooteroni elettrici che ricaricavano in questa loro centrale fotovoltaica a bassa dispersione. Raccoglievano le olive con aria compressa caricata da un generatore che funzionava con un olio vegetale etc etc... Ti assicuro che si può fare e che ci sono anche realtà italiane che lo fanno.


        era l'altro

        giorno in un servizio molto interessante su

        raidue.

        Però noto che a dispetto del nucleare, l'eolico
        e

        fotovoltaico non hanno alcun residuo da gestire

        /smaltire..

        uhm...

        i pannelli fotovoltaici esauriti, i lubrificanti
        esauriti per le torri eoliche, i componenti degli
        accumulatori spariscono come per magia
        ?Ci mancherebbe. Io non sostengo che siano a zero scarti. E' scritto nella tabella che non ho pubblicato io e che stavo appunto criticando.So per certo però che c'è una differenza fra un lubrificante esaurito e una scoria nucleare...
        • shevathas scrive:
          Re: Vogliamo il nucleare !


          ci sono ma poco efficenti oppure inquinanti,

          visto che l'energia la devi custodire in

          batterie.

          Esattamente.
          Si vantavano (e a ragione, io credo) di
          utilizzare uno dei primi prototipi di batterie a
          bassissima dispersione. Nell'arco di un anno la
          dispersione media si attestava intorno al
          2%ci sono anche altri parametri da considerare allora: in primis quale sia il ciclo di vita delle batterie, quanto costino e quanto costi lo smaltimento delle batterie esauste.secondariamente quale sia il voltaggio e l'amperaggio massimo che sono in grado di erogare.
          Sto cercando su google come un disperato per
          risalire al nome dell'azienda. Fermo restando che
          uno sforzo di quel tipo non tutti se lo possono
          permettere al momento attuale, ci terrei a far
          vedere cosa son riusciti a fare. Si muovono con
          scooteroni elettrici che ricaricavano in questa
          loro centrale fotovoltaica a bassa dispersione.
          Raccoglievano le olive con aria compressa
          caricata da un generatore che funzionava con un
          olio vegetale etc etc... Ti assicuro che si può
          fare e che ci sono anche realtà italiane che lo
          fanno.è una questione di scala. Nella loro scala potrebbe essere una soluzione efficiente ma non è detto che possa essere adattata così com'è ad altre realtà.Posso farti l'esempio dei pannelli solari: per una villetta possono essere utili per ridurre i consumi energetici, per un maxicondominio invece i costi sono molto maggiori rispetto ai benefici.

          i pannelli fotovoltaici esauriti, i lubrificanti

          esauriti per le torri eoliche, i componenti
          degli

          accumulatori spariscono come per magia

          ?

          Ci mancherebbe. Io non sostengo che siano a zero
          scarti. E' scritto nella tabella che non ho
          pubblicato io e che stavo appunto
          criticando.
          So per certo però che c'è una differenza fra un
          lubrificante esaurito e una scoria
          nucleare...infatti paradossalmente sono più pericolosi i lubrificanti esauriti rispetto alle scorie nucleari.Visto che queste ultime tendono ad essere, soprattutto quelle di centrale, molto pericolose i controlli sono decisamente minuziosi, ogni grammo di materiale radioattivo viene tracciato e controllato da quando entra quando esce.Viceversa è molto più probabile che qualche ditta poco seria decida di smaltire con leggerezza olii esausti inquinando terreni e falde acquifere...
          • Funz scrive:
            Re: Vogliamo il nucleare !
            - Scritto da: shevathas
            infatti paradossalmente sono più pericolosi i
            lubrificanti esauriti rispetto alle scorie
            nucleari.
            Visto che queste ultime tendono ad essere,
            soprattutto quelle di centrale, molto pericolose
            i controlli sono decisamente minuziosi, ogni
            grammo di materiale radioattivo viene tracciato e
            controllato da quando entra quando
            esce.
            Viceversa è molto più probabile che qualche ditta
            poco seria decida di smaltire con leggerezza olii
            esausti inquinando terreni e falde
            acquifere...Ma vogliamo paragonare i costi di costruzione, manutenzione e smantellamento di una centrale nucleare e un parco eolico di pari produttività?E i rischi? Sono d'accordo che le centrali moderne (non quelle che L'ENEL va a fare in Slovacchia) siano sicure, ma il danno potenziale è enormemente più grande dello sversamento di un po' di olio minerale.sono
          • shevathas scrive:
            Re: Vogliamo il nucleare !

