Red Hat 7.3, tagliata per lo small business

Red Hat ha rilasciato una nuova versione della sua nota distribuzione che, oltre ad essere dedicata agli appassionati, strizza l'occhio alle piccole imprese e al mercato education


Milano – Ieri Red Hat ha annunciato la nuova versione 7.3 della propria distribuzione Linux dedicata al mercato degli appassionati e, in particolare, a quello scolastico e delle piccole imprese. Red Hat sostiene di aver incluso in questa release nuovi strumenti di produttività, configurazione personalizzata del personal firewall in fase di installazione e software per la videoconferenza.

La nuova versione comprende anche KDE 3.0, il kernel 2.4.18, il client e-mail/contact manager Evolution, il software di project management MrProject, il browser Web Mozilla, il server Web Apache 1.3 e il sistema di gestione del database relazionale PostgreSQL.

Red Hat Linux 7.3 include poi vari servizi di supporto, fra cui la possibilità di accedere, via Web e via telefono, all’assistenza tecnica e al Red Hat Network, una soluzione Internet automatizzata per la gestione del sistema operativo.

“Le piccole imprese e gli utenti più appassionati sono alla ricerca di una infrastruttura tecnologica che offra allo stesso tempo elevate prestazioni, semplicità d’uso e valore, caratteristiche difficili da trovare nei sistemi operativi proprietari oggi disponibili” ha affermato James Prasad, vicepresidente e direttore generale EMEA presso Red Hat. “Red Hat Linux 7.3 offre tutto ciò grazie a una combinazione di software Open Source, supporto e servizi remoti automatizzati per un uso sicuro del computer con Internet”.

Red Hat Linux 7.3 sarà disponibile a partire dal 15 maggio, ma l’azienda fa sapere che è possibile fare preordini all’indirizzo www.europe.redhat.com/shop/it .

Red Hat Linux 7.3 Personal, dedicata agli utenti privati, costa 97 euro IVA esclusa e comprende 30 giorni di servizio base di Red Hat Network e il supporto via Internet.
Red Hat Linux 7.3 Professional, dedicata invece alle piccole imprese, costa 265 euro IVA esclusa e prevede un CD dell’amministratore di sistema, 90 giorni di servizio base di Red Hat Network e 60 giorni di assistenza via Internet e telefonica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Io dico ciaociao a Intel
    E chissenefrega degli aumenti delle velocità dei BUS e altre amenità del genere: Intel è dal Pentium Pro che non propone più una architettura nuova, aumentano i Mhz e fanno tanto marketing. AMD è decisamente migliore, architettura scalabile prezzi migliori e migliori prestazioni generali.Ciao ciao INTEL!!
  • Anonimo scrive:
    bella skoperta i test...
    "Il noto TomsHardware.com, che ha messo a confronto il nuovo P4 con l'Athlon XP 2100+ a 1,73 GHz, sostiene che il chip di Intel batte quello di AMD in tutti e 25 i test condotti. Nella comparazione si deve però tenere anche conto che il nuovo P4 costruisce il suo vantaggio anche e soprattutto grazie all'incremento del 33% nella velocità del front side bus"io propongo di testare l'amd kon la cga e senza bus... tanto ke gli serve... kissà ke anke lì il P4 nn stravinka la sfida! 8
    Ma i test dei processori nn andavan fatti kon makkine un pokettino simili? bah
    • Anonimo scrive:
      Re: bella skoperta i test...
      Io proporrei un'altra cosa:perchè non fare i confronti a parità di spesa?Confrontare i sistemi acquistabili con l'importo prefissato. E' (quasi) scontato che più spendo più (forse) aumentano le prestazioni.
  • Anonimo scrive:
    Marketing
    "e involarsi verso i promessi 3 GHz di clock (attesi per la fine dell'anno)"Bene bene bene...Per la fine di Giugno è atteso l'Athlon-Barton com Model Number tra 2600 e 3200 (e già qui...)Per la fine dell'anno esce il ClawHammer che partirà da 3400 per arrivare a 4400.Solo due mesi dopo è atteso il rinomato SledgeHammer che partirà da 4000 MLCara Intel quanto è bello il Marketing...
    • Anonimo scrive:
      Re: Marketing
      mi sembra che PI abbia messo 1 accento un po' pesante... non è che sè messa a parteggiare? :(((
    • Anonimo scrive:
      Re: Marketing
      Claw hammer sledghammer e via dicendo potranno fare ben poco xchè il P4 ha una architettura stabile e che deve esprimere ancora tutta la sua potenza. Amd ormai non regge + il passo. Intel è un anno che usa il processo a 0.13, da poco produce su wafer di 300. Per Gennaio 03 nuovo processo produttivo a 0.09 nuova architettura x il P4
      • Anonimo scrive:
        Re: Marketing
        Guarda che il dramma di Intel è proprio l'essere passata ai 0,13 così presto.Prima di passare ad un processo più impegnativo devi essere sicuro di aver sfruttato il precedente fino in fondo... AMD ci riesce, Intel è costretta a cambiare...SalutiTyler Durden
  • Anonimo scrive:
    bei confronti, complimenti intel
    "il tempo richiesto per completare l'editing di video digitali si riduce ad appena un'ora, dalle quattro necessarie con un PC basato su processore Intel Pentium III a 500 MHz"Grazie al c.... la cpu è 5.6 volte più veloce, la ram diciamo 4 volte, il bus 8 volte.... vorrei vedere se ci mette lo stesso tempo, un'ora è il 25% in meno eh, bella merda con un pc di n generazioni più avanti!Ma che confronti che fa sta gente pur di vendere... quando confrontiamolo con gli amstrad!
  • Anonimo scrive:
    incremento anche dei prezzi, vero? :)
    per un incremento del 15% quanto saliranno i prezzi? 250%? Speriamo non di più.......
  • Anonimo scrive:
    Intel....non sai piu che pesci pigliare
    Mah....continuano ad accellerare i Mhz e bus...ma le prestazioni non aumentano in maniera proporzionale........c'é qualcosa che non quadra........molti cavalli sul motore e prestazioni simili a motori meno potenti....che ci sia qualcosa da rivedere nel telaio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Intel....non sai piu che pesci pigliare
      Dipende da come lo utilizzi. Se devi fare dei calcoli intensivi con l'unita' floating point il guadagno lo senti eccome e in maniera proporzionale.. un esempio puo' essere una applicazione che fa del raytracing, i filtri di photoshop e cosi tutte le applicazioni che lavorano sulla cpu piu' che sul resto del calcolatore. Se devi lavorare con dati che si trovano sul disco o in memoria oppure passare qualche milione di poligoni alla scheda video la CPU si trova ad aspettare che i device siano pronti.Ciao- Scritto da: INTEL:-(
      Mah....continuano ad accellerare i Mhz e
      bus...ma le prestazioni non aumentano in
      maniera proporzionale........c'é qualcosa
      che non quadra........molti cavalli sul
      motore e prestazioni simili a motori meno
      potenti....che ci sia qualcosa da rivedere
      nel telaio?
Chiudi i commenti