            Ma vogliamo paragonare i costi di costruzione,
            manutenzione e smantellamento di una centrale
            nucleare e un parco eolico di pari
            produttività?possiamo farlo. Basta semplicemente non confrontare i valori di picco ma l'energia annua prodotta.Per i limiti intrinseci dell'eolico (dipende dalla forza del vento che non è costante) per avere la stessa resa media annua e la stessa stabilità di fornitura di potenza di una centrale nucleare dovresti piantare pale ad ogni piè sospintodai un'occhiata anche a http://en.wikipedia.org/wiki/Wind_power
            E i rischi? Sono d'accordo che le centrali
            moderne (non quelle che L'ENEL va a fare in
            Slovacchia) siano sicure, ma il danno potenziale
            è enormemente più grande dello sversamento di un
            po' di olio
            minerale.c'è una fallacia nel tuo ragionamento comunque, l'incidente con l'olio è molto più probabile di un incidente con il materiale nucleare.Il danno potenziale del nucleare è si molto maggiore, ma altrettanto minime sono le probabilità che avvenga, mentre l'olio in falda è molto, ma molto, più probabile.
          • lufo88 scrive:
            Re: Vogliamo il nucleare !
            scusa, tu confronti i materiali di costruzione/manutenzione di energie pulite con quelle di una centrale nucleare?Pensi che una centrale nucleare come rifiuto presenti solo il materiale radiottivo? Anche lì ci sono oli e qualsiasi altra cosa usata per la manutenzione! Anche una centrale va curata o pensi che lo faccia da sola?Questi parametri si possono ignorare perché sono presenti da entrambe le parti!Pensa invece, scartando come ho detto tutti gli inquinanti per la manutenzione e costruzione, che da una parte "scorie radiottive" dall'altra NULLA!
        • Momento di inerzia scrive:
          Re: Vogliamo il nucleare !
          - Scritto da: wuti
          So per certo però che c'è una differenza fra un
          lubrificante esaurito e una scoria
          nucleare...Quale?Forse che il lubrificane esaurito filtra e finisce in falda?O forse che persino nell'incendio nucleare giapponese di 10 anni fa le radiazioni si esaurivano entro 500 metri dal nocciolo?Inoltre forse non sai che l'eolico non lo vogliono proprio gli ecologisti perché dopo aver rotto le pelotas per anni per averlo hanno scoperto che inquina l'estetica e divora l'ecosistema degli uccelli.Ti concedo che il fotovoltaico sia una ragionevole promessa, ma è più di un anno che cerco di installarlo in casa senza sucXXXXX (le ditte sembrano fare orecchio da mercante appena sentono la parola "privato")
  • Davide scrive:
    ridicoli ... come al solito
    ma questi qua non avevano nient'altro su cui attaccarsi ?e allora 1,1 miliardi di fumatori nel mondo, quanta CO2 producono ?ma perfavore !
    • snoopy scrive:
      Re: ridicoli ... come al solito
      - Scritto da: Davide
      ma questi qua non avevano nient'altro su cui
      attaccarsi
      ?

      e allora 1,1 miliardi di fumatori nel mondo,
      quanta CO2 producono
      ?

      ma perfavore !i ricercatori fanno ricerche. Anche trasmettere dati (es. scaricare un file) ha un impatto, e chi si occupa di questi temi li studia e pubblica i risultati. Dietro le tecnologie ci sono consumi che generalmente non sono percepiti dalla gente. E' chiaro che la ricerca di google é provocatorio, serve a "illuminare" l'opinione pubblica, in modo che ci siano interesse per questo tema, e le ditte che vogliono risultare "simpatiche", oltre a diminuire i loro stessi costi, prenderanno provvedimenti.Questo proXXXXX ha portato ad avere auto che in europa consumano meno che negli stati uniti, e fanno la stessa cosa. Dai commenti si percepisce una strana mentalità che regna in particolar modo in italia. Non oso azzardare le cause per non ricevere risposte stupide e scontate.
      • Momento di inerzia scrive:
        Re: ridicoli ... come al solito
        - Scritto da: snoopy
        i ricercatori fanno ricerche.Il punto è che le ricerche scientifiche dovrebbero essere scevre da condizionamenti politici di ogni forma, presentando dei dati oggettivi.Visto che il fisico in questione è legato all'attivismo ecologista, il non aver incapsulato il dato ricavato (7 grammi di CO2 a ricerca) in un sistema di riferimento oggettivo, rende il suo lavoro evidentemente strumentale alla sua causa.E' come se ti dicessi che in un determinato punto si registra un'energia di un miliardo di elettronvolt senza dirti che in definitiva sto parlando della presenza di un protone: tu senti "UN MILIARDO" e pensi che stia passando l'Enterprise.Peggio ancora, il dato oggettivo di 7 grammi è stato incapsulato in un sistema di riferimento alterato, dato che è stato paragonato a un bollitore elettrico, quando paragonarlo ad attività comuni come respirare o affini, come fare una ricerca in biblioteca, avrebbe indirizzato il pensiero del lettore sulla realtà dei fatti, ovvero che l'informatizzazione aiuta a ridurre l'inquinamento.
        • snoopy scrive:
          Re: ridicoli ... come al solito
          - Scritto da: Momento di inerzia
          - Scritto da: snoopy

          i ricercatori fanno ricerche.

          Il punto è che le ricerche scientifiche
          dovrebbero essere scevre da condizionamenti
          politici di ogni forma, presentando dei dati
          oggettivi.
          Visto che il fisico in questione è legato
          all'attivismo ecologista, il non aver incapsulato
          il dato ricavato (7 grammi di CO2 a ricerca) in
          un sistema di riferimento oggettivo, rende il suo
          lavoro evidentemente strumentale alla sua
          causa.In che senso attivista? Sono dovuto anche andare a informarmi..!primo: é una persona con delle ottime credenziali, e a quanto pare riconosciuto.secondo: si occupa di un settore in grande espansione, con dietro motivi economici, sociali ed ecologicicitando i suoi interessi (preso dal CV):InterestsGreen computing; energy and computation; smart power networks; programmable interconnectsand surfaces.questo é il suo lavorose io produco bici mica divento un attivista
          Peggio ancora, il dato oggettivo di 7 grammi è
          stato incapsulato in un sistema di riferimento
          alterato, dato che è stato paragonato a un
          bollitore elettrico, quando paragonarlo ad
          attività comuni come respirare o affini, come
          fare una ricerca in biblioteca, avrebbe
          indirizzato il pensiero del lettore sulla realtànon ho trovato la sua pubblicazione, e cercando solo svelto ho visto che é la stampa che riproduce la notizia in questo modo (e comunque come articoletto divertente in chiusura)
          dei fatti, ovvero che l'informatizzazione aiuta a
          ridurre
          l'inquinamento.certo, ma anche se non aiutasse? L'informatizzazione c'é e serve, come i mezzi di trasporto, semplicemente c'é gente che lavora per far in modo che si tenga conto del consumo energetico. Io leggendo il forum ho visto il 90% dei commenti degni di boh, non trovo parole che non offendano la sensibilità di qualcuno. Anche leggendo la notizia dai mass media, non mi é sembrato che qualcuno mi sia venuto a dire di non usare google o di andare piuttosto in biblioteca. Io ho capito che, per esempio, google, potrebbe diminuire immediatamente il suo consumo a scapito di qualche millisecondo per ricerca. Senza cambiare infrastruttura ne usare chissa quale compressione nelle trasmissioni, o che so io cosa.Se poi uno mi dice che questo scienziato é stupido perché un aeroplano facendo tre volte il giro del mondo consuma più di google in un giorno.. ognuno si occupa del campo che conosce; + un altro insulto a caso
  • Pantagru scrive:
    Automobili: così poco?

    un'automobile, percorrendo un chilometro, immette nell'atmosfera il corrispettivo di un migliaio di ricerche di Google. SOLTANTO?? La proporzione mi sembra molto inferiore di quanto suggerisca il senso comune.Bisogna assolutamente che ricerchi informazioni più precise in proposito.... Ah, no, forse è meglio di no!
    • ndr scrive:
      Re: Automobili: così poco?
      - Scritto da: Pantagru

      un'automobile, percorrendo un chilometro,
      immette nell'atmosfera il corrispettivo di un
      migliaio di ricerche di Google.


      SOLTANTO?? La proporzione mi sembra molto
      inferiore di quanto suggerisca il senso
      comune.

      Bisogna assolutamente che ricerchi informazioni
      più precise in proposito.... Ah, no, forse è
      meglio di
      no!Ti risparmio la ricerca: l'affermazione è sbagliata perchè per l'automobile considera soltanto il combustibile e non il ciclo di produzione e smaltimento del bene. Per fare un paragone corretto dovresti esprimere l'emissione delle ricerche di google solo in base alle calorie usate per muovere la mano con il mouse.Ergo: marea di XXXXXXX solo per far parlare di se. E il brutto è che ci riesce. Vergogna per chi pubblica questi articoli. E per noi che li commentiamo.
  • Roberto Cavarzan scrive:
    L'alternativa c'è
    visita il sito www.darkgoogle.it
    • vac scrive:
      Re: L'alternativa c'è
      I monitor LCD quando riproducono un immagine scura consumano uguale.Inoltre se usi colori scuri ti sembra di vedere meno e si tende ad aumentare la luminosità del monitor crescendo i consumi
    • fabs scrive:
      Re: L'alternativa c'è
      c'è anche www.goog1e.it eh... ma gli LCD, per l'appunto... Però almeno ci si riposa un po' gli occhi
  • jonathan71 scrive:
    quanto CO2 ha generato questa notizia?
    Ragionando secondo questo sistema allora domandiamoci quanto CO2 ha generato questa inutile notizia a forza di click commenti e creazione di pagine web? Il problema è che probabilmente per il "professore" è valsa la pena fare spamming di ricerche assurde per un pò di pubblicità gratis....
    • ndr scrive:
      Re: quanto CO2 ha generato questa notizia?
      Quotone.E secondo il suo ragionamento anche il semplice fatto di usare una forchetta per mangiare produce CO2...perchè devi contare i combustibili fossili usati per plasmare l'acciaio inox...ma vaff...Ha scoperto l'acqua calda, si chiama "Impronta Ecologica" ed è applicata da più di vent'anni...ma in questo caso è semplicemente voglia di fare scalpore per farsi pubblicità aggratis.
  • claudio scrive:
    In realta si produce molto meno co2
    Se invece di usare internet per informarsi, acquistare, socializzare e giocare, andassimo a fare le stesse attività come si faceva una volta, produrremo molta più co2 per il trasporto. Ma certamente se Google riuscisse a dimnuire il consumo di energia dei suoi server sarebbe ancora meglio
  • Be&O scrive:
    Re: Vogliamo il nucleare !
    Il nucleare è peggio del petrolio alla fineed in un paese come l'italia è inapplicabileil problema reale è che in italia è TUTTOinapplicabile....Fotovoltaico.... Troppa SuperficieEolico.......... A sgarbi non va son brutti secondo luiCarbone......... Le nano particelle ci stanno fottendoPetrolio........ Siamo alla fruttaNucleare........ Metterlo nelle mani di Homer è più sicuroIdroelettrico... Siamo riusciti con il Vajont a farlo odiareGas............. Dalla russia con FuroreL'unica è il Pedalò con Dinamo, tanto tra poco saremoil 50% disoccupati ed il tempo di pedalare lo troveremo.
    • Angelo Russo scrive:
      Re: Vogliamo il nucleare !
      e perché sarebbe peggio del petrolio ?compriamo energia dalla francia...molta energia, e loro la producono col nucleare, le centrali spesso sono a ridosso delle alpi, quindi se dovesse accadere qualcosa i cavoli amari sarebbero tutti dell'italia, quindi visto che già abbiamo centrali nucleari a ridosso del nostro territorio nn sarebbe meglio averne di nostre in modo da non dover dipendere energeticamente da altri ? e poi le centrali nucleari non inquinano l'aria, le scorie se stoccate nei posti giusti non inquinano.
      • vac scrive:
        Re: Vogliamo il nucleare !
        Perché l'uranio sta finendo. Al ritmo attuale di utilizzo ne resta per altri 40 anni.Dopo 15 anni per costruire la centrale restano solo 25 anni per sfruttarla.Filtrare l'acqua del mare per ricavare uranio non è fattibile: occorre + energia di quanta se ne guadagni. Mi dispiace ma siamo arrivati tardi. Andava fatto prima, anzi non dovevamo spegnere le 4 centrali che avevamo costruito.
        • Undertaker scrive:
          Re: Vogliamo il nucleare !
          - Scritto da: vac
          Perché l'uranio sta finendo.
          Al ritmo attuale di utilizzo ne resta per altri
          40
          anni.questa "notizia" te la sei inventata lí per lí o ha una fonte ? immagino indymedia
          Dopo 15 anni per costruire la centrale restano
          solo 25 anni per
          sfruttarla.25 anni non mi sembrano poco, la stima di 40 anni é ridicola e non si tiene conto del PLUTONIO.I reattori autofertilizzanti potrebbero moltiplicare x 100 le riserve energetiche, consumando U238 (uranio esaurito)
          Filtrare l'acqua del mare per ricavare uranio non
          è fattibile: occorre + energia di quanta se ne
          guadagni.come ottenere energia con il fotovoltaico, insomma
          Mi dispiace ma siamo arrivati tardi. Andava fatto
          prima, anzi non dovevamo spegnere le 4 centrali
          che avevamo
          costruito.se siamo in ritardo mi sembra una ragione in piú per darci una mossa.
          • Funz scrive:
            Re: Vogliamo il nucleare !
            - Scritto da: Undertaker
            - Scritto da: vac

            Perché l'uranio sta finendo.

            Al ritmo attuale di utilizzo ne resta per altri

            40
            anni.

            questa "notizia" te la sei inventata lí per lí o
            ha una fonte ? immagino
            indymediaMeglio che ti informi da qualcuno che non sia TG4 o il Giornale.Lo sai che attualmente il 40% dell'urano consumato nelle centrali proviene dalle testate nucleari dismesse? Vuol dire che, quando finiscono, la produzione delle miniere deve salire a una volta e mezza quella attuale. Solo per far funzionare le centrali attuali, non si sa Berlusconi cosa voglia usare per le sue. Per di più l'uranio ha superato il suo picco e la produzione è un declino da tempo, e il prezzo è aumentato di parecchie volte rispetto a pochi anni fa.
            I reattori autofertilizzanti potrebbero
            moltiplicare x 100 le riserve energetiche,
            consumando U238 (uranio
            esaurito)Esisteva Superphenix, centrale prototipo, chiusa dopo anni di sperimentazione. Oggi non ce n'è nemmeno una, ci srà un perchè.Ti faccio notare una cosa: chi ha una centrale autofertilizzante, ha la bomba. Ti fideresti a dare una tecnologia del genere a cani e porci?
          • Undertaker scrive:
            Re: Vogliamo il nucleare !
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Undertaker

            - Scritto da: vac


            Perché l'uranio sta finendo.


            Al ritmo attuale di utilizzo ne resta per
            altri


            40
            anni.

            questa "notizia" te la sei inventata lí per lí o

            ha una fonte ? immagino

            indymedia
            Meglio che ti informi da qualcuno che non sia TG4
            o il
            Giornale.
            Lo sai che attualmente il 40% dell'urano
            consumato nelle centrali proviene dalle testate
            nucleari dismesse?questa "notizia" te la sei inventata lí per lí oha una fonte ?
            Vuol dire che, quando finiscono, la produzione
            delle miniere deve salire a una volta e mezza
            quella attuale. Solo per far funzionare le
            centrali attuali, non si sa Berlusconi cosa
            voglia usare per le sue.polemica antiberlusconi, e te pareva.Fortunatamente ha il 75% dei consensi, ed i vostri rants potete tenerveli al caldo
            Per di più l'uranio ha superato il suo picco e la
            produzione è un declino da tempo, e il prezzo è
            aumentato di parecchie volte rispetto a pochi
            anni
            fa.questa "notizia" te la sei inventata lí per lí oha una fonte ? E' una balla. Gli Usa,dal 1994 a l 2004 hanno ripotenziato le centrali atomiche per equivalenti 20 mila MWe,la metà della richiesta della potenza di picco italiana.Dal 1986 al 2002 la potenza nucleare mondiale è passata dai 250 mila MWe ai 360 mila MWe,con un aumento di più del 40%.Oggi 6 aziende elettriche americane stanno chiedendo all Nrc piani di nuove costruzioni

            I reattori autofertilizzanti potrebbero

            moltiplicare x 100 le riserve energetiche,

            consumando U238 (uranio

            esaurito)
            Esisteva Superphenix, centrale prototipo, chiusa
            dopo anni di sperimentazione. Oggi non ce n'è
            nemmeno una, ci srà un
            perchè.proprio perché non vale la pena di farla funzionare, quindi l'uranio 235 non si sta affatto esaurendo.
            Ti faccio notare una cosa: chi ha una centrale
            autofertilizzante, ha la bomba. Ti fideresti a
            dare una tecnologia del genere a cani e
            porci?Secondo voi perche' nazioni come Canada, Finlandia, Svezia, Svizzera, Germania, Giappone, che NON HANNO ARMI ATOMICHE manterrebbero operative centrali nucleari se non fossero convenienti ?Queste nazioni non hanno un programma di armamenti atomici quindi il teorema dei malati mentali sinistrati centrali nucleari= bombe nucleari non regge.
          • lufo88 scrive:
            Re: Vogliamo il nucleare !

            come ottenere energia con il fotovoltaico, insomma? Il fotovoltaico conviene invece. Perché spreco una sola votla una certa quantità di energia (per montarlo) e poi la ricavo dal sole che la emette comunque.
      • caprone scrive:
        Re: Vogliamo il nucleare !
        perché ci avete l'ecomafia!
      • BlueMond scrive:
        Re: Vogliamo il nucleare !

        altri ? e poi le centrali nucleari non inquinano
        l'aria, le scorie se stoccate nei posti giusti
        non
        inquinano.Ma se in Italia non sappiamo stoccare manco pannolini e lattine di pelati!
    • n.n. scrive:
      Re: Vogliamo il nucleare !
      C'è chi è molto entusiasta del torio:http://www.partitocristianieuropei.it/public/up/AMB/Centrali%20Nucleari%20al%20TORIO.doc
  • TheB scrive:
    Ma questi ecologisti...
    ... Perche' non se ne vanno a vivere su un'eco-isola dove possono mettere in eco-pratica le loro eco-teorie ed eco-sfruttamento delle eco-risorse invece di rompere al 99% della popolazione mondiale?
  • vac scrive:
    Alternativa
    Supponiamo di sostituire Google con un enciclopedia cartacea tradizionale in ogni casa.... Cosa inquina meno? Quanta CO2 emetto io mentre cerco un informazione in mezzo agli immensi volumi cartacei?
    • Momento di inerzia scrive:
      Re: Alternativa
      A quanto pare un libro produce 2 chili e mezzo di CO2Notizia strumentalizzata da manualehttp://www.techcrunch.com/2009/01/11/are-we-killing-the-planet-one-google-search-at-a-time/
    • Angelo Russo scrive:
      Re: Alternativa
      Beh credo che la produzione dell'enciclopedia impieghi energia, oltre agli alberi tagliati per la carta......poi l'enciclopedia va aggiornata...altra carta...altra energia.....
  • reXistenZ scrive:
    TrackMeNot
    http://mrl.nyu.edu/~dhowe/TrackMeNot/TMN-Howe-Niss08-ch23.pdfSi legga la sezione vi. is trackmenot morally defensible?a pagina 15 e seguenti.
  • shevathas scrive:
    Pubblicità a gratis ?
    Mi sembra tanto un tentativo di farsi pubblicità a gratis pompando all'inverosimile una notizia abbastanza inutile.
Chiudi i commenti